Immagine
 1900 ...... di Loredana Morandi
 
"
La Giustizia brilla nelle capanne annerite dal fumo e onora la vita timorata.

Eschilo
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 04/05/2005 @ 20:17:50, in Indagini, linkato 1400 volte)

Il fotomontaggio era apparso su un forum. Deciso il sequestro di una parte del sito. "Vilipendio della religione cattolica"

Papa "nazista" su internet
magistrati contro Indymedia

ROMA - Il gip Marco Patarnello ha disposto il sequestro preventivo di una parte del sito di Indymedia per vilipendio della religione cattolica e della figura del Papa. A sollecitare il provvedimento era stato il pm Salvatore Vitello, in quanto dagli accertamenti della Digos era emerso che sul sito vi erano fotomontaggi di Papa Benedetto XVI in uniforme militare nazista.

Nel sito di riferimento della sinistra antagonista, il Papa viene appellato come "nazista" e ingiuriato con offese in lingua spagnola. La società a cui fa riferimento Indymedia è la Imc, con sede in Brasile, pertanto il pm ha provveduto che venga fatta la rogatoria internazionale per la notifica dell'atto. E questa procedura rischia di andare per le lunghe.

Per il reato di vilipendio della figura del Papa è necessaria l'autorizzazione del ministro della Giustizia, atto che il pm ha già sollecitato. Il gip, nel disporre il sequestro preventivo ha avvalorato la tesi del pm ritenendo che il contenuto del sito internet ostenti disprezzo sia del sentimento religioso che della persona del Pontefice. L'offesa a Benedetto XVI sarebbe quindi evidente, così come quella recata alla religione cattolica che è tutelata dalla norma del codice penale che prevede il reato di vilipendio.

(La Repubblica 4 maggio 2005)
http://www.repubblica.it/2005/e/sezioni/politica/indyseq/indyseq/indyseq.html
Le foto del Papa in abito da nazista pubblicate sul sito de La Repubblica
http://www.repubblica.it/2003/e/gallerie/esteri/indymedia1/1.html

note a latere: continuo a dissentire.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 06/05/2005 @ 16:13:02, in Magistratura, linkato 1238 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

TAVOLA  ROTONDA

la giustizia nel decreto sulla competitività?

In Senato, mentre erano da tempo in stato di avanzato esame le riforme della procedura civile e di quelle concorsuali, in sede di conversione del decreto legge sulla competitività, con un procedimento di dubbia costituzionalità, è stata inserita una delega al Governo che riguarda le stesse materie, nonché i reati di bancarotta ed altre norme disomogenee tra loro e di difficile lettura.

L’alto monito del Capo dello Stato, formulato anche di recente, di evitare “un modo di legiferare, invalso da tempo, che non appare coerente con la ratio delle norme costituzionali che disciplinano il procedimento legislativo e, segnatamente, con l'articolo 72 della Costituzione, secondo cui ogni legge deve essere approvata “articolo per articolo e con votazione finale”, è stato ancora una volta ignorato.

Le disposizioni sul giudizio di cassazione, la riduzione delle pene per la bancarotta, alcune norme sul processo civile, appaiono frutto di approssimazione e avulse da un contesto di razionalità progettuale.

Coordina
Ciro Riviezzo, Presidente A.N.M.

Introduce
Carlo Fucci, Vice Presidente A.N.M.

Intervengono

Sen. Massimo Brutti, Responsabile Giustizia dei DS
Sen. Antonino Caruso, Presidente Commissione Giustizia Senato
Prof. Sergio Chiarloni, Università di Torino
Prof. Giorgio Costantino, Università di Bari
Nello Rossi, Vice Segretario A.N.M.
Modestino Villani, Componente G.E.C.  A.N.M.
 
Conclude
Antonio Patrono, Segretario Generale A.N.M.

Roma 10 maggio 2005, ore 17,00
Hotel Nazionale - Sala Cristallo - Piazza Montecitorio, 131

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 06/05/2005 @ 17:59:47, in Politica, linkato 1258 volte)

INFORMAZIONE. CORTIANA (VERDI), ENNESIMO ATTACCO A LIBERTA' DI ESPRESSIONE

"E' l'ennesimo attacco alla libertà di espressione ed è la cartina tornasole di una cultura purtroppo imperante negli ultimi tempi". Dichiara il senatore dei Verdi Fiorello Cortiana.
"Prima il sequestro preventivo di una parte del sito di Indymedia per vilipendio alla religione cattolica e alla figura del Papa, oggi la denuncia di due avvocati contro il direttore del Manifesto Gabriele Polo per il titolo "il pastore tedesco", apparso sulla prima pagina del quotidiano il giorno dopo l'elezione a Papa del cardinale Joseph Ratzinger". Siamo proprio al paradosso: si legano i contenuti, che sono opinabili, ai contenitori. Questi sono segni preoccupanti di una censura dettata da falsi moralismi che fa a pugni con i principi di un paese democratico".

6 maggio 2005

nb. io continuo a dissentire. Perchè il rispetto e la solidarietà che si riceve si deve restituire; ed è esattamente ciò che non è avvenuto, come ravvisabile in taluni comportamenti. Non si può solo prendere.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 06/05/2005 @ 19:04:17, in Politica, linkato 1431 volte)

CITTA' DEL VATICANO, 5 MAG. 2005 (VIS). L'Arcivescovo Celestino Migliore, Osservatore Permanente della Santa Sede presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite, è intervenuto il 4 maggio scorso a New York, alla Settima Conferenza di Revisione degli Stati aderenti al Trattato di Non-Proliferazione delle Armi Nucleari, che impegna tutti gli Stati aderenti a rispettare integralmente i dettami enunciati dal Trattato.

  La Santa Sede, uno dei 188 Stati firmatari, aderì al Trattato nel 1971 - ha ricordato l'Arcivescovo Migliore - "con la convinzione che fosse un passo importante per l'attuazione di un processo di disarmo generale e totale sotto l'effettivo controllo internazionale, possibile solo nell'osservanza del Trattato sia nei particolari che nella sua globalità". Negli anni "il Trattato è divenuto pietra angolare nell'ambito della sicurezza globale poiché ha contribuito a rallentare la corsa agli armamenti".

  All'epoca in cui il Trattato entrò in vigore, nel 1970,  si verificarono "nello stesso tempo profondi mutamenti sociali e geopolitici. Cominciò ad emergere una consapevolezza della stretta correlazione e interdipendenza fra la sicurezza nazionale ed internazionale, mentre sorgevano nuove sfide, come il terrorismo transnazionale e la diffusione illegale di materiali per la creazione di armi di distruzione di massa".

  "Poiché il Trattato" - ha affermato l'Arcivescovo Migliore - "è l'unico strumento legale multilaterale attualmente disponibile, volto a far sorgere un mondo libero dagli armamenti nucleari, non si deve permettere che la sua efficacia si indebolisca. L'umanità merita la piena cooperazione di tutti gli Stati per la soluzione di questo serio problema". L'Osservatore Permanente della Santa Sede ha ribadito che "occorre rafforzare l'aspetto di non-proliferazione del Trattato" ed "occorre anche rispettare i provvedimenti di disarmo nucleare".

  "Il tempo della ricerca dello 'equilibrio del terrore' è passato" - ha detto il Nunzio - "è ora il momento di riesaminare l'intera strategia della deterrenza nucleare. (...) La Santa Sede non ha mai approvato la deterrenza nucleare come provvedimento a carattere permanente, né la approva nel momento attuale quando è evidente che essa incoraggia la creazione di nuove armi nucleari, ostacolando un autentico disarmo nucleare". L'Arcivescovo Migliore ha concluso il suo intervento sottolineando che "dobbiamo sempre ricordare che l'uso delle armi non deve produrre mali e problemi più gravi del male che vogliono eliminare".

DELSS/ARMI NUCLEARI/ONU:MIGLIORE VIS 050506 (370)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 07/05/2005 @ 16:52:29, in Varie, linkato 2181 volte)

Il mio Angelo: ROCHEL
Coro: V del coro degli Angeli
Carattere: la ricomposizione
Descrizione: Custode dell’Armonia Universale, quest’Angelo è inviato a ripristinare la perduta unità tra il Maschile e il Femminile per consacrare l’originaria compostezza dell’Essere. Dona forza all’amore destinato a mantenersi nel tempo, a condizione che vengano rispettate le consuetudini e la fedeltà tra i coniugi. Si rivolgano a lui le persone oneste per ricomporre chiarezza e fortuna negli equilibri del cuore. Quale guardiano della giustizia, concede i suoi favori a chi opera secondo la legge. Protegge il lavoro svolto con dedizione e discrezione. Assicura il denaro guadagnato onestamente e protegge la riscossione dei crediti e delle eredità. Sostiene chi cerca di rafforzare l’armonica relazione con il proprio corpo e con la propria realtà. Aiuta a sviluppare e consolidare la dimensione affettiva e la fiducia in se stessi. In presenza di disturbi dell’alimentazione, come l’anoressia, può fornire un importante sostegno.
Calendario: Angelo Custode dei nati dal 1 al 5 marzo.

69. ROCHEL
 
Appartiene al coro degli Angeli
E' attribuito ai nati dal 1° al 5 Marzo
Elemento Acqua - Domicilio zodiacale dall’11° al 15° dei Pesci
Tramite l'invocazione è possibile ottenere:  ritrovamento di oggetti perduti o rubati, successo negli studi storici e nelle professioni connesse all’esercizio della Giustizia
E’ l’Angelo solare del Coro lunare degli Angeli.

Attraverso Lui, questi due astri vivono una storia D’amore; la Tradizione afferma che quest’Angelo è portatore di un’immensa chiarezza che permette di ritrovare ciò che un tempo è stato perduto.
Dal punto di vista filosofico, ciò che l’uomo ha perduto, è l’altro Sé stesso, la parte smembrata da lui  al momento della separazione dei sessi ( in origine gli Umani furono creati ermafroditi, Uomo – Donna)
Quest’Angelo equilibra le nostre tendenze maschili e femminili e tale equilibrio si manifesterà esteriormente attraverso la Fama e la Fortuna.
La persona vivrà in armonia con l’Ordine Divino e lavorerà affinché ogni cosa si sviluppi secondo tale ordine.
Quindi, avrà successo in veste di notaio, occupandosi di successioni, oppure come avvocato, risolvendo conflitti, poiché possederà una conoscenza profonda (innata) della Legge e dell’Ordine.
Secondo la Tradizione Esoterica, l’Angelo ROCHEL, i cui vero nome è RAHAEL ( REISH – ALEPH – HE – ALEPH – LAMED), accetta di essere chiamato così per differenziarsi nettamente da REHAEL (REISH – HE – AYIN – ALEPH – LAMED), l’Angelo Potestà 39, giacché i due Santi Nomi danno luogo alla medesima pronuncia orale.
Allorché ROCHEL esercita li profondo influsso, intorno all’individuo si registra un’autentica fioritura di amori disinteressati. Innumerevoli saranno le persone che si presenteranno a noi per offrirci il loro aiuto in ogni campo.
ROCHEL è l’Angelo della fedeltà.
La persona, di conseguenza, si distinguerà per un comportamento integerrimo, di esemplare dirittura, in pieno accordo con la sua Coscienza, ma talvolta nondimeno in contrasto con gli impulsi propri alla sua personalità umana.
E’ essenziale obbedire alla parte più elevata che alberga in noi, e non alle molteplici personalità abismatiche che turbinano nella nostra psiche, giacché nostro compito è la realizzazione del Piano previsto dal nostro Io – Superiore.
E da questa realizzazione dipenderà la nostra affermazione nella Vita.
 
Essenza Angelica : RESTITUZIONE
Qualità sviluppate : onestà, probità, amore e rispetto paterno, rispettabilità, grande nobiltà di cuore vigilanza, purezza. 
Difetti annullati : furti, rovina, deviazione, abuso di beni
Giorni di reggenza : 30 Maggio, 13 Agosto, 25 Ottobre, 5 Gennaio, 17 Marzo.   Ora: 22.40 – 23.00

Communication de l'Ange ROCHEL:

"Je suis l'Amour du Dieu Père et du Dieu Mère.
Je suis l'Equilibre du Père Divin et de la Mère Divine à l'intérieur de vous.
Je suis celui qui vous permet d'atteindre la Conscience d'être à l'intérieur de vous.
Je suis celui qui ramène l'Unité en vous.
Je suis celui qui vous fait prendre conscience de votre bipolarité pour mieux la quitter. Je suis la Douceur du Père incarnée dans l'Amour de la Mère.
Je suis la Tendresse de la Mère incarnée dans la volonté du Père.
Je suis celui qui vous dit : "Tu as été, tu es et tu seras de toute éternité".
Je suis la richesse de vos désirs dans ce qu'elle représente,
l'Image de Dieu dans votre monde.
Je suis le Sourire de Dieu vous regardant au travers de la Mère.
Je suis celui qui vous dit : "Tu es là, aime.
Car dans l'Amour réside la Conscience,
réside la Présence,
réside Dieu."
Je suis celui qui conduit le Chemin.
Je suis celui qui vous montre que la seule voie du Service est l'Amour,
l'Amour de vous-mêmes d'abord,
l'Amour de l'Autre ensuite.
Je suis l'Equilibre du Père et de la Mère.

ROCHEL, je t'accueille."

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 07/05/2005 @ 16:57:52, in Varie, linkato 1400 volte)

Lunadicarta

ASTROLOGIA ARABA
IL SEGNO DELLO SPADONE
 
elemento: ACQUA - polarita': NEGATIVO FEMMINILE
parola_chiave: RIFLESSIONE - pregi: SENSIBILITA', AFFETTUOSITA'
difetti: PIGRIZIA, DISPERSIVITA' - colore: BIANCO
metallo: ARGENTO - gemma: TURCHESE
numeri: 4, 12 - giorno: LUNEDI'
amuleto: CALAMITA - fiore: BIANCOSPINO
profumo: GELSOMINO pianta: CILIEGIO
pianeta: LUNA - mese: GIUGNO
 
Segno zodiacale dello SpadoneDescrizione: Nel segno dello Spadone troviamo le persone forse più interessanti e complesse sul piano psicologico. Sono individui dalla personalità ricca di sfumature, di emozioni diverse, di reazioni profonde e sincere. La loro volubilità non è un difetto, ma una risultante della loro accentuata sensibilità. Romantici, sentimentali, mostrano verso gli altri, e specialmente verso le persone care, grande premura e apprensione, ma in fondo in fondo hanno un carattere indomabile, anche se raramente e lentamente fanno ricorso a tutte le proprie doti interiori, preferendo restare tra le quinte ogni volta che è possibile. Fiduciosi nel prossimo e pronti ad aiutare amici e familiari, ci restano male quando vedono che non sempre gli altri ricambiano con pari premura e disponibilità. E allora si chiudono in una sorta di mutismo e d'inoperosità che è uno dei maggiori rischi del loro modo di agire. Hanno buone maniere e difficilmente cedono alla collera o all'aggressività anche quando sono nel giusto delle loro ragioni, preferendo ricorrere alla diplomazia per farsi valere.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 07/05/2005 @ 23:01:17, in Magistratura, linkato 1381 volte)

 

INTERVENTO DEL SEGRETARIO DI UNITA’ PER LA COSTITUZIONE AL CONGRESSO NAZIONALE DI MD A PALERMO.

Nella qualità di nuovo Segretario Generale porto a tutti voi il saluto di Unità per la Costituzione.
Noi di Unità per la Costituzione abbiamo la consapevolezza che MD è stata ed è un preciso riferimento per i magistrati , inclusi coloro che non vi aderiscono.
E’ un grande riferimento culturale, perché rappresenta una opzione ideologica chiara, pur nella sua complessità.
Siamo convinti che il pluralismo ideale e culturale in magistratura sia indispensabile per la difesa dei valori dell’autonomia della giurisdizione nell’attuale periodo storico caratterizzato da un sistema politico bipolare.
Il rischio di una deriva verso un bipolarismo giudiziario , con la radicalizzazione di una logica di schieramento e di contrapposizione, è forte, e, a nostro avviso, può essere scongiurato proprio attraverso la valorizzazione della diversità di cultura esistente in magistratura.
Riteniamo che l’attuale sistema elettorale per il rinnovo del CSM favorisca la logica di schieramento e sia un dannoso incentivo alla contrapposizione  all’interno dell’organo di autogoverno.
In proposito, consideriamo urgente un intervento legislativo che realizzi il valore dell’effettivo proporzianalismo,  indispensabile per un organismo di rilevanza costituzionale che deve “rappresentare” i magistrati, più che governarli.

Manifestiamo la nostra ferma contrarietà allo schema dei cd. cartelli elettorali, che consideriamo uno strumento oggettivamente orientato a favorire lo schieramento e la contrapposizione.
L’associazionismo giudiziario ha bisogno di tutte le diverse culture che si sono strutturate al suo interno in forme organizzate.
E tutte le identità culturali devono contribuire all’unità associativa, che, però, non va interpretata come valore fine, bensì come bene strumentale per il conseguimento di un programma politico comune.
La recente esperienza della Giunta Bruti costituisce un esempio positivo di come tutti  abbiamo in concreto contribuito a vanificare il disegno controriformatore dell’Ordinamento Giudiziario.
Crediamo allo sforzo riformista dell’ANM , ed in tal senso abbiamo condiviso le critiche severe ad interventi normativi varati (quali la riforma del falso in bilancio, la normativa sulle rogatorie, o quella sulla sospensione dei processi alla cariche dello Stato), o in corso di approvazione  (quali la novella sulla prescrizione).
Su questa frontiera siamo stati e saremo in prima linea nella difesa irrinunciabile dei valori costituzionali, quale che sia la parte politica alla guida del Paese, come dimostra l’uguale impegno speso nel contrastare le negatività del progetto della Commissione Bicamerale.
 
Pur augurandoci che sia verosimilmente “al tramonto” il progetto di riforma dell’Ordinamento Giudiziario, nelle linee proposte dall’attuale maggioranza di Governo( decisamente penalizzanti per l’indipendenza e per l’autonomia della Magistratura), siamo consapevoli che si impongono per l’ANM temi importanti di confronto  al suo interno e con le forze politiche.
Il processo penale ed il sistema delle impugnazioni, il processo civile, il ruolo nomofilattico della Corte di Cassazione, la organica sistemazione ordinamentale della magistratura onoraria, la crescente attenzione ad una normazione (sia primaria che secondaria) finalmente garante delle diversità di genere, sono certamente tra le più importanti sfide per l’associazionismo giudiziario per i prossimi anni.
Non nascondiamo le nostre preoccupazioni per iniziative legislative come quelle materializzate con il recente emendamento al decreto sulla “competitività”, soprattutto per le ricadute (niente affatto tranquillizzanti) sul processo di Cassazione, destinato a diventare più lento, indiscriminatamente aperto a qualunque tipo di istanza, e, surrettiziamente, un terzo grado di merito.
Riteniamo, altresì, ineludibile sciogliere il nodo relativo al rapporto tra politica e magistratura, per quanto , in particolare, riguarda l’elettorato passivo del magistrato: vanno probabilmente sperimentate le strade dell’ineleggibilità, o, meglio (quanto meno sotto il profilo della maggiore tenuta di costituzionalità), della incompatibilità.
Su questi temi intendiamo dare  il nostro contributo e su questi temi intendiamo confrontarci serenamente ed in maniera costruttiva con tutte le altre componenti associative.

Qualche parola,infine, sul rapporto tra le correnti.
Il rispetto della diversità degli altri è un valore che dovrebbe caratterizzare il metodo del confronto associativo. Unità per la Costituzione è oggi molto attenta all’uso non omologante della unità associativa.
Non ha senso sostenere il sistema delle correnti, con la loro legittima diversità, ed al tempo stesso  accettare una apparente “omologazione”, cui non corrispondono comportamenti politici responsabili.
Vogliamo continuare il ragionamento della unità associativa verso l’esterno, esigendo, però, all’interno lealtà e chiarezza.
Le critiche, anche polemiche, sono sempre legittime (ed anche ben accette), purchè non scadano in tecniche di imbarbarimento del confronto, come, purtroppo, negli ultimi tempi abbiamo amaramente registrato.
Non condividiamo certamente lo “schierarsi”  su temi di politica generale, con tesi chiaramente riconducibili ad una parte politica, ma rispettiamo detta opzione culturale, ritenendola legittima nella dialettica associativa.
La critica ed il confronto dialettico vanno difesi gelosamente nell’ambito del rispetto dei luoghi e dei comportamenti.

Concludo con i miei personali complimenti a Claudio Castelli per come ha saputo interpretare i valori del gruppo che ha rappresentato in questi anni, e rivolgo a tutti voi gli auguri di buon lavoro.

Palermo, 6 maggio 2005
Marcello Matera

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 08/05/2005 @ 19:25:00, in Magistratura, linkato 1312 volte)

UNICOST

La spregiudicata aggressività, nei toni e nei contenuti, delle recenti dichiarazioni di esponenti autorevoli di MD ( che tuonano, in maniera invero populistica e manichea, contro il correntismo) impone una riflessione seria sulle ragioni dello stare insieme in una giunta unitaria  dell’ANM.
L’unità associativa non può essere interpretata ipocritamente come necessità di far fronte comune verso l’esterno, e nello stesso tempo essere vanificata gridando ai quattro venti la esclusività della propria “purezza” ( tutta da verificare) e lanciando accuse di presunte nefandezze commesse o addirittura che starebbero per commettersi ( guarda un po’) sempre dagli altri.
Il fenomeno della degenerazione del correntismo è un argomento serio, con il quale tutte le componenti associative ( inclusa MD) dovrebbero fare i conti nel proprio  interno.
Affrontare detto argomento in maniera semplicistica e demagogica (puntando essenzialmente sull’effetto  mediatico piuttosto che su contenuti  ) non può essere ritenuto più casuale.
Tanto preoccupa enormemente per le inevitabili ricadute sulla credibilità e sulla legittimazione della magistratura intera, e del suo sistema di autogoverno.
Appare del tutto evidente la scelta “frontista” di MD che sposa in pieno la logica del bipolarismo giudiziario ed accredita la tesi della esistenza di una magistratura di un colore (politico) contrapposto ad altra di colore diverso.
Unità per la Costituzione non accetta questa logica e la contrasterà in ogni sede, nella consapevolezza che il bipolarismo giudiziario, ove si materializzasse, decreterebbe la “fine” di una magistratura libera, credibile e garante dell’uguaglianza di tutti i cittadini.

Marcello Matera
Segretario Generale di Unità per la Costituzione

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 08/05/2005 @ 19:28:15, in Giuristi, linkato 1457 volte)

Confermo il convegno del 17 maggio dalle ore 10,30 in poi presso l'Aula Magna della Corte di Appello di Roma in via Romei 2  dal titolo: "Nuove frontiere della tutela dei diritti sociali alla luce dei principi costituzionali", a cura del Forum "Liberta' di Movimento", che prevede la partecipazione di numerosi parlamentari, magistrati, avvocati, docenti - oltre che di sindacati e associazioni -, e che si snodera' sulla scorta dell'articolo scritto dal senatore e gia' magistrato Ferdinando Imposimato sul Manifesto di sabato 7 maggio.Il convegno prelude alla costituzione di una Consulta giuridico-politica nazionale.
Verra' inoltrato il documento ufficiale con l'elenco di tutti i partecipanti non appena disponibile,ma gia' sin d'ora chi e' interessato puo' prendere contatto.

Avv.Pasquale Vilardo
Associazione Giuristi Democratici Roma

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 09/05/2005 @ 12:06:51, in Indagini, linkato 1958 volte)

Operazione antimafia a Messina: arrestati un giudice e un vicequestore

Un giudice, un vicequestore e un ex sottosegretario: tutti e tre raggiunti da un ordine di custodia cautelare. Il blitz antimafia scattato all'alba di lunedì 9 maggio in provincia di Messina vede coinvolti nomi eccellenti. A conclusione di un'indagine sui canali di riciclaggio dei capitali di Cosa Nostra sono state arrestate in tutto sedici persone, tra cui vari imprenditori e professionisti.
Diversi i capi d'accusa: concorso esterno in associazione mafiosa, riciclaggio, corruzione, istigazione alla corruzione, concussione, rivelazione di segreto di ufficio e favoreggiamento personale nei confronti di mafiosi. L'indagine (e relativi ordini di custodia cautelare) è estesa ad altre regioni: Lombardia, Toscana e Sardegna.
In manette, dunque, anche un giudice: Giuseppe Savoca, presidente di sezione del tribunale civile di Messina. Così come un vicequestoe della polizia messinese. Sfugge invece alla cattura un altro nome eccellente, Santino Pagano, ex sottosegretario al ministero del Tesoro (dell'Udeur).
Un altro giudice, il pubblico ministero Vincenzo Barbaro, sostituto procuratore della Repubblica presso Direzione distrettuale antimafia, è stato invece raggiunto da un avviso di garanzia. «Questa situazione ha veramente dell'incredibile». ha commentato poco dopo aver ricevuto la notizia. «Assolutamente sereno e tranquillo», convinto che «l'istituzione saprà chiarire tutto», Barbaro si è recato regolarmente al lavoro. Lo attende proprio un processo per mafia, nel quale dovrà rappresentare l'accusa.

(L'Unità 9 maggio 2005)
http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=HP&TOPIC_TIPO=&TOPIC_ID=42502

***

Blitz antimafia su ordine della procura generale di Reggio Calabria
Tra le persone agli arresti domiciliari un ex sottosegretario e un vicequestore
Riciclaggio, 16 arresti a Messina coinvolti anche due magistrati
Ordinanza di custodia anche per il giudice del tribunale civile Savoca
Solo indagato il sostituto procuratore Vincenzo Barbaro

MESSINA - Due magistrati, un ex sottosegretario e un vicequestore di polizia. Sono questi i personaggi eccellenti coinvolti in una vasta inchiesta antimafia condotta dalla Dia di Messina ma coordinata dalla Procura generale di Reggio Calabria, competente a procedere nei confronti dei colleghi messinesi.

Il presidente della sezione fallimentare del tribunale civile di Messina Giuseppe Savoca è stato posto agli arresti domiciliari, mentre il sostituto procuratore presso il tribunale di Messina Vincenzo Barbaro è semplicemente indagato. Colpiti da un ordine di custodia cautelare anche Santino Pagano, ex sottosegretario dell'allora Ccd-Cdu al Tesoro nel secondo governo Amato, e un vicequestore di polizia, Alfio Lombardo, trasferito da alcuni mesi da Messina a Palermo.

Complessivamente gli arresti disposti dal gip di Reggio Calabria sono sedici. Le principali ipotesi di reato su cui hanno lavorato gli uomini della Dia sono quelle di riciclaggio, corruzione e associazione mafiosa. L'inchiesta avrebbe messo in luce collusioni fra imprenditori e boss mafiosi per il riciclaggio di denaro sporco, anche attraverso il coinvolgimento di magistrati, in diversi affari ritenuti illeciti.

La procura generale di Reggio Calabria, che ha avocato l'inchiesta dopo le lentezze con la quale era partita, è convinta di aver scoperchiato un sistema illecito di connivenze in cui l'imprenditoria veniva utilizzata per finanziare le famiglie mafiose e pagare le tangenti ai politici. A Messina, secondo quanto emerso, sarebbero confluiti anche gli interessi economici delle cosche di Palermo e Catania.

Dei 16 provvedimenti emessi dal gip, quattro riguardano indagati per i quali sono stati disposti gli arresti domiciliari, sei sono finiti in carcere e altri sei sono ancora ricercati, anche all'estero, dove si sospetta siano latitanti.

L'inchiesta messinese ha preso lo spunto da una indagine avviata alcuni anni fa dalla Dda di Milano che ha riguardato un grosso riciclatore con interessi in molti paesi esteri. I pm milanesi, dopo aver notato che la competenza per molte vicende era dei colleghi siciliani e calabresi, avevano inviato a Messina e Reggio Calabria i fascicoli, che sono poi stati riuniti dalla procura generale in un solo procedimento.

(La Repubblica 9 maggio 2005)
http://www.repubblica.it/2005/e/sezioni/cronaca/mafiamessina/mafiamessina/mafiamessina.html

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie più cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unità per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog è di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










23/08/2019 @ 21.47.06
script eseguito in 422 ms