Immagine
 lips, water & dice ...... di Lunadicarta
 
"
La giustizia non è ardore giovanile e decisione energica e impetuosa: giustizia è malinconia.

Thomas Mann
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 21/07/2010 @ 08:57:50, in Magistratura, linkato 1242 volte)

'Ndrangheta: maxi operazione
contro cosca di Corigliano, 67 arresti


Cosenza, 21 lug. (Adnkronos) - Una maxi operazione contro il 'locale' di Corigliano e' in corso da questa mattina, con 67 arresti e il sequestro di beni per 250 milioni di euro. Le indagini del Gico di Catanzaro e dello Scico di Roma, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia del capoluogo di regione, sono durate tre anni e si sono svolte su esponenti della criminalita' organizzata accusati di associazione mafiosa, usura, estorsione e traffico di sostanze stupefacenti.

Alcuni arresti, eseguiti insieme ai carabinieri, riguardano affiliati al 'locale' di Corigliano che si erano trasferiti in provincia di Milano ed erano attivi soprattutto nel traffico di stupefacenti, in particolare cocaina ed eroina. Sono finiti in manette anche una dozzina di imprenditori, ritenuti organici alla cosca. Devono rispondere di concorso esterno in associazione a delinquere ed estorsione.

I dettagli saranno forniti alle 11 in una conferenza stampa convocata al Comando provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
DONNE IN PENSIONE A 65 ANNI:
OCCUPATA LA RAPPRESENTANZA ITALIANA
DEL PARLAMENTO EUROPEO A ROMA
 
 



L'altra mattina una folta delegazione di lavoratrici e delegate della OO.SS. RdB -USB Pubblico Impiego, ha occupato gli uffici del Parlamento Europeo in Via IV Novembre 149.

L'iniziativa è stata decisa per protestare contro la decisione della Commissione Europea di aumentare l'età pensionabile delle lavoratrici della Pubblica Amministrazione.

Con la scusa di una improbabile violazione della parità fra uomini e donne il Governo Italiano, recependo quanto sancito dalla corte europea, si appresta ad innalzare a 65 anni l'età pensionabile delle donne attraverso la manovra finanziaria. Il Governo prende a pretesto il pagamento delle sanzioni che scaturirebbero dalla non applicazione della sentenza per sferrare un ennesimo duro colpo alle donne, peccato che tanta solerzia non riguarda la questione delle quote latte o il riconoscimento dell'anzianità per le lavoratrici precarie. Come sempre due pesi e due misure quando si tratta di colpire le donne, costrette a sopportare sulle loro spalle la carenza totale di servizi sociali nel nostro paese.

La delegazione è stata ricevuta dalla dott.ssa Olivi Elisabetta della rappresentanza in Italia della Commissione Europea alla quale è stata presentata la grave situazione delle lavoratrici italiane e alla quale e stato consegnato un documento con le ragioni della protesta di oggi. L'incontro si è concluso con l'impegno a costruire per i primi di settembre un incontro con il direttore della Commissione Europea in Italia.

Coordinamento Donne RdB-USB
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Luigi Ferrarella è un giornalista di grandissima professionalità. L'allarme sembra essere da poco rientrato, ma potrebbe ripetersi. Credo che Italigiure funzioni come una rete intranet ad accesso diretto, l'idea di avere un secondo database identico su server allocati altrove è ottima,. Una idea cui aggiungerei l'esigenza di far girare i dns del dominio in modo dinamico tra i server in modo che anche negli orari di punta per gli accessi  il carico possa essere redistribuito senza cagionare rallentamenti all'utenza. La particolarità di questo sistema è che l'amministrazione resta unica ed entrambi i database risultano scritti da un unica operazione di inserimento dati in qualsiasi luogo del pianeta essi si trovino. I siti di Camera e Senato sono realizzati in Asp così come il sito della Cassazione, idem Italgiure. E Asp gira "ufficialmente" su server windows, anche se esistono degli script di emulazione che ne consentono l'utilizzo su server Gnu-Linux. MinGiustizia invece si è recentemente convertito al cms "wordpress", che gradisce server Linux e Php. Io invece, grazie alla completezza informativa dell'articolo, ho fatto 2 + 2 e sono sicura di dover fare il mio dovere nei confronti di una persona. L.M.

I magistrati “al buio”

L’afa manda in tilt l’archivio delle sentenze

Il caso. Fuori uso da 5 giorni la banca dati della Cassazione. Ha 1,5 milioni di contatti al mese


Lun. 19 - MILANO - Un po' di manutenzione ministeriale in meno, un po' di caldo in più. Ed ecco che il «cervello» della giustizia italiana va arrosto. Il cattivo funzionamento dei condizionatori fa surriscaldare e manda in tilt i computer del Centro Elaborazione Dati (CED) della Cassazione, passati da 7 mesi sono la diretta gestione tecnica del ministero della Giustizia nella sala server della Balduina a Roma; e così da 5 giorni i 18 mila utenti (i magistrati gratuitamente, gli avvocati su abbonamento) sono costretti a lavorare senza poter accedere al servizio Italgiureweb, cioè alla fondamentale banca dati delle sentenze civili e penali, della giurisprudenza di Cassazione, di quella della Corte costituzionale e della Corte Europea, della normativa vigente e della dottrina. Una banca dati da un milione e mezzo di accessi al mese, con picchi di centomila consultazioni al giorno.

Fatte le proporzioni, è come se un chirurgo operasse senza radiografie o un pilota d'aereo volasse senza radar. Per qualunque provvedimento - che sia la sentenza di un processo, l'arresto di una persona, il sequestro di un bene, la risposta a una istanza di parte - i magistrati hanno infatti bisogno ogni momento di poter verificare come la giurisprudenza di Cassazione abbia interpretato in concreto norme peraltro continuamente cambiate. Una necessità 'pratica che può essere soddisfatta soltanto da un motore di ricerca potente e affinato (quale Italgiureweb) su una banca dati (il CED della Cassazione) perfettamente aggiornata e implementata: basti pensare che, soltanto nel penale, la Cassazione produce 50 mila sentenze l'anno.

Per 40 anni il CED ha funzionato perfettamente, come ufficio della Cassazione (diretto da un magistrato) alimentato dall'ufficio del Massimario e facente capo al presidente della Cassazione. Fino al gennaio 2009. Quando la gestione. dei server adibiti al servizio è stata trasferita al Ministero' della Giustizia e precisamente alla Direzione generale sistemi informativi automatizzati (Dgsia), in forza di un provvedimento del primo presidente Vincenzo Carbone che ha avallato l'abbandono dell'immobile della Balduina da parte del CED. Da allora, dunque, il CED della Cassazione diretto dal magistrato Franco Fiandanese non ha più competenze e personale rispetto alla gestione della banca dati passata alla Dgsia ministeriale. TI direttore del CED deve chiedere alla Dgsia di valutare se effettuare alcuni interventi proposti, ma non può decidere di intervenire: chi gestisce il lato tecnico, chi decide se e come implementare software e hardware, è il Ministero.

E sono iniziati i problemi. Di contenuto, per cominciare: con un progressivo decadimento di alcuni archivi, aggiornati poco e male, che lo scorso 5 luglio aveva spinto i due magistrati referenti informatici della Corte di Cassazione (Ersilia Calvanese e Ippolisto Parziale) e quello della Procura generale presso la Cassazione (Riccardo Fuzio) a rappresentare le proprie preoccupazioni al Consiglio Superiore della Magistratura, dove la settima Commissione ha aperto una pratica sulla questione. Ma neanche i più pessimisti avrebbero potuto immaginare che il traballare del CED, dopo il passaggio alla competenza diretta ministeriale, sarebbe così presto sfociato in un crollo tecnologico totale. Da tutta Italia i magistrati che da 5 giorni non riescono più a connettersi chiamano ora la Cassazione, che però senza più competenza non può che rappresentare al Ministero «da particolare gravità della situazione che impedisce ai magistrati l'accesso alle banche dati di giurisprudenza, con effetti devastanti per lo svolgimento delle loro funzioni istituzionali».

Venerdì il segretario generale della Cassazione ha avuto una riunione con uno dei collaboratori di Alfano, il direttore della Dgsia, Stefano Aprile, il quale aveva confidato che almeno in parte il servizio potesse essere ripristinato a breve, ma sabato e ieri neppure si è riusciti a riaccendere le macchine. Del resto i disservizi non appaiono di immediata soluzione, e dunque, in attesa della sostituzione dei condizionatori, è probabile che nelle prossime settimane il problema delle interruzioni improvvise e di lunga durata si riproporrà con preoccupante frequenza. In queste ore il CED della Cassazione sta perciò proponendo alla Dgsia di realizzare presso la sala server della Corte almeno un sistema di «disaster recovery» per il servizio Italgiureweb, che sia in grado di intervenire nel caso di interruzioni dovute al guasto dei condizionatori nella sala" server della Balduina e di sostituirsi ad essa per tamponare il ripetersi dei gravissimi inconvenienti.

Luigi Ferrarella
Corriere della Sera  19/07/2010
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 21/07/2010 @ 14:16:28, in Magistratura, linkato 1745 volte)
Intimidazione procuratore Palmi:
Anm, frequenza inquietante


La Giunta sezionale di Reggio Calabria dell'Associazione nazionale magistrati, in una nota, "esprime vicinanza e solidarietà al procuratore della Repubblica di Palmi, dott. Giuseppe Creazzo, per la grave minaccia subita".

L'Anm manifesta, poi, "allarme per gli episodi minatori che, come già evidenziato anche in precedenti documenti di questa Giunta, si ripetono, ormai, con inquietante frequenza ai danni di magistrati impegnati nella lotta alla criminalità organizzata e, comunque, nell'affermazione quotidiana dei valori della legalità".

"La magistratura associata del distretto - conclude la nota dell'Anm firmata dal segretario Tommasina Cotroneo e dal presidente Rodolfo Palermo - ribadisce ancora una volta che non si lascerà intimorire da episodi di tale fatta che, anzi, rappresenteranno un ulteriore stimolo nell'impegno quotidiano per offrire ai cittadini una risposta di giustizia tempestiva, equa ed efficiente". (ANSA).

Ansa via Tele Reggio Calabria


La Rassegna

CALABRIA/REGIONE: RAPPOCCIO, SOLIDARIETA' A PROCURATORE CREAZZO

Agenzia di Stampa Asca - ‎36 minuti fa‎
(ASCA) - Reggio Calabria, 21 lug - ''Il vile atto compiuto nei confronti del Procuratore Capo di Palmi, Giuseppe Creazzo, in un momento cosi' delicato della ...

'NDRANGHETA: CALIPARI (PD), SOLIDARIETA' A PROCURATORE CREAZZO

Agenzia di Stampa Asca - ‎59 minuti fa‎
(ASCA) - Reggio Calabria, 21 lug - ''Desidero esprimere la piu' viva solidarieta' e vicinanza al procuratore della Repubblica di Palmi (Rc), ...

CALABRIA/REGIONE: CARIDI, PIENA SOLIDARIETA' A PROCURATORE CREAZZO

Agenzia di Stampa Asca - ‎1 ora fa‎
(ASCA) - Catanzaro, 21 lug - ''Piena solidarieta' e massima vicinanza , al Procuratore della Repubblica di Palmi (RC), Giuseppe Creazzo per il gesto ...

CALABRIA/REGIONE: FEDELE (PDL), RIFLETTIAMO SU EMERGENZA CRIMINALITA'

Agenzia di Stampa Asca - ‎1 ora fa‎
(ASCA)- Reggio Calabria, 21 lug - ''L'episodio intimidatorio nei confronti del Procuratore capo di Palmi (RC), Giuseppe Creazzo, spinge a nuove riflessioni ...

CALABRIA/REGIONE: MAGARO' (PDL), SONO VICINO A MAGISTRATO CREAZZO

Agenzia di Stampa Asca - ‎2 ore fa‎
(ASCA) - Reggio Calabria, 21 lug - ''Sono vicino al magistrato Giuseppe Creazzo al quale esprimo la piu' viva solidarieta' per il vile atto intimidatorio ...

'NDRANGHETA: ANCORA UN MAGISTRATO INTIMIDITO IN CALABRIA

Agenzia di Stampa Asca - ‎2 ore fa‎
(ASCA) - Reggio Calabria, 21 lug - Ancora un magistrato intimidito in Calabria. Si tratta del Procuratore della Repubblica di Palmi (Rc), Giuseppe Creazzo, ...

Il Presidente Scopelliti esprime solidarietà al Procuratore Creazzo

Regione Calabria - ‎1 ora fa‎
Il Presidente della regione Giuseppe Scopelliti ha espresso piena solidarietà al Procuratore della Repubblica di Palmi Giuseppe Creazzo. ...

Intimidazione procuratore Palmi: Anm, frequenza inquietante

Tele Reggio Calabria - ‎1 ora fa‎
La Giunta sezionale di Reggio Calabria dell'Associazione nazionale magistrati, in una nota, "esprime vicinanza e solidarietà al procuratore della Repubblica ...

Intimidazione Creazzo: la solidarietà dell'assessore Caridi

Strill.it - ‎2 ore fa‎
L'Assessore Regionale alle Attività Produttive on. Antonio Caridi esprime piena solidarietà e massima vicinanza , al Procuratore della Repubblica di Palmi ...

Pallottole a Creazzo

La Riviera - ‎3 ore fa‎
Una cartuccia di fucile calibro 12 caricata a pallettoni. Qualcuno l'ha lasciata sul parabrezza dell'auto di servizio del procuratore di Palmi Giuseppe ...

Intimidazione al procuratore capo di Palmi, Giuseppe Creazzo

Reggio TV - ‎17 ore fa‎
eggio Calabria - Ancora avvertimenti alle istituzioni. Ennesimo atto di intimidazione nei confronti della magistratura. Questa volta nel mirino il ...

L'intimidazione a Creazzo lo conferma: la casa dei magistrati è un ...

Strill.it - ‎18 ore fa‎
di Giusva Branca - L'ennesimo atto intimidatorio nei confronti di un magistrato operante nel distretto di Corte d'Appello di Reggio Calabria lascia il segno ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Atti del CSM al Pg di Cassazione, stop al trasferimento di Marra.

P3: Mancino, cono d'ombra su lavoro Csm

"Serve una riflessione sulla questione morale"


ANSA ROMA 21 luglio, 13:39  - "Gli ultimi avvenimenti relativi all'inchiesta sull'associazione segreta Loggia P3 gettano un cono d'ombra, ma non credo che possano incidere sulla sostanza dell'attività che abbiamo svolto al Csm". Lo ha detto il vicepresidente dell'organo di autogoverno della magistratura, Nicola Mancino, intervistato da Sky Tg24. Mancino fa peraltro notare che "é in corso un'inchiesta da parte della Prima commissione del Csm" e che "lo stesso Pg della Cassazione avverte la necessità di avviare un procedimento disciplinare. Vediamo cosa succederà".

CSM RIFLETTA SU QUESTIONE MORALE - Una riflessione del Csm sulla questione morale che si è aperta dopo la notizia del coinvolgimento di alcuni magistrati nell'inchiesta sull'associazione segreta P3 "certo va fatta non solo al termine del quadriennio ma anche all'inizio di quello successivo". Il vicepresidente dell'organo di autogoverno della magistratura, Nicola Mancino, rivela che "se per questione morale intendiamo il complesso delle attività che hanno un rilievo di carattere etico e morale". Allora la questione va affrontata perché - sottolinea ai microfoni di Sky Tg 24 - qui é l'organizzazione stessa che viene messa in discussione". A tale proposito Mancino ricorda di aver proposto a suo tempo "la tripartizione della provvista dei componenti del Csm (1/3 scelti dai magistrati, un terzo dalle Camere e la quota restante dal presidente della Repubblica, ndr.), indicando nel Capo dello Stato l'autorità che avrebbe potuto completare il plenum attraverso l'indicazione di personalità notevoli scelte dall'autorevolezza dello stesso Presidente, naturalmente lasciando una prevalenza di magistrati".

"CSM HA SEMPRE GARANTITO AUTONOMIA 'TOGHE" - "L'interferenza sulla libera attività del magistrato non è mai stata posta in discussione". Così il vicepresidente del Csm, Nicola Mancino, sottolinea in apertura del plenum torna sulla vicenda dell'inchiesta sulla cosiddetta Loggia P3 che vede coinvolti diversi magistrati. Mancino - dopo un intervento del consigliere del Movimento per la giustizia, Ciro Riviezzo - che aveva rappresentato la necessità di far notare come oltre a una magistratura "fatta di faccendieri" dovesse rilevarsi l'esistenza "di magistrati con la schiena dritta che fanno onestamente il loro lavoro", ha detto di condividere questa analisi. E ha aggiunto: "Quando si parla di autonomia e di indipendenza della magistratura ci riferiamo all'indipendenza del magistrato nell'esercizio delle sue funzioni. Sia nelle situazioni di emergenza - ha aggiunto il vicepresidente del Csm - sia nell'esercizio delle funzioni giurisdizionali, il magistrato è parte di un ordine che tocca interessi generali e li risolve nell'interesse dell'ordinamento".

CSM ASCOLTERA' MARRA LUNEDI',PG CASSAZIONE LO INCOLPA - Il presidente della Corte di Appello di Milano, Alfonso Marra, sarà ascoltato lunedì prossimo dalla prima commissione del Csm che ha avviato nei suoi confronti la procedura di trasferimento di ufficio per incompatibilità ambientale dopo gli sviluppi dell' inchiesta sulla P3. Lo accompagnerà, nella veste di assistente tecnico, Piercamillo Davigo, ex pm del pool di Mani Pulite, oggi consigliere di Cassazione. Ma sull'alto magistrato milanese si abbatte una nuova tegola: il procuratore generale della Cassazione Vitaliano Esposito ha deciso di avviare l'azione disciplinare contro Marra, muovendogli due addebiti: il primo, di essersi rivolto all'ex giudice tributario Pasquale Lombardi per esercitare pressioni su componenti del Csm al fine di favorire la sua nomina alla presidenza della Corte di Appello di Milano; il secondo, il suo presunto intervento, sollecitato da amici di Lombardi, a valutare con attenzione particolare il ricorso del presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni contro l'esclusione della sua lista dalle elezioni regionali. Il sovrapporsi della procedura amministrativa e di quella disciplinare potrebbe essere oggetto di valutazione già nei prossimi giorni da parte della prima commissione, dal momento che i fatti contestati sono gli stessi. Nella comunicazione delle contestazioni approvata ieri a larga maggioranza con cui ha deciso la convocazione, la prima commissione ipotizza che Marra "non possa più esercitare con la dovuta imparzialità e indipendenza la sua attività giurisdizionale". Il motivo va ricercato proprio nelle intercettazioni telefoniche dell' inchiesta condotta dalla procura di Roma dalle quale risulta che Marra si sarebbe rivolto a Pasquale Lombardi, uno degli arrestati, perché intercedesse su componenti del Csm per facilitare la sua nomina, e il fatto che, una volta nominato, amici di Lombardi gli abbiano chiesto il favore di verificare al meglio il ricorso del presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni sull' esclusione della sua lista dalle elezioni regionali. Marra nei giorni scorsi ha detto di essere contento della iniziativa del Csm: "Così si chiarirà la sua posizione". La vicenda ha, però, innescato una serie di polemiche all' interno e all' esterno di Palazzo dei Marescialli, legate a doppio filo con la richiesta di un plenum da dedicare alla questione morale che il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, che presiede l' organo di autogoverno della magistratura, ha bloccato rimandando la questione al nuovo Csm. L' attuale assemblea di Palazzo dei Marescialli scade alla fine del mese e, se il Parlamento nominerà gli otto esponenti laici prima della pausa estiva, il nuovo consiglio sa già che saranno questi i primi argomenti sui quali sarà chiamato a confrontarsi. Contro l' iniziativa della prima commissione si è scagliato il consigliere laico del Pdl, Gianfranco Anedda, che ha abbandonato la seduta sostenendo l' illegittimità delle decisioni. Giuseppe Maria Berruti, indicato nelle intercettazioni come il principale ostacolo nel Csm alla nomina di Marra, si è astenuto, come aveva fatto anche quando è stato deciso l' avvio della procedura di trasferimento di ufficio. Marra è solo la toga principale su cui si sta concentrando l' attenzione della Commissione: all' autorità giudiziaria sono stati chiesti gli atti che riguardano altri magistrati citati nell' ordinanza del Gip. Uno di questi è il presidente della corte di Appello di Salerno, Umberto Marconi, che ha chiesto al Csm di essere trasferito perché non più sereno nel suo ruolo per le notizie che lo coinvolgono nell' attività di dossieraggio ai danni dell' attuale presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro. Accertamenti potrebbero riguardare anche il sostituto procuratore generale di Milano Gaetano Santamaria Amato, il procuratore aggiunto di Milano Nicola Cerrato; i procuratori Giovanni Francesco Izzo (Nocera Inferiore) e Paolo Albano (Isernia). "Il fatto che non faremo in tempo a chiudere la pratica e a decidere eventuali provvedimenti, non significa che non si possa ampliare l'istruttoria. Il prossimo Csm, in questo modo, non perderà un minuto e avrà a disposizione il materiale su cui lavorare" ha spiegato la presidente della commissione Fiorella Pilato, precisando: "noi non mettiamo nel mirino nessuno: ci siamo limitati a chiedere informazioni utili per vagliare le posizioni di altri magistrati citati nell' inchiesta".

La Rassegna

14:02 P3/ Atti Csm a pg Cassazione, stop a trasferimento Marra

APCOM - ‎18 minuti fa‎
Roma, 21 lug. (Apcom) - L'avvio dell'azione disciplinare a carico del presidente della Corte d'appello di Milano, Alfonso Marra, farà venir meno il potere della Prima Commissione del Csm sul caso e porterà al blocco della procedura di trasferimento ...

P3: MANCINO, SCELSI DI VOTARE MARRA IN AUTONOMIA

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎19 minuti fa‎
(AGI) - Roma, 21 lug. - Il vicepresidente del Csm, Nicola Mancino, torna a parlare della nomina di Alfonso Marra a presidente della Corte d'Appello di Milano, ribadendo che, in quell'occasione, quando il suo voto ando' a favore proprio di Marra, ...

"Getta un'ombra sulla magistratura"

Tuscia Web - ‎22 minuti fa‎
Così Nicola Mancino, vicepresidente dell'organo di autogoverno della magistratura, commenta l'inchiesta sulla presunta P3, che vede coinvolte anche alcune toghe. "Non credo comunque - continua Mancino - possa incidere sulla sostanza delle attività che ...

Il caro dottor Fofò e la nuova P3

Il Legno Storto - ‎22 minuti fa‎
il Foglio - Una componente lobbistica mica male: se c'è scandalo, è nel modo di nomina dei magistrati, nel funzionamento del Csm, e il pitreismo è l'ideologia della casta togata. Non è per provocare, ma se un accenno di P3 ha da esserci, ...

Mancino: “Nuova P2, ombre sul Csm”

City - ‎31 minuti fa‎
Il vicepresidente dell'Organo di autogoverno della magistratura interviene sulla vicenda della “nuova P2”. Il Csm votò l'arrivo a Milano di un giudice, Marra, che sarebbe stato “vicino” al gruppo di pressione “Gli ultimi avvenimenti relativi ...

Inchiesta eolico: azione pg Cassazione blocca iter trasferimento Marra

University.it (Comunicati Stampa) - ‎53 minuti fa‎
Roma, 21 lug. (Adnkronos) - L'azione disciplinare avviata dal procuratore generale della Cassazione nei confronti del presidente della Corte d'Appello di Milano, Alfonso Marra, coinvolto nell'inchiesta sull'eolico, blocca di fatto, la procedura di ...

Inchiesta P3, Mancino: "ombra sulla magistratura che non incide ...

Iamm e-press - ‎55 minuti fa‎
(IAMM) Micola Mancino, vicepresidente del CSM, il Consiglio Superiore della Magistratura, si è espresso in una intervista a Skytg24 sull'inchiesta dell'associazione segreta P3, nata da uno stralcio sulle indagini dell'appalto sull'eolico in Sardegna ...

P3: Mancino, da inchiesta cono d'ombra

ANSA.it - ‎1 ora fa‎
(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Dall'inchiesta P3 emerge un cono d'ombra sulla magistratura, ma non ha condizionato il lavoro del Cms. Lo dice il vice presidente Mancino. Mancino fa notare che 'e' in corso un'inchiesta da parte della Prima commissione del Csm' ...

Inchiesta P3. Mancino: cono d'ombra su Csm

Rainews24 - ‎1 ora fa‎
Una riflessione del Csm sulla questione morale che si e' aperta dopo la notizia del coinvolgimento di alcuni magistrati nell'inchiesta sull'associazione segreta P3 "certo va fatta non solo al termine del quadriennio ma anche all'inizio di quello ...

P3: AZIONE PG BLOCCA ITER TRASFERIMENTO MARRA

Agenzia di Stampa Asca - ‎1 ora fa‎
(ASCA) - Roma, 21 lug - L'azione disciplinare avviata dalla procura generale blocchera' per il momento le azioni nei confronti del presidente della Corte di Appello di Milano Alfonso Marra. Una volta avviata l'attivita' disciplinare, infatti, ...

P3: MANCINO, CONO D'OMBRA MA NON INCIDE SU LAVORO CSM

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎1 ora fa‎
(AGI) Roma - "Gli ultimi eventi gettano un cono d'ombra, ma non credo incidano sull'attivita svolta al Csm", dice Nicola Mancino. "Peraltro - aggiunge il vicepresidente del Csm - e' in corso un'inchiesta da parte della prima commissione e lo stesso pg ...

Inchiesta sulla nuova P3: l'intervento di Nicola Mancino

NanoPress (Blog) - ‎1 ora fa‎
Nicola Mancino interviene in merito ad un caso che sta interessando la nostra magistratura, ovvero l'inchiesta sulla nuova P3. Il vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura e' voluto intervenire per parlare di una questione che da giorni ...

Mancino: "P3? Cono d'ombra sulla magistratura

La Repubblica - ‎1 ora fa‎
ROMA - "Gli ultimi avvenimenti relativi all'inchiesta sull'associazione segreta Loggia P3 gettano un cono d'ombra, ma non credo che possano incidere sulla sostanza dell'attività che abbiamo svolto al Csm". Il vicepresidente dell'organo di autogoverno ...

P3/ Mancino: Csm ha sempre garantito l'autonomia delle toghe

APCOM - ‎2 ore fa‎
Roma, 21 lug. (Apcom) - Il Consiglio superiore della magistratura ha "sempre garantito ai magistrati la tutela del libero esercizio della giurisdizione" e anche le modifiche apportate alle regole sulle pratiche a tutela lo dimostra. ...

P3: MANCINO, QUESTIONE MORALE VA AFFRONTATA

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎2 ore fa‎
(AGI) - Roma, 21 lug. - La questione morale nella magistratura e' un tema che va affrontato. Lo ha dichiarato il vice presidente del Csm, Nicola Mancino, alla luce della lettera inviatagli dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ...

P3/ Mancino: Su Marra autonomo, non immaginavo tutto questo. All ...

DailyBlog.it - ‎2 ore fa‎
Roma, 21 lug. (Apcom) – Il vicepresidente del Csm, Nicola Mancino, torna a ribadire la propria autonomia nella scelta di votare a favore di Alfonso Marra per la presidenza della Corte d'Appello di Milano e sottolinea di “non aver potuto immaginare che ...

CORRUZIONE: MANCINO, INCHIESTA SU P3 GETTA CONO D'OMBRA

IRIS Press - Agenzia stampa nazionale - ‎2 ore fa‎
(IRIS) - ROMA, 21 LUG - Le indagini sulla "loggia P3 gettano un cono d'ombra, ma non credo che possano incidere sulla sostanza dell'attività che abbiamo svolto al Csm". Nicola Mancino, vicepresidente del Csm, in un'intervista a Sky Tg24, ...

Per Mancino l'inchiesta P3 getta «un cono d'ombra», ma non intacca ...

Il Sole 24 Ore - ‎2 ore fa‎
cono d'ombra, ma non credo che possano incidere sulla sostanza dell'attività che abbiamo svolto al Csm». A parlare è il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, Nicola Mancino, che in apertura del plenum del consiglio delle toghe è ...

Inchiesta P3, Mancino: “Getta un'ombra sulla magistratura”

SKY.it - ‎2 ore fa‎
Il vicepresidente del Csm commenta a SkyTg24 l'indagine sulla presunta nuova loggia che vede coinvolte alcune toghe. Tra queste anche il presidente della Corte di Appello di Milano Alfonso Marra, che lunedì sarà ascoltato dalla Prima Commissione “Gli ...

P3: MANCINO, CSM MAI INTERFERITO SU INDIPENDENZA TOGHE

Agenzia di Stampa Asca - ‎2 ore fa‎
(ASCA) - Roma, 21 lug - ''L'interferenza sulla libera attivita' del magistrato non e' mai stata posta in discussione''. Il vicepresidente del Csm, Nicola Mancino, ricorda l'attivita' di quattro anni di consiliatura per spiegare come Palazzo dei ...

P3: MANCINO, CONO D'OMBRA MA NON INCIDE SU LAVORO CSM

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎2 ore fa‎
(AGI) - Roma, 21 lug. - "Certamente gli ultimi avvenimenti gettano un cono d'ombra, ma non credo che possano incidere sull'attivita' che abbiamo svolto al Csm". Lo ha detto il vicepresidente del Csm, Nicola Mancino, intervistato da Sky Tg 24. ...

Mancino e il Csm disobbediscono a Napolitano

L'Opinione - ‎3 ore fa‎
Il 31 luglio, “in sha Allah”, cioè se Dio o Allah lo vorranno, ci toglieremo dai piedi il peggiore dei Csm delle ultime legislature. Così commentava ieri su “Il Fatto” Marco Travaglio e viene voglia di dargli ragione, anche se per motivi diversi, ...

Nel mirino del Csm altre toghe 'vicine' alla P3

Giornale Radio Rai - ‎6 ore fa‎
La I commissione dell'organo di autogoverno dei magistrati ha convocato per lunedì mattina il presidente della corte d'appello di Milano Alfono Marra. Nei confronti del giudice, coinvolto nell'inchiesta sulla cosiddetta P3, il Csm ha attivato una ...

La bufera sui magistrati

il Giornale - ‎6 ore fa‎
Il presidente della Corte d'Appello di Milano Alfonso Marra sarà ascoltato lunedì prossimo. E alla Procura di Roma, titolare dell'inchiesta sull'eolico in Sardegna e sulla cosiddetta «nuova P2», sono già stati chiesti gli atti necessari a valutare se ...

Un consiglio (poco) superiore

Corriere della Sera - ‎6 ore fa‎
Assai opportunamente il presidente della Repubblica ha posto il veto sul tentativo del Consiglio superiore della magistratura (Csm), che è ora in scadenza, di discutere di regole deontologiche in relazione a questioni come la nomina, fatta dagli stessi ...

P3/ Lunedi mattina Csm ascolta Marra, disposta sua audizione -2-

Virgilio - ‎14 ore fa‎
Roma, 20 lug. (Apcom) - Assistito da un difensore, Marra lunedì sarà chiamato a spiegare ai consiglieri del Csm il suo comportamento. Ma, salvo imprevisti, la sua audizione sarà l'ultimo atto dell'istruttoria condotta dagli attuali componenti ...

P3: azione disciplinare contro Marra

euronews - ‎15 ore fa‎
(ANSA) – ROMA,20 LUG -Il pg della Cassazione Esposito ha avviatol'azione disciplinare nei riguardi di Alfonso Marra, il cui nomecompare nell'inchiesta sulla P3. Le contestazioni nel capo diincolpazione: essersi rivolto all'ex giudice Lombardi per ...

P3, Formigoni intercettato con arrestato Governatore: da noi solo ...

Il Messaggero - ‎15 ore fa‎
Mozione sfiducia Idv contro Caliendo. Marra, Cassazione avvia azione disciplinare. Nel mirino Csm altri 5 magistrati ROMA (20 luglio) - Mentre il Csm convoca per lunedì prossimo Alfonso Marra, presidente della Corte d'appello di Milano, e mette sotto ...

"Via all'azione disciplinare su Marra"

La Stampa - ‎15 ore fa‎
Il presidente della Corte di Appello di Milano, Alfonso Marra, sarà ascoltato lunedì prossimo dalla prima commissione del Csm che ha avviato nei suoi confronti la procedura di trasferimento di ufficio per incompatibilità ambientale dopo gli sviluppi ...

P3. Cassazione, azione disciplinare nei confronti del giudice Marra

Tg1 - www.tg1.rai.it - ‎15 ore fa‎
ROMA – La Procura generale della Cassazione ha avviato l'azione disciplinare nei riguardi del presidente della Corte di Appello di Milano, Alfonso Marra. Il suo nome compare, infatti, nelle intercettazioni dell'inchiesta sulla cosiddetta P3. ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 21/07/2010 @ 14:49:30, in Indagini, linkato 2044 volte)
E' morto il blog de Il Giustiziere - la Fabbrica dei Mostri



Ne danno il felice annuncio le vittime e le famiglie delle vittime di reati di pedofilia.

Ne danno il felice annuncio i pubblici ministeri italiani impegnati sui casi di pedofilia che sono stati sbeffeggiati e calunniati per anni.

E perché no, anche la Morandi e lo stesso Frassi hanno di che rallegrarsi. Io, personalmente, anche subito. Visto che sul blog filo pedofilo, redatto in violazione art. 494 del Codice Penale e seguenti, denominato "Maxi Fasso" (clona il nome di Frassi) è pubblicato uno stralcio significativo dei rapporti del "giustiziere" con i rappresentanti dell'associazione per delinquere che mi minaccia di morte.

Sfortunatamente per loro son tutti in errore, compreso il nuovo blogger de L'Unità. Infatti l'oscuramento del blog non è operato della pur eccezionale dottoressa Pantano del processo a Pino Lamonica in Reggio Emilia, ma dalla Procura di Bergamo meglio nota al secolo come l'acerrimo nemico di Pirate Bay e vittima dei luttuosi comportamenti del sardo commerciante in pornografia, che perseguita e istiga a delinquere e a commettere atti contrari alla buona amministrazione della Giustizia contro la Morandi.

Purtroppo, per tutti, sono ormai molti mesi che l'operato nefasto del gruppetto di agitatori pro pedofilia si è spostato su Facebook, dove ha addirittura una propria pagina. Un mezzo che utilizzano con le sole finalità dello stalking ai danni delle persone per bene e/o delle associazioni a favore delle vittime, oppure direttamente ai danni delle vittime.

Esattamente come è in queste ore che mia figlia sta subendo molestie provenienti "sempre" dal medesimo circuito delinquente. Molestie che saranno tutte denunciate, come già in precedenza ho fatto io e altri membri della mia famiglia.

Da notare. Sul blog contro Frassi sono pubblicati i volti dei due personaggi più temuti dal mondo dei sostenitori della pedofilia: il mio volto e quello di Don Fortunato di Noto.


http://www.giustiziaquotidiana.it/public/2010-07-21_143908_MORTO_GIUSTIZIERE_evidenziata.jpg


Di cosa sono responsabili moralmente i blog del circuito Falsi Abusi: Non mi pronuncio su quello che non è palesemente reato, già data la clonazione del nome di Frassi, ma su quel che è della morale e della comune netiquette del web.
E' al circuito Falsi Abusi che si può attribuire moralmente l'aver inventato le "clonazioni", pur di creare il caso Frassi. Il caso Morandi viene in data successiva, ma è attribuibile alla frequentazione telematica del Giustiziere con Duna, autrice dell'intera produzione settembre/dicembre 2008 (oltre 35 clonazioni del nome e dei nomi associativi tra blog e forum), vittima e carnefice anche per i dictat del pubblicitario ed esperto in neuromarketing Third_Eye (identificato Questura di Viareggio il 14 settembre 2008). Il materiale prodotto in quelle date , produzione per altro mai cessata, avrebbe facilitato l'operazione di dossieraggio in corso da agosto 2009 a copertura di una truffa con sfruttamento delle mie prestazioni professionali e altro, anche ai danni di terze persone.


Ovvero lo stalker al soldo di un sito del porno commerciale, che mi minaccia di morte  tramite un sito redatto in associazione con altre 5 o 6 persone:




Uno stalker e porno attore la cui attenzione maniacale, perfettamente integrata all'ambiente dei sostenitori della pedofilia e dei pedofili più famosi in Italia, è sempre rivolta ai miei figli minori onde mantenere alto l'interesse nella clientela.  Per la cronaca i miei figli sono tutti promossi con la media dell'otto, fatto questo immediatamente e personalmente verificabile ad un noto pubblico ministero della Capitale, senza avvalersi della PG.

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/2010-07-21_173537_144minaccemorte.jpg

Questa comunicazione è rilasciata a seguito di personale adesione al più recente indirizzo psicologico e operativo per la PG in tema di reati già DL 11/2009, convertito in Legge 38/2009 - art. 612 bis c.p., anche come reazione indotta dallo spavento per la reiterazione dei medesimi reati dall'agosto 2008 ad oggi dati nel contesto di un unico disegno criminoso (persecuzioni a copertura della mia denuncia a mezzo stampa sul caso di  sfruttamento e peculato in Uni Napoli) come sancito dalla Massima contenuta dalla sentenza della Corte di Cassazione, sezione Terza Penale  Presidente Aniello Nappi, PG Vito Monetti  numero 11945 del 12 gennaio 2010.

Tutta la persecuzione ai miei danni è pubblicata a mezzo stampa via web, anche in forma anonima, così l'agenda antistalking a beneficio delle autorità inquirenti è pubblica.

Nella fattispecie del reato: il blog che mi minaccia di morte
è quotato per un valore di 6.519 US Dollar.

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/2010-07-21_182015_quotazione_google.jpg


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 22/07/2010 @ 06:56:28, in Magistratura, linkato 1909 volte)
Fermatevi. L'emergenza carceri data dal numero di extracomunitari che in Italia commettono delitti non giustifica la strisciante e formale depenalizzazione dei reati contro le donne in corso nelle ultime settimane. Ed è ingiustificata soprattutto perché giunge dall'esigenza tutta di sinistra nel non apparire come l'autrice dell'escalation di reati contro la donna per l'uso mediatico della "prostituzione".
E prima che si giunga allo "stupro rituale" contro le donne magistrato o ai rinnovati atti di "nonnismo e violenza sessuale" nei confronti delle donne nelle forze dell'ordine.
A nulla servono i più di 300 arresti della Procura della Repubblica di Milano contro la 'ndrangheta, operati dalla vera icona della magistratura al femminile, se poi per far posto ai criminali in carcere si consente il Far West per le strade italiane. Se e quando debba crearsi il paradosso in cui una donna magistrato debba essere protetta dalle minacce di mafia, ma proprio perché è da considerarsi "una donna forte" possa subire un atto di violenza sessuale e poi vedere il criminale dello stupro libero alla stregua di ogni altra donna in Italia.
Altresì, sarà estremamente difficile in questa Italia del costante microspolpamento delle risorse statali ad opera dell'associazionismo istituzionalizzato, che questi violenti siano spediti a coltivare il grano  "mafioso" strappandolo con le mani nude alle terre sequestrate alla "cupola". I lavori forzati, unica soluzione possibile, violerebbero profondamente l'assetto anche costituzionale dei diritti della popolazione. Ne tanto meno spedirei un pedofilo, che ha seviziato bambini innocenti, ad accudire una comunità di anziani, perché potremmo ritrovare in quella mente malata i germi del serial killer ed assistere impotenti ad altrettanta violenza perpetrata contro indifesi.
Sarò io che ...ɐsɹǝʌıp ɐʌıʇʇǝdsoɹd ɐun ɐp oʇʇnʇ opǝʌ
Non lo so. Ma che sia informata la signora Rosy Bindi: io non voto e non voterò nessuna sinistra che taccia di fronte alla riconduzione dei reati di violenza contro le donne e contro i minori alla stregua di reati bagatellari, affinché si vendano libri sulle notti al viagra del Premier.

Consulta: reati sessuali,
sì a misure alternative al carcere


Telefono rosa: preoccupate per una decisione che arriva in un momento di violenze fuori controllo contro le donne

ROMA, 21 luglio 2010, 23:58 - Nei procedimenti per violenza sessuale, atti sessuali con minorenni e prostituzione minorile il giudice non e' piu' obbligato a disporre o a mantenere la custodia in carcere dell'indagato, ma puo' applicare misure cautelari alternative se vengono raccolti elementi specifici, in relazione al caso concreto, dai quali risulti che le esigenze cautelari siano comunque soddisfatte. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale che ha dichiarato la parziale illegittimita' costituzionale dell'articolo 275 del codice di procedura penale.

A partire dal 2009, con l'approvazione da parte del Parlamento della legge di contrasto alla violenza sessuale - nata sulla base di un diffuso allarme sociale legato alla recrudescenza di episodi di aggressioni alle donne - non era consentito al giudice (salvo che non vi fossero esigenze cautelari) di applicare, per i tre delitti sessuali al vaglio della Corte Costituzionale, misure cautelari diverse e meno afflittive della custodia in carcere alla persona raggiunta da gravi indizi di colpevolezza. La Consulta ha ora ritenuto la norma in contrasto con gli articoli 3 (uguaglianza davanti alla legge), 13 (libertà personale) e 27 (funzione della pena) della Costituzione e ha detto sì alle alternative al carcere "nell'ipotesi in cui siano acquisiti elementi specifici, in relazione al caso concreto, dai quali risulti che le esigenze cautelari possono essere soddisfate con altre misure".

CARFAGNA: LA CORTE SBAGLIA - La Consulta "sbaglia. Chi stupra donne e bambini merita il carcere". E' il commento del ministro per le pari opportunità, Mara Carfagna, sulla decisione della Corte costituzionale che permette misure alternative al carcere per i più gravi reati sessuali. "Non esiste - ha osservato - e non possiamo accettare una 'classifica della brutalita'': per noi, cioé per coloro che hanno scritto ed approvato questa legge, chi violenta una donna o, peggio, un bambino deve filare dritto in carcere, senza scusanti, da subito". "L'intervento della Corte - ha continuato Carfagna - è giustificazionista, lontano dal sentire dei cittadini, e, purtroppo, ci allontana, sebbene di poco, dalla strada verso il rigore e la tolleranza zero contro i crimini sessuali che questa maggioranza ha intrapreso sin dall'inizio della legislatura". "Sono sicura - ha sottolineato ancora il ministro Carfagna - che i magistrati continueranno a dimostrare la dovuta sensibilità nei confronti di questi reati odiosi, valutando con estrema severità le esigenze di carcerazione preventiva di chi li commette. Restano in vigore tutte le altre parti del provvedimento e tra queste l' eliminazione dei benefici premiali, quali arresti domiciliari o sconti di pena, la difesa gratuita per le vittime e le aggravanti grazie alle quali ora chi stupra una donna rischia fino a 14 anni di carcere".

TELEFONO ROSA: SIAMO PREOCCUPATE - La decisione della Consulta di prevedere misure alternative alla detenzione in carcere per reati sessuali su minorenni ''preoccupa'' Telefono Rosa. ''Mi chiedo - afferma la presidente Gabriella Carnieri Moscatelli - se in un momento in cui scorre sangue a fiotti per le donne, oggetto di violenza, se persone che si macchiano di questi reati debbano essere rimessi in giro. Come ci cauteliamo?''. Sottolineando che la decisione della Corte Costituzionale dovrà essere approfondita, la presidente dell'associazione impegnata contro la violenza alle donne sostiene che ''se queste persone sono in carcere, ci sara' pure un motivo. Mi preoccupa soprattutto il caso in cui ad essere autore della violenza sia un familiare. In questo caso, come si puo' pensare ad esempio di far stare un padre o un fratello che hanno abusato della figlia o della sorella agli arresti domiciliari? Devo leggere la sentenza - aggiunge Carnieri Moscatelli - ma comunque mi preoccupa soprattutto perché arriva in un momento di violenze fuori controllo contro le donne. Credo questo sia pericoloso''.

Leggi la Sentenza della Corte Costituzionale


SENTENZA N. 265


ANNO 2010

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO


LA CORTE COSTITUZIONALE

composta dai signori: Presidente: Francesco AMIRANTE; Giudici : Ugo DE SIERVO, Paolo MADDALENA, Alfio FINOCCHIARO, Alfonso QUARANTA, Franco GALLO, Luigi MAZZELLA, Gaetano SILVESTRI, Sabino CASSESE, Maria Rita SAULLE, Giuseppe TESAURO, Paolo Maria NAPOLITANO, Giuseppe FRIGO, Alessandro CRISCUOLO, Paolo GROSSI,

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

nei giudizi di legittimità costituzionale dell’art. 275, comma 3, del codice di procedura penale, come modificato dall’art. 2 del decreto-legge 23 febbraio 2009, n. 11 (Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori), convertito, con modificazioni, dalla legge 23 aprile 2009, n. 38, promossi dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Belluno con ordinanze del 28 e 30 settembre 2009, dal Tribunale di Torino, sezione per il riesame, con ordinanza del 28 maggio 2009 e dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Venezia con ordinanza del 4 novembre 2009, rispettivamente iscritte ai nn. 310 e 311 del registro ordinanze 2009 e ai nn. 14 e 66 del registro ordinanze 2010 e pubblicate nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica nn. 1, 6 e 11, prima serie speciale, dell’anno 2010.

Visti l’atto di costituzione di C. A. nonché gli atti di intervento del Presidente del Consiglio dei ministri;

udito nell’udienza pubblica del 25 maggio 2010 e nella camera di consiglio del 26 maggio 2010 il Giudice relatore Giuseppe Frigo;

uditi l’avvocato Sandro De Vecchi per C. A. e l’avvocato dello Stato Massimo Giannuzzi per il Presidente del Consiglio dei ministri.

Ritenuto in fatto

1. – Con due ordinanze di contenuto analogo, depositate il 28 e il 30 settembre 2009 (r.o. n. 310 e n. 311 del 2009), il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Belluno ha sollevato, in riferimento agli artt. 3, 13, primo comma, e 27, secondo comma, della Costituzione, questioni di legittimità costituzionale dell’art. 275, comma 3, del codice di procedura penale, come modificato dall’art. 2 del decreto-legge 23 febbraio 2009, n. 11 (Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori), convertito, con modificazioni, dalla legge 23 aprile 2009, n. 38, nella parte in cui, in presenza di esigenze cautelari, impone di applicare la misura della custodia in carcere alla persona raggiunta da gravi indizi di colpevolezza in ordine ai delitti di cui agli artt. 609-quater (ordinanza n. 310 del 2009) e 609-bis del codice penale (ordinanza n. 311 del 2009).

Nei procedimenti principali, il giudice a quo è chiamato a pronunciarsi sulle istanze formulate dai difensori di persone indagate, rispettivamente, per il delitto di atti sessuali con minorenne aggravati continuati (artt. 81, 609-ter e 609-quater cod. pen.) e per il delitto di violenza sessuale aggravata continuata (artt. 81, 61, numeri 1, 5, e 11, e 609-bis cod. pen.): istanze volte ad ottenere la revoca o la sostituzione con altra di minore gravità (la sola sostituzione, nel caso dell’ordinanza r.o. n. 311 del 2009) della misura della custodia cautelare in carcere, cui l’indagato si trova sottoposto. Ad avviso del rimettente, mentre l’istanza di revoca non sarebbe accoglibile, stante la persistenza delle esigenze cautelari, queste ultime potrebbero essere fronteggiate con una misura meno gravosa di quella in atto e, in particolare – nel caso dell’ordinanza r.o. n. 311 del 2009 – con la misura degli arresti domi ciliari.

All’accoglimento delle istanze di sostituzione osterebbe, nondimeno, il vigente testo dell’art. 275, comma 3, cod. proc. pen., che, a seguito della modifica operata dall’art. 2 del decreto-legge n. 11 del 2009, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 38 del 2009, non consente di applicare una misura diversa dalla custodia cautelare in carcere alla persona nei cui confronti sono riconoscibili gravi indizi di colpevolezza per un’ampia serie di reati, tra cui quelli previsti dagli artt. 609-bis e 609-quater cod. pen., salvo che siano acquisiti elementi dai quali risulti che non sussistono esigenze cautelari.

In accoglimento delle eccezioni dei difensori, il rimettente ritiene, peraltro, di dover sollevare questione di legittimità costituzionale della citata disposizione.

Al riguardo, il giudice a quo rileva come molti dei delitti richiamati nel comma 3 dell’art. 275 cod. proc. pen., pur nella loro indubbia gravità, siano comunque meno gravi di altri reati non richiamati, sulla base del raffronto delle relative pene edittali (così, ad esempio, i delitti di cui agli artt. 416 e 416-bis cod. pen., inclusi nell’elenco, sono puniti meno severamente della cessione di sostanze stupefacenti o della rapina aggravata, viceversa esclusi). Risulterebbe, dunque, evidente come la scelta legislativa di imporre, in presenza di esigenze cautelari, la misura «estrema» della custodia in carcere non dipenda da una valutazione «quantitativa» della gravità dei delitti, ma da una valutazione di tipo essenzialmente «qualitativo».

Anteriormente alla novella del 2009, la norma impugnata sanciva la presunzione di adeguatezza della sola custodia cautelare in carcere esclusivamente in rapporto al delitto di associazione di tipo mafioso e ai delitti posti in essere con metodi o per finalità mafiose. Per tale verso, la disposizione rispondeva – secondo il giudice a quo – alla ratio di sollevare il giudice penale dall’onere di motivare la scelta della misura carceraria in particolari situazioni di pressione ambientale, determinate dalla presenza dell’associazione di stampo mafioso, e soprattutto per questa ragione aveva superato il vaglio della Corte costituzionale, sotto il profilo del rispetto dei principi di ragionevolezza e di uguaglianza, stante il coefficiente di pericolosità per le condizioni di base della convivenza e della sicurezza collettiva connaturato agli illeciti di quel genere (ordinanza n. 450 del 1995).

La medesima ratio sarebbe ravvisabile anche in rapporto ad altre fattispecie criminose attualmente richiamate dall’art. 275, comma 3, cod. proc. pen., quali, segnatamente, i delitti di tipo associativo di cui all’art. 416, sesto comma, cod. pen. e all’art. 74 del d.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309 (Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza); non, invece, in relazione ai reati sessuali cui il legislatore del 2009 ha esteso la presunzione, trattandosi di delitti che, pur nella loro «gravità e odiosità», presentano «una meno spiccata caratterizzazione pubblicistica», essendo offensivi di un bene giuridico prettamente individuale (la libertà sessuale).

Sotto tale profilo, la norma novellata si porrebbe dunque in contrasto con l’art. 3 Cost., avendo introdotto, con riferimento ai reati in questione, un trattamento, da un lato, ingiustificatamente identico a quello previsto per i delitti già in precedenza elencati dallo stesso art. 275, comma 3, cod. proc. pen., e, dall’altro, ingiustificatamente più severo di quello stabilito per altri reati.

Risulterebbero violati, di conseguenza, anche gli artt. 13, primo comma, e 27, secondo comma, Cost., giacché, ove venga a cadere la «giustificazione cautelare della detenzione», l’indagato o imputato si troverebbe a subire una immotivata compressione della propria libertà personale e un trattamento riservato al colpevole, prima della sentenza di condanna.

2. – Con ordinanza depositata il 28 maggio 2009 (r.o. n. 14 del 2010), il Tribunale di Torino, sezione per il riesame, ha sollevato, in riferimento agli artt. 3, 13, 27 e 117, primo comma, Cost., questione di legittimità costituzionale del medesimo art. 275, comma 3, cod. proc. pen., nella parte in cui non consente di applicare gli arresti domiciliari o, comunque, misure cautelari diverse e meno afflittive della custodia in carcere in relazione ai delitti previsti dagli artt. 600-bis [primo comma] e 609-bis cod. pen.

Il Tribunale rimettente è investito dell’appello avverso l’ordinanza del 13 febbraio 2009, con la quale il Giudice per le indagini preliminari del medesimo Tribunale ha respinto l’istanza di sostituzione con gli arresti domiciliari della misura della custodia cautelare in carcere, applicata ad una persona indagata, tra l’altro, per i delitti di induzione alla prostituzione minorile (art. 600-bis, primo comma, cod. pen.) e di violenza sessuale aggravata dalle condizioni di minorata difesa della vittima (artt. 609-bis e 61, numero 5, cod. pen.).

In via preliminare, il giudice a quo esclude che possa accogliersi la richiesta di revoca della misura cautelare formulata dal difensore in udienza, giacché – a prescindere dalla limitazione dell’istanza iniziale alla sola sostituzione della misura – le esigenze cautelari, legate al pericolo di reiterazione delle condotte criminose, non sarebbero comunque venute integralmente meno. Nondimeno, l’assenza di elementi circa l’esistenza di altre relazioni con ragazze minorenni, l’effetto deterrente connesso al tempo trascorso in carcere e le particolari contingenze in cui i delitti sarebbero maturati giustificherebbero una valutazione di idoneità di misure meno gravose a fronteggiare il pericolo di ricaduta nel reato: onde sussisterebbero le condizioni per sostituire, in accoglimento dell’appello, la misura in atto con quella degli arresti domiciliari.

Tale operazione risulterebbe, tuttavia, preclusa dalla norma impugnata, la quale, nel testo vigente, stabilisce – a fianco di una presunzione relativa di sussistenza delle esigenze cautelari («salvo che siano acquisiti elementi dai quali risulti che non sussistono esigenze cautelari»), non rilevante nella specie – una presunzione assoluta di adeguatezza della sola misura cautelare della custodia in carcere, applicabile in rapporto ad un’ampia serie di reati, tra cui quelli che interessano.

Ad avviso del giudice a quo, tale disposizione non si sottrarrebbe a dubbi di legittimità costituzionale.

Quanto alla rilevanza della questione, il rimettente osserva che, alla luce di una consolidata interpretazione giurisprudenziale, la disposizione impugnata, in quanto norma processuale, deve ritenersi applicabile – in base al principio tempus regit actum – anche alle misure cautelari da adottare per fatti delittuosi commessi, come nel caso di specie, anteriormente all’entrata in vigore della legge novellatrice.

Con riguardo, poi, alla non manifesta infondatezza, il giudice a quo rileva come la disciplina delle misure cautelari personali sia ispirata ai principi di proporzione, adeguatezza e graduazione, espressamente enunciati dall’art. 2, numero 59, della legge di delegazione 16 febbraio 1987, n. 81 (Delega legislativa al Governo della Repubblica per l’emanazione del nuovo codice di procedura penale), la quale prevede, altresì, l’adeguamento del nuovo codice di rito ai principi della Costituzione e alla normativa convenzionale internazionale. Nell’ambito di tale normativa verrebbe in particolare rilievo l’art. 5, paragrafi 1, lettera c), e 4, della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, firmata a Roma il 4 novembre 1950, ratificata e resa esecutiva con la legge 4 agosto 1955, n. 848: disposizione la cui inosservanza porrebbe la norma interna in contrasto con l’art. 117 , primo comma, Cost., che impone al legislatore ordinario di rispettare i vincoli derivanti dagli «obblighi internazionali».

In applicazione dei ricordati principi di proporzionalità, adeguatezza e graduazione, nel sistema del codice di procedura penale, una volta accertata l’esistenza di gravi indizi di colpevolezza e la sussistenza di esigenze cautelari, il giudice è chiamato ad operare – motivandola – la scelta della misura. Nell’ipotesi, poi, in cui venga applicata la misura «massima» della custodia in carcere, egli è tenuto ad esporre, a pena di nullità, le «concrete e specifiche ragioni per le quali le esigenze di cui all’art. 274 non possono essere soddisfatte con altre misure» (art. 292, comma 2, lettera c-bis, cod. proc. pen.).

La norma impugnata derogherebbe chiaramente a tali principi, che pure trovano riconoscimento negli artt. 13 e 27 Cost., discendendo – secondo quanto affermato dalla Corte costituzionale nella sentenza n. 299 del 2005 – «direttamente dalla natura servente che la Costituzione assegna alla carcerazione preventiva rispetto alle finalità del processo, da un lato, ed alle esigenze di tutela della collettività, dall’altro, tali da giustificare, nel bilanciamento tra interessi, il temporaneo sacrificio della libertà personale di chi non è stato ancora giudicato colpevole in via definitiva». Nella giurisprudenza costituzionale risulterebbe, in effetti, costante l’affermazione per cui, in ossequio al favor libertatis che ispira l’art. 13 Cost., deve essere comunque scelta la soluzione che comporta il minore sacrificio della libertà personale: principio del quale proporzionalità e adeguatezza rappresentano un corollario.

È ben vero che, secondo un orientamento altrettanto costante della giurisprudenza costituzionale, «mentre la sussistenza in concreto di una o più delle esigenze cautelari prefigurate dalla legge (l’an della cautela) comporta, per definizione, l’accertamento, di volta in volta, della loro effettiva ricorrenza, non può invece ritenersi soluzione costituzionalmente obbligata quella di affidare sempre e comunque al giudice l’apprezzamento del tipo di misura in concreto ritenuta come necessaria (il quomodo della tutela), ben potendo tale scelta essere effettuata in termini generali dal legislatore». La scelta legislativa dovrebbe essere, tuttavia, operata pur sempre nel «rispetto del limite della ragionevolezza e del corretto bilanciamento dei valori costituzionali coinvolti».

Nell’ipotesi in esame, per converso, risulterebbe leso proprio il canone della ragionevolezza, sotto il duplice profilo della disparità di trattamento rispetto agli altri casi di sussistenza di gravi indizi di colpevolezza e di esigenze cautelari, e della disparità di trattamento «interna» tra le varie forme di manifestazione concreta delle fattispecie criminose considerate.

Le ipotesi nelle quali la Corte costituzionale ha ritenuto non irragionevole l’imposizione da parte del legislatore della misura cautelare più rigorosa presenterebbero, infatti, particolarità atte a rendere chiara e ben delimitata la ragione della prevalenza sui principi di graduazione e di adeguatezza. Tali, in specie, i casi della pregressa evasione, che impedisce l’applicazione della misura degli arresti domiciliari (artt. 276, comma 1-ter, e 284, comma 5-bis, cod. proc. pen., vagliati, rispettivamente, dalle ordinanze n. 40 del 2002 e n. 130 del 2003), o dell’essere il soggetto gravemente indiziato di un reato aggravato dalle finalità di associazioni di tipo mafioso (ordinanza n. 450 del 1995).

Altrettanto non potrebbe dirsi, invece, per le fattispecie in esame. Risulterebbero difatti evidenti le differenze che intercorrono, ad esempio, tra i reati sessuali in discorso e quello di cui all’art. 416-bis cod. pen. L’appartenenza ad una associazione mafiosa è un delitto di pericolo a carattere permanente, che implica un vincolo «totalizzante» di adesione ad un sodalizio caratterizzato da una particolare forza intimidatrice e da un elevato grado di «diffusività» nel contesto ambientale, tali da porre a rischio, per comune sentire, primari beni individuali e collettivi. Sarebbe, di conseguenza, pienamente giustificabile la presunzione legislativa di adeguatezza della sola misura cautelare carceraria, la quale risulterebbe indispensabile per neutralizzare la pericolosità del soggetto, determinandone il forzoso distacco dal sodalizio.

I delitti sessuali che vengono in rilievo costituiscono, di contro, reati di evento, a carattere non necessariamente permanente, che abbracciano un’ampia gamma di condotte, tra loro estremamente diversificate, in quanto frutto di vari contesti ambientali e relazioni interpersonali, talora meramente contingenti. In questa prospettiva, se rientra nella discrezionalità del legislatore la scelta di inasprire la repressione di fatti avvertiti come particolarmente riprovevoli, quali quelli che aggrediscono la libertà sessuale, risulterebbe, di contro, censurabile l’indissolubile collegamento a tali fatti di una presunzione di pericolosità dell’autore.

Non consentendo di tener conto delle possibili varianti, la norma impugnata determinerebbe, dunque, la totale equiparazione nel trattamento cautelare di situazioni diverse sul piano oggettivo e soggettivo. Essa genererebbe, in pari tempo, rischi di confusione fra trattamento cautelare, improntato al principio del sacrificio minimo della libertà personale, e trattamento punitivo, avente connotazioni più propriamente retributive, con possibile attribuzione alla cautela di una funzione di anticipazione della pena, in contrasto con l’art. 27 Cost.

Né varrebbe far leva, in senso contrario, sulla prevista esclusione della presunzione di adeguatezza della sola custodia cautelare in carcere nelle ipotesi attenuate contemplate dalle stesse norme incriminatrici dei reati sessuali, trattandosi di ipotesi «comunque estremamente circoscritte, secondo l’interpretazione ormai consolidata di esse».

3. – Il novellato art. 275, comma 3, cod. proc. pen. è sottoposto a scrutinio di legittimità costituzionale, in riferimento agli artt. 3 e 13 Cost., anche dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Venezia con ordinanza depositata il 4 novembre 2009 (r.o. n. 66 del 2010), nella parte in cui non consente la sostituzione della misura della custodia cautelare in carcere con gli arresti domiciliari in relazione al delitto previsto dall’art. 609-quater, primo comma, numero 1), cod. pen.

Il giudice a quo premette di essere investito dell’istanza di revoca o di sostituzione della misura della custodia cautelare in carcere, applicata ad una persona indagata per il delitto continuato di cui all’articolo ora citato, avendo indotto ad atti sessuali un minore di atti quattordici; fatto commesso nei giorni 10 e 11 dicembre 2008.

Ad avviso del rimettente, non sussisterebbero le condizioni per la revoca della misura, permanendo le esigenze cautelari di cui all’art. 274, comma 1, lettera c), cod. proc. pen., che, tuttavia – tenuto conto dell’«evoluzione migliorativa» del quadro sulla cui base era stata disposta la custodia in carcere – potrebbero essere adeguatamente soddisfatte con la misura meno afflittiva degli arresti domiciliari.

Anche in questo caso, l’accoglimento dell’istanza di sostituzione risulterebbe, peraltro, impedito dal nuovo testo dell’art. 275, comma 3, cod. proc. pen., che, per la sua natura processuale, dovrebbe ritenersi applicabile, in forza del principio tempus regit actum, anche in relazione ai fatti commessi anteriormente alla sua entrata in vigore.

La nuova disciplina si porrebbe, tuttavia, in contrasto con gli artt. 3 e 13 Cost. Essa metterebbe, difatti, in «crisi» i principi di adeguatezza e graduazione che, in via generale, regolano l’esercizio del potere cautelare, rovesciando la logica del «minore sacrificio necessario» sottostante alla formulazione originaria dell’art. 275, comma 3, cod. proc. pen., in forza della quale è conferito ordinariamente al giudice della cautela il potere-dovere di distinguere i diversi fatti riconducibili alla medesima figura di reato e la differente intensità delle esigenze di tutela, ai fini della scelta della misura meglio rispondente al caso concreto.

È ben vero che la Corte costituzionale ha reputato ragionevoli, e dunque costituzionalmente compatibili, interventi normativi che, in deroga ai suddetti principi, hanno introdotto presunzioni del tipo considerato nel sistema delle misure cautelari, riconoscendo che «spetta al legislatore individuare il punto di equilibrio tra le diverse esigenze della minore restrizione possibile della libertà personale e della effettiva garanzia degli interessi di rilievo costituzionale tutelati attraverso la previsione degli strumenti cautelari nel processo penale» (ordinanza n. 450 del 1995). Ciò è avvenuto, tuttavia, con riferimento ad iniziative ben delimitate, volte a fronteggiare «emergenze» a carattere straordinario: quali, segnatamente, quelle di contrasto della criminalità di tipo mafioso, la quale, per la complessità della sua struttura e i durevoli vincoli «di appartenenza, radicamento e progettuali» che la connotano, esprime un elev ato coefficiente di pericolosità per i valori fondamentali della convivenza civile e dell’ordine democratico.

Mai, peraltro, la giurisprudenza costituzionale avrebbe autorizzato il legislatore a trasformare la regola dell’«adeguatezza» e della «graduazione» in eccezione, precludendo, in base ad ampie generalizzazioni, la possibilità di un trattamento individualizzante rispetto al grado delle esigenze cautelari e sancendo, in via astratta, l’irrilevanza di qualsiasi forma di evoluzione migliorativa delle medesime.

L’estensione della presunzione legale assoluta di adeguatezza della sola custodia cautelare in carcere al «troppo ampio e mutevole» catalogo di delitti oggi richiamati dalla norma censurata sarebbe avvenuta, in effetti, secondo logiche diverse e del tutto incompatibili rispetto a quelle passate positivamente al vaglio del Giudice delle leggi.

Con particolare riguardo alla tutela penale della libertà sessuale, si sarebbe infatti al cospetto di fenomeni di devianza individuale che si manifestano attraverso condotte della più diversa gravità, spesso conseguenti a patologie, le quali possono, in un non trascurabile numero di casi, risultare contenibili, sul piano cautelare, con misure diverse dalla custodia in carcere: donde un insopprimibile bisogno di differenziare, sulla base di un apprezzamento in concreto, i vari fatti riconducibili al paradigma legale astratto.

È del resto costante, nella giurisprudenza costituzionale, l’affermazione per cui, in ossequio al favor libertatis che ispira l’art. 13 Cost., la discrezionalità legislativa nella disciplina della materia considerata deve orientarsi verso scelte che implichino il «minore sacrificio necessario». Con la conseguenza che ove la compressione dei principi di «adeguatezza» e «graduazione» non trovi coerente ragione giustificatrice nel corretto bilanciamento dei valori costituzionali coinvolti, essa costituirebbe lesione dell’art. 3 Cost., sotto il profilo dell’irragionevolezza, attraverso un uso distorto della discrezionalità legislativa.

È quanto si sarebbe appunto verificato con la norma censurata, la quale, tramite la ricordata presunzione assoluta, avrebbe ingiustamente parificato situazioni uguali, bensì, quanto a requisiti legali di fattispecie, ma diverse quanto a specifici connotati di fatto: realizzando, così, un inaccettabile «eccesso di mezzi» rispetto al fine della prevenzione di nuovi delitti.

4. – È intervenuto, in tutti i giudizi di costituzionalità, il Presidente del Consiglio dei ministri, rappresentato e difeso dall’Avvocatura generale dello Stato, chiedendo che le questioni siano dichiarate manifestamente infondate.

La difesa dello Stato osserva come la Corte costituzionale, proprio nell’ordinanza n. 450 del 1995, invocata dagli stessi giudici rimettenti, abbia precisato che mentre non può prescindersi da un accertamento, in concreto, dell’effettiva sussistenza delle esigenze cautelari prefigurate dalla legge, al contrario, la scelta del tipo di misura cautelare non impone di riservare al giudice analogo potere di apprezzamento, «ben potendo essere effettuata in termini generali dal legislatore, nel rispetto della ragionevolezza della scelta e del corretto bilanciamento dei valori costituzionali coinvolti».

Nella specie, la scelta legislativa di imporre, in presenza di esigenze cautelari, la custodia in carcere non potrebbe essere ritenuta irragionevole solo perché i reati sessuali presenterebbero una meno spiccata caratterizzazione pubblicistica rispetto ai delitti associativi di stampo mafioso, trattandosi di reati che comunque offendono il bene fondamentale, di rilevanza costituzionale, della libertà personale.

Le fattispecie criminose in questione costituiscono, inoltre, reati di evento, dei quali non potrebbe essere apoditticamente sostenuta la minore gravità rispetto ai delitti associativi, che sono pur sempre dei reati di pericolo.

La norma denunciata non violerebbe neppure l’art. 13, primo comma, Cost., essendo stato rispettato il principio della riserva di legge in materia di provvedimenti restrittivi della libertà personale; né l’art. 27, secondo comma, Cost., stante l’estraneità della presunzione di non colpevolezza all’assetto e alla conformazione delle misure restrittive della libertà personale che operano sul piano cautelare, del tutto distinto rispetto a quello concernente la condanna e l’irrogazione della pena, così come puntualizzato dalla citata ordinanza n. 450 del 1995.

Insussistente sarebbe, infine, la violazione dell’art. 117, primo comma, Cost. denunciata dal Tribunale di Torino, tenuto conto del fatto che, pure in presenza di disposizioni della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo volte a salvaguardare i diritti dei detenuti, la Corte di Strasburgo non si è mai espressa nel senso dell’incompatibilità con tali disposizioni di una norma nazionale quale quella denunciata.

5. – Nel giudizio relativo all’ordinanza r.o. n. 310 del 2009 si è costituito C. A., persona sottoposta alle indagini nel procedimento a quo, chiedendo che la norma impugnata sia dichiarata costituzionalmente illegittima, nella parte in cui include i reati «a sfondo sessuale» tra quelli per i quali è obbligatoriamente prevista la custodia in carcere in presenza di gravi indizi di colpevolezza e di esigenze cautelari.

Il difensore della parte privata rileva come, tramite l’estensione ai reati sessuali della disciplina anteriormente prevista per i soli delitti di associazione mafiosa o a questa collegati, il legislatore del 2009 abbia inteso rispondere, con un «segnale forte», ad un «diffuso quanto generico “bisogno di giustizia”», suscitato da vicende concrete che hanno avuto ampia risonanza nei mass media.

Il legislatore non avrebbe, tuttavia, tenuto conto del diverso spirito della norma originaria, dando vita ad una disciplina di più che dubbia compatibilità costituzionale, secondo quanto rilevato dal Consiglio superiore della magistratura già in sede di espressione del parere sul decreto-legge n. 11 del 2009. In rapporto ai reati sessuali non sarebbe, infatti, ravvisabile la ragione giustificativa che ha indotto la Corte costituzionale a disattendere le censure mosse, sul piano del rispetto dei principi di eguaglianza e di ragionevolezza, alla presunzione di adeguatezza della sola custodia cautelare in carcere sancita in rapporto i delitti di criminalità organizzata di tipo mafioso.

Sarebbe, in effetti, evidente la disparità di trattamento fra colui che si trova indagato per un reato a sfondo sessuale, il quale, in presenza di esigenze cautelari, viene obbligatoriamente sottoposto a custodia carceraria, senza possibilità di attenuazione della stessa, e chi, indagato per reati diversi – magari ben più gravi, non soltanto dal punto di vista della pena edittale, ma anche per la sicurezza collettiva (quale, ad esempio, la cessione di sostanze stupefacenti a minori) – può invece fruire di misure meno gravose.

Conformemente a quanto ritenuto dal giudice a quo, la norma censurata violerebbe, dunque, tanto l’art. 3 Cost., per equiparazione nel trattamento cautelare di situazioni oggettivamente e soggettivamente diverse, sia in astratto che in concreto; quanto gli artt. 13, primo comma, e 27, secondo comma, Cost., giacché l’automatismo applicativo della custodia in carcere per i reati in questione renderebbe inoperanti i criteri di adeguatezza e proporzionalità, da cui deriva la necessità che sia sempre affidata al giudice la determinazione della misura più consona al caso concreto, trasformando indebitamente lo strumento cautelare in una anticipazione della pena.

Considerato in diritto

1. – Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Belluno, il Tribunale di Torino, sezione per il riesame, e il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Venezia dubitano della legittimità costituzionale dell’art. 275, comma 3, del codice di procedura penale, come modificato dall’art. 2 del decreto-legge 23 febbraio 2009, n. 11 (Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori), convertito, con modificazioni, dalla legge 23 aprile 2009, n. 38, nella parte in cui non consente di applicare misure cautelari diverse e meno afflittive della custodia in carcere alla persona raggiunta da gravi indizi di colpevolezza in ordine a taluni reati, oggetto dei procedimenti a quibus: vale a dire per i delitti di violenza sessuale (art. 609-bis del codice penale: ordinanze r.o. n. 311 del 2009 e n. 14 del 2010), atti sessuali con minorenne (art. 609-quat er del medesimo codice: ordinanze n. 310 del 2009 e n. 66 del 2010, la seconda delle quali riferisce, peraltro, più specificamente la censura alla fattispecie degli atti sessuali con minore di anni quattordici, prevista dal numero 1 del primo comma di detto articolo), induzione o sfruttamento della prostituzione minorile (art. 600-bis, primo comma, cod. pen.: ordinanza r.o. n. 14 del 2010).

Ad avviso dei giudici rimettenti, la norma censurata violerebbe l’art. 3 della Costituzione sotto plurimi profili.

In primo luogo – secondo il Giudice veneziano – per la irrazionale deroga da essa apportata ai principi di adeguatezza, proporzionalità e graduazione, che regolano, in via generale, l’esercizio del potere cautelare: deroga che non risulterebbe sorretta, quanto ai delitti a sfondo sessuale, da ragioni giustificatrici analoghe a quelle che hanno indotto questa Corte a ritenere costituzionalmente legittimo lo speciale regime cautelare in discussione rispetto alla criminalità di tipo mafioso, cui esso era in precedenza circoscritto.

In secondo luogo – a parere del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Belluno – per la ingiustificata equiparazione dei reati considerati, i quali, pur nella loro gravità e «odiosità», offendono un bene individuale, ai delitti di stampo mafioso, che mettono invece in pericolo le condizioni di base della convivenza e della sicurezza collettiva.

In terzo luogo – tanto secondo il Giudice bellunese che secondo il Tribunale di Torino – per la sottoposizione di detti reati ad un trattamento cautelare ingiustificatamente più severo di quello stabilito per altre fattispecie criminose, cui la disciplina censurata non è estesa, ancorché punite con pene più gravi.

Da ultimo – a parere dei Giudici per le indagini preliminari bellunese e veneziano – per l’irragionevole equiparazione, sul piano cautelare, delle varie condotte integrative dei delitti cui attengono le censure dei rimettenti (violenza sessuale e atti sessuali con minorenne), le quali potrebbero risultare, in concreto, marcatamente differenziate tra loro sul piano oggettivo e soggettivo.

I giudici a quibus denunciano altresì, concordemente, la violazione dell’art. 13 Cost., rilevando come la norma impugnata venga ad imporre un sacrificio della libertà personale dell’indagato o dell’imputato superiore a quello minimo che, nelle circostanze concrete, può risultare necessario e sufficiente al fine di soddisfare le esigenze cautelari.

Risulterebbe leso, ancora – secondo il Giudice bellunese e il Tribunale di Torino – l’art. 27, secondo comma, Cost., in quanto la previsione normativa sottoposta a scrutinio finirebbe per attribuire al trattamento cautelare una funzione di anticipazione della pena, contrastante con la presunzione di non colpevolezza.

Il solo Tribunale di Torino prospetta, infine, la violazione dell’art. 117, primo comma, Cost., per asserito contrasto della norma censurata con l’art. 5, paragrafi 1, lettera c), e 4, della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali.

2. – Le ordinanze di rimessione sollevano questioni analoghe, relative alla medesima norma, sicché i giudizi vanno riuniti per essere definiti con unica decisione.

3. – In via preliminare, va osservato che si presenta del tutto plausibile la soluzione interpretativa sulla cui base anche il Tribunale di Torino e il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Venezia affermano la rilevanza delle questioni nei procedimenti a quibus, benché questi abbiano ad oggetto imputazioni di fatti commessi prima della vigenza della norma censurata.

La giurisprudenza di legittimità risulta, infatti, concorde nel ritenere che il nuovo testo dell’art. 275, comma 3, cod. proc. pen., introdotto dalla novella del 2009, sia destinato a trovare applicazione – in forza del principio tempus regit actum, che disciplina la successione delle norme processuali – anche nei procedimenti in corso, relativi appunto a fatti commessi anteriormente alla data di entrata in vigore della novella suddetta: ciò, quantomeno allorché si discuta, come nei casi di specie, di istanze di sostituzione della misura della custodia cautelare in carcere, precedentemente applicata, con altra misura meno gravosa (oscillazioni giurisprudenziali si riscontrano solo in rapporto all’ipotesi inversa).

4. – Nel merito, la questione è fondata in riferimento agli artt. 3, 13, primo comma, e 27, secondo comma, Cost., nei limiti di seguito specificati.

5. – La disposizione oggetto di scrutinio trova collocazione nell’ambito della disciplina codicistica delle misure cautelari personali, in particolare di quelle coercitive (artt. 272-286-bis), tutte consistenti nella privazione – in varie qualità, modalità e tempi – della libertà personale dell’indagato o dell’imputato durante il procedimento e prima comunque del giudizio definitivo sulla sua responsabilità.

In ragione di questi caratteri, i limiti di legittimità costituzionale di dette misure, a fronte del principio di inviolabilità della libertà personale (art. 13, primo comma, Cost.), sono espressi – oltre che dalla riserva di legge, che esige la tipizzazione dei casi e dei modi, nonché dei tempi di limitazione di tale libertà, e dalla riserva di giurisdizione, che esige sempre un atto motivato del giudice (art. 13, secondo e quinto comma, Cost.) – anche e soprattutto, per quanto qui rileva, dalla presunzione di non colpevolezza (art. 27, secondo comma, Cost.), in forza della quale l’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva.

L’antinomia tra tale presunzione e l’espressa previsione, da parte della stessa Carta costituzionale, di una detenzione ante iudicium (art. 13, quinto comma) è, in effetti, solo apparente: giacché è proprio la prima a segnare, in negativo, i confini di ammissibilità della seconda. Affinché le restrizioni della libertà personale dell’indagato o imputato nel corso del procedimento siano compatibili con la presunzione di non colpevolezza è necessario che esse assumano connotazioni nitidamente differenziate da quelle della pena, irrogabile solo dopo l’accertamento definitivo della responsabilità: e ciò, ancorché si tratti di misure – nella loro specie più gravi – ad essa corrispondenti sul piano del contenuto afflittivo. Il principio enunciato dall’art. 27, secondo comma, Cost. rappresenta, in altre parole, uno sbarramento insuperabile ad ogni ipotesi di assimilazione della coercizione processuale penale alla coercizione propria del diritto penale sostanziale, malgrado gli elementi che le accomunano.

Da ciò consegue – come questa Corte ebbe a rilevare sin dalla sentenza n. 64 del 1970 – che l’applicazione delle misure cautelari non può essere legittimata in alcun caso esclusivamente da un giudizio anticipato di colpevolezza, né corrispondere – direttamente o indirettamente – a finalità proprie della sanzione penale, né, ancora e correlativamente, restare indifferente ad un preciso scopo (cosiddetto “vuoto dei fini”). Il legislatore ordinario è infatti tenuto, nella tipizzazione dei casi e dei modi di privazione della libertà, ad individuare – soprattutto all’interno del procedimento e talora anche all’esterno (sentenza n. 1 del 1980) – esigenze diverse da quelle di anticipazione della pena e che debbano essere soddisfatte – entro tempi predeterminati (art. 13, quinto comma, Cost.) – durante il corso del procedimento stesso, tali da giustificare , nel bilanciamento di interessi meritevoli di tutela, il temporaneo sacrificio della libertà personale di chi non è stato ancora giudicato colpevole in via definitiva.

Ulteriore indefettibile corollario dei principi costituzionali di riferimento è che la disciplina della materia debba essere ispirata al criterio del “minore sacrificio necessario” (sentenza n. 299 del 2005): la compressione della libertà personale dell’indagato o dell’imputato va contenuta, cioè, entro i limiti minimi indispensabili a soddisfare le esigenze cautelari riconoscibili nel caso concreto.

Sul versante della “qualità” delle misure, ne consegue che il ricorso alle forme di restrizione più intense – e particolarmente a quella “massima” della custodia carceraria – deve ritenersi consentito solo quando le esigenze processuali o extraprocessuali, cui il trattamento cautelare è servente, non possano essere soddisfatte tramite misure di minore incisività. Questo principio è stato affermato in termini netti anche dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, secondo la quale, in riferimento alla previsione dell’art. 5, paragrafo 3, della Convenzione, la carcerazione preventiva «deve apparire come la soluzione estrema che si giustifica solamente allorché tutte le altre opzioni disponibili si rivelino insufficienti» (sentenze 2 luglio 2009, Vafiadis contro Grecia, e 8 novembre 2007, Lelièvre contro Belgio).

Il criterio del “minore sacrificio necessario” impegna, dunque, in linea di massima, il legislatore, da una parte, a strutturare il sistema cautelare secondo il modello della “pluralità graduata”, predisponendo una gamma alternativa di misure, connotate da differenti gradi di incidenza sulla libertà personale; dall’altra, a prefigurare meccanismi “individualizzati” di selezione del trattamento cautelare, parametrati sulle esigenze configurabili nelle singole fattispecie concrete.

6. – Il complesso di indicazioni costituzionali dianzi evidenziate trova puntuale eco nella disciplina dettata dal codice di procedura penale, in attuazione della direttiva n. 59 della legge di delegazione 16 febbraio 1987, n. 81.

Nella cornice di tale disciplina, la gravità in astratto dei reati oggetto del procedimento rileva, difatti – in linea di principio – solo come limite generale di applicazione delle misure cautelari (art. 280, commi 1 e 2, cod. proc. pen.) o come quantum del limite temporale massimo di durata (ai fini della cosiddetta scarcerazione automatica: art. 303 cod. proc. pen.), non come criterio di scelta sul “se” e sulla “specie” della misura.

Un giudizio di gravità può essere legittimato, in determinate prospettive, solo sul fatto concreto oggetto del procedimento (ad esempio, artt. 274, comma 1, lettera c, e 275, comma 2, cod. proc. pen.) e in via generale è richiesto, come condizione di applicazione delle misure, sugli indizi a carico: è la cosiddetta gravità indiziaria prevista dall’art. 273, comma 1, dello stesso codice.

Si tratta, peraltro, di condizione necessaria, ma non sufficiente, dovendo la gravità indiziaria sempre accompagnarsi ad esigenze cautelari, specificamente individuate dalla legge, legate alla tutela dell’acquisizione o della genuinità della prova, al pericolo di fuga dell’imputato ovvero al rischio di commissione di gravi reati o di reati della stessa specie di quello per cui si procede (art. 274 cod. proc. pen.).

In accordo con il modello sopra indicato, viene altresì tipizzato un “ventaglio” di misure, di gravità crescente in relazione all’incidenza sulla libertà personale: divieto di espatrio (art. 281), obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria (art. 282), allontanamento dalla casa familiare (art. 282-bis), divieto e obbligo di dimora (variamente modulabile quanto ai tempi e ai limiti territoriali: art. 283), arresti domiciliari (variamente modulabili anche in luoghi diversi dall’abitazione propria del soggetto, vale a dire in altri luoghi privati o in luoghi pubblici di cura o di assistenza: art. 284), custodia cautelare in carcere (art. 285).

Di particolare rilievo, ai presenti fini, sono poi i criteri di scelta delle misure nel novero di quelle tipizzate. Il primo e fondamentale è quello di adeguatezza (art. 275, comma 1), secondo il quale, «nel disporre le misure, il giudice tiene conto della specifica idoneità di ciascuna in relazione alla natura e al grado delle esigenze cautelari da soddisfare nel caso concreto». A questo precetto fa riscontro uno specifico obbligo di motivazione sul punto, sancito a pena di nullità (art. 292, comma 2, lettera c, cod. proc. pen.).

È di tutta evidenza come proprio nel criterio di adeguatezza, correlato alla “gamma” graduata delle misure, trovi espressione il principio – implicato dal quadro costituzionale di riferimento – del “minore sacrificio necessario”: entro il “ventaglio” delle alternative prefigurate dalla legge, il giudice deve infatti prescegliere la misura meno afflittiva tra quelle astrattamente idonee a tutelare le esigenze cautelari nel caso concreto, in modo da ridurre al minimo indispensabile la lesività determinata dalla coercizione endoprocedimentale.

A completamento e specificazione del criterio in parola è, poi, previsto che la più gravosa delle misure cautelari personali coercitive, vale a dire la custodia cautelare carceraria, «può essere disposta soltanto quando ogni altra misura risulti inadeguata» (art. 275, comma 3, primo periodo, cod. proc. pen.). Su ciò il giudice che la applica è tenuto a dare, a pena di nullità, una motivazione appropriata, mediante «l’esposizione delle concrete e specifiche ragioni per le quali le esigenze di cui all’articolo 274 non possono essere soddisfatte con altre misure» (art. 292, comma 2, lettera c-bis, cod. proc. pen.). Si tratta della natura cosiddetta residuale-eccezionale, o di extrema ratio, di questa misura.

È inoltre enunciato il criterio di proporzionalità, secondo il quale «ogni misura deve essere proporzionata all’entità del fatto e alla sanzione che sia stata o si ritiene possa essere irrogata» (art. 275, comma 2, cod. proc. pen.).

7. – Tratto saliente complessivo del regime ora ricordato – conforme al quadro costituzionale di riferimento – è quello di non prevedere automatismi né presunzioni. Esso esige, invece, che le condizioni e i presupposti per l’applicazione di una misura cautelare restrittiva della libertà personale siano apprezzati e motivati dal giudice sulla base della situazione concreta, alla stregua dei ricordati principi di adeguatezza, proporzionalità e minor sacrificio, così da realizzare una piena “individualizzazione” della coercizione cautelare.

Da tali coordinate si discosta in modo vistoso – assumendo, con ciò, carattere derogatorio ed eccezionale – la disciplina attualmente espressa dal secondo e dal terzo periodo del comma 3 dell’art. 275 cod. proc. pen., non presente nel testo originario del codice, ma in esso inserita via via, con lo strumento della decretazione d’urgenza, in un primo tempo tramite l’aggiunta del solo secondo periodo al citato art. 275, comma 3, sulla spinta di una situazione apprezzata come “emergenziale”, legata segnatamente alla rilevata recrudescenza del fenomeno della criminalità mafiosa e di altri gravi o gravissimi reati (art. 5, comma 1, del decreto-legge 13 maggio 1991, n. 152, recante «Provvedimenti urgenti in tema di lotta alla criminalità organizzata e di trasparenza e buon andamento dell’attività amministrativa», convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 1991, n. 203, e art. 1, comma 1, del decreto-legge 9 settembre 1991, n. 292, recante «Disposizioni in materia di custodia cautelare, di avocazione dei procedimenti penali per reati di criminalità organizzata e di trasferimenti di ufficio di magistrati per la copertura di uffici giudiziari non richiesti», convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 1991, n. 356); successivamente (attraverso l’art. 5 della legge 8 agosto 1995, n. 332, recante «Modifiche al codice di procedura penale in tema di semplificazione dei procedimenti, di misure cautelari e di diritto di difesa») con un contenimento di questa speciale disciplina, mediante una drastica riduzione dei reati a essa assoggettati a quelli di cui all’art. 416-bis cod. pen. ovvero commessi avvalendosi delle condizioni previste da detto articolo o per agevolare le associazioni ivi indicate; infine, nuovamente e notevolmente ampliando il novero dei reati stessi, con le addizioni recate al vigente secondo periodo e con quelle ulterior i incluse nel nuovo terzo periodo del comma 3 dell’art. 275 (med iante gli interventi parimenti emergenziali dell’art. 2 del decreto-legge 23 febbraio 2009, n. 11, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 aprile 2009, n. 38).

In base alla disciplina in questione, nei procedimenti per taluni delitti, analiticamente elencati, ove ricorra la condizione della gravità indiziaria, il giudice dispone senz’altro l’applicazione della misura cautelare della custodia carceraria, «salvo che siano acquisiti elementi dai quali risulti che non sussistono esigenze cautelari».

Per comune opinione, la previsione ora ricordata racchiude una duplice presunzione. La prima, a carattere relativo, attiene alle esigenze cautelari, che il giudice deve considerare sussistenti, quante volte non consti la prova della loro mancanza (prova di tipo negativo, dunque, che deve necessariamente proiettarsi su ciascuna delle fattispecie identificate dall’art. 274 cod. proc. pen.). La seconda, a carattere assoluto, concerne la scelta della misura: ove la presunzione relativa non risulti vinta, subentra un apprezzamento legale, vincolante e incontrovertibile, di adeguatezza della sola custodia carceraria a fronteggiare le esigenze presupposte, con conseguente esclusione di ogni soluzione “intermedia” tra questa e lo stato di piena libertà dell’imputato.

Il modello ora evidenziato si traduce, sul piano pratico, in una marcata attenuazione dell’obbligo di motivazione dei provvedimenti applicativi della custodia cautelare in carcere. Secondo un indirizzo consolidato della giurisprudenza di legittimità, difatti, in presenza di gravi indizi di colpevolezza per uno dei reati considerati, il giudice assolve il suddetto obbligo dando semplicemente atto dell’inesistenza di elementi idonei a vincere la presunzione di sussistenza delle esigenze cautelari, senza dovere specificamente motivare sul punto; mentre solo nel caso in cui l’indagato o la sua difesa abbiano allegato elementi di segno contrario, egli sarà tenuto a giustificare la ritenuta inidoneità degli stessi a superare la presunzione. Non vi sarà luogo, in ogni caso, ad esporre quanto ordinariamente richiesto dalla seconda parte delle lettere c) e c-bis) dell’art. 292, comma 2, cod. proc. pen., rimanendo irrilevante , a fronte dell’apprezzamento legale, l’eventuale convinzione del giudice che le esigenze cautelari possano essere concretamente soddisfatte tramite una misura cautelare meno incisiva di quella “massima”.

Tali marcati profili di scostamento rispetto al regime ordinario avevano indotto il legislatore – nell’ambito di un più generale disegno di recupero delle garanzie in materia di misure cautelari – a delimitare in senso restrittivo il campo di applicazione della disciplina derogatoria, costituente un vero e proprio regime cautelare speciale di natura eccezionale. Riferito, ai suoi esordi, ad una nutrita e disparata serie di figure criminose, il regime speciale era stato infatti circoscritto – a partire dal 1995, come dianzi ricordato – ai soli procedimenti per delitti di mafia in senso stretto (art. 5, comma 1, della citata legge n. 332 del 1995).

In tali limiti, la previsione aveva superato il vaglio tanto di questa Corte che della Corte europea dei diritti dell’uomo. Entrambe le Corti avevano, infatti, in vario modo valorizzato la specificità dei predetti delitti, la cui connotazione strutturale astratta (come reati associativi e, dunque, permanenti entro un contesto di criminalità organizzata, o come reati a tale contesto comunque collegati) valeva a rendere «ragionevoli» – nei relativi procedimenti – le presunzioni in questione, e segnatamente quella di adeguatezza della sola custodia carceraria, trattandosi, in sostanza, della misura più idonea a neutralizzare il periculum libertatis connesso al verosimile protrarsi dei contatti tra imputato ed associazione.

In particolare, con l’ordinanza n. 450 del 1995, questa Corte aveva escluso che la presunzione in parola violasse gli artt. 3, 13, primo comma, e 27, secondo comma, Cost., rilevando che se la verifica della sussistenza delle esigenze cautelari («l’an della cautela») non può prescindere da un accertamento in concreto, l’individuazione della misura da applicare («il quomodo») non comporta indefettibilmente l’affidamento al giudice di analogo potere di apprezzamento, potendo la scelta essere effettuata anche in termini generali dal legislatore, purché «nel rispetto del limite della ragionevolezza e del corretto bilanciamento dei valori costituzionali coinvolti» (in senso analogo, sul punto, ordinanze n. 130 del 2003 e n. 40 del 2002). Nella specie, deponeva nel senso della ragionevolezza della soluzione adottata «la delimitazione della norma all’area dei delitti di criminalità organizzata di tipo mafioso», tenuto cont o del «coefficiente di pericolosità per le condizioni di base della convivenza e della sicurezza collettiva che agli illeciti di quel genere è connaturato».

A sua volta, la Corte di Strasburgo – pronunciando su un ricorso volto a denunciare l’irragionevole durata della custodia cautelare in carcere applicata ad un indagato per il delitto di cui all’art. 416-bis cod. pen. e la conseguente violazione dell’art. 5, paragrafo 3, della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo – non aveva mancato di rilevare come una presunzione quale quella prevista dall’art. 275, comma 3, cod. proc. pen. potesse, in effetti, «impedire al giudice di adattare la misura cautelare alle esigenze del caso concreto» e, dunque, «apparire eccessivamente rigida». Nondimeno, secondo la Corte europea, la disciplina in esame rimaneva giustificabile alla luce «della natura specifica del fenomeno della criminalità organizzata e soprattutto di quella di stampo mafioso», e segnatamente in considerazione del fatto che la carcerazione provvisoria delle persone accusate del delitto in qu estione «tende a tagliare i legami esistenti tra le persone interessate e il loro ambito criminale di origine, al fine di minimizzare il rischio che esse mantengano contatti personali con le strutture delle organizzazioni criminali e possano commettere nel frattempo delitti» (sentenza 6 novembre 2003, Pantano contro Italia).

8. – È su questo quadro che si innesta l’ulteriore intervento novellistico che dà origine agli odierni quesiti di costituzionalità, operato con il decreto-legge n. 11 del 2009, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 38 del 2009.

Compiendo un “salto di qualità” a ritroso, rispetto alla novella del 1995, l’art. 2, comma 1, lettere a) e a-bis), del citato provvedimento d’urgenza riespande l’ambito di applicazione della disciplina eccezionale ai procedimenti aventi ad oggetto numerosi altri reati, individuati in parte mediante diretto richiamo agli articoli di legge che descrivono le relative fattispecie e per il resto tramite rinvio “mediato” alle norme processuali di cui all’art. 51, commi 3-bis e 3-quater, cod. proc. pen.; reati tra i quali si annoverano quelli considerati dalle ordinanze di rimessione, e cioè l’induzione o sfruttamento della prostituzione minorile (art. 600-bis, primo comma, cod. pen.); la violenza sessuale (art. 609-bis cod. pen.), salvo che ricorra l’attenuante di cui al terzo comma («casi di minore gravità»); gli atti sessuali con minorenne (art. 609-quater cod. pen.), salvo che ricorra l&# 8217;attenuante di cui al quarto comma («casi di minore gravità»).

È agevole constatare come le estensioni operate – successivamente implementate da modifiche legislative che non hanno interessato direttamente la norma impugnata (ad esempio, art. 12, comma 4-bis, del d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286, recante il «Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero», aggiunto dalla legge 15 luglio 2009, n. 94, recante «Disposizioni in materia di sicurezza pubblica») – riguardino fattispecie penali in larga misura eterogenee fra loro (fatta eccezione per i delitti “a sfondo sessuale”), e cioè poste a tutela di differenti beni giuridici, assai diversamente strutturate e con trattamenti sanzionatori anche notevolmente differenti (si pensi all’omicidio volontario, al sequestro di persona a scopo di estorsione, all’associazione finalizzata al contrabbando di tabacchi lavorati esteri, ai delitti commessi con finalità di terrorismo o di eversione) e accomunate unicamente dall’essere i relativi procedimenti assoggettati al regime cautelare speciale in questione.

9. – Tutte le ordinanze di rimessione censurano la norma impugnata limitatamente al fatto che non consente di applicare una misura cautelare meno afflittiva nei procedimenti a quibus, aventi ad oggetto i delitti sessuali dianzi citati. È, dunque, sottoposta allo scrutinio di costituzionalità esclusivamente la presunzione assoluta di adeguatezza della sola custodia cautelare carceraria, mentre resta fuori del devoluto la presunzione relativa di sussistenza delle esigenze cautelari: dandosi per scontata questa sussistenza, ciò che rileva, secondo i rimettenti, e determina l’illegittimità costituzionale è la lesione del principio del “minore sacrificio necessario”.

10. – La lesione denunciata è effettivamente riscontrabile.

Secondo la giurisprudenza di questa Corte, «le presunzioni assolute, specie quando limitano un diritto fondamentale della persona, violano il principio di eguaglianza, se sono arbitrarie e irrazionali, cioè se non rispondono a dati di esperienza generalizzati, riassunti nella formula dell’id quod plerumque accidit». In particolare, l’irragionevolezza della presunzione assoluta si coglie tutte le volte in cui sia “agevole” formulare ipotesi di accadimenti reali contrari alla generalizzazione posta a base della presunzione stessa (sentenza n. 139 del 2010).

Per questo verso, alle figure criminose che interessano non può estendersi la ratio già ritenuta, sia da questa Corte che dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, idonea a giustificare la deroga alla disciplina ordinaria quanto ai procedimenti relativi a delitti di mafia in senso stretto: vale a dire che dalla struttura stessa della fattispecie e dalle sue connotazioni criminologiche – connesse alla circostanza che l’appartenenza ad associazioni di tipo mafioso implica un’adesione permanente ad un sodalizio criminoso di norma fortemente radicato nel territorio, caratterizzato da una fitta rete di collegamenti personali e dotato di particolare forza intimidatrice – deriva, nella generalità dei casi concreti ad essa riferibili e secondo una regola di esperienza sufficientemente condivisa, una esigenza cautelare alla cui soddisfazione sarebbe adeguata solo la custodia in carcere (non essendo le misure “minori& #8221; sufficienti a troncare i rapporti tra l’indiziato e l’ambito delinquenziale di appartenenza, neutralizzandone la pericolosità).

Con riguardo ai delitti sessuali in considerazione non è consentito pervenire ad analoga conclusione. La regola di esperienza, in questo caso, è ben diversa: ed è che i fatti concreti, riferibili alle fattispecie in questione (pur a prescindere dalle ipotesi attenuate e considerando quelle ordinarie) non solo presentano disvalori nettamente differenziabili, ma anche e soprattutto possono proporre esigenze cautelari suscettibili di essere soddisfatte con diverse misure.

Per quanto odiosi e riprovevoli, i fatti che integrano i delitti in questione ben possono essere e in effetti spesso sono meramente individuali, e tali, per le loro connotazioni, da non postulare esigenze cautelari affrontabili solo e rigidamente con la massima misura.

Altrettanto può dirsi per quei fatti che si manifestano all’interno di specifici contesti (ad esempio, quello familiare o scolastico o di particolari comunità), in relazione ai quali le esigenze cautelari possono trovare risposta in misure diverse dalla custodia carceraria e che già il legislatore ha previsto, proprio in via specifica, costituite dall’esclusione coatta in vario modo e misura dal contesto medesimo: gli arresti domiciliari in luogo diverso dalla abitazione del soggetto (art. 284 cod. proc. pen.), eventualmente accompagnati anche da particolari strumenti di controllo (quale il cosiddetto braccialetto elettronico: art. 275-bis), l’obbligo o il divieto di dimora o anche solo di accesso in determinati luoghi (art. 283), l’allontanamento dalla casa familiare (art. 282-bis, ove al comma 6 sono specificamente evocati anche i casi in cui si proceda per taluno dei delitti a sfondo sessuale qui in esame).

A riprova conclusiva della molteplicità e varietà dei fatti punibili per i titoli in esame si può notare che il delitto di violenza sessuale (art. 609-bis cod. pen.) già in astratto comprende – pur tenendo conto della sottrazione al regime cautelare speciale delle ipotesi attenuate – condotte nettamente differenti quanto a modalità lesive del bene protetto, quali quelle corrispondenti alle previgenti fattispecie criminose della violenza carnale e degli atti di libidine violenti. Ciò rende anche più debole la “base statistica” della presunzione assoluta considerata.

11. – La ragionevolezza della soluzione normativa scrutinata non potrebbe essere rinvenuta neppure, per altro verso, nella gravità astratta del reato, considerata sia in rapporto alla misura della pena, sia – come mostra invece di ritenere l’Avvocatura generale dello Stato – in rapporto alla natura (e, in particolare, all’elevato rango) dell’interesse tutelato. Questi parametri giocano un ruolo di rilievo, ma neppure esaustivo, in sede di giudizio di colpevolezza, particolarmente per la determinazione della sanzione, ma risultano, di per sé, inidonei a fungere da elementi preclusivi ai fini della verifica della sussistenza di esigenze cautelari e – per quanto qui rileva – del loro grado, che condiziona l’identificazione delle misure idonee a soddisfarle.

D’altra parte, l’interesse tutelato penalmente è, nella generalità dei casi, un interesse primario, dotato di diretto o indiretto aggancio costituzionale, invocando il quale si potrebbe allargare indefinitamente il novero dei reati sottratti in modo assoluto al principio di adeguatezza, fino a travolgere la valenza di quest’ultimo facendo leva sull’incensurabilità della discrezionalità legislativa.

Ove dovesse aversi riguardo, poi, alla misura edittale della pena, la scelta del legislatore non potrebbe che apparire palesemente scompensata e arbitraria. Procedimenti relativi a gravissimi delitti – puniti con pene più severe di quelli che qui vengono in rilievo (taluni addirittura con l’ergastolo) – restano, infatti, sottratti al regime cautelare speciale: basti pensare alla strage (art. 422 cod. pen.), alla devastazione o saccheggio (art. 419 cod. pen.), alla rapina e all’estorsione aggravate (artt. 628, terzo comma, e 629, secondo comma, cod. pen.), alla produzione, traffico e detenzione illeciti di stupefacenti, anche con riguardo all’ipotesi aggravata di cessione a minorenni (artt. 73 e 80, comma 1, lettera a, del d.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309).

12. – Tanto meno, infine, la presunzione in esame potrebbe rinvenire la sua fonte di legittimazione nell’esigenza di contrastare situazioni causa di allarme sociale, determinate dalla asserita crescita numerica di taluni delitti.

Proprio questa, per contro, è la convinzione che traspare dai lavori parlamentari relativi alla novella del 2009 e che ha portato ad attribuire carattere “emergenziale” all’esigenza di precludere l’applicazione di misure cautelari “attenuate” nei confronti degli indiziati di delitti di tipo sessuale.

La norma oggetto di scrutinio si colloca, infatti, nel corpo delle disposizioni – racchiuse nel capo I del decreto-legge n. 11 del 2009 – volte ad un generale inasprimento del regime cautelare, repressivo e penitenziario dei delitti in questione: inasprimento che, nell’idea dei compilatori, rappresenterebbe la necessaria risposta alla preoccupazione diffusasi nell’opinione pubblica, di fronte alla – percepita – ingravescenza di tale deplorevole forma di criminalità (esplicita, al riguardo, la relazione al disegno di legge di conversione A.C. 2232).

La eliminazione o riduzione dell’allarme sociale cagionato dal reato del quale l’imputato è accusato, o dal diffondersi di reati dello stesso tipo, o dalla situazione generale nel campo della criminalità più odiosa o più pericolosa, non può essere peraltro annoverata tra le finalità della custodia preventiva e non può essere considerata una sua funzione. La funzione di rimuovere l’allarme sociale cagionato dal reato (e meglio che allarme sociale si direbbe qui pericolo sociale e danno sociale) è una funzione istituzionale della pena perché presuppone, ovviamente, la certezza circa il responsabile del delitto che ha provocato l’allarme e la reazione della società.

Non è dubitabile, in effetti, che il legislatore possa e debba rendersi interprete dell’acuirsi del sentimento di riprovazione sociale verso determinate forme di criminalità, avvertite dalla generalità dei cittadini come particolarmente odiose e pericolose, quali indiscutibilmente sono quelle considerate. Ma a tale fine deve servirsi degli strumenti appropriati, costituiti dalla comminatoria di pene adeguate, da infliggere all’esito di processi rapidi a chi sia stato riconosciuto responsabile di quei reati; non già da una indebita anticipazione di queste prima di un giudizio di colpevolezza.

Nella specie, per converso, la totale vanificazione del principio di adeguatezza, in difetto di una ratio correlata alla struttura delle fattispecie criminose di riferimento, cumulandosi alla presunzione relativa di sussistenza delle esigenze cautelari, orienta chiaramente lo “statuto custodiale” – in conformità alle evidenziate risultanze dei lavori parlamentari – verso finalità “metacautelari”, che nel disegno costituzionale devono essere riservate esclusivamente alla sanzione penale inflitta all’esito di un giudizio definitivo di responsabilità.

13. – Alla luce delle considerazioni che precedono, si deve dunque concludere che la norma impugnata viola, in parte qua, sia l’art. 3 Cost., per l’ingiustificata parificazione dei procedimenti relativi ai delitti in questione a quelli concernenti i delitti di mafia nonché per l’irrazionale assoggettamento ad un medesimo regime cautelare delle diverse ipotesi concrete riconducibili ai paradigmi punitivi considerati; sia l’art. 13, primo comma, Cost., quale referente fondamentale del regime ordinario delle misure cautelari privative della libertà personale; sia, infine, l’art. 27, secondo comma, Cost., in quanto attribuisce alla coercizione processuale tratti funzionali tipici della pena.

Al fine di attingere, quanto meno ad un livello minimo e tenuto conto dei limiti delle questioni devolute allo scrutinio di questa Corte, la compatibilità costituzionale della norma censurata non è peraltro necessario rimuovere integralmente la presunzione di cui discute.

Ciò che rende costituzionalmente inaccettabile la presunzione stessa è per certo il suo carattere assoluto, che si risolve in una indiscriminata e totale negazione di rilievo al principio del “minore sacrificio necessario”, anche quando sussistano – come nei casi oggetto dei procedimenti a quibus, secondo quanto riferiscono i giudici rimettenti – specifici elementi da cui desumere, in positivo, la sufficienza di misure diverse e meno rigorose della custodia in carcere.

La previsione di una presunzione solo relativa di adeguatezza di quest’ultima – atta a realizzare una semplificazione del procedimento probatorio suggerita da taluni aspetti ricorrenti del fenomeno criminoso considerato, ma comunque superabile da elementi probatori di segno contrario – non eccede, per contro, i limiti di compatibilità con i parametri evocati, rimanendo per tale verso non censurabile l’apprezzamento legislativo, in rapporto alle caratteristiche dei reati in questione, della ordinaria configurabilità di esigenze cautelari nel grado più intenso (per una conclusione analoga, con riguardo alla fattispecie da essa esaminata, sentenza n. 139 del 2010). In tale modo, si evita comunque l’irrazionale equiparazione dei procedimenti relativi a tali reati a quelli concernenti la criminalità di tipo mafioso e si lascia spazio alla differenziazione delle varie fattispecie concrete riconducibili ai paradigmi punitivi astratti.

I reati in questione restano assoggettati ad un regime cautelare speciale, tuttavia attenuato dalla natura relativa – e quindi superabile – della presunzione di adeguatezza della custodia carceraria e, perciò, non incompatibile con il quadro costituzionale di riferimento.

L’art. 275, comma 3, secondo e terzo periodo, cod. proc. pen. va dichiarato, pertanto, costituzionalmente illegittimo nella parte in cui – nel prevedere che, quando sussistono gravi indizi di colpevolezza in ordine ai delitti di cui agli articoli 600-bis, primo comma, 609-bis e 609-quater del codice penale, è applicata la custodia cautelare in carcere, salvo che siano acquisiti elementi dai quali risulti che non sussistono esigenze cautelari – non fa salva, altresì, l’ipotesi in cui siano acquisiti elementi specifici, in relazione al caso concreto, dai quali risulti che le esigenze cautelari possono essere soddisfatte con altre misure.

14. – La censura formulata dal Tribunale di Torino in relazione all’art. 117, primo comma, Cost. resta assorbita.

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

riuniti i giudizi,

dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 275, comma 3, secondo e terzo periodo, del codice di procedura penale, come modificato dall’art. 2 del decreto-legge 23 febbraio 2009, n. 11 (Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori), convertito, con modificazioni, dalla legge 23 aprile 2009, n. 38, nella parte in cui – nel prevedere che, quando sussistono gravi indizi di colpevolezza in ordine ai delitti di cui agli articoli 600-bis, primo comma, 609-bis e 609-quater del codice penale, è applicata la custodia cautelare in carcere, salvo che siano acquisiti elementi dai quali risulti che non sussistono esigenze cautelari – non fa salva, altresì, l’ipotesi in cui siano acquisiti elementi specifici, in relazione al caso concreto, dai quali risulti che le esigenze cautelari possono essere soddisfatte con altre misure.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 7 luglio 2010.

F.to:

Francesco AMIRANTE, Presidente
Giuseppe FRIGO, Redattore
Giuseppe DI PAOLA, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 21 luglio 2010.

Il Direttore della Cancelleria
F.to: DI PAOLA
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 22/07/2010 @ 10:56:52, in Magistratura, linkato 1620 volte)
Gli opposti estremismi: Libero e L'Unità, una reazione univoca della stampa.


La Consulta boccia il carcere obbligatorio per stupri e pedofilia

Anticostituzionale disporre per legge la detenzione come misura cautelare nei casi di violenze sessuali. La Carfagna contro la decisione

Libero-news.it - 21/07/2010

Nei casi di stupro, pedofilia e prostituzione minorile, il giudice non è obbligato a disporre o mantenere la custodia in carcere dell’indagato, ma può applicare misure cautelari alternative. La Corte Costituzionale - bocciando in parte le norme introdotte dal decreto 11/2009 in materia di misure cautelari nei casi di violenza sessuale, in particolare l’articolo 275 del codice di procedura penale - stabilisce che presunti rei possono non subire la detenzione preventiva alla sentenza “se vengono raccolti elementi specifici, in relazioni al caso concreto, dai quali risulti che le esigenze cautelari siano comunque soddisfatte”. In pratica, la Consulta afferma un elementare principio di diritto: è illegittimo e contrario al principio d’uguaglianza dell’articolo 3 della Costituzione disporre a priori con legge la custodia cautelare in carcere nei casi citati. Occorre invece che il giudice sia libero di decidere di volta in volta, in base agli elementi a sua disposizione, quale sia la migliore misura cautelativa da adottare.

Motivazione -  “Per quanto odiosi e riprovevoli - scrive la Corte - i fatti che integrano i delitti in questione ben possono essere e in effetti spesso sono meramente individuali, e tali, per le loro connotazioni, da non postulare esigenze cautelari affrontabili solo e rigidamente con la massima misura”. A sollevare il caso di fronte ai giudici della Consulta erano stati i gip di Belluno e Venezia, e il Tribunale del Riesame di Torino.

La reazione della Carfagna - Mara Carfagna, ministro delle Pari opportunità, commentando la sentenza della Cassazione che giudica incostituzionale l’automatismo per il quale gli imputati per violenza sessuale su donne e minori vengono ora custoditi in carcere in attesa del giudizio, ha detto: "Non esiste e non possiamo accettare una classifica della brutalità: per noi, cioè coloro che hanno scritto ed approvato questa legge, chi violenta una donna o, peggio, un bambino deve filare dritto in carcere, senza scusanti, da subito. L'intervento della Corte - lamenta - è giustificazionista, lontano dal sentire dei cittadini, e, purtroppo, ci allontana, sebbene di poco, dalla strada verso il rigore e la tolleranza zero contro i crimini sessuali che questa maggioranza ha intrapreso sin dall’inizio della legislatura. Sono sicura che i magistrati continueranno a dimostrare la dovuta sensibilità nei confronti di questi reati odiosi, valutando con estrema severità le esigenze di carcerazione preventiva di chi li commette. Restano in vigore tutte le altre parti del provvedimento e tra queste l’eliminazione dei benefici premiali, quali arresti domiciliari o sconti di pena, la difesa gratuita per le vittime e le aggravanti grazie alle quali ora chi stupra una donna rischia fino a 14 anni di carcere".

***

Stupri, Consulta choc: «Carcere non obbligatorio»

L'Unità - 22/07/2010

La Corte Costituzionale boccia in parte le nuove norme, più restrittive, varate con decreto nel 2009, in materia di misure cautelari per chi è indagato per violenza sessuale, atti sessuali con minori e induzione o sfruttamento della prostituzione minorile. Per i giudici delle leggi, infatti, il decreto n.11/2009 (convertito in legge nell'aprile dello stesso anno) viola i principi costituzionali nella parte in cui prevede che, quando sussistano gravi indizi di colpevolezza per i suddetti reati, debba essere applicata la custodia cautelare in carcere, escludendo così la possibilità del giudice di optare per un altro tipo di misura cautelare anche quando questo sia opportuno alla luce di «specifici elementi acquisiti».

A sollevare il caso di fronte alla Consulta erano stati, con diverse ordinanze, i gip di Belluno e Venezia, nonchè il tribunale del Riesame di Torino. Con la sentenza n. 265 (relatore Giuseppe Frigo) depositata oggi, la Corte ha ricordato che il «tratto saliente» del regime inerente le custodie cautelari «conforme al quadro costituzionale» è quello di «non prevedere automatismi nè presunzioni», ma si esige piuttosto che «le condizioni e i presupposti per l'applicazione di una misura cautelare restrittiva della libertà personale siano apprezzati e motivati dal giudice sulla base della situazione concreta».

Dunque, «per quanto odiosi e riprovevoli - si legge ancora nella sentenza - i fatti che integrano i delitti in questione ben possono essere e in effetti spesso sono meramente individuali, e tali, per le loro connotazioni, da non postulare esigenze cautelari affrontabili solo e rigidamente con la massima misura». La norma impugnata, quindi, viola l'articolo 3 della Costituzione «per l'ingiustificata parificazione dei procedimenti relativi ai delitti in questione a quelli concernenti i delitti di mafia, nonchè per l'irrazionale assoggettamento ad un medesimo regime cautelare delle diverse ipotesi concrete riconducibili ai paradigmi punitivi considerati», l'articolo 13, primo comma, «quale referente fondamentale del regime ordinario delle misure cautelari privative della libertà personale», e l'articolo 27, secondo comma, «in quanto attribuisce alla coercizione processuale tratti funzionali tipici della pena».
22 luglio 2010

Il Corriere Sera

Sospetti stupratori, no obbligo arresto
La Carfagna contro la Consulta

09:05  CRONACHENiente più carcere automatico per i sospettati di delitti di violenza sessuale, atti sessuali con minori, prostituzione minorile. Il ministro: no a una classifica della brutalità Commenta

ROMA (21 luglio)- La Corte Costituzionale ha dichiarato la parziale illegittimità costituzionale dell'articolo 275 del codice di procedura penale,...


La Stampa

Niente più galera obbligatoria
per chi commetterà uno stupro



"Chi stupra subito in carcere"
Carfagna contro la Cassazione

"Non esiste e non possiamo accettare una 'classifica della brutalità'" ha detto il ministro per le Pari opportunità criticando la sentenza che permette misure alternative per i più gravi reati sessuali. "Intervento lontano dal sentire dei cittadini"


Il Fatto

"non pervenuto", chissà perché ?



L'Avvenire

Consulta sui reati sessuali:
sì a misure alternative al carcere
Il giudice non è più obbligato a disporre il carcere per gli indagati di violenza sessuale, atti sessuali con minorenni e prostituzione minorile. Parzialmente illegittimo l'articolo 275 del Codice di procedura penale.


Quotidiano Net (Il Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno)

Carfagna contro la Consulta: "Subito in carcere i bruti"

Il ministro delle Pari Opportunità contro la sentenza che permette alternative al carcere in attesa di giudizio per chi stupra donne e bambini: “Non esiste e non possiamo accettare una classifica della brutalità”


Rai News 24

Consulta: non obbligatorio il carcere nei processi per stupro


Tg1 - TgCom e altri articoli all'interno

Consulta: "Per violenza sessuale il carcere non è più necessario"

il Giornale - ‎38 minuti fa‎
La Corte costituzionale cancella le nuove norme sulla custodia cautelare obbligatoria per chi commette reati sessuali. La Carfagna: "Decisione sbagliata". Telefono Rosa: "Preoccupate" Roma - Il carcere preventivo per gli indagati di reati sessuali non ...

Sospetti stupratori, niente obbligo arresto La Carfagna contro la ...

Corriere della Sera - ‎2 ore fa‎
ROMA— Niente più carcere automatico, anche quando sussistono gravi indizi di colpevolezza, per i sospettati di delitti di violenza sessuale, atti sessuali con minorenni e prostituzione minorile. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale che ha bocciato ...

Consulta: reati sessuali, sì a misure alternative al carcere

ANSA.it - ‎14 ore fa‎
ROMA - Nei procedimenti per violenza sessuale, atti sessuali con minorenni e prostituzione minorile il giudice non e' piu' obbligato a disporre oa mantenere la custodia in carcere dell'indagato, ma puo' applicare misure cautelari alternative se vengono ...

Consulta: non obbligatorio il carcere nei processi per stupro

Rainews24 - ‎13 ore fa‎
La Corte costituzionale cancella la norma che imponeva la detenzione in carcere come misura cautelare per i piu' odiosi delitti sessuali - violenza sessuale, atti sessuali con minorenni e prostituzione minorile - e affida al giudice la possibilita' di ...

Reati sessuali, no obbligo carcere

TGCOM - ‎15 ore fa‎
Nei procedimenti per violenza sessuale, atti sessuali con minorenni e prostituzione minorile, il giudice non è più obbligato a disporre oa mantenere la custodia in carcere dell'indagato. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale, precisando che si ...

Stupri,Carfagna: "Consulta sbaglia"

TGCOM - ‎13 ore fa‎
Il ministro per le Pari opportunità, Mara Carfagna, commenta la sentenza della Consulta che giudica incostituzionale l'automatismo per il quale gli imputati per violenza sessuale su donne e minori vengono ora custoditi in carcere: "Non accettiamo una ...

La Consulta boccia il carcere obbligatorio per stupri e pedofilia

Libero-News.it - ‎15 ore fa‎
Anticostituzionale disporre per legge la detenzione come misura cautelare nei casi di violenze sessuali. La decisione spetta al giudice ei casi di stupro, pedofilia e prostituzione minorile, il giudice non è obbligato a disporre o mantenere la custodia ...

Corte Costituzionale: Pene alternative al carcere anche per gli ...

Leggilo.net - ‎2 ore fa‎
La Corte Costituzionale ha stabilito che nei procedimenti per violenza sessuale, atti sessuali con minorenni e prostituzione minorile, il giudice non ha più l' obbligo di disporre la custodia in carcere per l' indagato. La Corte ha spiegato che è ...

No al carcere come unica misura cautelare per i reati sessuali ...

Il Sole 24 Ore - ‎14 ore fa‎
Incostituzionale prevedere la carcerazione come unica misura cautelare possibile nei reati sessuali. La Consulta boccia una delle norme del pacchetto sicurezza, in particolare della legge della primavera del 2009 che ha tra l'altro introdotto le norme ...

La Consulta dice 'no' a carcere obbligatorio per gli stupri e la ...

Adnkronos/IGN - ‎15 ore fa‎
Roma - (Adnkronos) - Secondo la Corte Costituzionale le norme introdotte dal decreto del 2009 violano in parte la Carta fondamentale (art. 3) perché la custodia cautelare non dovrebbe essere automatica ma si dovrebbe valutare caso per caso Roma, ...

Consulta: per reati sessuali sì a misure cautelari alternative al ...

Tg1 - www.tg1.rai.it - ‎12 ore fa‎
Una sentenza della Corte Costituzionale boccia in parte le novità introdotte al codice di procedura penale nel 2009. Per il ministro Carfagna si tratta di un giudizio "giustificazionista e lontano dal sentire dei cittadini". ...

Reati sessuali: per la Consulta il carcere non è obbligatorio

Barimia - ‎11 ore fa‎
Sta facendo discutere la decisione della Corte Costituzionale che con sentenza n.265 ha cancellato la norma che prevedeva la custodia cautelare in carcere per i delitti come violenza sessuale, prostituzione minorile e atti sessuali con minorenni. ...

Niente obbligo di arresto per i sospetti stupratori e pedofili. Lo ...

Crimeblog.it (Blog) - ‎1 ora fa‎
Sta facendo molto discutere la decisione della Corte Costituzionale di dichiarare la parziale illegittimità costituzionale dell'articolo 275 del codice di procedura penale, quello modificato col Decreto Legge del 23 febbraio 2009 e convertito nella ...

sì a misure alternative al carcere

Avvenire.it - ‎15 ore fa‎
Nei procedimenti per violenza sessuale, atti sessuali con minorenni e prostituzione minorile, il giudice non è più obbligato a disporre oa mantenere la custodia in carcere dell'indagato, ma se sono presenti elementi specifici, può applicare misure ...

Reati sessuali,pene alternative carcere

euronews - ‎14 ore fa‎
(ANSA) – ROMA, 21 LUG – Nei procedimenti per violenzasessuale, il giudice non e' piu' obbligato a disporre o amantenere la custodia in carcere dell'indagato. Il giudice puo'applicare misure cautelari alternative se vengono raccoltielementi specifici, ..
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 22/07/2010 @ 13:23:27, in Magistratura, linkato 1595 volte)
Se volete davvero cambiarlo

di Guido Salvini


Il Csm, organo di autogoverno della magistratura ma anche di fatto una specie di “Camera” che detta le linee della politica giudiziaria e sceglie i giudici migliori spesso per cooptazione discrezionale, ha avuto fortuna.

Se poco dopo il caso del presidente della Corte d’Appello di Milano tutti i componenti non fossero stati rinnovati per fine “legislatura”, il Consiglio avrebbe avuto il compito impossibile di scandagliare su metà di se stesso, cioè giudicare quantomeno sulla capacità di una dozzina di consiglieri di discernere su candidature probabilmente inquinate alle origini.
Per il momento, dopo l’inevitabile intervento del presidente della repubblica Giorgio Napolitano, questo rischio è sventato.

A settembre inizierà il solito assalto telefonico, speriamo non intercettato, ai consiglieri da parte di coloro che li hanno eletti con l’invito a pagare i loro debiti e di mantenere le promesse preelettorali in tema di incarichi, posti direttivi e trasferimenti. Speriamo che il nuovo Csm trovi anche il tempo, oltre anche a criticare, spesso non a torto, tutte le proposte del governo, di pensare a qualche proposta non conformista per affrontare i problemi della giustizia e risollevare la fiducia dei cittadini nella magistratura.

Una priorità sarebbe impegnarsi a non utilizzare la giurisdizione come un trampolino di lancio per fare altro. Ci sono centinaia di giudici che stanno un po’ dentro e un po’ fuori dalla magistratura. Un po’ di incarichi al ministero, un po’ di Csm, qualche commissione parlamentare, un po’ di politica, non solo in Parlamento ma anche nei Consigli regionali e comunali, qualche improbabile missione all’estero per la quale in genere basterebbe un buon funzionario.

È in questo andirivieni che nascono le commistioni politiche, la perdita di indipendenza e l’aumento invece del prestigio, quello che dà un giudice il diritto di decidere e di parlare a nome di tutti gli altri, qualcuno cui il magistrato comune deve mostrare riverenza con la schiena curva e il cappello in mano.

Bisogna ridurre drasticamente i distacchi extragiudiziari e soprattutto stabilire due regole.

Leggi l'articolo su Il Riformista

Nessun incarico deve avvenire per cooptazione politica, cioè ministro e commissioni varie non devono chiamare questo o quel magistrato nominativamente ma deve essere bandito, se proprio un servizio fuori ruolo è necessario, un regolare concorso. E quando si è fuori ruolo deve essere fatto divieto di partecipare a concorsi per posti direttivi se non si rientra prima nei ranghi della magistratura. Spesso, quando ad esempio si avvicina un cambio di governo e a causa dello spoil system, che esiste non solo negli Stati Uniti ma anche da noi, si profila la mancanza di gradimento di chi sta nei ministeri, il fuori ruolo si affretta, sfruttando la posizione al centro del sistema politico-giudiziario ad assicurarsi un buon posto direttivo superando magari chi è rimasto nell’umile compito di definire metri cubi di processi anche non di rilevanza mediatica. Succede anche nelle migliori famiglie, anche tra i “puri” di Magistratura democratica, il passaggio tra il governo Prodi e quello Berlusconi insegna.

La seconda priorità è non valutare più le promozioni di giudici e pm solo in base ai processi eclatanti che hanno gestito, rivelatisi magari in alcuni casi scatole vuote. Piuttosto andare a vedere prima di ogni altra cosa come hanno trattato i processi normali, quelli dei comuni cittadini. È più che frequente, quasi una regola, che nelle stanze di chi si occupa di indagini di rilievo politico-mediatico giacciano intonsi e dimenticati i “banali” omicidi colposi, truffe e bancarotte e che, quando escono infine da tali stanze le richieste di rinvio a giudizio, le indagini siano state talmente flebili da provocare la morte del processo per semplice consunzione. Ugualmente sarebbe interessante calcolare i tempi di rinvio in Tribunale tra udienza e udienza nei processi di rilievo politico e nei poveri processi “comuni”, quelli che spesso volentieri scivolano da un anno all’altro a riflettori spenti.

La terza priorità è continuare a pretendere mezzi e risorse migliori tali da far funzionare un Tribunale più come un’azienda che come un baraccone in cui manca tutto o è sempre rotto. Ma avere il coraggio nel contempo di riconoscere che la confusione, accompagnata dalle lamentele, non ultima quella sugli stipendi che, per la media del lavoro che si richiede ai giudici, sono tutt’altro che disprezzabili, avvantaggia anche le estese sacche di compiaciuto e tranquillo sottoutilizzo che si trovano anche presso di noi. È giusto dire che la scarsità dei cancellieri comporta meno udienze o udienze solo di poche ore, ma se ci fossero anche noi affronteremmo l’impegno, certo non gradito a tutti, di studiare e smaltire più processi, magari faremmo udienza anche al pomeriggio a daremmo più soddisfazione a chi aspetta una sentenza da anni. E allora perché non chiedere che i cancellieri mancanti siano sostituiti al pomeriggio o quando necessario da laureati in legge o praticanti avvocati, certo in grado di fare i segretari di udienza o controllare gli avvisi, che in tal modo farebbero un’esperienza utile e riconosciuta per la loro formazione e nel contempo contribuirebbero a moltiplicare i processi fatti ?

Ma questo comporta un impegno di tutti, magistrati compresi, e anche avvocati ed è sospetto che a nessuno venga in mente una semplice idea di questo genere.

Ho ricevuto una lettera di un laureato attualmente ottimo funzionario di un’Agenzia delle entrate che grazie a una convenzione dell’università cui era iscritto fece due anni di “pratica” presso l’ufficio di un giudice di pace e ne chiese il riconoscimento. Ma sia il Csm sia il Consiglio nazionale forense, cioè l’associazione di categoria degli avvocati, bocciarono la sua richiesta.

Ma forse è meglio così, lamentarsi e basta senza un minimo di creatività è più autotutelante e leggeremo ancora, come da quarant'anni, alla prossima inaugurazione dell’Anno giudiziario che siamo solo e tutti vittime di una giustizia allo sfascio.

Guido Salvini - Tribunale di Milano
Il Riformista - giovedì, 22 luglio 2010
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 22/07/2010 @ 13:37:42, in Politica, linkato 1360 volte)
Intercettazioni,
Sì della commissione Giustizia
all'emendamento del governo


Roma - (Adnkronos) - La proposta di modifica prevede la possibilità di pubblicare le intercettazioni rilevanti ai fini delle indagini. Pd e Udc votano a favore, contrario l'Idv. Manca l'ok del Quirinale, slitta il parere del Csm sul ddl. Alfano conferma la fiducia a Caliendo e chiede il voto entro l'estate. L'ira del premier: "Paese incivile"

Roma, 22 lug. - (Adnkronos) - La commissione Giustizia della Camera ha approvato l'emendamento presentato dal governo al ddl intercettazioni. La proposta di modifica dell'esecutivo, che prevede la possibilità di pubblicare le intercettazioni rilevanti ai fini delle indagini, è passata anche con i voti del Pd e dell'Udc.

''L'emendamento del governo è stato frutto di una lunga mediazione che ha tenuto conto anche dei nostri rilievi'', ha commentato Roberto Rao, deputato Udc. ''C'è stato uno stravolgimento del testo come era stato proposto al Senato -rimarca l'esponente centrista- e questa è una vittoria''. ''Tuttavia -sottolinea- nonostante il testo arriverà in Aula con il cosiddetto bavaglio allentato, ci sono tutta una serie di altri punti non risolti su cui stiamo discutendo. Abbiamo mantenuto 25 emendamenti e su questi daremo battaglia soprattutto in Aula ad agosto, e speriamo fino a settembre''.

Soddisfazione è stata espressa da Enrico Costa, capogruppo Pdl in commissione Giustizia della Camera. ''E' chiaro che l'opposizione, nonostante le critiche e l'ostruzionismo non poteva sottrarsi all'approvazione di questo emendamento che conteneva molte delle loro richieste di modifica'', ha detto Costa che ai cronisti spiega: ''Auspichiamo adesso di andare avanti nel dibattito e di toccare le altre tematiche oggetto di miglioramento in commissione. Ci auguriamo ci sia un atteggiamento responsabile da parte dell'opposizione per rimanere sui contenuti''. Ma assicura l'esponente del Pdl ''quanto ai tempi per il 29 luglio ce la faremo sicuramente''.

Slitta invece la discussione sul nuovo parere redatto dalla VI commissione del Csm sul ddl che il plenum avrebbe dovuto affrontare questa mattina. Motivo: il fatto che il Quirinale non ha avuto ''tempo per esprimersi'' sull'ordine del giorno aggiunto e ''in 24 ore non è arrivato l'assenso'' a discutere la pratica. A riferirlo in aula è stato il vicepresidente del Csm Nicola Mancino sottolineando una ''distrazione della burocrazia interna'', in base alla quale c'era la convinzione che il Quirinale avesse dato il via libera a quell'ordine del giorno aggiunto.

Mancino ha quindi invitato il Csm a ''usare la ragione piuttosto che la legittimazione'', rinviando la discussione del parere al nuovo Csm (l'attuale consiliatura scade a fine luglio). Il vicepresidente di Palazzo dei Marescialli ha sollecitato l'attuale plenum ad occuparsi solo di pratiche gestionali senza affrontare ''impegni che hanno influenza sul futuro''.

Alle parole di Mancino ha replicato il togato di Md Livio Pepino che ha fatto notare: ''Non siamo consiglieri dimezzati e mi ritengo legittimato a discutere il parere sulle intercettazioni'' e altre pratiche rimaste sospese.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










23/09/2019 @ 17.51.58
script eseguito in 312 ms