Immagine
 .. Leo ...... di Lunadicarta
 
"
L'assoluzione del colpevole condanna il giudice.

Publilio Siro
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 29/05/2009 @ 06:04:01, in Politica, linkato 1145 volte)
Un paio di cose che faranno del male alla credibilità dell'Italia all'estero:

Sicurezza e giustizia, via al G8 a Roma Blitz dei no global ...

La Repubblica - ‎1 ora fa‎
ROMA - No global contro il G8 sulla sicurezza. Continuano, a Roma, le azioni mordi e fuggi dei ragazzi che dom,ani sfileranno in corteo per la città ma già oggi contestano l'appuntamento dei ministri europei. In agenda il contrasto alla criminalità ...


Premier denuncia "giudici eversivi"

TGCOM - ‎34 minuti fa‎
Nuovo affondo del presidente del Consiglio alla magistratura. "Quando con delle sentenze basate sul ribaltamento della realtà - dice dall'ospedale de L'Aquila - si vuole ribaltare la decisione popolare e si vuole sostituire chi è stato eletto dal ...
AGI - Agenzia Giornalistica Italia - Asca - La Repubblica Palermo.it

E speriamo che i cd noglobal, gli ideologi di certi partiti, ci pensino bene prima di mandare al macero sotto i manganelli della polizia gli studenti universitari, perché il Premier, nonostante le dichiarazioni contrarie all'esistenza stessa di una democrazia in Italia ed alle sue istituzioni, si troverebbe con la ragione in pugno. Come è successo tante, troppe volte.

L.M.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/05/2009 @ 05:53:56, in Osservatorio Famiglia, linkato 1105 volte)

Palermo, attira ex fidanzata di 13 anni
in un casolare e la violenta con un amico

PALERMO (29 maggio) – Con la scusa di poter chiarire i motivi della rottura con il suo ex fidanzato di 17 anni, una tredicenne è stata attirata in un...

Catania, 4 neonati morti in 72 ore:
reparto chiuso per accertamenti

CATANIA (29 maggio) - Quattro neonati morti in 72 ore: è il dato registrato lo scorso fine...

Meredith, in aula l'ex fidanzato americano
di Amanda: scambio sorrisi con Sollecito

PERUGIA (29 maggio) – In aula per assistere al processo per l'uccisione di Meredith...

Omicidio a Tor Bella Monaca: anziana
accoltella ragazza dopo lite condominiale

ROMA (29 maggio) - Una lite condominiale finita in tragedia ieri sera intorno alle 22 in via...

Roma, abusava della figlia minorenne
della convivente: arrestato

ROMA (29 maggio) - Un filippino, di 26 anni è stato arrestato con l'accusa di aver abusato sessualmente della figlia minorenne della convivente, che non...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Mi sento vicina a questa mamma, perché ho avuto anche io una esperienza ospedaliera in Umbria. Diversamente io un figlio lo stavo perdendo in quel di un ospedaletto satellite a quello di Perugia, dal quale invece un ottimo medico guidò dettagliatamente tutta la rianimazione.

L'ingiustizia della giustizia



Premetto che sono una semplice cittadina italiana in alcun modo interessata alla politica né ideologicamente né in maniera attiva ma sono solo una persona che vive mettendo in pratica valori che mi sono stati insegnati.

Mi rivolgo in particolare alle Istituzioni, a coloro che decidono per me e che mi “governano” e ancora più nello specifico a Silvio Berlusconi prima in qualità di uomo e poi, in qualità di Presidente del Consiglio Italiano. Ma anche al mio Presidente della Repubblica. Spero di avere una risposta da loro e da tutti quelli che si sentiranno implicati in questa vicenda.

Quella che vado a raccontare è una tragica storia, come probabilmente tante altre, ma è la mia e la difendo pagando con il mio impegno alquanto doloroso. Nel 2003, dopo anni di grandi delusioni e di dolori (5 aborti, una extrauterina e vari esami invasivi) attraverso inseminazione intrauterina rimango incinta ed inizia per me un periodo meraviglioso.

Durante i nove mesi comunque, vengo sottoposta anche a cerchiaggio cervicale per evitare problemi di ogni tipo visto che la mia era considerata “gravidanza preziosa” e, negli ultimi mesi interviene un diabete gestazionale che comporta una dieta e punture di insulina che mi somministravo più volte al giorno. Ma, nonostante questo il mio bambino cresce in maniera puntuale e i miei ginecologi sono tranquilli e rassicuranti.

A dicembre, vado a partorire nel reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale di Perugia; una struttura pubblica che dovrebbe garantire i cittadini. Mio figlio muore dentro quella sala parto, estratto con l’utilizzo della ventosa ostetrica. Viene sottoposto ad autopsia dall’Ospedale e la causa della morte viene indicata come “emorragia subdurale”.

Ho avviato un procedimento penale, attraverso una querela che dopo più di 5 anni di tormenti, interrogatori di periti, udienze inutili, rinvii e sangue avvelenato, ha portato il 9 febbraio scorso al rinvio a giudizio del Dr Gianfrancesco Brusco per omicidio colposo. Il capo di imputazione è motivato dal PM con “imperizia, imprudenza e negligenza” ovvero per aver commesso una serie di errori e di omissioni che lo vedono oggi rinviato a giudizio. La storia è molto più complessa e grave ma credo basti per far capire lo stato dei fatti.

Il 18 maggio si è “svolta” la prima udienza dibattimentale durante la quale, per la prima volta, sono rimasta senza parole. L’imputato ha chiesto l’applicazione del “pacchetto sicurezza” ovvero la cosiddetta “norma blocca processi”. Il Giudice, obbligato dalla Legge ad accettare, ha quindi sospeso il processo penale che mi vede parte offesa fissando la prossima udienza, ovvero la prima dibattimentale, al 21 settembre 2010.

Ho cercato di capire cosa fosse successo perché, come spesso accade, nessuno sa mai niente in questo Paese soprattutto se trattasi di informazioni che toccano i diritti di tutti.

Già avevo ottimi motivi per essere profondamente “indignata” dal sistema della giustizia italiana ma poi, quando ho appreso che è stato approvato dal Governo questo “pacchetto sicurezza” che prevede, e nessuno ce lo ha mai spiegato, la sospensione di processi penali fino ad un max di 18 mesi per reati cosiddetti minori o, spesso chiamati meno gravi, commessi entro il 2 maggio 2006 (peraltro già indultati).

Ora, chiedo al Presidente della Repubblica e soprattutto al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi se, secondo loro si può considerare reato minore un omicidio colposo (presunto) avvenuto dentro la sala parto di una struttura pubblica quale l’Ospedale di Perugia che ha portato alla morte di un neonato: mio figlio, la mia unica speranza. Vorrei sapere dal Presidente del Consiglio se, a suo avviso, sia giusta questa decisione di sospendere processi già così lunghi in Italia per un reato così grave, così doloroso per chi ha il coraggio di affrontarlo. Questo è il modo di andare verso un sistema che scoraggia ulteriormente chi si vede danneggiato così gravemente da qualcuno.

Vorrei in ultimo sapere dal Presidente della Repubblica e soprattutto dal Presidente del Consiglio se è giusto che, il ragionevole dubbio che un medico che esercita dentro una struttura pubblica (rinviato a giudizio per presunto omicidio colposo con le imputazioni di imperizia, imprudenza e negligenza) non porti a far prendere, da chi amministra, dei provvedimenti cautelativi.

È chiaro che penalmente, so che tutti sono innocenti fino a sentenza definitiva ma, come si fa ad accettare tutto questo? Ho scelto a suo tempo di iniziare una causa penale proprio perché volevo giustizia, volevo credere nella giustizia e volevo dare un senso a quella che è la tragedia che ha travolto la mia vita ovvero la morte del mio bambino.

Ora, sono passati a dicembre prossimo saranno sei anni e mi ritrovo a dover subire quella che ritengo una grande ingiustizia di fronte alla quale non ho possibilità di fare niente… sono drammaticamente impotente. La sensazione di impotenza che avverto è sconcertante e mi indigna profondamente. Mi auguro di avere risposta a questa mia lettera che ho inviato a tutti i quotidiani nazionali, alle redazioni televisive nazionali, ai programmi televisivi che ritengo più seri ed, infine al Presidente del Consiglio che, sono certa, mi darà una risposta … prima di tutto come uomo.

Grazie

Cristina Sensi (28 maggio 2009)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/05/2009 @ 02:15:48, in Estero, linkato 1043 volte)
Rammento ai miei lettori che, nonostante io stia visibilmente lavorando tanto come volontario nel mondo della Giustizia, sono in sciopero della fame per protesta contro le strumentalizzazioni operate sulla denuncia internazionale contro i crimini di Israele a Gaza durante il bombardamento di 22 giorni.

Chi mi conosce sa che io dico sempre la verità, tutta la verità. Stante la Fondazione Basso abbia ricevuto via fax la lettera in lingua italiana (26 maggio ore 10:17), da me anticipata nei contenuti al presidente della sezione internazionale al telefono, nessuna risposta ci è pervenuta.

Il dott. Senesi probabilmente non è stato neppure informato dalla segreteria, della scelta all'ultimora di un hunger strike. Idem la Paciotti. Responsabilità di Tognoni, con il quale, inoltre, avevamo avuto rapporti in precedenza e che non ci ha degnati neppure di una telefonata, durante l'organizzazione del convegno pre-elettorale.

Oggi sarà trasmesso via fax il testo in lingua araba.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 28/05/2009 @ 07:19:47, in Magistratura, linkato 1141 volte)

GIUSTIZIA: ANM A PREMIER, INACCETTABILE CLIMA DI INSULTI


Roma, 28 mag. (Adnkronos) - L'Anm ritiene "inaccettabile questo clima di insulti che nuoce alle istituzioni democratiche del Paese".

Cosi' il presidente dell'Associazione nazionale magistrati Luca Palamara replica ai nuovi attacchi del premier Silvio Berlusconi, che oggi all'assemblea della Confesercenti ha parlato di "grumi eversivi" nella magistratura.

GIUSTIZIA: ANM, INSULTI INACCETTABILI SONO DANNO A DEMOCRAZIA


(AGI) - Roma, 28 mag. - "Inaccettabili insulti che nuocciono alle istituzioni democratiche del Paese". Cosi' il presidente dell'Associazione nazionale magistrati, Luca Palamara, commenta le parole del premier Silvio Berlusconi pronunciate oggi sulla magistratura.


"A differenza della politica - aggiunge Palamara - la magistratura non e' impegnata in campagna elettorale e non vuole essere trascinata in un terreno di contrasto che non gli appartiene". Per il leader del sindacato delle toghe, "e' interesse di tutti, in primis della politica, che ci sia un corretto ed equilibrato rapporto tra poteri dello Stato".



La Rassegna stampa

Toghe, l'affondo del premier "Grumi eversivi tra i pm"

Libero-News.it - ‎37 minuti fa‎
La giustizia attuale proprio non va giù al presidente del Cosiglio silvio Berlusconi, che questa mattina, durante l'assemblea di Confesercenti, torna a bacchettare le toghe. Ci sono "grumi eversivi", sottolinea il premier, "all'interno dell'ordine ...

POL - Confesercenti, Berlusconi supera il test: applausi, pochi fischi

Il Velino - ‎1 ora fa‎
Roma, 28 mag (Velino) - “Ho le spalle larghe”, “voglio operare nel bene di tutti e nell'interesse del paese”. Silvio Berlusconi affronta la platea di Confesercenti nella sua prima uscita pubblica dopo il polverone sollevato dal “caso-Noemi”. ...

"Grumi eversivi nella magistratura"

La Stampa - ‎2 ore fa‎
«Nella magistratura italiana ci sono grumi eversivi». E, anche per questo, «io non lascerò la politica fino a che non ci sarà la separazione delle carriera tra pm e giudici». Il presidente del Consiglio Berlusconi riapre la polemica sulla giustizia ...

Berlusconi: inaccettabile la Gandus

TGCOM - ‎2 ore fa‎
"Non lascio la politica fino a quando non saremo riusciti a fare la separazione delle carriere per i giudici". Lo afferma Silvio Berlusconi all'assemblea di Confesercenti. "Non è accettabile che chi giudica un cittadino di centrodestra vada in piazza a ...

Berlusconi: «Nella magistratura ci sono grumi eversivi»

Il Sole 24 Ore - ‎2 ore fa‎
«Ci sono grumi eversivi nella magistratura italiana»: è la convinzione del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, esplicitata in un passaggio del suo discorso all'assemblea annuale di Confesercenti. Il premier ha precisato che non lascerà «la ...

Il premier: "Grumi eversivi nella magistratura"

il Giornale - ‎2 ore fa‎
Roma - Berlusconi contro i giudici: "È meglio che io non parli dei grumi eversivi altrimenti ne verrebbe fuori una gran discussione". Anche di fronte alla platea di Confesercenti il presidente del Consiglio torna ad attaccare la magistratura. ...

"Grumi eversivi nella magistratura", Di Pietro: "Eversivo è il ...

Rainews24 - ‎2 ore fa‎
Berlusconi parla all'assemblea di Confesercenti all'Auditorium di Roma e torna a difendersi dagli attacchi dopo la 'condanna virtuale' nel processo Mills. "Non devo subire le aggressioni delle toghe rosse". Immediata la replica di Di Pietro "Io sono il ...

Berlusconi: "Grumi eversivi tra i giudici"Fischi e polemiche con ...

Corriere della Sera - ‎2 ore fa‎
ROMA - Non solo applausi. Silvio Berlusconi parla di giustizia all'assemblea di Confesercenti e dalla platea salgono fischi e qualche «buh», ma il Cavaliere replica immediatamente: «Siete in 4 o 5 a fischiare, siete percentualmente irrilevanti». ...

Giustizia, Berlusconi contestato a Confesercenti: "Irrilevanti"

Reuters Italia - ‎2 ore fa‎
ROMA (Reuters) - In un accalorato intervento sui temi della giustizia e contro i "grumi eversivi" della magistratura, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è stato contestato con fischi da alcuni dei presenti nel corso del suo discorso alla ...

Berlusconi contro i PM: "Grumi eversivi nella magistratura"

Julie News - ‎1 ora fa‎
Durante il suo discorso all'assemblea della Confesercenti, il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha attaccato molto violentemente i giudici. "Io non lascero' la politica fino a che non ci sarà la separazione delle carriera tra pm e giudici. ...

Giustizia: Berlusconi, non lascerò senza separare ordini

Milano Finanza - ‎1 ora fa‎
"Se dovessi dire quello che penso dei grumi eversivi dentro la magistratura - ha detto Berlusconi - verrebbe fuori una gran discussione". Il presidente del Consiglio davanti alla platea di Confesercenti, dopo l'assemblea annuale di Confindustria, ...

Giustizia, Berlusconi:Magistrati grumi eversivi. La platea di ...

(ami) Agenzia Multimediale Italiana - ‎33 minuti fa‎
Da Confesercenti il premier attacca nuovamente i magistrati. Una platea nervosa, che lo aveva spesso applaudito resta fredda e partono i primi fischi. Fischi ripetuti quando Berlusconi provoca i contestatori sull'irrilevanza dell'atto. ...

Da Berlusconi nuovo attacco ai giudici A chi lo fischia: "Siete ...

La Repubblica - ‎2 ore fa‎
ROMA - Cambia la platea, non cambia l'obiettivo dell'attacco. In passato era stata l'assemblea di Confindustria, oggi quella Confesercenti. Tribune che Silvio Berlusconi usa per scrivere un nuovo capitolo della sua personale "guerra" alla magistratura. ...

Circo della politica, tra Noemi ed europee

Giornale Radio Rai - ‎1 ora fa‎
Si infiamma la campagna elettorale per le europee tra caso Noemi e crisi economica. Nel suo intervento all'assemblea di Confesercenti, a Roma, il premier Silvio Berlusconi ha parlato anche di giustizia. "Non lascerò la politica finché non avremo ...

BERLUSCONI: GRUMI EVERSIVI NELLA MAGISTRATURA

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎2 ore fa‎
(AGI) - Roma, 28 mag. - "Ci sono grumi eversivi nella magistratura italiana". "Io non lascero' la politica fino a che non ci sara' la separazione delle carriera tra pm e giudici". Sono due dei passaggi del discorso del presidente del Consiglio, ...

Berlusconi contestato alla Confesercenti

Julie News - ‎2 ore fa‎
Non ha avuto il solito bagno di folla il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, quando stamattina è andato all'assemblea della Confesercenti. Infatti si sono sollevati molti fischi e qualche "Buh!", quando ha cominciato a parlare di giustizia. ...

Giustizia, Berlusconi: “Grumi eversivi tra i giudici”

ItalyNews.it - ‎1 ora fa‎
”E' meglio che io non parli dei grumi eversivi altrimenti ne verrebbe fuori una gran discussione. Pensate che mi dicono 'fatti processare' quando io sono il campione degli imputati”. Sono le parole del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi sulla ...

GIUSTIZIA: BERLUSCONI, IN MAGISTRATURA CI SONO GRUMI EVERSIVI

Asca - ‎2 ore fa‎
(ASCA) - Roma, 28 mag - Nella magistratura ci sono ''grumi eversivi''. Lo ha detto il premier Silvio Berlusconi, intervenendo all'assemblea della Confesercenti. Parlando della giustizia penale, Berlusconi ha detto che, seppure, in materia ''non sono il ...

Da Berlusconi nuovo attacco ai giudici A chi lo fischia: "Siete ...

La Repubblica Bari.it - ‎2 ore fa‎
ROMA - Davanti alla platea di Confesercenti il premier è di nuovo partito all'attacco dei magistrati. In una sala nervosa, che lo ha spesso applaudito, ma altrettanto spesso è rimasta in silenzio e dalla quale è partito anche qualche fischio, ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 28/05/2009 @ 07:12:56, in Magistratura, linkato 1641 volte)
Con lei è stato nominato, alla stessa carica, anche Pietro Forno



Csm, la Boccassini nominata procuratore aggiunto a Milano


La decisione è stata presa dal plenum i Palazzo dei Marescialli all'unanimità, con il voto favorevole anche dei laici del Pdl. Attualmente sostituto procuratore nel capoluogo lombardo, è nota alle cronache per aver rappresentato la pubblica accusa nei processi Imi-Sir e aver fatto parte del pool 'Mani pulite' e aver diretto le indagini sulle nuove Br

Roma, 28 mag.- (Adnkronos/Ign) - Il plenum del Consiglio Superiore della Magistratura ha nominato il pm Ilda Boccassini procuratore aggiunto di Milano. Con la Boccassini è stato nominato, alla stessa carica, anche Pietro Forno. I due pm sono stati nominati dal plenum di Palazzo dei Marescialli all'unanimità, con il voto favorevole anche dei laici del Pdl.

La Boccassini, napoletana, 60 anni, è stata pm nella Procura milanese dei processi Imi-Sir ed ha fatto parte del pool 'Mani pulite'; si è occupata di altre inchieste importanti, come la 'Duomo connection' che chiamava in causa noti esponenti di Cosa nostra. Dopo le stragi di Capaci e via D'Amelio è stata applicata alla Procura di Caltanissetta, dove per circa tre anni ha indagato sugli assassini di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Dopo una breve parentesi alla Procura di Palermo torna a Milano, e su richiesta del procuratore Francesco Saverio Borrelli si occupa dell'inchiesta 'Mani pulite', subentrando ad Antonio Di Pietro, dimessosi dalla magistratura nel dicembre del '94.

Di recente Ilda Boccassini ha diretto, a partire dal 2004, le indagini della Digos che il 12 febbraio 2007 portarono all'arresto di 15 appartenenti all'ala movimentista delle nuove Br, denominata anche 'Seconda posizione'. La Boccassini, già due anni fa stava per essere nominata procuratore aggiunto a Milano, ma allora Palazzo dei Marescialli preferì il collega Francesco Greco e lei reagì lasciando l'Associazione nazionale magistrati.

Pietro Forno, 65 anni, fino ad oggi sostituto procuratore aggiunto a Torino, è entrato in magistratura nel '72. Negli anni Settanta e Ottanta ha guidato importanti inchieste sul terrorismo di destra e sinistra: da 'Prima linea' ai Nar di Mambro e Fioravanti, fino ai 'Proletari armati per il comunismo'. Nel '92, in particolare si è occupato di reati sessuali e di pedofilia.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Comitato Informatici ATU

La vergogna degli informatici esternalizzati precari degli Uffici Giudiziari.
Un pentolone da scoperchiare

- comunicato stampa -

Giornate Regionali e Provinciali per la Giustizia
Partecipazione e interventi del Comitato ATU

A Palermo interverrà la d.ssa Lidia Undiemi


Ai Gentili Colleghi e alle Redazioni,



nella giornata odierna si terranno numerosi incontri regionali e provinciali, organizzati dalla Associazione Nazionale Magistrati e dalle Organizzazioni Sindacali, in tema Giustizia.

I lavoratori informatici esternalizzati del Comitato ATU parteciperanno alle molte iniziative, città per città, in particolare a Palermo il Comitato Atu con la collaborazione del Meetup 3 di Palermo provvederà alle riprese dell'intero convegno. Vi daremo pronta informazione della messa in rete di quanto girato.

Sempre a PALERMO, interverrà per il Comitato ATU la D.ssa Lidia Undiemi, in merito alla condizione contrattuale e lavorativa degli informatici esternalizzati della Assistenza Tecnica Unificata degli Uffici Giudiziari (ATU), all'incontro organizzato presso l'aula magna di Corte d'Appello con i magistrati Ingroia e Natoli per la ANM e le signore Grieco e Todisco delle OO.SS.

Il progetto nazionale dell'informatizzazione nella Amministrazione Pubblica è declamato in termini di miracolo tecnologico, mentre è proprio all'interno del comparto Giustizia, che desta viva preoccupazione l'esternalizzazione e l'automatizzazione del servizio di assistenza tecnica hardware e software.

La D.ssa Lidia Undiemi, come l'illustre Carlo Sarzana in un suo articolo, ribadisce l'allarme sui rischi derivanti da una fornitura esterna di un servizio, che consente l'accesso fisico a tutto quanto contenuto nei computer dei Tribunali e delle Procure.

ATU QUANDO: L'esternalizzazione dei servizi di assistenza tecnica inizia nell'89, prende nome Ass. Tec. Unificata tra il 1997 e il 2007, ed a tutt'oggi centinaia di lavoratori informatici precari sono stati coinvolti in questo processo. Sappiamo che, oltre la metà della massa di questi lavoratori nell'ordine è stata: trasferita fuori sede, licenziata e/o sostituita con personale non formato, ed anche da personale "prima esperienza lavorativa".

LAVORATORI PRECARI: In Italia un lavoratore coinvolto in politiche di esternalizzazioni è sostanzialmente un lavoratore precario. Non importa se è stato assunto con un contratto di lavoro subordinato o “a progetto”, perché, in ogni caso, finita la commessa che consente all’azienda appaltatrice di pagare gli stipendi, finiscono tutti in mezzo ad una strada.

GLI APPALTI: ll Ministero e le società fornitrici stipulano un accordo mediante la sottoscrizione di contratti di appalto. Per l’esecuzione dell’appalto la società deve assumere personale. Ne consegue che fra il Ministero ed i lavoratori impiegati dall’appaltatore non intercorre alcun rapporto contrattuale: il Ministero usufruisce dell’assistenza informatica non come prestazione di lavoro, bensì come servizio da parte dell’appaltatore. Se si verifica infatti che l’appalto ha come oggetto reale mere prestazioni di lavoro, la pubblica amministrazione incorre nell’interposizione illecita di manodopera ovvero nella somministrazione di lavoro al di fuori dei casi consentiti dalla legge. (* vedi pagine 8 e 9 del testo allegato)

CONTRATTI: Così, nella casistica rilevata dal Comitato ATU, anche il lavoratore più volenteroso ed altamente qualificato professionalmente, diviene soggetto della pratica societaria italiana delle scatole cinesi e retribuito attraverso gruppi e società controllate differenti, con le quali è costretto a contrarre anche da 12 a 15 contratti diversi in un periodo di 4 - 5 anni.

IL LAVORATORE Siamo grati alla magistratura delle esternazioni di stima nei confronti dei lavoratori altamente qualificati ATU, dichiara Loredana Morandi, perché puntualmente i casi più gravi di licenziamento/trasferimento/sostituzione hanno registrato una epidemiologia di fenomeni come anorressia, perdita del sonno, ansia e simili, analoghi alle casistiche proprie del mobbing, che provengono inequivocabilmente dalla duplice pressione subita dal lavoratore: ovvero dal suo rilevante senso di responsabilità per la delicatezza del lavoro svolto a fianco del personale, togato e non, dei Tribunali; e contestualmente dai rapporti precari con le società appaltatrici del servizio di assistenza tecnica.

CALL CENTER E ASSISTENZA REMOTA: Suscita allarme l'introduzione dei call center di assistenza tecnica remota, in primis per l'opportunità lavorativa di coloro che sono già impegnati come organico reale nei Tribunali e censiti presso i Cisia, il cui posto di lavoro è in bilico, ma anche per l'esigenza di privacy e sicurezza a grave rischio nell' affidare all'esterno la gestione reale del disco fisso e del backup (salvataggio e copia di tutti i contenuti) dei pc di Consiglieri e Magistrati.

Distinti saluti.

Per il Comitato Informatici ATU


Loredana Morandi
www.giustiziaquotidiana.it

Allegato: le ultime vertenze

Interrogazione parlamentare sul caso ATU - Senatori Armato, Incostante, De Luca:
http://www.giustiziaquotidiana.it/dblog/articolo.asp?articolo=1552

www.senato.it

Licenziamenti a Napoli :
http://www.giustiziaquotidiana.it/dblog/articolo.asp?articolo=1519

la protesta dei 70 magistrati del Tribunale di Napoli :
http://www.giustiziaquotidiana.it/dblog/articolo.asp?articolo=1494

i licenziamenti in Calabria
http://www.giustiziaquotidiana.it/dblog/articolo.asp?articolo=1602
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 28/05/2009 @ 04:18:43, in Sindacati Giustizia, linkato 1378 volte)

Processi lunghi e problemi pratici: i principali "intoppi" della giustizia italiana

Questi alcuni dei temi affrontati nel corso della "Giornata nazionale della Giustizia". I sindacati: "Si va dall'inadeguatezza degli strumenti di cancelleria al mancato turn-over del personale"

Anche a Messina la “Giornata nazionale della giustizia” organizzata da Fp Cgil e Fp Cisl nell'aula C del Tribunale di Messina. Si pensa alla Giustizia italiana e la mente va ai processi lunghi, lunghissimi a volte, ma i problemi che la stessa lamenta oggi in Italia sono anche di carattere strettamente pratico. Ed è di questo che si è discusso oggi, delle difficoltà di settore a causa degli scarsi finanziamenti e della carenza di personale, mezzi e strutture. A parlare sono soprattutto i dipendenti del Tribunale che fanno notare l'inadeguatezza delle loro condizioni a dispetto di una mole di lavoro sempre crescente.

I problemi sono di tutti i tipi: si passa dal pensionamento dei piu' anziani, non integrato da nuove assunzioni, alla carenza di materiale di cancelleria.
Dipendenti della sezione GIP del Tribunale fanno notare come, ad esempio, senza punti metallici o fascicoli il loro lavoro diventi ogni giorno piu' difficile. Per non parlare dei locali preposti alla loro attività: alcuni di loro sono sistemati in scantinati e la presenza di topi o la costante illuminazione artificiale degli ambienti, non aiuta nello svolgimento dei loro compiti.

Fanno eco i segretari generali di Fp Cgil e Cisl Fps di Messina, Clara Crocè e Saro La Rosa, che parlano di totale inadeguatezza del Tribunale di Messina a rispondere ai tempi della giustizia: «Messina è agli ultimi posti per la definizione dei processi di primo grado, il blocco del turnover ha comportato il blocco dell'attività. Alcuni uffici giudiziari sono senza posta elettronica e non si può condividere la proposta di pianta organica provvisoria portata avanti dall'amministrazione. E' necessario quindi istituire un tavolo con il Ministro Alfano, al fine di fare presenti questi problemi e risolverli al piu' presto».

Intervenuti anche Daria Orlando dell'Associazione nazionale magistrati; Lillo Grasso, Dirigente Procura Generale della Repubblica; Claudio Marino, Dirigente Corte d'Appello Messina; Franco Cassata, Procuratore Generale della Repubblica; Nicolò Fazio, Presidente Corte d'Appello Messina e Giovanbattista Macrì, Presidente Tribunale di Messina che conferma quanto detto, spiegando che questi problemi non esistono solo per i dipendenti degli uffici del Tribunale, ma anche magistrati e avvocati lamentano questi ritardi, che finiscono senza dubbio per rallentare il loro lavoro.

Durante l'assemblea è stato proiettato il Filmato realizzato dalla Funzione pubblica della Cgil "Una giornata non troppo particolare", sulle condizioni del pianeta giustizia in Italia.

Antonclaudio Pepe

Tempo Stretto
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 27/05/2009 @ 12:18:15, in Magistratura, linkato 1227 volte)
GIUSTIZIA: PENALISTI, CSM E' CORPORATIVO E VA RIFORMATO

Roma, 27 mag. (Adnkronos) - "Un ulteriore pessimo esempio di autogoverno". Cosi' l'Unione camere penali definisce l'allarme lanciato dal Csm sulle carenze di organico nelle Procure. I penalisti sottolineano che invece di "richiamare i magistrati fuori ruolo e progettare il diverso accesso alle funzioni requirenti, il Csm cerca di mantenere i propri privilegi limitando la distinzione delle funzioni di giudice e pm".


27-05-09
GIUSTIZIA:GASPARRI, ANM AMMETTA SUCCESSO BANDO MAGISTRATI SEDI DISAGIATE

(ASCA) - Roma, 27 mag - ''I primi risultati provenienti dal bando relativo ai magistrati delle sedi disagiate hanno raggiunto livelli di adesioni ben oltre le aspettative dell'Anm, di tanti del Csm e del Pd. Il ministro Alfano, e prima di lui autorevoli e indipendenti quotidiani, hanno sottolineato il buono, anzi ottimo, andamento nell'afflusso delle domande''. E' quanto sottolinea il presidente del gruppo Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, che aggiunge: ''In queste settimane e nei mesi precedenti l'Anm ha contribuito solo con secchiate di diffidenza, cattivi auspici, giudizi negativi, pronostici pessimi. Ci saremmo aspettati, di fronte a questi seppur parziali risultati, un riconoscimento al governo, un'autocritica, un minimo di riflessione da parte di un'associazione rappresentativa non di milioni di iscritti, ma di meno di novemila cittadini, ed evidentemente incapace di comprenderne umori e di prevedere l'atteggiamento rispetto ad una circostanza cosi' eclatante. E invece no: la solita solfa da infallibili buona per tutte le occasioni anche quando i fatti contraddicono platealmente le opinioni''. red-njb/mcc/bra


27-05-09
GIUSTIZIA: ALFANO, SEDI PROCURE DISAGIATE VACANTI SARANNO OCCUPATE
 
(ASCA) - Palermo, 27 mag - Tutte le sedi delle procure disagiate vacanti saranno occupate. Lo assicura Angelino Alfano, ministro della Giustizia che, a due giorni dalla scadenza delle domande da presentare al Csm, ringrazia i magistrati che ''hanno dimostrato un grande senso etico, vincendo la sfida delle Cassandre''. Alfano, tornando sull'approvazione da parte del Senato della riforma sul processo civile, ha ricordato che la grande sfida e' quella di battere ''la lentezza'' e per riuscirsi il ''governo ha scelto il percorso piu' veloce: un collegato alla finanziaria''. dod/rg/rob

ieri ...

26-05-09
GIUSTIZIA: CSM LANCIA ALLARME SEDI DISAGIATE
 
(ASCA) - Roma, 26 mag - Il Consiglio superiore della magistratura lancia l'allarme sulle sedi disagiate. A parlare e' il presidente della Terza Commissione consiliare Roberto Carrelli Palombi: ''Sono stati pubblicati un totale di 76 posti in 41 uffici; ad oggi 77 sono i magistrati che hanno manifestato il consenso al trasferimento, richiedendo complessivamente 154 posti distribuiti su 38 dei 41 uffici pubblicati''. Carrelli Palombi aggiunce che in tre sedi non ci sono aspiranti: Nicosia, Crotone e Barcellona Pozzo di Gotto. Il problema delle sedi disagiate e' tra i principali dell'agenda del Csm. In cinque uffici requirenti, la scopertura degli organici e' arrivata al 100%: l'allarme riguarda le procure per i minorenni di Reggio Calabria e Caltanissetta, quelle ordinarie di Lanusei (Cagliari), Voghera (Milano) e Saluzzo (Torino). sar/mcc/ss
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 27/05/2009 @ 10:33:42, in Sindacati Giustizia, linkato 1114 volte)
Sarei curiosa di sapere se l'uso del pc sarà vietato anche a polizia, carabinieri e guardia di finanza per le operazioni di indagine, a contrasto della pornografia per pedofili. Eppure loro navigano su certi siti ...

Brunetta vieta l'uso privato di internet ai dipendenti pubblici


Arrivano istruzioni ad amministrazioni pubbliche e travet sull'uso di internet e della casella di posta elettronica. In 5 pagine il ministro anti-fannulloni Renato Brunetta fornisce, con una
direttiva diramata martedì, le indicazioni per «un giusto bilanciamento» tra i diritti individuali e il potere di controllo dell'amministrazione.

No, dunque, all'accesso in siti inseriti in black list, sì all'utilizzo di internet per assolvere incombenze amministrative e burocratiche private senza allontanarsi dal posti di lavoro.

«L'utilizzo delle risorse Ict da parte dei dipendenti, oltre a non dover compromettere la sicurezza e la riservatezza del sistema informativo, - è scritto in una direttiva del ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta - non deve pregiudicare ed ostacolare le attività dell'amministrazione o essere destinato al perseguimento di interessi privati in contrasto con quelli pubblici».

L'articolo segue su Il Sole 24 ore

La direttiva del ministro Brunetta
SONDAGGIO / Internet e dipendenti pubblici
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< giugno 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










16/06/2019 @ 2.32.11
script eseguito in 485 ms