Immagine
 red hair ...... di Lunadicarta
 
"
"Pensare è più interessante di sapere, ma meno interessante di guardare."

Goethe
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 26/04/2008 @ 17:42:30, in Politica, linkato 2099 volte)

Anche io ho firmato, ieri.. qui a Roma e non ho trovato gran folla per la verità.

Le firme totali non sono andate gran bene, ma il movimento dei grillini ha ottenuto egualmente un successo di ascolto che definirei buono. Ora probabilmente dovranno organizzare nuovi banchetti in giro per l'Italia. Era naturale che in una giornata non si potessero raccogliere tutte le firme occorrenti.

Sto leggendo gli articoli del giornale TAV, Trenta Articoli Veri, ma devo approfondire prima di giudicare anche se dai loghi coinvolti mi pare che la popolazione grillina sia stata letteralmente snaturata da altre organizzazioni più o meno "lilliputcoinvolte", vedi Cesvi. Anche la trattazione di argomenti come le biomasse, il trasporto di armi nel paese stante le 113 basi militari Usaf, ed infine l'intervista ad Alex Zanottelli non lasciano presagire niente di buono.

Si lo so, io tutta questa gente l'ho conosciuta di persona e so bene quanto è attaccata ai soldi. Viceversa dai grillini mi aspetto di più.. O meglio, mi aspetto che escano finalmente fuori personaggi nuovi e non coinvolti con il solito marciume della politica movimentista italiana. Cari grillini fate attenzione, perché PD e ancor più Rifondazione tenteranno di minare il vostro movimento inserendo profondamente nel vostro torace la propria costola inutile e greve.

Ci credereste che la tesoriera di Pax Christi Roma era una tesserata di Rifondazione? NO? Eppure è così e anche se la persona non è cattiva ed io ci ho lavorato anni ed anni, ha sempre fatto del cerchiobottismo su tutti i tavoli della pace. Mi raccomando.. crescete e moltiplicatevi.. ma non vi lasciate infinocchiare...

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 15/04/2008 @ 18:22:46, in Politica, linkato 2203 volte)

 

Dopo la mazzata presa

la speranza è e resta la "gente",

io sono con Grillo.

Ed anche il mio cuore lo è ...

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 15/04/2008 @ 01:37:00, in Politica, linkato 2352 volte)
BERLUSCONI: GRANDE RESPONSABILITA', GOVERNERO' 5 ANNI

"Sono commosso per il risultato elettorale che si profila e per la prova di fiducia che mi è giunta da tanti cittadini che desidero ringraziare con tutto il cuore" Inizia così il messaggio scritto da Silvio Berlusconi e letto dallo stesso leader del Pdl in diretta a 'Porta a Porta' e a 'Matrix'. Il Cavaliere ha concluso inviando un "abbraccio affettuoso a tutti gli italiani, con tutto il cuore".

Berlusconi ha parlato di grande responsabilita' e ha descritto i prossimi cinque anni come 'decisivi' per ammodernare il Paese: 'abbiamo avanti mesi difficili, richiederanno grande forza. Noi siamo pronti a lavorare insieme con l'opposizione sulle riforme - ha aggiunto Berlusconi - noi siamo sempre stati aperti, nei confronti dell'opposizione a lavorare insieme e ad accettare il loro voto laddove loro vedessero i nostri provvedimenti come provvedimenti nell'interesse di tutti gli italiani e quindi del Paese. Quindi non cambieremo assolutamente nulla di questo nostro atteggiamento, che è sempre stato un atteggiamento aperto e dialogante ed assolutamente poco dialettico",

"Avvieremo da subito la riforma della giustizia, l'applicazione della riforma della scuola e la modernizzazione della sanità", ha continuato il leader del Pdl, impegnandosi a risolvere subito l'emergenza rifiuti e il nodo Alitalia. "Ridurremo il debito pubblico attraverso la cessione di cespiti del patrimonio dello Stato", ha detto ancora.

'PRONTI A USUFRUIRE CAPACITA' ESPONENTI OPPOSIZIONE' - "Là dove ci sono delle capacità e queste capacità possono essere utili al Paese, noi siamo e saremmo lieti di poterne usufruire". Così Silvio Berlusconi, leader del Pdl, ha risposto al direttore del 'Corriere della Sera' Paolo Mieli che, nel corso di 'Matrix', gli chiedeva se fosse disposto a seguire l'esempio di Nicolas Sarkozy che in Francia ha aperto l'esperienza di governo all'ispirazione di esponenti dell'altra parte politica. "Noi abbiamo già invitato esponenti importanti della sinistra a collaborare con noi, anche nominandoli in istituzioni europee a rappresentare l'Italia tutta come facemmo ad esempio con il presidente Amato", ha aggiunto Berlusconi, probabilmente riferendosi al ruolo dell'attuale ministro dell'Interno nella Convenzione Ue. Insomma, ha concluso il Cavaliere, "non abbiamo nessuna difficoltà a farlo"

VELTRONI: HO TELEFONATO A BERLUSCONI, DANDOGLI ATTO DELLA VITTORIA

'Come e' prassi in tutte le democrazie occidentali, ho telefonato a Berlusconi per dargli atto della vittoria ed esprimergli l'augurio di un buon lavoro''. Sono le prime parole del leader del Pd Walter Veltroni per commentare l'esito del voto.

"Ora si apre una stagione di opposizione nei confronti di una maggioranza che avrà difficoltà a tenere insieme ciò che è. Non sappiamo quanto durerà, perché le differenze programmatiche permangono", ha aggiunto il leader del Pd. "Penso che il Pdl - aggiunge Veltroni - sia chiamato a sciogliere la contraddizione se è una alleanza elettorale o un partito"

"La nostra sarà un'opposizione sul programma di una grande forza riformista ma rinnoviamo sin da subito la piena disponibilità ad affrontare immediatamente le riforme istituzionali necessarie di cui il Paese ha bisogno", ha aggiunto Veltroni sottolineando: "noi siamo partiti da un distacco a settembre di 22 punti e progressivamente sono stati recuperati in quella che continuo a definire una grande rimonta politica ed elettorale che ci consente oggi di portare in Parlamento e di insediare nel paese la più grande forza riformista che l'Italia abbia mai avuto".

Commentando poi i dati sull'affluenza alle urne, Veltroni ha preso le distanze da chi ha stigmatizzato il calo dei votanti: "Il Paese ha ribadito con forza il proprio rapporto con la democrazia e le istituzioni". "Non condivido - ha aggiunto Veltroni - i toni usati da alcuni sull'affluenza alle urne. Anche se c'é stato un calo del 3% si sono comunque recati alle urne l'80% dei cittadini"

BIPOLARISMO ACCELERA VERSO BIPARTITISMO/IL PUNTO ALLE 19.50

Il sistema bipolare esce irrobustito dal voto e accelera verso un sistema bipartitico: sembra essere questo il primo risultato leggibile dai dati elettorali. Alla Camera, secondo le ultime proiezioni di Consortium per la Rai, il Pdl, con il 38,1% dei consensi e il Pd, che ha ricevuto il 33,7% delle preferenze, ottengono infatti insieme il 71,8%. Vale a dire che 7 italiani su 10 si riconoscono in due partiti. Il voto utile invocato da Berlusconi e da Veltroni ha trovato ascolto nell'elettorato. In entrambi gli schieramenti ci sono due alleati di peso, soprattutto nel Pdl: la Lega Nord, proiettata verso il 6% dei consensi e l'Italia dei Valori ben al di sopra del 5%. Fuori dagli schieramenti hanno vita difficile l'Udc, che aveva abbandonato il Pdl alla vigilia del voto, che supera a fatica il 5% e si ritrova con una pattuglia ridottissima di parlamentari. E La Destra di Storace, priva di senatori, e sotto il 3%. Esce decisamente ammaccata dal voto la Sinistra l'Arcobaleno che candidava Fausto Bertinotti. Le proiezioni alla Camera accreditano questa formazione del 3,6% dei consensi, con la quasi certezza di non avere senatori e un numero ridotto di deputati. Percentuali da prefisso telefonico per le altre formazioni, alcune, come i socialisti di Boselli, con una storia gloriosa alle spalle, che si ferma allo 0,9%.
 
*** *** ***
 
I "big" che lasciano il Parlamento


Quasi uno tsunami elettorale quello prodotto dal voto, che ha scalzato dal seggio tanti leader e personalità che hanno segnato le ultime legislature. Addio al Parlamento del veterano Fausto Bertinotti, che dopo aver guidato Montecitorio è stato tagliato fuori due volte. Saltano una legislatura anche gli altri big della sinistra italiana, i leader de La Destra Daniela Santanchè e Francesco Storace e l'ex Dc Ciriaco De Mita.

L'operazione ghigliottina, condotta dalla soglia di sbarramento, ha fatto cadere le teste di tutti e quattro i leader dei partiti della sinistra che avevano dato vita alla sinistra Arcobaleno. Anzi tre, visto che Oliviero Diliberto, segretario del Pdci aveva gia' deciso di lasciare il suo seggio ad un operaio della Tyssenkrupp, Ciro Argentino, che pero', dato l'esito elettorale, non approdera'a Montecitorio, rendendo nullo il sacrificio di Diliberto. Restano fuori anche il leader dei Verdi Alfonso Pecoraro Scanio e Fabio Mussi, il 'capo' della Sinistra Democratica. 'Silurati' anche Enrico Boselli, leader e candidato-premier del Partito Socialista, e Franco Grillini, presidente onorario dell'Arcigay.

Seggi preclusi anche per il 'trio' della Destra: Daniela Santanchè, Francesco Storace e Teodoro Buontempo. Non varcheranno i portoni del Parlamento (almeno per questa sedicesima legislatura) neanche gli antagonisti del Pd, Willer Bordon e Roberto Manzione che avevano dato vita all'Unione Democratica dei consumatori. Stop alle goliardate e alle provocazioni di Francesco Caruso: il no global che aveva fatto il suo esordio alla Camera 'traghettato' dal Prc questa volta e' rimasto al palo insieme alla pattuglia della Sinistra Arcobaleno. Stesso destino per Luxuria, la prima transgender in Parlamento che proprio per il suo "status" era stata presa di mira dall'azzurra Elisabetta Gardini che voleva imporre alla collega l'utilizzo della toilette destinata agli uomini.

Anche Ciriaco De Mita non andrà a Palazzo Madama. Uscito dal Pd, dopo la decisione di Walter Veltroni di non candidarlo, e approdato all'Udc di Pier Ferdinando Casini, De Mita, candidato al Senato, si trova in un Udc che non è riuscita a far scattare il seggio al Senato in Campania.
 
*** *** ***
 
Flop della sinistra-arcobaleno che sparisce dal parlamento
Vince il Pdl, la Lega a valanga
La coalizione di Berlusconi ottiene una netta maggioranza alla Camera e al Senato

MILANO - Una vittoria netta. La coalizione guidata da Silvio Berlusconi si aggiudica le elezioni con un ampio margine, tanto che il Popolo della Libertà (assieme a Lega Nord e Movimento per l'autonomia) avrà una larga maggioranza alla Camera e una maggioranza comunque netta al Senato. L'alleanza di centrodestra (quando sono state scrutinate oltre 58 mila sezioni su 60 mila) ottiene infatti il 47,2% dei voti per Palazzo Madama contro il 38,1% ottenuto da Partito democratico e Italia dei valori. Smentiti clamorosamente i primi exit poll diffusi subito dopo la chiusura delle urne che indicavano una differenza di soli due o tre punti percentuali tra Pdl-Lega-Mpa e Pd-Idv. Alla Camera il vantaggio è altrettanto inequivocabile: l'alleanza guidata dal Popolo della libertà ottiene (quando sono state scrutinate 56.511 sezioni su 61.062) il 46,6% dei voti, quella del Partito democratico il 37,7%. Un distacco che fin dalle prime proiezioni è sembrato subito incolmabile, tanto che in serata è lo stesso Veltroni a riconoscere la vittoria dell'avversario: «Ho telefonato a Berlusconi - annuncia il leader del Pd - per augurargli buon lavoro».

BERLUSCONI «COMMOSSO» - Grande soddisfazione da parte di Pdl e Lega. Berlusconi si dice «commosso» e annuncia di avere già in mente la squadra di governo, di cui faranno parte «almeno quattro donne». Annuncia inoltre di essere aperto al dialogo con chiunque voglia lavorare con il Pdl alla guida del Paese. Anche Umberto Bossi esulta: «Siamo forti, il nostro boom era atteso». Il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini, promette dal canto suo «un'opposizione costruttiva». Da segnalare la buona performance della Lega e il flop della Sinistra-Arcobaleno, che appare destinata a sparire dal Parlamento (tanto che il candidato premier, Fausto Bertinotti, si è dimesso da tutti gli incarichi dirigenziali).

SENATO - Entrando più nel dettaglio, alle elezioni per il Senato la coalizione di centrodestra si attesta circa otto punti sopra l'alleanza guidata da Veltroni. Quando sono state scrutinate per il Senato oltre 54mila sezioni su 60.048, il Pdl-Lega-Mpa ottiene il 47,2 % contro il 38,19% di Pdv-Idv. Il Popolo della libertà è al 37,9%, la Lega all'8,1%, l'Mpa all'1%; il Pd al 33,8%, l'Idv al 4,3%. Gli altri: Udc al 5,6, Sinistra-Arcobaleno al 3,2%, la Destra al 2%, il Partito socialista allo 0,8% (dopo questo risultato il segretario, Enrico Boselli, si è dimesso). A Palazzo Madama la coalizione del centrodestra, secondo le elaborazioni dei primi scrutini, avrebbe a 167 seggi contro i 137 di Pd e Italia dei valori. Sono esclusi i 6 seggi della Circoscrizione Estero. Il calcolo, per il Senato, avviene su base regionale e da questo punto di vista il Pdl (assieme a Lega e Mpa) conquista (stando alle proiezioni) 12 Regioni, strappandone 5 a Pd+Idv (Sardegna, Campania, Liguria, Abruzzo e Calabria) e lasciandone dunque agli avversari soltanto 6. In particolare a Berlusconi andrebbero: l'Abruzzo, la Campania, il Friuli-Venezia Giulia, il Lazio, la Lombardia, il Piemonte, la Puglia, la Sicilia, la Calabria e la Liguria. Al centrosinistra di Veltroni vanno la Basilicata, l'Emilia-Romagna, le Marche, il Molise, la Toscana e l'Umbria.

CAMERA - Netta vittoria per il Cavaliere anche alla Camera. A spoglio non ancora ultimato, l'alleanza guidata dal Popolo della libertà ottiene infatti il 46,6% dei voti, quella del Partito democratico il 37,7%. Nel dettaglio il Pdl è al 36,9%, la Lega all'8,6% e l'Mpa all'1%. Di contro il Pd è al 33,3% e l'Idv al 4,3%. Tra i partiti minori l'Udc è al 5,5%, la Sinistra-Arcobaleno crolla al 3%, la Destra racimola il 2,4% e i socialisti lo 0,9%. L'alleanza guidata dal Cavaliere otterrebbe 340 seggi, quella guidata da Veltroni 241.

SICILIA - Diffuse anche le prime proiezioni sulla Sicilia dove si vota per le Regionali. Anna Finocchiaro, candidato del centrosinistra, è al 36,2%; Raffaele Lombardo, candidato del centrodestra, è al 58,2%. Per quest'ultimo, dunque, si profila un successo schiacciante.
 
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 14/04/2008 @ 10:06:02, in Indagini, linkato 2062 volte)

Seconda giornata della tornata elettorale.

Io ho votato ieri, convinta, naturalmente e, come di consueto mi sono affacciata al pensiero popolare, quel pensiero che per me è sempre foriero di novità e ispirazione. Devo essere sincera: presso quel seggio circolava un'aria strana, di tutto parlava la gente fuorché del voto di lì a pochi minuti. Il pranzo, il figlio in viaggio, la nuora che non sta bene: ma di politica no. Quasi che aleasse d'attorno alla gente più varia e disparata la sensazione di aver votato o esser prossimi a farlo, ma di non aver goduto il diritto ad essere rappresentati. Mai come in queste elezioni ho ascoltato nelle parole della gente l'assenza del contatto con la politica. Troppi indagati? Troppa falsità? Troppi soldi spesi?

Tutto questo ed altro...

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 01/04/2008 @ 23:39:57, in Redazionale, linkato 2366 volte)

Ai partiti politici, ai politici italiani, agli organi di informazione, alla cittadinanza tutta

Questa lettera nasce da uno sforzo collettivo di cittadini italiani della Rete, che si sono confrontati in maniera concreta e proficua usando i mezzi offerti dal social network e partendo da un approccio comune e condiviso, al di là dell’appartenenza politica di ciascuno, per agire attivamente nell’attuale contesto politico e socioculturale.

Vogliamo richiamare l’attenzione di chi ci governa, degli organi d’informazione e delle istituzioni verso quelli che dovrebbero essere i principali obiettivi di una politica civile, etica e basata sul bene comune.

La tutela dei valori costituzionali del nostro Paese: laicità dello Stato; diritto al lavoro e alla sicurezza sul lavoro; diritto di scelta per la propria salute e tutela della stessa, per tutti; informazione libera, pluralista e basata sulle interazioni.

L’adempimento del mandato elettorale per il quale si viene eletti e del quale i cittadini elettori sono costantemente giudici. Tale adempimento dovrebbe rappresentare una condizione minima, senza la quale “fare politica” diventa semplicemente un modo per raggiungere obiettivi personali e di potere.

La risoluzione di emergenze sociali, tra cui (ne citiamo solo alcune): impatto ambientale dei rifiuti; sistema della Sanità; aiuti alle famiglie e tutela della maternità, attraverso sussidi e asili nido in numero sufficiente; sistema dell’Istruzione e della scuola e scollamento tra questo e il mondo del lavoro; precarietà diffusa e formalizzazione del salario minimo legale.

L’attuazione di riforme politiche non più procrastinabili, quali: l’immediata risoluzione del conflitto d’interessi; una seria riforma del sistema elettorale che impedisca le nomine dall’alto dei parlamentari attraverso l’indicazione della propria preferenza sulla scheda; la decisione sulla non eleggibilità di cittadini, se condannati in via definitiva, o in primo e secondo grado in attesa di giudizio finale.

Crediamo che fare politica, nel senso etimologico e più nobile del termine, comporti soprattutto fornire un esempio etico, culturale e di serietà ai cittadini che si governano, e che costituisca un ruolo da non sperperare in inutili e volgari liti, dichiarazioni razziste, aggressioni fisiche; questi comportamenti impoveriscono tutti, sia in un contesto interno alla nazione, sia rispetto all’immagine che essa deve offrire al resto del mondo. Dal momento che Voi siete chiamati a rappresentarci, dovreste porvi come portavoce di coloro che vivono la realtà quotidiana e trasmettono le sue problematiche concrete. Pretendiamo che la politica torni a essere un servizio alla collettività e che nel fare questo rispetti alcuni precisi standard di correttezza, buona educazione civica, coerenza e chiarezza.

Noi non siamo solo numeri. Non vogliamo assistere impotenti alla banalizzazione delle parole che non si trasformano in fatti coerenti e responsabili. Noi siamo quelli che votano. Quelli che scelgono. Quelli che criticano. Quelli che domandano. Quelli che giudicano. Noi siamo coloro a cui dovete rispondere del Vostro operato, ogni giorno, in qualsiasi momento. Attueremo un controllo serrato sulle azioni della prossima legislatura e daremo ampio risalto sui nostri blog di ciò che di buono e di cattivo verrà fatto. Siamo in grado di criticare l’informazione, di valutare l’attuazione del programma elettorale, di giudicare sui fatti e non sulle promesse e sulle favole.

http://blogaction.wordpress.com/

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 17/01/2008 @ 13:28:40, in Politica, linkato 2472 volte)
o ritirerà le sue dimissioni? "Confido sul buon senso del ministro Mastella. E Mastella ha tanto buon senso", è stata la risposta del senatore Lamberto Dini, leader della pattuglia dei liberaldemocratici a palazzo Madama.

''Sarà una delle questioni che discuteremo questa mattina''. Il capogruppo dell'Udeur alla Camera, Mauro Fabris, in viaggio verso Benevento per partecipare al vertice dell'Udeur con Clemente Mastella, afferma, intervistato dalla trasmissione Radio Anch'io che una delle questioni affrontate sara' la permanenza dell'Udeur nella maggioranza. ''Non decideremo certo sulla base delle vicende giudiziarie'', sottolinea Fabris, ma al centro dell'approfondimento sarà l'esito del referendum ''come abbiamo sempre detto in questi giorni''.

Continua l'occupazione dell'Aula di Montecitorio da parte dei deputati della Destra. Daniela Santanchè, Teodoro Buontempo e Roberto Salerno, per protestare contro il presidente del Consiglio che non viene a riferire in Parlamento come richiesto dall'opposizione sul 'caso Mastella', hanno dormito alla Camera. E ora hanno ripreso a presidiare l'emiciclo.

Il presidente del Senato, Franco Marini, ha preso contatti per assicurare la presenza al Senato del presidente del Consiglio in relazione alle dimissioni del ministro della Giustizia. "Non credo che ci siano problemi da questo punto di vista", ha assicurato il presidente del Senato rispondendo a una domanda posta dal senatore Stefano Morselli (Misto-La Destra).

Ieri sera i carabinieri si sono presentati nella sede di Apcom a Roma. I militari dell'Arma sono arrivati in redazione poco prima di mezzanotte su mandato della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. I militari dell'Arma hanno interrogato i giornalisti coinvolti nel servizio su Mastella ed eseguito una perquisizione. Il giornalista autore del servizio è stato convocato per questa mattina negli uffici del procuratore della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.

"Ho parlato anche nell'intervento di oggi di frange estremiste nella magistratura, è un tipo di giustizia che non mi piace, mentre c'è una stragrande maggioranza dei giudici che stimo e ho apprezzato in questo percorso istituzionale". Lo ha detto ieri serfa in collegamento telefonico con Matrix Clemente Mastella. Il Guardasigilli dimissionario ha detto di non aver inviato lui gli ispettori agli uffici giudiziari di Santa Maria Capua Vetere ma "è una vicenda che riguarda il procuratore generale", ha rilevato, nata da una serie di esposti inviati da magistrati al ministero, al Csm e al procuratore generale.

08:31

"Mi pare che il ministro Mastella lasci aperte le porte ad ulteriori valutazioni e aspettiamo di conoscerle" così la capogruppo del Pd al Senato, Anna Finocchiaro, commenta la decisione del leader dell'Udeur di dare un appoggio esterno al Governo annunciata in una conferenza stampa. "Nel frattempo - aggiunge - cerchiamo di non produrre lo schema dello scontro tra politica e magistratura, anche se io rivendico il diritto ad una critica democratica all'operato della Magistratura; cerchiamo di non perdere il contatto con il paese".

"Io non arretro, farò politica nel mio modo tradizionale. Chiedo a tutti di non aver paura: ma ieri non parlavo delle mie paure ma di quelle di un cittadino normale". Lo ha detto Clemente Mastella nella conferenza stampa a Benevento.

"Non ho fatto affari durante la prima Repubblica, dove era più facile farli, e li farei ora?". Il leader dell'Udeur Clemente Mastella cerca di discolparsi anche così dalle accuse che gli sono state mosse dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere. Mastella se la prende anche con chi non vuole che tra "magistratura e politica" si "arrivi alla pace". E a questo proposito cita anche i film western nei quali "c'erano delle tribù che non volevano fumare il calumet della pace". Lui invece, assicura, è a favore di questa riconciliazione tra politici e magistrati.

"La mia non è la moglie di Provenzano, ma una splendida ragazza". Lo dice Clemente Mastella con le lacrime agli occhi.

"Ho un fortissimo rispetto per la magistratura ma francamente mi pare che le ipotesi di reato non mi sembrano chiarissime". E' quanto ha detto il sindaco di Napoli, Rosa Russo Iervolino. "Ho l'impressione - ha aggiunto - che la vicenda contestata ha più l'aria di un accordo politico che di un reato. Ma c'è sempre una estrema difficoltà a parlare di cose che non si conosco perché, da avvocato, sono abituata a leggere le carte. Non potendolo fare posso esprimere un giudizio solamente per via di sensazioni".

"Non mi sono mai interessato di affari in vita mia, questo mi ha salvato". Lo dice Mastella, nel corso della conferenza stampa a Benevento. "Voglio essere liberato anche dal Senato perché voglio essere considerato cittadino comune", ha aggiunto.


"Spero che il mio sacrificio serva a riconciliare la politica e la magistratura". Lo afferma Clemente Mastella, leader dell'Udeur, nel corso della sua conferenza stampa a Benevento. "Io - prosegue - non ho mai voluto fare la guerra alla magistratura, ho sempre operato per la riconciliazione. Però, se c'è un gruppo di magistrati che fa assalti, io dico no".

"Tra tante mogli che vanno avanti, perchè solo a mia moglie si rivolge tanta attenzione?". Lo ha detto Clemente Mastella, durante la conferenza stampa tenuta a Benevento. "Tutta la mia famiglia - ha aggiunto il leader dell'Udeur - è stata messa sotto controllo. Quando divenni ministro della Giustizia, Cossiga mi disse: da ora te e la tua famiglia sarete intercettati; Cossiga aveva ragione".

"Noi in questo momento non siamo nel governo, ma se dicessimo a Prodi: 'Noi per le prossime grandi nomine vorremmo indicare questa persona, ad esempio come presidente della Rai', e questo che c'è in effetti è ora che vada a casa, questa è concussione o logica politica?'". Lo ha affermato Clemente Mastella nel corso del suo incontro con la stampa a Benevento.

"Convocheremo il consiglio nazionale dell'Udeur all'inizio di febbraio per valutare la situazione politica. Oggi siamo fuori dal governo, poi vedremo". Lo ha detto Clemente Mastella nel corso della conferenza stampa a Benevento.

"Se ci sarà una sentenza di proscioglimento nei mei confronti chi mi ripagherà di non vivere più un sogno, quello di essere ministro della Giustizia". Lo dice Clemente Mastella in conferenza stampa. "Io mi sono dimesso per mia moglie - prosegue - ma poi a maggior ragione ho confermato le dimissioni perchè sono stato accusato di essere il capo di un'affiliazione che spaccia cose di vario tipo, quindi non posso fare il ministro per la Giustizia".

"Dove amministriamo noi la sanità va meglio, così come i rifiuti, meglio anche di Santa Maria Capua Vetere dove è stata aperta un'inchiesta da anni che non è mai stata conclusa". Lo assicura Clemente Mastella.


"Daremo appoggio esterno a questo governo per la semplice ragione che non abbiamo nessuno all'interno. Controlleremo e saremo esigenti, non come prima dove il compromesso era una condizione, e lo faremo rispettosi della logica del programma e sugli aspetti più vari, come sulla legge elettorale". Lo ha detto Clemente Mastella, leader dell'Udeur, nel corso di una conferenza stampa a Benevento.

"Non voglio avere un salvacondotto come ministro della Giustizia. Se si dimostrerà che abbiamo sbagliato, che ho sbagliato, è giusto pagare. Ma non è giusto nemmeno adesso essere trattato come il capo di una cosca mafiosa". Lo dice il leader dell'Udeur Clemente Mastella.

"Mastella ieri ha dato le dimissioni e adesso le ha confermate. E' una decisione saggia perché così avrà le mani libere per difendersi dalle accuse che gli vengono mosse e le avrà anche per le sue nuove iniziative politiche". Così Lamberto Dini, leader dei Liberaldemocratici e presidente della commissione Esteri del Senato, commenta la decisione di Mastella. Le dimissioni, per Dini "sono più che una spina nel fianco del governo. E' un problema che può far precipitare il fragile quadro politico che tiene la coalizione".

"La politica è anche questo, è una morte e una resurrezione". E' quanto afferma Clemente Mastella, rincuorando i suoi fedelissimi: "Amici dell'Udeur - dice il Guardasigilli dimissionario - non vi sconfortate".


"Io sono esuberante, un passionale, uno che anche dice le parolacce in tv ma mi sono sempre dimostrato un grande perdonista, sono come S. Girolamo. E al procuratore di S. Maria Capua Vetere voglio dire che, nonostante la tegola addosso, sono di un'infinita serenità...sono come la Repubblica di Venezia, sono la 'Serenissima'". Così l'ex ministro Clemente Mastella.

"E' la crisi del sistema, non del governo". Lo afferma il leader dell'Udeur Clemente Mastella. Mastella si difende anche dalle
accuse di concussione verso il presidente della Regione Campania Bassolino, affermando che le sue sono state solo indicazioni politiche. E fa un esempio: "Se ora, noi che adesso non abbiamo più alcuna presenza nel governo, chiedessimo a Prodi la nomina in un grande ente per un nostro amico bravo e preparato, magari anche alla presidenza della Rai (sarebbe bene che quello che c'è andasse a casa..) ditemi voi, italiani, sarebbe questo un caso di concussione o di logica politica?".


"Voglio dire all'Associazione nazionale dei magistrati: non ho mai espresso giudizi contro la magistratra". Lo sottolinea il leader dell'Udeur, Clemente Mastella. "Non cambio opinione", ma "ho letto oggi sui giornali di miei attacchi alla magistratura: non ho espresso giudizi contro i giudici". Mastella difende la moglie Sandra Lonardo, coinvolta nell'inchiesta della Procura di Santa Maria Capua Vetere: "Ricordo al gip che si tratta di una persona di specchiata moralità".

"Vorrei capire come mai per quanto riguarda una nomina, io sarei concusso e per tutte le altre nomine in Campania non ci sarebbero nè concussi nè concussori...". E' quanto osserva Mastella, respingendo ogni accusa mossa dai pm di Santa Maria Capua a Vetere: "La magistratura - dice il ministro dimissionario nel corso della conferenza stampa a Benevento - farà il suo corso, noi risponderemo nelle sedi competenti perché siamo innocenti".

Ci doveva essere "un minimo di rispetto di natura costituzionale nei confronti di un presidente liberamente eletto". Così Mastella in conferenza stampa si riferisce alla moglie, presidente del Consiglio della regione Campania, agli arresti domiciliari.

"Non chiedo ad alcuno solidarietà, ma nessuno, non conoscendo le carte processuali, può permettersi di poter esprimere giudizi ingenerosi e immotivati". E' quanto afferma Mastella. "Sono fiero mio partito - ha aggiunto - dalle intercettazioni emerge che non ci sono soldi dati nè tangenti prese. Questo onora il mio partito e voglio ricordare il mio gruppo parlamentare che non ha persone inquisite. Credo sia uno dei pochi partiti".

"Quella persona è morta vuol dire nel mio gergo che non voglio più avere nulla a che fare con quella persona". Lo dice Mastella a proposito dell'intercettazione che accusa la moglie Sandra Lonardo.


"Agli italiani dico fidatevi della magistratura, fidatevi di quella seria", ma "non vi fidate di gip particolari che richiamando ragioni di incompetenza territoriale prima arrestano persone incensurate e poi emettono giudizio di incompetenza". E' quanto afferma Mastella, nella conferenza stampa in corso a Benevento, definendo "stravaganza giudiziaria" quanto accaduto.

L'incontro di Clemente Mastella con la stampa viene diffuso da due altoparlanti in piazza. In hotel nonostante il tentativo di forze dell'ordine e segreteria dell'Udeur di fare entrare solo i giornalisti, sono troppi i convenuti. In sala, ad attendere il ministro anche molti sindaci dell'Udeur del beneventano con la fascia tricolore. All'arrivo di Mastella, un applauso si è levato dalla piazza.

In corso la conferenza stampa di Mastella a Benevento. Il ministro della Giustizia. "Esprimo solidarietà al Santo Padre", sono state le prime parole di Mastella che ha confermato le sue dimissioni. "Ho parlato con il presidente Prodi e confermo le mie dimissioni per la mia dignità - ha detto -, onorabilità, perché non voglio sentirmi uno della casta ma essere cittadino comune".

"Se le misure restrittive sono dovute agli elementi emersi fino a ora dell'inchiesta resto perplesso: potrebbe essere un teorema che reggerà poco". E' quanto afferma il presidente della regione Lazio, Piero Marrazzo, nel corso della trasmissione radiofonica 'Dillo a Marrazzo' su Radio Radio, in riferimento alla vicenda Mastella.

"Noi siamo persone per bene, non monnezza", "Siamo gli umili della politica che soffrono e combattono con dignità ": sono questi alcuni slogan che i simpatizzanti dell'Udeur stanno mostrando in piazza IV Novembre, avanti la Prefettura di Benevento, dove ha avuto inizio il corteo di solidarietà nei confronti del leader dell'Udeur, Clemente Mastella e di sua moglie Sandra. Al momento sono circa 2000 le persone che si sono radunate, tra cui il primogenito dei coniugi Mastella, Pellegrino, numerosi amministratori locali sanniti e di altre località della regione, alcuni dei quali indossano le fasce tricolori.

L'interim di Romano Prodi alla giustizia, a seguito delle dimissioni di Clemente Mastella, ''è la soluzione obbligata. Ma è evidente che siamo in una situazione di vera e propria pre-crisi''. Lo ha affermato il capogruppo di An, Ingazio La Russa. ''Dopo la vicenda dei rifiuti in Campania, il silenzio imposto al Papa, l'arresto della moglie del ministro della Giustizia - ha detto La Russa - in quale altro Paese del mondo un governo, se non ha cancellato la parola 'dignità' dal vocabolario, non si dimette?''.

Teodoro Buontempo questa notte, durante l'occupazione della Camera, ha avuto un malore in Aula, per cui si è reso necessario l'intervento dei medici di Montecitorio. A renderlo noto è un comunicato di 'La Destra', riferendo che il segretario del partito, Francesco Storace, si è messo in contatto con Buontempo essendone rassicurato: "Per fortuna Teodoro ha una forte fibra e le sue condizioni migliorano".

Il presidente del Consiglio Romano Prodi sta lavorando all'intervento che terrà questo pomeriggio prima alla Camera e poi al Senato sulla vicenda Mastella. Il premier è dunque riunito con i suoi uomini a Palazzo Chigi e per questa ragione probabilmente rinuncerà a partecipare alla presentazione del rapporto sulla raccolta fondi per lo tsunami, che si tiene nella sede della Protezione Civile.

"Le dichiarazioni di Mastella di ieri alla Camera sono state molto pesanti, sono uno sfogo e si possono per molti aspetti non condividere. Io non le condivido". Così il senatore del Partito Democratico Massimo Brutti, gi5 responsabile giustizia dei Ds, è intervenuto questa mattina a Omnibus su LA7. "Le dimissioni di Mastella sono un atto dignitoso e anche abbastanza inusuale, ma non erano un atto dovuto. Non erano state richieste e quindi l'invito di Prodi a ripensarci ha un senso".

"Sandra è una ragazza pulita e Clemente un onesto politico meridionale: la lettura dei giornali, le cronache di colore mi fanno venire voglia di cambiare impegno. Tutto questo è barbarie". Lo dichiara il segretario della Democrazia Cristiana per le Autonomie, senatore Gianfranco Rotondi.

"Prodi nel respingere le dimissioni del Ministro della Giustizia doveva e ancora può farlo, chiedere a Mastella di rimangiarsi quanto detto sui magistrati" Così stamani il Ministro Antonio Di Pietro intervistato da Radio Città Futura. "Ieri - ha osservato il ministro - c'è stata una corsa irrazionale da parte di tutti alla solidarietà politica. Quella umana , personale, non si discute, ma prima di dare giudizi sommari sulle inchieste dei magistrati bisogna leggere le carte, accertare come stanno le cose".

"A parte il rispetto per le doverose dimissioni del Ministro, proprio le sue dichiarazioni rese davanti al Parlamento, e altre rese oggi da esponenti politici di molti partiti, ancora una volta portano fuori dalle aule di giustizia il dibattito sul merito dei provvedimenti giudiziari con modalità espressive e di aggressione alla Magistratura che alterano gli equilibri tra i poteri dello Stato e non si giustificano in alcun modo, specie se provenienti dal Ministro della Giustizia". Così la Giunta esecutiva centrale dell'Associazione nazionale magistrati commenta oggi le dichiarazioni di ieri alla Camera del ministro della Giustizia Clemente Mastella.

Clemente Mastella avrebbe confermato le sue dimissioni da ministro della Giustizia e il presidente del Consiglio Romano Prodi sarebbe pronto ad assumere l'Interim della Giustizia. E' quanto avrebbe reso noto il capogruppo del Pd alla Camera, Antonello Soro, durante la conferenza dei capigruppo di maggioranza che si è tenuta a Montecitorio prima della riunione di tutti i capigruppo della Camera.

Il presidente del Consiglio Romano Prodi, subito dopo aver parlato alla Camera, andrà a riferire in aula al Senato sul caso Mastella. Il suo arrivo a Palazzo Madama è previsto per le 17. Lo ha reso noto il vicepresidente della Camera Pierluigi Castagnetti durante la conferenza dei capigruppo a Montecitorio.

Il presidente del Consiglio Romano Prodi verrà a riferire in aula alla Camera alle 14,30 sul caso Mastella. E' stato reso noto durante la conferenza dei capigruppo che si è appena conclusa. Il question time previsto alla Camera alle 15 è stato annullato. Secondo fonti qualificate dell'esecutivo, Prodi potrebbe annunciare l'interim della Giustizia.

Il ministro Mastella manterrà

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 19/11/2007 @ 06:32:58, in Politica, linkato 2341 volte)

Voto di scambio e non solo: il verbale più caldo di De Magistris

L’11 ottobre scorso Giuseppe Tursi Prato, ex politico condannato per concorso in associazione mafiosa e corruzione, è stato ascoltato in procura a Catanzaro come “persona informata sui fatti”: al pm ha descritto tra l’altro i rapporti tra politici, imprenditori e magistrati, facendo tutti i nomi. ECCO IL VERBALE INTEGRALE in .pdf. LEGGI ANCHE: L’intervista a Iannelli, il pg da Pisa alla procura dei veleni - La Santa, viaggio nella ‘ndrangheta sconosciuta

De Magistris cede l’inchiesta che scotta. E il testimone non parla più

Nel giorno in cui il pm che ha iscritto nel registro degli indagati il premier e Mastella è costretto a passare al procuratore generale il fascicolo che li riguarda, viene rimandato l’interrogatorio dell’uomo che ha ascoltato una telefonata chiave tra il principale indagato e Prodi. Il suo legale dice: “Da oggi chi vuole collaborare con la giustizia non sa più a chi rivolgersi”. Ecco chi è il supertestimone LEGGI ANCHE: Lo speciale sull’inchiesta di De Magistris. Guarda il VIDEO servizio - Partecipa al FORUM: Se è indagato anche il ministro della giustizia

Catanzaro story: De Magistris non cede a Mastella

Il magistrato prepara un memoriale di 400 pagine a sua tutela. Nel quale denuncia ingerenze e isolamento. E sull’arrivo degli ispettori dice che… SPECIALE INCHIESTA CATANZARO

Mastella intercettato dai pm di Catanzaro

Indagando su Antonio Saladino, uno degli inquisiti per truffa alla Ue, il magistrato si è imbattuto anche in alcune conversazioni con l’attuale guardasigilli, allora segretario dell’Udeur. LEGGI ANCHE: Lo speciale sull’inchiesta di Panorama.it

Intrigo a Catanzaro: De Magistris non si ferma e arriva fino al G8 di Genova

Una testimone porta il pm che sta indagando sulla cosiddetta loggia di San Marino a passare al setaccio anche l’organizzazione del summit internazionale del 2001. E i relativi finanziamenti. LEGGI ANCHE: Lo speciale sull’inchiesta di Catanzaro

Catanzaro, i nomi che contano nel mirino di De Magistris

Oltre Prodi, ecco chi sono gli uomini che hanno un ruolo chiave nell’inchiesta del pm Luigi De Magistris sulla cosiddetta loggia di San Marino. Imprenditori, politici, finanzieri. Tutti tirati in ballo in quella che il magistrato definisce “la pervicace volontà di depredare le risorse pubbliche pur di raggiungere lucrosi interessi criminali” e spiega: “Le indagini […]

Loggia di San Marino: Scarpellini il perno dell’inchiesta di Catanzaro

Viaggi in Libia e utenze collegate a San Marino: l’inchiesta del pm Luigi De Magistris (nella foto) ha al cuore il consulente di Palazzo Chigi. Panorama rivela: si procede con le rogatorie alle banche estere e la collaborazione dell’ufficio antiriciclaggio della Banca d’Italia. Con un filone che parte da Catanzaro e arriva al Sismi. LEGGI ANCHE: Lo speciale sull’inchiesta di Panorama.it

Catanzaro story: tre uomini e un’inchiesta

De Magistris, Lombardi, Genchi: il sostituto procuratore che se la prende con i politici, il suo superiore, che gli ha già tolto un fascicolo rovente, e il consulente esperto di segreti telefonici. Vita, opere e manie dei protagonisti di Law & Order in salsa calabra. LEGGI ANCHE: Lo speciale sull’inchiesta di Catanzaro

Il pm anti logge ricompare e attacca la criminalità dei colletti bianchi

Luigi De Magistris è il magistrato più “ricercato d’Italia”: è in ferie da quando è uscita la notizia che ha iscritto Prodi nel registro degli indagati. Ma ecco l’anticipazione dell’intervista che andrà in onda domani su Rai tre in cui dice: In Calabria ci sono due business criminali: la droga e i finanziamenti pubblici. LEGGI ANCHE: Lo speciale sull’inchiesta di Catanzaro

Galbusera 2: Non solo Prodi, vi spiego le altre telefonate “calde” di Delta

Il manager della società che ha dato le sim a Palazzo Chigi minimizza: solo rapporti di lavoro e pubbliche relazioni tra la sua società, gli indagati e altre aziende che si occupano di telecomunicazioni e sicurezza. LEGGI ANCHE: Galbusera: sono io che ho dato le schede telefoniche a Prodi - Ecco perché Prodi è indagato: il documento - Inchiesta sulla loggia di San Marino: Prodi indagato a Catanzaro

 

 
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 19/11/2007 @ 06:28:37, in Politica, linkato 2525 volte)

Ecco perché Prodi è indagato: il documento


Per capire perché Romano Prodi sia stato iscritto nel registro degli indagati dalla procura di Catanzaro con l’ipotesi d’accusa di abuso d’ufficio è utile leggere la consulenza tecnica consegnata al pubblico ministero Luigi De Magistris dal dottor Gioacchino Genchi e depositata il 10 luglio presso il Tribunale del riesame di Catanzaro, dopo le perquisizioni e i sequestri dei giorni scorsi (per cui il Riesame ha poi disposto la revoca).
Il documento, lungo 32 pagine, coinvolge anche altri tre parlamentari (Sandro Gozi, Giancarlo Pittelli e Lorenzo Cesa) e contiene le “anticipazioni sull’analisi delle parziali risultanze dell’indagine tecnico-elaborativa”. Panorama.it, che è entrato in possesso del documento integrale, pubblica il capitolo (gli altri due si riferiscono agli indagati Brunella Bruno, ufficiale della Guardia di finanza distaccata al Cesis, e Salvatore Domenico Galati) relativo a Piero Scarpellini, in cui viene spiegato il presunto coinvolgimento di Prodi. Ecco che cosa scrive il consulente:

Relazione n. 08
(…)
Piero Scarpellini e nato a Cesena il 27-08-1950. Di lui ha riferito la teste Alfa, con riguardo al “comitato d’affari di San Marino”, con cui sarebbe risultato in rapporti Antonio Saladino (imprenditore indagato nell’inchiesta di Catanzaro, ndr).
Le prime conferme le abbiamo avute dall’analisi dei cellulari (…) sequestrati ad Antonio Saladino, nei quali abbiamo rinvenuto l’annotazione dei numeri del cellulare 33560… di Piero Scarpellini.
L’utenza 33560… risulta attivata il 22-11-1995 a nome di Piero Scarpellini e già dal suo parziale sviluppo si rilevano numerosi e circolari contatti telefonici con le utenze di Antonio Saladino, Sandro Gozi, Francesco De Grano, Pietro Macrì, Marinella De Grano (tutti indagati nell’inchiesta catanzarese, ndr).
Ai contatti con le utenze considerate si aggiungono i contatti telefonici con una Sim Gsm 32074… intestata a Delta s.p.a. ed attivata presso la Wind il 21-10-2004.
Quando abbiamo recuperato le annotazioni dalle memorie dei cellulari sequestrati ad Antonio Saladino – frattanto recapitatici dalla polizia giudiziaria – ci siamo accorti che il numero della Sim Gsm 32074… intestata alla Delta s.p.a. era registrato nelle memorie di ben due Sim Gsm e due cellulari di Antonio Saladino (…), con l’annotazione «Romano Prodi cellulare».
Il dato evidenziato lascia quindi ragionevolmente presumere – anche sulla base di ulteriori valutazioni che in appresso saranno dedotte – che la Sim Gsm 32074… intestata alla Delta s.p.a. fosse in uso al professor Romano Prodi che, in atto, ricopre la carica di deputato, oltre che di Presidente del consiglio dei ministri.
Ogni ulteriore acquisizione, sviluppo e concreta utilizzazione processuale dei dati di traffico della Sim Gsm 32074… intestata alla Delta s.p.a., come pure dei diversi 10 cellulari con i quali risulta nel tempo utilizzata, nonché delle ulteriori Sim Gsm coutilizzate coi medesimi cellulari, è subordinata alla preventiva autorizzazione della Camera dei Deputati, ove il professor Romano Prodi è stato proclamato eletto il 21-04-2006, a seguito delle ultime elezioni politiche di quella primavera.
Valuterà l’Ufficio la possibile utilizzazione dei dati di traffico delle utenze Delta s.p.a., nonché l’acquisibilità degli ulteriori tabulati delle Imei (numero di riconoscimento del cellulare vero e proprio ndr) e delle Sim Gsm collegate all’utenza, per il periodo antecedente alla proclamazione del 21-04-2006, quando il professor Romano Prodi non era investito da alcun mandato parlamentare.
Le stesse considerazioni valgono per Sandro Gozi, proclamato deputato il 28-04-2006 e componente, dal 06-06-2006, della commissione Affari costituzionali della Presidenza del consiglio dei ministri, in sostituzione del deputato Romano Prodi, nominato Presidente del consiglio dei ministri.
Dalle altre acquisizioni di tabulati - che a questo punto sarà opportuno ratificare con la preventiva autorizzazione della Camera dei deputati, per i contatti telefonici successivi alle proclamazioni del 21-04-2006 - la Sim Gsm 32074… intestata alla Delta S.p.a. – riconducibile al deputato professor Romano Prodi - è risultata in circolari contatti telefonici con le utenze fisse e cellulari di Franco Bonferroni, Antonio Saladino, Francesco De Grano, Piero Scarpellini e Sandro Gozi.
Con Piero Scarpellini la Sim Gsm 32074… - intestata alla Delta s.p.a. e riconducibile al professor Romano Prodi – ha pure condiviso il cellulare caratterizzato dall’Imei (…), con cui risultano pure utilizzate altre Sim Gsm, che per brevità omettiamo di indicare.
Dati evidenziati confermano gli stretti e duraturi rapporti del professor Romano Prodi con Piero Scarpellini e Sandro Gozi, come già, empiricamente, ci dimostrano delle elementari interpolazioni dei riscontri indiretti dei tabulati, della Sim Gsm 32074…, intestata alla Delta s.p.a.
Gli ulteriori e numerosi contatti che dal 2004 (da quando abbiamo acquisito i tabulati) rileviamo fino ad epoca recente con le Sim Gsm e con le Imei di Franco Bonferroni (…).
Non pensiamo di esserci sbagliati nell’individuazione delle utenze del Bonferroni (consigliere d’amministrazione di Finmeccanica, ndr), posto che a parte i numerosi riscontri intercettivi che rileviamo dalle indagini collegate (acquisite al presente fascicolo procedimentale), la Sim Gsm 33560… attivata, pagata ed utilizzata dal ragionier Franco Bonferroni, come pure le Imei e le Sim Gsm collegate, alle quali non estendiamo l’interpolazione, per non incidere sull’inviolabilità dei contatti telefonici dei membri del parlamento.
Diciamo solo, a scanso di equivoci, che i contatti telefonici del cellulare con la Sim Gsm 32074… intestata alla Delta s.p.a.. presentano ulteriori e protratti nel tempo contatti telefonici con le utenze dell’abitazione (0522…) del rag. Franco Bonferroni (installata a…), oltre che con il recapito romano (06…) di (…).
Proprio con riguardo alla vicenda del «comitato d’affari di San Marino», di cui hanno riferito in modo circostanziato i testi Alfa e F. F. (vedi sit del 09-05-2007), abbiamo acquisito sul web la brochure della Delta s.p.a., con
i dati di bilancio al 31-12-2005.
Rinviamo alla consultazione dell’opuscolo, da cui abbiamo rilevato la sostanziale
partecipazione nella compagine azionaria della Cassa di Risparmio di San Marino (…) e di società dalla stessa controllate al 100 per cento (vedi la Sie S.r.l.).
Non ci compete e sarebbe anche ultroneo approfondire in questa sede gli aspetti di effettiva interconnessione societaria che ricollegano il professor Romano Prodi alla Delta S.p.a., alla Cassa di Risparmio di San Marino e alle società collegate.
Dal punto di vista dell’indagine cosiddetta telefonica, che non risulta ancora preclusa dalle guarentigie parlamentari, possiamo solo riferire di alcuni accertamenti meramente amministrativi, che abbiamo svolto sul conto di questa e di altre utenze Gsm intestate alla Delta S.p.a., rilevate con contatti telefonici assai significativi nel corso del presente procedimento.
Orbene, da una scrupolosa acquisizione dei riferimenti commerciali presso i diversi gestori di telefonia pubblica – gli unici dati acquisibili ed utilizzabili in sede processuale senza preventiva autorizzazione del Parlamento – abbiamo accertato che la Sim Gsm 32074… intestata alla Delta S.p.a. – quella registrata con l’annotazione «Romano Prodi cellulare» nelle memorie dei cellulari di Antonio Saladino – è stata attivata, come dicevamo, il 21-10-2004, presso la Wind (si faccia molta attenzione alle date, da ora in poi).
L’01-04-2005, la medesima utenza GSM 32074… è stata trasferita alla Tim, con l’attivazione di una nuova Sim Gsm di quel gestore e la voltura del contratto da Delta S.p.a. ad «Associazione L’Ulivo I Democratici», strada Maggiore n. 31, 40125 Bologna (…).
Con la stessa intestazione «Associazione L’Ulivo i Democratici» e la medesima partita Iva, il 17-02-2006 il contratto della Sim Gsm 32074… è stato trasferito da Bologna a Roma, in Piazza Santi Apostoli 73 (…).
Il 23-05-2007 la Sim Gsm 32074…, già intestata a Delta s.p.a. e poi all’«Associazione L’Ulivo I Democratici», è stata rivolturata, con lo stesso numero, alla Presidenza del consiglio dei ministri, (partita Iva …), via della Mercede 96, Roma.
Esiste quindi un incontrovertibile rapporto che lega (o legava) l’effettivo usuario dell’utenza alla Delta S.p.a., alla «Associazione L’Ulivo I Democratici» e, in ultimo, alla Presidenza del consiglio dei ministri.
Alcune localizzazioni della Sim Gsm, che possiamo apprezzare dai contatti telefonici rilevati (prima di accorgerci che potesse essere in uso al deputato professor Romano Prodi), ci inducono a ritenere segnatamente verosimile che ad utilizzarla fosse proprio l’attuale Presidente del consiglio dei ministri, o qualche diretto collaboratore del suo staff.
Sul punto non vogliamo riportare altri elementi, proprio per non incorrere nei divieti di legge.
Diciamo questo solo al fine di fornire al pubblico ministero gli elementi di individualizzazione minimale, onde attivare, eventualmente, le prescritte procedure autorizzative all’acquisizione ed all’utilizzazione dei tabulati, alla competente Camera dei deputati.
A proposito delle utenze Delta s.p.a. ed alla recente voltura delle stesse all’«Associazione L’ulivo I democratici» ed alla Presidenza del consiglio dei ministri, rileviamo nei dati di traffico acquisiti altre Sim Gsm che hanno subito la stessa sorte.
Senza disvelare sul punto il segreto investigativo, con riguardo ai numeri delle utenze, diciamo solo che le stesse (con le medesime volture dell’intestazione) sono state utilizzate per contattare il medesimo bacino di soggetti, a cui risultano comuni i rapporti con Franco Bonferroni, Sandro Gozi, Antonio Saladino, Francesco De Grano, Piero Scarpellini ed altri.

LEGGI ANCHE: Inchiesta sulla loggia di San Marino: Prodi indagato a Catanzaro - Le relazioni pericolose del professor Prodi - Scarpellini: Mi manda Prodi ma non sono un massone - Quel generale della Finanza tra logge e dossier illegali

fonte Panorama

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 26/10/2007 @ 04:04:20, in Magistratura, linkato 2254 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

 

La Giunta Esecutiva Centrale esprime pieno apprezzamento e convinta adesione alle dichiarazioni con le quali il 22 ottobre u.s. il Presidente della Repubblica, anche nella sua veste di Presidente del CSM, intervenendo sulle recenti polemiche suscitate da vicende giudiziarie, ha assicurato la sua attenzione sui  temi di giustizia e sul fisiologico sviluppo dell’attività giudiziaria e delle indagini in corso ed ha invitato nel contempo tutti alla riservatezza ed al rispetto delle regole fissate da leggi e da codici deontologici. 

Roma, 24 ottobre 2007

La Giunta Esecutiva Centrale all’unanimità

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 22/10/2007 @ 11:12:35, in Magistratura, linkato 2156 volte)

AVOCAZIONE DELL'INCHIESTA di CATANZARO


ANM Giunta Esecutiva Centrale

- Membri Movimento Giustizia - Articolo 3 -

L'Associazione ha già espresso la propria meditata posizione sui profili istituzionali e generali della vicenda che riguarda il collega De Magistris, con il solo limite di non pronunciarsi sul merito di fatti (indagini o provvedimenti) non ancora noti o conosciuti solo attraverso notizie di stampa.  La linea di condotta è stata quella di intervenire, in termini chiari e fermi, solo su tutto ciò che è noto.

Nella medesima ottica, i sottoscritti componenti della Giunta reputano che l'avocazione  da parte del Procuratore generale di Catanzaro del noto procedimento trattato dal dott. De Magistris  non appare condivisibile per l'assenza di  ragioni giuridiche idonee a sorreggerla, nonché oltremodo discutibile per i tempi e le modalità di adozione del provvedimento.

Infatti, non sembrano sussistere né l'inerzia del pm ad esercitare l'azione penale, né il ritardo nel richiedere l'archiviazione alla scadenza delle indagini preliminari, né - ancora - le situazioni di incompatibilità o le ragioni di astensione rispettivamente previste dagli artt. 372 e 52 c.p.p., giacché queste, comunque, dovrebbero essere oggettive e preesistenti al procedimento penale e non generate dalle reazioni ad esso di altri organi, da eventuali iniziative disciplinari o da fatti di diversa natura, come - ad esempio - le denunce dei cittadini indagati, pena la possibilità di favorire iniziative strumentalmente volte ad ottenere il mutamento del magistrato  assegnatario del singolo procedimento.

Perciò i sottoscritti ritengono di dover esprimere preoccupazione  ed allarme - sotto il profilo del metodo - per il ricorso allo strumento del tutto eccezionale dell'avocazione, che non solo rischia di produrre ulteriore confusione nell'opinione pubblica, ma anche di determinare un dannoso rallentamento nella conduzione di così delicate indagini.

I sottoscritti componenti della Giunta auspicano, infine,  che il CSM, allo scopo di riportare la necessaria chiarezza in una vicenda che si va facendo sempre più intricata, adotti rapidamente le proprie determinazioni sulla procedura amministrativa riguardante Catanzaro pendente in 1^ commissione e nel procedimento cautelare che concerne  il dott. De Magistris.
 

Roma, 21 ottobre 2007

I componenti  della Giunta Esecutiva Centrale dell'ANM

Gioacchino NATOLI (Vice Segretario) e Mario SURIANO
per il gruppo "Movimento per la Giustizia - Articolo Tre"

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie più cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unità per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog è di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










17/08/2019 @ 19.16.11
script eseguito in 469 ms