Immagine
 butterfly and red ...... di Lunadicarta
 
"
I crimini sono creati dal parlamento; perché c'è bisogno di un poliziotto per fare un criminale. Non si diventa criminali infrangendo la legge, ma standoci lontano.

Margaret Eleanor Atwood
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
ATTI PERSECUTORI

Configurabile il reato di stalking anche
 per le molestie tramite Facebook

Corte di cassazione - Sezione VI penale - Sentenza 30 agosto 2010 n. 32404

Linea dura della Cassazione per chi perseguita il proprio ex con messaggi minacciosi anche su Facebook. La VI Sezione penale ha confermato una custodia cautelare ai domiciliari, disposta dal tribunale di Potenza, nei confronti di un ragazzo accusato di "atti persecutori" (stalking) nei confronti della ex fidanzata.

«Continui episodi di molestie, consistiti in telefonate, invii di sms, messaggi di posta elettronica e tramite Facebook, anche nell'ufficio dove lei lavorava» avevano portato il tribunale di Lagonegro nel febbraio 2010 a disporre la custodia cautelare in carcere per l'uomo dopo la denuncia della ragazza. In riforma del provvedimento, poi, il tribunale di Potenza aveva tramutato il carcere in arresti domiciliari. L'amante, non rassegnato, aveva anche minacciato il nuovo compagno della ex spedendogli fotografie di rapporti sessuali della sua precedente relazione.

Invano l'indagato ha fatto ricorso in Cassazione contro l'ordinanza del tribunale di Potenza: i supremi giudici, infatti, con la sentenza n. 32404, hanno confermato il provvedimento ritenendo tali comportamenti «minacciosi e molesti» e «gravi indizi di colpevolezza» anche i messaggi su Facebook, che avevano creato nella vittima «uno stato d'animo di profondo disagio e paura in conseguenza delle vessazioni patite».

Guida al Diritto

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/sentenza_32404.jpg


L'originale


Corte di cassazione, sezione VI penale, sentenza 30 agosto 2010 n. 32404

http://static.ilsole24ore.com/G/GuidaDiritto/binary/11918505.13/11918505.pdf


Svolgimento del processo - Motivi della decisione

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE VI PENALE

Sentenza 16 luglio - 30 agosto 2010, n. 32404

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

Con l'ordinanza sopra indicata, il Tribunale di Potenza ha parzialmente accolto l'istanza di riesame formulata da D. G. avverso il provvedimento del g.i.p. del Tribunale di Lagonegro in data 16 febbraio 2010, sostituendo la misura cautelare della custodia in carcere con quella degli arresti domiciliari.

All'indagato è stato contestato il reato di cui all'art. 612 bis c.p. ("Atti persecutori") nei confronti di I.N. (con la quale aveva avuto una relazione sentimentale che la donna aveva voluto interrompere), e di calunnia nei confronti della stessa e di P.S., nuovo fidanzato della I..

Avverso tale decisione propone ricorso l'indagato che deduce, con un primo motivo, "violazione di diritto", perchè non sarebbero sussistiti i gravi indizi, e i descritti comportamenti non avrebbero potuto integrare il reato contestato. Quanto alla calunnia, non erano stati sentiti due testi da lui indicati. Assume poi, con altro motivo, illogicità e contraddittorietà della motivazione. Le investigazioni erano basate sulle sole parole della I., prive di riscontri, e sulle dichiarazioni di suoi familiari. Non era stato interrogato il teste a discarico S.G. indicato dall'esponente. Le argomentazioni del Collegio non erano condivisibili, in quanto non era vero che il quadro indiziario era univoco: infatti nel 2009 era la stessa persona offesa a chiedere e ottenere "un contatto con il presunto stalker". Sostiene che le espressioni usate nella ordinanza sulla sua personalità, di connotazione particolarmente negativa (come "incapace di controllare i propri istinti"; "carattere allarmante"; "spregiudicato"; "con elevata propensione a delinquere"), nonchè quelle utilizzate per evidenziare i pericula libertatis (quali "pericolo di recidiva";

"stillicidio persecutorio") non erano in linea con la misura (come sostituita) ma semmai con la custodia cautelare in carcere (si trattava probabilmente di un errore del Tribunale che aveva utilizzato espressioni riferibili a tale C.E.).

Il ricorso è inammissibile per contenere censure di merito, oltretutto genericamente esposte, sulla valutazione dei gravi indizi di colpevolezza, avverso un'ordinanza assistita da motivazione congrua e immune da censure di ordine logico.

Il Tribunale ha, infatti, ritenuto la sussistenza dei gravi indizi relativamente alla condotta del reato previsto dall'art. 612 bis c.p..

Ha correttamente osservato, in proposito, che i comportamenti persecutori erano iniziati proprio dopo la fine della relazione tra il ricorrente e la I. (****), fine che il D. S. non aveva voluto accettare e che avrebbe voluto riallacciare.

Le investigazioni hanno dato conto di continui episodi di molestie, concretatisi in telefonate, invii di sms e di messaggi di posta elettronica, nonchè di messaggi tramite internet (facebook), anche nell'ufficio dove la I. prestava il suo lavoro. Sono state poste a base del provvedimento anche le dichiarazioni della I. (motivatamente ritenuta attendibile anche per i riscontri documentali delle sue dichiarazioni), che aveva presentato varie denunce, nonchè le sommarie informazioni di diverse persone informate sui fatti. La condotta persecutoria e ossessionante dell'indagato, sempre più pressante, era anche caratterizzata dall'avere trasmesso il D., tramite facebook, un filmato che ritraeva un rapporto sessuale tra lui e la donna, nonchè dall'avere avvicinato la I., che si trovava con un collega di lavoro, con atteggiamento aggressivo, manifestando l'intenzione di picchiare l'uomo. Il D. aveva anche inviato presso l'ufficio della denunciante cinque buste contenenti compact disc con immagini intime che la riguardavano. Ciò provocava nella donna un grave stato di ansia e di vergogna che la costringeva a dimettersi. Ancora: il giorno **** l'indagato aveva indirizzato al P. S., nuovo compagno della I., una lettera fortemente ingiuriosa e minacciosa alla quale aveva allegato fotografie che riproducevano un rapporto sessuale che il D. aveva avuto con la vittima. Tutti tali comportamenti, minacciosi e molesti, concretavano, ad avviso del Tribunale, il reato contestato anche sotto il profilo del requisito della genesi di uno stato d'animo di profondo disagio e paura nella vittima in conseguenza delle vessazioni patite. Va sottolineato che il ricorrente non ha contestato specificamente uno solo dei comportamenti di vessazione individuati nella ordinanza.

Ha ritenuto il Tribunale la piena sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza, con motivazione adeguata, anche in ordine al reato di calunnia in relazione alla denuncia presentata dal D. nei confronti della I. e del P. nella quale il ricorrente affermava di avere subito una estorsione da parte di quest'ultimo che gli aveva chiesto la somma di Euro 1.700 per il ritiro di una denuncia che il P. non aveva poi ritirato nonostante gli avesse consegnato la somma richiesta. Tale comportamento era ritenuto certamente calunnioso in quanto la consegna del denaro era stata smentita proprio dal teste indicato dal D., L.C..

Ha esattamente evidenziato, infine, il Tribunale che i mancati accertamenti istruttori dedotti dal ricorrente non erano idonei ad elidere il grave quadro indiziario.

Alla declaratoria di inammissibilità del ricorso consegue ex art. 616 c.p.p. la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali e di una somma in favore della cassa delle ammende che, in relazione alle questioni dedotte, si ritiene equo determinare in Euro 1.000 (mille).

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di Euro 1.000 in favore della cassa delle ammende.

Fonte Manuela Rinaldi per Altalex

La Domanda:


http://www.giustiziaquotidiana.it/public/2010-09-08_095137_stalking_in_associazione.jpg

E per chi perseguita un comune cittadino, quale sono io, per ragioni solo lucrative? Con la presenza di ben 4 società, di cui una di fatto (Promotux snc, Top Host Srl, Azzurra.org, Aliberti Editore attuale curatore del gruppo FB), più due sedicenti associazioni ed una terza impegnata in attività dolose su Facebook  armate di siti, blog, 15 video su profili youtube e google, pagine e gruppi facebook  tutti funzionanti sarà possibile sintetizzare in diritto il reato di stalking in associazione per delinquere (612 bis + 416), stante siano documentabili addirittura due reati di peculato d'uso e malversazione di beni di proprietà dello Stato?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 08/09/2010 @ 11:50:45, in Magistratura, linkato 1434 volte)
Assemblea ANM.
“Serve azione sinergica contro le cosche”


Reggio Calabria. Vivo apprezzamento da parte del Capo dello Stato, ma anche dai presidenti di Camera e Senato per l’iniziativa promossa dall’Associazione Nazionale Magistrati e presieduta dal presidente della giunta esecutiva nazionale, Luca Palamara. Un incontro quello ospitato in un gremito auditorium Versace del Centro Direzionale che ospita, tra gli altri gli uffici della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, voluto – come spiegato dallo stesso Palamara – per sensibilizzare opinione pubblica e politica sui reali problemi del pianeta giustizia. In particolare in distretti come quelli calabresi o siciliani in cui si è costretti a lavorare tanto, ma con uomini e mezzi risicati.

Con questa iniziativa «al di là della solidarietà, vogliamo che le problematiche della Calabria e degli uffici giudiziari di tutto il Mezzogiorno vengano affrontate non nell’emergenza, ma nella normalità» ha aggiunto il regginissimo numero uno dell’ANM, richiedendo interventi mirati e di supporto all’operato degli operatori della giustizia al mondo politico rappresentato per l’occasione da una “consistente” platea di amministratori locali, regionali e parlamentari di centro, destra e sinistra. Oltre a magistrati provenienti da tutta la regione, ad una delegazione del rinnovato CSM, allo stesso procuratore generale Salvatore Di Landro, vittima il 26 agosto scorso di una vile intimidazione e agli altri magistrati reggini finiti nel mirino delle forze oscure che operano nel territorio calabrese e della provincia di Reggio, all’assemblea ha preso parte, inoltre, anche il Procuratore Nazionale Antimafia Piero Grasso.

Così come negli altri interventi, anche Grasso ha sottolineato la necessità che del problema ‘ndrangheta siano investite tutte le forze politiche attraverso l’attuazione di nuovi e condivisi strumenti giuridici. «Non si possono fare le battaglie senza le risorse» ha aggiunto.

La parola è poi passata al Procuratore generale Salvatore Di Landro. «La presenza dei colleghi di tutta Italia non può che darci forza in quest’azione di contrasto al crimine organizzato. Questi momenti – ha aggiunto – dovrebbero ripetersi e non dovrebbero essere legati solo a fatti straordinari. Si dovrebbe instaurare un vero e proprio rapporto tra Anm, Csm e la base, anche se ci rendiamo conto che farlo in tutta Italia è complicato. Ma questa è una terra particolare che richiede una presenza particolare» ha concluso Di Landro.

Francesco Chindemi
Martedì 07 settembre 2010  ore 21:17
http://www.reggiotv.it/news.php?id=16143

La Rassegna

L'Anm a Reggio in solidarieta' al pg Di Landro mentre Maroni ...

Antimafia Duemila - ‎7 minuti fa‎
Reggio Calabria. Una celebrazione sentita, pubblica per far sentire il proprio appoggio al procuratore generale Di Landro, che nell'ultimo anno ha subito ...

Assemblea dell'Anm per gesto di solidarietà al procuratore Di Landro

NotiziarioItaliano.IT - ‎17 minuti fa‎
REGGIO CALABRIA - Erano presenti a Reggio Calabria i magistrati, i parlamentari, i rappresentanti delle istituzioni ed i vertici degli Ordini forensi per ...

Dove comanda la mafia

L'Espresso - ‎1 ora fa‎
Attentati. Sparatorie. Minacce. Così la 'ndrangheta controlla Reggio Calabria. E lancia una sfida allo Stato Dai rubinetti delle case scorre acqua salata, ...

'Ndrangheta: Grasso, per Pignatone nessun trasferimento

Tele Reggio Calabria - ‎1 ora fa‎
''Nessuna notizia di trasferimento. E' qui che lavora e lavora bene". Con questa battuta, il procuratore nazionale antimafia, Piero Grasso, ...

Reggio Calabria, Lo Stato ( Regione, ANM, CSM, Parlamento ...

Melitoonline.IT - ‎3 ore fa‎
La Calabria reclama la stessa attenzione e visibilità data a suo tempo alla Sicilia. Il procuratore Generale Salvatore Di Landro, vittima di svariati ...

'Ndrangheta/ Grasso: In Calabria mandati i migliori investigatori

Virgilio - ‎11 ore fa‎
"A partire dall'omicidio Fortugno, enove giorni prima del mio incarico, la Calabria è sempre al primo posto della mia agenda di lavoro". ...

'Ndrangheta/ Anm a Reggio, solidarieta' ai magistrati calabresi

Virgilio - ‎11 ore fa‎
L'Associazione nazionale magistrati si è data appuntamento a Reggio Calabria, dopo la bomba esplosa sotto casa del procuratore generale Salvatore Di Landro, ...

Intimidazioni ai magistrati. L'Anm chiede risorse e investigatori ...

Newz.it - ‎12 ore fa‎
Reggio Calabria. Legalità, proposte e solidarietà: questo lo slogan lanciato dall'Associazione nazionale magistrati che, dopo l'attentato di fine agosto ai ...

Assemblea ANM. “Serve azione sinergica contro le cosche”

Reggio TV - ‎14 ore fa‎
eggio Calabria. Vivo apprezzamento da parte del Capo dello Stato, ma anche dai presidenti di Camera e Senato per l'iniziativa promossa dall'Associazione ...

Assemblea ANM a Reggio, D'Ippolito: "Si sconta ritardo riforma ...

Tele Reggio Calabria - ‎15 ore fa‎
"Perché non ammettere con franchezza che Reggio, la Calabria, il Paese scontano il ritardo di una riforma della giustizia che ancora non è realizzata": lo ...

Assemblea ANM: Palamara e Grasso a Reggio per compattare i ...

Strill.it - ‎15 ore fa‎
di Claudio Cordova - I magistrati del distretto di Reggio Calabria, minacciati, a vario titolo, dalle cosche di 'ndrangheta, provano a serrare i ranghi per ...

Scopelliti all'assemblea dell'Anm annuncia che il Ministro La ...

Regione Calabria - ‎15 ore fa‎
Il Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti, parlando oggi pomeriggio al Cedir di Reggio Calabria, nel corso dell'assemblea promossa dall'Anm sul tema ...

Assemblea ANM. Lungo applauso per Di Landro

Tele Reggio Calabria - ‎15 ore fa‎
Un lungo applauso, con tutta la platea in piedi, ha salutato la conclusione dell'intervento del procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro ...

Assemblea ANM, Pignatone: "Attentati legati a indagini"

Tele Reggio Calabria - ‎15 ore fa‎
Gli attentati intimidatori contro il procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro, "devono essere inquadrati nella serie di intimidazioni a ...

'Ndrangheta/ Scopelliti: Infiltrazioni ovunque ma non generalizzare

Virgilio - ‎16 ore fa‎
Tenere alta la guardia e la denuncia sì. E con le Istituzioni unite. Ma generalizzare le accuse di commistione con la 'ndrangheta in Calabria no. ...

'Ndrangheta/ Pignatone: Le 'ndrine si giovano di collusioni -2-

Virgilio - ‎16 ore fa‎
Reggio Calabria, 7 set. (Apcom) - Secondo il procuratore di Palmi, Giuseppe Creazzo, "è tempo di una presa di coscienza collettiva di coloro che sono in ...

'Ndrangheta/ Pignatone: Le 'ndrine si giovano di collusioni

Virgilio - ‎16 ore fa‎
"La forza della 'ndrangheta si giova di una serie di collusioni che alberga in quella che è comunemente definita borghesia mafiosa". ...

Reggio Calabria: prefetto, abbiamo aumentato livello di attenzione

Libero-News.it - ‎16 ore fa‎
Reggio Calabria, 7 set. (Adnkronos) - "Abbiamo aumentato il livello di attenzione perche' lo richiede il contesto. Sappiamo che c'e' un filo conduttore ...

Reggio Calabria: Fini, intensificare gli sforzi contro criminalita'

Libero-News.it - ‎16 ore fa‎
Reggio Calabria, 7 set. (Adnkronos) - "Di fronte alla protervia delle piu' pericolose organizzazioni criminali che continuano, nonostante i recenti ed ...

'Ndrangheta/ Bruno(Api): Sostegno a magistrati,non lasciamoli soli

Virgilio - ‎16 ore fa‎
Alleanza per l'Italia esprime la sua vicinanza al pg di Reggio Calabria Di Landro per le intimidazioni subite e sottolinea la necessità di "una lotta ferma ...

'Ndrangheta: Pignatone, la sua pericolosita' dipende dalle ...

Libero-News.it - ‎17 ore fa‎
Reggio Calabria, 7 set. (Adnkronos) - "La pericolosita' della 'ndrangheta dipende dalle collusioni che ha nella societa'". Lo ha detto il procuratore di ...

'Ndrangheta/ Scopelliti: La Russa pronto ad inviare esercito a RC

Virgilio - ‎17 ore fa‎
Reggio Calabria, 7 set. (Apcom) - "Il ministro della Difesa Ignazio La Russa si è detto disponibile ad inviare l'esercito a Reggio Calabria". ...

Bomba a Pg Reggio, Gianni Letta: "Unisco mia voce a ferma condanna"

Tele Reggio Calabria - ‎17 ore fa‎
"Mi consideri concretamente presente tra voi perché sono certo che ad atti di intimidazione come quelli recenti si risponde con la ferma condanna, ...

'Ndrangheta/ Napolitano: Impegno di tutti a sostegno magistrati

APCOM - ‎17 ore fa‎
Reggio Calabria, 7 set. (Apcom) - Solidarietà e gratitudine ai magistrati calabresi "vittime di gravi e preoccupanti atti di intimidazione", ...

Bomba Pg Reggio: assemblea Anm con politica e istituzioni

ANSA.it - ‎17 ore fa‎
(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 7 SET - Magistrati, parlamentari, rappresentanti delle istituzioni ed i vertici degli Ordini forensi sono presenti a Reggio ...

Reggio Calabria: pg Di Landro, servono interventi strutturali

Libero-News.it - ‎17 ore fa‎
Reggio Calabria, 7 set. (Adnkronos) - "Non bastano interventi di breve respiro, ma servono interventi strutturali volti alla riaffermazione di uno stato di ...

'NDRANGHETA: NAPOLITANO PLAUDE A PALAMARA. SOSTENERE IMPEGNO ...

Agenzia di Stampa Asca - ‎17 ore fa‎
(ASCA) - Roma, 7 set - Il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, ha inviato al Presidente dell'Anm, Luca Palamara, un messaggio con il quale esprime ''vivo ...

'NDRANGHETA: PALAMARA, NON DELEGITTIMARE LA MAGISTRATURA

Agenzia di Stampa Asca - ‎17 ore fa‎
(ASCA) - Roma, 7 set - Una assemblea convocata dall'Anm ma a cui hanno partecipato esponenti politici e sindacali, quella che si sta tenendo questo ...

Colle: bene assemblea Anm a Reggio C.

euronews - ‎18 ore fa‎
(ANSA) -REGGIO CALABRIA, 7SET – Napolitano esprime 'vivoapprezzamento' per l'iniziativa Anm di convocare l'assemblea aReggio dopo la bomba al procuratore. ...

Colle: bene assemblea Anm a Reggio C.

ANSA.it - ‎18 ore fa‎
(ANSA) -REGGIO CALABRIA, 7SET - Napolitano esprime 'vivo apprezzamento' per l'iniziativa Anm di convocare l'assemblea a Reggio dopo la bomba al procuratore. ...

Assemblea ANM a Reggio, Palamara: "In Calabria serve normalità"

Tele Reggio Calabria - ‎18 ore fa‎
"Con quest'incontro, al di là della solidarietà, vogliamo far sì che i problemi della Calabria, come quelli della Sicilia prima, siano affrontati nella ...

Assemblea ANM a Reggio. Il messaggio del Presidente Napolitano

Tele Reggio Calabria - ‎18 ore fa‎
"Desidero manifestare vivo apprezzamento per l'iniziativa dell'Anm che ha voluto esprimere, con la sua presenza a Reggio Calabria, solidarietà e sostegno al ...

'Ndrangheta/ Palamara (Anm): Serve gioco di squadra senza scontri

Virgilio - ‎18 ore fa‎
Reggio Calabria, 7 set. (Apcom) - Nessuno scontro, nella lotta alla criminalità organizzata serve un "gioco di squadra", nel quale "tutti devono fare la ...

Bomba Pg Reggio. Ad assemblea AMN magistrati e rappresentanti ...

Tele Reggio Calabria - ‎18 ore fa‎
Magistrati provenienti da tutta la Calabria, parlamentari di tutti gli schieramenti, i rappresentanti delle istituzioni regionali e comunali, ...

Reggio Calabria: Scopelliti, La Russa disponibile a inviare esercito

Libero-News.it - ‎18 ore fa‎
Reggio Calabria, 7 set. (Adnkronos) - Il ministro della Difesa Ignazio La Russa si e' detto disponibile a inviare l'esercito a Reggio Calabria. ...

Giustizia: Palamara, bisogna fare gioco di squadra

Il Riformista - ‎18 ore fa‎
Reggio Calabria, 7 set. (Adnkronos) - "Noi abbiamo fatto gli inviti a tutti quanti. Spesso si e' parlato di gioco di squadra, significa che tutte le ...

'Ndrangheta/ Di Landro: Anm in Calabria momento grande rilievo

Virgilio - ‎19 ore fa‎
"Questo è un momento importante e di grande rilievo, la presenza dei colleghi di tutta Italia non può che darci forza in quest'azione di contrasto al ...

Giustizia: Palamara, problema Calabria non e' locale ma nazionale

Libero-News.it - ‎19 ore fa‎
Reggio Calabria, 7 set. (Adnkronos) - "Siamo qui per affermare il ruolo essenziale dell'associazione magistrati e di tutte le istituzioni. ...

Reggio Calabria: nel pomeriggio Giunta Anm dopo bomba a pg Di Landro

Libero-News.it - ‎20 ore fa‎
Reggio Calabria, 7 set. - (Adnkronos) - Si riunira' alle 15.30 l'Associazione nazionale magistrati a Reggio Calabria, in una seduta pubblica dopo la bomba ...

Bomba Pg Reggio: Loiero, politica mostri condotta non equivoca

Tele Reggio Calabria - ‎07/set/2010‎
"Aderisco con profonda convinzione all'iniziativa portata avanti dall'Associazione nazionale magistrati per manifestare solidarietà al procuratore generale ...

CALABRIA: LO MORO (PD), SOSTENERE MAGISTRATI NON SOLO PER SOLIDARIETA'

Agenzia di Stampa Asca - ‎06/set/2010‎
(ASCA) - Catanzaro, 6 set - ''Partecipero' con convinzione, come parlamentare calabrese ma anche come ex magistrato, all'assemblea aperta convocata per il ...

06-09-2010 - Bomba Pg a Reggio, Alì: "Centinaia di adesioni a ...

Tele Reggio Calabria - ‎06/set/2010‎
Sono centinaia le adesioni alle richieste fatte dalla sezione reggina dell'Associazione nazionale magistrati al Governo e rilanciate da Francesco Alì, ...

"Quello che non ho": continua la raccolta firme

Strill.it - ‎06/set/2010‎
Vittorio) che, all'indomani dell'attentato al procuratore Di Landro, proprio durante i lavori dell'ANM, aveva invitato i cittadini onesti ad accogliere e ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 08/09/2010 @ 13:50:03, in Magistratura, linkato 1290 volte)
L’Anm a Reggio Calabria
dopo l’attentato al procuratore Di Landro

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/anm_100_anni.jpg

Palamara: servono interventi seri e mirati


Oggi a Reggio Calabria, alla presenza di una delegazione della Gec composta da Luca Palamara, Gioacchino Natoli, Anna Canepa e Antonio Balsamo e della Giunta distrettuale dell'Anm, si è svolta l'assemblea indetta dall’Associazione nazionale magistrati per discutere dell’attentato compiuto il  26 agosto scorso contro il procuratore generale Salvatore Di Landro e della grave situazione di disagio degli uffici giudiziari, in particolare di quelli del distretto di corte d’appello di Reggio Calabria.

Amplissima partecipazione all’assemblea da parte di magistrati, avvocati, rappresentanze sindacali, autorità politiche, associazioni, cittadini.

Numerosi gli intervenuti che hanno rappresentato le carenze organiche e strutturali degli uffici giudiziari del territorio e la pericolosità dei fenomeni delinquenziali.

«Perderemmo tutti se continuassimo a ritenere l’episodio del 26 agosto riferibile soltanto al procuratore Di Landro - ha dichiarato il presidente dell’Anm Luca Palamara -. I fatti accaduti colpiscono tutta la magistratura italiana . Ecco perché l’Anm ha voluto affrontare il problema non isolatamente, ma pubblicamente e collettivamente, convocando un’assemblea aperta al confronto e alla partecipazione di tutti.

L’assemblea di oggi non è un momento di scontro, ma un’occasione per lo Stato di affermare la sua presenza. C’è il rischio, però, che incontri come questo si riducano soltanto a una passerella. Per troppo tempo, infatti, questi uffici sono caduti nel dimenticatoio. Noi, invece, vogliamo che il problema della Calabria non venga trattato in una logica emergenziale, ma di normalità».

Palamara ha invitato la politica - il Governo e l’opposizione - a fare gioco di squadra per combattere insieme la ‘ndrangheta e ogni forma di collusione con essa attraverso la coerenza tra affermazioni, comportamenti e fatti.

«Abbiamo bisogno - ha continuato - di interventi seri e mirati che non mettano in secondo piano le priorità del servizio giustizia. Abbiamo bisogno di non essere delegittimati nel nostro lavoro. Occorre, inoltre, che non vengano introdotti provvedimenti che privano i magistrati di strumenti indispensabili per le indagini come quello delle intercettazioni».

Il presidente dell’Anm ha sottolineato che i magistrati vittime di vili atti intimidatori non saranno mai lasciati soli, precisando, tuttavia, che l’Associazione offrirà solidarietà e sostegno soltanto a una magistratura non docile e che non piega la testa anche davanti a indagini che sfiorano il potere.

«La nostra azione – ha concluso Palamara – sarà ispirata sempre alla tutela dell’autonomia e dell’indipendenza, intese non come privilegio dei magistrati, ma come condizione indispensabile per garantire il servizio giustizia ai cittadini per i quali ogni giorno svolgiamo la nostra opera».

Roma, 7 settembre 2010
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 08/09/2010 @ 13:57:48, in Osservatorio Famiglia, linkato 1223 volte)
Pedofilia: un bambino su cinque subisce violenze

Consiglio d'Europa, piu' prevenzione, monitorare anche internet


(ANSA) - ROMA, 7SET -'Non abbiamo la certezza delle cifre ma sappiamo che almeno un bimbo su 5 in Europa subisce violenze sessuali', sostiene il Consiglio d'Europa A rendere noto il 'terribile' dato e' Maud De Boer-Buquicchio, vicesegretario generale del Consiglio d'Europa, a Roma per una riunione dei vertici dell'organizzazione internazionale, che si terra' domani a Montecitorio.

Per De Boer, serve 'un impegno di prevenzione a livello statale e regionale attraverso anche un monitoraggio della rete internet'. E soprattutto, 'bisogna rendere consapevoli gli stessi bambini dei rischi che corrono'.

La violenza sui minori e' al centro di una collaborazione tra De Boer e il ministro delle Pari Opportunita' Mara Carfagna con l'obiettivo, in primo luogo, 'di rendere visibile all'opinione pubblica il fenomeno'. '

Stiamo preparando un grande convegno per fine settembre a Roma', ha annunciato De Boer augurandosi che per quell'epoca l'Italia 'annunci la ratifica della Convenzione di Lanzarote' firmata da 33 Stati e finora ratificata da 8 Paesi membri. 'L'Italia e' stata importante per l'elaborazione del testo.

La proposta di ratifica e' pronta dal novembre 2009, spero che il procedimento venga ultimato', ha concluso De Boer.

http://www3.varesenews.it/italia/articolo_ansa.php?id=33124
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 08/09/2010 @ 17:24:25, in Estero, linkato 1279 volte)
P2P SEQUESTRI IN 14 PAESI EUROPEI


Prendo la notizia un po' qua e là, perché non la trovo ancora sulle agenzie ed in particolare da un paio di articoli di Wired, che linkano ad un post da torrentfreek.

Questa mattina le polizie di mezza Europa hanno operato il sequestro di server dedicati al file sharing illegale in 14 stati europei.

L'operazione promossa dalla polizia Belga e annunciata oggi dal pubblico ministero svedese Frederick Ingblad ha colpito il p2p in Germania, Inghilterra, Olanda, Ungheria, Norvegia, Svezia e anche in Italia, tanto che sarei curiosa di sapere se han fatto visita al palazzo delle Generali a Milano. 

Raid e sequestri hanno colpito anche l'Università svedese di Umea e sembra siano stati chiusi diversi siti di Malmoe e Eslov.

A beneficio di quelli del Partito Pirata italiota dichiaro: "Soltanto in Italia poteva accadere che ci fosse necessità di un intervento di Loredana Morandi per ottenere il delink del server Unina, di proprietà dello Stato Italiano presso l'Università Federico II di Napoli.

Non mi sembra inoltre neppur confacente l'atto di nominare un eccellente magistrato, ferrato soprattutto nel campo dei diritti umani, come Gennaro Francione, che ha assolto 4 schiavi dello sfruttamento commerciale del peer to peer e non gli schiavisti.

Soprattutto perché la citazione viene dagli schiavisti e dai colletti bianchi della malavita del web, gente capace di denunciare la Guardia di Finanza e l'ottimo magistrato del sequestro Pirate Bay per la mera finalità economica dell'operazione.

Per la cronaca, ma il fatto è arcinoto basta googlare, io, gravata oggi da ben 24 mesi di stalking in associazione per delinquere a copertura dello scandalo UniNapoli, fui costretta a prendere per la collottola l'avvocato dei sequestrati della  Baia e a consegnarlo nelle mani  di un eccezionale magistrato ambientalista il cui nome era speso a titolo di millantato credito nelle chat hard di un sito sardo del porno commerciale.

Taccia Gualazzi sulla magistratura, per sempre. Perché sa perfettamente che in Italia il peer to peer è rappresentato soltanto da ex o attuali venditori di pornografia e dai loro avvocati dalle mani sporche.

Uno schifo che riguarda l'intero pianeta del p2p, non solo gli italioti del sedicente partito pirata, basta dare una occhiata ai server e ai nomi dei server: da Lunatic Fringe, alla dozzina di server che si spartiscono Sharing Kindom e Storm Share, salvo poi arrivare senza alcuna censura a nomi come Sex Free Sex. Informatevi su Peerates.net.

Tutti gli articoli che ho letto recano l'intervista a Mikael Viberg della società provider PRQ, che narra di aver visto giungere alla sua porta la polizia di buon mattino. "Volevano sapere a chi appartenessero due particolari indirizzi IP, dal 2009 in poi. Il punto è che noi non raccogliamo dati sui nostri clienti: l'unica cosa che abbiamo sono indirizzi email e raramente si tratta di indirizzi tracciabili".

Affermazioni che danno adito alla domanda: "Ma che mestiere fa questo tizio?" Probabilmente solo l'elettricista, perché è intollerabile che detenga in casa propria i computer server senza sapere di che roba si tratti. Evidentemente il tizio deve essere stato credibile altrimenti sarebbe stato arrestato.

Wired infatti riporta la voce di 4 arresti e contestuali sequestri di computer personali.

Peculiare ai giorni precedenti al maxi sequestro su questo sito la rilettura di articoli vecchissimi che narrano la vicenda di UNINA, lo scandalo italiano per eccellenza.

I conti si fanno sulla punta delle dita: la polizia belga ha monitorato i server di 14 paesi per due anni prima dell'odierno sequestro.

In Italia, dopo un anomalo sonno lungo 4 anni 4, sono stati necessari 45 giorni di sciopero della fame di Loredana Morandi e l'articolo del 10 settembre 2010 sul quotidiano Epolis, per fare quel che non aveva fatto Domenico Vulpiani in precedenza. E quella gente è stata talmente tranquilla da creare una società a responsabilità limitata del settore hosting, che conta ben 40.000 domini e un capitale (derubato ai contribuenti) interamente versato.

In quale parte non è chiara la frase: "quattro anni di peculato d'uso ai danni di beni di proprietà dello Stato Italiano e in danno alla popolazione studentesta partenopea"?

Per perdere un bel titolo a 4 colonne sui quotidiani locali e nazionali, considerato che si trattava di dottorandi e altri a stipendio universitario, vuol dire che: A) la magistratura non è mai stata informata dalla postale; B) che qualcuno tra Roma e Napoli intrattiene rapporti di natura economica con la delinquenza comune del web.

Come mai dalla ferita aperta il Ministero dell'Istruzione, che non ha fondi da destinare all'impiego degli insegnanti precari, fuoriescono migliaia di euro per mantenere FTP Unina e costringere dozzine di società cinematografiche e musicali internazionali a scaricarsi ogni settimana l'intero database?

Loredana Morandi

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 09/09/2010 @ 05:37:51, in Giuristi, linkato 1354 volte)


GIUSTIZIA, L’OUA HA INCONTRATO IL MINISTRO ALFANO

MAURIZIO DE TILLA, OUA: “GRANDE ATTENZIONE AL DECALOGO SULLA GIUSTIZIA, APERTURE ALLE RAGIONI DELL’OUA SULLA MEDIACONCILIAZIONE OBBLIGATORIA”
 

Oggi alle 15 una delegazione dell’Organismo Unitario dell’Avvocatura Italiana-Oua composta dal presidente, Maurizio de Tilla, dai vice presidenti, Antonio Giorgino e Luca Saldarelli, dal segretario Giuseppe Lepore, ha incontrato il ministro di Giustizia, Angelino Alfano. L’Oua ha presentato il Decalogo di proposte per la riforma della giustizia (civile e penale), illustrato il progetto sull’avvocatura “soggetto costituzionale” e per il giudice laico. Tra i temi trattati anche le ragioni di opposizione alla media conciliazione obbligatoria.

«Grande attenzione dal ministro Alfano alle ragioni dell’avvocatura – ha spiegato de Tilla – Il Decalogo di proposte presentato dall’Oua può diventare la “road map” del confronto per una riforma condivisa della giustizia. Abbiamo esposto al ministro che bisogna puntare su innovazione tecnologica, modernizzazione, managerialità e sulla centralità dei diritti del cittadino. Le principali richieste sono un aumento delle risorse economiche e materiali da gestire e un impegno contro gli sprechi negli apparati amministrativi delle sedi giudiziarie; l ’ assunzione di manager in ciascuno dei medi e grandi uffici giudiziari per gestire con efficienza “l’Azienda giustizia”. L ’applicazione generalizzata di modelli di riorganizzazione, best practices, come nel tribunale di Torino (guidato dal dott. Barbuto), che hanno dato concreti risultati negli uffici giudiziari dove sono stati applicati. È inoltre utile un incremento della produttività del lavoro dei giudici, accompagnato da un numero maggiore di magistrati togati e dall’istituzione della figura dell’assistente del giudice (da individuare tra gli idonei al concorso in magistratura e i giovani avvocati che hanno conseguito a livello distrettuale i primi venti posti in una ideale graduatoria degli esami di avvocato). Da ridefinire la figura di giudice laico, da valutare con un accesso rigoroso e selettivo. È importante, inoltre, potenziare la diffusione su tutto il territorio nazionale dell’informatizzazione degli uffici giudiziari e del processo telematico. Infine è necessaria una drastica riduzione dei riti, unificandoli in due, massimo tre modelli procedurali».

« Ma abbiamo chiesto – ha continuato  - anche un ripensamento su alcune iniziative legislative che invece vanno nella direzione sbagliata, come la mediaconciliazione obbligatoria, la rottamazione del pendente civile attraverso l’istituzione di figure come l’ausiliario del giudice o il filtro in Cassazione, che come conferma una sentenza di ieri, della stessa Corte, è da abrogare ed, con tutta evidenza, è da sostituire con una norma costituzionale che riduca l’ipotesi di ricorso. Su tutte queste questioni il ministro ha mostrato disponibilità al confronto e attenzione alle osservazioni dell’Oua».

«Abbiamo ricordato al Ministro Alfano – ha aggiunto - che su un suo stesso invito, a suo tempo abbiamo prospettato un progetto condiviso di riforma dell’ordinamento forense  che giace per inerzia nell’Aula del Senato senza fissazione del prosieguo della discussione. Abbiamo auspicato che il ddl mantenga quei requisiti di rigore, fondamentali per rilanciare la professione, con la previsione di rigidi requisiti nell’accesso e di flussi programmati all’università».

«Abbiamo chiesto – ha concluso il presidente Oua - che si dia un impulso al disegno di legge presentato alla Camera sulla esplicita costituzionalizzazione del “Soggetto Avvocatura” nella Giurisdizione insieme al “Soggetto Magistratura” già presente nella Carta costituzionale. Serve quindi una riforma dell’ordinamento che dia parità di ruolo ad avvocati e magistrati, che separi le carriere e che inserisca gli avvocati nei consigli giudiziari».


Roma, 8 settembre 2010
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 09/09/2010 @ 06:10:39, in Politica, linkato 1458 volte)



Io consiglio di ascoltare la registrazione, tutto lo scoop è nei primi 3 minuti iniziali di questo video. La domanda trappola si incunea nel discorso con l'introduzione ad un intervento del convegno di Mirabello in cui un "amministrativo", a quanto afferma Davi, ha segnalato lo stato di malessere generale determinato dalle candidature di veline, letterine, ecc..

La Napoli cade nella trappola con tutte le scarpe, ma risponde essenzialmente "personalizzando" i concetti in un miscuglio sconfusionato tra onestà e presunzione personale, stimolato anche dal giornalista con opportuni interventi fino allo stop del "onorevole, ma lei non c'entra niente". E chi c'entra allora Klaus?

I fischi e  le "insurrezioni" delle deputate dello schieramento di centro destra sono pienamente giustificati, perché il political incorrect di Davi ha disvelato, ancora una volta, l'ignoranza congenita dei parlamentari italiani. Come se ciò non fosse già adeguatamente di dominio pubblico.

Ciò che non rammentano la Napoli e Davi è che noi siamo anche il paese in cui l'elezione di Miss Italia viene accompagnata dalla documentazione in video, atta a dimostrare che non sono solo "cosce lunghe" le giovanissime candidate. Si tratta infatti di dozzine di "ragazze della porta accanto" impegnate in studi e altre attività professionali della più varia natura. Da questo deduco che anche le selezioni di Mediaset seguano il nuovo trend, perché se la bellezza non è accompagnata dalle buone maniere e dal bel dire il risultato è avere assunto uno sfolgorante asino che raglia. E non mi sembra che la natura abbia predisposto delle controindicazioni nella libera associazione intelligenza e cervello.

Con questo non giustifico affatto la mercificazione commerciale della Donna e del suo Corpo data in tutte le salse attraverso ogni media. Piuttosto mi rattristo perché la Napoli, donna in gamba e ben centrata in tutte le sue attività, è apparsa per un momento alla stregua della teodem Rosy Bindi accanto alla "prostituta" Daddario nell'atto di rinnegare duemila di anni di cristianesimo e tutto il femminismo. Una vecchia e obsoleta carampana, che per un attimo di successo è disposta a svendere la propria dignità.

Klaus Davi mirava ovviamente a far dire alla Napoli che alcune ministre sono ex veline, ma ciò che dovrebbe veramente stupire è l'arretratezza del pensiero unico antiberlusconiano di sinistra che induce la massa a credere che il parlamento italiano, ancor prima delle puttane di Berlusconi, non abbia già visto le "puttane di tutti" con l'elezione radicale di sinistra dell'onorevole Cicciolina.

Attenzione, significa attenzione. E googlare vuol dire non dover mai dire "mi dispiace". Se la Napoli lo avesse fatto avrebbe scoperto, che Klaus Davi ha un anima di incisiva natura misogina. Ancora una volta è il trend del momento e per cavalcare l'onda del successo il già destrorso metodo del klauscondicio, in cui solo Klaus comanda per il bene e il male della vittima, si tinge platealmente della propria vera natura maschilista omosessuale pur di far passare per "cretina" una deputata o una donna.

Niente paura. La Napoli si rimetterà presto, anche con la consapevolezza che l'intero orpello mostruoso del commercio della Donna anche contro la Donna per privileggiare il "maschio" è il segno più evidente della grande involuzione e del mortale arretramento dell'Umanità in un mondo che muore. Muore per l'incapacità  di rinnovamento della specie e per l'infertile violenza intellettuale del maschio. Ogni giorno.

Loredana Morandi


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Riforme Giustizia, incontro Alfano-Alpa:
presto la legge professionale forense e lotta all’arretrato

08/09/2010 - Il presidente Guido Alpa ha incontrato oggi il ministro della giustizia Angelino Alfano


Roma. Oggi il presidente del Consiglio nazionale forense ha incontrato il ministro della giustizia Angelino Alfano. Al centro del colloquio le prospettive in tema di riforma della giustizia e di legge professionale forense, la revisione dei decreti sulla conciliazione, l'aggiornamento delle tariffe forensi puntando su trasparenza e qualificazione.

La riunione è durata circa un’ora, presenti anche il capo dell’ufficio legislativo, Augusta Iannini, e il capo dipartimento dell’amministrazione giudiziaria, del personale e dei servizi, Luigi Birritteri. “E’ stato un incontro franco e proficuo”, ha commentato al termine il presidente del Cnf Alpa, “in cui sono stati affrontati tutti i dossier che stanno a cuore all’avvocatura”. Il presidente Cnf fa sapere che sulla riforma forense il ministro ha confermato il suo impegno a portare a compimento la riforma (in attesa di essere ricalendarizzata in aula al Senato), di cui ha dichiarato di condividere l’impianto, facendosi tramite con il presidente del senato Renato Schifani per discutere delle modalità per accelerarne l’iter.

Sul fronte della tariffe, Alpa sottolinea che il ministro ha apprezzato l’ipotesi di revisione alla quale sta lavorando il Cnf che, avendo come obiettivi la trasparenza e la semplificazione, mira a individuare i criteri di valutazione del compenso dell’avvocato per fasi procedimentali anziché per numero delle udienze o durata del processo. “Il ministro, pur preso atto delle obiezioni avanzate dalla rappresentanze imprenditoriali, ci ha assicurato che terrà conto della necessità di contemperarle con le esigenze di qualità della prestazione e di adeguato compenso degli avvocati” ha riferito Alpa.

Sulla legge sulla mediazione, in merito alla quale il Cnf chiede da tempo uno slittamento dell’entrata in vigore (oggi fissata al marzo 2011) funzionale ad una revisione del testo e della obbligatorietà, ma anche alla preparazione di avvocati-conciliatori e alla istituzione di organismi di conciliazione da parte degli Ordini forensi, il guardasigilli si è detto pronto a “a valutarlo”, assicurando che vigilerà affinché gli enti formatori operino in modo rigoroso e affidabile. Alpa ha anche rappresentato al ministro l’intenzione di iscrivere proprio il Cnf e la Scuola superiore dell’avvocatura tra gli enti formatori.

Sullo scottante tema della riforma della giustizia, Alpa fa sapere che Alfano ha assicurato che terrà conto delle proposte dell’avvocatura (a partire dall’istituzione di un ufficio del giudice) e che è sua ferma intenzione risolvere al più presto il problema dell’arretrato. Il presidente del Cnf Alpa ha garantito l’impegno a individuare, insieme anche con gli uffici del ministero, proposte efficaci ma alternative alla contestata figura dell’ausiliario del giudice (originariamente inserita nella manovra estiva e poi soppressa), sulla quale il ministro ha preso atto delle critiche avanzate dai legali.

http://www.consiglionazionaleforense.it/on-line/Home/AreaStampa/Comunicatistampa/articolo6529.html
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 09/09/2010 @ 13:25:34, in Magistratura, linkato 1442 volte)
L’Anm  a  Reggio Calabria
dopo l’attentato al procuratore Di Landro
 
http://www.giustiziaquotidiana.it/public/anm_100_anni.jpg


Ieri a Reggio Calabria, alla presenza di una delegazione della Gec composta da Luca Palamara, Gioacchino Natoli, Anna Canepa e Antonio Balsamo e della Giunta distrettuale dell'Anm, si è svolta l'assemblea indetta dall’Associazione nazionale magistrati per discutere dell’attentato compiuto il  26 agosto scorso contro il Procuratore generale Salvatore Di Landro e della grave situazione di disagio degli uffici giudiziari, in particolare di quelli del distretto di corte d’appello di Reggio Calabria.

Amplissima la partecipazione all’assemblea, che ha addirittura registrato il numero di circa 800 presenti tra cui magistrati, avvocati, rappresentanti sindacali, autorità politiche, associazioni e cittadini.

Ampio risalto hanno avuto gli interventi del Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti, del sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Raffa, dei parlamentari Angela Napoli, Andrea Orlando, Luigi Li Gotti, Roberto Occhiuto e dei magistrati Piero Grasso, Procuratore nazionale antimafia, Salvatore Di Landro, Procuratore Generale di Reggio Calabria, Luciano Gerardis, Presidente del Tribunale di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone, Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Giuseppe Creazzo, Procuratore della Repubblica di Palmi e dei componenti del CSM Francesco Vigorito, Alberto Liguori, Mariano Sciacca oltre al segretario della giunta distrettuale Anm di Reggio Calabria, Tommasina Cotroneo.

Il presidente della giunta distrettuale Anm di Reggio Calabria, Rodolfo Palermo ha dato, altresì, lettura dei messaggi inviati al presidente dell’Anm da parte del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, del Presidente del Senato Renato Schifani, del Presidente della Camera Gianfranco Fini e del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta.

Tutti gli interventi hanno rappresento le carenze organiche e strutturali degli uffici giudiziari del territorio e la pericolosità dei fenomeni delinquenziali di criminalità organizzata.

«Perderemmo tutti se continuassimo a ritenere l’episodio del 26 agosto riferibile soltanto al procuratore Di Landro - ha dichiarato il presidente dell’Anm Luca Palamara -. I fatti accaduti colpiscono tutta la magistratura italiana . Ecco perché l’Anm ha voluto affrontare il problema non isolatamente, ma pubblicamente e collettivamente, convocando un’assemblea aperta al confronto e alla partecipazione di tutti.

L’assemblea di oggi non è un momento di scontro, ma un’occasione per lo Stato di affermare la sua presenza. C’è il rischio, però, che incontri come questo si riducano soltanto a una passerella. Per troppo tempo, infatti, questi uffici sono caduti nel dimenticatoio. Noi, invece, vogliamo che il problema della Calabria non venga trattato in una logica emergenziale, ma di normalità».

Palamara ha invitato la politica - il Governo e l’opposizione - a fare gioco di squadra per combattere insieme la ‘ndrangheta e ogni forma di collusione con essa attraverso la coerenza tra affermazioni, comportamenti e fatti.

«Abbiamo bisogno - ha continuato - di interventi seri e mirati che non mettano in secondo piano le priorità del servizio giustizia. Abbiamo bisogno di non essere delegittimati nel nostro lavoro. Occorre, inoltre, che non vengano introdotti provvedimenti che privano i magistrati di strumenti indispensabili per le indagini come quello delle intercettazioni».

Il presidente dell’Anm ha sottolineato che i magistrati vittime di vili atti intimidatori non saranno mai lasciati soli, precisando, tuttavia, che l’Associazione offrirà solidarietà e sostegno soltanto a una magistratura non docile e che non piega la testa anche davanti a indagini che sfiorano il potere.

«La nostra azione – ha concluso Palamara – sarà ispirata sempre alla tutela dell’autonomia e dell’indipendenza, intese non come privilegio dei magistrati, ma come condizione indispensabile per garantire il servizio giustizia ai cittadini per i quali, ogni giorno, svolgiamo la nostra opera».

Ha concluso i lavori il Vice presidente dell’Anm, Gioacchino Natoli, il quale, dopo aver ringraziato i componenti della giunta distrettuale di Reggio Calabria per l’impegno profuso nell’organizzazione della così partecipata assemblea, ha voluto ribadire e sottolineare l’importanza dell’incontro, che, per l’elevato livello degli interventi, ha assunto il carattere di una vera e propria “agenda di lavoro”.

Ha rilevato, altresì, l’importanza dei dati e delle indicazioni offerti dai dirigenti degli uffici, che costituiranno la base del rinnovato impegno dell’Anm nella vicinanza ai colleghi del distretto calabrese, al fine di rappresentare in tutte le sedi istituzionali le loro oggettive esigenze per potere dare –al pari degli altri magistrati italiani– le doverose risposte alla domanda di giustizia che il Paese attende, in termini di efficienza e di ragionevole durata dei processi.

Roma, 8 settembre 2010
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 09/09/2010 @ 18:29:05, in Magistratura, linkato 1508 volte)
Pd incontra Anm, fare processi
Associazione magistrati contro processo breve

(ANSA) - ROMA, 9 SET - ''Risorse, mezzi e strutture per fare i processi non per cancellarli''. Cosi' il presidente dell'Anm Luca Palamara. Al termine dell'incontro con il responsabile Giustizia del Pd Andrea Orlando, Palamara ha ribadito le priorita' della magistratura e la contrarieta' chiara e netta contro il processo breve. Posizione che converge con i democratici perche', sostiene Orlando, la politica dovrebbe occuparsi delle vere emergenze del pianeta giustizia e non di mostri giuridici.


Giustizia/ Pd incontra Anm: Convergenza su emergenze da affrontare
Priorità sono risorse, organizzazione e settore civile

Roma, 9 set. (Apcom) - Il Pd e l'Anm convergono sulla necessità di intervenire per rendere più efficiente il servizio giustizia. E' quanto emerge da un incontro avvenuto oggi a Largo del Nazareno tra il presidente dell'Anm, Luca Palamara, e il responsabile Giustizia del partito, Andrea Orlando. "E' stato un incontro utile e proficuo - ha spiegato Orlando - dal quale emerge una sostanziale convergenza sull'agenda che proponiamo e che purtroppo è molto distante da quella del governo. Al di là delle soluzioni tecniche infatti le emergenze sono il degrado della strutture amministrative e il servizio sul territorio, le difficoltà della giustizia civile e la situazione esplosiva delle carceri. La politica dovrebbe riavvicinare l'agenda alla realtà ma oggi invece parliamo di tutto tranne che dei problemi più urgenti".

"Ci sono delle convergenze su alcuni punti - ha aggiunto Palamara - che riteniamo prioritari e che è necessario rilanciare in materia di giustizia, e cioè l'organizzazione giudiziaria per snellire le procedure e mettere al centro dell'attenzione un piano per la giustizia civile".

Quanto alla calendarizzazione in commissione alla Camera del testo sul processo breve, Palamara ha ribadito: "La nostra posizione è netta. Oggi abbiamo parlato di come trovare i mezzi e le strutture per fare i processi e non di come non farli". Sul processo breve anche l'esponente del Pd si è augurato che "alcuni mostri giuridici che aleggiano possano scomparire ma temiamo che continueranno a incombere sull'attività parlamentare".


GIUSTIZIA: ORLANDO (PD),
RINVIARE ENTRATA VIGORE CODICE AMMINISTRATIVO
 
(ASCA) - Roma, 9 set - ''Il Pd e' nettamente contrario all'entrata in vigore, il 16 settembre, del nuovo codice di diritto amministrativo e ne ha chiesto il rinvio al governo''. Lo ha affermato Andrea Orlando, responsabile del forum Giustizia, al termine dell'incontro tra i rappresentanti del Pd e i dirigenti dell'Associazione Nazionale Magistrati Amministrativi. Incontro svoltosi nell'ambito dell'iniziativa avviata dal Pd per confrontare le proprie posizioni e proposte con tutti i rappresentanti delle categorie interessate, come ieri e' avvenuto con l'Oua e l'Associazione Nazionale Magistrati Amministrativi e oggi con l'Anm.

L'incontro con l'Associazione nazionale magistrati amministrativi - continua la nota - ha fatto registrare una significativa convergenza sulla necessita' di un'azione legislativa in grado di coordinare le giurisdizioni e di rafforzare l'autonomia della magistratura amministrativa a garanzia dei diritti dei cittadini e della trasparenza della pubblica amministrazione. Inoltre e' stata affrontata la questione della imminente entrata in vigore del nuovo codice del processo amministrativo. A tal proposito Andrea Orlando ha dichiarato la piena contrarieta' del PD a che il 16 settembre entri in vigore il nuovo codice e contestualmente ha chiesto al Governo il rinvio.

''La nostra contrarieta' - ha spiegato Orlando - matura alla luce delle disposizioni contenute nella manovra economica di fine luglio relative ai pensionamenti anticipati dei magistrati, alle nuove competenze assegnate ai Tar dalla direttiva ricorsi e dalla class action, alle ben note carenze d'organico del personale di magistratura e di quello amministrativo. Il rinvio e' ancor piu' necessario - ha concluso Orlando - poiche' il 15 settembre e' stata convocata la Commissione di studio per le modifiche al codice stesso, cambiamenti che appaiono evidentemente necessari a causa del frettoloso esame con il quale si e' giunti all'approvazione del testo legislativo''.

com-vlm/mcc/rob
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










23/08/2019 @ 22.05.12
script eseguito in 578 ms