Immagine
 eclipse ...... di Lunadicarta
 
"
L’ingiustizia in un luogo qualunque è una minaccia per la giustizia ovunque.

Martin Luther King
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 06/01/2005 @ 18:17:36, in Magistratura, linkato 1446 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

UPDATE: L’ANM PROMUOVE UNA RACCOLTA DI FONDI TRA I MAGISTRATI PER I POPOLI DEL SUD-EST ASIATICO

I magistrati italiani aderiscono alla giornata di lutto indetta a livello europeo per la tragedia del sud-est asiatico.

L’Associazione Nazionale Magistrati ha deciso anche di manifestare concretamente solidarietà ai popoli colpiti deliberando di promuovere una raccolta di fondi tra i magistrati che sono invitatI ad inviare le loro offerte sul conto corrente bancario n° 10300 BIPOP CARIRE Ag. 5 di Roma ABI 05437 CAB 03205 CIN I intestato “ANM sottoscrizione sud-est asiatico”.

I fondi così raccolti verranno interamente devoluti all’UNICEF.

Roma, 3 gennaio 2005
La Giunta Esecutiva Centrale

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 06/01/2005 @ 18:15:24, in Magistratura, linkato 1523 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

L’ANM PROMUOVE UNA RACCOLTA DI FONDI TRA I MAGISTRATI PER I POPOLI DEL SUD-EST ASIATICO

I magistrati italiani aderiscono alla giornata di lutto indetta a livello europeo per la tragedia del sud-est asiatico.

L’Associazione Nazionale Magistrati ha deciso anche di manifestare concretamente solidarietà ai popoli colpiti deliberando di promuovere una raccolta di fondi tra i magistrati che sono invitati ad inviare le loro offerte sul conto corrente bancario n° 10300 BIPOP CARIRE Ag. 5 di Roma ABI 05437 CAB 03205 CIN I intestato “ANM sottoscrizione sud-est asiatico”.

Roma, 3 gennaio 2005
La Giunta Esecutiva Centrale

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/12/2004 @ 21:40:09, in Estero, linkato 1482 volte)

ARTISTI EMERGENZA ASIA

Artists Against Wars

La rete nazionale degli Artisti contro la guerra e i membri del gruppo di continuità: Edvino Ugolini, Stella Cappellini, Loredana Morandi, Pino Petraccia, Farid Adli, Mariangela Giordano, Lorella Nardi e Rodolfo Marconcini, Pino De March, Paolo Buffoni, Saverio Tommasi, Luciano Pignatti, Annet Hennerman in collaborazione con l'Associazione Rock No War Onlus invitano a
 
SOCCORRERE 

le popolazioni asiatiche
investite dallo tsunami
 
ARTISTI PER LO SRI LANKA
 
Anche dare un solo euro è importante!

CREDEM - Ag. di Formigine (MO)
Cab 66780 - Abi 03032 - c/c nr.11.000 - CIN P
Intestato a: ROCK NO WAR ONLUS
 
 
Oppure con la Carta di Credito direttamente dal sito:
www.rocknowar.org/files/rnw.asp?pag=DONAZIONE

 EMERGENZA SRI LANKA
 
 
Le Associazioni di Artisti che promuovono l'iniziativa:
 
Vortici  di Trieste
Argon - Bloggersperlapace di Roma
Argon - InquieteTempestePoetiche di Bologna
Argon - Bloggersperlapace di Torino
Baobab di Pescara
Casa delle Culture di Roma
Mediterraneo di Messina
Teatro di Nascosto - Hidden Theatre
Gran Teatro dei Burattini di Bomporto (Mo)
 
attendiamo le vostre adesioni!

Copia il banner per il tuo sito ...



<­A href="http://www.siatec.net/bloggersperlapace/print.php?sid=624"><­img src="http://www.siatec.net/bloggersperlapace/modules/My_eGallery/gallery/foto/Ani_Art.gif"><­/A>

Copia questo codice nel punto esatto in cui vuoi che appaia il banner della raccolta fondi promossa dalla Rete Artisti contro le guerre.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 21/12/2004 @ 13:32:44, in Indagini, linkato 1464 volte)

Inspiegabile tragedia a Ponte Nossa, in provincia di Bergamo. La piccola si è accasciata mentre stava giocando. Nella stessa famiglia era già accaduto due anni fa al figlio maggiore

PONTE NOSSA (Bergamo) - Un dramma senza spiegazioni: una bambina di otto anni è morta mentre giocava con altri suoi coetanei in strada. Esattamente come, due anni fa, e nello stesso paese della Bergamasca, era accaduto al fratellino Andrea. Il fatto è avvenuto a Ponte Nossa. La bimba, Giorgia B., di Costa Volpino, si è accasciata a terra all' improvviso domenica sera, quando erano da poco passate le 20. Un malore repentino, che ha stroncato in pochi minuti la bambina. Niente hanno potuto fare i soccorritori del 118, immediatamente intervenuti.

ERA GIA' MORTO IL FRATELLINO DUE ANNI FA - La disgrazia ha impressionanti analogie con quanto accaduto due anni fa: nel 2002, sempre a Ponte Nossa, era morto il fratello maggiore di Giorgia, Andrea, di 9 anni. Il piccolo era su una giostra, insieme ad alcuni compagni di gioco, quando era stato colpito da un malore mortale. Anche in quel caso i soccorsi si erano rivelati vani. L'autopsia stabilì successivamente che a uccidere il bambino era stata una malformazione al cuore. Un'ipotesi che si riaffaccia anche per la sorellina. Adesso anche sul corpo della piccola Giorgia sarà effettuata un'autopsia: l'ha disposta il pubblico ministero del Tribunale di Bergamo Francesco Lentano.
20 dicembre 2004 - Corriere.it

NOTA DEL REDATTORE: questa triste storia accade in quel della verde Padania ed è chiarissimo segno di cultura. Francamente spero che il pm indaghi i genitori, perchè la loro trascuratezza è terribile!

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 20/12/2004 @ 19:18:04, in Varie, linkato 1386 volte)


 Il mio modo di sentire il Presepe!

Auguri! Lu'

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 17/12/2004 @ 22:15:19, in Politica, linkato 1660 volte)

DEIANA (PRC): GIUSTIZIA, INACCETTABILE CHE PERSICHETTI SUBISCA LE INADEMPIENZE DELL’INTERPOL. INTERPELLANZA PRC AL MINISTRO PISANU

“Non ritiene grave la ragione del ritardo nella trasmissione delle informazioni richieste all’Interpol francese, considerate le pesanti conseguenze che il diniego può avere sul percorso di reinserimento sociale di Persichetti? Quali iniziative intende prendere per ottenere l’adempimento dei doveri d’ufficio dell’Interpol? – sono le domande poste da Graziella Mascia, Elettra Deiana, Giuliano Pisapia, Giovanni Russo Spena e Franco Giordano, deputati di Rifondazione Comunista, in una interpellanza urgente al Ministro dell’Interno in merito alla mancata concessione del permesso al detenuto Paolo Persichetti - A Persichetti, condannato per reati di terrorismo alla pena di 22 anni e sei mesi di reclusione con fine pena fissato nel settembre 2018, è stato negato il permesso premio previsto dall’articolo 30-ter della legge 354/75. Persichetti – spiega Deiana - ha espiato la pena minima per accedere ai permessi premio, ma nell’agosto 2004 il magistrato di sorveglianza ha rigettato la sua richiesta perché non risultano pervenute le informazioni richieste all’Interpol francese il 3 dicembre 2003 in ordine alla decennale permanenza del Persichetti in Francia. Paolo Persichetti, dopo che a dicembre il Tribunale di sorveglianza di Roma ha rigettato il reclamo diniego del giudice di sorveglianza, ha iniziato lo sciopero della fame, al fine di stigmatizzare una situazione a dir poco paradossale che vede l’ingiustificato ritardo nella trasmissione delle informazioni ripercuotersi nei suoi confronti. È inaccettabile – conclude Deiana, che si recherà domani in visita al carcere di Viterbo dove è recluso Paolo Persichetti - che una eventuale decisione del giudice possa essere paralizzata dal mancato adempimento di quanto richiesto da parte dell’Interpol francese.” Roma, 17 dicembre 2004

VIOLENZA SESSUALE: LAURA CIMA (VERDI), INDAGINE ISTAT  SPIA DEL VALORE CHE HA LA DONNA NELLA NOSTRA SOCIETA’

“Più centri d’ascolto e consultori” “I dati drammatici  che oggi l'Istat ha pubblicato sulla violenza sessuale alle donne, in Italia, insieme al recente scandalo che ha coinvolto il nostro Paese per il turismo sessuale in Brasile, sono la spia del valore che una parte consistente della nostra società dà alla donna. E il fatto che le donne  siano per lo più tenute lontano da posti dirigenziali all'interno della vita politica e lavorativa è l'altra faccia della stesso problema". Lo ha dichiarato la deputata verde Laura Cima commentando l’indagine Istat su un campione di oltre 22mila donne, che rivela come più di mezzo milione di loro abbia subito uno stupro o un tentativo di stupro e ben 10 milioni, almeno una molestia sessuale. Cima chiede “più centri di ascolto e più consultori per le donne, più spazi dove  conoscersi, confrontarsi e offrire sostegno a tutte le ragazze che non vogliono più sentirsi vittime. Questi  dati  - prosegue la deputata Verde – mostrano un volto inaccettabile dell'uomo italiano ancora succube di una cultura maschile imbevuta di violenza e di non rispetto che va combattuta a partire da campagne educative e culturali nelle scuole e nelle istituzioni. Un altro dato preoccupante: soltanto il 7,4 per cento delle vittime di uno stupro o di un tentato stupro ha denunciato il fatto e questo la dice lunga sulla fiducia che le donne hanno nelle istituzioni. 17.12.2004

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 17/12/2004 @ 21:49:51, in Indagini, linkato 1330 volte)
Ben 674 decreti penali di condanna a pene pecuniarie sono in corso di consegna ai rispettivi proprietari fra le persone del Movimento dei movimenti italiano. Questa notizia è drammatica, ma che non si dica da nessuna parte che io non lo avevo detto. Alcuni leader movimentisti hanno giocato sulla disobbedienza e sulle vite dei giovani disobbedienti, mettendo in ginocchio quasi 700 famiglie. 151 avvisi furono notificati dalla Procura di Trento a seguito dell'auto denuncia a titolo personale di altrettante persone in occasione degli avvisi di Cosenza. Questi ultimi forse sono archiviati, ricordo di averne letto il testo e non conteneva nulla di particolare salvo l'aver pregio di ingolfare la Procura. Mi domando però quale sia stata la finalità politica e cosa ha dimostrato mai questo metodo. Perchè mai gestire con tanta superficialità l'emergenza sociale del vivere in una sorta di dittatura mediatica e tanto di governo di centro destra finanche guerrafondaio? Quale avvocato può aver pensato di lucrare da tale stato di cose? A quest'ultima domanda non posso rispondere perchè conosco prevalentemente civilisti e frequento solo i giuristi democratici romani. Però non posso evitarmi ne sensibilità, ne il fiuto abituale del cronista ed intuisco il marcio, lì, da qualche parte... E chi ci ha "giobbato" c'è, eccome ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 17/12/2004 @ 21:31:59, in Indagini, linkato 1479 volte)

La commissione parlamentare d’inchiesta sui crimini nazifascisti denuncia Giuseppe Scandurra, procuratore generale presso la corte di Cassazione. Sua la proposta di legge che manda in galera inviati di guerra e ong Nuovi occultamenti Tra il 1994 e il 1998 ha occultato nuovamente i fascicoli sui crimini nazifascisti ritrovati durante il processo Priebke. Quasi tutti riguardavano le SS italiane

Sara Menafra Roma

Oltre a rappresentare il vertice della magistratura militare inquirente, Giuseppe Scandurra, procuratore capo della corte militare di Cassazione è il vero autore della legge delega per la riforma del riforma del codice militare di guerra, ovvero quel testo che prevede il carcere duro per i giornalisti che daranno informazioni sulle missioni militari e pene durissime per le Ong colpevoli di dare viveri al «nemico» iracheno e afghano. Ieri però la sua carriera, coronata dai complimenti del ministro della difesa Antonio Martino per il testo scritto, ha subito un piccolo incidente. Proprio mentre le commissioni difesa e giustizia della camera avviavano l’analisi del testo che darà poteri insperati alla magistratura militare, in un altro palazzo a cento passi da Montecitorio un’altra commissione parlamentare decideva di denunciare il magistrato.

La commissione d’inchiesta parlamentare sull’occultamento dei crimini nazifascisti, presieduta da Flavio Tanzilli dell’Udc, ha scoperto che dopo l’apertura dell’Armadio della vergogna nel 1994, il dottor Giuseppe Scandurra si è auto attribuito 202 fascicoli relativi soprattutto ai crimini compiuti dalle Ss italiane. Come anticipato da il manifesto, senza nessun mandato né competenza il magistrato ha gestito per anni alcune indagini sui crimini di ’50 anni fa evitando di avvisare la magistratura competente, salvo inviare nel 2002 i 54 fascicoli più «deludenti» alle procure interessate. In alcuni casi la sua indagine ha trovato fatti nuovi che avrebbero potuto portare a compimento processi lasciati in sospeso per tanti anni. Ma tutte le informazioni utili sono rimaste sul suo tavolo fino a ieri. Ora il magistrato, denunciato alla procura di Roma, potrebbe essere indagato per reati che vanno dal peculato, all’abuso di ufficio fino all’attentato contro organi costituzionali per aver ostacolato le attività della commissione.

Oggi Scandurra è l’autore del testo che potrebbe mandare alla corte marziale gli inviati di guerra, i pacifisti che «collaborano col nemico» e garantire l’impunità ai vertici dell’esercito (con la nuova legge sarà il ministro della difesa a dare l’autorizzazione a procedere). Ma i suoi colleghi della magistratura militare non nascondono che il suo curriculum è costellato di episodi inquietanti almeno come quello scoperto dalla commissione sui crimini nazifascisti.

Il caso più noto è l’intervento a difesa del generale Domenico Tria, l’alto ufficiale che si trovava a bordo di un’auto blu che nel 2001 causò un brutto tamponamento con 4 vittime sulla via del Mare vicino Roma. L’incidente all’epoca fece parecchio scalpore perché il generale disse di non aver visto nulla. E in quegli stessi giorni si scoprì che durante una indagine per peculato a carico di Tria, Scandurra aveva chiamato gli inquirenti con un tono definito «inopportuno» dal Consiglio militare che si occupò della vicenda. (*)

Negli ultimi anni le azioni del magistrato napoletano sono state messe sotto accusa più volte dal Csm militare. Scandurra ha fatto parte della commissione ristretta che dopo il ritrovamento dei fascicoli nazifascisti nel 1994 ha vagliato tutto il materiale - senza alcun mandato - decidendo cosa inviare ai magistrati competenti e cosa no. Alla fine del lavoro il consiglio ha inviato al Csm militare una relazione sul lavoro svolto. «Scandurra si presentò alla riunione proponendo una nuova versione del testo `con alcune leggere modifiche’ - racconta un magistrato militare che preferisce mantenere l’anonimato - in realtà aveva completamente cambiato il senso del documento in modo da escludere ogni responsabilità da parte dei vertici della magistratura militare». L’episodio ha causato una raffica di discussioni e polemiche tra i togati dell’esercito. Poi tutto è finito lì.

Nel 2002 il nuovo episodio «strano». Tra il 12 e il 25 luglio del 2002, il dottor Roberto Rosin ha inviato alle procure competenti cinquantaquattro fascicoli dei 202 occultati da Scandurra. I fascicoli erano talmente scarni da non dare vita ad alcuna indagine. Ma in seguito a quell’atto Giuseppe Rosin, membro del consiglio della magistratura militare, ha inviato un esposto al Consiglio militare. La discussione della Commissione affari generali del Consiglio è durata un anno e mezzo, ma al momento di votare una relazione di condanna dell’accaduto, in toni non troppo allarmanti, Scandurra ha chiesto alla commissione di fare ulteriori indagini bloccando tutto.

Commentando la denuncia arrivata ieri il senatore dei Ds Walter Vitali ha spiegato: «E’ in discussione la condotta dei massimi vertici della magistratura militare italiana. La mancata trasmissione nel 1994 degli incartamenti alle autorità giudiziarie competenti non ha trovato giustificazione alcuna nelle audizioni della Commissione parlamentare». E in effetti il rischio è che questa denuncia di una commissione sconosciuta ai più metta in serio pericolo il progetto del ministro Martino.

da il manifesto del 16 dicembre 2004.

(*Su questo specifico caso, in occasione del processo, pervenne a tutta la stampa una velina della Procura di Roma in merito al non menzionare alcuni atti vandalici subiti dall'auto del pm, la cui insistente e ripetitiva presenza nella gestione di casi che riguardano personaggi in divisa è più che nota e, a quanto pare, interpretando come trista eco dei fatti che attanagliano i più noti processi milanesi, vi si narra di persone scomparse per ore alla legalità in attesa dell'orario del suo turno).

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 16/12/2004 @ 20:22:17, in Magistratura, linkato 1607 volte)

Si ritrasmette il messaggio precedentemente inviato, nel quale era contenuto l'errore riguardante la votazione dell'emendamento soppressivo relativo all'intervento del Ministro.

Il Plenum ha approvato all'unanimità dei presenti (assenti Di Federico e Ventura Sarno) il documento qui di seguito trasmesso.
E' stato approvato a maggioranza (UPC, MI e tutti i laici) un emendamento che ha eliminato dal testo il riferimento al ruolo svolto dal Ministro nella vicenda. Il testo eliminato era il seguente:
"Va ricordato che lo stesso ministro della Giustizia, nell'immediatezza della pronuncia della sentenza, espresse solidarietà nei confronti degli imputati condannati, così come fecero vari esponenti politici che ricoprono alte cariche istituzionali della Repubblica. Il ministro ha poi commentato l'esibizione del cartello nell'aula della Camera dei deputati, ritenendola "una libera espressione del pensiero parlamentare"".

M. G. Civinini, L. Marini, F. Menditto, G. Salmè, G. Salvi

"In occasione della seduta per l'elezione di due giudici costituzionali, tenutasi il giorno 14 dicembre 2004 nell'aula della Camera dei Deputati, alcuni parlamentari hanno esposto nell'aula cartelli con la scritta "Papalia razzista e nazista".
Tale iniziativa segue di pochi giorni la pronuncia ad opera del tribunale di Verona di una sentenza di condanna nei confronti di sei appartenenti al movimento politico "Lega Nord", accusati dalla procura della Repubblica diretta dal dott. Guido Papalia del reato di incitamento all'odio ed alla discriminazione razziale, che si ritiene commesso attraverso un'insistente e massiccia campagna di protesta per lo sgombero di un campo nomadi sito nel territorio veronese.

Le invettive nei confronti del dott. Papalia, e dell'ufficio di Procura da lui diretto, praticate attraverso l'uso di aggettivi, quali razzista e nazista, di valenza obiettivamente offensiva, tanto da determinare la formale deplorazione del Presidente della Camera, sono inaccettabili ed esigono che il Csm intervenga a tutela del prestigio del magistrato coinvolto, dell'ufficio giudiziario da lui diretto e più in generale della credibilità dell'istituzione giudiziaria.

L'intervento denigratorio nei confronti del dott. Papalia, infatti, è stato inscenato dopo la pronuncia di una sentenza e ciò rende palese che gli attacchi offensivi hanno avuto di mira l'intera funzione giudiziaria, inquirente e giudicante.

La particolare gravità dell'accaduto è acuita dal fatto che gli autori delle offese siano alti rappresentanti delle Istituzioni, e ciò espone a serio rischio il mantenimento della necessaria fiducia dei cittadini nella giurisdizione.

Il Csm non mette in dubbio che l'attività giudiziaria possa essere oggetto di critiche e che la critica dell'operato dei pubblici poteri, ivi compreso l'ordine giudiziario, rientri nell'esercizio della libertà di manifestazione del pensiero di ogni individuo e sia al contempo espressione del mandato parlamentare.

E però ancora una volta il Csm, nel prendere atto dell'iniziativa immediata ed esaustiva del Presidente della Camera, è costretto a ribadire che alla legittima espressione del diritto di critica, anche parlamentare, è del tutto estraneo l'uso di frasi capaci solo di sortire effetti delegittimanti per l'istituzione giudiziaria  (vedi deliberazione del Csm del 16 gennaio 2002)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 16/12/2004 @ 20:10:16, in Magistratura, linkato 1372 volte)

UNITA’ PER LA COSTITUZIONE

COLPITA AL CUORE LA RIFORMA

Il Presidente della Repubblica, svolgendo con grande indipendenza ed autorevolezza il suo ruolo di garante delle regole costituzionali, non ha promulgato la riforma dell’ordinamento giudiziario. E’ un bel giorno per lo Stato di diritto.

I suoi rilievi - che riguardano lo straripamento dei poteri del Ministro della Giustizia nell’ambito del merito della giurisdizione e delle attribuzioni proprie del CSM in tema di nomina di incarichi direttivi nonché lo svuotamento dei compiti tipici del CSM - sembrano colpire al cuore la filosofia della riforma che mirava ad una trasformazione di equilibrio fra i poteri dello Stato attraverso una legge ordinaria e non costituzionale.

Il Parlamento non potrà non tenere conto di tali osservazioni che presuppongono una diversa impostazione di cultura costituzionale.

Peraltro gli aspetti non censurati – quali la separazione di fatto delle carriere e la gerarchizzazione degli uffici di Procura- rimangono comunque sospetti di incostituzionalità posto che il margine di intervento riservato in fase di promulgazione di una legge al Capo dello Stato riguarda soltanto la valutazione di “manifesta incostituzionalità”. Numerose sono infatti le norme che - seppure promulgate - risultano successivamente oggetto di censura da parte della Corte Costituzionale.

Unità per la Costituzione rivendica con soddisfazione come la linea di forte difesa dei valori giuridici fondamentali perseguita dall’ANM, attraverso comportamenti sempre istituzionalmente continenti (tale deve essere considerato lo sciopero) che hanno prodotto una opposizione culturale dell’intera scienza giuridica - soprattutto costituzionale -, abbia rappresentato un momento di testimonianza ragionata e auspica che si possa costruire una nuova fase di dialogo nella quale il Parlamento riscriva una riforma finalmente condivisa e non punitiva per la magistratura. Nell’interesse dei cittadini e del patto democratico.
 
Roma 16/12/2004

Fabio Roia
Segretario Generale

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie più cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unità per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog è di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










19/08/2019 @ 18.16.22
script eseguito in 578 ms