Immagine
 .. occhi bruni ..... di Lunadicarta
 
"
Se temi la solitudine non cercare di essere giusto.

Jules Renard
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 20/10/2011 @ 14:50:44, in Osservatorio Famiglia, linkato 1619 volte)
Immoralità dalla Rete:
Una taglia per ritrovare Anna Giulia




La gestione strumentale della vicenda umana dei coniugi Camparini e della sottrazione giudiziaria della loro figlioletta ha raggiunto e superato la soglia dell'immoralità.

Ventimila euro per la "pelle" della piccola Anna Giulia, ormai fagocitata dal suo avvocato e dall'entourage associativo di uomini indagati, condannati o sotto processo per reati ai danni di minori o nei confronti di donne che hanno avuto la sfortuna di divenire le loro consorti.

La rassegna dalle persone che contano nel gruppo "Insieme per Stella", la bimba ribattezzata dalla redazione della trasmissione "Chi l'ha visto?", è da museo degli orrori.

Così, per non tediarvi troppo, sorvolo i casi dei parlamentari o politici amministrativi coinvolti in scandalosi festini con cocaina e transessuali e/o con denunce per il bunga bunga barese personale. A dirla tutta ci sarebbero anche i politici con storie personali di cattiva amministrazione: dal broglio elettorale, alla sanitopoli, affittopoli, parentopoli ecc.. marcatamente di destra o fuoriusciti di sinistra, ma non hanno storie particolari che interessino direttamente i costumi morali o più in generale il diritto di famiglia.

Il gruppo "Insieme per Stella" è soltanto una delle ormai circa 500 pagine false, che infestano facebook italiano. Un oscuro e psicotico pacchetto promozionale, mirato alla finzione scenografica di un associazionismo realmente inesistente, ottenuto con il credito millantato e l'abuso della credulità popolare e che, dopo i fasti di Falsi Abusi, ora è il paladino dell'import internazionale delle politiche di Nambla (North American Man Boy Love Association, gli orchi del Boy Love Day) in Italia. Colui che gestisce l'intero pacchetto è l'amministratore di una società di web hosting, già attiva nel commercio di pornografia online. Un uomo, attualmente sotto processo per maltrattamenti familiari, con la condanna già scritta e un iter giudiziario predeterminato da una sentenza della Suprema Corte di Cassazione, per mezzo della quale l'alta corte ha determinato l'esattezza del reato iscritto a suo capo dal pubblico ministero accertandola su dati di fatto. 

I numeri delle risorse umane? Una ventina di persone di punta, tutti presidenti e presidentesse di associazioni vuote create con statuti copia - incolla.  Poi un pugno di associati uso truppe cammellate tra ndagati, condannati o attualmente sotto processo. Personcine raccomandabili con imputazioni per stalking, percosse e altre violenze private ai danni delle donne e/o che sono rei di abusi ai danni di minori (in carcere: Sergio Murolo di Trentola Ducenta, il napoletano Enrico Perillo e i suoi due mandatari responsabili di omicidio, ed altri di famosi scandali a Torino o con condanne in primo grado fino a 9 anni e 9 mesi nella Reggio del nord).

Tra tutti spicca proprio l'avvocato dei Camparini, colui che si rende materialmente portavoce della offerta di una "taglia" per ritrovare la bambina, protetta attualmente dalle Istituzioni e da un tutore legale.

Cosa saranno mai 20.000 euro in bocca all'avvocato del pedofilo Enrico Perillo, un uomo finito in carcere  con una sentenza a 15 anni di reclusione per aver seviziato una bambina come Anna Giulia, nonché il mandante dei due che hanno assassinato brutalmente la madre della piccola vittima, "Teresa Buonocore", a colpi di pistola, condannati rispettivamente a 21 e 18 anni di reclusione in primo grado di giudizio.

Cosa saranno mai 20.000 euro nella bocca dello stesso avvocato, che tempestava presso il capo della Procura contro la pubblico ministero del processo a La Monica, condannato in primo grado a 9 anni e 9 mesi per aver molestato altre bambine come Anna Giulia Camparini e reo accertato della detenzione di 399 file pedopornografici estremi sul suo computer, probabilmente soltanto perché l'ottima pm è donna.

Certo questi 20.000 euro avranno un ritorno milionario in pubblicità personale e associativa. Quindi, se è vero che la pecunia non olet, dobbiamo pur credere che questo denaro abbia una fonte reale.

Chi sarà mai il magnifico "finanziatore"? E ancora, a quale "specie" apparterrà?

I Camparini hanno già la difficile situazione di chi ha già tentato due volte contro la sorte. Ed entrambi hanno già riportato delle condanne per i due rapimenti della figlioletta, sottratta alla custodia stabilita dal Tribunale. Quale allora il progetto di offrire una taglia di 20.000 euro per rintracciare (ed ovviamente rapire per la terza volta) la bambina?

Quali e di quale entità sono gli interessi economici nel gettare al rogo questi due genitori esagitati?

Dagli articoli della stampa quotidiana online si evince che vi sia anche una donna ad amministrare il fantomatico "sostegno ai Camparini" del gruppo facebook, intitolato "Insieme per Stella". Di questa persona sappiamo soltanto che, pur essendo donna, ha sposato le politiche dei pedofili eterosessuali dell'Alice Day (il pride dell'orgoglio di questi orchi ricorre il 25 aprile e recentemente viene coperto a ricalco dalla giornata della "contro l'alienazione genitoriale") e la PAS. La stessa attuale generalessa del Diritto Familiare che pochi anni orsono, senza pensare un attimo ai suoi figli, avrebbe sposato in Comune una lesbica transessuale, salvo poi chiudere in pochi mesi ed a pubblicità esaurita la burrascosa relazione.

Questi sono gli interrogativi legati al caso Camparini. Sono fatti reali quelli ai quali io mi attengo.

Al candido lettore le preoccupanti conclusioni...

Loredana Morandi

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
SVOLTA NEL PROCESSO RIGNANO,
LA DOMESTICA DI CASA SCANCARELLO:

”HO VISTO LA DEL MEGLIO PORTARE DUE ALUNNI A CASA SUA”



di  Simona Boenzi
il 18 ott, 2011

Porte chiuse ieri mattina al secondo piano della sezione penale di via Arnaldi a Tivoli. dalle 9 alle 15 il collegio presieduto da Mario Frigenti, Marzia Minutillo Turtur, Barbara Callari, ha ascoltato alcuni testimoni “chiave” del caso Rignano Flaminio.

Fra tutti spicca la testimonianza della domestica di casa Scancarello che ha giurato di aver visto la maestra Patrizia Del Meglio, rincasare in orario scolastico, con due alunni della sua scuola, la materna Olga Rovere.

Non solo, secondo quanto riferisce la donna, pare che la Del Meglio sia entrata con i bambini da una entrata secondaria dell’abitazione, una porta – finestra, descritta anche dagli stessi alunni, così come i giocattoli ritrovati nel giardino di casa, gli stessi che ricordano i piccoli.

Chiamato a deporre inoltre, anche il medico curante della Del Meglio il quale avrebbe confermato la prescrizione di farmaci contenenti benzodiazepine alla paziente, componente sedativa ritrovata anche nei capelli di alcuni alunni.

Oltre a loro, è stata sentita l’ultima coppia di genitori, oggi residente in Francia insieme al figlio, “fuggita” dalla cittadina per permettere al piccolo di ricominciare una nuova vita.

Infine l’ultima domestica sentita avrebbe confermato di aver visto in uno dei computer di casa Scancarello, alcune foto di bambini in divisa scolastica. “Sono quelli dello Zecchino d’Oro” avrebbe risposto l’autore televisivo, autore fra l’altro anche di quello spettacolo. “Siamo vicini alla verità – ha detto soddisfatto l’avvocato Carlo Taormina,  legale di parte civile di alcuni genitori”.

http://www.eventienews.it/2011/10/18/svolta-nel-processo-rignano-la-domestica-di-casa-scancarelloho-visto-la-del-meglio-portare-due-alunni-a-casa-sua/
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
http://www.giustiziaquotidiana.it/public/camera_penale_roma.jpg

La Camera Penale di Roma


sulle dichiarazioni del dott. Pezzuto, portavoce del ministro Brunetta, circa l’impegno che la CPR non avrebbe onorato nel fornire “le postazioni per la consultazione degli atti digitali presso il Tribunale di Roma”

osserva

la preziosa partecipazione della CPR, riconosciuta ed apprezzata per la qualità e competenza degli interventi all’interno del gruppo di lavoro sulla digitalizzazione degli atti processuali, è stata prestata nella fase di sperimentazione del sistema informatizzato.

Nella fase di elaborazione della proposta di sperimentazione, gli avvocati della Camera Penale di Roma si sono impegnati a contribuire al progetto, peraltro senza indicazioni precise, a condizione che il sistema fosse a regime.

La condizione tuttora non si è verificata, anzi, la sperimentazione è da tempo interrotta, certamente non per la insinuata inadempienza della CPR ma per ragioni che vanno cercate altrove.

Attualmente, permangono le difficoltà operative che, in sede di lavori preparatori, gli avvocati della Camera Penale di Roma hanno evidenziato quali insuperabili ostacoli alla consultazione informatica degli atti, primo tra tutti la navigabilità, sperimentata per qualche tempo all’ufficio GIP, ma non replicata in altri uffici secondo la prevista progressione della sperimentazione.

Si invita pertanto il portavoce del ministro Brunetta, dott. Pezzuto, a rettificare in tal senso le sue dichiarazioni.


Roma, 20 ottobre 2011

La Camera Penale di Roma

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 21/10/2011 @ 06:03:12, in Redazionale, linkato 2201 volte)
#OpDarknet pubblicati i nomi di 1589 pedofili

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/anonymouslogo.jpg

#OpDarknet, dal nome del chan IRC riconoscibile dal carattere "cancelletto" prima del nome, ha mietuto un altro successo contro la pedofilia in rete. La performance della crew si è rivolta ad un sito pedopornofrafico allocato negli states, LolitaCity, dal quale sono stati estratti e pubblicati i nickname di 1589 pedofili.

Nel comunicato gli Anonymous spiegano le difficoltà di accedere alla "trading darknet", letteralmente una oscura rete commerciale, e le tempistiche per rintracciare l'IP fisico del sito che tecnicamente rimbalza tra Europa, Asia e Sud Africa, ma si trova allocato negli states. Il sito, dichiara sempre il comunicato, è su un server NGNIX (il termine shared significa che il server è condiviso da più utenti e che vi sono allocati più siti web), e adesso ha due gatti tostapane (sono certamente virus che distruggeranno il database) mentre nella fuga cioè in uscita è stato "rovinato" il php, ovvero il "programma di ambiente" che consente a tutti i siti allocati sul server di funzionare.

Ma non è finita qui, perché l'azione di hacking è stata disturbata da un amministratore del server (personale della società Freedom Hosting), che ha ripristinato una parte dei link e delle foto contenute dal sito web costruito con un programma simile a quello opensource di Wikipedia, reinstallando i backup e ripristinando le funzioni di accesso per gli utenti. Compresa l'implicazione della società di hosting, gli hacker hanno "attenzionato" il gestore intimandogli di rimuovere i contenuti illegali. All'evidenza di un rifiuto della società, gli hacker hanno provocato lo shutdown del server.

Quest'ultima performance è discussa da diversi quotidiani, con intento più o meno commercial e forse poca comprensione della meccanica dell'operazione anche in Italia, in quanto #OpDarknet sembrerebbe essere stata infiltrata da alcuni utenti che hanno attivato dei propri account  anche sul sito pedopornografico.  Cosa questa in corso di accertamento. Sempre, quando appare il volto commerciale e societario della pedopornografia, apparentemente sembra che si divida il popolo della rete,  spesso in realtà le voci contro sono quelle di persone "prezzolate" se non addirittura la "gerenza" sotto falso nome e falsa reputazione nel mondo degli hacker. La crew di OpDarknet, infatti, si ripropone di non consentire mai più la collaborazione di persone nuove. Una attenzione doverosa, perché anche tra i pedofili di genere e non si annidano alcuni hacker.

Attualmente risulta che il dominio freedom-hosting.com sia scaduto ad agosto, ed allocato in "sospeso" presso gli stessi server, quindi è da considerare che questa organizzazione per il commercio di audiovideo pedopornografici sia in fase di restyling per riapparire con altro nome e veste grafica.

Spaventa inoltre il fatto che siti apparentemente innocui offrano l'accesso a queste darknet criptate e che per la loro realizzazione si usino programmi di facile fruizione identici a quello di Wikipedia, Wikia et simili che sono il frutto  del lavoro disinteressato di tanti giovani programmatori.

I nick del lungo elenco estratto dal sito Lolita City non lasciano alcun dubbio sulla natura del personaggio reale celato. Vi appaiono infatti: Baby Lover, Pedosito, pedoxperience, rawboyseeder (le raw sono file audiovideo originali, la parola Boy non lascia dubbi sui contenuti di genere pedofilo omosessuale, seeder significa che il pedofilo nella filiera commerciale si occupa della distribuzione) e, tra tanti, c'è anche un gianluigi italianissimo... 

Concludo con il mio personalissimo plauso agli autori della performance di hacking. Anche io, con il mio hunger strike contro lo sfruttamento commerciale di Unina, ho compiuto una azione di hacking. Sì, ma delle ipocrisie del sistema. Pedofili? Sì, da poterne vedere in 38 mesi di stalking subito almeno uno in carcere con condanna definitiva.

Loredana Morandi
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 21/10/2011 @ 08:44:41, in Politica, linkato 1971 volte)

Oh! L.M.

D'Alema indagato da Procura Roma

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/dalema.stupito.jpg

Il coinvolgimento del parlamentare sarebbe legato ad alcuni voli da lui fatti su velivoli della low cost Rotkopf Aviation


ROMA  - Massimo D'Alema è indagato dalla procura di Roma nell'ambito di uno dei capitoli di indagine relativi agli appalti Enac. Il coinvolgimento del parlamentare sarebbe legato ad alcuni voli da lui fatti su velivoli della low cost Rotkopf Aviation, società coinvolta dalla più ampia inchiesta.

L'inchiesta nella quale è coinvolto D'Alema è quella che ruota intorno alla figura dell' intermediario Vincenzo Morichini, amico di vecchia data del presidente del Copasir. Gli accertamenti dei pm Paolo Ielo e Giuseppe Cascini, hanno preso spunto da una tangente di 40 mila euro consegnata a Franco Pronzato, già componente del cda Enac, per avere agevolato la società low coast Rotkopf Aviation dell'imprenditore Viscardo Paganelli, ad ottenere il certificato di operatore aereo (Coa) per partecipare all'appalto Enac e la gestione dei voli di linea per l'isola d'Elba. Nel quadro degli accertamenti è emerso che D'Alema avrebbe volato cinque volte, per motivi di lavoro, su velivoli della low coast e lo stesso Paganelli avrebbe precisato che nella contabilità della sua società non risultano voli concessi a titolo gratuito. Lo stesso D'Alema, nel luglio scorso, aveva spiegato che i voli erano stati regolarmente pagati da Morichini.

AVVOCATO D'ALEMA, A PM DATO OGNI CHIARIMENTO - "Oramai diversi giorni fa abbiamo incontrato i pm Cascini e Ielo e abbiamo fornito loro ogni chiarimento sulla vicenda dei voli". E' quanto dichiara l'avvocato Gianluca Luongo, legale di Massimo D'Alema, a proposito della notizia dell'iscrizione dell'ex presidente del Consiglio nel registro degli indagati nell'inchiesta della Procura di Roma sugli appalti Enac.

Fonte: ANSA

La Rassegna

Appalti Enac: D'Alema indagato


Domenico Lusi

ROMA - Finanziamento illecito a un parlamentare. È il reato per il quale il presidente del Copasir, Massimo D'Alema, è stato iscritto nel registro degli indagati della Procura di Roma. L'accusa si riferisce a cinque passaggi aerei gratuiti che l'ex presidente del Consiglio avrebbe accettato a bordo dei Cessna della Rotkopf Aviation, la compagnia low cost di Viscardo e Riccardo Paganelli finita nell'occhio del ciclone la scorsa estate nell'ambito delle indagini sulla gara Enac per i voli per l'Isola d'Elba. Un filone della più ampia inchiesta su appalti e tangenti legati a Vincenzo Morichini, ex amministratore di agenzie Ina Assitalia e fundraiser della Fondazione Italiani Europei di D'Alema. L'esponente del Pd è già stato interrogato dai pm Paolo Ielo e Giuseppe Cascini una decina di giorni fa. «Abbiamo fornito ai magistrati ogni chiarimento sulla vicenda dei voli» si è limitato a dichiarare al riguardo l'avvocato Gianluca Luongo, difensore di D'Alema. Il presidente del Copasir avrebbe ribadito ai magistrati la versione dei fatti già fornita la scorsa estate dalla portavoce Daniela Reggiani: «Nel 2010 Morichini ci disse che aveva una partecipazione in una compagnia aerea e che avremmo potuto usufruirne qualora ci fosse stato bisogno. Dunque, in situazioni di emergenza e cioè quando non c'erano collegamenti diretti e immediati, abbiamo chiesto di poter salire su quei voli». I pm contestano a D'Alema un finanziamento illecito di poco meno di 7mila euro, vale a dire il valore dei biglietti aerei di cui avrebbe usufruito a titolo gratuito. Sono cinque voli concentrati tra luglio (uno), agosto (uno) e l'autunno (tre) del 2010. In tre casi i Cessna della Rotkopf decollarono da Roma (in due occasioni, a bordo anche Morichini, le destinazioni sono state Foligno, per partecipare alla campagna elettorale della governatrice dell'Umbria Catiuscia Marini, e poi ad Asolo) e in due casi da Bari e Lamezia, destinazione Roma. Delegato le indagini, il Nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di Finanza, guidato dal generale Leandro Cuzzocrea, nei giorni scorsi ha consegnato un'informativa sulla cui base i pm decideranno nei prossimi giorni il da farsi. L'orientamento sarebbe di chiedere l'archiviazione per D'Alema, a causa di due motivi. Dalle dichiarazioni del presidente del Copasir non emergerebbe la consapevolezza dei rapporti esistenti tra Morichini e i Paganelli sulla cui base gli vennero messi a disposizione i passaggi aerei. Per l'uso di beni e servizi, inoltre, è difficile configurare la dazione necessaria per ipotizzare il finanziamento illecito.
L'inchiesta costituisce un rivolo del filone d'indagine aperto dalla Procura di Roma sulla presunta tangente di 40mila euro pagata dai Paganelli all'ex consigliere di amministrazione dell'Enac, Franco Pronzato - che l'avrebbe divisa a metà con Morichini - per accelerare la pratica volta a ottenere il Coa (Certificato di operatore aereo), atto necessario alla Rotkopf per potere partecipare alla gara per i voli tra l'Isola d'Elba, Firenze e Pisa. La vicenda si è conclusa con le richieste di patteggiamento da parte di Pronzato, accusato di corruzione, e dei presunti corruttori, Viscardo Paganelli e il figlio Riccardo. Interrogato il 4 luglio scorso dal pm Ielo, Viscardo Paganelli, in relazione ai voli per i quali è indagato il presidente del Copasir, aveva detto che «nella contabilità della Rotkopf non risultano voli gratuiti, nessuno ha mai viaggiato gratis con la nostra compagnia, neanche D'Alema». L'imprenditore chiarì anche quale era stato il ruolo dell'esponente del Pd, ma sul punto non era stato possibile sapere di più perché il verbale venne secretato. L'inchiesta sugli appalti legati a Morichini nasce dalle dichiarazioni rese ai pm da Pio Piccini, l'imprenditore coinvolto dell'inchiesta sul fallimento Agile-Eutelia.

LA VICENDA

Soldi per il certificato di volo
L'inchiesta che vede coinvolto Massimo D'Alema è un rivolo del filone d'indagine aperto dalla Procura di Roma sulla presunta tangente di 40mila euro pagata da Viscardo e Riccardo Paganelli all'ex consigliere di amministrazione dell'Enac, Franco Pronzato (che l'avrebbe divisa a metà con Vincenzo Morichini, fundraiser della Fondazione Italiani Europei di D'Alema), per accelerare la pratica necessaria ad ottenere il Certificato di operatore aereo alla Rotkopf per potere partecipare alla gara per i voli tra l'Isola d'Elba, Firenze e Pisa. La vicenda si è conclusa con le richieste di patteggiamento da parte di Pronzato e dei Paganelli

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2011-10-21/appalti-enac-alema-indagato-063945.shtml?uuid=AaM6ejEE

Appalti Enac: D'Alema indagato

Il Sole 24 Ore - ‎1 ora fa‎
Finanziamento illecito a un parlamentare. È il reato per il quale il presidente del Copasir, Massimo D'Alema, è stato iscritto nel registro degli indagati della Procura di Roma. L'accusa si riferisce a cinque passaggi aerei gratuiti che l'ex presidente ...

Voli a scrocco e tangenti Indagato Massimo D'Alema

Libero-News.it - ‎30 minuti fa‎
L'ex premier interrogato dai pm di Roma. L'inchiesta riguarda i voli sugli aerei di un imprenditore che avrebbe pagato tangenti al Pd arà anche un atto dovuto, come si dice. E però la notizia è fragorosa, altroché: Massimo D'Alema indagato. ...

Appalti Enac, D'Alema indagato dai Pm romani

DiariodelWeb.it - ‎8 minuti fa‎
Il Legale: Abbiamo fornito ogni chiarimento ai PM. Cicchitto: Avviso a D'Alema, motivazioni forzate. Gasparri: Non condivido le parole di Cicchitto ROMA - Massimo D'Alema è stato indagato dalla Procura di Roma nell'ambito di uno dei capitoli ...

Appalti Enac: indagato D'Alema per alcuni viaggi aerei gratis

Julie News - ‎30 minuti fa‎
ROMA - La Procura di Roma ha iscritto nel registro degli indagati l'ex Presidente del Consiglio Massimo D'Alema. I fatti per cui è indagato sono quelli relativi ad alcuni voli gratuiti che D'Alema avrebbe fatto con gli aerei della società Rotkopf, ...

Massimo D'Alema indagato per i voli gratis sulla Rotkopf Aviation

Il Sole 24 Ore - ‎11 ore fa‎
Massimo D'Alema è indagato dalla procura di Roma nell'ambito di uno dei capitoli di indagine relativi agli appalti Enac. Il coinvolgimento del parlamentare sarebbe legato ad alcuni voli da lui fatti su velivoli della low cost Rotkopf Aviation, ...

*** Appalti: vicenda Enac, D'Alema indagato a Roma

Corriere della Sera - ‎11 ore fa‎
Gia' interrogato dai magistrati Roma, 20 ott - Massimo D'Alema e' indagato dalla Procura di Roma, nell'ambito dell'inchiesta sulla presunta tangente pagata dai titolari della compagnia low cost Rotkopf Aviation, all'ex consigliere di amministrazione ...

Appalti Enac, indagato D'Alema

TGCOM - ‎7 ore fa‎
00:14 - L'ex presidente del Consiglio, Massimo D'Alema, è indagato dalla procura di Roma nell'ambito di uno dei capitoli di indagine relativi agli appalti Enac. Il suo coinvolgimento sarebbe legato ad alcuni voli su aerei della low cost Rotkopf ...

Appalti/ D'Alema indagato da pm Roma per 5 voli low-cost

TM News - ‎10 ore fa‎
Roma, 20 ott. (TMNews) - Massimo D'Alema è stato indagato dalla Procura di Roma nell'ambito di uno dei capitoli dell'inchiesta sulla presunta tangente pagata dai titolari della compagnia low cost Rotkopf Aviation, all'ex consigliere di amministrazione ...

Appalti Enac, D'Alema indagato Indagine legata a voli gratis

La Repubblica - ‎10 ore fa‎
Il parlamentare Pd avrebbe usufruito di passaggi aerei gratuito, che l'interessato definisce "offerti a titolo di cortesia". I legali: "Già tutto chiarito". A giugno era stato arrestato Pronzato, componente del cda dell'ente per l'aviazione civile. ...

INCHIESTA ENAC: D'ALEMA INDAGATO PER FINANZIAMENTO ILLECITO

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎9 ore fa‎
(AGI) - Roma, 20 ott. - D'Alema avrebbe beneficiato di cinque voli gratuiti della Rotkopf Aviation (rispetto a un costo complessivo intorno ai 6mila euro) che gli sarebbero stati messi a disposizione da Vincenzo Morichini, ex amministratore della Ina ...

Appalti Enac e voli gratis D'Alema indagato dalla Procura di Roma

Il Fatto Quotidiano - ‎11 ore fa‎
La Procura di Roma ha iscritto nel registro degli indagati Massimo D'Alema nell'ambito di uno dei capitoli di indagine relativi agli appalti Enac. In particolare il coinvolgimento dell'ex Presidente del Consiglio è legato ad alcuni voli da lui fatti su ...

Roma, appalti Enac: indagato D'Alema Massimo

Libero-News.it - ‎10 ore fa‎
La Procura iscrive nel fascicolo degli indagati l'onorevole Pd. Voli gratis tramite l'amico Vincenzo Morichini. Il legale: "Abbiamo detto tutto ai pm" li appalti Enac mettono nei guai Massimo D'Alema. Il parlamentare del Pd è indagato dalla Procura di ...

07 POLITICA & SOCIETÀ

Il Manifesto (Abbonamento) - ‎59 minuti fa‎
ROMAIl sì definitivo di tutte le anime del Pd del Lazio su Enrico Gasbarra sembrava raggiunto, ma causa i metodi un po' spicci di alcuni fautori torna in alto mare. Dovrebbe comunque arrivare il 26 novembre, quand'è fissata l'assemblea... segue Massimo ...

INCHIESTA ENAC: D'ALEMA INDAGATO PER FINANZIAMENTO ILLECITO

La Repubblica - ‎9 ore fa‎
Finanziamento illecito a un singolo parlamentare: e' il reato per il quale e' stato iscritto sul registro degli indagati Massimo D'Alema, dopo una informativa della Guardia di Finanza che sta indagando sull'appalto per i voli Enac tra l'isola d'Elba, ...

Le amicizie pericolose di Baffino e Pd

Libero-News.it - ‎11 ore fa‎
Le chiavi dell'inchiesta Enac: mazzette al braccio destro di Bersani, Pronzato. E sospetti su Morichini, collaboratore di D'Alema guai di Massimo D'Alema e del Pd, prima della bufera Penati, iniziano lo scorso 28 giugno con l'arresto di Franco Pronzato ...

Caso Enac, indagato D'Alema

DellEconomia.it - ‎7 ore fa‎
Il presidente del Copasir è iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Roma ed è già stato sentito una prima volta dai pm. L'ipotesi accusatoria riguarda cinque voli di cui D'Alema avrebbe usufruito a titolo gratuito Il presidente del ...

Massimo D'Alema indagato a Roma

Leggilo.net - ‎5 ore fa‎
Dopo la vicenda Penati, ennesima tegola sulla testa del Partito Democratico: Massimo D'Alema è indagato dalla procura di Roma nell'ambito dell'indagine sugli appalti Enac. Il coinvolgimento del senatore sarebbe legato ad alcuni voli da lui fatti su ...

Affare Enac, indagato Massimo D'Alema

Lettera43 - ‎12 ore fa‎
Massimo D'Alema è indagato nell'inchiesta sulle tangenti Enac della procura di Roma nell'ambito di uno dei capitoli di indagine relativi agli appalti dell'ente nazionale per l'aviazione civile. Il coinvolgimento del parlamentare sarebbe legato ad ...

Il presidente del Copasir è indagato dalla procura di Roma nell ...

Lettera43 - ‎10 ore fa‎
Massimo D'Alema è indagato nell'inchiesta della procura di Roma sugli appalti Enac. I pm stanno cercando di capire se il presidente del Copasir, e dirigente dei democratici abbia volato gratuitamente - e soprattutto per quale motivo - cinque volte con ...

Appalti Enac, Massimo D'Alema indagato: botta e risposta Cicchitto ...

Italia chiama Italia - ‎10 ore fa‎
Massimo D'Alema è stato indagato dalla Procura di Roma in relazione a cinque passaggi aerei, a lui offerti in occasione di viaggi di lavoro, dai titolari della Rotkopf, Viscardo e Riccardo Paganelli. L'esponente del Pd ne avrebbe usufruito in occasione ...

Indagine Enac: dopo Pronzato, i pm arrivano a D'Alema

Linkiesta.it - ‎11 ore fa‎
Indagato Massimo D'Alema: il presidente del Copasir sarebbe coinvolto nelle inchiesta della Procura di Roma sulle tangenti della compagnia low cost Rotkopf Aviation destinate a Franco Pronzato, ex consigliere di Enac. L'avvocato dell'ex-presidente del ...

Secondo il modello Bersani D'Alema deve dimettersi

Il Foglio (Abbonamento) - ‎11 ore fa‎
Qualche minuto fa le agenzie hanno battuto la notizia che Massimo D'Alema è indagato dalla procura di Roma nell'ambito dell'inchiesta sulla presunta tangente pagata dai titolari della compagnia low cost Rotkopf Aviation, all'ex consigliere di ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 21/10/2011 @ 17:10:20, in Magistratura, linkato 1848 volte)

'Carica parlamentare e quella di sindaco incompatibili':

arriva lo stop della Consulta



Roma - (Adnkronos) - La Corte costituzionale ha dichiarato costituzionalmente illegittimi gli articoli della legge 60 del 1953 nella parte in cui non prevedono l'incompatibilità. Il giudizio promosso da un cittadino di Catania contro Stancanelli, sindaco e senatore

Roma, 21 ott. (Adnkronos) - La Corte costituzionale ha dichiarato costituzionalmente illegittimi gli articoli della legge 60 del 1953 nella parte in cui non prevedono l'incompatibilità tra la carica di parlamentare e quella di sindaco di Comune con popolazione superiore ai 20mila abitanti.

La Consulta ricorda che ''nel corso di un giudizio, promosso da un cittadino nei confronti del sindaco del Comune di Catania'' Raffaele Stancanelli, ''per accertare in capo al convenuto la sussistenza della causa di incompatibilità tra tale carica e quella di senatore della Repubblica Italiana, e conseguentemente dichiararne la decadenza dalla prima in mancanza di esercizio del diritto di opzione - il Tribunale civile di Catania, con ordinanza emessa il 10 dicembre 2010, ha sollevato, in riferimento agli articoli 3, 51, 67 e 97 della Costituzione, questione di legittimità costituzionale: a) degli articoli 1, 2, 3 e 4 della legge 15 febbraio 1953, n. 60 (Incompatibilità parlamentari), nella parte in cui non prevedono l'incompatibilità tra la carica di parlamentare e quella di sindaco di Comune con popolazione superiore ai 20.000 abitanti''.

''Nel caso di incompatibilità tra le predette cariche degli enti locali e la carica di parlamentare nazionale - rileva la Consulta - la legislazione regionale siciliana non può operare, perché sussiste una riserva di legge statale, che l'art. 65 Cost. contempla espressamente al fine di assicurare una disciplina omogenea che rispetti e tuteli sia il principio di eguaglianza dei cittadini in tema di diritti politici che quello di unità dello Stato''.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 21/10/2011 @ 17:17:21, in Magistratura, linkato 2218 volte)
Giustizia: Palamara, occorre intervenire
 su problematiche reali


Catania, 21 ott. - (Adnkronos) - "Con l'arrivo del nuovo ministro alla Giustizia Nitto Palma al posto di Angelino Alfano e' cambiato il quadro di riferimento per la politica ma noi siamo fermi nel chiedere che si intervenga sulle problematiche reali della giustizia". Lo ha detto il presidente dell'Anm, Luca Palamara parlando con i giornalisti oggi a Catania in occasione del 21esimo congresso nazionale dell'Aiga.
"Ora registriamo questo nuovo impulso sul tema delle revisioni delle circoscrizioni -ha aggiunto Palamara- che e' un tema importante per il quale abbiamo dovuto evidenziare dei temi di criticita' ma riteniamo che la strada sulla quale si deve continuare ad andare -ha concluso- sia quella che mette al centro dell'interesse della riforma i cittadini e l'efficienza del sistema giusizia".


Giustizia: Palamara, serve scatto d'orgoglio
da parte di magistrati ed avvocati


Catania, 21 ott. (Adnkronos)- "Occorre uno scatto di orgoglio da parte di magistratura, avvocatura e operatori di diritto come quello attuato dal mondo delle imprese e del mondo del lavoro. Cambiare e' molto difficile ma oggi occorre una presa di coscienza da parte di tutti". Lo afferma il Presidente dell'Anm, Luca Palamara, oggi a Catania in occasione del XXI congresso nazionale giovani avvocati. "Occorre fare capire ai cittadini - aggiunge Palamara- quali sono le problematiche e le emergenze reali".
"Quello che e' mancato in questi anni - conclude- in cui abbiamo assistito a una serie di interventi che invece di tenere conto degli interessi generali hanno avuto di mira quelli particolari, e come tali hanno avuto un impatto fortemente negativo sul mondo giudiziario in generale".


La Rassegna

GIUSTIZIA: PALAMARA, CON PALMA CAMBIATO QUADRO DI RIFERIMENTO

JusticeTV - ‎42 minuti fa‎
"Con l'arrivo del nuovo ministro della Giustizia é cambiato il quadro di riferimento per la politica. Noi siamo fermi nel chiedere che si intervenga sulle problematiche reali della giustizia, quegli interventi che, purtroppo negli ultimi anni non ci ...

Palamara rilancia il patto per la giustizia: magistrati e avvocati ...

Il Sole 24 Ore - ‎1 ora fa‎
CATANIA. Una pax tra avvocati e magistrati per mettere la classe politica di fronte alle sue responsabilità in tema di giustizia. Dal palco del teatro San Giorgi di Catania il Presidente dell'associazione nazionale magistrati Luca Palamara ...

Palamara: "La politica intervenga sulle problematiche reali della ...

NanoPress (Blog) - ‎2 ore fa‎
Il presidente dell'Anm, Luca Palamara, durante il suo intervento al congresso dei giovani avvocati ha parlato di politica e giustizia. Secondo Palamara il quadro politico è cambiato con il passaggio da Angelino Alfano a Nitto Palma. ...

GIUSTIZIA: PALAMARA,NEGATIVI INTERVENTI PER INTERESSI PARTICOLARI

Aziende-oggi - ‎3 ore fa‎
(AGI) – Catania, 21 ott. – “Occorre uno scatto di orgoglio da parte di magistratura e avvocatura e operatori di diritto come quello attuato dal mondo delle imprese e del mondo del lavoro. Cambiare e' molto difficile ma oggi occorre una presa di ...

GIUSTIZIA: PALAMARA,NEGATIVI INTERVENTI PER INTERESSI PARTICOLARI

Diritto-oggi - ‎3 ore fa‎
(AGI) - Catania, 21 ott. - “Occorre uno scatto di orgoglio da parte di magistratura e avvocatura e operatori di diritto come quello attuato dal mondo delle imprese e del mondo del lavoro. Cambiare e' molto difficile ma oggi occorre una presa di ...

Giustizia: Palamara, serve scatto d'orgoglio da parte di ...

La Repubblica Palermo.it - ‎3 ore fa‎
Catania, 21 ott. (Adnkronos)- "Occorre uno scatto di orgoglio da parte di magistratura, avvocatura e operatori di diritto come quello attuato dal mondo delle imprese e del mondo del lavoro. Cambiare e' molto difficile ma oggi occorre una presa di ...

Giustizia: Palamara, serve scatto d'orgoglio da parte di ...

Libero-News.it - ‎3 ore fa‎
atania, 21 ott. (Adnkronos)- "Occorre uno scatto di orgoglio da parte di magistratura, avvocatura e operatori di diritto come quello attuato dal mondo delle imprese e del mondo del lavoro. Cambiare e' molto difficile ma oggi occorre una presa di ...

Giustizia, Palamara: «Riforme per i cittadini»

Lettera43 - ‎4 ore fa‎
Nitto Palma ha da qualche mese preso il posto di Angelino Alfano. E cambiato il Guardasigilli, è cambiato lo scenario. Ne è convinto il presidente dell'Associazione nazionale magistrati, Luca Palamara. «Con l'arrivo del nuovo ministro della Giustizia è ...

Giustizia: Palamara, processo breve riforma che affossa sistema ...

Libero-News.it - ‎4 ore fa‎
atania, 21 ott. - (Adnkronos) - "Processo breve? Sono riforme dettate da esigenze particolari e dalla risoluzione di vicende giudiziarie in corso che anziche' migliorare affossano il sistema giudiziario". Lo ha detto il presidente dell'Anm, ...

I Magistrati bocciano il governo. "Il processo breve affossa la ...

Libero News - ‎5 ore fa‎
"Processo breve? Sono riforme dettate da esigenze particolari e dalla risoluzione di vicende giudiziarie in corso che anziche' migliorare affossano il sistema giudiziario". Lo ha detto il presidente dell'Anm, Luca Palamara, oggi a Catania a margine del ...

Giustizia: Palamara, processo breve riforma che affossa sistema ...

La Repubblica Palermo.it - ‎5 ore fa‎
Catania, 21 ott. - (Adnkronos) - "Processo breve? Sono riforme dettate da esigenze particolari e dalla risoluzione di vicende giudiziarie in corso che anziche' migliorare affossano il sistema giudiziario". Lo ha detto il presidente dell'Anm, ...

Giustizia: Palamara, occorre intervenire su problematiche reali

Il Tempo - ‎5 ore fa‎
Catania, 21 ott. - (Adnkronos) - "Con l'arrivo del nuovo ministro alla Giustizia Nitto Palma al posto di Angelino Alfano e' cambiato il quadro di riferimento per la politica ma noi siamo fermi nel chiedere che si intervenga sulle problematiche reali ...

GIUSTIZIA: PALAMARA, TAGLIO TRIBUNALI PER PROCESSI PIU' BREVI

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎5 ore fa‎
(AGI) - Catania, 21 ott. - Come rendere i processi piu' brevi? Ecco la ricetta che il presidente dell'Anm, Luca Palamara, espone parlando con i giornalisti a Catania: "Bisogna agire sulla informatizzazione, sul taglio dei tribunali e sulle risorse. ...

GIUSTIZIA: PALAMARA, INFORMATICA E TAGLI PER PROCESSI PIU' BREVI

Informatica-oggi - ‎5 ore fa‎
(AGI) - Catania, 21 ott. - Come rendere i processi piu' brevi? Ecoo la ricetta che il presidente dell'Anm, Luca Palamara, espone parlando con i giornalisti a Catania: “Bisogna agire sulla informatizzazione, sul taglio dei tribunali e sulle risorse. ...

Giustizia: Palamara, occorre intervenire su problematiche reali

University.it (Comunicati Stampa) - ‎6 ore fa‎
Catania, 21 ott. - (Adnkronos) - "Con l'arrivo del nuovo ministro alla Giustizia Nitto Palma al posto di Angelino Alfano e' cambiato il quadro di riferimento per la politica ma noi siamo fermi nel chiedere che si intervenga sulle problematiche reali ...

Giustizia: Palamara, occorre intervenire su problematiche reali

La Repubblica Palermo.it - ‎6 ore fa‎
Catania, 21 ott. - (Adnkronos) - "Con l'arrivo del nuovo ministro alla Giustizia Nitto Palma al posto di Angelino Alfano e' cambiato il quadro di riferimento per la politica ma noi siamo fermi nel chiedere che si intervenga sulle problematiche reali ...

Giustizia: Palamara, occorre intervenire su problematiche reali

Libero-News.it - ‎6 ore fa‎
atania, 21 ott. - (Adnkronos) - "Con l'arrivo del nuovo ministro alla Giustizia Nitto Palma al posto di Angelino Alfano e' cambiato il quadro di riferimento per la politica ma noi siamo fermi nel chiedere che si intervenga sulle problematiche reali ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 21/10/2011 @ 18:01:30, in Magistratura, linkato 1805 volte)

Uccisa in tribunale, ministero condannato

Risarcimento 500.000 euro. Omicidio durante causa di separazione


(ANSA) - MILANO, 21 OTT - Il Tribunale civile di Milano ha condannato il Ministero della Giustizia a pagare 505 mila euro per mancati controlli al Tribunale di Varese dove nel settembre 2002, durante lo svolgimento di una causa di separazione, un uomo, Rosario D'Aiello sparo' e uccise la moglie Rosalia Granata.

La sorella della vittima, Cosima, aveva citato in giudizio il Ministero lamentando la mancata tutela della sicurezza visto che l' uomo era riuscito ad entrare in tribunale con una pistola in tasca.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
La Procura di Reggio Emilia ha ascoltato le mie preghiere a tutela della piccola Anna Giulia. Grazie! L.M.

Ricompensa per Anna Giulia,

aperta un'inchiesta

venerdì 21 ottobre 2011

La procura reggiana sta indagando poiché ritiene che in questo modo si tenti di eludere il provvedimento del giudice

REGGIO - La procura reggiana ha aperto un fascicolo circa la ricompensa di ventimila euro - che Reggionline ha dato in anteprima - proposta su Facebook per chi riuscirà a ritrovare Anna Giulia, la bimba di 6 anni che il tribunale dei minori di Bologna ha appena stabilito dover essere data in adozione dopo che, da tempo, i genitori Massimiliano Camparini e Gilda Fontana avevano perso la potestà genitoriale sulla figlia.

L’ipotesi di reato per cui il sostituto procuratore Maria Rita Pantani sta indagando è  il tentativo di eludere un provvedimento del giudice civile in tema di affidamento dei minori. Il tutto è partito a seguito di un esposto presentato dalla tutrice della bimba, l’avvocato Sabrina Tagliati, appena venuta a conoscenza del fatto che sul web era stata lanciata questo genere di proposta.

Su questa vicenda, che va avanti dal 2007, tanto si è detto e scritto. Tante le polemiche sollevate, da ultimo quelle dell'assessore comunale ai Servizi sociali, Matteo Sassi, che dopo aver definito la "taglia" come "una roba da Far West", ha affermato che tanto tribunale dei minori quanto servizi sociali stessi hanno agito con superficialità. "nessuno ci ha mai revocato l’affido, ma non siamo stati coinvolti nè dal tribunale nè dalla tutrice. Non c’è nessun atto formale al Comune dove si dica che siamo stati sollevati da quel ruolo". L'avvocato Tagliati ha replicato che "i servizi sociali hanno solo commesso degli errori. Le critiche sollevate dal tribunale dei minori si riferiscono al 'prima', non all’ultimo anno. In quel prima la bambina non è mai stata ascoltata, non è stata fatta nessuna attività di supporto psicologico".

http://www.reggionline.com/it/2011/10/21/ricompensa-per-anna-giulia-aperta-uninchiesta-8181
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 23/10/2011 @ 08:08:44, in Magistratura, linkato 2238 volte)


Assemblea Anm, manca quorum
per modifica a Statuto su incompatibilita'


Roma, 22 ott. - (Adnkronos) - Una manciata di voti sono mancati all'Assemblea generale dell'Associazione nazionale magistrati , riunita oggi a Roma, per raggiungere il quorum necessario a far passare una modifica allo Statuto in tema di incompatibilita' e decadenza dagli incarichi direttivi. Una proposta che va nella direzione di porre dei paletti 'interni' ai magistrati che hanno cariche direttive nel sindacato rispetto a incarichi politici o amministrativi, ma anche al ruolo di membro del Consiglio superiore della magistratura o incarichi apicali nei ministeri.

La proposta, sostenuta tra gli altri dal presidente Luca Palamara, ha raccolto 922 si', 309 no e 204 astensioni, ma senza arrivare alla maggioranza qualificata prevista, di 956 voti. Nel merito, prevede che le cariche di componenti del Comitato direttivo centrale o di una Giunta esecutiva sezionale non possano essere ricoperte da chi abbia avuto, nei tre anni precedenti, incarici ministeriali apicali o collaborazioni con ministri, ruoli nel qoverno o in Parlamento, incarichi elettivi in enti pubblici territoriali. E la decadenza dagli incarichi nel caso dell'accettazione di candidature a elezioni politiche o amministrative, o collaborazione con un ministro o presentazione della candidatura per il Csm.

Bocciata con 1029 no, 388 si', 9 astensioni, anche l'altra proposta, firmata dall'indipendente Massimo Vaccaro, ancora piu' restrittiva nell'estendere il reticolato delle incompatibilita', prevedendo l'esclusione non solo dagli incarichi direttivi ma dalla stessa iscrizione all'Anm. Approvate invece due altre proposte di modifica allo Statuto: quella che estende al 30% la quote 'rosa' nella composizione delle liste, a grande maggioranza, e quella che riduce le firme necessarie per presentare le liste per le giunte di sezione da un decimo degli iscritti al 5%.

Fonte: (Coc/Col/Adnkronos)

GIUSTIZIA: ANM, NON PASSA LINEA
MAGISTRATI FUORI DA POLITICA



(AGI) - Roma, 22 ott. - Non e’ passata all’assemblea generale dell’associazione nazionale magistrati la linea che voleva la magistratura fuori dalla politica. L’assemblea dei soci dell’Anm che si e’ riunita questa mattina a Roma ha infatti respinto due proposte che cambiavano lo statuto dello stesso organo di rappresentanza delle toghe chiedendo di tenere fuori dalla stessa Anm chi ha svolto cariche politiche.

Una delle due proposte non e’ passata per il non raggiungimento del quorum. La proposta chiedeva di modificare lo statuto dell’Anm per quanto riguarda l’articolo 6 bis che stabilisce l’incompatibilita’. In particolare si chiedeva di escludere dalle cariche dell’Anm, del comitato direttivo centrale o di una giunta esecutiva sezionale, gli associati che nei tre anni precedenti abbiano svolto “incarichi ministeriali apicali o di diretta collaborazione con ministri, il ruolo di membro del governo o del parlamento, incarichi elettivi o di governo negli enti pubblici o territoriali”. La stessa proposta prevedeva che i componenti del comitato direttivo centrale dell’Anm o delle giunte esecutive sezionali sarebbero decaduti dalla carica associativa in caso di “accettazione di una candidatura nelle elezioni politiche o amministrative, accettazione di incarichi ministeriali o di diretta collaborazione con un ministro, accettazione di incarico di membro del governo nazionale o degli organi di governo di enti pubblici-territoriali, presentazione della candidatura alle elezioni per il Csm”. La proposta ha ricevuto 922 voti favorevoli, contrari 309, mentre si sono astenuti 204 votanti. Il quorum da raggiungere era 956.
“La giornata di oggi - ha sottolineato al termine delle votazioni il presidente dell’Anm, Luca Palamara - dimostra che la magistratura vuole impegnarsi nel cambiamento, nell’autorinnovamento e nello sfatare il tabu’ del corporativismo per dare al Paese una magistratura professionale”.
Il presidente dell’Anm Palamara, nel corso del suo intervento in apertura dell’assemblea generale ha ricordato che “le inchieste giudiziarie che hanno riguardato appartenenti alla magistratura non hanno fatto chiudere gli occhi ai componenti dell’ordine giudiziario”.
“Penso - ha detto ancora Palamara - che un meccanismo si e’ messo in moto, un meccanismo della riforma e del rinnovamento. Non ci si puo’ fermare solo alle proposte di oggi, poiche’ il nostro statuto risale al 1946″. (AGI) Rmn/Dma


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










20/08/2019 @ 18.06.30
script eseguito in 609 ms