Immagine
 manhattan, central park ... janet cardiff... di Lunadicarta
 
"
Il sentimento di giustizia è così universalmente connaturato all'umanità da sembrare indipendente da ogni legge, partito o religione.

François Voltaire
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 26/10/2004 @ 19:08:12, in Magistratura, linkato 1471 volte)

Consiglio superiore della magistratura
Parere sul decreto legge 14 settembre 2004, n. 241 recante
«Disposizioni urgenti in materia di immigrazione»
(Approvato dal Plenum il 21 ottobre 2004)

§ 1. Con nota in data 21 settembre 2004, il Ministro della Giustizia ha chiesto al Consiglio superiore della magistratura la formulazione ex art. 10 della L. 24 marzo 1958 n. 195 di un parere sul disegno di legge di conversione del decreto-legge, approvato dal Consiglio dei Ministri nella riunione del 3 settembre 2004, concernente: "Disposizioni urgenti in materia di immigrazione" (D.L. 14 settembre 2004, n. 241 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 14 settembre 2004 n. 216).
Come evidenziato nella relazione di accompagnamento al disegno di legge di conversione, il decreto-legge si ricollega, per un verso, all'esigenza di colmare il vuoto nella disciplina sull'immigrazione di cui al T.U. n. 286/1998 e succ. Mod. Determinato dalla sentenza della Corte costituzionale n. 222/2004 e, per altro verso, dalla volontà di rimodulare il testo dell'art. 14, comma 5-quinquies del T.U. cit. Oggetto della sentenza n. 223/2004.
Con la prima sentenza, il Giudice delle leggi ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 13, comma 5-bis, del T.U. n. 286/1998 (introdotto dall'art. 2 del decreto-legge 4 aprile 2002, n. 51, convertito, con modificazioni, nella legge 7 giugno 2002, n. 106), nella parte in cui non prevede che il giudizio di convalida del provvedimento di accompagnamento coattivo alla frontiera dello straniero irregolarmente soggiornante in Italia debba svolgersi in contraddittorio prima dell'esecuzione del provvedimento stesso e con le garanzie della difesa.
Con la sentenza n. 223/2004, invece, la Corte ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 14, comma 5-quinquies del T.U. cit. (inserito dal comma 1 dell'art. 13 della legge 30 luglio 2002, n. 189), nella parte in cui stabilisce che per la contravvenzione prevista dal comma 5-ter del medesimo art. 14 (ingiustificata inosservanza all'ordine del questore di allontanamento dello straniero irregolarmente soggiornante in Italia) è obbligatorio l'arresto dell'autore del fatto.
Il D.L. 14 settembre 2004, n. 241, oltre a riscrivere l'art. 13, comma 5-bis (inserendo altresì un nuovo comma 5-ter) e l'art. 14, comma 4 T.U., ha trasferito al giudice di pace la competenza sui ricorsi avverso i provvedimenti di espulsione amministrativa e sulle convalide dell'accompagnamento coattivo alla frontiera e del trattenimento nei centri di permanenza temporanea ed assistenza, modificando conseguentemente l'art. 11 della L. 21 novembre 1991, n. 374 e succ. Mod. In tema di indennità spettanti al giudice di pace. Il D.L. n. 241, inoltre, ha modificato l'art. 14, comma 5-quinquies del T.U. cit., stabilendo che si procede con rito direttissimo per i reati ex art. 14, commi 5-ter e 5-quater, che per assicurare l'esecuzione dell'espulsione il questore dispone i provvedimenti di cui all'art. 14, comma 1 (trattenimento nel centro di permanenza temporanea ed assistenza) e che per il - solo - reato di cui al comma 5-quater è obbligatorio l'arresto dell'autore del fatto.
Il decreto legge interviene sulle norme degli artt.13 e 14 del d.lgs. 25 luglio 1998 n. 286 che disciplinano rispettivamente la "espulsione amministrativa" e la "esecuzione dell'espulsione" dello straniero, le quali, prima dell'intervento demolitorio della Corte costituzionale, si articolavano in provvedimenti (decreto di espulsione del prefetto, art. 13 c. 3, accompagnamento alla frontiera disposto dal questore, art. 13 c. 5, provvedimento di trattenimento in centro di permanenza temporanea, art. 14, c. 1) assunti a seguito dell'espletamento di appositi procedimenti amministrativi. Può dunque affermarsi che il regime giuridico dell'accompagnamento alla frontiera, pur permanendone la fonte amministrativa, è oggi ricondotto nell'ambito della giurisdizione, interessando il provvedimento il bene della libertà personale dell'individuo, come tale sottoposto alle garanzie previste dall'art. 13 della Costituzione. L'accompagnamento, infatti, secondo l'impostazione già accolta da Corte cost. 10.4.01 n. 105 (pronunziata a proposito della legittimità della norma che prevede il trattenimento presso i centri di permanenza, ed espressamente richiamata dalla sentenza n. 222/04), "presenta quel carattere di immediata coercizione che qualifica, per costante giurisprudenza costituzionale, le restrizioni della libertà personale e che vale a differenziarle dalle misure incidenti solo sulla libertà di circolazione" e che non [può] "essere assunto dall'autorità di polizia come pienamente legittimo e ancora eseguibile quando il giudice ne abbia accertato l'illegittimità ponendo proprio tale accertamento a fondamento del diniego di convalida".

§ 2. Muovendo da questa premessa, il decreto legge n. 241 ha proceduto ad un radicale intervento sulla fase giurisdizionale prevista per la convalida del provvedimento di accompagnamento e di quello di trattenimento, modificando la disciplina processuale e mutando la competenza dell'autorità giudiziaria, attribuendola al giudice di pace invece che al tribunale in composizione monocratica.
Ferma restando la premessa da cui muove il provvedimento di urgenza ora in esame, a proposito di questa ultima innovazione il dibattito svoltosi all'interno della Sesta Commissione referente ha fatto emergere diversi ordini di valutazioni.
Secondo una prima impostazione la scelta appena indicata non è distonica rispetto ai principi affermati dalla Corte costituzionale, creando in capo ad uno dei giudici che esercitano la funzione giurisdizionale nell'ambito dell'ordinamento (il giudice di pace) una competenza specifica in materia di convalida dei provvedimenti di accompagnamento e di trattenimento, i quali, come già rilevato, sono strettamente collegati tra loro quanto a natura ed a funzione prevenzionale.
In particolare, sotto il profilo dell'individuazione dell'organo giurisdizionale competente nel giudice di pace, da coloro che sostengono questa prima impostazione si rileva che la legge 21 novembre 1991 n. 374, istitutiva del giudice di pace, non esclude che a tale magistrato possa essere affidata la competenza su provvedimenti che abbiano ricadute sulla libertà personale. Secondo tale lettura, la citata sentenza 105/01 della Corte costituzionale, infatti, ha ricondotto i provvedimenti che investono lo straniero clandestino alle "altre restrizioni della libertà personale" di cui fa menzione l'art. 13 della Costituzione e non alla forma della detenzione, pure prevista dall'articolo citato, che la legge istitutiva del giudice di pace, invece, esclude dalle forme di definizione dei processi ad esso affidati. Ne conseguirebbe che, sia pur rientrando il bene affidato tra i diritti di libertà, la natura della procedura sarebbe riconducibili tra quelle affidate alle attribuzioni del giudice di pace.
La relazione di accompagnamento al d.d.l. Di conversione del decreto-legge n. 241/2004 evidenzia il "significativo aggravio del carico di lavoro, che l'introduzione della convalida dell'accompagnamento alla frontiera comporta", aggravio che ha orientato la scelta di attribuire al giudice di pace la competenza sui provvedimenti in questione, "liberando conseguentemente di tale incombenza il tribunale". Si esprime indubbiamente una preoccupazione diffusa nella magistratura, la quale non sempre è in grado di offrire un servizio rapido ed efficiente, anche a causa di carichi di lavoro eccessivi e di competenze non sempre attribuite con criteri di omogeneità e funzionalità.
Peraltro, di fronte ai diritti fondamentali di libertà posti in gioco, non può non assumere preminenza l'esigenza di assicurare tutte le garanzie ordinamentali e processuali a soggetti che, per la loro, intrinseca condizione personale costituiscono a tutti gli effetti soggetti deboli. E in questa ottica non può non mettersi in rilievo la necessità che al giudice chiamato ad occuparsi di detti procedimenti siano assicurati lo status e la professionalità adeguati ed un'organizzazione dell'ufficio in grado di assicurare certezza ed omogeneità degli indirizzi giurisprudenziali ed efficienza e celerità nella risposta giudiziaria, profili che possono essere meglio assicurati dalla magistratura professionale.
A questo proposito, una diversa opinione, pure emersa nel corso della discussione, ha rilevato che, per i rilevanti poteri riconosciuti sul piano processuale penale nell'ambito dei reati rimessi alla sua competenza, alla figura del giudice di pace, già prima di questo intervento di legislazione di urgenza, non può essere più associata l'immagine di soggetto operante esclusivamente nell'ambito della "giustizia minore" con modesti strumenti di intervento, dovendosi allo stesso riconoscere ormai una sua precisa connotazione ordinamentale, operante in un quadro normativo predefinito per scelta del legislatore.
Altra impostazione si muove in direzione diversa da quelle appena indicate, rilevando che la stessa legge n. 374 del 1991 ebbe a compiere una scelta di sistema, fissando nella attribuzione della competenza penale per il giudice di pace compiti essenzialmente conciliativi e solo residualmente sanzionatori, escludendo comunque che potesse definire il processo penale con provvedimenti che comportano la detenzione. Tale scelta è peraltro coerente con il modello costituzionale di magistratura onoraria (art.106 Cost.), che ne individua la peculiarità nell'essere una giurisdizione non "minore" (v. Sentenza n.150/93 della Corte costituzionale) ma certamente "diversa" e connotata da una prevalente funzione conciliativa e di tutela di un diritto "più leggero" (relazione al d.lgs. N.272/2002).
Viene evidenziato al riguardo che nell'architettura costituzionale esiste un nesso tra il modello di tutela della libertà personale rappresentato dalla riserva di giurisdizione e le garanzie ordinamentali di indipendenza ed autonomia della magistratura: ove le seconde assumono un evidente ruolo di funzionalità rispetto al primo, rappresentandone la condizione di effettività nel concreto svolgersi della vicenda storica.
Ferma restando la comune appartenenza all'ordine giudiziario e, di conseguenza, la piena titolarità in capo al giudice di pace delle garanzie ordinamentali previste dalla Costituzione, il diverso status del magistrato onorario rispetto a quello del magistrato professionale dovrebbe riflettersi sulla individuazione delle "materie" da assegnare alla competenza dell'uno e dell'altro: così come a livello costituzionale, esiste un collegamento tra riserva di giurisdizione in tema di tutela delle libertà fondamentali e garanzie ordinamentali di indipendenza e di autonomia dell'ordine giudiziario, a livello di normativa primaria l'attribuzione di determinate competenze al giudice di pace ovvero al giudice professionale deve essere orientata dalla valutazione della natura del bene affidato alla tutela giurisdizionale.
In questa ricostruzione, mentre le garanzie costituzionali di indipendenza e di autonomia trovano la loro più completa attuazione nello status ordinamentale del magistrato professionale, caratterizzato dalla non temporaneità e dalla esclusività dell'appartenenza all'ordine giudiziario, per il giudice di pace, il carattere "onorario" ne caratterizzerebbe il profilo ordinamentale e, pur senza accreditarne la figura di "giudice minore", ne evidenzierebbe tuttavia gli aspetti differenziali rispetto alla disciplina ordinamentale del giudice professionale, tanto più significativi ai fini delle valutazioni concernenti il decreto-legge in esame. In particolare, la temporaneità e la non esclusività delle funzioni giudiziarie rivestite dal giudice di pace si rifletterebbero profondamente sull'assetto ordinamentale di tale figura onoraria, delineando i diversi momenti della sua disciplina in termini sensibilmente differenti da quella del magistrato professionale: quali, ad esempio, il regime delle incompatibilità professionali e parentali, che consente al magistrato onorario, nei limiti previsti dalla legge, l'esercizio dell'attività forense.
Ciò premesso, quanto agli interessi protetti interessati dalla normativa in esame viene sottolineata una diversa lettura dei contenuti espressi dalla sentenza n.105/2001 della Corte costituzionale, che espressamente individua nella misura del  "trattenimento..quella mortificazione della dignità dell'uomo che si verifica in ogni evenienza di assoggettamento fisico all'altrui potere", concludendo che la libertà personale costituisce un diritto che spetta ai singoli "in quanto essere umani" e non in quanto appartenenti ad una determinata comunità.  Ne conseguirebbe, secondo tale impostazione, l'emersione di un profilo di diversità di trattamento, atteso che la nuova competenza del giudice di pace si fonda essenzialmente sulle condizioni soggettive più che sulla obiettività delle condotte tenute.
In questo quadro di considerazione dei diritti coinvolti e della figura ordinamentale del giudice professionale si evidenzia, altresì, che la relazione tecnica che accompagna l'intervento legislativo quantifica in oltre un milione e settecentomila Euro la somma che annualmente si stima di dover destinare ai giudici di pace quale compenso per le udienze tenute e per i provvedimenti assunti a seguito della nuova competenza e che la somma stessa avrebbe potuto essere destinata a sostenere le esigenze di supporto dei tribunali derivanti dalla accresciuta quantità di lavoro che secondo la citata relazione tecnica dovrebbe essere prodotto della nuova disciplina.

§ 3. La diversa valutazione del contenuto dell'intervento di urgenza a proposito del giudice competente non consente di trascurare, peraltro, una serie di problemi di carattere operativo di cui non si può non considerare a livello pratico l'impatto.
Che i tribunali italiani stiano fronteggiando un numero elevatissimo di procedimenti è cosa nota, così che non vi è dubbio che la competenza sui provvedimenti di accompagnamento e di trattenimento degli stranieri comporta, anche in termini organizzativi, un impegno particolarmente gravoso che i magistrati vorrebbero vedere sostenuto da adeguati interventi di supporto. Non va, tuttavia, dimenticato che fino all'entrata in vigore del decreto legge i tribunali hanno trattato i procedimenti relativi alla immigrazione, provvedendo a distribuire il lavoro, ad organizzare i turni, a predisporre i necessari accorgimenti logistici, ed affinando nel tempo la propria giurisprudenza. Lo stesso Consiglio ha provveduto a fornire sulla materia specifiche indicazioni tabellari, che sono state ulteriormente precisate con la circolare del 18 dicembre 2003 relativa al biennio 2004-2005. Si è, pertanto, accumulata una notevole mole di esperienze organizzative ed attuative della legge e si è formata una giurisprudenza che è frutto di una elaborazione più ampia e complessiva sui temi dei diritti della persona, che dovrà in ogni caso costituire un preciso punto di riferimento anche per il futuro.
In conclusione, ritiene il Consiglio che la natura stessa dei diritti di libertà oggetto dei provvedimenti giudiziari richieda un intervento di garanzia adeguato sul piano ordinamentale, processuale e organizzativo, che assicuri loro una tutela insieme giusta ed efficace, risultato questo che può essere meglio soddisfatto mediante il ricorso alla magistratura professionale, opportunamente sostenuta nello sforzo attuativo richiestole.
§ 4. Così esaminato l'aspetto del provvedimento legislativo che è sembrato di maggiore rilevanza istituzionale e ordinamentale, il Consiglio ritiene opportuna un'ultima considerazione che attiene ad una disposizione che solo apparentemente costituisce un corollario della disciplina principale.
Viva preoccupazione suscita, infatti, la norma di cui al comma 5-ter dell'art. 13 T.U. introdotta dal decreto-legge in esame: tale norma attribuisce impropriamente ad organi dell'amministrazione dell'interno, e non al Ministro della giustizia (art.110 Cost.), compiti di organizzazione dei servizi della giustizia ed appare idonea a condizionare l'esercizio della giurisdizione, pregiudicandone altresì l'immagine di imparzialità. Tale disposizione dovrebbe, a parere del Consiglio, essere radicalmente ripensata, riportando all'interno degli uffici del giudice di pace, o di locali ad esso riferibili, lo svolgimento delle udienze ed approntando le risorse necessarie senza con questo penalizzare i tribunali che già oggi versano in gravissimo disagio a causa delle carenze di personale e di strutture.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 22/10/2004 @ 18:12:37, in Sindacato, linkato 1356 volte)

Cronista si finse afgano,condannato

Lo fece per farsi ammettere a centro accoglienza Lampedusa (ANSA) - PALERMO, 22 OTT - Condannato a 15 giorni di arresto, convertiti in 570 euro di multa, il cronista palermitano di 'Repubblica' Francesco Viviano. Era accusato di avere reso false generalita' alle forze dell'ordine. Il giornalista, il 23 giugno 2003, si era introdotto nel centro di accoglienza per immigrati di Lampedusa per un servizio sulle condizioni di accoglienza dei clandestini. Aveva detto di chiamarsi Khalil Amal sostenendo di essere di nazionalita' afghana. 

Tutta la mia solidarietà all'ottimo collega!

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 17/10/2004 @ 12:46:25, in Varie, linkato 1341 volte)

dal mio vecchio blog Lunadicarta ...

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 16/10/2004 @ 19:32:31, in Redazionale, linkato 1549 volte)


Artists Against Wars

21 - 22 - 23 - 24 ottobre 2004
 
Roma, Bologna, Trieste, Milano, Pescara, Quartu S. Elena, Castel Nuovo Val di Cecina, Torino Venaria, Firenze Antella, Messina, Prato
 
Roma

 Ass. Cult. e Prom. Soc. Argon - Bloggersperlapace
in collaborazione con
Casa delle Culture e Classico Village
 

PROGRAMMA

 
Venerdì 22 ottobre 2004
 
Conferenza Stampa
Ore: 12.30 - 13.00 (orario termine Aula)
Dove: piazza antistante Palazzo Chigi 
Con: tutti gli Artisti e le Artiste e con il Mastro e Prof. Luciano Pignatti e il Gran Teatro dei Burattini di Bomporto - Modena; il Gruppo di Teatro Patafisico Ygramul LeMilleMolte.
 
Sabato 23 ottobre 2004

Mattina: visita guidata ai luoghi della resistenza antinazifascista romana per le Associazioni dei Popoli Migranti,

Con: Bloggersperlapace in collaborazione con il Comune di Roma e le Associazioni Partigiane.
Dove: Appuntamento a Piazza S. Marcello orario approssimativo 9.30 - 10.00.

Ore 16.00: Arte, Guerra e Comunicazione di massa, in anticipazione della sessione sui media del World Tribunal on Iraq.
Dove: Casa delle Culture, via S. Crisogono - Trastevere 
Con: On Elettra Deiana; Pasquale Vilardo portavoce Giuristi Democratici; Maurizio Foffo Ggil membro Giuristi Democratici; Walter Musco coord World Tribunal on Iraq sessione italiana; Samir Al-Qaryouti giornalista; Suad Sbai giornalista Ass. donne Magrebine; Hiab Hashem giornalista, Bassam Saleh, l'artista Corrado Veneziano, un membro di Un Ponte Per, Michele Capuano giornalista e poeta.
Minuti 2: Loredana Morandi
Introduce e modera Franco Ottaviano.
Apre il dibattito per gli Artisti: "6 poesie per la Pace contro la Guerra" da Ostinati Officina Teatro
Conclude il film "16 persone" di Corrado Veneziano

Ore 19.00: Maratona di Poesia per la Pace, a cura di Rosa F. Farina e Francesco Di Girolamo
Ore 21.00: "Omaggio a De Andrè" con la Beat Surrender band
Dove: Biblioteca Appia, via La Spezia 21,
Con: Poeti, Cantanti, Musicisti, sarà inoltre allestito a cura degli Artisti uno spazio espositivo per le arti visive. 

Ore 21.00 - spazio contaminato per la Pace "Costruttori di imperi" di Boris Vian
Dove: Casa delle Culture, via S. Crisogono - Trastevere
Con: Motori Teatrali e gli artisti Stefano Abbati, Gianna P. Scaffidi, Anna T. Eugeni, Valentina Spagnesi, Liana D'Annolfo. 

Domenica 24 ottobre
 
Pomeriggio
Dove: Classico Village, Lungo Tevere Testaccio
Organizza Loredana Morandi Ass. Argon - Bloggersperlapace
Regia Carlo Gori Tor Sapienza in Arte
 
Spazio Danza per la Pace
Gli Artisti: "Fiati Sospesi" con Enrica Palmieri e la Compagnia Lenti a Contatto; 
 
Spazio Teatro delle Marionette
Gli Artisti: Gabriele Cerminara (già magistrato) e la compagnia del Teatro delle Palline, con un frammento dello spettacolo "Quinto Potere".
 
Spazio Teatro per la Pace
Gli Artisti: Annet Hennerman e la compagnia del Teatro di Nascosto - Hidden Theatre con "Vite Sospese"; Francesco Randazzo e Ostinati Officina Teatro con due monologhi dal testo "Dialoghi con il bambino"; Ygramul gruppo di Teatro Patafisico; Salvatore Gioncardi e Franco Barbero con "Tutti uguali" di Marcello Isidori;

Spazio Musica per la Pace
Gli Artisti: Pino Petraccia e i Miradas Group percussioni; Agnese Ginocchio, cantautrice; Mohammed Salman, cantautore palestinese del gruppo dei Salam; ancora musica dall'america latina con il duo Do Cafè e con la Beat Surrender band
 
Spazio Arti visive
Gli Artisti: Emilio Leofreddi, Patrizia Molinari, Nouredine, gli artisti del Senegal, Alessandra Tombari, le Associazioni e molti altri artisti.
 
Spazio ospiti
Con l'onorevole Paolo Cento dei Verdi.

Spazio Posto Auto Garantito
L'Artista Carla Guidi, giornalista e scrittrice, autrice del logo della manifestazione Artists Against Wars appena convalescente da un infortunio estivo.

Si Ringrazia il Comune di Roma per il patrocinio, il Classico Village e la Casa delle Culture per la partecipazione alle iniziative, tutte le Associazioni e i membri della Società Civile che hanno aderito, l'impegno di tutti gli Artisti romani, italiani e stranieri.

Si ringrazia il regista televisivo Simone Barbuti per la web live dei filmati della manifestazione. 

Si ringrazia l'artista Paolo Belli per la video intervista rilasciata, che sarà lanciata via web tv in occasione della manifestazione.
 
Il programma può essere soggetto a piccole mutazioni anche per l'arrivo di ulteriori adesioni.

Ufficio stampa romano e nazionale
Loredana Morandi
Presidente Ass. Argon - Bloggersperlapace

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 16/10/2004 @ 11:46:14, in Politica, linkato 1460 volte)

un gran mal di testa per i costituzionalisti. Si, su questo non ci piove. Qualcuno grida al golpe di stato e per giustizia sul voto dei "pianisti" e peggio potrebbe trattarsi del colossal televisivo della riesumazione dei presupposti storici della guerra di secessione americana. Attenzione: il presidente del circoletto politico che imbratta il vostro quartiere con i manifesti pubblicitari potrà addirittura essere senatore a 25 anni. C'è da proporre la riduzione della facoltà di voto a 80 anni, dopo potrebbe succedere che il vecchietto pluricentenario chieda informazioni (al seggio) su quale lista candidi ancora Almirante (accaduto a Balduina - Roma). Francamente temo ci sia più di un padre della patria, che si rivolta nella tomba. Compreso il mio povero bisnonno. Referendum, referendum, referendum! L.M.

Come cambia la Costituzione
 
ROMA - Le riforme istituzionali approvate dalla Camera modificano profondamente l'architettura istituzionale italiana. Ecco come:

Parlamento. E' composto dalla Camera dei deputati e dal Senato federale.

Deputati e senatori, un taglio all'organico. Si riduce il numero dei parlamentari (di circa il 23 per cento). I deputati scendono da 630 a 500, i senatori da 315 a 252. Restano 18 (ma saranno tutti deputati) i parlamentari eletti dagli italiani all'estero.

I deputati a vita. prendono il posto dei senatori a vita e scendono da 5 a tre.

Una ventata di gioventù. Si abbassa il limite d'età per poter varcare i portoni dei palazzo della politica: basterà aver compiuto 21 anni (ora ne servono 25) per entrare a Montecitorio e 25 (ora ne servono 40) a palazzo Madama.

Senato federale. La 'Camera alta' è forse il luogo dove il restyling istituzionale è maggiormente visibile. I senatori saranno eletti in ciascuna regione contestualmente ai rispettivi consigli. Ogni regione dovrà eleggere almeno sei senatori (ma a regioni 'mignon' come il Molise o la Val d'Aosta ne spettano rispettivamente due e uno). Ai lavori del Senato partecipano, ma senza poter votare, rappresentanti delle regioni e delle autonomie locali.

La durata della legislatura. La Camera è eletta per 5 anni. I senatori eletti in ciascuna regione o provincia autonoma restano in carica fino alla data della proclamazione dei nuovi senatori della medesima regione o provincia autonoma.

Nella Costituzione le regole per eleggere i presidenti delle assemblee. Non sono più demandate ai regolamenti parlamentari ma entrano direttamente in costituzione le regole per l'elezione dei presidenti di Camera e Senato. Servirà un'ampia maggioranza, i due terzi dei componenti l'assemblea (ossia 347 voti alla Camera e 168 al Senato ) nei primi tre scrutini, poi il quorum si abbassa: dal quarto scrutinio è sufficiente la maggioranza assoluta dei componenti (261 alla Camera e 128 al Senato).

Alle opposizioni le commissioni di garanzia. Esponenti dei gruppi di opposizione presiederanno le commissioni o i comitati con compiti di ispettivi, di controllo e di garanzia.

Cambia l'iter delle leggi. La Camera esamina le leggi su materie riservate allo Stato (ad esempio politica estera, promozione internazionale del sistema produttivo e economico, immigrazione; difesa; giurisdizione e norme processuali, politica monetaria e del credito; sicurezza e ordine pubblico; norme generali sull'istruzione, tutela dell'ambiente, ecc). Il Senato ha 30 giorni (15 se si tratta di decreti) per proporre modifiche ad un testo approvato dalla Camera, ma sue queste modifiche è la Camera che decide in via definitiva. Il Senato esamina leggi che riguardano materie riservate sia allo Stato che alle regioni (le cosiddette materie concorrenti, quali, ad esempio, i rapporti dell'ue con le regioni, il commercio con l'estero, ordinamento sportivo regionale, protezione civile, remittenza regionale, ecc). La Camera può proporre modifiche ma sarà il Senato ad avere la parola definitiva.

Per alcune materie un cammino ad hoc. Alcune questioni quali la determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni che riguardano i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale o la legislazione elettorale locale, ecc, Senato e Camera legiferano alla pari. Ma se non trovano l'accordo su testo entra i campo una terza assemblea "derivata" i cui 60 componenti sono indicati dai presidenti delle due camere: questa camera di compensazione avrà il compito di scrivere un testo unificato dal sottoporre al voto di Senato e Camera.

La devolution. Alle regioni viene affidata la legislazione "esclusiva" per quanto riguarda l'assistenza e l'organizzazione sanitaria, l'organizzazione scolastica, la gestione degli istituti scolastici e di formazione, la definizione della parte dei programmi scolastici e formativi di interesse specifico della regione; polizia amministrativa regionale e locale.

Clausola di interesse nazionale. Il governo può bloccare una legge regionale se ritiene che pregiudichi l'interesse nazionale: invita la regione a cancellarla ma se la risposta è negativa sottopone la questione al parlamento in seduta comune che ha 15 giorni di tempo per annullarla.

Referendum confermativo sempre possibile. Il referendum sulle leggi costituzionali sarà sempre possibile anche quando i testi vengono approvati dal entrambe le Camere con un'ampia maggioranza nella seconda votazione (i due terzi dei componenti).

Un'assemblea della Repubblica elegge il capo dello Stato. Il presidente della Repubblica è eletto dall'Assemblea della repubblica composta da deputati, senatori, presidenti delle regioni e da due delegati per ciascun consiglio regionale. Per i primi tre scrutini serve la maggioranza dei due terzi dei componenti. Nel quarto e quinto scrutinio il quorum si abbassa alla tre quinti dei componenti. Dalla quinta votazione in poi è sufficiente la maggioranza assoluta.

Un presidente giovane. Al Quirinale potrà entrare anche chi ha solo 40 quarant'anni. (oggi si deve aver compiuto i 50 anni). Resta in carica 7 anni.

I poteri del Quirinale. Il presidente della Repubblica rappresenta la nazione, è garante della Costituzione e dell'unità federale della Repubblica. Può inviare messaggi alle Camere, indice le elezioni e i referendum, promulga le leggi, nomina i funzionari dello Stato, i presidenti delle Authority e del Cnel, comanda le forze armate, presiede il Csm e ne nomina il vicepresidente, può concedere la grazia, scioglie la camera, ma solo su richiesta del premier (o in caso di morte o dimissioni del primo ministro) o in caso di sfiducia.

Il premier. E' la figura centrale del governo i cui poteri aumentano notevolmente e non ha più bisogno della fiducia della Camera per insediarsi (ma solo un voto sul programma) dal momento che la sua legittimazione avviene al momento dell'elezione che è di fatto una elezione diretta. I candidati premier si collegano con i candidati alla Camera (oppure con una o più liste di candidati a deputati). Sulla base del risultato elettorale nomina premier il candidato della coalizione vincente. Il premier è un vero capo del governo, determina (e non più dirige) la politica dell'esecutivo e ha il potere di nomina e revoca dei ministri e di sciogliere la Camera.

Sfiducia costruttiva. Contro questa decisione i deputati della maggioranza possono presentare una mozione di sfiducia (sottoscritta almeno dalla maggioranza dei componenti la Camera) che deve indicare anche il nome del nuovo premier. Il nuovo primo ministro però dovrà incassare entro cinque giorni la fiducia della Camera sul suo programma.

Norma anti-ribaltone. Se la Camera vota la sfiducia al premier ma con l'apporto determinante dell'opposizione il premier si deve dimettere.

Il Consiglio superiore della magistratura. I giudici vengono eletti per i due terzi dai magistrati, per un sesto dalla Camera e per un sesto dal Senato federale.

La Corte Costituzionale. I giudici che la compongono sono sempre 15 ma salgono da 5 a 7 quelli di nomina parlamentare: 4 ne nomina il Senato federale, 4 e 3 la Camera). Il presidente della Repubblica ne nomina 4 (attualmente 5), 4 sono indicati dai magistrati. Per i tre anni successivi alla scadenza dell'incarico i giudici non potranno far parte del governo, del parlamento, nè ricoprire incarichi di nomina governativa.

Il timing, riforma a regime. Una parte della riforma entrerà in vigore subito dopo il referendum: eleggibilità e immunità dei parlamentari, età per il Quirinale, Authority (che entrano così in Costituzione), federalismo, interesse nazionale. Una seconda parte andrà in vigore andrà in vigore solo a partire dal 2011: Senato federale, iter delle leggi, nuovi poteri del presidente della repubblica, premierato.
Un'ultima parte della riforma andrà in vigore ancora più tardi, nel 2016 (5 anni dopo l'elezione del primo Senato federale): riduzione dei parlamentari, età per essere eletti alla Camera, contestualità tra elezione del Senato federale e dei consigli regionali.

(Repubblica 15 ottobre 2004)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Roma, 12 ott. "Il ministro Moratti ha scoperto l'acqua calda, riscontrando i limiti dell'istruzione superiore. Infatti, invece di riformarla, ha pensato ad un suo irrigidimento, con un ritorno all'epoca 'dell'avviamento' attraverso la canalizzazione precoce che separa la dimensione dell'istruzione liceale da quella professionale". Lo afferma il senatore Fiorello Cortiana, Capogruppo dei Verdi in Commissione istruzione. "A fronte dei dati presentati relativi al progetto di valutazione scolastica, non si capisce perché il Ministro abbia destrutturato la scuola primaria, fiore all'occhiello del nostro Paese, con l'abolizione del tempo pieno e con l'introduzione del tutor, invece di pensare a una maggiore efficienza della secondaria".

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 12/10/2004 @ 19:46:47, in Politica, linkato 1286 volte)

"Dalle  lodi  alla  Repubblica  di  Salò  al monumento agli ascari, dalla retorica patriottarda all'Europa dei culattoni", di fronte a questa volgare e  inverosimile  immagine  che  il  Ministro  per  gli  Italiani  nel Mondo Tremaglia  proietta  quotidianamente  all'estero  c'è solo da dire " povera Italia " - questo il commento del Senatore della Margherita Franco Danieli, vicepresidente della Commissione Esteri e responsabile dell'Ufficio per gli Italiani nel Mondo del Partito. " Tremaglia, il Ministro da 82 preferenze, tante quante ne ha avute dagli italiani nel mondo alle recenti europee, un Ministro che a fronte di questa sfiducia decretata con il voto dagli Italiani all'Estero avrebbe dovuto dimettersi, e che a maggior ragione dovrebbe farlo oggi". "La volgarità e lo sconcio delle sue dichiarazioni - conclude Danieli - fanno di Tremaglia il rappresentante di una frangia nostalgica e culturalmente fascista del suo partito, non certo il Ministro di un grande Paese europeo. E non certo il rappresentante degli Italiani nel mondo che sono animati da ben altra cultura e valori, fondati sul rispetto, sul dialogo e sulla affermazione dei diritti.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Dichiarazione del sen. Tommaso Sodano di Rifondazione Comunista. "E' uno stillicidio! Napoli e la sua provincia stanno subendo un processo di impoverimento e di deindustrializzazione inaccettabile e la minaccia di chiusura dello  stabilimento della Birra Peroni di Napoli rappresenta una sconfortante conferma", ha dichiarato il senatore Tommaso Sodano di. Rifondazione Comunista. "Il Ministro del Lavoro ci dovrebbe spiegare in che modo siano stati utilizzati i fondi pubblici per le ipotetiche ristrutturazioni industriali avvenute negli ultimi dieci anni alla Peroni. Non è pensabile che ancora una volta le imprese ricalcano un clichet uguale e drammatico per molte crisi industriali: si accaparrano i soldi pubblici, per poi  trasferire altrove, magari all'estero, le attività.La Birra Peroni non deve lasciare Napoli! Le condizioni affinché continui le attività esistono sia in termini di capacità professionali che di mercato. Il Governo faccia la sua parte, ha concluso Sodano. Il parlamentare di Rifondazione Comunista ha presentato un'interrogazione parlamentare al ministro del lavoro. Roma 12-10-2004

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 12/10/2004 @ 19:44:16, in Politica, linkato 1431 volte)

Dichiarazione di Gigi Malabarba Capogruppo PRC al Senato. "Il governo vuol nascondere che oltre i due terzi degli sfratti deriva da morosità e propone contratti a canale libero, ossia che - se va bene - le fasce più disagiate investano l'80% del loro reddito per pagare l'affitto!, ha dichiarato Gigi Malabarba, capogruppo PRC in Senato, intervenendo in aula sul disegno di legge che sancisce l'espulsione di migliaia di famiglie dalla loro abitazione. Per garantire la proprietà immobiliare il governo offre soldi nei fatti alla speculazione edilizia, invece di intervenire sul calmieramento degli affitti. Il PRC non ci sta. Il provvedimento per essere serio deve essere riscritto secondo le indicazioni avanzate da tempo dai sindacati degli inquilini, ha concluso Malabarba". Roma 12-10-2004

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Dichiarazione della Senatrice della Margherita, Albertina Soliani. "La legge Moratti non ha fatto altro che accentuare il gap fra la preparazione dei ragazzi dei licei e quelli degli istituti professionali". Così la senatrice della Margherita, Albertina Soliani capogruppo in Commissione Istruzione. "I risultati del Servizio nazionale di valutazione della scuola italiana - spiega Soliani - mostrano chiaramente che ci sono due italie nell'istruzione, una dei licei e una degli istituti professionali e il divario nella preparazione degli studenti è molto forte. Alla luce di questi risultati è evidente l'errore strategico della legge Moratti che separa i due sistemi accentuandone il divario anziché risolverlo. Né si intravedono interventi sulla scuola superiore: il decreto che la riguarda è in alto mare. Il Ministro - incalza Soliani - parla di commissioni che lavorano ai programmi per i licei. Ma da chi sono composte? E come fa il Ministro a pensare i programmi se non sono state ancora pensate né la struttura né l'organizzazione della scuola superiore?" "Sono invece confortanti i risultati della scuola primaria, e ciò dimostra che non era il caso di cambiarla, come invece ha fatto Moratti. Vi sono grandi e nuovi obiettivi da conseguire: una più forte preparazione in matematica e scienze degli studenti, l'attenzione ai ragazzi che restano indietro rispetto alle ragazze". "Sono sfide per l'Italia che con l'allargamento dell'Europa resta ancora più indietro rispetto alla preparazione scientifica e tecnologica degli studenti dei Paesi dell'Est, e che con la crescita delle competenze delle ragazze si apre a scenari nuovi di opportunità, di maggiore impegno verso i maschi di più forte mobilità professionale e sociale". Conclude Albertina Soliani: "Serve un governo di centrosinistra poiché l'attuale governo non è nelle condizioni di raccogliere queste sfide". Roma, 12 ottobre 2004

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










22/08/2019 @ 20.09.57
script eseguito in 532 ms