Immagine
 red hair for davids ... by Len De Pas... di Admin
 
"
Siate sempre capaci di sentire nel profondo qualsiasi ingiustizia commessa contro chiunque, in qualsiasi parte del mondo. E' la qualità più bella di un rivoluzionario.

Ernesto Che Guevara
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 16/06/2005 @ 10:25:18, in Varie, linkato 1494 volte)

Aleee ... Oh, Oh!!!

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 16/06/2005 @ 11:17:07, in Varie, linkato 3714 volte)

 

Eh, sì.

La battaglia contro il copyright in mano a persone di questo target è:

PERSA

Con quali delle Autorità Parlamentari, Ministeriali o di Settore vorranno mai dialogare sui diritti dell'utenza personaggi, che mettono in condizione gli utenti di scrivere testi di questo tipo?

La verità è che non ci sono fra di loro interlocutori capaci presso le Autority di rappresentare l'utenza, che certo non viene rappresentata da una banda di gossippari e giornalisti di terz'ultima categoria e/o da commercianti, che trattano la medesima utenza come se fosse carne da macello o arancia da spremere.

Leggere qui per avere il metro della disfatta:

http://www.giustiziaquotidiana.net/dblog/articolo.asp?id=89

AVVISO: TUTTI GLI INDIRIZZI IP SONO REGISTRATI

AVVISO NUMERO 2: DI OGNI POSSIBILE DANNO SI RITENGONO RESPONSABILI IN SOLIDO LA TESTATA "IL PUNTO INFORMATICO" E IL SUO DIRETTORE.

(Questo sanissimo principio giuridico vale per le emissioni elettromagnetiche di Radio Vaticana, a ragione varrà per Il Punto Informatico; quanto alla diffamazione ne risponderanno ai sensi della legge sulla Stampa)

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 16/06/2005 @ 13:43:54, in Osservatorio Famiglia, linkato 1400 volte)

Uccide la moglie e si spara
Omicidio-suicidio causato forse da crisi economica
(ANSA) - TORINO, 16 GIU - Un uomo di 49 anni, Serafino Zambito, ha ucciso prima la moglie con un colpo di pistola e poi si e' sparato. L'omicidio-suicidio sembra legato a difficolta' economiche della coppia la cui vita era peggiorata recentemente da quando la donna si era messa a bere alcolici. 

http://www.ansa.it/main/notizie/awnplus/italia/news/2005-06-16_484659.html

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 16/06/2005 @ 15:23:24, in Magistratura, linkato 1282 volte)

UNITA' PER LA COSTITUZIONE

L'atteggiamento tenuto dalla attuale maggioranza di governo in relazione alla riforma dell'ordinamento giudiziario evidenzia ancora una volta la strozzatura del dibattito parlamentare, la chiusura al dialogo con la cultura giuridica del Paese, l'indifferenza verso i profili di incostituzionalità del progetto normativo (per altro sottolineati dal Capo dello Stato nella loro macroscopicità), la volontà di comprimere un potere autonomo dello Stato.
La probabile immediata approvazione del progetto controriformatore sembra poi rispondere ad un'esigenza di propaganda - più che a una volontà riformistica - scandita da un certo narcisismo istuzionale del Ministro Castelli, che vorrebbe battezzare con il suo nome una legge costituzionalmente morta.
Occorre che i magistrati italiani riprendano la loro battaglia culturale mobilitando le forze del Paese che hanno a cuore l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
Occorre che i magistrati italiano esprimano il senso di disagio e di sofferenza istituzionale anche con forme estreme di protesta che siano sempre però rispettose della funzione esercitata. L'autorveolezza la si conquista con la forza della ragione e l'eticità del comportamento.
 
Milano 16 giugno 2005
Fabio Roia

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 16/06/2005 @ 15:26:20, in Magistratura, linkato 1200 volte)

Associazione Nazionale Magistrati


 
In relazione alla improvvisa accelerazione dei lavori parlamentari sulla controriforma dell'ordinamento giudiziario, la Giunta Esecutiva Centrale dell'ANM ha deliberato di indire una:

MANIFESTAZIONE NAZIONALE

dei magistrati italiani per il 25 giugno 2005 alle ore 10.00 in Roma.

Le Sezioni dell'ANM sono invitate ad indire assemblee locali, con sospensione delle udienze per un'ora, possibilmente nella giornata di giovedì 23 giugno 2005, in preparazione della suddetta manifestazione nazionale, e di sollecitare la massima partecipazione possibile dei colleghi alla manifestazione stessa.

Sottolineo l'importanza del momento, nel quale la magistratura tutta deve far sentire la voce della protesta più netta e ferma.
Roma, 16 giugno 2005

Il Presidente
Ciro Riviezzo

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 16/06/2005 @ 15:36:47, in Magistratura , linkato 1272 volte)

Risoluzione plenum CSM 16 giugno 2005 a tutela della magistratura di Roma e Milano

Pratica a tutela degli uffici giudiziari di Roma e di Milano con riferimento a dichiarazioni di leader di partito politico pubblicate sul Corriere della Sera.

Come ha più volte ricordato il Presidente della Repubblica, "la stabilità delle istituzioni si fonda sulla divisione dei poteri e sul rispetto pieno e reciproco delle funzioni di ciascuno". Nell'ambito del sistema di "pesi e contrappesi" che caratterizza la moderna democrazia pluralista, le istituzioni di garanzia, e tra queste la magistratura, traggono dalla Costituzione autonoma legittimazione. La stessa Costituzione assegna anche al Consiglio superiore il compito primario di tutelare l'indipendenza e l'autonomia della magistratura e in particolar modo di ciascun magistrato nell'esercizio concreto delle sue funzioni, contro attacchi e condizionamenti indebiti, da qualunque parte essi provengano ed in qualunque modo essi vengano attuati.

Quando singoli magistrati o uffici giudiziari diventano oggetto non di critiche, sempre legittime, ma di denigrazioni diffamatorie con generiche e immotivate accuse di parzialità il Consiglio interviene a tutela della credibilità della funzione giudiziaria, essendo la fiducia dei cittadini nella giurisdizione essenziale fondamento della vita democratica.

Di recente, l'on.le Antonio Di Pietro, noto esponente e leader di una formazione politica, nel corso di una intervista apparsa sul quotidiano Il Corriere della Sera in data 9.6.05, oltre a formulare giudizi e valutazioni che rientrano nell'esercizio del diritto di manifestazione del pensiero e di critica politica, ha rilasciato dichiarazioni censurabili per le gravi e pesanti accuse, rivolte in maniera assolutamente generica nei confronti dei magistrati che lascerebbero fare e si piegherebbero "allo spirito del tempo", con specifico riferimento ai magistrati di Roma e Milano. Una simile, immotivata rappresentazione è collegata, nel contesto complessivo della intervista, ad una generica denuncia di superficialità investigativa nella lotta alla corruzione ed è emblematicamente raffigurata, con opzione chiaramente negativa, nella affermazione secondo cui il "porto delle nebbie non è più solo a Roma", ma "anche a Milano".

I magistrati degli uffici giudiziari richiamati nell'intervista, gravemente offesi, hanno dato una prova di senso di responsabilità, non reagendo individualmente. Il Consiglio, per parte sua, ha il dovere di difendere autorevolmente e pubblicamente la loro immagine. Ora, come è stato altra volta affermato, "è del tutto fisiologico che nella difesa della propria indipendenza e della propria autonomia la magistratura, quale istituzione di garanzia, possa venire a trovarsi in momenti di rapporto dialettico o addirittura conflittuale con altri poteri", ma tale rapporto deve rimanere nella misura di civiltà e rispetto reciproco, non essendo ammissibile una delegittimazione di un'istituzione nei confronti dell'altra, pena la caduta di credibilità dell'intero assetto costituzionale né, ovviamente, permettere che l'azione delegittimatrice, tracimando oltre il pure legittimo e doveroso esercizio della critica, possa essere innescata da esponenti politici, già autorevoli rappresentanti delle istituzioni, come l'on.le Di Pietro.

Il Consiglio esprime quindi la propria preoccupazione ed auspica che, al di là della fisiologica dialettica della critica, sia assicurato il rispetto dei singoli magistrati e dell'intera magistratura e, con esso, la fiducia dei cittadini  nell'attività giudiziaria, condizione imprescindibile di un'ordinata vita democratica.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 16/06/2005 @ 15:53:19, in Magistratura, linkato 1216 volte)

Il CSM sulle dichiarazioni del sen. CENTARO
Plenum 16 giugno 2005.

Proposta di inserimento urgente all’ordine del giorno ex art.45, 3° comma, del Regolamento Interno

Il Sen.Centaro ha attribuito in una dichiarazione pubblica la responsabilità di ritardi nella trattazione di importanti processi alle donne magistrato, per le loro maternità.
Una tesi, questa, antistorica e fuorviante rispetto alle vere cause delle lungaggini dei processi.
In realtà le donne magistrato continuano ad assicurare, anche in sedi particolarmente difficili, con il massimo senso di responsabilità, il loro decisivo apporto alla giurisdizione.
Esse hanno pagato questo impegno anche con un ridotto ricorso all’aspettativa facoltativa e ai congedi parentali.
Le critiche dell’autorevole parlamentare, oltre ad essere in fatto ingiustificate e infondate, finiscono con lo svalutare e marginalizzare il rilevantissimo ruolo svolto, spesso con sacrifici personali, dalla quota sempre maggiore di magistrati-donna. Tali critiche, quindi, ripropongono la necessità che maturi in ogni settore la consapevolezza dell’indispensabilità di azioni volte a garantire a ogni magistrato l’effettivo esercizio dei diritti fondamentali, tra cui quello primario alla maternità e alla paternità.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 16/06/2005 @ 15:54:47, in Magistratura, linkato 1282 volte)

Associazione Nazionale Magistrati
Sezione di Milano

"FINALMENTE REPERITI I FONDI PER LA GIUSTIZIA !"
 
Da alcuni anni, ormai, mancano i soldi per il funzionamento della giustizia.

Gli stanziamenti si riducono sempre più, tanto che per l'anno in corso gli uffici hanno già impegnato tutte le risorse disponibili; rinunciamo a comprare codici aggiornati; per la "carente copertura finanziaria" (come ha comunicato il Ministero il 5 aprile) non possiamo dotarci di nuovi personal computer; molte udienze penali non possono proseguire oltre le ore 14, perché il personale amministrativo che cessa dal servizio non viene sostituito ed in più è prevista una riduzione di organici per oltre duemila unità a livello nazionale.

Ma ora la svolta: secondo le regolamentari previsioni, sono giunte dal Ministero della Giustizia le nuove divise estive per commessi ed autisti. Uniformi di buon taglio, costate quasi trecento euro per gli uomini ed un po' meno per le donne: quante ne sono state acquistate in tutta Italia ?

Magari non faremo udienza al pomeriggio, ma in compenso i fascicoli verranno trasportati da personale finalmente elegante !

Milano, 16 giugno 2005

Per la Giunta
Paolo Carfì, presidente
Luigi De Ruggiero, segretario

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 17/06/2005 @ 13:43:48, in Sindacato, linkato 1560 volte)

a beneficio di Punto Informatico

TARIFFARIO 2005

COMPENSI MINIMI PER LE PRESTAZIONI PROFESSIONALI GIORNALISTICHE NEI QUOTIDIANI, NEI PERIODICI, ANCHE TELEMATICI, NELLE AGENZIE, NELLE EMITTENTI RADIOTELEVISIVE E NEGLI UFFICI STAMPA

(Consiglio Nazionale – Riunione del 15, 16 e 17 Dicembre 2004)

Il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti nella seduta del 15, 16 e 17 Dicembre 2004
visti gli artt. 2, 11 e 35 della legge 3.2.1963 n.69;
visto l’art.20 ter lettera a) del D.P.R. 3.5.1972 n. 212;
visti gli artt. 2230, 2231 e 2233 del codice civile

D E L I B E R A

E’ approvata la seguente tabella dei compensi minimi inderogabili, al netto delle contribuzioni previdenziali, per le prestazioni professionali autonome dei giornalisti (locatio operis) non regolate dal contratto collettivo di lavoro perché non comportanti subordinazione anche se costituenti cessioni di diritto d’autore.

TITOLO I
NOTIZIE ARTICOLI E SERVIZI

A) Quotidiani e periodici a diffusione nazionale con tiratura oltre 250.000 copie - Agenzie di stampa a diffusione nazionale - Periodici stranieri - Emittenti radiotelevisive a diffusione nazionale e network

1) Notizia  €               31,00
2) Articolo  €  165,00             
3) Servizio €  329,00             

B) Quotidiani e periodici a diffusione nazionale con tiratura fino a 250.000 copie

1) Notizia  €               28,00
2) Articolo  €  153,00             
3) Servizio €  306,00             

C) Quotidiani e periodici a diffusione regionale o locale con tiratura oltre 40.000 copie - Agenzie di stampa a diffusione regionale o locale - Emittenti radiotelevisive a diffusione regionale o locale, con potenziale bacino di utenza superiore a 400.000 destinatari

1) Notizia  €               27,00
2) Articolo  €  142,00             
3) Servizio  €  206,00             
  
D) Quotidiani a diffusione regionale o locale con tiratura fino a 40.000 copie - Periodici a diffusione regionale o locale con tiratura da 10.000 a 40.000 copie - Emittenti radiotelevisive a diffusione regionale o locale con potenziale bacino di utenza da 100.000 a 400.000 destinatari

1) Notizia  €              26,00
2) Articolo  €  89,00             
3) Servizio  €  118,00             

E) Periodici a diffusione regionale o locale con tiratura fino a 10.000 copie -Emittenti radiotelevisive a diffusione regionale o locale con potenziale bacino di utenza fino a 100.000 destinatari

1) Notizia  €              24,00
2) Articolo  €  58,00             
3) Servizio  €  89,00             

F) Quotidiani e periodici telematici e agenzie collegati a quotidiani, periodici e agenzie a diffusione nazionale o con visite mensili superiori a 150.000
    
1) Notizia   €              26,00
2) Articolo  €  89,00             

G) Quotidiani e periodici telematici e agenzie con visite mensili inferiori a 150.000
     
1) Notizia  €              24,00
2) Articolo  €  58,00             

TITOLO II

COLLABORAZIONI PROFESSIONALI COORDINATE E CONTINUATIVE

Quotidiani e periodici anche telematici, agenzie di stampa, emittenti  radiotelevisive e network (su base annuale da corrispondere per frazioni mensili)
       
1) Per almeno 2 collaborazioni al mese  €       2.095,00
2) Per almeno 4 collaborazioni al mese €  4.191,00            
3) Per almeno 8 collaborazioni al mese € 8.377,00
4) Per almeno 14 collaborazioni al mese € 11.312,00

TITOLO III

SERVIZI FOTOGIORNALISTICI

A)  Quotidiani e periodici a diffusione nazionale con tiratura oltre 250.000 copie  – Periodici stranieri – Emittenti radiotelevisive a diffusione nazionale e network

1) Fotografia singola bianco e nero €           131,00
2) Fotografia singola colore €  147,00             
3) Foto in copertina bianco e nero €            411,00
4) Foto in copertina colore €  442,00
5) Ripubblicazione                 €   97,00

B)   Quotidiani e periodici a diffusione nazionale con tiratura fino a 250.000  copie

1) Fotografia singola bianco e nero  €          118,00
2) Fotografia singola colore €  131,00             
3) Foto in copertina bianco e nero  €           341,00
4) Foto in copertina colore €  384,00             
5) Ripubblicazione                € 83,00

C)  Quotidiani e periodici a diffusione regionale o locale con tiratura oltre 40.000 copie – Emittenti radiotelevisive a diffusione regionale o locale con potenziale bacino di utenza superiore a 400.000 destinatari

1) Fotografia singola bianco e nero  €          89,00
2) Fotografia singola colore €  104,00           
3) Foto in copertina bianco e nero  €           118,00
4) Foto in copertina colore €  147,00             
5) Ripubblicazione                € 50,00

D) Quotidiani a diffusione regionale o locale con tiratura fino a 40.000 copie – Periodici a diffusione regionale o locale con tiratura da 10.000 a 40.000 copie – Emittenti radiotelevisive a diffusione regionale o locale con potenziale bacino di utenza da 100.000 fino a 400.000 destinatari

1) Fotografia singola bianco e nero  €          77,00
2) Fotografia singola colore €  88,00             
3) Foto in copertina bianco e nero €            106,00
4) Foto in copertina colore €  118,00             
5) Ripubblicazione                € 36,00

E) Periodici a diffusione regionale o locale con tiratura fino a 10.000 copie – Emittenti radiotelevisive a diffusione regionale o locale con potenziale bacino di utenza fino a 100.000 destinatari

1) Fotografia singola bianco e nero €           47,00
2) Fotografia singola colore €                     58,00             
3) Foto in copertina bianco e nero  €           70,00
4) Foto in copertina colore €                      89,00             
5) Ripubblicazione                €                   23,00

F)  Quotidiani e periodici telematici con visite mensili superiori a 150.000
   
1) Fotografia singola bianco e nero  €          118,00
2) Fotografia singola colore €                     131,00
3) Foto in copertina bianco e nero €            341,00
4) Foto in copertina colore €                      384,00
5) Ripubblicazione                €                    83,00

G) Quotidiani e periodici telematici con visite mensili inferiori a 150.000
 
1) Fotografia singola bianco e nero €           89,00
2) Fotografia singola colore €                    104,00             
3) Foto in copertina bianco e nero €           118,00
4) Foto in copertina colore €                     147,00             
5) Ripubblicazione                €                   50,00

NOTA  I – I compensi indicati si riferiscono a servizi giornalistici completi di tutte le indicazioni essenziali per la corretta pubblicazione in rapporto alla identità dei personaggi che appaiono nelle immagini, al luogo, alla data e ad una cronaca giornalistica dell’avvenimento cui le fotografie si riferiscono, escluso naturalmente l’eventuale testo, che va compensato a parte.

NOTA II – Tutti i compensi si riferiscono a fotografia singola e, quando il servizio comprende più fotografie diverse fra loro, il minimale di cessione si intende triplicato.

TITOLO IV

SERVIZI CINE-VIDEOGIORNALISTICI

A)  Emittenti radiotelevisive a diffusione nazionale e network
    
     Servizio non superiore a 180”  €            1.283,00

B)  Emittenti radiotelevisive a diffusione regionale o locale
 
     Servizio non superiore a 180’’ €       762,00

C) Attività cinevideogiornalistica di collaborazione  pro-tempore

      Al giorno  €       412,00

D) Collaborazioni coordinate e continuative (su base annuale da corrispondere per frazioni mensili)

1) Per almeno 2 collaborazioni al mese  € 2.095,00
2) Per almeno 4 collaborazioni al mese €  4.190,00             
3) Per almeno 8 collaborazioni al mese €  8.377,00
3) Per almeno 14 collaborazioni al mese € 11.312,00

NOTA I – Il compenso indicato per la cessione e la distribuzione del servizio si intende per una ripresa su nastro o su pellicola cinematografica realizzata con materiale tecnico proprio comprensivo di eventuale utilizzo di personale tecnico ausiliario completo di montaggio e con indicazioni tecnico-giornalistiche necessarie per la stesura del testo.

NOTA II – Tutto il materiale videocinematografico girato per la realizzazione del servizio e non utilizzato rimane di proprietà dell’autore.

NOTA III – Il servizio ceduto rimane in esclusiva dell’emittente per 48 ore se utilizzato per un telegiornale quotidiano, per 15 giorni se invece utilizzato per rubriche o speciali settimanali.

NOTA IV – Nel caso di servizio di durata superiore a 180’’ o di esclusiva, il prezzo di cessione è lasciato alla libera contrattazione e comunque superiore a quanto stabilito nelle lettere A) e B).

NOTA V – La tariffa indicata alla lettera C) è intesa per l’utilizzo di una collaborazione di carattere esclusivamente professionale con supporti tecnici messi a disposizione dal richiedente.

TITOLO V

PRESTAZIONI PER UFFICI STAMPA

A) Prestazioni fisse continuative da addetto stampa, portavoce e collaboratore professionale di uffici stampa pubblici e privati senza vincolo di orario e di presenza

1) Su base annuale  €              34.217,00
2) Su base semestrale €  17.109,00

Per prestazioni saltuarie i compensi sono rapportati ad ogni singola prestazione secondo le tariffe sottoesposte

B) Organizzazione di una conferenza stampa

1) Per una manifestazione a carattere regionale €  4.803,00
2) Per una manifestazione a carattere nazionale €  7.007,00

C)  Responsabilità di ufficio stampa per manifestazione di breve durata con adeguato lavoro preparatorio redazionale, contatti con la stampa, redazione comunicati, organizzazione conferenza stampa e incontri di lavoro

1) Manifestazione della durata sino a 5 giorni  €   8.335,00
2) Manifestazione della durata sino a 10 giorni  €  11.020,00

D) Attività giornalistica di collaborazione pro-tempore

Al giorno  €    411,00
 
E)  Stesura di testi per conto di un ufficio stampa

1) Fino a due cartelle (25 righe a 60 battute l’una)  €   147,00
2) Oltre le due cartelle e fino a cinque                  €   237,00

TITOLO VI

IMPOSTAZIONE GRAFICA DI PUBBLICAZIONI QUOTIDIANE E PERIODICHE

1) Impostazione di base della pubblicazione
 
 A carattere nazionale €    2.909,00
 A carattere regionale o locale €       471,00
 
2) Impostazione di una pagina
   
 Per una pubblicazione a carattere nazionale                €             117,00
 Per una pubblicazione a carattere regionale o locale €  45,00
 
TITOLO VII

DIRETTORE RESPONSABILE CHE ESPLICA IN MANIERA SALTUARIA PRESTAZIONI GIORNALISTICHE AUTONOME (locatio operis) NON COMPORTANTI CIOE’ SUBORDINAZIONE

1) Di periodici a diffusione regionale o locale e/o specializzati (aziendali, sindacali, associativi, di categoria o editati da enti pubblici e privati)

a) Con tiratura oltre 400.000 copie a numero  €              1.299,00
b) Con tiratura da 10.000 a 400.000 copie a numero €  678,00
c) Con tiratura fino a 10.000 copie a numero €  353,00

2)    Di emittenti radiotelevise a diffusione regionale o locale

a) Con potenziale bacino di utenza superiore a 400.000 destinatari, al mese  €     1.893,00
b) Con potenziale bacino di utenza da 100.000 a 400.000 destinatari, al mese €      1.299,00
c) Con potenziale bacino di utenza fino a 100.000 destinatari, al mese  €        866,00

3) Di quotidiani e periodici telematici e agenzie collegati a quotidiani, periodici e agenzie

A diffusione nazionale o con visite mensili superiori a 150.000 €  678,00
   
4) Di quotidiani e periodici telematici e agenzie

Con visite mensili inferiori a 150.000   €   353,00
   
TITOLO VIII

NORME PER L’APPLICAZIONE DEL TARIFFARIO

A)  Il presente tariffario indica cifre minime, al lordo delle ritenute fiscali di legge, al di sotto delle quali l’Ordine dei Giornalisti ritiene che non sia possibile andare, stabilendo in tal caso la incongruità del compenso. In ogni caso la determinazione dell’effettivo ammontare dei corrispettivi deve tenere conto della qualità del committente, dei compiti in concreto demandati al giornalista, dell’impegno necessario del tempo richiesto.

B) Le spese sostenute dal collaboratore e direttamente inerenti le prestazioni sono rimborsate a piè di lista, su presentazione di idonea documentazione, salvo patto contrario scritto.

C) I compensi di cui sopra sono dovuti anche in caso di mancata pubblicazione del materiale giornalistico commissionato oppure inviato nel quadro della collaborazione concordata, a meno che il materiale stesso non venga tempestivamente restituito all’autore con espressa motivazione entro tre giorni per quotidiani, agenzie di stampa, settimanali e bisettimanali, ed entro dieci giorni per i mensili.

D) Ai fini del presente tariffario si adottano le seguenti definizioni:
a) Notizia: è una concisa informazione fornita dal giornalista su fatti o situazioni
b) Articolo: è un testo in chiave di resoconto o di analisi su fatti o temi diversi fino a due cartelle da 25 righe di 60 battute l’una (esempio: politici, economici, sociali, morali, religiosi, culturali, sportivi, etc.)
c) Servizio: è un elaborato oltre le due cartelle più complesso e articolato che presuppone un approfondito lavoro di indagine o di ricerca.

E) L’applicazione delle presenti tariffe e la liquidazione del compenso sono soggette alla vigilanza e alla disciplina del Consiglio regionale o interregionale dell’Ordine al quale il giornalista è iscritto.

F) In caso di contestazione giudiziale o extra-giudiziale, il giornalista può rivolgersi al competente Consiglio regionale o interregionale dell’Ordine per ottenere il parere sulla congruità del compenso, ai sensi degli artt. 633 e 636 cpc.
 
G) In armonia con le norme concordate in sede di CCNL giornalistico, modifiche ed integrazioni sostanziali ad ogni articolo o servizio firmato devono essere apportate con il consenso dell’autore, sempre che sia reperibile. L’articolo non dovrà comparire firmato nel caso in cui le modifiche siano apportate senza l’assenso del giornalista. Gli articolisti non possono cedere prima di 10 giorni articoli se inviati ai quotidiani o di 30 giorni se inviati ai periodici senza previo consenso del direttore..

H) L’articolista può pubblicare in volume gli articoli inviati, siano o non siano stati retribuiti, tre mesi dopo la consegna dell’ultimo della serie, anche se non pubblicati dal giornale al quale erano destinati. Per gli addetti ai periodici, il termine indicato nel comma che precede è di un anno, salvo diverso accordo scritto tra le parti.

I) L’utilizzazione della prestazione giornalistica regolata dal tariffario è limitata ai media per i quali la collaborazione è stata richiesta. Le eventuali ulteriori utilizzazioni, anche parziali, nell’ambito delle attività dello stesso editore o presso altri editori, debbono essere autorizzate dall’autore, concordando il relativo compenso, che per ogni successiva utilizzazione non potrà comunque essere inferiore al 30% del corrispettivo iniziale.

L)  Il compenso di un elaborato oltre le cinque cartelle è maggiorato del 20%.

M) Si riconosce al collaboratore inviato fuori sede per un servizio l’indennità (il 30% del compenso tabellare) che il contratto nazionale di lavoro (art.7) accorda ai giornalisti chiamati occasionalmente a prestare la propria opera in funzione di inviati.

TITOLO IX

I compensi erogati sono al netto delle contribuzioni previdenziali e, pertanto, non ricomprendono il contributo del 12%, ai sensi del D. Lgs n.103/96, da versare alla “Gestione separata lavoro autonomo INPGI”. Detto contributo è così ripartito:
 - 10% del reddito imponibile a totale carico dell’iscritto;
- 2% a titolo di contributo integrativo, a carico di coloro (aziende, etc.) che si avvalgono dell’attività professionale, calcolato sul reddito lordo e addebitato dall’iscritto all’azienda, con indicazione nella relativa fattura, all’atto di ogni pagamento.
Il versamento alla gestione separata Inpgi dell’intero contributo dovuto (12%) è a carico del giornalista.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 17/06/2005 @ 14:34:26, in Sindacato, linkato 1519 volte)

La Federazione Nazionale della Stampa Italiana

comunica:

Si riportano di seguito le modalità dello sciopero dei giornalisti:
 
i giornalisti dei quotidiani del mattino si asterranno dal lavoro nella giornata di venerdì 17 giugno per impedire l’uscita dei quotidiani nella giornata di sabato 18 giugno;

i giornalisti dei quotidiani del pomeriggio si asterranno dal lavoro nella giornata di sabato 18 giugno per impedire l’uscita dei quotidiani nello stesso giorno;

i giornalisti dei quotidiani che non escono il sabato (free press) si asterranno dal lavoro nella giornata di giovedì 16 giugno in modo da impedire l’uscita dei quotidiani nella giornata di venerdì 17;

i giornalisti delle agenzie di stampa, dei service, delle strutture sinergiche nazionali e locali, dei giornali telematici, dei siti web e dei portali internet  si asterranno dal lavoro dalle ore 07.00 di venerdì 17 alle ore 07.00 di sabato 18 giugno;

i giornalisti free-lance, i collaboratori ed i corrispondenti e i giornalisti degli uffici stampa si asterranno dal lavoro per l’intera giornata di venerdì 17 giugno;

i giornalisti dei settimanali, degli infrasettimanali e dei mensili si asterranno dal lavoro venerdì 17 giugno;

i giornalisti dell’emittenza radiotelevisiva pubblica e privata analogica e digitale, nazionale e locale, e dei canali tematici satellitari legati o no a network terrestri si asterranno dal lavoro a partire dalle ore 06.00 di lunedì 20 giugno alle ore 06.00 di martedì 21 giugno.

Nel corso dello sciopero, nelle emittenti radiotelevisive, saranno assicurati soltanto i notiziari in forma ridotta previsti da eventuali accordi aziendali. Le ARS potranno, in casi particolari, concedere deroghe alle emittenti locali per permettere l’emissione di una finestra informativa, di non più di 5 minuti, nel corso della quale dovrà essere data lettura dei comunicati sindacali. Pertanto, non andrà in onda nessuna trasmissione o rubrica giornalistica, né andranno in onda trasmissioni registrate in giornate precedenti, che abbiano come conduttori o protagonisti giornalisti, né avvenimenti sportivi con la cronaca di giornalisti. In ogni caso sarà assicurata la presenza dei comitati di redazione in tutte le redazioni al fine di predisporre notiziari straordinari in presenza di eventi di particolare gravità e interesse per l’utenza.
Per impedire recuperi di produttività i Comitati di redazione potranno proclamare, ove necessario, lo stato di agitazione ed il blocco degli straordinari nei giorni precedenti e successivi. Roma, 13 giugno 2005. Prot.  n. 140/C

***

Federazione Nazionale della Stampa Italiana

APPELLO DELLA SEGRETERIA FNSI PER LA PARTECIPAZIONE ALLO SCIOPERO
(Pubblicato ai sensi dell’articolo 34 del Contratto Collettivo di Lavoro Giornalistico)

La Federazione Nazionale della Stampa Italiana comunica:

“La Segreteria della Federazione Nazionale della Stampa Italiana invita tutti i giornalisti, professionali e collaboratori, professionisti e pubblicisti, a partecipare alla prima grande manifestazione di protesta della categoria per rivendicare il diritto ai contratti, alla dignità del lavoro, all’indipendenza della professione. Questi sono valori messi in discussione dalla posizione assunta dal sistema delle imprese nelle rinnovazioni contrattuali con la Federazione Editori Giornali (Fieg), con l’Associazione delle Emittenti Aeranti-Corallo e con l’agenzia per la contrattazione nel pubblico impiego Aran.
Il Sindacato dei Giornalisti è costretto a far mancare l’informazione in una fase importante della vita economica, sociale e politica del Paese per tutelare il diritto dei cittadini ad essere informati in maniera corretta e completa, il pluralismo e la stessa qualità dei prodotti informativi. In una situazione nella quale la libertà di informazione è messa in discussione, gli editori pubblici e privati chiedono di cancellare regole e tutele conquistate negli anni dai giornalisti. Vogliono eliminare il lavoro collettivo dei giornalisti che rappresenta l’unico vero ostacolo alla manipolazione dell’informazione ed al prevalere degli interessi meramente commerciali, pubblicitari e di marketing delle aziende.
Vogliamo una informazione fatta meglio, più ricca di contenuti e di notizie, di commenti e opinioni, di inchieste e di approfondimenti, perché solo così le nostre testate saranno più credibili e quindi più apprezzate dall’opinione pubblica. Le imprese della carta stampata ritengono invece che la riduzione delle vendite si contrasta solo con un miglioramento della veste grafica e con l’abbinamento di prodotti non informativi
In questo quadro, occorre salvaguardare il lavoro dipendente e migliorarne l’organizzazione e la qualità ed allo stesso tempo assicurare finalmente tutele e dignità professionale alle migliaia di collaboratori che oggi ne sono privi, e sono sfruttati, mal pagati e ricattati. Occorre contrastare gli effetti dannosi sul giornalismo delle leggi di riforma del mercato del lavoro e delle ipotesi di revisione delle regole sulla contrattazione.
Scioperiamo anche per difendere i diritti e le retribuzioni dei giornalisti nelle aziende di tutta Italia per contrastare la piattaforma della Fieg che tenta di mortificare il nostro lavoro giornalistico. Scioperiamo per ottenere un consistente miglioramento del contratto dell’emittenza radiotelevisiva locale che ha fatto emergere centinaia di nuovi rapporti di lavoro giornalistici. Scioperiamo per ottenere dal Governo e dall’Aran l’apertura formale del negoziato contrattuale previsto da una legge dello Stato. Per questo chiediamo ai cittadini comprensione ed appoggio per una battaglia che non ha nulla di corporativo ma anzi si propone di difendere l’interesse collettivo al diritto all’informazione sancito dalla Costituzione”. Roma, 15 giugno 2005. Prot. n. 143

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










24/08/2019 @ 14.22.26
script eseguito in 469 ms