Immagine
 Back Catalogue ... Storm Thorgeson... di Admin
 
"
Non ci sono dubbi che la deprivazione prolungata di cure subita da un bambino può avere effetti gravi e prolungati sul suo carattere e in tal modo su tutta la vita futura. I bambini deprivati delle cure sopratutto materne, specialmente se cresciuti in istituzioni da un’età inferiore ai sette anni, possono essere colpiti nel loro sviluppo fisico, intellettuale, emozionale e sociale; inoltre un bambino emotivamente deprivato genera un circolo vizioso che si autoperpetua generando un genitore trascurante di domani.

John Bowlby, psicoanalista inglese
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 18/12/2005 @ 10:21:48, in Magistratura, linkato 3496 volte)

EUGIUS relazione:

Convegno - Alcol e stupefacenti nel nuovo Codice della Strada

Il Centro Studi del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Roma, diretto dal Cons. Avv. Fioravante Carletti, http://www.ordineavvocati.roma.it/NotizieOrdine/Notizie.asp, il 16 dicembre 2005 ha organizzato presso la sua sede di Via Valedier, 42 un Convegno di studio su "Alcol e stupefacenti nel nuovo Codice della Strada", moderatore  lo stesso. Avv.Fioravante Carletti.

Ha introdotto i lavori l'Avv. Vincenzo Sinopoli (noto avvocato penalista del Foro di Roma e candidato alle prossime elezioni per il rinovo del Consiglio), il quale, da perfetto esperto della materia, ha svolto una relazione panoramica su tutta la normativa che regola l'uso di alcol e stupefacenti, concludendo con l'esame della più affermata e recente giurisprudenza. 

Sulla seconda parte del convegno,  I CONTROLLI SU STRADA,  relativamente all'aspetto prettamente scientifico e medico del problema,  sono intervenuti  la Prof. Dott. Annunziata Lopez  e il Prof. Dott. Francesco Saverio Romolo (entrambi docenti di Tossicologia Forense presso il  Dipartimento di Medicina Legale dell'Università di Roma "La Sapienza"), i quali,  alternandosi in un pregevole duetto di elevatissimo livello scientifico, hanno rappresentato i vari gradi di tolleranza e di uso-abuso delle sostanze alcooliche e psicostimolanti, nonché le notevoli difficoltà di un preciso accertamento scientifico dello stato di assunzione delle suddette sostanze,  mettendo conseguentemente  in chiara evidenza la labilità e l'insicurezza delle varie metodologie di accertamento comunemente ed abitualmente in uso.

Sul CONSENSO INFORMATO e la problematica delicata della sottoposizione coattiva del guidatore al test alcolimetrico è intervenuto il Prof. Gian Paolo Cioccia (docente presso la Scuola di Specializzazione di Medicina Legale - Università di Roma "La Sapienza"), il quale ha fornito un contributo notevole, anche attraverso una piacevole illustrazione grafica con diapositive, alla comprensione delle specifiche  questioni tecnico-giuridiche che investono la materia. 

Per le problematiche tecniche relative al RINNOVO DELLA PATENTE, quarta parte del convegno,  riguardante le persone alcolizzate e tossicodipendenti,  ha parlato la Dott. Biancamaria Lanzetta  (Medico Capo della Polizia di Stato), che ha svolto una interessante e completa esposizione, arricchita dalla proiezione di diapositive, delle complesse difficoltà in cui si trovano gli Organi amministrativi di controllo per cercare di trovare  ed adottare a livello nazionale una  regolamentazione uniforme di strumenti tecnici e giuridici.

Ha chiuso i lavori  il Dott. Gennaro Francione (Giudice Monocratico presso il Tribunale Penale di Roma) il quale, presentando in anteprima il saggio appena uscito "Le nuove frontiere della Droga. La via medicinale" (Progresso giuridico, Roma dicembre 2005), ha sottolineato l'inutilità della repressione penalistica nell'uso di droghe, proponendo la nuova via medicinale che sostituisce al carcere la cura (preventiva e successiva), le sole sanzioni amministrative(ad es. nel caso della legge esaminata il sequestro del veicolo) e  misure di sicurezza sul territorio. In particolare ha illustrato una imminente questione di costituzionalità da lui prospettata dell'intera normativa di repressione della droga là dove non consideri il tossicodipendente autore di crimini (spaccio e altro) come un autentico malato non da punire in carcere ma solo  da curare. Ciò trovando fondamento nella stessa Corte Cost. che, con sentenza n. 114/1998,  ha affermato il collegamento col concetto d'infermità scriminante dell'intossicazione da alcool e da stupefacenti sia pur specificando che è: "colpevole quella acuta, sia pure dandosi spazio a tutti i trattamenti di recupero e agli altri provvedimenti ritenuti adeguati sul piano dell'applicazione e dell'esecuzione delle pene; incolpevole, o meno colpevole, quella cronica, sia pure attraverso il passaggio, nell'ipotesi della pena soltanto diminuita, per la discussa e discutibile figura della semi-imputabilità".

Alcuni dei partecipanti al convegno  saranno presenti sui medesimi argomenti alla trasmissione "Roma città aperta"  in onda su Roma Uno tv (canale 31 in chiaro, canale 860 piattaforma Sky) giovedì 22 dicembre dalle ore 16 alle ore 18,30

UNIONE EUROPEA GIUDICI SCRITTORI(EUGIUS):
LA NUOVA UNIONE DEI GIUDICI UMANISTI D'EUROPA
:
http://www.antiarte.it/eugius

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 18/12/2005 @ 11:18:15, in Magistratura, linkato 2484 volte)

L'Anm non parteciperà alle cerimonie nei distretti di Corte d'appello il 28 gennaio
I giudici denunciano "un lucido disegno per marginalizzare il ruolo delle toghe"

I magistrati contro la riforma "Diserteremo l'anno giudiziario"

ROMA - All'inaugurazione dell'anno giudiziario, i magistrati non ci saranno: protestano contro la riforma della Giustizia. Saranno presenti solo all'inaugurazione presso la Corte di Cassazione e solo perché è stato invitato il presidente Ciampi al quale riservano "un doveroso rispetto". "La riforma - spiegano i giudici - non è più una legge del Polo ma una legge dello Stato alla quale non possiamo disobbedire, ma dobbiamo fare tutto ciò che è possibile per modificarla".

Annunciando la manifestazione del 28 gennaio, il presidente dell'Anm Ciro Riviezzo ha detto che gli schemi dei decreti attuativi della "controriforma dell'ordinamento giudiziario" non hanno affrontato né risolto i nodi segnalati dalla magistratura: "Non vogliamo discutere la politica giudiziaria di questo o quel governo - ha detto Riviezzo - ma notiamo un lucido disegno di marginalizzazione del ruolo della magistratura".

Secondo il segretario d

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 18/12/2005 @ 11:20:22, in Varie, linkato 2704 volte)

 

 

Clicca per leggere e ingrandire tutta la "poesia" 1 e 2 di seguito il testo che gira in rete ...

La voce del Padrone

La voce del Padrone
la ascolti a tempo perso
se parla a colazione
va tutto di traverso

"... burocrazia togata
che fa giustizialismo
è molto più violenta
e odiosa del fascismo"

e questo è il suo buongiorno
lo sputa dalla radio
la clac che gli sta intorno
gli fa un tifo da stadio

"Questa è una lotta dura
sono un perseguitato
questa Magistratura
è un cancro che va estirpato"

entrando poi nel bar
a prendere un caffè
lo vedi in televisione
che dice, rivolto a te

"Come avevo promesso
le strade son più sicure
non più rapine in villa
basta con le paure!"

salgo a casa di amici
lo vedo in televisione
lui parla di tasse ed ICI
e fa questa affermazione

"Quello che ho detto ieri
oggi non ha alcun peso
signori, siamo seri ...
sono stato frainteso!"

la voce è ancora presente
in qualche radio accesa
è stridula e insistente
convinta di fare presa

"La sinistra italiana
è amica dei terroristi
Prodinotti, D'Alema e Mussi
son catto - comunisti"

Su sette televisioni
appare al telegiornale,
in 6 schermi a 16/9
e in un modello tradizionale

"Avevo 12 anni e qualche mese
si era in campagna elettorale
i comunisti del paese
mi picchiarono in modo brutale"

Povera stella, bambino innocente
parte la farsa del vittimismo
ma eccolo spunta da un'altra emittente
che ancora parla di comunismo

"Questi diessini hanno un losco passato:
personalmente li ho conteggiati
il comunismo bensì ha provocato
cento milioni di morti ammazzati"

Ci manca poco che buchi lo schermo
che esca dal video e mi prenda le mani
mi faccia guardare, tenendomi fermo
che firma un contratto con gli italiani.

"Con Bruno Vespa, con Socci, con Fede,
Mentana, Ferrara e il vecchio Guzzanti
c'è un filo diretto dalla nostra sede
son bravi, son buoni e non demonizzanti

la voce ora parla di esseri immondi
che lo calunniano senza riposo
ispiratori dei Girotondi
e pronti anche all'uso criminoso

"... e ricordandovi quelli di prima,
Biagi, Santoro e Daniele Luttazzi
ch'eran persone non degne di stima,
eran tutt'altro che "bravi ragazzi" "

Lo trovi cucinato in tutte le salse
con il suo bagaglio a mano di promesse false
con il suo codazzo di ben pagati servi
con la richiesta assurda di conoscer papà Cervi

Lo vedo ancora, se cambio canale
sorride alla telecamera accesa
lo sentono in tutto lo stivale
racconta l'ennesima grande impresa

"Ho catturato, con rete e tridente
200 terroristi qui al Colosseo
e fra gli applausi di tanta gente
li ho messi in mostra come trofeo"

ora sta in mezzo a una folla festante
sazia, beota, felice e contenta
che inneggia alla gloria di tale gigante
che di somigliargli, nel successo, tenta

"... miei cari elettori
di me vi ho fatto mostra.
Il governo dell'Italia ...
è cosa nostra!
Dal bene ho preso spunto,
lo dico con clamore
io son pur sempre l'Unto ...
l'Unto del Signoreeeeee!!!!!

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 19/12/2005 @ 16:41:22, in Magistratura, linkato 3489 volte)

Da oggi è in rete il sito unicostmilano.it (www.unicostmilano.it) che si propone come punto di elaborazione per la cultura giuridica costiuzionale e che raccoglie anche tutti provvedimenti giudiziari di particolare interesse. Il sito è ovviamente aperto ai contributi di tutti i magistrati, giuristi ed esponenti del mondo sociale. Di seguito l'articolo di presentazione.  


 
La cultura dei diritti

Provare a fare cultura dei diritti significa riflettere sul lavoro quotidiano che i magistrati sono chiamati a svolgere nell’ambito della funzione giurisdizionale per capire la genesi del comportamento illecito, valutare la presenza di nuovi fenomeni sociali, studiare i meccanismi applicativi delle norme sostanziali e processuali e quindi proporre al dibattito il risultato di esperienze personali e di confronto.

I magistrati che si riconoscono nei valori di Unità per la Costituzione (pluralismo ideale, terzietà costituzionale, indipendenza reale anche praticata), e quindi che vivono il lavoro giudiziario con senso istituzionale e tensione sociale, avvertono la necessità che proprio da Milano - sede giudiziaria di grande tradizione, di interpretazione normativa d’avanguardia e di dibattito giuridico sempre vivo - possa ripartire la ricerca di un’etica delle istituzioni che sia ricca di una cultura dei diritti e che abbandoni quei processi degenerativi di patologica contrapposizione che hanno caratterizzato lunghe fasi di questi ultimi tempi.

Unità per la Costituzione è una “corrente” della magistratura. Il termine corrente - che potremmo sostituire con gruppo di ritrovo ideale, con luogo di elaborazione di idee sulla giurisdizione e per il diritto - viene usato nel linguaggio comune per sostenere che i magistrati fanno politica e che gli “apparati correntizi” costituiscono piccoli partiti caricati di tutte le valenze negative di queste aggregazioni democratiche: logiche di appartenenza, clientele, contrapposizioni laceranti nei momenti elettorali interni. Ma vivere un ruolo di magistrato culturalmente attento al divenire sociale non significa fare politica nella giurisdizione, orientare cioè una decisione per finalità che vadano oltre l’interpretazione normativa e che rispondano a pulsioni ideologiche.

Entra in gioco il modello di magistrato che si vorrebbe disegnare. Da un lato c’è chi auspicherebbe che il magistrato vivesse in un eremo esistenziale, un po’ burocrate un po’ indifferente alla storia, dall’altro c’è chi propone un modello costituzionale, indipendente ed autonomo, attento verso tutte le tensioni che provengono dalla cultura e dalle vicende delle persone che deve quotidianamente giudicare.

I magistrati di Unità per la Costituzione si riconoscono in questa figura di magistrato costituzionale calato nella società di inizio del terzo millennio. Ma fare cultura dei diritti  significa anche cogliere le aspettative dei cittadini verso chi deve amministrare giustizia e quindi essere pronti a mettere in discussione ogni ritenuta certezza.

Fabio Roia
Magistrato- Segretario Distrettuale di Unità per la Costituzione

   
***

Formata la squadra iniziale per le prossime elezioni del Consiglio Superiore della Magistratura.

Dopo un lungo percorso - definibile di “primarie”- che ha coinvolto tutti i magistrati aderenti al progetto di Unità per la Costituzione  il Comitato di Coordinamento (composto da 94 componenti fra membri elettivi e di diritto) ha designato in data 17/12/2005 i candidati per le prossime elezioni del Consiglio Superiore della Magistratura.

Tutte le assemblee dei distretti giudiziari si sono pronunciate su eventuali candidature locali da proporre in sede nazionale o sulla necessità di aderire ad indicazioni provenienti da altri distretti con la consapevolezza che la prossima componente consiliare dovrà rappresentare  unitariamente - conoscendola - tutta la geografia giudiziaria italiana per interpretare in maniera costituzionalmente orientata la disciplina di riforma dell’ordinamento giudiziario.

Le designazioni locali hanno indicato:

- per il collegio della legittimità: Giuseppe Maria Berruti (Corte di Cassazione)

- per il collegio dei Pubblici Ministeri: Carlo Fucci (Procura di Santa Maria Capua Vetere)

- per il collegio dei Giudici: Luisa Napolitano (Tribunale di Treviso), Fabio Roia (Tribunale di Milano), Roberto Carrelli Palombi (Tribunale di Roma), Alberto Liguori (Magistrato di Sorveglianza di Cosenza), Alfonso Pappalardo (Tribunale di Bari), Francesco Mannino (Corte d’Appello di Catania).

Dopo la rinuncia in sede nazionale di Alberto Liguori, il Comitato di Coordinamento  ha designato (con voto limitato ed a scrutinio segreto):

- per il collegio di legittimità: Giuseppe Maria Berruti; collegio dei Pubblici Ministeri: Carlo Fucci; collegio dei Giudici: Fabio Roia, Luisa Napolitano, Roberto Carrelli Palombi, Francesco Mannino.

I candidati designati - che potranno essere successivamente integrati nel numero in relazione anche ad eventuali modifiche legislative in materia - lavoreranno, d’intesa con la segreteria nazionale,  al programma raccogliendo le indicazioni provenienti da tutti i colleghi.

A tal fine sul sito www.unicostmilano.it  viene istituito un apposito forum dove raccogliere tutte le riflessioni in materia di competenza, funzionalità, attività del Consiglio Superiore della Magistratura.

Roma 18 dicembre 2005
La segreteria di Milano

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 21/12/2005 @ 11:09:31, in Osservatorio Famiglia, linkato 3001 volte)

Roma, la donna e il ragazzo colpiti nel sonno qualche giorno fa
La loro morte collegata al cadavere dell'uomo trovato domenica
Decapita la moglie, uccide il figlio poi muore di infarto nella sua auto
 
ROMA - Tragedia familiare alla periferia di Roma. Una donna e suo figlio sono stati trovati morti oggi pomeriggio in un appartamento in via dell'Acquedotto Alessandrino, nel quartiere romano di Torpignattara. Si pensa a un duplice omicidio messo in atto qualche giorno fa dal marito della donna: l'uomo è stato trovato domenica nella sua auto, stroncato da un infarto.
Patrizia Valentini, 50 anni, e il figlio Fabio, 25 anni, con un disagio psichico, sono stati uccisi ognuno nel proprio letto. Secondo il medico legale i due erano morti da qualche giorno e sarebbero stati uccisi nel sonno, con molta violenza con un oggetto non ancora trovato dagli investigatori. La donna è stata decapitata e secondo alcune indiscrezioni la testa, tagliata probabilmente con un'ascia o un oggetto molto affilato, non si troverebbe nell'appartamento.
Inizialmente si era pensato a un omicidio-suicidio, forse dovuto proprio alla malattia del ragazzo. Ma ci sono volute alcune ore per portare i carabinieri sulla strada di quella che era la verità. Il sospetto degli investigatori è nato quasi subito, mettendo in relazione la morte di un uomo trovato poco distante dall'abitazione nella sua auto, nella notte tra sabato e domenica, colpito da un infarto.
Quell'uomo era Domenico Tartaglia, 67 anni, in pensione da qualche anno. La sua morte, potrebbe essere arrivata proprio per il dolore di un gesto istintivo e disperato che aveva compiuto forse, qualche giorno fa. L'uomo ha poi coperto i corpi e ha scritto qualche parola su un biglietto lasciandolo poi sul comodino.
Secondo una valutazione degli inquirenti il gesto di estrema disperazione e efferatezza sarebbe spiegato anche da alcune parole lasciate scritte da Domenico Tartaglia. L'uomo avrebbe infatti accennato ai problemi di depressione che la moglie aveva e alla malattia psichica del figlio.
Quello che resta adesso della storia della famiglia Tartaglia sono i ricordi dei vicini che hanno raccontato quanto "la famiglia fosse esasperata" dalla malattia di Fabio. Un ragazzo la cui condizione era seguita anche da un centro di igiene mentale e che ha dato vita nel corso degli anni a continue liti di giorno e di notte. Ma era un dramma vissuto tra le quattro mura domestiche. Mai un gesto di troppo al di fuori della casa, mai una parola che lasciasse trasparire il dramma. Solo urla che arrivavano dalla casa.
Secondo i vicini, più volte dall'appartamento al primo piano erano state udite urla ed erano intervenute le forze dell'ordine per sedare liti tra moglie, marito e figlio. La coppia negli ultimi tempi litigava spesso in particolare per motivi economici legati al mantenimento del figlio Fabio. (20 dicembre 2005)
http://www.repubblica.it/2005/l/sezioni/cronaca/acqaless/acqaless/acqaless.html

Le vittime sarebbero due ragazzine di 13 anni
Sulle indagini massimo riserbo degli investigatori
Nuovo caso violenza sessuale si indaga su due minorenni

L'AQUILA - La Procura per i minorenni dell'Aquila sta indagando su un nuovo caso di violenza sessuale che sarebbe stata perpetrata da minorenni su ragazzine in Abruzzo. Secondo quanto si è appreso, si tratta di violenze su due ragazze di 13 anni. Secondo alcune fonti, l'inchiesta si concentrerebbe per ora su uno o due minorenni extracomunitari che si presume siano responsabili dello stupro.
Gli investigatori, al momento, mantengono uno strettissimo riserbo sulle indagini. Non si esclude però che, come avvenuto in almeno due occasioni a Lanciano, sempre in Abruzzo, abbia agito un 'branco' formato da più ragazzi.
Secondo quanto si è appreso, non esisterebbe ancora una denuncia ufficiale e dettagliata. Un imput alle indagini potrebbe averlo comunque dato il genitore di una delle due ragazzine, vittime della presunte violenze.
Le nuove presunte violenze sessuali riportano alla memoria l'episodio venuto alla luce nel luglio scorso riguardante un "branco" formato da sette minorenni fra i 15 e i 17 anni, e un maggiorenne, tutti romeni, che avevano abusato sessualmente di due sorelle, una di 14 e l'altra di 12 anni, entrambe dell'Aquila. Le ragazzine erano le fidanzate di due dei sette giovanissimi. Tra questi c'erano alcuni clandestini.
I due, secondo le informazioni circolate all'epoca, le avrebbero costrette ad avere rapporti con gli amici, con la minaccia di interrompere la relazione sentimentale qualora si fossero rifiutate.
La vicenda era emersa nell'ambiente scolastico, su segnalazione di alcune amiche delle giovani che ne erano venute a conoscenza dopo aver visto alcune scene dei rapporti sessuali girate con i videotelefonini. Secondo l'accusa, infatti, coloro che non partecipavano attivamente al "rito" filmavano con i cellulari i rapporti sessuali. (20 dicembre 2005)
http://www.repubblica.it/2005/l/sezioni/cronaca/violenzasess1/abruzzo/abruzzo.html

Scoparso tredicenne in Sicilia
I carabinieri: "aiutateci a ritrovarlo"

ACIREALE (Catania) - In Sicilia è scomparso un ragazzo di tredici anni. Tre giorni dopo la tragica notizia del ritrovamento del cadavere di un coetaneo ad Enna, ieri è stata denunicata la scomparsa di un altro ragazzino ad Acireale: la madre aveva accompagnato Daniele a scuola, al liceo classico Gulli e Pennisi, ma lui non è mai entrato in classe. Secondo le prime ipotesi investigative il ragazzo sarebbe fuggito per evitare di essere rimproverato dai genitori del suo cattivo rendimento scolastico alla vigilia dell'incontro con i suoi insegnanti. Daniele vestiva un paio di jeans, maglione azzurro e giubbotto nero. Avrebbe con sé 60-70 euro, la somma che aveva raccolto con altri amici per comprare un regalo ad un coetaneo che stava poco bene. I carabinieri hanno chiesto la collaborazione dei cittadini e di segnalare al 112 particolari che potrebbero essere utili alle indagini e al ritrovamento di Daniele. (21-12-2005)
http://www.repubblica.it/2005/l/sezioni/cronaca/scomparso/scomparso/scomparso.html

La ragazzina aveva parcheggiato il motorino nel box del palazzo
Dell'aggressore ha potuto fornire solo una descrizione sommaria
Firenze, stupro nel garage di casa. Notte da incubo per una 15enne

FIRENZE - Violentata nel garage della sua abitazione. E' accaduto la notte scorsa a Firenze, nella zona di Rifredi. La vittima, una ragazzina di 15 anni, era rientrata a casa dopo essere stata da un amico e aveva parcheggiato il motorino nel box del palazzo dove vive con la famiglia.
La giovane stava chiudendo la porta d'ingresso dell'autorimessa quando si è sentita afferrare alle spalle da un uomo che l'ha spinta in un angolo buio del garage e l'ha violentata, fuggendo poi a piedi. La quindicenne è corsa dalla madre e le ha raccontato quello che le era successo.
La studentessa ha potuto dare solo una vaga descrizione dell'aggressore: ha detto che era sui 30-35 anni, che le aveva parlato in italiano ma non ha saputo dire di quale nazionalità fosse. I carabinieri hanno compiuto accertamenti e recuperato alcuni reperti su cui stanno indagando.
"Si tratta di un fatto grave che ci ha colpito profondamente" ha dichiarato il sindaco Leonardo Domenici. "Desidero esprimere la mia solidarietà alla famiglia e alla giovane che ha subito questo trauma; siamo a disposizione per qualunque richiesta che possa aiutarli a superare lo choc. Siamo molto preoccupati per un episodio inquietante, a cui la nostra città non è abituata. Spero che le indagini possano al più presto portare all'identificazione del colpevole". (13 dicembre 2005)
http://www.repubblica.it/2005/l/sezioni/cronaca/violenzasess1/vioga/vioga.html

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 22/12/2005 @ 16:22:48, in Osservatorio Famiglia, linkato 3053 volte)

Oggi a Barrafranca i funerali del tredicenne. Tutta la città si è fermata

Enna, ragazzino ucciso: quattro gli indagati

Si tratterebbe di due suoi compagni di scuola e dei loro padrini. Dietro l'omicidio potrebbe esserci una storia di violenze sessuali

Una manifestazione promossa dai compagni di scuola di Francesco (Ansa)

ENNA - Sarebbero almeno quattro gli indagati per la morte del tredicenne Francesco Ferreri, ucciso a Barrafranca (Enna). Fonti investigative fanno capire, però, che potrebbero essercene altri.

Appare confermato dunque lo scenario del coinvolgimento delle quattro persone finora considerate al centro del delitto: due minori e due adulti che con tutta probabilità sono i due fratelli - compagni di scuola della vittima, e i loro due padrini di cresima, finiti
Un'immagine recente di Francesco Ferreri (Fotogramma)
sotto la lente degli inquirenti sin quasi dall'inizio dell'inchiesta.
 
I FUNERALI - Intanto oggi è anche il giorno dei funerali di Francesco. La cerimonia è in corso. Davanti all'abitazione del giovane è stato portato un abete sul quale ieri, durante un corteo, i compagni di Francesco hanno appeso dei bigliettini: poesie e lettere al loro piccolo amico. «Sono il tuo compagno, e provo rabbia», è scritto in un foglietto. Un'intera cittadina si è fermata per dire no alla violenza gratuita di cui ormai è chiaro, il tredicenne è stato vittima. Le strade sono tappezzate di manifesti con frasi di conforto per la famiglia, pensieri di ricordi di Francesco. Tante le foto che tappezzano i muri ritraggono la giovanissima vittima mentre sorride.
 
Il luogo del ritrovamento del cadavere di Francesco (Fotogramma)
LE INDAGINI -
Ieri l'autopsia aveva escluso violenze sessuali. Chi lo ha ferocemente ucciso, ha inferto diversi colpi in testa, forse quindici, con una spranga di ferro e una pietra. La frattura a un braccio, confermerebbe che Francesco ha tentato di difendersi dai suoi aggressori. Il quadro che a questo punto sembra definirsi, anche se si tratta solo di ipotesi, è che Francesco Ferreri abbia subito prepotenze e vessazioni da parte del minorenne suo compagno di doposcuola e in paese si parla anche di tentativi di approcci sessuali forse da parte del padrino del ragazzo sospettato. Sembra che Francesco abbia raccontato l'episodio in famiglia e che da qui siano iniziate le minacce da parte del compagno e del fratello quindicenne.
Forse, nel timore di una denuncia, i due ragazzi con l'aiuto del padrino e del suo amico, avrebbero attirato Francesco in una trappola per eliminarlo o per dargli una lezione per spaventarlo. E l' indagine non si ferma all'omicidio, perchè sta scoperchiando un torbido giro fatto di violenze e di sesso, che coinvolge anche persone non del luogo. Si parla pure di foto misteriose. Un scenario che sta venendo fuori anche dalle decine e decine di interrogatori, che proseguono. Ieri, fino in tarda serata, è stata ascoltata a lungo un'altra persona nella caserma dei carabinieri di Enna. Si tratterebbe della mamma dei due ragazzi sospettati. 22 dicembre 2005http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/12_Dicembre/22/enna.shtml
 
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/01/2006 @ 08:33:54, in Estero, linkato 2002 volte)

"Primo giorno del 2006"

Auguri, auguri, auguri a tutti! Buon anno gente, rilassatevi ancora qualche ora ma già da domani c'è del lavoro per la pace da fare.
La giornata di oggi, che ci ha trovati pigri ed intenti ad ingozzarci di cibi ed alcolici (non tutti per carità, io per esempio sono totalmente astemia) ha visto gli italiani nel mirino del Ministero dei sequestri.
Il primo, Alessandro Bernardini, uno studente al seguito di Luisa Morgantini, ha subito un sequestro lampo a Khanis Yunis in terra di Palestina. Apprendo dalle pagine di Repubblica che lui stesso si è definito "un eroe per caso" e, nonostante l'andamento altalenante delle notizie in merito alla sua sorte, è stato rilasciato senza alcun colpo ferire.
La situazione palestinese la conosciamo bene, molto meno è conosciuta la situazione tutta italiana sulla questione palestinese, che vede avanzare il partito della massoneria sionista (citazione da "Mondocane fuorilinea") mentre, dopo sessant'anni di occupazione americana, Israele colonizza l'Italia. Gli italiani in palestina ci vanno soprattutto per due ragioni e sono divisibili sempre in due le categorie di coloro che vi si recano: le parrocchie per visitare i luoghi millenari del culto cristiano e i compagni per incontrare la popolazione palestinese. I pellegrini sono gente per bene che non fa politica, ed il turismo aiuta l'economia palestinese. I compagni sono al di sopra di ogni sospetto: chi di voi non possiede la propria kefia palestinese?
Forse l'unica da interrogare è proprio la Morgantini, che in Italia esprime la propria opera di "controllo" attraverso una "ebrea", più volte e più volte riciclata in ambienti differenti o movimentisti con mediocre risultato (o anche fallimentare) e che, all'estero, passa per filosionista sulle liste di comunicazione internazionale. Posso personalmente testimoniare che la Morgantini in Italia è solita "licenziare", nel verso senso della parola cioè quello riferito al lavoro, le persone che intralciano i suoi giochi lobbistici movimentisti (disponibile ampio carteggio documentale a prova di eurodeputato). Solo questo caso potrebbe politicamente avere un senso. Se le scelte della Morgantini sono incomprensibili per gli italiani, figuriamoci per i palestinesi. Non si può escludere, quindi, che si tratti di un vero-falso rapimento e di una notizia pilotata. Ma io voglio credere alla buona fede del giovane universitario, perchè se così fosse si tratterebbe di uno smidollato, se pur giovane, in quanto l'unica libertà reale concessa all'uomo e di accollarsi un fardello oppure no. E che razza di fardello sarebbe questo?
Di gran lunga peggiore appare la situazione dei cinque rapiti nello Yemen, dove le tre donne rifiutano il rilascio per non lasciare i propri uomini nelle mani dei sequestratori. Il piccolo gruppo di turisti d'archeologia si trova ora nelle mani di una tribù, che chiede il rilascio di 8 detenuti per reati comuni.
L'eroe di oggi 1 gennaio 2006 è un
gatto, no non il nuovo presidente di Bankitalia, che nel vedere il proprio padrone cadere a terra vittima di un malore ha "telefonato" al pronto soccorso ottenendo l'arrivo dei soccorsi. Il gatto prende il posto dell'eroe dello scorso anno, un cagnolino meticcio che ha salvato la padroncina disabile. Prima di esprimere concordanza intellettuale con il collega giornalista dal quale prendo la notizia sul fatto che, anche gli animali americani sono i "più forti", mi riservo di discuterne con la mia gatta Sara, piccola randagia che raccoglie i geni di una lontana generazione di siamesi ed unico micio a spasso con il guinzaglio nel mio quartiere.
Concludo con l'augurare un anno migliore a tutti coloro, come quelli che hanno fatto la mini marcia della pace fino a San Pietro al seguito della comunità di S.Egidio, che invisibili (a parte qualche immancabile arruffa popolo) spargono il loro amore-lavoro su persone altrettanto trasparenti nella loro povertà.

Loredana Morandi

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 03/01/2006 @ 14:59:14, in Magistratura, linkato 1896 volte)
Il procuratore aggiunto di Roma lascia le indagini sulle scalate bancarie e alla Rcs
Inquisito dai colleghi di Perugia per violazione di segreto d'ufficio

Bnl, il giudice Toro lascia le inchieste
"Sono completamente estraneo ai fatti"


<B>Bnl, il giudice Toro lascia le inchieste<br>"Sono completamente estraneo ai fatti" </B>
Il procuratore aggiunto di Roma Achille Toro


ROMA - Il procuratore aggiunto di Roma Achille Toro lascia le inchieste sull'Opa Antonveneta, sulla scalata alla Banca nazionale del lavoro e alla Rizzoli Corriere della sera. Nella giornata di ieri la procura di Perugia gli aveva fatto recapitare un invito a comparire come indagato per violazione del segreto d'ufficio. Secondo le accuse, Achille Toro avrebbe riferito al giudice Castellano, presidente del Tribunale di sorveglianza di Milano e conoscente, se non proprio amico, dell'ex presidente dell'Unipol Consorte, che il Banco di Bilbao, rivale di Unipol nella scalata alla Bnl, aveva presentato un esposto. "Sono amareggiato - ha detto il giuidice - ma mi difenderò. La lettera con cui chiedo di sospendermi dalle inchieste, è però un atto doveroso, non una resa".

Ieri pomeriggio il procuratore capo di Roma Giovanni Ferrara aveva espresso massima fiducia nei confronti del suo aggiunto, specificando che le indagini in questione sarebbero rimaste di sua competenza. Ma Achille Toro ha deciso diversamente consegnando nelle mani del procuratore le sue dimissioni dalle indagini: "Gentile procuratore, prendo atto della manifestazione di fiducia che ha inteso formulare confermandomi la sua stima. La sollecita conclusione delle indagini presso gli uffici di Perugia porterà l'accertamento della mia completa estraneità ai fatti contestatimi. Ritengo, peraltro, doverosa a tutela anzitutto dell'immagine di ufficio e mia personale chiedere che venga accolta la mia presente istanza di astensione dai procedimenti penali legati all'Opa Antonveneta, all'Opa Bnl e alle operazioni in titoli Rcs".

L'inchiesta a Perugia. L'indagine condotta dalla procura di Perugia a carico del giudice milanese Francesco Castellano, del procuratore aggiunto di Roma Achille Toro e del presidente dimissionario della compagnia assicurativa Unipol Giovanni Consorte, già nei guai a Milano e Roma, ipotizza il reato di rivelazione di segreto di ufficio. Toro e Consorte saranno sentiti il 13 gennaio prossimo dai magistrati del capoluogo umbro.

Gli accertamenti condotti dai pubblici ministeri riguarderebbero in particolare la denuncia presentata dagli spagnoli del Banco di Bilbao e l'iscrizione nel registro degli indagati della procura di Roma di Consorte. Quest'ultimo, e il suo vice Ivano Sacchetti, nella capitale devono rispondere delle ipotesi di reato di aggiotaggio, manipolazione del mercato e ostacolo all'autorità di vigilanza.

L'ipotesi dei magistrati perugini è che l'allora presidente dell'Unipol possa avere acquisito dal giudice milanese notizie riservate a lui comunicate dal collega romano. Sotto la lente dei magistrati umbri, alcuni intercettazioni telefoniche in cui l'ex presidente Unipol informerebbe il suo vice Sacchetti di aver saputo "dal nostro amico di Milano", che gli spagnoli, cioè il Banco di Bilbao, avrebbero denunciato l'Unipol di manovre scorrette ma, soprattutto, Consorte avrebbe confidato che "l'amico di Milano" lo avrebbe avvertito di essere stato iscritto nel registro degli indagati: "Però non lo sa nessuno".
(3 gennaio 2006

http://www.repubblica.it/2006/a/sezioni/economia/banche30/torolascia/torolascia.html

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 12/01/2006 @ 08:48:05, in Magistratura, linkato 1627 volte)
Li ha inviati il ministro Castelli
Intercettazioni, ispettori in procura a Milano
Devono accertare rilievi disciplinari nella vicenda della pubblicazione di conversazioni di parlamentari
 
La Procura di Milano (Tam Tam)
MILANO - Il capo degli ispettori ministeriali Arcibaldo Miller e altri due ispettori del ministero della Giustizia sono giunti in Procura a Milano. Il loro mandato consiste nell'accertare eventuali rilievi disciplinari nella vicenda della pubblicazione di conversazioni di intercettazioni telefoniche che coinvolgerebbero dei parlamentari. Gli ispettori sono stati brevemente a colloquio con il procuratore capo della Repubblica, Manlio Minale.

Castelli ha disposto l'ispezione in seguito alla pubblicazione da parte di alcuni quotidiani di brani di intercettazioni sottolineando la gravità della vicenda, che richiama quanto accaduto l'estate scorsa con la pubblicazione delle intercettazioni all'ex governatore di Bankitalia Antonio Fazio.
Tra le intercettazioni finite sulle pagine dei giornali nei giorni scorsi c'è anche quella tra Giovanni Consorte, ex numero uno di Unipol e il leader dei Ds Piero Fassino.
12 gennaio 2006
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 12/01/2006 @ 08:55:48, in Magistratura, linkato 1663 volte)

Md sul caso Achille Toro

Quanto più è rilevante il ruolo che, nell’esercizio doveroso dei suoi compiti, la magistratura adempie nella vita del paese, tanto più è necessario che l’azione e i comportamenti dei magistrati siano ineccepibili. Le condotte che violano gravemente i doveri di imparzialità e correttezza del magistrato devono essere oggetto di un rigoroso intervento nelle sedi competenti. Dobbiamo quindi augurarci, nell’interesse delle istituzioni e degli stessi magistrati chiamati in causa, che gli accertamenti avvengano con la massima tempestività.

Al di là dei fatti suscettibili di rilevanza penale -su cui è doveroso, nel pieno rispetto della presunzione di innocenza, attendere l’accertamento della competente autorità giudiziaria- chi ha responsabilità istituzionali deve, nella gestione e nell’organizzazione degli uffici, affrontare tempestivamente il problema della credibilità dell’attività giudiziaria, posta a rischio, a Milano e a Roma, dalla permanenza negli attuali incarichi di magistrati coinvolti nelle indagini penali.

L’astensione del dott. Achille Toro è un primo –doveroso- contributo al ripristino della trasparenza nella gestione della Procura di Roma e rappresenta uno dei presupposti per poter fugare ogni sospetto sulla correttezza dei singoli magistrati e dell’organizzazione dell’ufficio. 

Roma, 3 gennaio 2006

Il Segretario nazionale, Ignazio Juan Patrone
Il Presidente, Franco Ippolito

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










20/08/2019 @ 18.07.55
script eseguito in 469 ms