Immagine
 forbici with red ... ... di Lunadicarta
 
"
Pirate Bay non si nasconde bene dietro al dito del decreto legislativo 70/2003.

Loredana Morandi
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 17/02/2010 @ 10:50:26, in Sindacati Giustizia, linkato 1271 volte)
Le OOSS del Pubblico impiego lanciano per il 23 febbraio la "giornata dell'informazione sulla Giustizia".
La RdB Cub inoltre conferma le agitazioni del personale della Protezione Civile, che manifesterà di fronte a Montecitorio nella giornata di domani 18 febbraio. Di seguito il comunicato Giustizia. LM


http://www.giustiziaquotidiana.com/public/ooss.jpg

ALLE LAVORATRICI ED AI LAVORATORI DELLA GIUSTIZIA


Lo sciopero del 5 febbraio è pienamente riuscito, la realtà che si è vissuta negli uffici giudiziari e nelle oltre 50 manifestazioni che abbiamo organizzato in tutta Italia lo dice chiaramente. L’emanazione degli O.d.G. della regione Liguria e Toscana, votati all’unanimità da tutte le forze politiche a favore delle rivendicazioni dei lavoratori giudiziari, testimoniano della bontà della nostra iniziativa.

L’amministrazione in questo momento deve ascoltare le ragioni della maggioranza dei lavoratori e delle OO.SS.  sindacali; tornare indietro non sarebbe disonore per il Ministro o per i sindacati minoritari.

La mobilitazione deve continuare fino alla vittoria finale per i diritti di chi tutti i giorni lavora nella giustizia  e per la giustizia.

Dobbiamo in ogni sede coinvolgere gli utenti attraverso la richiesta di incontri con gli ordini degli avvocati e i capi degli uffici anche attraverso la distribuzione di un opuscolo, che stiamo approntando,  sugli effetti del nuovo ordinamento professionale.

Dobbiamo renderci più visibili all’informazione attraverso presidi davanti alle sedi di giornali e televisioni e a tale scopo indichiamo la data del 23/2/10, che sarà la giornata dell’informazione sulla giustizia.

Dobbiamo aprirci alla società con manifestazioni davanti agli uffici giudiziari  in difesa della giustizia e dei diritti di chi ci lavora e a tale scopo indichiamo la data del 5 marzo.

Nel prendere atto che per assicurare la piena funzionalità degli uffici giudiziari il personale si è reso disponibile nel corso degli anni a svolgere tutte le attività di cancelleria e segreteria con la più ampia flessibilità delle mansioni, si invitano le lavoratrici e i lavoratori a rendere – a titolo dimostrativo- nella settimana che va dal 15 al 20 marzo tutte le prestazioni nel pieno rispetto delle norme e dei regolamenti.

A partire dal giorno 25 febbraio, e per tutti i giovedì successivi, si terrà in tutti gli uffici 1 ora di assemblea settimanale dalla 9.00 alle 10.00 con iniziative di informazione all’utenza all’interno degli uffici giudiziari.

Vogliamo arrivare ad una manifestazione nazionale di tutti i lavoratori giudiziari, subito dopo le elezioni regionali, nella quale rivendicare davanti al paese il buon funzionamento della giustizia e i diritti di chi ci lavora. Se sarà necessario proclameremo ulteriori giornate di sciopero.

Il Ministro della Giustizia deve tornare al tavolo della trattativa.

Tutti insieme al lavoro e alla lotta.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 17/02/2010 @ 11:17:07, in Magistratura, linkato 1306 volte)
L'Ansa batte la notizia flash alle 11:05 sulla relazione introduttiva del Procuratore Generale della Corte dei Conti, dott Mario Ristuccia:

Corte dei Conti:

Corruzione "Patologica" e "senza anticorpi",


+ 229 le Denunce.

Anche Adnkronos pubblica una news flash del seguente tenore:

Pubblica Amministrazione, Corte Conti: fortemente aumentate denunce corruzione (+229%)

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/euro_banconote.jpg

La Rassegna:

'Corruzione patologica PA non ha anticorpi'
Corte dei conti: +229% le denunce nel 2009


17 febbraio, 11:35

ROMA (ANSA) - La corruzione è una "patologia" che "resta tuttora grave" e che, anzi, nel 2009 ha fatto registrare un aumento di denunce alla Guardia di Finanza del 229% rispetto all'anno precedente, cui si aggiunge un incremento del 153% per fatti di concussione. Rispetto a queste condotte illecite individuali, le pubbliche amministrazioni "troppo spesso" non attivano i necessari "anticorpi interni". E' la denuncia del procuratore generale e del presidente della Corte dei Conti, Mario Ristuccia e Tullio Lazzaro, in occasione della cerimonia di apertura dell'anno giudiziario.

La corruzione - rileva il pg Ristuccia nella sua relazione - dilaga nella pubblica amministrazione: il Ministero dell'Interno, i Comandi dei Carabinieri e della Gdf, nel solo periodo gennaio-novembre 2009 hanno denunciato 221 reati di corruzione, 219 di concussione e 1714 reati di abuso di ufficio, con un vertiginoso incremento rispetto all'anno precedente. E' poi assai "grave" - aggiunge il presidente Lazzaro - la mancanza di "anticorpi" nella Pa contro le condotte illecite individuali che causano "offuscamento dell'immagine dello Stato" e "flessione della fiducia che la collettività ripone nelle amministrazioni e nelle stesse istituzioni del Paese".

Secondo il Pg Ristuccia, i maggiori illeciti contro la Pubblica amministrazione rilevati da Servizio anticorruzione e trasparenza del dicastero del ministro Brunetta indicano come territori più a rischio quelli in cui "maggiori sono le opportunità criminali in considerazione del Pil pubblico più elevato, delle transazioni a rischio quantitativamente più numerose e del maggior numero di dipendenti pubblici", come ad esempio Lombardia, Sicilia, Lazio e Puglia. Nel 2009, su 1.077 sentenze di condanna in primo grado della Corte dei Conti (per un totale di circa 246milioni di euro di importo), 126 (vale a dire l'11,7%) hanno riguardato casi di corruzione, surclassati solo da danni nella gestione del personale (155 condanne, 14,4%), danni al patrimonio mobiliare e immobiliare (152, 14,2%) illeciti nelle entrate (150, 13,9%).

"Se le pervicaci resistenze che questa patologia sembra opporre a qualsiasi intervento volto ad assicurare la trasparenza e l'integrità nelle amministrazioni possono dirsi essere una sorta di 'ombra' o di 'nebbia' che sovrasta e avvolge il tessuto più vitale operoso del Paese, non si può fare a meno di notare - sottolinea il presidente - che l'oscuramento resta tuttora grave, non accenna neppure a dissolversi o a flettere nella sua intensità ispessita". Dalla relazione del pg, inoltre, emerge che è la Toscana - dove in sede penale la procura di Firenze sta indagando sugli appalti del G8 - in testa alla classifica delle regioni in cui la Corte dei Conti ha emesso il maggior numero di citazioni in giudizio per danno erariale: sono 21 (su un totale nazionale di 92), mentre a seguire ci sono Lombardia (18), Puglia (11) Sicilia (10), Umbria (7), Piemonte (7), Trento (5), Calabria (4), Lazio (3) Abruzzo (2) Emilia Romagna (2) Friuli Venezia Giulia (1), Liguria (1).

OPERE INCOMPIUTE, FONTE ENORME SPRECO - Uno dei capitoli che maggiormente pesa nell'attività della Corte dei Conti è quello delle "opere incompiute", vale a dire "progettate e non appaltate ovvero non completate o inutilizzabili per scorretta esecuzione". Lo ha evidenziato il pg della magistratura contabile, Mario Ristuccia, sottolineando che questo fenomeno "determina un ingente spreco di risorse pubbliche".

PROCESSO BREVE: PG, IRRAGIONEVOLE RETROATTIVITA'  - La giustizia contabile "non può certo dirsi affetta dalla sistematica lentezza che colpisce altri giurisdizioni". Per questo motivo - denuncia il procuratore generale della magistratura contabile nel corso della cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario Mario Ristuccia - l'aver previsto nel ddl sul processo breve una norma che fa valere retroattivamente la prescrizione processuale se i tempi del giudizio sono troppo lunghi, è illogico. In questo modo infatti - sostiene Ristuccia - si "porrebbe irragionevolmente nel nulla proprio quei giudizi non definiti in tempi stabiliti a causa della complessità delle questioni affrontate, o della connessa necessità di particolari accertamenti istruttori".

SANITA' SPESE INUTILI E MALA GESTIONE  - Non solo "spese inutili" ma anche "fenomeni particolari di mala gestione" interessano il settore della sanità. Lo ha evidenziato il procuratore generale della Corte dei Conti, Mario Ristuccia, citando come esempi di cattiva gestione nella sanità "inefficienti e costosi programmi di screening anti-tumorale", come accaduto in Calabria, "l'assistenza odontoiatrica inesistente (caso delle cosiddette dentiere gratuite) nel Lazio", "eccessive prescrizioni di farmaci ovvero falsità delle stesse o di loro sostanziale inutilita" fino a "sconcertanti interventi chirurgici non necessari".

SERVE RIFORMA ORGANICA, NO CONTINGENTE  - La Corte dei conti ha bisogno di "un disegno normativo organico e coerente e non affidato a interventi occasionali, determinati da particolari contingenze". A chiederlo, in linea con quanto già sollecitato in tema di giustizia dal Capo dello Stato Giorgio Napolitano, è il procuratore generale della magistratura Contabile Marfio Ristuccia.

Le norme occasionali, invece, "pur mirando a un'azione amministrativa tempestiva" - osserva Ristuccia - non danno il "giusto rilievo ai profili essenziali della correttezza dell'uso delle risorse pubbliche, in tal modo creando il rischio oggettivo di non trascurabili zone d'ombra nel sistema stesso di garanzia della finanza pubblica che fa capo" alla Corte dei Conti. Il pg, dunque, auspica "un disegno riformatore di largo respiro che "ridefinisca, nell'ottica della funzione di garanzia del denaro pubblico, i poteri e le modalità operative" di pm e di giudici contabili, e che riveda "i rapporti tra esercizio della funzione giurisdizionale e esercizio della funzione di controllo" della Corte.

URGE RIFORMA SU GIUDIZI E FUNZIONI PM  - "Occorre provvedere con urgenza alla riforma della procedura per i giudizi davanti alla Corte dei Conti". A sollecitarlo, nel corso della cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario, è il presidente Tullio Lazzaro che, pur dando atto della "grandissima importanza" di alcune riforme contenute nella legge Brunetta sulla Pubblica amministrazione, ritiene che l'attuale procedura che regola i giudizi contabili sia "disciplinate da norme ormai del tutto superate e inadeguate" e che dunque "possono lasciare ampio spazio a interpretazioni pretorie".

Lazzaro chiede, in particolare, una "attenta riflessione" sia sulle funzioni del pm contabile, sia sulle attività di controllo e consultive della Corte dei Conti. Il pm contabile - osserva - è una "figura ontologicamente e giuridicamente diversa dal pm penale" per cui la riflessione sul suo ruolo è "tanto più necessaria ed urgente nel momento in cui il Parlamento è investito dell'esame di riforme del sistema giustizia". Quanto invece all'azione consultiva e di controllo, occorre una "esigenza di certezza" nell'interpretazione delle norme e nella valutazione di comportamenti. In particolare il controllo "può essere un'arma forte contro i fenomeni delinquenziali nel campo della finanza pubblica", e dunque è "logico" che "possa, potenzialmente, abbracciare ogni centro di spesa o di entrata", tanto più che recenti sentenze della Corte costituzionale hanno riconosciuto alla magistratura contabile "compiti di coordinamento della finanza pubblica", e tanto più in vista dell'evolversi dello Stato verso un assetto di tipo federale.

ALLARME CONSULENZE: FENOMENO VASTO - La questione delle consulenze che vengono conferite all'esterno della pubblica amministrazione o che vengono affidate agli stessi dipendenti in cambio di maggiorazioni salariali riguarda "non tanto episodici accadimenti di mala gestione quanto piuttosto fenomeni vasti che non possono non allarmare per l'impatto negativo che nel loro complesso, anno dopo anno, producono sugli squilibri di bilancio". Lo ha detto il presidente della Corte dei Conti Tullio Lazzaro ricordando le norme finanziarie, in tema di collaborazioni e consulenze, che "responsabilmente mirano alla razionalizzazione e al contenimento della spesa pubblica nazionale e locale". Nella tabella allegata alla Relazione del procuratore generale Mario Ristuccia risulta che su 1.077 sentenze di primo grado della Corte dei Conti emesse nel 2009, 62 (il 5,7%) hanno riguardato consulenze e incarichi.

CONTROLLI SU SPA PUBBLICHE GARANZIA USO RISORSE - Il controllo della Corte dei Conti "in materia di responsabilità degli amministratori e dipendenti di società a partecipazione azionaria pubblica" è "strumento di garanzia del buon uso delle risorse pubbliche". Lo ha sottolineato il procuratore generale della Corte dei Conti Mario Ristuccia nella relazione all'inaugurazione dell'anno giudiziario. Il Pg, ricordando un recente intervento della Cassazione che afferma la giurisdizione della Corte dei Conti in materia, rileva che "la presa d'atto dell'evoluzione della struttura amministrativa e della finanza pubblica, dal modello statale e degli enti territoriali verso forme e modelli organizzativi di tipo privato e la parallela evoluzione delle regole d'azione poste a base dell'agire amministrativo costituisce tuttora il fondamento della necessaria sottoposizione di tali nuovi modelli alla giurisdizione contabile, quale strumento di garanzia del buon uso delle risorse pubbliche".

PM ESORBITANTI CAUSANO DANNI ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE  - I pubblici ministeri della Corte dei Conti che avviano istruttorie con "esorbitanza" rispetto ai limiti imposti dalla legge rischiano di "ingenerare in amministratori e funzionari timori ingiustificati di subire condanne" e, di conseguenza, provocano "ritardi o non attuazione di piani o programmi" di cui invece la Pubblica Amministrazione ha "assolutamente bisogno".

E' il duro monito rivolto dal presidente della Corte dei Conti, Tullio Lazzaro, nel corso della cerimonia inaugurazione dell'anno giudiziario, alla presenza del Capo dello Stato. Lazzaro dedica buona parte del suo intervento alla "supremazia della legge e quindi della volontà del Parlamento" rispetto alla quale i magistrati, soggetti solo alla legge, non debbono permettersi sconfinamenti. Altrimenti - avverte - si "potrebbe contribuire a creare uno stato di incertezza del diritto laddove fondamentale dovere del giudice é dare al cittadino la sicura conoscenza di ciò che è conforme all'ordinamento e ciò che ne è invece difforme".

Bando, dunque, a "ricostruzioni giuridiche tanto suggestive quanto dettate da concezioni del tutto personali o da scelte di valori non fatte proprio in modo chiaro dalla legge". Il presidente della Corte dei Conti mette in guardia anche dal pericolo di "usare violenza al diritto e alla logica": "rifiutare una corretta interpretazione solo perché si ritiene che la norma sia asistematica - afferma - significa espropriare il Parlamento del suo potere di legiferare". L' "incertezza del diritto" - avverte Lazzaro - "può provocare anche negativi e tangibili effetti economici", quali ad esempio lo scoraggiamento nell'imprenditore straniero ad investire in Italia piuttosto che in altri Paesi dove "statisticamente vi è maggiore affidabilità quanto a durata di procedimenti e prevedibilità di esiti, e quindi più celere tutela giudiziaria di interessi connessi all'impresa". Quanto all'"esorbitanza" di alcuni pm contabili, Lazzaro definisce di "particolare interesse" il fatto che, a seguito delle nuove norme contenute nel decreto anticrisi della scorsa estate per cui i pm possono aprire istruttorie solo sulla base di una "specifica e concreta notizia di danno", i collegi giudicanti abbiano annullato diverse inchieste.

'CORTE CONTI  ABBIA AUTONOMIA FINANZIARIA' - E' "indispensabile" garantire alla Corte dei Conti la "piena indipendenza dal governo" assicurandone anche l'indipendenza finanziaria. A tornare a sollecitarlo è il presidente della Corte dei Conti Tullio Lazzaro nel corso della cerimonia di apertura dell'anno giudiziario. Indipendenza finanziaria - precisa - "non significa che la Corte possa, da sé stessa, stabilire il proprio budget, ma che questo sia direttamente e specificatamente stabilito dal Parlamento". In questo modo, inoltre, si avrebbe l'"ulteriore effetto positivo di prevenire ogni calunniosa insinuazione, comunque da respingere, che l'attività della Corte - aggiunge Lazzaro - possa essere condizionata attraverso la dotazione finanziaria ad essa assegnata".

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 17/02/2010 @ 14:58:19, in Magistratura, linkato 1410 volte)




COMUNICATO STAMPA n.7/2010

17 febbraio 2010

 
In merito a notizie di stampa in materia di bilancio pubblico, a margine della cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario, il Presidente della Corte dei conti Tullio Lazzaro, ha dichiarato: "Non esiste nessun buco di bilancio, al massimo c'è una scarsa correttezza contabile nello scrivere alcune poste". Il Presidente ha rinviato l'approfondimento alla seguente nota tecnica:" La Corte dei conti ha più volte rappresentato l'esigenza di trovare stanziamenti adeguati per la sistemazione delle partite scritte al conto sospeso, a partire da quelle contabilizzate negli anni più lontani. Tali pagamenti costituiscono anticipazioni della Tesoreria statale (non anticipazione della Banca d'Italia che non può concederne ai sensi dell'art. 5 del D.P.R. 30.12.2003, n. 398) e utilizzano risorse del conto disponibilità del Tesoro.

Nel caso specifico oggetto delle osservazioni della relazione della Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato, sulla base di comunicazioni del Ministero dell'Interno, le tesorerie provinciali erano autorizzate ad accreditare agli enti locali le somme loro spettanti, su richiesta degli stessi. Trimestralmente le tesorerie avrebbero trasmesso al Ministero dell'interno un elenco contenente gli importi riconosciuti a ciascun ente beneficiario delle anticipazioni, per consentire l'emissione del titolo di spesa per la sistemazione dei relativi pagamenti.

Il Tesoro ha affermato che "il funzionamento del sistema delineato dalla norma ha trovato alcuni ostacoli che non hanno consentito la regolarizzazione delle partite contabilizzate al conto sospeso collettivi". Le partite in sospeso ammontano a oltre 8 miliardi di euro.

Al fine di fornire parziale soluzione alla problematica, nella finanziaria per il 2010 sono stati previsti appositi stanziamenti destinati, mediante decreti del Ministro dell'economia e delle finanze, alla sistemazione contabile di parte delle partite iscritte al conto sospeso tenuto dal Tesoriere, per le quali non esistono in  bilancio le occorrenti risorse.

Per quanto riguarda i saldi e i conti di finanza pubblica il fenomeno in via di correzione ha comportato nel passato un alleggerimento del saldo netto da finanziare del bilancio dello stato.

Gli aggregati rilevanti per le verifiche europee (indebitamento netto e debito pubblico) non risultano invece influenzati dal fenomeno perché delle operazioni in questione si è già tenuto conto, attraverso la rilevazione della gestione di tesoreria, nella costruzione del conto consolidato delle Amministrazioni pubbliche."

Il Responsabile dell'Ufficio Stampa
Consigliere Cinthia Pinotti
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
I pm romani sentiti come testimoni:
Toro ci chiese informazioni sul fascicolo


di Italo Carmignani

PERUGIA (17 febbraio) - Domanda dei pubblici ministeri perugini Sergio Sottani e Alessia Tavernesi nell’ufficio più alto della Procura: il procuratore aggiunto di Roma Achille Toro vi ha chiesto informazioni sui fascicoli dedicati all’inchiesta meglio conosciuta con il nome grandi eventi? Risposta dei pubblici ministeri romani Sergio Colaiocco e Assunta Cocomello: ha chiesto informazioni a riguardo, ma è normale. Domanda: era insistente? Risposta: non possiamo dire che fosse proprio insistente, ma neanche il contrario. Si chiama assunzione a verbale di persone informate sui fatti l’ultima svolta dell’inchiesta dedicata agli appalti e ai presunti favori per ottenerli. La svolta potrebbe segnare un punto di non ritorno: dopo l’arrivo dei fascicoli della parte fiorentina dell’inchiesta (lavori per il G8 alla Maddalena), anche il pacchetto romano è in procinto di passare sulle scrivanie della Procura umbra.
Perugia pigliatutto per la comparsa nell’indagine del magistrato di Achille Toro, che ha rimesso la delega di capo del pool di magistrati di piazzale Clodio impegnato a indagare sui reati contro la pubblica amministrazione dopo essere stato inquisito per rivelazione di segreto d’ufficio nel capoluogo toscano. Ma come testimoni non sono stati sentiti solo i due pubblici ministeri, segnando il primo passo perugino nell’indagine. Anche due agenti di polizia giudiziaria hanno risposto alle domande dei pm Tavernesi e Sottani. Risposte analoghe, pare.
Il secondo passo dei pm perugini arriverà questa mattina con il rinnovo della richiesta di misura cautelare nei confronti dei quattro arrestati nell’ambito del fascicolo. Ieri mattina, prima del summit nella città di baci, il gip di Firenze Rosario Lupo, aveva respinto le richieste di revoca delle misure cautelari presentate durante gli interrogatori di garanzia, venerdì scorso, nel carcere di Roma, dalle difese di Angelo Balducci, Diego Anemone e Mauro Della Giovampaola. Il quarto arrestato, Fabio De Santis, interrogato per rogatoria a Milano, non aveva presentato richiesta di scarcerazione. Il gip Lupo ha spiegato che «permangono tutte le esigenze di custodia cautelare» e che «resta valida l’ordinanza» che ha portato i tre in carcere. E nel motivare il no alle scarcerazioni, il gip spiega che, durante gli interrogatori di garanzia, gli arrestati non hanno fornito elementi tali da chiarire a loro favore quanto contenuto nella misura cautelare. Rimarrebbero inoltre le esigenze cautelari che avevano portato agli arresti, ovvero, a vario titolo, il pericolo di fuga, di inquinamento delle prove e di reiterazione del reato. Balducci e De Santis sono coinvolti nell’inchiesta per il loro ruolo di vertice al Dipartimento per lo sviluppo e la competitività del turismo, di cui faceva parte come funzionario Della Giovampaola. Anemone è l’imprenditore romano che, secondo gli inquirenti, grazie ai suoi rapporti corruttivi con gli altri arrestati, avrebbe goduto di appalti e favori nell’ambito dei grandi eventi.
Il gip perugino cui arriverà la richiesta potrebbe essere Claudia Matteini, già impegnata nelle ultime appaltopoli umbre. E sarà proprio questo gip a decidere se Perugia è o meno competente per l’intero fascicolo. Ossia con dentro i tronconi di Firenze e Roma oltre alla parte di espressa competenza perugina che indaga e giudica i magistrati romani. Se tutto dovesse arriva a Perugia nei faldoni non ci sarebbe solo la vicenda del G8, ma anche gli appalti per i mondiali di nuoto 2009 (con l’esclusione della parte relativa ai presunti abusi edilizi) e quelli per le celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Acceso dibattito, nei giorni scorsi, sulla competenza di Perugia: alcuni magistrati romani dopo un primo esame delle carte fiorentine avevano ipotizzato una competenza della procura umbra per la sola posizione di Toro. Anche se l’obiettivo a piazzale Clodio è stato sempre quello di evitare contrapposizioni tra Procure. Dopo avere avuto la risposta del giudice perugino, i pubblici ministero Sottani e Tavernesi potrebbero partire con la convocazione di altre persone informate sui fatti.

Il Messaggero

Leggi e vedi anche:

G8, Bertolaso: su patibolo che non merito
Dubbi sulla competenza di Perugia
Approfondimenti
Nel mirino i lavori a casa del giudice Sancetta
Venezia. Bertolaso-gate, la studentessa:
«Escort? No, sono qui per l'università»
Video
Inchiesta G8, Bertolaso: porterò avanti il mio lavoro
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 17/02/2010 @ 16:44:15, in Magistratura, linkato 1258 volte)

G8: Procura Generale di Cassazione chiede notizie su Achille Toro


Roma, 17 feb. (Adnkronos) - Anche gli organi disciplinari della magistratura scendono in campo nell'inchiesta riguardante gli appalti per i grandi eventi. E' infatti di due giorni fa l'iniziativa della procura generale presso la Cassazione, che e' uno degli organismi ai quali compete l'avvio di indagini dal punto di vista disciplinare sui magistrati, di chiedere al procuratore della Repubblica di Roma Giovanni Ferrara una serie di informazioni riguardanti non solo lo stato delle indagini ma anche la posizione del procuratore aggiunto Achille Toro, coinvolto nell'inchiesta fiorentina.

Le richieste della procura generale sono state fatte previa apertura di un ''procedimento predisciplinare'' nei riguardi di Toro, indagato per rivelazione di segreti di ufficio in concorso con il figlio Camillo, il quale e' anche indagato per favoreggiamento. (segue)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 17/02/2010 @ 16:53:12, in Magistratura, linkato 1304 volte)
Questa news la riporto perché è interessante. Genchi e' indagato per abuso d'ufficio, violazione della privacy e illecita intromissione nel sistema informatico dell'agenzia delle entrate. L.M.

Intercettazioni: caso Genchi, l'inchiesta resta nella Capitale



Roma, 3 feb. - (Adnkronos) - Resta affidata alla Procura della Repubblica di Roma l'inchiesta che coinvolge l'ex consulente informatico dell'ex pm di Catanzaro Luigi De Magistris riguardante la raccolta di un imponente archivio avvenuta in maniera illecita. Lo ha deciso la Procura generale della Corte di Cassazione, pronunciandosi su una questione sollevata da De Magistris che ha ormai abbandonato la magistratura.

Secondo De Magistris, la competenza a proseguire le indagini doveva essere della Procura della Repubblica di Salerno. Ora, in seguito alla decisione della Procura generale i procuratori aggiunti di Roma Nello Rossi e Achille Toro nonche' il pubblico ministero Andrea De Gasperi potranno proseguire i loro accertamenti. In tempi brevi si dovrebbe giungere al deposito degli atti che preludera', secondo quanto si prevede, ad una richiesta di rinvio a giudizio per Genchi.

Genchi e' indagato per abuso d'ufficio e violazione della legge Boato per aver acquisito indebitamente una documentazione su parlamentari di varie compagini politiche. Tra questi Romano Prodi e Clemente Mastella. A Roma Genchi e' anche indagato per il reato di accesso abusivo ad un sistema informatico per essersi intromesso nel sistema dell'anagrafe tributaria.

03/02/2010
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 17/02/2010 @ 17:03:59, in Magistratura, linkato 1379 volte)
Processo breve/ Anm:
Danni seri a sistema, si garantisce impunità

Palamara: Problemi giustizia non possono essere superati così



Roma, 17 feb. (Apcom) - Il ddl sul processo breve non risolve i problemi della giustizia, anzi "rischia di danneggiare seriamente il sistema", garantendo impunità a chi è sottoposto a processo. E' il presidente dell'Anm, Luca Palamara, a denunciare ancora una volta i rischi che derivano dall'introduzione delle norme all'esame del Parlamento.

I problemi reali della giustizia italiana, spiega il leader del sindacato delle toghe durante un'audizione in commissione Giustizia alla Camera, "non possono essere superati con le norme del processo breve che, oltre a non trovare riscontro a livello europeo, rischiano di danneggiare seriamente il sistema, garantendo impunità a chi è sottoposto al processo e non tutelando le vittime dei reati".

Davanti ai deputati, impegnati in un'indagine proprio sugli effetti del ddl sul processo breve, Palamara e la giunta dell'Anm sono tornati a mettere in luce le "criticità" non solo della norma che prevede di applicare le nuove disposizioni anche ai processi in corso ma anche delle "previsioni future". Evidenziando invece le riforme "strutturali" che sarebbero necessarie per snellire i tempi dei processi: dall'organizzazione giudiziaria all'informatizzazione, alle questioni del personale amministrativo, alla depenalizzazione dei reati.


Così il PG di Corte dei Conti ...


Giustizia: Corte Conti, no a retroattivita' processo breve,
colpirebbe nostri casi piu' complessi


Roma, 17 feb. - (Adnkronos) - Attenzione alla retroattivita' del processo breve perche' colpirebbe i giudizi non definiti nei tempi stabiliti, a causa della complessita' delle questioni affrontate dalla magistratura contabile. Il procuratore generale della Corte dei conti, Mario Ristuccia, nel corso della cerimonia di apertura dell'anno giudiziario, sottolinea che per quanto riguarda la giurisdizione contabile ''salvo casi particolari'' non e' affetta dalla ''sistematica lentezza che colpisce altre giurisdizioni''.


... e dall'OUA

Giustizia: Oua, su 'processo breve' servono sostanziali modifiche a testo ddl

Roma, 17 feb. - (Adnkronos) - Una delegazione dell'Oua, l'organismo unitario dell'Avvocatura, presenti il presidente Maurizio de Tilla e il vicepresidente Luca Saldarelli, e' stata oggi in audizione presso la commissione giustizia della Camera dei deputati sul disegno di legge per il cosiddetto 'processo breve'. L'Oua ha consegnato due documenti con le osservazioni dell'Avvocatura al ddl. Secondo l'Oua, il testo "ha bisogno di alcune sostanziali modifiche e non puo', comunque, non essere accompagnato da un forte intervento sulla macchina giudiziaria".
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
ACHILLE TORO LASCIA LA MAGISTRATURA

(AGI) - Roma, 17 feb. - Achille Toro lascia la magistratura.  Dopo 40 anni di carriera il procuratore aggiunto di Roma abbandona l'ordine giudiziario. Fatale il suo coinvolgimento nell'inchiesta della procura di Perugia per rivelazione del segreto d'ufficio. Toro ha comunicato la sua decisione al procuratore capo della Repubblica di Roma Giovanni Ferrara. A brevissimo la comunicazione sara' girata al Csm e al ministro della Giustizia. Le dimissioni sono irrevocabili. Cio' fara' venir meno l'eventuale procedimento disciplinare che la Procura generale della Cassazione stava per avviare. (AGI) .

G8 MADDALENA:
IN ARRIVO PROCEDIMENTO
DISCIPLINARE PER TORO

(AGI) - Roma, 17 feb. - Procedimento disciplinare in vista per il procuratore aggiunto di Roma, Achille Toro, indagato a Perugia, tramite Firenze, per rivelazione del segreto di ufficio assieme al figlio Camillo (accusato anche di favoreggiamento personale) nell'ambito dell'inchiesta della procura fiorentina sugli appalti per i lavori del G8 alla Maddalena. Il sostituto procuratore generale della Corte di Cassazione Ignazio Patrone, nell'ambito dei primi accertamenti preliminari avviati sulla base delle notizie riportate dagli organi di stampa, ha chiesto due giorni fa al procuratore di Roma Giovanni Ferrara una serie di informazioni con "assoluta urgenza" necessarie per la formazione del fascicolo istruttorio. In particolare, Patrone ha chiesto conto dei principali atti di indagine (data di iscrizione del procedimento, il titolo dei reati, le persone indagate, i magistrati assegnatari e le attivita' svolte) compiuti a Roma con riferimento al filone G8 e, in particolare, a quello sul 'Salaria Sport Village' (Mondiali di nuoto) per il quale 'potrebbe esservi stata una fuga di notizie circa il sequestro/dissequestro delle opere eseguite'. Patrone ha sollecitato informazioni anche sulle date in cui si sono svolte le riunioni tra i pm romani e quelli di Firenze e sulla conferma delle notizie circa l'avvenuta estromissione di Toro dal gruppo dei reati contro la Pubblica Amministrazione. E ancora, se il procedimento romano fosse assegnato al gruppo di lavoro coordinato da Toro, se lo stesso abbia mai partecipato a riunioni in cui si e' parlato di detta indagine, e se siano avvenuti accessi al Re.Ge. (Registro Generale) sullo stato del procedimento tra il giugno 2009 e il gennaio 2010 "quando - ha sottolineato nella missiva a Ferrara - alcune delle persone sottoposte alle indagini a Firenze, secondo il gip Rosario Lupo, appaiono in grado di muoversi anche all'interno degli uffici giudiziari romani al fine di avere informazioni sui processi che possono interessare loro".

La Rassegna


APCOM - ‎2 ore fa‎
Roma, 18 feb. (Apcom) - Prima l'indagine per una accusa di rivelazione del segreto d'ufficio, con il coinvolgimento del figlio. La promessa di resistere, ...

Rotola la prima testa: si dimette il pm Toro

il Giornale - ‎2 ore fa‎
Nell'inchiesta sul G8, il primo a gettare la spugna è un magistrato: Achille Toro, procuratore aggiunto a Roma, un pezzo grosso della corporazione dei ...

G8 MADDALENA: COSI' ACHILLE TORO E' FINITO NELL'INCHIESTA

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎13 ore fa‎
(AGI) - Roma, 17 feb. -Rivelazione del segreto d'ufficio. E' questo il reato ipotizzato dalla procura di Firenze (e ora al vaglio delola procura di perugia, ...

INCHIESTA G8: IL PM ACHILLE TORO LASCIA LA MAGISTRATURA

Agenzia di Stampa Asca - ‎14 ore fa‎
(ASCA) - Roma, 17 feb - Il procuratore aggiunto Achille Toro ha annunciato che lascera' la magistratura. ''Volendo essere libero di difendere l'onorabilita' ...

TORO, LASCIO PER DIFENDERE L'ONORE MIO E DI MIO FIGLIO

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎14 ore fa‎
(AGI) - Roma, 17 feb. - "Volendo essere libero di difendere l'onorabilita' mia e di mio figlio in ogni sede e nel contempo desiderando eliminare ogni ...

Inchiesta G8: pm Toro si e' dimesso da magistratura

ANSA - ‎14 ore fa‎
(ANSA) - ROMA, 17 FEB - Il procuratore di Roma Achille Toro, indagato nell'inchiesta per gli appalti G8 alla Maddalena, si e' dimesso dall'ordine ...

Inchiesta G8, pm Toro si dimette.E' indagato per appalti alla ...

TGCOM - ‎15 ore fa‎
Il procuratore aggiunto di Roma, Achille Toro, indagato nell'inchiesta per gli appalti G8 alla Maddalena per rivelazioni di segreto d'ufficio, ...

ACHILLE TORO LASCIA LA MAGISTRATURA

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎15 ore fa‎
Dopo 40 anni di carriera il procuratore aggiunto di Roma abbandona l'ordine giudiziario. Fatale il suo coinvolgimento nell'inchiesta della procura di ...

Il procuratore Toro lascia la magistratura

Il Sole 24 Ore - ‎15 ore fa‎
L'atto di dimissioni, comunicato al procuratore della repubblica Giovanni Ferrara, arriverà domani al Consiglio superiore della magistratura ed al ministro ...

Appalti: Procura generale Cassazione chiede notizie su Achille Toro

Libero-News.it - ‎17 ore fa‎
Roma, 17 feb. (Adnkronos) - Anche gli organi disciplinari della magistratura scendono in campo nell'inchiesta riguardante gli appalti per i grandi eventi. ...

G8 MADDALENA: IN ARRIVO PROCEDIMENTO DISCIPLINARE PER TORO

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎17 ore fa‎
(AGI) - Roma, 17 feb. - Procedimento disciplinare in vista per il procuratore aggiunto di Roma, Achille Toro, indagato a Perugia, tramite Firenze, ...

I pm romani sentiti come testimoni: Toro ci chiese informazioni ...

Il Messaggero - ‎19 ore fa‎
PERUGIA (17 febbraio) - Domanda dei pubblici ministeri perugini Sergio Sottani e Alessia Tavernesi nell'ufficio più alto della Procura: il procuratore ...

G8 Maddalena, i fermati restano in carcere

La Repubblica - ‎16/feb/2010‎
FIRENZE - Restano in carcere le persone arrestate nell'ambito dell'inchiesta per gli appalti del G8 alla Maddalena. Il Gip di Firenze Rosario Lupo ha ...

Toro appende la toga al chiodo

Il Tempo - ‎29 minuti fa‎
Il procuratore aggiunto romano coinvolto nell'inchiesta col figlio decide di abbandonare la magistratura dopo una carriera di oltre 40 anni. ...

L'addio di Achille Toro alla magistratura

Newnotizie - ‎50 minuti fa‎
Tecnicamente si chiama “rivelazione del segreto d'ufficio”, nella pratica è l'accusa più infamante che possa investire un magistrato, ovvero quella di aver ...

ROMA Il pm Toro lascia la toga

Il Manifesto (Abbonamento) - ‎1 ora fa‎
Achille Toro lascia la magistratura. Il procuratore aggiunto di Roma indagato insieme al figlio nell'inchiesta della Procura di Firenze sugli appalti a La ...

Il procuratore Toro lascia la toga

Sabato Sera Online - ‎1 ora fa‎
Italia. Achille Toro, procuratore aggiunto di Roma, iscritto nel registro degli indagati dell'inchiesta sul G8 della Maddalena, in concorso con il figlio ...

Inchiesta G8/ Procuratore Achille Toro lascia la... -3-

Virgilio - ‎14 ore fa‎
Roma, 17 feb. (Apcom) - La scelta di dimettersi dalla magistratura di Achille Toro è irrevocabile. L'atto firmato dall'ormai ex procuratore aggiunto non ...

Inchiesta G8: il pm Toro si dimette

Kayenna schegge metropolitane - ‎14 ore fa‎
Il procuratore aggiunro di Roma Achille Toro, indagato nell'ambito dell'inchiesta G8, si è dimesso oggi pomeriggio: uno dei personaggi chiave della vicenda, ...

INCHIESTA G8: IL PROCURATORE ACHILLE TORO LASCIA LA MAGISTRATURA

Clandestinoweb - ‎15 ore fa‎
17 feb. - Il procuratore aggiunto di Roma, Achille Toro, si è dimesso dalla magistratura, a causa del coinvolgimento suo e del figlio nell'inchiesta sul G8 ...

L'inchiesta passa a Perugia, Roma beffata. Il ruolo del pm Achille ...

l'AnteFatto (Blog) - ‎17 ore fa‎
A Perugia. Gli atti delle varie inchieste sul "sistema gelatinoso" del Bertolaso-gate sono destinati a finire nello stretto imbuto della procura umbra. ...

Per il magistrato romano Achille Toro indagato, l'inchiesta sulla ...

Blitz quotidiano - ‎19 ore fa‎
C'è anche un magistrato della Procura della Repubblica di Roma tra gli indagati nello scandalo della Protezione civile: è il procuratore aggiunto Achille ...

Appalti: Achille Toro lascia definitivamente magistratura (3)

Libero-News.it - ‎14 ore fa‎
(Adnkronos) - Sulla decisione di Achille Toro, avendo, come si e' detto, il magistrato compiuto 40 anni di carriera, non c'e' bisogno che si pronunci il ...

Appalti: Achille Toro lascia definitivamente magistratura

Il Secolo XIX - ‎14 ore fa‎
Roma, 17 feb. - (Adnkronos) - Il procuratore aggiunto di Roma Achille Toro, indagato nell'inchiesta avviata a Firenze sugli appalti, si e' dimesso dalla ...

Appalti, si è dimesso procuratore aggiunto di Roma Toro

Reuters Italia - ‎15 ore fa‎
ROMA (Reuters) - Achille Toro, il procuratore aggiunto di Roma indagato nell'inchiesta fiorentina sui cosiddetti grandi eventi, si è dimesso dalla ...

Inchiesta G8, il procuratore Toro

Corriere della Sera - ‎15 ore fa‎
MILANO - Il procuratore aggiunto di Roma, Achille Toro, si è dimesso dalla magistratura. Toro è indagato per rivelazione del segreto d'ufficio in concorso ...

Inchiesta su "Grandi eventi": in vista procedimento disciplinare ...

Blitz quotidiano - ‎17 ore fa‎
Procedimento disciplinare in vista per il procuratore aggiunto di Roma Achille Toro, indagato per rivelazione del segreto d'ufficio nell'ambito ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 18/02/2010 @ 10:06:31, in Magistratura, linkato 1268 volte)

Anche i pm dell'Aquila indagano su G8 e appalti

Il procuratore Rossini: su questo caso dovremo lavorare tanto

17 febbraio, 19:38 L'AQUILA - La Procura dell'Aquila indaga da tempo su possibili infiltrazioni dei cosiddetti comitati di affari negli appalti sia del terremoto sia del G8 svoltosi nel capoluogo abruzzese.
La notizia, trapelata oggi, è stata confermata all'ANSA dallo stesso procuratore, Alfredo Rossini, che nei giorni scorsi aveva chiesto ufficialmente ai magistrati fiorentini copia degli atti relativi all'inchiesta sui grandi eventi, tra cui il G8 alla Maddalena . "Ci sono tante persone che sono venute e si sono organizzate per fare delle speculazioni truffaldine in questo settore - ha spiegato Rossini - e pure su questo aspetto ci siamo interessati fin dall'inizio. Abbiamo tra l'altro un fascicolo abbastanza consistente, aperto dal mese di agosto".

L'istanza alla Procura di Firenze viene ritenuta importante perche' i magistrati aquilani ritengono che ci possano essere collegamenti utili alla loro indagine. Rossini ha spiegato di avere chiesto ai colleghi di Firenze ''se, per caso, nell'ambito della loro indagine, come io ritengo, si trovino cose interessanti, riferimenti su cose che noi stiamo gia' facendo. Se ce le mandano, possiamo lavorare cosi' da guadagnare anche tempo. La mia idea su questo caso e' che dovremo lavorare tanto''. Il magistrato non ha pero' commentato neppure oggi le intercettazioni telefoniche dell'inchiesta fiorentina nelle quali si cita il ''Consorzio Federico II'' che all'Aquila avrebbe preso appalti e del quale fanno parte tre imprese aquilane e la toscana ''Btp Spa'', coinvolta nell'inchiesta che ha portato all'arresto di quattro persone e all'iscrizione nel registro degli indagati del capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, per corruzione.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 18/02/2010 @ 10:09:09, in Magistratura, linkato 1369 volte)
Denunciato prefetto, sesso contro aiuto
Il funzionario ribatte: accuse completamente false

17 febbraio, 21:57

(ANSA) - SARONNO (VARESE), 17 FEB - L'associazione Sos Racket- Usura ha denunciato alcuni presunti abusi compiuti dal prefetto Carlo Ferrigno. Il prefetto fu commissario straordinario antiracket dal 2003 al 2006, e avrebbe chiesto prestazioni sessuali da donne vittime dell'usura in cambio di aiuti.
Presentato ai carabinieri materiale video e audio che testimonierebbe i ricatti subiti dalle vittime. La risposta di Ferrigno: 'Sono accuse completamente false, mi sono gia' rivolto ad un legale'.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










24/08/2019 @ 13.02.17
script eseguito in 500 ms