Immagine
 Misty e Rickon con i loro fratellini ... di Lunadicarta
 
"
La giustizia fa onore ad una nazione, ma il peccato segna il destino dei popoli.

Proverbi, 14, 34
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 30/06/2005 @ 05:58:35, in Politica, linkato 1388 volte)

“Alla Camera faremo ostruzionismo”

Il deputato Verde Paolo Cento, vicepresidente della Commissione della Camera ha dichiarato: “Alla Camera faremo ostruzionismo contro la riforma dell’ordinamento giudiziario voluta dal centro destra e utilizzata come grimaldello per scardinare l’ indipendenza della Magistratura.
Questa è una riforma autoritaria che sottomette la Magistratura al potere politico e che non risolve i problemi veri della Giustizia e le domande dei cittadini che vogliono processi rapidi, più garanzie, sentenze celeri”.
29 06 05

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/06/2005 @ 07:26:46, in Politica, linkato 1373 volte)

Salva Previti, Dalla Chiesa: battaglia più dura che sulla Cirami

"Contro il salva Previti faremo una battaglia cinque volte più dura che sulla Cirami". Lo afferma il senatore della Margherita Nando Dalla Chiesa, capogruppo della Margherita in Commisione Giustizia.
"L'ex Cirielli non è stata calendarizzata alla capigruppo di ieri - spiega Dalla Chiesa - perché hanno prima voluto vedere come andava il voto sull'Ordinamento".
"Questa maggioranza non si regge più in piedi se non per bassi servizi - continua il senatore diellino - Manca continuamente il numero legale, ma quando devono portare avanti provvedimenti mirati a garantire l'impunità a determinati personaggi, rientrano nei ranghi".
"Vengono messi da parte - conclude Dalla Chiesa - provvedimenti come, ad esempio, a legittima difesa, che io non condivido ma che all'elettorato di centrodestra forse interessa, e si lanciano altri provvedimenti ad personam". Roma, 29 giugno 2005 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 04/07/2005 @ 15:54:48, in Magistratura, linkato 1253 volte)

Associazione Nazionale Magistrati
Unità per la Costituzione

La Segreteria Nazionale di Unità per la Costituzione, nell’invitare tutti i colleghi ad una convinta adesione all’astensione dall’attività giudiziaria indetta dalla ANM per il prossimo giovedì 14 luglio, sottolinea che la stessa non è e non vuole essere una forma di partecipazione alla lotta politica, già resa aspra dall’ormai avviata campagna elettorale.
Nella logica del rifiuto di ogni forma di collateralismo partitico che da sempre la connota, Unità per la Costituzione ha espresso con chiarezza – anche nel corso dell’assemblea del 25 giugno- di essersi determinata alla protesta a causa del rifiuto di un adeguato dibattito parlamentare sulle modifiche imposte dal messaggio del Presidente Ciampi e dei vizi palesi di incostituzionalità di precisi aspetti della riforma.
Un tale atteggiamento, ove restassero inascoltate le ragioni di dissenso che hanno costretto a doverose iniziative di astensione dal lavoro, potrebbe preludere a ulteriori e deprecabili chiusure al dialogo nell’eventuale sede di attuazione della delega: una fase, cui si confida di non dover arrivare e che si è certi non sia già pregiudicata da decreti attuativi “pronti nei cassetti”, ma che dovrà essere occasione per rilanciare un confronto propositivo sino ad oggi mancato.

Dott. Marcello Matera
Segreteria Nazionale di Unità per la Costituzione
Roma, 2 luglio 2005.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 05/07/2005 @ 09:22:24, in Magistratura, linkato 1454 volte)

Interrogazione di An. Castelli: i soldi dei cittadini devono essere spesi meglio
Con un'inserzione sul "Corriere" convocata l'udienza del 28 ottobre
Notifica a mezzo stampa bufera sul giudice di Mediaset
Costate 180 mila euro le 4 pagine per l'atto d'accusa contro Berlusconi
di MARCO MENSURATI

MILANO - Quattro pagine del Corriere della sera, comprate per 180mila euro dal Tribunale di Milano per annunciare il processo a Silvio Berlusconi del prossimo 28 ottobre, scatenano una nuova polemica tra il centrodestra e la magistratura. Il più duro di tutti è il ministro della Giustizia Roberto Castelli, che rimprovera il giudice Fabio Paparella di aver sperperato, con la sua decisione, denaro pubblico: "Visto che si tratta di soldi dei cittadini, occorrerebbe maggior prudenza nella loro gestione. Č vero che si tratta di una fattispecie prevista dal codice di procedura penale, ma spetta al magistrato utilizzare questa possibilità in modo oculato. Ci si lamenta sempre della mancanza di risorse per la giustizia, poi si spendono 180mila euro per una notifica. Penso che si tratti di un record".

Pacata l'autodifesa del giudice Paparella che, codice alla mano, spiegare che non poteva fare altro. L'articolo 155 è molto chiaro: "Quando, per il numero dei destinatari o per l'impossibilità di identificarne alcuni, la notificazione risulti difficile, si può disporre che la notificazione sia eseguita mediante pubblici annunci". In questo caso ricorrevano entrambe le condizioni: i destinatari erano numerosi e alcuni di questi (i soci di Mediaset) non erano identificabili. Insomma, il giudice non aveva scelta: o faceva così o mandava all'aria l'intero processo (come del resto era già accaduto, proprio per un problema di notifica alle parti offese, con il "processo madre" All Iberian).

Lo scontro politico-giudiziario era cominciato qualche ora prima delle dichiarazioni del ministro, con un'interrogazione firmata da Daniela Santanché (An): "Quanto è costata la pubblicità che gli organi inquirenti del Tribunale di Milano hanno pagato alla Rizzoli-Corriere della Sera per pubblicare l'atto d'accusa contro Silvio Berlusconi e alcuni dirigenti della Mediaset?". Dopo la Santanché, è stato un diluvio di dichiarazioni. Fra i primi l'europarlamentare di Forza Italia Giuseppe Gargani: "Si tratta di una procedura desueta, astratta, che forse va oltre la normalità e che, conseguentemente, suscita interrogativi". Seguito dal vice coordinatore del partito, Fabrizio Cicchitto: "L'annuncio a mezzo stampa della fissazione dell'udienza preliminare dell'inchiesta Mediaset è una straordinaria conferma che la magistratura di Milano quando si tratta di Berlusconi e delle sue aziende non bada a spese. Un ordine dello Stato, che dovrebbe essere e apparire imparziale, non va tanto per il sottile quando si tratta della gestione mediatica più clamorosa dei procedimenti che a getto continuo sono messi in piedi contro Berlusconi".
 
L'affondo delle "prime linee" della maggioranza non trova però alcun supporto da parte dei tecnici del diritto. Avvocati e consulenti degli stessi imputati del processo Mediaset glissano. Giorgio Perroni, avvocato di Cesare Previti, ieri in aula a Milano per il processo d'appello Imi Sir, spiega: "Si tratta di una procedura normale che il giudice ha attuato per raggiungere i soci Mediaset che altrimenti sarebbero stati irraggiungibili". Neanche l'onorevole Niccolò Ghedini s'indigna: "Pensavo si potessero individuare i soggetti coinvolti", spiega tranquillo.

Non poche le voci levatesi a difesa di Paparella. Luigi De Ruggero, segretario milanese dell'Associazione magistrati, fa notare come, contrariamente a quanto sostenuto dagli esponenti della maggioranza, quella della "notificazione per pubblici annunzi" è tutt'altro che una pratica desueta. Recentemente è stata in utilizzata più di una volta, anche in casi clamorosi. Come, ad esempio, nel processo a Vanna Marchi e come, a Monza, nel processo per la maxi beffa dei bond Cirio. Ma per quei casi nessuno si era lamentato.

(5 luglio 2005)
http://www.repubblica.it/2005/g/sezioni/politica/giumed/giumed/giumed.html

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 05/07/2005 @ 09:24:27, in Magistratura, linkato 1478 volte)

Una scritta oscena sulla lastra che ricorda il magistrato
La sorella accusa la città: la mafia non è ancora sconfitta
Uno sfregio sulla lapide
Oltraggio al giudice Borsellino
di ALESSANDRA ZINITI

PALERMO - Che sia stata una ragazzata o un messaggio alla vigilia delle celebrazioni per il tredicesimo anniversario della strage di via D'Amelio poco importa. Quel pennarello nero che ha tracciato un disegno e una scritta oscena imbrattando la lapide che ricorda il sacrificio di Paolo Borsellino e degli uomini di scorta ha sollevato unanime sdegno ma soprattutto riacceso le polemiche sulla Palermo sonnacchiosa dove la riscossa della cosiddetta società civile è un lontano ricordo della terribile estate di sangue del 92. "Davanti a gesti simili resto senza parole", è il laconico commento di Manfredi, il figlio di Paolo Borsellino.

E' Rita Borsellino, sorella del magistrato ucciso, a puntare l'indice sulla città. "Il gesto è più grave della profanazione di una tomba. Significa che siamo ancora lontani dall'aver sconfitto la mafia e la mentalità che la supporta. Se la lapide è stata sporcata da un ragazzino la cosa è ancora più grave. In quale contesto si fanno crescere i nostri ragazzi? Con quale educazione? La maturità è lontana". Guardando la lapide imbrattata, sotto casa della madre, ai piedi dell'albero d'ulivo piantato lì dove il tritolo lasciò il suo cratere, Rita Borsellino traccia con amarezza il ritratto della Palermo che ha "prodotto" questo gesto. "Il problema è che a Palermo c'è una fascia di popolazione che era lì 13 anni fa e lì è rimasta, al di là del lavoro fatto nelle scuole per sensibilizzare i ragazzi, con risultati bellissimi. C'è una fascia di popolazione quasi impermeabile e questo gesto, frutto dell'arroganza e dell'ignoranza. Dovrebbe essere la collettività a reagire".

La lapide è stata ripulita nel giro di un paio d'ore dagli operai mandati dal Comune, in via D'Amelio è arrivato uno striscione dei Ds ("Chi infanga la memoria vuole Palermo senza futuro"), politici e forze sociali hanno fatto a gara a dettare alle agenzie dichiarazioni di sdegno. Ma anche il procuratore Piero Grasso non nasconde il suo scoramento. "C'è qualcuno che ancora ha bisogno di capire che la vita che si dà per compiere il proprio dovere è qualcosa di assoluto e bisogna rispettarlo. Oggi hanno imbrattato la lapide che ricorda Borsellino e gli agenti della scorta, questo lascia intravedere quanto c'è da fare con i giovani, altri giovani, non la maggioranza, che hanno compiuto un gesto di becero vandalismo che non fa certamente onore a questa città".

Da tutto il paese si levano reazioni sdegnate. Il vicepresidente del Consiglio Gianfranco Fini esprime tutta la sua solidarietà alla famiglia: "Anche se si dovesse trattare di una stupida ragazzata è un atto da condannare con estrema fermezza". "Un gesto gravissimo che mortifica la memoria di tutti gli italiani", dice il presidente dell'Antimafia Roberto Centaro. "Senza parole - il deputato Ds Giuseppe Lumia - di fronte a questo gesto che colpisce al cuore tutti quelli che hanno a cuore la legalità", mentre per il coordinatore della Margherita siciliana, Salvatore Cardinale, "lo sfregio è un atto grave e offensivo per la comunità siciliana e nazionale". Il segretario dei Ds Piero Fassino ha telefonato a Rita Borsellino per esprimerle la sua solidarietà, "L'indignazione non basta", commenta Luciano Violante. E il deputato di Forza Italia Pippo Fallica invita l'autore del gesto a chiedere scusa pubblicamente. "Ci sono atti che lasciano allibiti - commenta il presidente della Regione Salvatore Cuffaro - La figura di Paolo Borsellino resta nell'immaginario collettivo come l'icona della Sicilia onesta che porta fino al sacrificio estremo l'impegno per la legalità".

(5 luglio 2005)
http://www.repubblica.it/2005/g/sezioni/cronaca/borsellino/borsellino/borsellino.html

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 06/07/2005 @ 16:36:58, in Politica, linkato 1588 volte)

CIRIELLI, PETRINI "MAGGIORANZA E GOVERNO SI OCCUPANO SOLO DEGLI AFFARI LORO"

Dichiarazione del senatore della Margherita, Pierluigi Petrini. "Questo  parlamento  non  è  al servizio della nazione, ma è al servizio di pochi  potenti.  E  quanto  sta  accadendo è l'ennesima dimostrazione della protervia  di  maggioranza  e governo. Non è ammissibile che di fronte alla crisi  drammatica  che  investe  il  Paese,  di fronte a problemi gravi per milioni  di  famiglie,  a  un'economia  che va a rotoli e con un'Europa che giudica gravemente malati i nostri conti pubblici, governo e maggioranza si occupino  del  destino  di  qualche  condannato  eccellente".  E' quanto ha dichiarato  in  Aula  il  senatore  della  Margherita  Pierluigi  Petrini a proposito dell'ennesima forzatura della maggioranza che ha sottratto il Ddl Cirielli  alla discussione della commissione giustizia per "catapultarlo in aula".
"Una   maggioranza  allo  sbando,  con  suoi  esponenti  che  insultano  il Presidente  della Repubblica nell'Europarlamento, non si occupa dei destini dell'Italia,  ma  offende  l'istituzione parlamentare con un'altra legge ad personam.  In Senato - continua Petrini - non si parlerà dei problemi della giustizia,  della  concreta  realizzazione  della  'ragionevole  durata dei processi', che pure abbiamo scritto insieme nella nostra Costituzione nella scorsa  legislatura,  della  condizione  in  cui operano operatori e agenti negli  istituti penitenziari, del sovraffollamento delle carceri con numeri mai raggiunti, della certezza della pena. Maggioranza e governo si occupano soltanto  degli  affari loro. Ma i cittadini hanno capito, hanno voltato le spalle  e non aspettano altro che poter cambiare. Affinché un nuovo governo e  un  nuovo  Parlamento  si  occupino, finalmente, di trovare soluzioni ai problemi che li riguardano". Roma, 6 luglio 2005

GIUSTIZIA: FANFANI, PERCHE’ LA CDL AMMAINA IL TRICOLORE?

Dichiarazione on. Giuseppe Fanfani, responsabile Giustizia della Margherita. -  “In un momento come questo in cui i valori dell’unità nazionale e del prestigio dell’Italia all’estero sono fortemente compromessi da comportamenti insensati, è gravissimo svilire il valore del Tricolore, di fatto riducendo a semplice contravvenzione il reato di vilipendio alla bandiera nazionale. In questa operazione si sono trovati uniti tutta la Cdl e alcune parti della sinistra, ad eccezione dei Democratici di sinistra che hanno invece sostenuto gli emendamenti da noi presentati. Auspico che nel voto finale al provvedimento sui reati di opinione anche la Cdl abbia un sussulto di orgoglio nazionale e ritorni sui suoi passi. Così come mi auguro che anche il gruppo verde ripensi al proprio emendamento soppressivo del reato di vilipendio.” Roma, 6 luglio 2005

GIUSTIZIA: MONACO, PARLAMENTO ANCORA OSTAGGIO DELL’OSSESSIONE DEL PREMIER

Dichiarazione on. Franco Monaco, vicepresidente dei deputati della Margherita. - “La giornata parlamentare di oggi è clamorosamente eloquente nell’illustrare l’impudenza del governo Berlusconi ossessionato da una e una sola cosa: la giustizia ad uso domestico. Incurante dei mille problemi che affliggono il paese e del discredito accumulato per la sequela ininterrotta di leggi ad personam, la maggioranza ha preteso di incardinare già domani al Senato la legge “salva Previti”, confermando così la sussistenza di  un patto scellerato tra Fi e Lega. Nelle stesse ore, oggi, alla Camera, dove solo ieri la maggioranza è stata battuta sulla legge per la competitività di cui evidentemente le importava poco, a motivo delle centinaia di assenze tra le sue fila, perfino i banchi del governo si sono affollati per far procedere militarmente quella riforma dell’ordinamento giudiziario che attenta all’indipendenza della magistratura e che è incappata nelle censure di Ciampi. Con buona pace dei sedicenti moderati Udc e An, la Cdl era e resta ostaggio dell’ossessione di Berlusconi: le leggi per gli amici e le ritorsioni contro la magistratura.” Roma 6 luglio 2005

Cavallaro: "Una Cirielli al giorno toglie il giudice di torno"
      
Dichiarazione del senatore della Margherita, Mario Cavallaro, Componente della Commissione Giustizia. - "Come  governo e maggioranza hanno iniziato questa legislatura con le leggi vergogna  e  ad  personam  allo  stesso modo la concluderanno. Ma poi se ne andranno  a  casa".  Lo  dichiara il senatore della Margherita e componente della  Commissione  Giustizia,  Mario  Cavallaro,  in merito alla decisione della  maggioranza  di calendarizzare giovedì, nell'Aula di Palazzo Madama, la legge ex Cirielli.
Continua  Cavallaro:  "Mentre  in  Commissione  maggioranza  e  opposizione discutevano  il  provvedimento,  senza  nessun  ostruzionismo  da parte del centrosinistra,  qualcuno  dalle  parti  di Palazzo Grazioli ha pensato che fosse  opportuno  dare  un'accelerata  per  approvare  un'altra legge fatta apposta per condannati eccellenti". "Evidentemente  -  conclude  - non solo una Cirami ma anche una Cirielli al giorno, secondo la Casa delle Libertà, toglie il giudice di torno". Roma, 5 luglio 2005

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 06/07/2005 @ 16:40:52, in Magistratura, linkato 1353 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

L’A.N.M. sentita dalla Commissione Giustizia della Camera
sull’ordinamento giudiziario

La Giunta Esecutiva Centrale dell’ANM è stata ricevuta dall’Ufficio di Presidenza della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati in ordine all’esame della proposta di legge sull’ordinamento giudiziario.

La Giunta, richiamate le ragioni di dissenso sull’impianto stesso della proposta di riforma, si è soffermata sull’esame dell’emendamento approvato dal Senato, evidenziando come il messaggio del Capo dello Stato è stato in alcuni punti eluso ed in altri apertamente contraddetto. La proposta di legge, quindi, conserva aspetti di palese incostituzionalità.

Inoltre, è stato esaminato l’emendamento approvato dal Senato in materia di disciplina transitoria per l’assegnazione degli incarichi direttivi, ed è stato evidenziato che esso si pone in chiaro contrasto con gli artt. 105, 3 e 97 della Costituzione, violando le prerogative che la Costituzione assegna in via esclusiva al CSM, crea irrazionali disparità di trattamento e confligge con il principio di buon andamento della Pubblica Amministrazione.

Roma, 6 luglio 2005
La Giunta Esecutiva Centrale

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 06/07/2005 @ 16:42:39, in Magistratura, linkato 1354 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

Alla famiglia Borsellino

A nome dell’Associazione Nazionale Magistrati e di tutti i magistrati italiani, esprimo alla famiglia dell’indimenticato collega Paolo Borsellino ed ai familiari delle altre vittime la più incondizionata solidarietà nel deplorare l’ignobile oltraggio alla lapide posta alla memoria Sua e degli agenti della Sua scorta.

Né questo episodio né altro potrà mai scalfire il ricordo di Paolo Borsellino come ineguagliabile esempio di magistrato intelligente, onesto e coraggioso.

Episodi del genere dimostrano quanto sia ancora lunga la strada per l’affermazione della cultura della legalità, per la quale Paolo ha sacrificato la sua stessa vita.

Roma, 6 luglio 2005

Il Presidente
Ciro Riviezzo

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 06/07/2005 @ 19:31:19, in Politica, linkato 1345 volte)

La Cdl si spacca, An vota con l'opposizione
Giustizia, maggioranza battuta alla Camera
Bocciato l'emendamento che alleggerisce le pene per i reati d'opinione, voluto dalla Lega.
Castelli: «Cose che capitano» 

ROMA - Si complica alla Camera l'esame della nuova normativa contro i reati d'opinione sostenuta con particolare forza dalla Lega. La vicenda si è aggrovigliata al momento del voto sugli emendamenti che avrebbero dovuto modificare la legge Mancino che punisce le attività e la propaganda razzista. La Lega avrebbe voluto cancellare la reclusione prevista sino a tre anni e sostituirla con una multa. Alleanza nazionale e le forze del centrosinistra si sono dette contrarie. Alla fine la maggioranza è andata sotto su un emendamento della commissione Giustizia L'emendamento, è stato bocciato, con una votazione a scrutinio segreto, con 249 no, 195 sì e tre astenuti. Decisiva la posizione contraria di An.

SCONTRO TRA AN E LEGA- Al voto si è giunti dopo un lungo dibattito che ha visto contrapporsi il ministro della Giustizia Roberto Castelli ed il vicepresidente di An Ignazio La Russa. Castelli ha evocato in Aula, pur senza mai nominarla direttamente, il caso di Oriana Fallaci, «che è stata citata in giudizio in Italia per quello che ha scritto». «Se passasse il principio della reclusione per chi fa propaganda alla superiorità di una razza - ha spiegato Castelli - diamo le armi a qualche magistrato illiberale che intenda colpire qualcuno». La Russa aveva cercato una mediazione con un subemendamento che avrebbe ridotto da tre anni ad uno il periodo di reclusione per il reato di istigazione e propaganda dell'odio razziale e della superiorità della razza. Ma il subemendamento ispirato da An è stato respinto: l'Unione si è astenuta e FI ha votato contro. Da qui la decisione di La Russa di votare contro l'emendamento della commissione che è stato «bocciato» dall'aula.

LE REAZIONI - Pur non nascondendo una certa irritazione per come è andato il voto, Roberto Castelli minimizza: «Sono problemi che hanno a che fare con la coscienza individuale, un voto trasversale in questi casi ci sta tutto». «Certo, se avessimo fatto fare alla commissione - aggiunge il Guardasigilli - che ha meditato le cose, sarebbe stato meglio».

Corriere Sera 06 luglio 2005
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2005/07_Luglio/06/camera.shtml

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 06/07/2005 @ 19:33:04, in Politica, linkato 1296 volte)

La legge torna ora alla Camera con alcune modifiche

L'infibulazione è un reato, il Senato dice sì

Chi pratica mutilazioni genitali rischierà da 4 a 12 anni di carcere e la sospensione dell'Ordine dei medici fino a dieci anni

ROMA - L'infibulazione potrebbe presto essere un reato in Italia. E chi pratica mutilazioni genitali, usanze diffuse in alcune comunità africane, rischierà fino a 12 anni di carcere. Il Senato ha votato il disegno di legge che prevede l'aggiunta di un articolo al codice penale, il 583 bis. Il provvedimento deve ora tornare alla Camera, che deve votare alcune modifiche apportate dai senatori.

VOTO TRASVERSALE - Il voto in Senato ha trovato d'accordo maggioranza e opposizione, esclusi i senatori di Rifondazione Comunista che si sono astenuti, come pure - a titolo personale - Cinzia Dato della Margherita, che ha giudicato questa legge «troppo repressiva» sostenendo che prima di approvare un provvedimento siffatto andrebbero messe fuori legge anche le pratiche di chirurgia estetica per le minorenni.

CARCERE DA 4 A 12 ANNI - Con la nuova legge saranno punite la clitoridectomia, l'escissione, l'infibulazione e qualsiasi altro tipo di mutilazione. Anche in caso di assenso della vittima, ci saranno pene che prevedono la reclusione da 4 a 12 anni e la pena sarà aumentata di un terzo se la vittima è un minore e in tutti i casi in cui sarà eseguita per fini di lucro. I medici coinvolti saranno cancellati dall'Ordine fino a 10 anni. Oltre alle sanzioni la legge prevede anche campagne informative del Ministero della Salute, d'intesa con quelli dell'Istruzione e del Welfare, destinate agli immigrati provenienti dai paesi nei quali vengono effettuati le mutilazioni genitali.

40 MILA DONNE - Quello dell'infibulazione è un problema anche italiano con oltre 40 mila donne che nel nostro paese hanno subito mutilazioni sessuali. Ogni anno nel nostro paese almeno 6 mila bambine di età tra i 4 e i 12 anni sono sottoposte a questo trattamento, soprattutto immigrate di origine somala e nigeriana. Nel mondo, secondo i dati della organizzazione mondiale della sanità, oltre 150 milioni di donne hanno subito mutilazioni. L'infibulazione è praticata soprattutto in Somalia e nel Gibuti, la clitoridectomia in Etiopia, Sierra Leone ed Eritrea.

Corriere Sera 06 luglio 2005
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2005/07_Luglio/06/infibulazione.shtml

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










21/08/2019 @ 8.56.07
script eseguito in 468 ms