Immagine
 alla bellezza ... ... di Lunadicarta
 
"
Perché una società del porno commerciale dovrebbe interessarsi ai cartoni animati? Chi è che guarda i cartoni animati alla Tv?

Loredana Morandi
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
ri e proposte sul funzionamento e l’organizzazione degli uffici dei giudici di pace; hanno potere deliberativo al posto del CSM in ordine allo status dei magistrati per quanto attiene ad aspettative, congedi, riconoscimento di causa di servizio, equo indennizzo, pensioni privilegiate e sussidi; formulano pareri, anche su richiesta del CSM, in ordine ai collocamenti a riposo, dimissioni, decadenze, concessione di titoli onorifici, riammissioni in magistratura; formulano pareri su richiesta del CSM; formulano proposte al Comitato direttivo della Scuola della magistratura.

Nel ddl n. 1447, invece i CG esprimono pareri sulle tabelle (giudicanti e requirenti, in quanto la riforma complessiva reintroduce l’art. 7 ter, comma 3 O.G.) degli uffici del distretto, pareri sulle valutazioni di professionalità dei magistrati previste dalla legge, pareri e proposte sul funzionamento e l’organizzazione degli uffici dei giudici di pace del distretto, proposte al Comitato Scientifico della Scuola superiore della magistratura; su richiesta del CSM formulano pareri su materie attinenti alle loro competenze.

La prospettiva di un più ampio ventaglio di attribuzioni ai CG e di un più accentuato decentramento contenuta nel ddl Castelli presentava indubbi aspetti positivi anche se l’attribuzione di un>

11. Sul numero dei componenti del CSM

 

1. Premessa
 

Il disegno di legge n. 1447 “Riforma dell’ordinamento giudiziario” contiene disposizioni su aspetti particolarmente rilevanti dell’ordinamento giudiziario:

a) il concorso di accesso in magistratura ( art. 1); 

b) le funzioni giudiziarie, i requisiti ed i criteri per il loro conferimento, le valutazioni periodiche di professionalità, i passaggi dalle funzioni requirenti a quelle giudicanti e viceversa, la mobilità professionale ed il trattamento economico dei magistrati, gli incarichi direttivi e semidirettivi (art. 2);

c) l’organizzazione e le funzioni della Scuola della Magistratura (art. 3);

d) la composizione e  le funzioni del Consiglio direttivo della Corte di cassazione e dei Consigli giudiziari e le modalità di elezione dei componenti togati (art. 4);

e) la dirigenza amministrativa degli uffici giudiziari (art. 5);

f) regole di diversa natura e rilievo attinenti all’organizzazione giudiziaria ed allo “statuto” dei magistrati, tra cui rivestono particolare importanza quelle relative al numero dei componenti del CSM ed all’assetto della sua Segreteria, alla organizzazione interna degli uffici di Procura, al collocamento fuori ruolo (art. 6);

g) la delega al governo ad emanare un codice delle norme in tema di ordinamento giudiziario e militare(art. 7).


Nel formulare osservazioni e valutazioni sul disegno di legge l’Associazione nazionale magistrati avverte la necessità di ribadire che la magistratura è interessata ad una incisiva riforma dell’ordinamento giudiziario che si ponga come alternativa al vetusto ordinamento giudiziario Grandi, risalente agli anni del fascismo, ed al tempo stesso apporti le modifiche indispensabili a molte delle norme ordinamentali approvate nella scorsa legislatura; norme che  sono state oggetto di argomentate e puntuali critiche da parte dei magistrati in ragione della loro oggettiva inidoneità a disciplinare efficacemente l’assetto della magistratura ed a reggere al confronto con la realtà degli uffici e della giurisdizione.

E’ con questo spirito e con questa dichiarata aspirazione ad un reale e positivo rinnovamento dello statuto del giudice e del pubblico ministero e dell’intera organizzazione giudiziaria, che l’Associazione esprime il suo punto di vista sul disegno di legge n. 1447.

L’ampiezza delle materie oggetto del disegno di legge, le difficoltà e le asperità di lettura oggettivamente derivanti alla tecnica della “novellazione” e l’esigenza di non sovraccaricare l’analisi svolta del peso di notazioni tecniche troppo minute e dettagliate (con il rischio di smarrire la necessaria visione di insieme) hanno comportato che a molte questioni, anche di grande rilievo, siano state riservate, in questa fase,  osservazioni  e valutazioni estremamente  schematiche.

L’Associazione resta però pronta a svolgere , ove sia ritenuto utile ed opportuno, considerazioni più dettagliate ed approfondite sui singoli aspetti del disegno di legge e della materia ordinamentale.


2. Sull’accesso in magistratura (art. 1 del ddl )

 
2.1. Il sistema previgente.
 

Come è noto al concorso tradizionale - che sino al 1998 prevedeva come unico requisito di ammissione la laurea in giurisprudenza - la legge Bassanini ha aggiunto, quale requisito di accesso, la frequenza della scuola di specializzazione delle professioni legali con la dichiarata finalità di garantire un più alto livello di preparazione e di cultura dei candidati, di  ridurre il numero dei partecipanti al concorso e di favorire il formarsi di una cultura comune tra magistrati e avvocati.
 

2.2. L’ordinamento ex lege n. 150 del 2005
 

L’ordinamento ex lege n. 150 del 2005. - sospeso su questo punto fino al 31 luglio 2007 – ha poi configurato il concorso di accesso in magistratura come un concorso di secondo grado, introducendo come requisito di ammissione - oltre alla laurea in giurisprudenza - il diploma della scuola di specializzazione, o il dottorato di ricerca in materie giuridiche, o l’abilitazione all’esercizio delle funzioni forensi, o lo svolgimento di funzioni direttive nelle pubbliche amministrazioni per almeno tre anni, o lo svolgimento delle funzioni di magistrato onorario per quattro anni senza demerito e senza sanzioni disciplinari.

Alle prove tecniche, scritte ed orali, è stato inoltre aggiunto un colloquio di idoneità psico-attitudinale senza che ne venissero specificate in alcun modo le modalità (demandate ad un successivo decreto ministeriale), la rilevanza dell’esito e gli eventuali rimedi contro valutazioni negative.

 
2.3. Il disegno di legge del Ministro della giustizia
 

Nella sua stesura definitiva il disegno di legge n. 1447 - abbandonata una prima versione che  prevedeva l’istituzione di due canali concorsuali separati e diversi (ciascuno per la metà dei posti vacanti) con diversi requisiti di legittimazione - ripropone l’unicità dell’accesso mediante concorso ordinario e cancella la verifica di idoneità psico-attitudinale.

Per il concorso vengono richieste: una particolare qualificazione scientifica (il diploma rilasciato dalla scuole di specializzazione nelle professioni legali, oppure la qualità di docente universitario di ruolo) oppure una precedente esperienza professionale svolta come avvocato (con almeno tre anni di esercizio della professione), come magistrato onorario (confermato dopo il primo incarico) come magistrato amministrativo, contabile o militare, come avvocato dello Stato, come  dipendente dello Stato, delle Regioni degli enti pubblici a carattere nazionale e degli enti locali, laureato in giurisprudenza con qualifica dirigenziale o altra qualifica equivalente, con almeno cinque anni di anzianità nella qualifica).

Dopo il concorso è previsto un tirocinio di ventiquattro mesi, articolato in sessioni, una delle quali della durata di sei mesi presso la Scuola della magistratura ed una, della durata di diciotto mesi, effettuata presso gli uffici giudiziari.

Nello schema unitario del concorso, il testo definitivo del ddl approvato dal Governo ha inserito un ulteriore e diverso requisito di accesso al concorso che si affianca agli altri titoli già menzionati.

Ci si riferisce alla possibilità di partecipare “direttamente” al concorso per i laureati che abbiano conseguito la laurea magistrale in giurisprudenza a seguito di un corso di durata non inferiore a cinque anni ovvero la laurea in giurisprudenza a seguito di un corso di quattro anni, purché abbiano riportato una valutazione media di tutti gli esami del corso di laurea di 28/30 e un punteggio finale di laurea non inferiore a 107 centodecimi.

In relazione a tale ultimo requisito, fondato sul merito negli studi , l’ANM apprezza la volontà di valorizzare le capacità e le migliori energie dei giovani laureati, offrendo ad essi un canale accelerato di accesso che eviti il duplice rischio (inevitabilmente connesso ad un troppo lungo percorso professionale “preliminare”) di una selezione fondata sul censo e di una dissuasione alla carriera in magistratura dei migliori laureati, attratti da più rapide possibilità di ingresso in altre professioni.

A ben guardare, nella nuova configurazione, si realizza una sostanziale equiparazione tra lo schema del  concorso di secondo grado (che resta prevalente e che caratterizza l’accesso) e lo schema del concorso di eccellenza (imperniato sulla “preselezione” degli ammessi al pari di quanto già oggi avviene per i concorsi dei funzionari parlamentari, della Banca d’Italia o di altre istituzioni pubbliche o private interessate ad acquisire professionalità elevate).
 

3. Sulle valutazioni periodiche di professionalità ( art. 2 del ddl)
 

3.1. L’istituzione di valutazioni professionali con cadenza quadriennale.


Le proposte in tema di valutazione della professionalità contenute nel ddl in discussione appaiono profondamente innovative sia rispetto alla impostazione del decreto n. 160 del 5 aprile 2006 sia rispetto alle scarne indicazioni contenute in tema di professionalità nell’ordinamento giudiziario “Grandi”, mentre si ricollegano idealmente - sia pure con significative e peculiari novità - alle disposizioni contenute nel disegno di legge presentate dal Ministro della giustizia Carlo Maria Flick all’epoca del primo Prodi.

La previsione di valutazioni di professionalità aventi periodicità quadriennale - collocata in esordio del nuovo art. 11 del decreto n. 160 del 5 aprile 2006 - dovrebbe sgombrare il campo da ogni polemica sulla progressione “automatica” dei magistrati, ponendo in evidenza che, al contrario, la professionalità dei magistrati, nei suoi diversi profili, è oggetto di reiterati ed approfonditi controlli durante l’intero arco della loro vita professionale .
 

3.2. I diversi profili della “personalità professionale” del magistrato: capacità professionale, laboriosità, diligenza , impegno, attitudine alla dirigenza.
 

Particolarmente significativa e meritevole di attenzione è l’articolazione per così dire interna del vaglio periodico di professionalità (commi 2 e 3) che sarà destinato ad investire distinti aspetti della personalità professionale del magistrato e precisamente:

a) la capacità professionale, da misurare sulla preparazione giuridica e sulla padronanza delle tecniche utilizzate nei diversi settori della giurisdizione;

b) la laboriosità, espressiva della quantità e qualità del lavoro giudiziario svolto e dell’apporto fornito al complessivo lavoro di ufficio;

c) la diligenza, intesa come rispetto delle regole e dei termini dell’attività giudiziaria;

d) l’impegno, che esprime il grado di partecipazione e di fattivo concorso del magistrato al buon andamento dell’ufficio nel quale opera (disponibilità alle sostituzioni, frequenza di corsi di aggiornamento, apporto alla soluzione di problemi organizzativi et similia);

e) l’attitudine alla dirigenza, intesa sia come capacità di organizzare il proprio lavoro nel contesto organizzativo dato sia come attitudine a organizzare, stimolare, controllare, coordinare l’attività di funzionari  e magistrati nel rispetto della loro autonomia professionale.


3.3. Il ruolo di integrazione della disciplina legislativa assegnato al CSM .
 

I criteri di valutazione professionale appaiono caratterizzati da una notevole analiticità. Al punto che da più parti ci si è chiesti  se ciò non si risolverà in una eccessiva rigidità della disciplina ed in una negativa limitazione del ruolo del CSM (che appare in grado di dettare norme secondarie e circolari secondo canoni di maggiore flessibilità).

E’ comunque evidente che i criteri suindicati acquisteranno il loro pieno significato e valore se il Consiglio Superiore della Magistratura - nell’integrare la disciplina delle valutazioni di professionalità secondo quanto previsto dallo stesso – saprà fissare linee operative nonché criteri e parametri chiari e nel contempo avrà cura di precisare che nelle nuove valutazioni di professionalità i “dati”, i “fatti” e le “realizzazioni” dovranno avere un rilievo preminente rispetto a valutazioni astratte ed apodittiche ed ai giudizi genericamente elogiativi o, sebbene più raramente, genericamente negativi.

Va sottolineato al riguardo che, tanto nel dettare i nuovi criteri di valutazione quanto nel configurare la procedura di valutazione, il ddl ha tenuto conto della elaborazione e dei risultati realizzati dall’organo di autogoverno che, nella consiliatura 2002-2006,  ha compiuto un notevole sforzo di aggiornamento e di miglioramento della circolare - risalente al 1985 - che detta i criteri per la formulazione dei “pareri” dei capi degli uffici e dei Consigli giudiziari sulla professionalità dei magistrati, modificandola con le delibere del 23.7.2003 e del 26.1.2005 e giungendo  a risultati significativi.

In tali atti consiliari è stato superato, con equilibrio, un antico tabù - nato dal timore di giudizi ideologici sul merito delle decisioni del magistrato - che precludeva l’analisi e la valutazione concreta dei provvedimenti giudiziari nei pareri resi sui magistrati dai capi degli uffici e dai Consigli giudiziari.

Inoltre è stato opportunamente previsto che i pareri non siano più redatti in forma libera, secondo l’estro degli estensori, ma seguano schemi omogenei e corrano sul filo di voci predeterminate; con l’effetto di rendere più oggettivi e meglio comparabili i giudizi formulati dai dirigenti e dai Consigli giudiziari.

Si è creato così un nuovo ambiente istituzionale favorevole alle ulteriori innovazioni legislative oggi proposte che riprendono e sviluppano in direzione complessivamente positiva gli approdi raggiunti dal CSM.

Il risultato cui tendere è un quadro completo ed aggiornato della personalità professionale e dell’attività del magistrato che conferisca al “giudizio” espresso con il provvedimento motivato descritto nel comma 15 il carattere di valutazione peculiare , sorretta da una motivazione effettiva e controllabile alla luce dei dati su cui essa è fondata.
 

3.4. La procedura di valutazione della professionalità.
 

Nel ddl la procedura di valutazione della professionalità è regolata in tutti i suoi diversi momenti e profili: acquisizione dei dati relativi all’operato del magistrato;  formulazione del parere del Consiglio giudiziario; eventuale interlocuzione del magistrato; valutazione di professionalità da parte del CSM, tipologia dei giudizi (“positivo”, “non positivo”, “negativo”), conseguenze professionali ed  economiche dei giudizi “non positivo” e “negativo”; dispensa dal servizio, previa audizione del magistrato, del magistrato oggetto di un duplice giudizio negativo.

La procedura appare complessivamente equilibrata giacché da un lato è tesa all’effettiva acquisizione di tutti dati realmente significativi ai fini di un giudizio sulla idoneità e sulla attività professionale del magistrato e, dall’altro, consente all’interessato di interloquire con gli organi del circuito di governo autonomo (Consigli giudiziari e CSM) sia per concorrere positivamente al loro operato offrendo utili elementi di conoscenza sia per ottenere garanzie e per intervenire attivamente , con osservazioni scritte o tramite l’audizione personale, nelle fasi più delicate e potenzialmente gravide di conseguenze negative per il magistrato sottoposto a valutazione.

A garanzia della serietà e della incisività delle valutazioni sono stati puntualmente regolati gli effetti delle valutazioni non positive o negative sulla progressione economica e sul rapporto di lavoro del magistrato (sino alla dispensa dal servizio del magistrato oggetto di un duplice giudizio negativo) con una severità che merita di essere condivisa.

E’ un fatto che compiacenze ed indulgenze verso “pochi” magistrati improduttivi, inadeguati, neghittosi, hanno spesso fatto pagare un prezzo assai alto in termini di credibilità ai “molti” magistrati che lavorano con straordinaria dedizione e capacità.

Se non si supera realmente il punto debole, l’anello che non tiene nel sistema di selezione negativa dei magistrati e se l’autogoverno non si dimostra in grado di attuare una effettiva selezione negativa (allontanando dal compito di giudicare di quei magistrati che per diverse ragioni non sono più in grado di garantire uno standard accettabile di professionalità) si apre una falla nella quale possono fare irruzioni le soluzioni più negative e mortificanti in tema di controllo sulla professionalità dei magistrati.

La superiorità del sistema di selezione negativa e la sua aderenza al dettato costituzionale possono essere efficacemente rivendicate solo a condizione che il legislatore prima ed il circuito di autogoverno poi garantiscano le condizioni di un suo effettivo funzionamento.

 
3.5. Il conferimento delle funzioni di legittimità

 
Per il conferimento delle funzioni di legittimità - oltre ai requisiti di base – dovrà  essere valutata anche la capacità scientifica e di analisi delle norme.

La principale novità è rappresentata dalla previsione di un’apposita Commissione nominata dal CSM e composta di cinque membri (tre magistrati che abbiano superato almeno la quarta valutazione di professionalità e due professori universitari di ruolo), chiamata ad esprimere un parere motivato sulla “capacità scientifica” e di “analisi delle norme” (in quanto la valutazione finale e decisiva resta affidata al CSM che potrà anche discostarsi dal parere con adeguata motivazione).

Si osserva al riguardo che la  previsione di tale Commissione potrebbe risultare in concreto di assai dubbia utilità a fronte delle approfondite valutazioni di professionalità già previste nell’arco della intera vita professionale del magistrato.

Anche in ragione della attuale formulazione della norma si corre poi il duplice rischio che la produzione scientifica finisca  per diventare il presupposto di maggior rilievo per l’attribuzione delle funzioni di legittimità e che il ruolo della Commissione, che viene sostanzialmente investita di un parere di “idoneità”, superi il confine dell’ausilio istruttorio all’organo di autogoverno.

Va inoltre rilevato con franchezza che le note polemiche sulle valutazioni scientifiche in ambito universitario non incoraggiano a seguire un percorso di valutazione che rischia di isolare una astratta “capacità scientifica e di analisi normativa” nel quadro della complessiva “professionalità” del magistrato (che include la capacità scientifica ma in essa non si esaurisce, come attestato dalle stesse norme del ddl in tema di professionalità).

Infine ove la scelta dei professori universitari cadesse su docenti che esercitano anche la professione di avvocato potrebbero sorgere comprensibili  preoccupazioni sul loro coinvolgimento nella provvista dei magistrati della Suprema Corte mentre laddove si dovesse optare per professori a tempo pieno crescerebbe il rischio di valutazioni condotte secondo criteri e metri di giudizio avulsi dalla concreta realtà del giudizio di legittimità.


3.6. La temporaneità delle funzioni

 
Da ultimo va messo in luce che viene confermata e meglio disciplinata la temporaneità delle funzioni (nel posto tabellare o nel gruppo di lavoro), che dovrà essere determinata in concreto dal CSM nell’ambito di nuovi limiti temporali minimi e massimi indicati dal legislatore (tra 8 e 15 anni).

E’ particolarmente importante che si sia chiarito che la mobilità professionale “obbligata” (da attuarsi anche di ufficio dopo un determinato periodo di permanenza nelle funzioni) è realizzabile attraverso il mutamento della effettiva “posizione lavorativa” del magistrato e non necessariamente attraverso il passaggio ad altro” incarico” o “ufficio”.

Se infatti la finalità delle norme in tema di mobilità è quella di evitare incrostazioni di potere o forme di pigra routine professionale è evidente che essa è ottenuta quando si muta la collocazione lavorativa del giudice o del magistrato del pubblico ministero (ad esempio spostando il giudice da una sezione di un tribunale ad un'altra che tratta materie differenti o il pubblico ministero ad un differente gruppo di lavoro nell’ambito dello stesso ufficio di Procura).

Differenti soluzioni – implicanti mutamenti di ufficio - sarebbero fonte di enormi complicazioni giacché (combinandosi con altre forme di incompatibilità e con la disciplina del passaggio di funzioni di cui si dirà di seguito) creerebbero costanti e spesso insolubili difficoltà organizzative e potrebbero entrare in rotta di collisione con la garanzia della inamovibilità di sede del magistrato.

 
4. Sulla separazione delle funzioni e sulle modalità del passaggio dalle funzioni giudicanti a quelle requirenti e viceversa.
 

Il ddl del governo riafferma il principio della unicità della magistratura - nel concorso, nel tirocinio e nel ruolo di anzianità - e ribadisce che la magistratura è distinta solo secondo le funzioni.

In questo contesto la differenziazione “interna” delle funzioni in giudicanti e requirenti, in funzioni di primo grado, secondo grado e legittimità, nonché in semidirettive, direttive, direttive superiori e direttive apicali sembra destinata a perdere ogni connotazione gerarchica e ad assumere un carattere meramente descrittivo e funzionale, utile per descrivere i requisiti di accesso ai diversi posti ed incarichi.

 
4.1. Prima attribuzione delle funzioni e passaggi dalle funzioni giudicanti a quelle requirenti e viceversa”
 

In ordine alle previsioni in tema di “attribuzione delle funzioni e passaggio da quelle giudicanti a quelle requirenti e viceversa”, è previsto che di norma, al termine del tirocinio ed anteriormente al conseguimento della prima valutazione di professionalità, i magistrati non possano essere destinati a svolgere le funzioni requirenti e quelle di giudice presso la sezione dei giudici per le indagini preliminari.

Eccezioni a tale principio sono possibili solo in base a delibera motivata del Consiglio superiore della magistratura, previo parere del Consiglio giudiziario che deve specificatamente motivare l'attitudine per l'una o per l'altra funzione o per entrambe.

La disposizione appare ragionevole e corrispondente alle tesi già sostenute dall’ANM in passato in ordine alla delicatezza delle funzioni monocratiche di PM e GIP ed alla tendenziale necessità di non destinarvi magistrati che abbiano appena concluso il tirocinio.

Peraltro, la possibilità di motivate eccezioni consentirà di far fronte ad esigenze derivanti da vuoti di organico in determinati uffici.

 
4.2. Il regime del passaggio di funzioni.


La normativa che più direttamente concerne il passaggio, a domanda dell'interessato, da funzioni giudicanti a funzioni requirenti, e viceversa,  prevede che:

a)      il passaggio può essere richiesto dopo almeno cinque anni di servizio in ciascuna funzione avviene tramite procedura concorsuale;

b)      il passaggio può essere disposto solo dopo la frequenza di un corso di qualificazione professionale organizzato dal Consiglio superiore della magistratura

c)      il passaggio è subordinato ad un giudizio di idoneità allo svolgimento delle diverse funzioni espresso dal Consiglio superiore della magistratura previo parere del Consiglio giudiziario;

d)      per tale giudizio di idoneità il Consiglio giudiziario deve acquisire il parere del presidente della corte di appello o, rispettivamente, del procuratore generale della Repubblica presso la medesima corte a seconda che il magistrato eserciti funzioni giudicanti o requirenti;

e)      il presidente della corte di appello o il procuratore generale, oltre agli elementi forniti dal capo dell’ufficio, possono acquisire, se del caso, anche le valutazioni del presidente del consiglio dell'ordine degli avvocati e devono indicare gli elementi di fatto sulla base dei quali hanno espresso la valutazione di idoneità;

f)       per il passaggio da funzioni giudicanti a funzioni requirenti, e viceversa, l'anzianità di servizio é valutata unitamente alle attitudini specifiche desunte dalle valutazioni periodiche.


L’ANM premette che l’insieme di tali disposizioni – unitamente a quelle previste in tema di incompatibilità endo ed extra distrettuali derivanti dal passaggio di funzioni di cui si dirà in seguito – delinea un percorso sottoposto a limiti e vincoli temporali e geografici di tale estensione da rendere evento assolutamente eccezionale il passaggio di funzioni.

Ogni ulteriore accentuazione di tale disciplina condurrebbe alla separazione di fatto delle funzioni che la magistratura italiana ha sempre giudicato contrastante con la Costituzione, con le esigenze di un corretto funzionamento della giurisdizione e con la permanenza di una comune cultura della giurisdizione che costituisce essenziale garanzia per il cittadino e per l’indipendenza del pubblico ministero.

Solo a partire da questa valutazione complessiva si possono intendere le successive osservazioni, adesive o critiche, su aspetti specifici della disciplina proposta.

In questa ottica si espone che:
 
- la partecipazione ad un corso di orientamento professionale alle nuove funzioni è da valutare positivamente e rientra certamente nell’alveo di quanto sempre richiesto dall’ANM;

- la richiesta di valutazioni “esterne” ai fini della formulazione del parere può essere utile anche se non si comprende perché tali valutazioni, se richieste, debbano essere formulate non dal Consiglio dell’Ordine, ma solo dal suo presidente;

- la previsione di un periodo di almeno cinque anni di obbligatoria permanenza in una funzione rischia di determinare cesure troppo nette e prolungate per i magistrati che aspirano a fare esperienze diverse nell’ottica di una comune cultura della giurisdizione, soprattutto se si considera che a tale periodo si somma la durata del concorso così che l’ANM prospetta l’opportunità di ridurre a quattro anni il periodo di permanenza nelle funzioni necessario per la legittimazione a richiedere il “passaggio”.
 

4.3. Il regime delle incompatibilità connesse ai passaggi di funzione.

 
La normativa collega al mutamento di funzioni un severo regime di incompatibilità su base endodistrettuale ed extradistrettuale prevedendo che il magistrato che intende mutare funzioni non possa effettuare il passaggio né all’ interno dello stesso distretto né “con riferimento al capoluogo del distretto …determinato ai sensi dell’art. 11 c.p.p. in relazione al distretto nel quale …presta servizio all’atto del mutamento di funzioni”.

Si tratta, come è del tutto evidente, di un regime di incompatibilità territoriale assai gravoso che fa coincidere il mutamento di funzioni con un impegnativo trasferimento geografico.

L’ANM auspica che tale regime possa essere rimeditato ed affermato solo su base circondariale, giacché nell’attuale assetto della giurisdizione il trasferimento di circondario vale pienamente ad evitare potenziali effetti negativi del passaggio di funzioni agli occhi dell’avvocatura e delle parti processuali.

In quest’ottica appare condivisibile il regime di incompatibilità solo “circondariale” previsto dal ddl per gli uffici direttivi di primo e secondo grado mentre è del tutto necessitata l’assenza di incompatibilità territoriale nell’ambito delle funzioni di legittimità.
 

5. Sui criteri organizzativi degli Uffici di Procura (art. 6 del ddl)

 
Il comma 3 dell’art. 7 ter dell’O.G. stabiliva “Il Consiglio Superiore della Magistratura determina i criteri generali per l’organizzazione degli Uffici del Pubblico Ministero e per l’eventuale ripartizione di essi in gruppi di lavoro”.

Tale norma era stata abrogata dall’art. 7 c. I, lett. “a” del D. L.vo 106/2006 in materia di “Riorganizzazione degli Uffici del Pubblico Ministero”.

Il ddl stabilisce ora che “La individuazione dei criteri per la ripartizione degli uffici di procura della repubblica in gruppi di lavoro per materie omogenee, per l’assegnazione dei magistrati ai singoli gruppi di lavoro, per l’individuazione dei procuratori aggiunti cui affidare il coordinamento dei gruppi stessi, per l’attribuzione degli incarichi e per la individuazione dei criteri per l’assegnazione degli affari ai singoli sostituti, nonché dei criteri per la organizzazione del lavoro nella Procura generale presso la corte di cassazione è operata ogni tre anni con decreto del Ministro della giustizia in conformità delle deliberazioni del Consiglio superiore della magistratura assunte sulle proposte dei procuratori generali, sentiti, rispettivamente, i consigli giudiziari competenti e il comitato direttivo della corte di cassazione. La violazione dei criteri per l’assegnazione degli affari, salvo il possibile rilievo disciplinare, non determina in nessun caso la nullità dei provvedimenti adottati”.

La più completa ed articolata procedimentalizzazione triennale della formulazione ed approvazione dei progetti organizzativi degli uffici di Procura, compreso quello presso la Corte di Cassazione, non può che essere accolta positivamente: la previsione dei pareri dei Consigli Giudiziari e del Comitato Direttivo della Corte di Cassazione, la delibera finale del CSM ed il decreto triennale del Ministro, del resto, corrispondono alla prassi instauratasi prima dell’abrogazione della norma e contribuiscono sensibilmente – in uno con le previsioni di cui alla legge 296 dell’ottobre scorso – a rimettere in discussione il modello organizzativo incentrato sul Procuratore della Repubblica vertice gerarchico ed insindacabile dell’Ufficio del PM, che l’ANM ha sempre ritenuto inadeguato ala gestione di un ufficio nel quale operano magistrati di elevata professionalità .

 
6. Sulla Scuola della Magistratura (art. 3 del ddl).
 

La costituzione di una Scuola della magistratura rappresenta un obiettivo lungamente perseguito della magistratura associata e dal CSM, per la connessione che storicamente si pone fra la crescita professionale dei magistrati, la loro legittimazione professionale ed istituzionale e l’indipendenza complessiva dell’ordine giudiziario.

La legge 150 del 2005 ed i relativi decreti delegati introducevano la Scuola della magistratura ma la configuravano come ente avulso dal circuito dell'autogoverno, nel cui organo di direzione i magistrati nominati dal CSM erano una minoranza (due, accanto ai Capi di Corte, a un avvocato nominato dal CNF, un professore nominato dal CUN, un membro nominato dal Ministro della Giustizia).

Inoltre nella suindicata normativa la Scuola sostituiva il Consiglio Superiore non solo in tutte le funzioni legate alla formazione ma anche nelle funzioni inerenti l'organizzazione e la gestione del tirocinio degli uditori giudiziali e svolgeva funzioni di valutazione, legate al sistema della carriera (essendo necessario per il mutamento delle funzioni così come per la partecipazione ai concorsi per funzioni d'appello, di cassazione e direttive, il “certificato” di positivo superamento di un apposito corso presso la Scuola), con una inammissibile commistione tra formazione e valutazione.

 
6.1. Il ddl n. 1447.


Il ddl n. 1447 costituisce un primo passo avanti nel riconoscimento della Scuola quale istituzione autonoma che opera nell’ambito dell’autogoverno della magistratura per finalità esclusive di formazione del corpo giudiziario; ciò è stato realizzato  anche attraverso l’esclusione della più volte criticata commistione tra scopi e strumenti  formativi, da un lato, e i momenti valutativi in funzione della carriera, dall’altro, che pregiudicavano la fisionomia dell’istituzione.

Analogamente, si segnala come apprezzabile l’eliminazione del carattere esclusivo dell’attività di formazione della Scuola e la speculare espressa previsione della formazione decentrata, che con il ddl  Mastella ottiene il riconoscimento formale da una fonte normativa primaria.

Nondimeno, residuano significativi aspetti problematici che lasciano incompleto e ultimamente non soddisfacente l’equilibrio ricercato tra autonomia della Scuola e autogoverno e destano preoccupazione in relazione al buon funzionamento dell’istituto, come verrà dettagliato nei punti seguenti.

 
6.2. Il ruolo del Ministero.


Prima di entrare nel dettaglio dell’analisi dei punti nodali del DDL Mastella, si osserva che il testo governativo valorizza il ruolo del Ministero ben oltre i confini segnati dall’art. 110 Cost.

Mentre è noto che la Costituzione assegna al Ministero “l’organizzazione e il funzionamento dei servizi relativi alla giustizia”, il DDL in esame assegna un ruolo primario o quanto meno paritario al Ministero negli snodi strategici della vita e dell’azione della Scuola in una materia quale è la formazione dei Magistrati che esula dalle sue prerogative costituzionali.

Infatti il Ministro interviene direttamente dal momento della nomina della metà dei Componenti del Comitato Direttivo e redige delle “linee programmatiche” (aventi  pari dignità di quelle del CSM), di cui il comitato direttivo “terrà conto” nella redazione del programma annuale adottato “con voto sempre palese” e quindi politicamente responsabile.

 
6.3. La composizione del Comitato direttivo della Scuola.


Come anticipato, gravi  perplessità suscita la previsione che la maggioranza dei componenti del comitato direttivo della scuola, e comunque che i componenti togati  non siano nominati dal CSM, spettando al Ministro della giustizia la designazione di sei dei dodici componenti, ivi compresi due dei sette componenti magistrati.

Se è indubbio che nel comitato direttivo debbano confluire molteplici sensibilità ed esperienze (e, quindi, appare necessaria e proficua la presenza di magistrati, avvocati e professori universitari), resta il fatto che, per restare nell’ambito del modello previsto dalla Costituzione per il CSM, la Scuola dovrebbe essere diretta da componenti che siano espressione dell’organo di autogoverno nelle stesse proporzioni previste nella carta costituzionale (due terzi). In proposito, la garanzia ottimale potrebbe essere raggiunta mediante la nomina parlamentare dell’ultimo terzo dei componenti, dando coerenza all’impianto generale e assicurando il necessario pluralismo.

Al contrario, il sistema delineato dal ddl contiene un evidente disequilibrio in grado di pregiudicare l’autonomia scientifica della Scuola e il rispetto del pluralismo: mentre la nomina di sei componenti da parte del CSM promana da un organo di garanzia al cui interno le molteplici istanze (anche tra componenti togati e componenti laici) hanno necessariamente trovato composizione e rappresentanza, la nomina ministeriale degli altri sei componenti può essere riflesso della sola maggioranza politica che ha espresso il Ministro in carica. Il risultato evidente agli occhi di tutti è la formazione fin dall’inizio di una maggioranza interna al Comitato connotata politicamente e secondo l’orientamento del Governo.

Insoddisfacente e poco chiara appare la precisazione che le nomine in questione siano adottate dal Ministro della giustizia e dal CSM “d’intesa tra loro”.

Va ribadito come l’attività formativa, riguardando lo statuto professionale del magistrato (e, quindi, uno del requisiti fondanti della sua indipendenza ed autonomia), inerisca alla Scuola come istituzione dell’autogoverno e che, pertanto, i compiti del Ministro non possono eccedere i limiti organizzativi e di coordinamento previsti nell’ordinamento costituzionale.

Per le stesse considerazioni è necessario che nella legge si specifichi con chiarezza come la Scuola, nell’adottare il programma annuale dell’attività didattica, pur tenendo conto delle proposte formulate dal Ministro ed eventualmente da altri organismi (Università, Consiglio nazionale forense), operi esclusivamente sulla base delle linee-guida elaborate dal CSM così da determinare un collegamento funzionale e programmatico solo fra il Consiglio e la Scuola, in quanto entrambi organi dell’autogoverno.

Del resto è il CSM il reale “utente” ed il più avvertito “committente” della Scuola in quanto è proprio l’organo di autogoverno il soggetto che - per collocazione istituzionale, conoscenze effettive e percezione della situazione degli uffici - è meglio in grado di valutare le esigenze di formazione dei magistrati sia in relazione al tipo di posti da ricoprire sia in relazione alla qualità ed al tipo di formazione da privilegiare.
 

6.4 L’attività valutativa della Scuola e la ricerca.


E’ conforme alla natura ed agli scopi dell’istituzione che i corsi di formazione e di aggiornamento professionale dei magistrati di prima nomina e di quelli già in servizio, così come gli altri corsi organizzati dalla Scuola, si concludano con una scheda valutativa. Nondimeno, deve essere eliminato il rischio che tali schede comportino un surrettizio ingresso di quel regime di vincolo sul CSM che già il Capo dello Stato, nel rinviare alle Camere la riforma Castelli, aveva segnalato come notevole riduzione dei poteri definiti nell’art. 105 Cost..

Del pari, si rileva una possibile erosione delle prerogative consiliari oggi in carico alla VI Commissione, nel momento in cui si attribuiscono alla Scuola attività di ricerca, documentazione e consulenza in relazione al c.d. Sistema Giustizia, nonché attività di iniziativa in diretto rapporto con organizzazioni internazionali.

 
6.5. L’esigenza di  salvaguardare la formazione decentrata.


Appare opportuno che si specifichino i caratteri che assume nel nuovo sistema la formazione decentrata, ed in particolare che la stessa continui a far capo al CSM (attraverso i Consigli giudiziari), e che si individuino i necessari momenti di coordinamento con la struttura formativa centrale.

Va ribadita, infatti, la validità della formazione decentrata, che, nonostante il non lungo periodo di sperimentazione, ha rappresentato un luogo di riferimento per i molteplici soggetti che operano nel territorio sui problemi della giustizia, con un ampio coinvolgimento anche di professionalità esterne alla magistratura.

Una esperienza che merita, pertanto, di essere razionalizzata e messa in grado di coordinarsi dialetticamente con la Scuola, al fine di assicurare lo sviluppo del dibattito scientifico ed il giusto confronto delle diverse esperienze.

 
6.6. La discutibile scelta delle tre sedi.


Forti perplessità continua a suscitare, innanzitutto, l’articolazione della scuola in tre sedi, corrispondenti (per come si deve arguire) a distinti ambiti geografici.

Si tratta di previsione che, se attuata pregiudicherebbe l’efficacia organizzativa della nuova struttura, determinando una inutile moltiplicazione di mezzi e di risorse, ma soprattutto andrebbe a detrimento di quello scambio di conoscenze, di esperienze e di prassi che è proprio dell’attività formativa e che costituisce una delle caratteristiche più proficue dell’attuale formazione consiliare.

Giova soggiungere che l’articolazione della Scuola  in una pluralità di sedi è priva di riferimenti negli altri ordinamenti che prevedono la gestione della formazione da parte di una istituzione autonoma (se si eccettua la Spagna, ma con esclusivo riferimento agli uditori).

La previsione di tre sedi della Scuola potrebbe, in alternativa, trovare una più coerente collocazione, ove si assegnasse a ciascuna sede un diverso compito e una diversa offerta formativa, riservando per esempio una sede alla formazione degli uditori e le altre alla formazione permanente ripartita per grandi aree (civile e penale per esempio) o distinta tra magistratura professionale e onoraria.

 
6.7. Le dotazioni della Scuola


Appare infine necessario che la Scuola sia fornita di autonomia organizzativa, finanziaria e contabile e che la stessa sia dotata di un autonomo fondo di bilancio.

E’ necessario, altresì, individuare le dotazioni di personale della nuova struttura, in modo da poter far fronte agli impegnativi compiti connessi alla formazione sia dei magistrati professionali che onorari, e cioè di oltre 15.000 utenti.
 

7. Sugli incarichi direttivi e semidirettivi ( art. 2 del ddl)
 

7.1. La regola della temporaneità.

 
In ordine agli incarichi direttivi e semidirettivi il ddl n. 1447 ribadisce la regola della temporaneità. Gli incarichi sono destinati a durare un quadriennio con possibilità di riconferma per un successivo quadriennio.

Per gli  incarichi direttivi il rinnovo alla scadenza quadriennale - per una sola volta nella stessa sede - è subordinato ad una “nuova” procedura concorsuale “aperta” nella quale verrà operata una comparazione anche con gli altri aspiranti.
 

7.2. I limiti di età per il conferimento degli incarichi.
 

Il ddl fissa ora il limite massimo di età per il conferimento degli incarichi semidirettivi e direttivi a 72 anni.

Al riguardo l’associazione rappresenta che la reale chiave di volta per porre fine alla gerontocrazia in magistratura non sta nella fissazione di limiti di età più o meno contenuti per il conferimento degli incarichi semidirettivi e direttivi ma nella  trasformazione dell’anzianità da “criterio di valutazione” in mero “requisito di legittimazione” e nella scelta per la temporaneità degli incarichi direttivi e semidirettivi.

 Poiché il ddl compie entrambe queste scelte, il limite ordinario di 72 anni (che di per sè sarebbe criticabile in quanto troppo elevato) potrebbe essere mantenuto in quanto verrebbe per così dire sdrammatizzato ed assumerebbe un carattere eccezionale e residuale, consentendo di valorizzare anche in sede di direzione degli uffici quelle professionalità di particolare spessore accresciute o rimaste intatte con  il trascorrere degli anni.
 
Comunque il limite di età più congruo resta quello di 71 anni giacché esso garantisce la copertura dell’ufficio direttivo o semidirettivo per un quadriennio, in coerenza con la disciplina generale in tema di temporaneità e con le esigenze degli uffici.
 

7.3. I requisiti professionali per il conferimento degli incarichi .


Per il conferimento delle funzioni semidirettive e direttive di primo e secondo grado, oltre ai requisiti di legittimazione ed agli elementi desunti dalle valutazioni di professionalità saranno valutate specificamente le pregresse esperienze di  direzione, organizzazione e di collaborazione, con riguardo ai risultati conseguiti, i corsi di formazione in materia organizzativa e gestionale frequentati con esito positivo nonché ogni altro elemento, anche antecedente all’ingresso in magistratura, che evidenzi la specifica attitudine direttiva. Soluzione, questa, valida a condizione che non sia attribuito – per il conferimento dei suddetti incarichi – valore di presupposto necessario al pregresso esercizio delle funzioni di legittimità.

Per il conferimento degli incarichi direttivi di legittimità e direttivi superiori di legittimità - oltre ai requisiti di anzianità minima ed agli elementi desunti dalle valutazioni di professionalità - occorrerà avere svolto, all’atto della vacanza, funzioni di legittimità per almeno quattro anni e saranno valutate anche le pregresse esperienze di direzione, di organizzazione e di collaborazione come per il conferimento delle funzioni  semidirettive e direttive di primo e secondo grado.
 

7.4. Il controllo di gestione.


E’ previsto che il CSM proceda, ogni due anni, al controllo di gestione sull’operato dei magistrati con incarichi direttivi e semidirettivi, sia di merito che di legittimità, per valutare l’efficienza organizzativa e l’efficacia delle attività svolte anche in relazione alle indicazioni del programma tabellare.

L’idea di istituire un controllo biennale di gestione sull’operato dei magistrati che svolgono funzioni direttive e semidirettive appare in linea di principio positiva anche se ogni valutazione in merito deve essere rinviata alla fase nella quale verranno definiti modalità e criteri del controllo.

Dato il rilievo del tema e l’entità delle conseguenze che vengono collegate all’esito negativo del controllo (nei casi più gravi la revoca dell’incarico direttivo o semidirettivo) sembra però necessario che sia lo stesso legislatore ad individuare, almeno nelle linee generali, modalità e criteri del controllo rimettendo al CSM  la emanazione della  disciplina di dettaglio. Il ruolo del Ministro dovrebbe essere limitato all’espressione di un parere non vincolante su tale ultima disciplina, data la riserva di legge  in materia.


7.5. La disciplina transitoria.


I magistrati che, alla data di entrata in vigore della legge ricoprono incarichi semidirettivi e direttivi da oltre otto anni mantengono le loro funzioni per un periodo massimo di un anno.

Dopo tale periodo, se non hanno ottenuto l'assegnazione ad altro incarico, restano assegnati con funzioni non direttive nello stesso ufficio.

Nei restanti casi le nuove regole in materia di limitazione della durata degli incarichi direttivi e semidirettivi si applicano alla scadenza del primo periodo successivo alla entrata in vigore della nuova legge.

 
7.6. Prime valutazioni 

 
Nel suo complesso il  nuovo assetto degli incarichi direttivi e semidirettivi merita apprezzamento per l’opzione di fondo in tema di temporaneità (storica rivendicazione dell’ANM e della intera magistratura associata); per l’innovazione in tema di controllo di gestione (che attende però di essere meglio definita per legge); per la qualità di alcune delle soluzioni tecniche adottate (ad esempio in tema di rinnovo degli incarichi direttivi); per l’intelligente ed assolutamente opportuno scaglionamento previsto dalla disciplina transitoria per il ricambio graduato dei dirigenti.

 
8. Sul trattamento economico
 

Viene sostanzialmente confermato il trattamento economico attualmente previsto (progressione stipendiale, l’adeguamento economico triennale di cui all’articolo 24, progressione per classi e scatti).

Non si tiene però conto del fatto che per effetto delle nuove norme in tema di accesso il periodo di tempo necessario per divenire magistrato si allunga in media in misura notevole (almeno di quattro - cinque anni rispetto ad oggi) e che comunque anche per i neolaureati si attua una rigida preselezione(suscettibile di incidere sui tempi di laurea ed idonea a configurare l’eccellenza universitaria come requisito necessario).

Con la conseguenza che si entrerà in carriera alla soglia o anche molto al di là dei trent’anni in una fase di vita in cui saranno gravemente inadeguati il livello retributivo iniziale e la prospettiva di sviluppo retributivo oggi riservati a giovani di 26-27 anni.

Un dato, questo, di cui non si potrà non tener conto nel disegnare la progressione economica dei magistrati e nel riparametrare il trattamento iniziale e quelli successivi.

L’ANM si propone di presentare sul punto una articolata proposta alternativa al ddl Mastella nell’ottica di adeguamento alle altre magistrature che sino ad ora hanno goduto di trattamenti più favorevoli di quelli dei magistrati ordinari proprio perché composte da persone che avevano superato un concorso di secondo grado.

A tale proposta si affiancheranno ulteriori indicazioni e richieste (tra cui la rivendicazione di sgravi fiscali per l’acquisto di testi giuridici e strumenti di lavoro quale il personal computer oggi non più fornito dall’amministrazione; facilitazioni per l’affitto dell’appartamento da parte di giovani magistrati operanti in sedi disagiate e lontane dai luoghi di origine et similia).

 
9. Sulla dirigenza amministrativa ( art. 5 del ddl)


L’ANM segnala che permane il rischio di un condizionamento della attività giurisdizionale attraverso un sistema di controllo di gestione operato in via indiretta dal Ministero.

Le modifiche introdotte in materia dal ddl appaiono sicuramente apprezzabili perché ridefiniscono il ruolo del magistrato capo dell’ufficio affermandone la titolarità e la rappresentanza esterna.

In particolare è da apprezzare che sia esplicitamente sottolineato che al magistrato dirigente dell’ufficio è attribuito in via esclusiva il potere di elaborare il programma annuale delle attività da svolgersi nell’ufficio.

Né il ruolo del capo dell’ufficio giudiziario può ritenersi appannato dal fatto che questo compito debba essere adempiuto “d’intesa con i magistrati titolari di incarichi semi-direttivi e con il dirigente amministrativo”.

Tale previsione infatti, più che costituire un limite al potere del capo dell’ufficio, valorizza e responsabilizza i semi-direttivi e lo stesso dirigente amministrativo.

Va inoltre messo in luce che il ddl equipara, sotto ogni aspetto, gli uffici giudicanti e quelli requirenti, ragion per cui le considerazioni appena svolte sembrano potersi estendere anche ai procuratori aggiunti il cui ruolo risulta dunque valorizzato.

Le perplessità in materia non possono però ritenersi del tutto cancellate a causa delle procedure che creano vincoli gestionali per i capi degli uffici riconducibili alle scelte operate in sede centrale.

Sotto questo profilo, desta non poche perplessità la previsione della figura dei direttori generali (con competenza regionale o interregionale).

Si tratta invero di figure sopraordinate a quella dei dirigenti amministrativi dei singoli uffici, che possono anche provenire da ruoli esterni all’amministrazione la cui attività sarà difficilmente raccordabile con le indicazioni provenienti dai capi degli uffici.

Occasioni di conflitto non sono dunque da escludere ma sembrano anzi nell’ordine naturale delle cose.

10. Sui Consigli Giudiziari e sul  Consiglio Direttivo della Cassazione (art. 4 del ddl)

In premessa va chiarito che la normativa relativa all’istituzione del Consiglio direttivo della Corte di cassazione e alla nuova disciplina dei Consigli giudiziari (d.lgs, 27 gennaio 2006  n. 25) è entrata in vigore ma non è pienamente operativa, in quanto, come affermato dal CSM nella risoluzione del 21 giugno 2006, sono necessarie disposizioni attuative che disciplinino l’elezione e la nomina dei componenti di questi organi.

Il disegno di legge in discussione modifica opportunamente il sistema di elezione dei componenti dei Consigli giudiziari, introducendo un sistema elettorale basato su liste concorrenti e voto di lista.

Inoltre il ddl n. 1447  elimina  la figura dei  componenti supplenti ed introduce un quorum per la legittimità delle sedute destinato a rendere più agevole il funzionamento dei Consigli.

La durata in carica dei membri elettivi è fissata in quattro anni ed  i componenti non di diritto (laici e togati) non sono immediatamente rieleggibili; è previsto un compenso con gettone, ma non per i magistrati.

 
10.1. La composizione dei CG.
 

Per i distretti di dimensioni fino a 350 magistrati i CG sono composti dal Presidente della Corte, dal Procuratore Generale, da 4 magistrati giudicanti, da 2 magistrati requirenti, da 1 professore universitario e da 2 avvocati con almeno dieci anni di attività.

Per i distretti in cui operano fino a 600 magistrati, oltre ai 2 componenti di diritto, sono membri dei Consigli, 7 magistrati giudicanti, 3 magistrati requirenti, 1 professore universitario e 3 avvocati.

Nei distretti di dimensioni superiori a 600 magistrati, oltre ai 2 componenti di diritto sono previsti nei Consigli 10 magistrati giudicanti, 4 magistrati requirenti, 2 professori universitari e 3 avvocati.

Viene inoltre istituita la sezione dei giudici di pace composta – secondo una geometria variabile in relazione alle dimensioni dei distretti come sopra divisi – dai 2 componenti di diritto, da 2 (oppure 3-5) magistrati, 1’avvocato (oppure 2 nei distretti con più di 600 magistrati) e 2 (oppure 3-4) giudici di pace, con competenza per i pareri sui giudici di pace di cui agli artt. 4, 4bis, 7 comma 2bis e 9 L. 374/91, nonché sulle proposte organizzative degli stessi uffici dei giudici di pace.

Nel ddl 1447, dunque, il rapporto “laici”-“togati” si mantiene all’interno della proporzione prevista dalla Costituzione per il CSM (per il quale il numero dei togati non deve essere inferiore ai 2/3 dei componenti elettivi), con la sola eccezione relativa ai distretti di piccole dimensioni per i quali tale rapporto non viene rispettato, non dovendosi in esso computare i componenti di diritto (come nel CSM).
 

10.2. Le competenze dei CG.
 

In ordine alle competenze attribuite ai CG si osserva che il ddl n. 1447 introduce restrizioni rispetto all’ordinamento Castelli.

Nel decreto Castelli i CG esprimono pareri sulle tabelle (solo degli uffici giudicanti); esprimono pareri sull’attività e la professionalità dei magistrati nei casi previsti dalla legge, dai regolamenti o da disposizioni generali del CSM o su richiesta specifica di questo, acquisendo motivate e dettagliate valutazioni scritte del Consiglio dell’Ordine degli avvocati; esercitano la vigilanza sui magistrati del distretto con obbligo di rapporto in caso di notizie di illeciti disciplinari; esercitano la vigilanza sull’andamento degli uffici giudiziari del distretto con potere di segnalazione di disfunzioni al Ministro; formulano pare

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 27/04/2007 @ 09:12:46, in Indagini, linkato 2740 volte)

Una vicenda che spaventa, perchè si incunea in una italia in cui le donne stanno nuovamente scivolando nel baratro chiuse uso sandwich tra le orribili campagne della vendita degli ovuli alla "scienza" e quella dei Dico e dei matrimoni gay. Due campagne gestite secondo la più rigida osservanza del rito "maschilista". Risultato: l'ignoranza dilaga in Italia e la Donna sta per vivere un secondo Medioevo. L.M.

Nell'ordinanza del gip la ricostruzione della violenza da parte dei presunti pedofili
La pietra angolare dell'istruttoria è ciò che i bambini dicono ai genitori

Pelouche, narcotici e "giochi"
così l'accusa racconta l'orrore

di CARLO BONINI

ROMA - Le voci dei bambini - sedici - e i loro disegni. Il loro quadro psichiatrico. Cento pupazzi chiusi in sacchi di plastica, ammucchiati nel ripostiglio di un terrazzo. Una piscinetta abbandonata in un giardino. Molecole di farmaci "neurologico-sedativi" ("clonazepam" e "diazepam") nei capelli di due bimbe.

I referti medici dell'ospedale Bambino Gesù. "Formazioni pilifere e tracce di altre sostanze organiche" nella Fiat 500 rossa di una delle maestre (Marisa Pucci) e dvd, e cd, e cassette Vhs, e hard disk di computer fissi e portatili della cui natura dirà un futuro incidente probatorio. Le testimonianze di due agenti della polizia municipale e di una colf.

Nel perimetro giudiziario che, al momento, definisce e attribuisce le responsabilità per gli orrori della "Olga Rovere", il gip Elvira Tamburelli e il pm Marco Mansi declinano il quadro indiziario con la certezza dell'indicativo. La pietra angolare dell'istruttoria - documentano nell'ordinanza di custodia cautelare - è in ciò che i bambini riferiscono prima "ai loro genitori" e quindi nell'"esame scientifico" ("test di Roscharch, disegno della figura umana di K. Machover, questionario Ceipa, test dell'albero di K. Koch; disegno della famiglia reale di M. Porot") condotto dalla dottoressa Marcella Battisti Fraschetti, consulente psichiatra del pm.

E' nei "riscontri obiettivi" che questi racconti hanno trovato con "i luoghi dell'abuso", con "l'identificazione dei responsabili". E' in un argomento logico-deduttivo. Quel che i bambini e i loro genitori hanno detto "non può essere frutto di mitomania e fantasticheria", perché "l'abuso è fenomeno denunciato in modo analogo da nuclei familiari completamente diversi, socialmente e culturalmente". "Perché i bambini, vista la loro piccolissima età, non hanno la malizia per organizzare una versione comune".

I bambini, dunque. Per come è ricostruita, la violenza ha uno schema fisso. Durante l'orario scolastico, i bambini vengono fatti uscire in piccoli gruppi dal retro della "Olga Rovere". Invitati a percorrere a piedi un breve tratto di sterrata e quindi caricati su "un'auto rossa". Accompagnati nelle case di una delle maestre (con maggiore frequenza in quella di Patrizia Del Meglio) e quindi abusati da chi li attende. Quando questo non è possibile, le violenze si consumano all'interno della scuola. Nei bagni, nel cortile, in uno sgabuzzino che si apre in fondo ad uno dei corridoi su cui affacciano le aule. Gli abusi vengono descritti con precisione. Ciascuno ha un nome. "Il gioco della patatina"; "del dito a punta"; "della penna azzurra"; "del tavolo"; "dello scatolone"; "della mamma e dei figli"; "del dottore"; "del lupo e dello scoiattolo". Scrive il gip: "Le vittime erano costrette a pratiche sessuali spesso cruente, valendosi anche di iniezioni o inoculazione di narcotici e sostanze varie (...) Le vittime venivano riprese e fotografate". I loro carnefici "effettuavano riti di sangue e violenza con chiari richiami a pericolosi rituali di sette sataniche: maschere, vestizioni da diavoli o conigli neri, cerchi di fuoco, croci, cappucci".

Né il gip, né il pubblico ministero, né i carabinieri della compagnia di Bracciano hanno mai incontrato i bambini di Rignano. Del loro esame da parte della consulente del pubblico ministero non esiste registrazione. Il loro racconto - nei casi in cui ne è conservata traccia - è documentato dagli appunti presi dai loro genitori. In tre casi, da videoregistrazioni domestiche. Il gip avverte la difficoltà del passaggio. Scrive: "Della credibilità e affidabilità dei racconti dei genitori non è motivo dubitare. E' anzi apprezzabile il loro sforzo di rispettare il più possibile le modalità logiche ed espressive dei bambini. Né inficia in alcun modo l'affidabilità delle loro denunce la circostanza che i genitori si siano ad un certo punto confrontati su quanto andava emergendo".

Certo, resta il problema del metodo di lavoro della dottoressa Marcella Battisti Fraschetti. Ma la spiegazione che la consulente del pm fornisce è ad avviso del gip sufficiente per mettere in un canto ogni dubbio: "I bambini sono ancora nella fase acuta della disorganizzazione del pensiero e questo non ha reso possibile di poter procedere a forme di registrazione, ai cui tentativi i minori hanno opposto un deciso e netto rifiuto".

I referti obiettivi di cui conta l'istruttoria sono quelli medico-pediatrici. Uno soltanto - redatto al Bambino Gesù - documenta cicatrici nella carne ("la presenza di "setto" dell'imene" in una delle bambine), pur senza trarne conclusioni univoche ("conformazione congenita? esito cicatriziale?"). Gli altri, accertano un'infezione genitale rara ("anite rossa") o ferite profonde della psiche. "Reazione di ansia, con irrigidimento del corpo, al momento della visita ai genitali, con immediata erezione"; "balbuzie emozionale"; "aggressività inesplosa"; "ipercinetismo".
Nell'argomentare del gip, la sproporzione tra la descrizione delle violenze e l'assenza di significative cicatrici fisiche è argomento aggirabile con l'incertezza sui tempi in cui gli abusi si sarebbero consumati. Verosimilmente tra il 2005 e l'autunno dello scorso anno.

E, nell'ordinanza, l'argomento viene puntellato con l'esame tossicologico sui capelli di due bambine. Gli investigatori scelgono quelle che li hanno più lunghi, "tali da consentire una loro analisi retroattiva al 2005-2006". In quelle ciocche, i laboratori fissano tracce di "benzodiazepine". I sedativi dei racconti dell'orrore - chiosa l'accusa - I sedativi che una delle arrestate, Patrizia Del Meglio "ha negato di aver mai assunto durante il suo interrogatorio con il pm", ma che, "al contrario, dopo un ricovero per crisi depressive, acquistava in una farmacia diversa da quella di Rignano, assumeva con prescrizione medica e nascondeva in casa".

I racconti dei bambini e il loro esame medico-psichiatrico fermano il tempo dell'inchiesta al giorno in cui è cominciata - luglio 2006 - e al successivo autunno del "blitz", quando si è arricchita di nuove denunce. Dunque, cosa è accaduto in questi nove mesi in cui gli indagati sono rimasti in quotidiano contatto con le loro presunte vittime? E perché arrestarli soltanto martedì? Il gip dà atto che non molto è accaduto. Che, allo stato, non sono state trovate né foto né video degli orrori.

Scrive: "I servizi di osservazione degli indagati non consentivano un'efficace controllo per la carenza di personale dell'Arma, né risultati utili sono venuti dall'attività di intercettazione telefonica".

Quel che dunque salta fuori è questo. In un ripostiglio della casa di Patrizia Del Meglio, erano stipati in sacchi di plastica "maschere, vestiti" e 100 pupazzi che i bambini "hanno riconosciuto come quelli utilizzati durante i giochi erotici, riuscendo anche a collocarli nei diversi locali della casa". E dove, "al contrario di quel che l'indagata afferma", "i bambini venivano portati". Simona Baldoni, colf della Del Meglio dal 1999 al 2001, ricorda due singoli episodi. Aver "sorpreso" la signora, "in una occasione", rientrare da scuola con alcuni dei suoi piccoli alunni. Aver osservato sullo schermo del pc del marito, Gianfranco Scancarello, "foto di maschietti e femminucce con grembiulini rosa o celesti, che mi venne detto fossero per lo Zecchino d'oro".

Parlano anche altre due donne: Elisabetta Palamides e Nadia Di Luca, agenti della municipale di Rignano. Nel maggio-giugno 2006 sorprendono "un gruppetto di bambini della "Rovere" fuori dalla scuola". Chiedono dove se ne stiano andando da soli. Gli viene risposto: "In gita alla fattoria. Aspettiamo il pulman". "Quel giorno - scrive il gip - è stato accertato che non c'era alcuna gita alla fattoria". Parlano infine, "confermando i racconti dei bambini", i colori. Meglio, un colore: il rosso. "Rossa era l'auto Suzuki che aveva la Del meglio nel 2001". "Rossa è la Fiat 500 della maestra Marisa Pucci". "Rossa è la vasca chicco a forma di conchiglia" trovata nel suo giardino di casa.
Per il gip ce ne è abbastanza per aprire le porte di un carcere. Anche a distanza di nove mesi dall'accertamento dei fatti. Le motivazioni non prendono più di una cartella e mezzo. Indubbiamente - scrive - "non si ravvisa un pericolo di fuga", ma "i reati commessi sono gravissimi.

Esiste un concreto pericolo di inquinamento delle prove, a cominciare dai bambini, facilmente condizionabili e noti agli indagati. Il presidente dell'Associazione genitori di Rignano Flaminio, Arianna Di Biagio, e la segretaria, Antonella Paparelli, hanno subito minacce da ignoti".


(27 aprile 2007)
http://www.repubblica.it/2007/04/sezioni/cronaca/pedofilia-uno/pedofilia-uno/pedofilia-uno.html

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 20/04/2007 @ 18:14:11, in Magistratura, linkato 2300 volte)

Unità per la Costituzione

Unità per la Costituzione, con riferimento alla decisione della Sezione disciplinare del CSM del 13.4.2007, che ha ritenuto responsabili di illecito disciplinare i componenti di un collegio del Tribunale penale di Roma, osserva:

Le decisioni della Sezione disciplinare non si discutono nel merito e si rispettano per loro determinazioni!

Sorprende e stupisce, peraltro, che nella fattispecie il Giudice disciplinare sia intervenuto  censurando un collegio impegnato nella celebrazione  di un complesso dibattimento, ormai prossimo alla conclusione, prevista nel giro di due mesi.

Da un punto di vista oggettivo, al di là di qualsiasi valutazione di merito ( che non interessa in questa sede), questa decisione potrebbe  costituire un “vulnus” per la serenità dei giudici.

Ritiene Unità per la Costituzione che l’azione disciplinare dovrebbe rimanere “neutra” rispetto all’attività giurisdizionale, la quale deve seguire il suo corso senza il pericolo di condizionamenti di sorta e senza rischi di turbamenti di percorso, con conseguente violazione del principio di soggezione del giudice soltanto alla legge e possibili implicazioni sul principio del giudice naturale precostituito per legge.

Unità per la Costituzione auspica  che su tali temi, ed in particolare su quelli che investono il rapporto tra procedimento disciplinare ed attività giurisdizionale, anche alla luce della nuova  normativa, si determinino le  opportune riflessioni del CSM, nelle sue articolazioni competenti.
 

Roma, 20.4.2007.

Il Segretario Generale di Unità per la Costituzione

Marcello Matera

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 20/04/2007 @ 07:41:18, in Giuristi, linkato 2496 volte)

http://www.siatec.net/bloggersperlapace/upload/rte/abu_omar.jpgAbu Omar: Appello al Parlamento europeo
Contro la «filosofia della guerra al terrore», difendiamo lo stato di dirtitto

Per sottoscrivere l'appello inviare una mail a serpajit@yahoo.it
 
Premesso che la comunità internazionale ed i singoli Stati hanno il diritto ed il dovere di difendersi da attacchi terroristici, utilizzando efficaci sistemi di prevenzione e di punizione dei colpevoli riconosciuti tali dalle competenti Corti di giustizia, riteniamo assolutamente intollerabile il ricorso alla cosiddetta “filosofia della guerra al terrore”. Questa, teorizzando la supremazia della sicurezza sulle libertà, ha condotto ad atti politici unilaterali in contrasto con i principi del diritto bellico e del diritto umanitario e hanno determinato modificazioni delle regole delle procedure giudiziarie, considerandole solo un fastidioso ostacolo al raggiungimento dei propri obiettivi.

In questo scenario si collocano prassi totalmente illegali come le cosiddette rendition, ossia i rapimenti dei sospetti terroristi al di fuori di procedure legali: trasferimento attraverso voli “coperti” in prigioni segrete in cui non è possibile alcuna verifica delle condizioni di detenzione, tortura e trattamenti disumani e degradanti.

Ci rivolgiamo alla Commissione e al Parlamento Europeo affinché sollecitino i Governi al rispetto delle risoluzioni del Consiglio d’Europa (2006) e del Parlamento Europeo (14.2.2007) che condannano queste modalità illecite di lotta al terrorismo, obbligando i Governi a fare piena luce su queste scomode verità. Tutto ciò deve essere fatto anche in nome degli impegni sottoscritti al momento della firma della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (Roma, 4.11.1950) e della Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti (New York, 10.12.84).

In vari Paesi europei come Italia, Germania, Svizzera, Spagna, Portogallo etc., sono in corso inchieste giudiziarie che, in alcuni casi (come quelle condotte dalle Procure di Milano e di Monaco per i sequestri, rispettivamente, dell’egiziano Nasr Osama Mustafa Hassan detto Abu Omar, avvenuto in Milano il 17.2.03 e di Khaled El Masri, avvenuto il 31.12.03, ai confini tra la Serbia e la Macedonia), hanno portato alla identificazione di agenti della C.I.A come responsabili di tali sequestri.
Purtroppo in alcuni Paesi, come ad esempio l’Italia, si sta cercando, con ogni mezzo, di bloccare il corso della giustizia adducendo considerazioni di sicurezza nazionale. Tutto ciò sta avvenendo nonostante la deplorazione del Parlamento Europeo ed il suo esplicito invito ad esaminare rapidamente la richiesta di estradizione dei 26 cittadini americani predisposta dalla Procura di Milano.
A tutt’oggi il Governo italiano non ha ancora preso alcuna decisione in merito e, anzi, sta cercando di impedire la celebrazione del processo milanese, accusando i giudici, dinanzi alla Corte Costituzionale, di violazione del segreto di Stato.

Tutto ciò rischia di annullare l’inizio del processo previsto per il prossimo 8 giugno che vede imputati ventisei cittadini americani imputati del sequestro illegale di Abu Omar e sei italiani appartenenti ad un servizio segreto nazionale accusati di corresponsabilità.

Coloro che sottoscrivono questo appello ritengono, invece, che, pur nel rispetto delle prerogative nazionali dei singoli Governi europei, sia assoluto dovere del Governo Italiano, così come di tutti i Governi europei coinvolti in casi analoghi, compiere ogni passo idoneo per agevolare – anziché ostacolare – la ricerca della verità attraverso procedure giudiziarie pubbliche, immediate ed efficaci.

Chiediamo al Parlamento Europeo di sollecitare il Governo Italiano a inoltrare le richieste di estradizione dei responsabili dei sequestri e di evitare ogni ricorso al segreto di Stato, che è incompatibile con la tutela dei Diritti Umani.

L’unica speranza per sconfiggere il terrorismo è attraverso l’osservanza delle regole delle nostre Democrazie.
Siamo, infatti, fermamente convinti che il contrasto e la definitiva sconfitta del terrorismo internazionale saranno possibili solo se, in qualsiasi parte del mondo, sarà rispettato lo Stato di Diritto e saranno altresì rispettati i diritti dei singoli, anche di coloro che sono sospettati di attività terroristiche e ai quali devono essere comunque garantiti dei giusti processi.

Chiediamo inoltre al Parlamento Europeo che si faccia garante del rispetto dei Diritti Umani chiedendo con forza ai singoli Governi nazionali di conformare le loro azioni ai principi irrinunciabili di Civiltà e Democrazia.
Adolfo Perez Esquivel, Premio Nobel della Pace

Hanno già sottoscritto l’appello:

Mairead Corrigan Maguire, Premio Nobel della Pace
Betty Williams, Premio Nobel della Pace
Dario Fo, Premio Nobel della Letteratura
Noam Chomsky, linguista
Samuel Ruiz Garcia, Vescovo Emerito di San Cristobal de las Casas, Chapas, Messico
Antonio Cassese, Prof. Diritto Internazionale, Università di Firenze
Gianni Minà, scrittore, giornalista
Enrico Calamai, ex console in Argentina, scrittore
Michele Serra, scrittore, giornalista
Gherardo Colombo, Magistrato
Domenico Gallo, Magistrato
Baltasar Garzon, Magistrato, Juez Audiencia Nacional de España
Don Luigi Ciotti, Presidente Gruppo Abele
Luis Sepulveda, scrittore
Ernesto Cardenal, scrittore
Raniero La Valle, intellettuale, giornalista
Gianni Vattimo, filosofo
Eduardo Galeano, scrittore
Lidia Ravera, scrittrice
Gino Strada, Presidente di Emergency
Giuliano Turone, Magistrato
Tullio De Mauro, Università La Sapienza
Luca Zingaretti, attore
Elena Paciotti, Presidente Fondazione Basso
Padre Alex Zanotelli
Franca Rame, attrice
Ettore Scola, regista
Julio Lancellotti, Vescovo Vicario di San Paolo del Brasile
Emilio Dolcini, Prof. Ordinario di Diritto Penale, Università di Milano
Carlo Bernardini, Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza
Roberto Fineschi, Prof.Emerito di Fisica, Università di Parma
Giuliano Colombetti, Research Director, Istituto di Biofisica CNR, Pisa
Prof. Franca Bigi, Università degli Studi di Parma
Prof. Silvia Bozzelli, Facoltà di Giurisprudenza, Università di Milano Bicocca
Arcadi Olivares Boadella, escritor,y catedràtico de la Universitat per la Pau,
UNIPAU, Sant Cugat del Vallès, de Barcelona
Pietro Faglioni, già Prof. Ordinario di Neurologia, Università di Modena e Reggio Emilia
Daniele Archibugi, Italian National Research Council
Pier Luigi Susani, Past President Medici Senza Frontiere Italia
Francesco Lenci, Dirigente ricerca, Istituto Biofisica CNR, Pisa
Beverly Fisher, Bjt Associates, Consigliera World Center of Compassion for Chieldren (USA)
Francesco Maselli, regista
Gianni Ferrara, Professore Emerito di Diritto Costituzionale, Università La Sapienza
Eligio Resta, Prof. Filosofia del Diritto,Università Roma 3
Antonio Alberto Semi, Membro Ordinario della Società Psicoanalitica italiana
Giorgio Arlorio, sceneggiatore
Ferdinando Cordova, Prof.Ordinario Storia Contemporanea, Università di Roma La Sapienza
Claus Miller, pittore, artista per la pace
Riccardo Antonini, Consorzio Roma Ricerche
Cristiano Grandi, Coordinator Action&Passion for peace
Andrea Molino, compositore
Mariagrazia Capitanio, psicanalista
Patrizio Campanile, psicanalista, Direttore della SPI
Marco Cappato, parlamentare europeo
Nessuno Tocchi Caino
Federico Mayor Zaragoza, Presidente Fundación Cultura de Paz, Madrid
Marco Travaglio, scrittore, giornalista

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 18/04/2007 @ 18:29:23, in Estero, linkato 2401 volte)

 

mercoledì, 18 aprile 2007 4.22

ROMA (Reuters) - La Corte costituzionale ha dichiarato oggi l'ammissibilità dei ricorsi contro il processo per il rapimento di Abu Omar presentati dall'avvocatura di Stato. Lo riferiscono fonti della Corte.

Nei ricorsi, l'avvocatura dello Stato, che rappresenta il governo, afferma che il giudice per l'udienza preliminare non avrebbe potuto decidere il rinvio a giudizio degli imputati sulla base di documenti ottenuti con la violazione del segreto di Stato.

Secondo il governo, la Procura milanese, che indaga sul sequestro illegale dell'ex imam egiziano - sospettato di essere un militante di gruppi islamici eversivi, e prelevato a Milano nel 2003 da una squadra del servizio segreto Usa, secondo l'accusa - avrebbe violato le "prerogative di secretazione" dello stesso esecutivo, attingendo a materiale coperto dal segreto di Stato e intercettando agenti dei servizi.

Ora che è stata definita l'ammissibilità del ricorso, la Consulta dovrà pronunciarsi nel merito, stabilendo in concreto se annullare o meno il rinvio a giudizio chiesto dai magistrati milanesi Armando Spataro e Ferdinando Pomarici nei confronti dell'ex direttore del Sismi Nicolò Pollari e di altri 32 imputati.

Il 16 febbraio scorso, il gup Caterina Interlandi aveva rinviato a giudizio 26 agenti della Cia insieme ad altri membri dell'intelligence italiano, tra i quali l'ex direttore del Sismi Nicolò Pollari.

In quello che dovrebbe essere il primo processo europeo per un caso riguardante una cosiddetta "extraordinary rendition", gli agenti statunitensi verranno giudicati in contumacia, perché Washington ha negato l'estradizione dei 26 membri della Cia.

Il processo sul sequestro dovrebbe iniziare l'8 giugno.

Reuters.it

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 18/04/2007 @ 10:53:50, in Sindacato, linkato 2394 volte)

FEDERAZIONE NAZIONALE DELLA STAMPA ITALIANA
Unione Nazionale Cronisti Italiani

LEGGE SULLE INTERCETTAZIONI ALLA CAMERA,
APPELLO AL PRESIDENTE NAPOLITANO
PER LA LIBERTA’ DI STAMPA

Roma, 17/4/2007
Prot. n.225

La Giunta Esecutiva dell’Unione Nazionale Cronisti Italiani rivolge un appello al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano perché ponga un argine alle ricorrenti tentazioni di limitare la libertà dell’informazione restringendo ulteriormente gli spazi del diritto di cronaca.

Il disegno di legge Mastella sulle intercettazioni all’esame della Camera, seguendo la ricorrente ondata emozionale che si determina in concomitanza con le inchieste della magistratura di tutta Italia sui più svariati temi delittuosi, modifica infatti il Codice di procedura penale e  stabilisce il divieto di pubblicare atti non coperti dal segreto istruttorio e già a conoscenza delle parti. Il dibattito nell’Aula di Montecitorio è tutto e solo dedicato a decidere a quanti mesi o anni di carcere condannare i cronisti che assolvono alla loro funzione di informare i cittadini di quanto avviene.

E questo nel Paese che ama definirsi “Culla del diritto”,  ma che già  prima delle ultime misure restrittive del Garante della Privacy  - che secondo la ‘’Information Safety and Freedom’’ sono normative “ molto diffuse in quasi tutti i regimi autoritari”  - figura al 79/mo posto delle classifiche internazionali della libertà di stampa ex aequo con il Botswana. Se passeranno le norme liberticide in discussione in Parlamento l’Italia sprofonderà al fondo delle classifiche mondiali.

Approvando il ddl Mastella senza valutarne le conseguenze in tutti i risvolti,  il Governo, il Parlamento e le forze politiche  rischiano di assumersi la pesantissima responsabilità di andare contro l’art. 21 della Costituzione e di reprimere il lavoro dei cronisti che non potranno più assolvere il proprio compito serenamente in assenza di quelle garanzie che uno Stato democratico ha il dovere di garantire agli operatori di un’informazione libera, autonoma e con  la “schiena dritta”.

Governo, Parlamento e forze politiche si assumerebbero anche la responsabilità di sottoporre alla firma del Presidente Napolitano una normativa che restringe la libertà di stampa e manda i cronisti in prigione proprio nei giorni in cui il Presidente del Messico Felipe Gonzales promulga una legge che abolisce la condanna al carcere dei giornalisti per il reato di diffamazione.


*** *** ***

Federazione Nazionale della Stampa Italiana

Roma, 17 aprile ’07
Prot. n. 71/c

Il Segretario Generale della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Paolo Serventi Longhi, ha dichiarato:

“Non condividiamo l’inasprimento delle sanzioni per i giornalisti introdotto con un emendamento del Governo al disegno di legge sulle intercettazioni. Un emendamento che sembra rappresentare una mediazione tra maggioranza ed opposizione e che si aggiunge a quanto già deciso: il prolungamento della fase di secretazione degli atti processuali. Nonostante sia stata battuta la linea dura delle minoranze, il provvedimento passa ora al Senato con un taglio repressivo. Chiediamo di poter esprimere al Parlamento e al Ministro della Giustizia la contrarietà del Sindacato dei giornalisti per un provvedimento che espropria l’organo di autogoverno deontologico della categoria, l’Ordine dei giornalisti, dei suoi poteri sanzionatori”.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 16/04/2007 @ 17:03:34, in Indagini, linkato 2416 volte)

Sottotitolo: Web, Blog, Spazzatura e Gente Disonesta

Scopro oggi questa chicca, che coinvolge la sottoscritta e il sito web del Dizionario De Mauro, della editrice Paravia (Mondadori).

Non faccio nomi, altrimenti sarei costretta a citare i ben noti delinquenti del weblog italiano, che da sempre si spacciano e millantano di essere grandi opinionisti mentre si tratta di ometti, donnette e soprattutto nulla facenti e nulla pensanti.

Il seguente "risultato" si trova oggi al "sesto" posto su 215.000 dato dal motore di ricerca it.altavista.com. E' facilissimo ottenere un risultato come questo in quanto si fonda esclusivamente su dati numerici.

Quanti sono stati quelli che hanno cliccato sul link associato al mio nome, come pubblicato su uno dei tanti blog mondezza del web italiano? Molti, certamente, tutti utenti cerebro disfatti, poveretti avvezzi a leggere brutte MACCHIE del web e PUNTINI scopiazzati e tradotti dai blog americani, ma che ormai non pensano e han perso di già la loro dignità.

Clicca per allargare l'immagine

Vedi in originale

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 04/04/2007 @ 16:24:20, in Magistratura, linkato 2376 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

Reagire ad una scelta gravissima.
Magistratura pronta a scendere di nuovo in lotta

La scelta di presentare al Senato – e non alla Camera dei deputati come era stato da più parti anticipato – il ddl Mastella sull’ordinamento giudiziario è oggettivamente gravissima.

E’ noto che l’unico obiettivo realisticamente perseguibile entro il 31 luglio di quest’anno è l’approvazione del ddl Mastella ad opera di un ramo del Parlamento e che tale approvazione è premessa per l’emanazione di un provvedimento che blocchi ulteriormente l’entrata in vigore della controriforma Castelli, lasciando aperto il processo riformatore.

La trasmissione al Senato del ddl aumenta a dismisura i rischi di ritardi e slittamenti nella discussione e nella approvazione delle nuove norme e rischia di compromettere definitivamente il percorso tracciato dal Governo e dalla sua maggioranza per sostituire alla legge Castelli disposizioni che evitino la definitiva paralisi della giustizia.

Essa rappresenta dunque un segnale di disinteresse e di indifferenza al raggiungimento di risultati che pure questa maggioranza ha sempre affermato di volere.

Segnale che l’associazione nazionale magistrati interpreta in tutta la sua valenza negativa ed a cui intende reagire chiamando la magistratura a mobilitarsi ancora un volta sulla questione ordinamento giudiziario e convocando il CDC in tempo utile per  l’assunzione di ogni iniziativa di lotta da adottare ben prima della scadenza del luglio di quest’anno.

Roma, 4 aprile 2007

La Giunta Esecutiva Centrale

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 13/03/2006 @ 10:01:28, in Magistratura , linkato 4559 volte)
Il procuratore aggiunto a Catania succede a Ciro Riviezzo
Aveva già ricoperto l'incarico dall'aprile del 2000 al marzo del 2002
Cambio ai vertici dell'Anm
Gennaro torna alla presidenza


<B>Cambio ai vertici dell'Anm<br>Gennaro torna alla presidenza</B>
Giuseppe Gennaro

ROMA - Passaggio di testimone ai vertici dell'Associazione nazionale magistrati: Giuseppe Gennaro, procuratore aggiunto a Catania ed esponente di spicco di "Unità per la Costituzione" - la corrente di maggioranza dei magistrati - è il nuovo presidente, carica che aveva già ricoperto dall'aprile del 2000 al marzo del 202. Gennaro succede a Ciro Riviezzo, da un anno alla guida dell'organismo, e guiderà una giunta unitaria, nella quale cioè sono rappresentate tutte le correnti della magistratura.

Nuovo segretario dell'Anm è Nello Rossi (di Magistratura democratica), consigliere alla Corte di Cassazione, vicepresidente è Sergio Gallo (Magistratura indipendente), e il nuovo vicesegretario è Gioacchino Natoli (Movimento per la giustizia), che è stato pm nel processo Andreotti. Tra i componenti del nuovo esecutivo delle toghe c'è Armando Spataro, procuratore aggiunto a Milano e titolare dell'inchiesta sul sequestro di Abu Omar. Fanno parte della giunta anche Giuseppe Creazzo, Antonietta Fiorillo e Modestino Villani. Direttore della rivista "La Magistratura" è Lucio Aschettino.

La nuova giunta ha ottenuto i voti di tutti i componenti del parlamentino dell'Anm, a eccezione di Mario Cicala (Magistratura indipendente), che ha detto di non condividere la linea sostenuta dalle precedenti giunte e di cui la nuova rappresenta il "coerente sviluppo" che "ha portato l'Anm ad apparire schierata a favore di una parte politica". Parole che hanno provocato la reazione indignata dell'ex presidente dell'Anm, Edmondo Bruti Liberati: "E' un'insinuazione che respingo con sdegno".

Dalla posizione di Cicala hanno preso le distanze tutte le correnti - anche la stessa Magistratura indipendente - che hanno invece dato piena adesione alla nuova giunta e al suo programma. Quest'ultimo pone, fra le priorità, la richiesta al nuovo Parlamento di abrogare la riforma dell'ordinamento giudiziario, sospendendo nell'immediato l'efficacia dei decreti attuativi, e di approvare in tempi brevi una nuova e diversa riforma.

(La Repubblica 12 marzo 2006)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/03/2006 @ 17:03:09, in Magistratura, linkato 4001 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

L’A.N.M. sulle candidature dei magistrati

Nell’imminenza della campagna elettorale per il rinnovo del parlamento è emerso all’attenzione dell’opinione pubblica un insieme di questioni che riguardano le candidature di magistrati.

Si è discusso in particolare della “opportunità” delle candidature di magistrati, del regime di ineleggibilità ed  incompatibilità nelle elezioni per il parlamento nazionale ed europeo e nelle elezioni amministrative, delle modalità di “rientro” in magistratura dei candidati non eletti nonché dei magistrati che cessano dal mandato rappresentativo.

Si tratta , evidentemente , di temi complessi che pongono delicate questioni di principio e stimolano  diverse valutazioni e soluzioni concrete.   

Senza alcuna pretesa di affrontare questa intera problematica, la Giunta dell’Associazione nazionale magistrati:

- ricorda che la nostra Costituzione garantisce, all’art. 51, il diritto di “tutti i cittadini”di accedere  “alle cariche elettive, in condizioni di eguaglianza secondo i requisiti stabiliti dalla legge”;

- osserva che , in una prospettiva di corretta formazione della rappresentanza politica, non sarebbe utile escludere pregiudizialmente dal Parlamento e dalle amministrazioni i magistrati, che sono potenzialmente portatori di competenze e di esperienze professionali non meno preziose di quelle di altri tecnici del diritto

( avvocati, docenti universitari);

- ritiene necessarie norme che garantiscano in questo ambito assoluta trasparenza e correttezza; norme  che, da un lato, evitino il rischio che l’esercizio delle funzioni giudiziarie costituisca o possa essere interpretato come una possibile forma di preventiva “captatio benevolentiae” degli elettori e, dall’altro, circondino di opportune garanzie  il rientro in magistratura dei candidati non eletti e dei magistrati che cessano dal mandato rappresentativo;

- mette in luce che, nella presente legislatura,  è stato elaborato ed approvato, con il voto quasi unanime di un ramo del parlamento, il disegno di legge n. 3410 recante “ Disposizioni in materia di ineleggibilità e di incompatibilità dei magistrati” (frutto della unificazione di diverse proposte di legge), che contiene soluzioni meditate sulla elezione dei magistrati in parlamento e negli enti territoriali nonché sul loro rientro in ruolo e rappresenta una base positiva e valida anche per il lavoro del futuro parlamento;

- auspica che, nel dibattito pubblico che si svolge nel paese, questi temi  siano affrontati in tutti i loro aspetti, senza enfasi o strumentalizzazioni e con l’intento di  ricercare  le soluzioni più appropriate, capaci di contemperare la garanzia dei diritti individuali  e le esigenze della collettività.

Roma, 22 giugno 2006
La Giunta Esecutiva Centrale

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie più cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unità per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog è di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










17/08/2019 @ 19.18.30
script eseguito in 531 ms