Immagine
 globo celeste ... ... di Loredana Morandi
 
"
La bilancia della giustizia improvvisa oscura alcuni nella luce del giorno; altri attende nell'ora che il sole incontra la tenebra, e li copre l'affanno; altri avvolge una notte senza fine.

Eschilo
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 20/02/2012 @ 18:41:34, in Magistratura, linkato 6749 volte)
Il voto dal 26 al 28 febbraio

La partita delle toghe
Due linee contrapposte per i vertici dell' Anm


Il dopo Berlusconi Prime elezioni del dopo Berlusconi: periodo in cui il clima tra magistrati e governo è spesso stato teso


ROMA - Quando la corrente maggioritaria e centrista di Unità per la Costituzione propose un rinvio - per meglio fronteggiare l' emergenza della responsabilità civile dei giudici inserita in una legge al vaglio del Parlamento, si disse - tutte le altre componenti si opposero. Ma poi la neve ha fatto slittare il voto di una settimana, e il Carnevale di un' altra. Così le elezioni per il rinnovo del «parlamentino» dell' Associazione nazionale magistrati, il comitato direttivo centrale, si terranno domenica prossima, dal 26 al 28 febbraio. Urne aperte tre giorni per una consultazione a suo modo «storica»: la prima del dopo Berlusconi, con gli attacchi pressoché quotidiani e le riforme punitive eredità del passato, non più incubi per il futuro. Almeno nei propositi e nelle aspettative.

Ma saranno elezioni-bivio anche per altri motivi. Per vedere se sarà confermato il rinnovamento tentato dall' Anm negli ultimi quattro anni (intransigenza di fronte alle aggressioni esterne ma senza contrapposizioni aprioristiche col potere politico, e spinte riformatrici all' interno soprattutto sui versanti della professionalità e della «questione morale»); oppure se prevarrà chi ha criticato questa gestione, non solo il gruppo più conservatore Magistratura indipendente, che stava all' opposizione, ma anche i dissenzienti di Unicost e delle componenti di sinistra, Magistratura democratica e Movimento per la giustizia. Sarà una conta per capire l' orientamento dei circa novemila giudici e pubblici ministeri d' Italia, che nell' ultimo decennio si sono mostrati ondivaghi nelle loro scelte.

Alle elezioni del 2003, nel pieno dello scontro con il governo Berlusconi che sfornava leggi ad personam a ripetizione e la cosiddetta «controriforma» dell' ordinamento giudiziario, ci fu un' avanzata delle correnti «di sinistra» - Md e Movimento, che già avevano avuto una buona affermazione nel 1999 - a discapito di Unicost e Mi. Vinse la linea di «resistenza», che dopo il cambio di maggioranza politica del 2006 cercò l' accordo col governo Prodi per rimettere mano alla «controriforma». Con qualche compromesso che venne malgiudicato alle successive elezioni del 2007, segnate da un' inversione di tendenza: aumento di Unicost e Mi (rispettivamente del 5 e 6 per cento) e diminuzione dei consensi per Md e Movimento, meno 5 per cento ciascuno. Ne venne fuori una Giunta esecutiva centrale (il governo dell' Associazione) comunque «di centrosinistra», composta da Unicost, Md e Movimento. Ma con un ricambio generazionale che ha segnato anche un mutamento di rotta rispetto alle precedenti gestioni.

I «giovani» Luca Palamara e Giuseppe Cascini (presidente e segretario uscenti, di Unicost il primo e di Md il secondo) entrambi non ricandidati insieme al vicepresidente Ardituro (Movimento), hanno provato un approccio più dialogante col potere politico - anche dopo il ritorno di Berlusconi, e adesso con Monti - e insieme di maggior rigore all' interno della categoria. Per esempio stigmatizzando alcune iniziative giudiziarie giudicate «avventurose», o invocando interventi nei confronti di colleghi implicati in vicende scivolose come quella della presunta associazione segreta ribattezzata P3.

Risulterà la linea vincente o prevarrà il ritorno a schemi e divisioni del passato? Le previsioni non escludono un' ulteriore avanzata di Mi, che già guadagnò consensi lo scorso anno nel voto per il Csm. Il suo programma elettorale s' intitola «Tornare a fare sindacato», e mette al primo punto la «tutela delle condizioni di lavoro dei magistrati e la loro indipendenza economica». Che tradotto significa rivendicazioni retributive dal sapore un po' corporativo. E c' è l' incognita di Proposta B, inedita lista che denuncia le «degenerazioni del fenomeno correntizio», nell' Anm come al Csm.

La corazzata Unicost ribatte con il «rispetto della terzietà costituzionale» per allontanare pericoli di «collateralismo politico», mentre i progressisti di Md e Movimento, riuniti sotto la sigla Area, mettono l' accento (fra l' altro) sulla «questione morale» nella magistratura. Di cui in passato s' è discusso, ad esempio, anche a proposito del segretario di Mi (e numero 2 della lista) Cosimo Ferri, dopo che il suo nome è comparso nelle intercettazioni delle inchieste sulla P3, sui tentativi di condizionamento della Rai e su Calciopoli. Vicende nelle quali, peraltro, Ferri non è stato mai coinvolto sul piano giudiziario e ha sempre rivendicato la propria correttezza.

Ma le diversità di vedute restano, così come la scelta dei gruppi che hanno governato finora l' Anm di puntare su magistrati considerati ancora giovani; tra i candidati di Unicost risaltano i nomi del procuratore di Palmi Giuseppe Creazzo e del pm di Roma Rodolfo Sabelli, titolare dell' indagine sulla P3, mentre fra quelli di Area l' ex componente del Csm Ezia Maccora e Alessandra Galli, giudice a Milano come suo padre Guido, assassinato dai terroristi di Prima Linea trentadue anni fa.

Bianconi Giovanni

Pagina 21 (19 febbraio 2012) - Corriere della Sera
http://archiviostorico.corriere.it/2012/febbraio/19/partita_delle_toghe_Due_linee_co_9_120219016.shtml
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Fulvio Sarzana è un ottimo avvocato e figlio celebre, però avendo conosciuto bene l'amministratore del sito chiuso oggi dal gip di Belluno, devo dire che egli pecca di troppa veemenza mediatica. Infatti l'avvocato Sarzana parla per il suo cliente, mentre il sito Vajont.info non rappresenta in alcun modo la celebrazione del ricordo delle 1910 vittime della strage del 1963 e non ha neppure il taglio di proporre al lettore una seria indagine a carattere di tentato giornalismo. A dirla tutta, Vajont.info non è neanche in argomento con la strage, se e quando in prima pagina appaiono altre vicende (variamente giudiziarie) reperite alla rinfusa su Facebook italiano. Un junk blog (blog spazzatura), niente di più.

Io sono una vittima della furia oratoria del Dal Farra, è vero. Lui  infatti è l'autore dell'evento facebook con il quale chiede ancor oggi la mia eliminazione "fisica", ed è indagato  per questo anche presso la Procura di Roma. Una richiesta alla rete contro una singola persona, nata senza ragione e anche a seguito di alcuni "furti" di materiale sotto copyright su questo sito, sulla quale l'avvocato Sarzana dovrebbe riflettere con attenzione. Quindi gli domando: quanto della necessità di divulgare la chiusura del sito è solo il bisogno di farsi pubblicità allo studio?

Questo, vi presento, è il cliente dell'avvocato Sarzana, Tiziano Dal Farra autore di Vajont.info.  In questo evento, almeno uno degli attivisti oggi e per i prossimi 8 anni è in carcere per pedofilia (Ordinanza di Cassazione nr 39133 del 4 novembre 2010) recluso presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere. Uno è il clone del presidente della Prometeo Onlus, una associazione contro la pedofilia. Altri, i cui account sono attivi, sono i membri di una crew del file sharing illegale e tra questi c'è l'albanese di un internet point, che regolarmente opera come autore per la post produzione dello sharing illegale e torna a casa carico delle prime visioni rubate al cinema. L'ultimo è una società commerciale del web ubicata a Firenze.

http://www.facebook.com/events/157785652922/ 

Concludendo: le vittime del Vajont finalmente riposeranno in pace, grazie al sempre ottimo lavoro fatto dal pm e dal Gip del Tribunale di Belluno. Grazie anche da parte mia, che sono viva e lotto per sradicare la violenza di queste persone dalla mia vita.

Loredana Morandi

«Offese a Scilipoti e Paniz»
Oscurato sito su strage Vajont



Una frase ritenuta offensiva, una denuncia degli onorevoli Scilipoti e Paniz, e il sito dedicato alle vittime del Vajont è stato chiuso. A raccontare il fatto Fulvio Sarzana sul suo blog. La notizia è subito rimbalzata su Twitter. 

"Il Giudice delle indagini preliminari di Belluno -scrive Sarzana- ordina la chiusura preventiva del’intero  portale dedicato alla strage del Vajont, costata la vita nel 1963 a 1910 persone, per una frase ritenuta offensiva della reputazione degli  On. Domenico  Scilipoti e Maurizio  Paniz,  e ordina a 226 Provider italiani di impedire ai cittadini italiani di aver accesso al portale".

Sotto accusa ci sarebbe -racconta Sarzana- una «metafora alpina». «Il sito web che raccontava, con immagini ed articoli, la storia della strage conseguente al crollo della diga è ora offline. L'autore del sito si è permesso una frase sarcastica nei confronti dei due parlamentari. C'è stata una denuncia, e il giudice ha ordinato l'oscuramento preventivo».

http://www.unita.it/italia/scilipoti-e-paniz-denunciano-sito-br-chiuso-portale-su-strage-vajont-1.382956
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 15/02/2012 @ 09:48:31, in Indagini, linkato 8500 volte)
Gentile Signora
Licia Palmentieri*,



http://www.giustiziaquotidiana.it/public/2012-02-18_105226_pagina_a_tutti_visibile.jpg
il gruppo facebook del Movimento per l'Infanzia come appare a tutti

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/2012-02-18_105313_come_appare_a_me.jpg
il gruppo facebook del Movimento per l'Infanzia come appare a me


E' necessario che io scriva per chiarire che: è da ritenersi gravemente offensiva e provocatoria l'attività web di bannare le persone dei moderatori di una pagina o di un gruppo facebook o simili, ai fini di poter scrivere a loro insaputa.


Pertanto, il mio invito a provvedere ella stessa alla cancellazione dal gruppo della associazione Movimento per l'Infanzia è valido e per completezza lo ribadisco pubblicando il link alla pagina di riferimento:

http://www.facebook.com/groups/33480557519/

La persona presa di mira sono io, pertanto chiarisco che sono amministratore della pagina in quanto mi necessita per svolgere le normali attività gestionali dell'incarico a me affidato con lettera del 14 aprile 2011, a firma del presidente della associazione Movimento per l'Infanzia.

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/2012-02-15_134002.jpg

Comprenderà certo che l'attuale provocazione è intollerabile, se agita nei confronti di una associazione come il Movimento per l'Infanzia, che si occupa della tutela dei minori.

Altresì in un simile comportamento è ravvisabile quella volontà personale devoluta all'offesa della persona nei confronti della quale si agisce. Tale volontà può agevolmente essere ritenuta alla stregua di una azione per forzare la mano alle associazioni che costituiscono il Movimento per l'Infanzia. In questo caso da una azione di trolling, ovvero il puro e semplice dispetto, può generarsi un fenomeno di mobbing ai danni del malcapitato. Allo stato d'analisi della vicenda non sussiste alcun dubbio sulla volontà e sulla persona del malcapitato.

Tra otto giorni io avrò la mia udienza in Tribunale, nel primo fascicolo dove è denunciata la presenza del pregiudicato per abusi sessuali in danno a minori Sergio Murolo, che agiva ai miei danni  e a i danni dei miei figli trovandosi ristretto ai domiciliari ed in violazione degli stessi, pur con la misura severissima della sospensione della pena già confermata in secondo grado di giudizio per nove anni di reclusione.

Una vicenda che certo è nota alla signora Palmentieri, e non solo a lei perché sono numerose le persone che sono sui tabulati telefonici del pedofilo pregiudicato.

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/vicinanza.jpg

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/2012-02-15_102415_fidatissima.jpg

Pubblicità progresso in previsione del decreto Svuota Carceri: Non date MAI il vostro numero di telefono a fidatissimi conosciuti (senza "s"), che lamentano le proprie condanne penali e di essere stati vittime di false accuse. Nel 99,99999%  dei casi state parlando con un pregiudicato agli arresti domiciliari - 18 mesi > fine pena.

Così invito la signora Palmentieri ad assumere in pubblico un comportamento consono al rispetto dell'altrui dignità e ad agire al più presto, onde ottemperare alla mia richiesta, che vuole solo recuperare il clima di legalità del gruppo e della pagina Facebook della associazione Movimento per l'Infanzia.

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/2012-02-16_181544.jpg

In merito alle richieste e ai desiderata, come ho già scritto alla signora Palmentieri, sono contraria a cedere parti del mio archivio di vittima da quattro anni ( - 4 - ), se non contestualmente nominata in qualità di esperto e/o di vittima. Ciò  nei suoi confronti signora Palmentieri ha carattere definitivo e di esplicito divieto di utilizzo - copyright - ai fini di personali tornaconti e/o commerciale in merito a tutte le mie pubblicazioni e agli archivi.

http://a2.sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc7/421102_273033626102385_139588766113539_684089_1275765110_n.jpg

Salutandola cordialmente, le attribuisco un grande successo. Quello di avermi fatto notare una certa coerenza nell'agire del suo "solo nominato" avversario, quando egli denuncia le ipocrisie di certi sistemi.

E' già, perché il profilo facebook Consulenza Penale è il nuovo sito dell'avvocato Andrea Coffari e, come è evidente, merita il medesimo plauso visto che saluta così affabilmente la signora Palmentieri, mentre ella gioca con la mia responsabilità civile e penale.

Loredana Morandi

(* la signora Licia Palmentieri è l'autrice della pagina facebook: Noallaviolenzasulledonnevero2, il vero su facebook è sempre relativo e altrettanto soggettivo, mentre solo raramente si manifesta in quanto realistico).
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 14/02/2012 @ 11:31:55, in Osservatorio Famiglia, linkato 7673 volte)
La presentazione è in corso adesso... L.M.

METER REPORT 2011 :
QUASI 90.000 BAMBINI ABUSATI
E 4.561 COINVOLTI NEL SEXTING


Scarica il Rapporto Meter 2011


I numeri che presentiamo sono eloquenti: dal 2003 ad oggi Meter ha contato 86.670 bambini abusati, 91.231 sfruttati sessualmente (filmini, prostituzione, foto), 4.561 oggetto di sexting. Si tratta, per quest’ultimo, di un nuovo trend: la molestia attraverso mezzi informatici (autoscatti osé, messaggi ed email). A questi numeri si sono contrapposti i dati di Meter nel 2011:

- 20.390 siti web monitorati;
- 1.087 comunità su social network segnalate alla Polizia Postale;
- 1.113 consulenze telefoniche;
- 28 vittime di abusi seguite dal Centro d’Ascolto e Accoglienza.

DA DOVE VENGONO I DATI E DOVE VANNO – I dati di Meter nascono dalla sua esperienza, ormai ventennale, in tema di monitoraggio della Rete internet. I bambini vengono contati uno per uno, così come vengono indicate le fotografie o i video presenti sui siti. METER NON SVOLGE INDAGINI PER CONTO PROPRIO, ma segnala alla Polizia Postale e delle Comunicazioni e alle autorità estere quanto accade per gli sviluppi del caso.
Meter è presente nel Database UNICRI (United Nations Interregional Crime and Justice Research Institute), collabora con il CNCPO (Centro Nazionale per il contrasto della pedopornografia sulla rete Internet), grazie alla convenzione siglata nel 2008 per l’individuazione delle vittime di sfruttamento sessuale e di produzione di materiale pedopornografico. È appena il caso di sottolineare che i dati e le segnalazioni di Meter sono una mappatura preziosa del fenomeno e permettono di accelerare le indagini.

SEGNALAZIONI 2011: +48,11% RISPETTO AL 2010, SOCIAL NETWORK TRIPLICATI. GLI INTERNAUTI PRENDONO COSCIENZA – Passando all’analisi delle segnalazioni, nel 2011 abbiamo inviato 1.175 protocolli ufficiali. Queste hanno indicato, fra siti contenenti foto e video, migliaia di bambini e adolescenti sfruttati sessualmente, social network usati per scopi illeciti e indirizzi email di sospetti pedofili. In particolare:

Anno    Siti web segnalati    Riferimenti italiani    Social network
2010              13.766                   65                         315
2011              20.390                 140                      1.087

La maggior parte delle segnalazioni (94,3%) arriva dai domini web, mentre i social network toccano il 5,3%. Il resto è appannaggio delle email e BBS, ormai archeologia informatica. La crescita del numero di segnalazioni è avvenuta anche attraverso il form compilabile dagli internauti su www.associazionemeter.org; portale che indica l’efficacia delle attività di prevenzione e sensibilizzazione nello sviluppo di una coscienza collettiva a tutela dei minori. Salgono, infatti, a 1.094 le segnalazioni inoltrate dagli utenti rispetto alle 889 del 2010.

I SITI PEDOFILI: DOVE SONO I PERPETUATORI DI ABUSI SU MINORI? SONO IN MAGGIORANZA EUROPEI. RUSSIA CAPOLISTA. AUMENTI IN AFRICA DEL NORD E CINA – Dall’analisi dei dati del monitoraggio online, è possibile evidenziare come il Vecchio Continente sia caratterizzato dal maggior numero di domini a contenuto pedopornografico. L’Europa “vale” l’81,5% del totale, seguito dall’Asia  12,2), l’Africa (2,3), l’America (2,3) e l’Oceania (1,4). In un ideale “podio della vergogna”, i domini specifici dedicati alla pedofilia toccano, al terzo posto, la Spagna (0,94%) con 25 indirizzi. Al secondo posto la Repubblica Ceca (2,59%, 69 indirizzi) e al primo, con 2.263 indirizzi, la Russia (84,9%). L’Europa tocca 155 indirizzi totali, ossia il 5,83% delle rilevazioni. Le Americhe vedono gli USA al primo posto (77,3%, 58 siti), seguiti da Cuba (9 siti, 12%) e Repubblica Dominicana (10,6%, 8 siti). In Africa la Libia, con 78 siti, detiene il record continentale mentre l’Asia, India, Vietnam e Cina, rispettivamente con il 56,2%, il 15,5%, 14,5% guidano il trio dello sfruttamento pedopornografico. Chiude l’Oceania, dove le Isole Cocos (Australia) assommano al 58,3% delle segnalazioni, con le Tonga e le Tukelau (Nuova Zelanda) ambedue a pari merito col 20,8%. L’Italia ha un ruolo marginale, con soli 10 domini e lo 0,3% sul totale. Questo sembra essere incoraggiante: una spia del ruolo di contrasto che Meter svolge in collaborazione con la Polpost.

SOCIAL NETWORK: LA NUOVA FRONTIERA – Il confronto 2010-2011 mostra che le segnalazioni in tema di comunità e social network abbiano visto una crescita esponenziale. Alcuni sono stati chiusi, altri hanno iniziato a proporre materiale pedopornografico. Nelle rilevazioni di Meter sono entrate anche le comunità pedofile provenienti da Grou.ps, Blogspot, Twitter, Vkontakte. Scorgendo i dati si può notare che nel 2010 Grou.ps è in testa con 143 segnalazioni, seguito da Ning (88) e Facebook (42). Nel 2011 Grou.ps resta primo con 802 segnalazioni, 70 Grouply e 68 Vkontakte. Facebook aumenta di 10 unità e va a quota 52.

SEXTING, NUOVA VERGOGNA ED EMERGENZA - Il 2011 ha regalato anche il sexting, ossia il minore vittima di se stesso. Non bastavano infantofilia (abusi sessuali compiuti sui bambini da pochi giorni a due anni) e pedofilia culturale (movimenti e lobby per lo sdoganamento dello stupro dei bambini: perché QUESTO è la pedofilia!): adesso ecco il sexting. Si tratta dell’invio di immagini sessualmente esplicite o testi riguardanti il sesso attraverso strumenti informatici. Foto e video a sfondo sessuale realizzati con i cellulari e pubblicati online su social network e chat. Solo nel 2011, la ricerca Meter ha contato almeno 4.561 vittime: sono quelle accertate esaminando le immagini e indicando quelle che rappresentavano palesemente autoproduzioni.

NUMERO VERDE E TELEFONO ISTITUZIONALE, 22.000 CHIAMATE IN DIECI ANNI – Le telefonate ricevute quest’anno al numero 800.455.270 sono state 1.133. Arrivano come sempre richieste di aiuto riguardanti la tutela e il benessere del minore e della famiglia. Sicilia (719 chiamate), Lazio (95) e Veneto (35) sono ai primi posti per il numero di richieste. Chi telefona chiede consulenze agli esperti e denuncia sospetti di abuso, seguono l’assistenza psicologica, giuridica, informatica e il sostegno spirituale. Dall’estero sono arrivate 84 telefonate, a riprova dei rapporti internazionali dell’Associazione Meter.

IL CENTRO ASCOLTO E ACCOGLIENZA - Importante anche il contributo – collegato ai contatti – del Centro Ascolto e Accoglienza Meter che offre aiuto al minore ed alla famiglia. Un’equipe di tecnici della riabilitazione psicologica, medica e neuropsichiatrica insieme ad esperti legali e informatici accompagna gli utenti che scelgono di rivolgersi alla nostra realtà nel percorso di scoperta e risoluzione del problema con attività di consulenza specifiche a seconda delle situazioni esposte.
Le richieste arrivate al Centro riguardano problemi derivanti da abuso sessuale, anche presunto, da figli contesi in separazione (14,1%), seguiti dalla consulenza giuridica (13,3), dal sostegno spirituale (12,6) e dalla scoperta, dopo anni, di abusi sui figli da parte di parenti di primo grado (11,8).

PRESENZA PUBBLICA: 16.000 PERSONE INCONTRATE NEL 2011 – Meter registra il numero dei partecipanti ai suoi eventi. Quest’anno, con 84 convegni e incontri di formazione-informazione, richiesti da Enti pubblici e privati appartenenti a tutto il territorio nazionale, ha incontrato 16.190 persone in Università, comunità, simposi, associazioni. Spesso Meter viene invitata a partecipare e intervenire su temi quali pedofilia e abuso, problematiche sulla famiglia e minori.

METER A SERVIZIO DEI BAMBINI NELLA CHIESA – Anche nel 2011 la Chiesa e Meter hanno collaborato. L’associazione si pone come opera educativa verso preadolescenti, adolescenti e giovani nell’ambito di un percorso di accompagnamento sulle nuove forme d’abuso e sfruttamento. Su richiesta di Diocesi e parrocchie, Meter ha partecipato a eventi rivolti al clero (convegni, conferenze, incontri, corsi di formazione), incontri privati e udienze con i vescovi, celebrazioni religiose. Ad oggi ha collaborato con 44 Diocesi in Italia, che hanno richiesto la formazione su tematiche di attualità legate agli aspetti giuridici, psicologici e sociali sui minori. Per il ruolo pedagogico conquistato negli anni, molti vescovi hanno adottato lo stile e il percorso educativo con la creazione di Gruppi Meter all’interno delle diocesi. Le tematiche riguardano la pedofilia, gli abusi sessuali ai minori, i pericoli di internet e i nuovi media, la religione. Quest’anno abbiamo approfondito l’aspetto relativo all’educazione sociale con la diffusione e la realizzazione di un progetto innovativo “Traccia educativa per una pastorale di prossimità contro gli abusi”, rivolto alle Diocesi che attraverso corsi di formazione e aggiornamento coinvolgono sacerdoti, educatori, catechisti, famiglie, volontari, movimenti, gruppi e confraternite. L’obiettivo è dare vita ad una pastorale integrata con modalità adatte ai territori e alle circostanze grazie alla formazione permanente. Il Papa, da qualche anno, ricorda la GBV – Giornata dei Bambini vittime della violenza, dello sfruttamento e dell’indifferenza che prende il via il 25 aprile di ogni anno e si conclude la prima domenica di maggio; “ Un speciale saluto ai rappresentanti dell'Associazione 'Meter', promotrice della Giornata nazionale per i bambini vittime della violenza, dello sfruttamento e dell'indifferenza. Li incoraggio a proseguire la loro opera di prevenzione e di sensibilizzazione delle coscienze al fianco delle varie agenzie educative: penso in particolare alle parrocchie, agli oratori e alle altre realtà ecclesiali che si dedicano con generosità' alla formazione delle nuove generazioni.” (Messaggio del Santo Padre in occasione della XV GBV, 2011). Quest’anno la Giornata Bambini Vittime è giunta alla XVI edizione.

SCUOLA - Meter agisce all’interno della Scuola grazie all’attivazione di Protocolli d’Intesa sottoscritti tra l’Associazione e gli Istituti di Istruzione di ogni ordine e grado. Lo scopo è quello di sancire un accordo che abbia come fine ultimo l’instaurarsi di un’alleanza educativa per un intervento preventivo sui temi che più da vicino toccano i minori.

Le finalità sono molteplici e tutte incentrate sulla tutela del minore:
1) migliorare la qualità della vita dei bambini e degli adolescenti per assicurarne un sano sviluppo psico-fisico;
2) svolgere iniziative contro lo sfruttamento sessuale sui minori e contro ogni altra forma di aggressione fisica, culturale, psicologica e spirituale perpetrata sugli stessi;
3) promuovere e sostenere iniziative che agevolino proposte educative della famiglia rivolte alla tutela dei bambini, attraverso un percorso di formazione nel rispetto della loro identità culturale, politica, sociale e religiosa;
4) sostenere e realizzare progetti di legge volte a migliorare la normativa esistente a tutela dei diritti inviolabili della persona umana e, conseguentemente, del fanciullo.

Tra il 2002 e il 2011 Meter ha incontrato quasi 70.000 studenti (per la precisione 69.618). Numerose sono le pubblicazioni di Meter a disposizione degli operatori del settore o di chi volesse conoscere il fenomeno e come arginarlo. Le testimonianze raccolte nell’ultimo libro “Abbiamo ritrovato la vita” (San Paolo - 2011), sono la dimostrazione che Meter riesce a liberare le vittime dal peso che li copre, ridando speranza per un presente migliore.

CONSIDERAZIONI E STRATEGIE - Non possiamo non sperare che questa “piaga globale” possa essere sempre più contrastata non solo con le azioni di repressione ma con impegni educative, formative e culturali capaci di trasformare il disumano atto esecrabile di abuso in un autentico atto di amore e di rispetto per l’infanzia. Il fenomeno non si limita - è tesi consolidata negli ultimi anni - alle frontiere di un solo paese o di una sola cultura, anzi l’abbassamento della responsabilità individuale, collettiva (politica, religiosa, culturale, educativa e formativa) incide nella “normalizzazione del fenomeno” che genera assuefazione all’abuso e nessuna indignazione. La negazione dell’abuso difronte all’evidenza - basterebbe “guardare” i milioni di immagini e video prodotti - genera nuovi perpetuatori di abusi sull’infanzia e appiattisce la coscienza. Meter in risposta a questo fenomeno istituisce ufficialmente l’OS.MO.CO.P.

OS.MO.CO.P. - Osservatorio Mondiale Contro la Pedofilia e il nuovo Portale - L’OS.MO.CO.P. e le sue funzioni sono consultabili nel nuovo portale di Meter (www.associazionemeter.org) che viene immesso online proprio oggi. E’ un Ufficio altamente specializzato per la ricerca e l’elaborazioni dei flussi dati della rete internet, dove operano e rispondono professionisti qualificati ed esperti per ogni situazione di azioni dannose sui minori, su problemi di disagio, maltrattamento, sfruttamento e violenza.
Ha inoltre la funzione di collettore della raccolta delle segnalazioni da utenti internet che navigando si imbattono su siti con contenuto ritenuto pedofilo o lesivo per i minori, esperti provvedono immediatamente alla valutazione per inoltrare la denuncia alle autorità competenti di tutto il mondo. Inoltre ha come obiettivo di informare gli utenti su come monitorare e denunciare siti sospetti, per questo il canale preferito per la sensibilizzazione è favorire l'uso corretto di Internet. In collaborazione con esperti professionisti nel campo non solo dell’informatica, ma anche quello della psicologia, della neuropsichiatria infantile, della giurisprudenza, che forniranno un apporto concreto nell’analisi del fenomeno e nel fornire indicazioni strategiche nella formazione e nella prevenzione.
Opera presso le scuole, con progetti altamente specialistici e formativi in materia di tecnologia informatica, collocandosi all’interno degli enti richiedenti.
_________________
Ci teniamo a precisare che:
I Report Meter sul lavoro di monitoraggio internet, hanno una credibilità e attendibilità del 100% poiché i dati delle nostre segnalazioni sono riscontrabili presso gli uffici del Ministero dell’Interno
in virtù della convenzione siglata nel 2008 tra Meter Onlus e Polizia Postale.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 14/02/2012 @ 02:38:01, in Osservatorio Famiglia, linkato 7090 volte)
Una ragazza è stata barbaramente uccisa a causa di quel materiale. L'avvocato ricorrerà, possiamo starne certi. Ma la pena assegnata a Stasi è comunque da definirsi ridicola. La vita dei bambini in Italia non significa nulla.. e non si può andare avanti così. L.M.

Materiale pedopornografico nel pc,
Stasi condannato

Il carcere diventa una multa di 2500 euro

E' stato interdetto dagli incarichi nelle scuole e in tutte le attività a contatto con minori. Il legale Giulio Colli sta valutando se presentare appello alla sentenza.

Pavia, 13 febbraio 2012 - E' stato condannato a 30 giorni di carcere, poi trasformati a 2.540 euro di multa per detenzione di materiale pedopornografico. Non ha pace Alberto Stasi, assolto anche in appello nello scorso mese di dicembre per l'omicidio della fidanzata Chiara Poggi, assassinata a Garlasco.

Pena aggiuntiva. Stasi inoltre è stato interdetto dagli incarichi nelle scuole e in tutte le attività a contatto con minori. Stasi non ha commentato la sentenza, il legale Giulio Colli sta valutando se presentare appello alla sentenza.

Finito davanti al giudice per l'udienza preliminare di Vigevano nel 2009 con la doppia accusa di detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico, l'ex bocconiano era stato prosciolto per la divulgazione di filmati hard con protagonisti bambini anche in tenera età. Rinviato a giudizio per il solo reato di detenzione di video proibiti, quindi, l'accusa si era ristretta a 17 frammenti di immagini per i quali il giudice ha deciso di condannarlo.

http://www.ilgiorno.it/pavia/cronaca/2012/02/13/667616-Stasi-Pedopornografia-Condannato.shtml

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Questo articolo da Repubblica stranamente tratta malissimo la Procura, con un giochetto non troppo pulito sulla creazione di fascicoli d'indagine del tutto differenti, affidati come è ovvio a pm diversi, tra la denuncia della madre e l'omicidio del figlio compiuto dal padre presso il centro assistenziale di San Donato. Vero è che la vita dei bambini in Italia non vale niente, mentre di fatto nel paese muore una donna ogni due giorni e spessissimo con lei muoiono anche i suoi figli. Il caso odierno è eccezionale, lo è la sentenza assolutoria, così come è eccezionale la oggettiva incapacità di giudizio degli assistenti sociali e l'assenza di misure precauzionali interne alla struttura. In merito a questi requisiti, che accomunano tutti gli assistenti sociali d'Italia, bisogna dire che la a-specificità professionale è il solo comune denominatore. Gli assistenti sociali non sono psichiatri, non sono sociologi e non hanno alcuna esperienza in campo criminologico, medico, infermieristico o dell'insegnamento.  Perché allora non creare un percorso formativo obbligatorio che preveda l'affiancamento alle forze di polizia per 6 mesi? Con la Digos, magari. Chissà allora se questa professionalità così emergente ed invasiva nelle famiglie italiane, acquisirà la capacità di riconoscere un brutto ceffo da una persona normale con delle difficoltà... L.M.

Uccise il figlio affidato ai servizi sociali
Educatori assolti: "Il fatto non sussiste"

Il giudice delle udienze preliminari accoglie la richiesta dell'accusa per il caso del bambino affidato a un centro sociale ucciso dal padre durante un colloquio settimanale a San Donato


di SIMONE BIANCHIN

Il tribunale li ha assolti con formula piena. Secondo il gip Vincenzo Tutinelli le assistenti sociali Nadia Chiappa e Elisabetta Termini e l'educatore Stefano Panzeri, finiti sotto processo dopo che il 25 febbraio 2009 non riuscirono a evitare che un padre impazzito sparasse alla nuca del figlioe poi lo accoltellasse al cuore, prima di suicidarsi, sono innocenti.Erano accusati di concorso omissivo colposo in omicidio doloso: ma secondo il giudice loro avrebbero agito correttamente; e di conseguenza la strage è stata ritenuta non prevedibile e non evitabile. Per il giudice, da parte loro c'è stata «una superficiale valutazione del pericolo rappresentato».

Il pm: "Educatori senza colpe"

Antonella Penati, 44 anni, la mamma di Federico, il bambino di9 anni ucciso dal papà, non può darsi pace: «Il tribunale ha commesso un'ingiustizia feroce, la responsabilità della morte di mio figlio è di quelle persone, che continueranno a lavorare con i bambini. Vorrei che arrivasse la voce di mio figlio, perché questa sentenzaè uno scandalo che nega la verità». Quella mattina nel Centro socio-sanitario della Asl di via Sergnano a San Donato il pericolo arrivò da un padre indiavolato, Mohammed Barakat, egiziano di 52 anni, macellaio, precedenti per droga, capace di entrare al centro dove c'era suo figlio per un incontro protetto con lui, e di sparargli, accoltellarlo quattro volte, e infine di accoltellarsi a morte. Tutto premeditato. Inutile e tardivo fu l'intervento di un assistente e un medico del centro, che tentarono di allontanare l'egiziano dal figlio, scagliandogli addosso una sedia di plastica e innescando lo spruzzo di un estintore.

Il 26 gennaio 2009, un mese prima della tragedia, Barakat era stato denunciato per minacce dalla moglie. Lei, sorella di un ex carabiniere, era andata dai militari dell'Arma a dire che l'ex marito le aveva annunciato le sue intenzioni, e che tutta questa rabbia trovava radici nel fatto che non aveva accettato la separazione. Antonella aveva chiesto che gli incontri protetti tra il bambino e il padre venissero sospesi.

A quanto pare non era stata creduta: ancora due mesi dopo la tragedia la procura aveva chiesto ai carabinieri di indagare sulla sua denuncia e di sentire anche «la versione di Mohammed», dimenticandosi che fosse morto. Ieri l'ultimo atto giudiziario.

Il pm Gianluca Prisco aveva chiesto l'archiviazione delle accuse a carico dei tre indagati. Di fronte a questa richiesta la sentenza di assoluzione, almeno tecnicamente, non sorprende. La mamma del bambino si chiede se l'unica soluzione possibile per salvare suo figlio avrebbe dovuto essere allora quella di fuggire all'estero: «Insomma dovevo commettere un reato per salvarlo?».(10 febbraio 2012)

http://milano.repubblica.it/cronaca/2012/02/10/news/uccise_il_figlio_affidato_ai_servizi_sociali_educatori_assolti_il_fatto_non_sussiste-29661377/
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 11/02/2012 @ 08:21:11, in magistratura, linkato 3325 volte)
Il segretario di Magistratura Indipendente ha alcune ragioni nel protestare per la lunga proroga,  nel corso della quale ha lavorato l'attuale Giunta della Associazione Magistrati. Ma è pur vero che l'ulteriore proroga non è stata certo determinata dal maltempo o dal calendario, bensì dal voto all'emendamento Pini sulla responsabilità civile della magistratura. Così, durante lo stato di agitazione, richiesto a più voci, è ovvio che le elezioni sian state rimandate. Ad ogni modo, essendo prevista l'astensione dalle udienze dell'avvocatura del 23 e 24 febbraio, lato pratico forse le operazioni di voto avrebbero potuto svolgersi con più tranquillità in quelle date. L.M.

È Carnevale e i magistrati
decidono di rinviare le loro elezioni


Ivo Bretagna
10/02/2012

Durissima lettera di Cosimo Ferri, leader di Magistratura indipendente: «A chi lo andiamo a raccontare che rinviamo il voto per il martedì grasso? Perché non abbiamo pensato al voto telematico?». Una dura polemica a una settimana dagli scrutini dell’Anm (associazione nazionale magistrati) che a questo punto dovrebbero slittare di una settimana.
«La convocazione del Cdc (Comitato direttivo centrale) per martedì 14 febbraio è un evidente segnale che già vi sia un accordo per spostare nuovamente le elezioni. Non ho davvero  più parole e capisco perché in questi anni l'Anm non abbia ottenuto alcun risultato positivo e concreto ed abbia lasciato sola la base dei magistrati: manca qualsiasi capacità organizzativa e c'è poca chiarezza. Questo balletto sulla data delle elezioni mi vede fermamente contrario, crea incertezza e disorienta candidati ed elettori. Ma a chi lo andiamo a raccontare che le elezioni vengono nuovamente rinviate per il Carnevale e perché le scuole sono chiuse? Scusate ma nel mio tribunale le udienze si terranno ugualmente e non esiste alcuna possibilità di un rinvio per il martedì grasso mentre esiste per fortuna, a meno che la nostra Giunta non ci farà togliere anche questo, il diritto alle ferie che ciascuno di noi legittimamente può richiedere in qualsiasi periodo dell'anno, previa autorizzazione. È giusto garantire il voto ma allora perché non si è pensato, previa modifica statutaria, al voto telematico e non si invitano le giunte distrettuali ad aprire seggi in tutti i tribunali anche laddove non sia stata istituita una sottosezione? Solo così si garantirebbe l'effettiva partecipazione, il resto è solo strategia politica. Ed io non ci sto. Anche se immagino che la decisione come al solito sarà frutto di un accordo tra Unicost ed Area (la lista che raccoglie le correnti di Magistratura democratica e Movimento per la giustizia, ndr), che dovremo subire ed alla fine chi voleva rinviare le elezioni per motivi istituzionali otterrà il risultato. Anche nella nostra Anm, purtroppo, gli elettori non contano». È una nota di fuoco quella scritta a caldo da Cosimo Maria Ferri leader del secondo gruppo interno all’associazione magistrati, Magistratura indipendente.

Ebbene, sì. Pare proprio che le elezioni per il rinnovo dei vertici dell’associazione magistrati, per le quali decine di candidati sono in corsa da settimane con incontri, viaggi su e giù per la Penisola e spedizione nei tribunali dei programmi delle varie liste, non si terranno.

I motivi, a leggere le parole del segretario di Magistratura indipendente, sarebbero risibili. Ma staremo a vedere, oltre al carnevale c’è la neve.

Si tratterebbe però della prima volta nella storia ultracentenaria dell’associazione magistrati. Un precedente pericoloso per le due figure ancora a capo dell’Anm, Luca Palamara (rappresentante della corrente Unità per la Costituzione) e Giuseppe Cascini (Magistratura democratica).

Così se sul sito dell’Anm il voto resta fissato per il 12-13-14 febbraio, in realtà si sarebbe già stabilito di votare una settimana dopo, ovvero nelle giornate del 19-20-21 dello stesso mese. Sarebbe stata respinta, invece, la richiesta della corrente di Unità per la Costituzione di rinviare le elezioni di un altro mese. Va ricordato, in proposito, che già oggi il segretario dell’associazione, Giuseppe Cascini, e il presidente, Luca Palamara, ricoprono i loro incarichi per un regime di prorogatio vigente dallo scorso novembre. Un colpo di scena, dunque, destinato a turbare non poco i sonni degli oltre ottomila togati italiani.

http://www.linkiesta.it/elezioni-anm-rinvio-magistrati-carnevale#ixzz1m3W7KLBb
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 09/02/2012 @ 18:36:11, in Estero, linkato 2633 volte)
11 anni sono una esecuzione formale... L.M.

Spagna, giudice Garzón sospeso per 11 anni

per intercettazioni illegali nel caso Guertel


Madrid - (Adnkronos/Dpa) - Il magistrato, noto in tutto il mondo per aver chiesto l'estradizione di Pinochet, aveva ordinato intercettazioni delle conversazioni in carcere fra alcuni imputati e i loro avvocati, nell'ambito del caso Guertel, vicenda di corruzione in seno al partito Popolare. Molti suoi sostenitori lo ritengono vittima di una persecuzione politica.

Madrid, 9 feb. (Adnkronos/Dpa) - Il giudice spagnolo Baltasar Garzón è stato condannato a 11 anni di inabilitazione dall'incarico per la vicenda delle intercettazioni da lui disposte nel "caso Guertel".

La condanna contro il 56enne Garzón, segna di fatto la fine della sua carriera in Spagna. Il magistrato è stato condannato all'unanimità dai sette giudici della Corte Suprema per aver ordinato intercettazioni delle conversazioni in carcere fra alcuni imputati e i loro avvocati, nell'ambito del caso Guertel, una vicenda di corruzione scoppiata nel 2009 in seno al partito Popolare dell'attuale primo ministro spagnolo Mariano Rajoy.

Garzon, noto in tutto il mondo per il suo impegno giudiziario in favore dei diritti umani
, è in attesa di un altra sentenza. Ieri si è infatti concluso il dibattimento del processo che lo vede accusato di negligenza professionale per aver indagato sulle vittime del franchisimo senza tener conto dell'amnistia del 1977.

Sospeso dalle sue funzioni nel 2010, Garzon ha subito ottenuto un incarico presso il Tribunale Penale Internazionale dell'Aja, come assistente del procuratore generale, l'argentino Moreno Ocampo. Un'offerta che sottolinea l'ampia solidarietà internazionale di cui gode Garzon. Molti suoi sostenitori, in Spagna come all'estero, ritengono che sia vittima di una persecuzione politica in quanto giudice scomodo. Nella sua lunga carriera, Garzón ha aperto inchieste contro narcotrafficanti, terroristi islamici e terroristi baschi.

Il suo caso più noto è stato il tentativo, fallito, di ottenere nel 1998 l'estradizione di Pinochet, che per questo fu arrestato in Gran Bretagna. Nel 2005 Garzón è riuscito a far condannare l'ex ufficiale della marina argentina Adolfo Scilingo, che sta scontando 30 anni di carcere in Spagna per crimini contro l'umanità commessi durante la dittatura.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
La vita dei bambini ha davvero pochissimo peso nell'attuale società italiana. Il vero caso insoluto dell'omicidio di Melania Rea è l'accanimento nel voler condurre la piccola Vittoria in carcere, per rivedere il volto che ha già visto nello stesso giorno dell'omicidio di sua madre. Ma come? Se il pubblico ministero dichiarò di volerla interrogare? In nome di quale genitorialità se l'uomo, con una amante ufficiale e numerose storie di sesso e ricatto, nei giorni della finta ricerca chattava con i trans?  L.M.

Parolisi, violento e dominatore

"Ha ucciso Melania perchè
voleva ribellarsi a questo rapporto"


Foto e video: L'incontro tra Salvatore e la figlia

Questo l'identikit psicologico fornito dalla criminologa Margherita Carlini nominata consulente dei Rea. L'avvocato Gionni ha depositato una memoria in Procura

di Natalia Encolpio

Ascoli, 8 febbraio 2012 - L'avvocato Mauro Gionni (legale della famiglia di Melania) ha depositato questa mattina una memoria per i Rea come persone offese ed ha annunciato che si costituiranno parte civile. Gionni ha nominato come consulente la criminologa Margherita Carlini ed ha allegato una sua relazione che spiega la genesi e l'identikit del crimine. Pagine cha raccontano e illustrano i retroscena psicologici che inescano il delitto.

Per la Carlini "l'omicidio di Melania può essere considerato un omicidio di prossimità". Ovvero quegli omicidi che si consumano in un contesto di relazione. Le vittime di questa tipologia di omicidi - spiega la Carlini - sono prevalentemente donne che hanno un'età compresa tra i 25 e i 35 anni. In Italia viene uccisa una donna dal proprio marito, convivente, fidanzato o ex circa ogni 96 ore. Gli autori degli omicidi sono uomini, in più del 75% dei casi, mariti o conviventi. La maggior parte di questi omicidi è preceduta da maltrattamenti".

"La violenza all'interno di una coppia non si presenta in modo improvviso e casuale ma segue meccanismo ben precisi che vegono definti come spirale del controllo e della violenza - prosegue la Carlini -. Le fasi di violenza vengono alternate a false riappacificazioni. Sono i momenti in cui l'aggressore chiede scusa per i suoi comportamenti, piange, si dispera, promette di cambiare e promette amore eterno. Questa fase, definita luna di miele, è assolutamente falsa e strumentale e serve all'uomo per creare ancora più confusione nella donna e quindi per legarla ancora di più a se stesso. In realtà quando la donna inizierà a ribellarsi per uscire dalla violenza, l'abusante l'aggredirà fisicamente, nel tentativo di riprendere in mano le redini della situazione".

E questo, per la Carlini, è quanto avvenuto tra Salvatore e Melania. "La genesi dell'uxoricidio - spiega La Carlini - è dato dal desiderio/necessità di possesso. Il rapporto tra Salvatore e Melania è basato sul dominio e la possessività. Nel momento in cui la donna sceglie di allontanarsi dalla situazione di controllo o di umiliazione nasce un conflitto all'interno della coppia che si trasforma in violenza e può arrivare all'omicidio. Anche nel contesto relazionale Salvatore-Melania si è verificato il conflitto. E' la ribellione della preda che non accetta più le angherie a creare frustrazione sentimenti d'inferiorità intollerabili per il soggetto predatore. E allora colui che finora aveva dominato perde la posizione di controllo, vacillano le sue certezze indispensabili per la salvaguardia della sua fragile identità. Ecco quindi l'azione violenta, come tentativo estremo, di riprendersi uno status quo".

Natalia Encolpio

http://www.ilrestodelcarlino.it/ascoli/cronaca/2012/02/08/665295-parolisi_violento_dominatore.shtml

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 09/02/2012 @ 08:01:53, in Osservatorio Famiglia, linkato 2781 volte)

Una sentenza poco convincente, almeno quanto quella del caso Meredith, che lascia insoluto un omicidio di prossimità, così sono definiti gli omicidi familiari o in seno ad una relazione. Speriamo nel ricorso del PM perché anche alla luce dell'ultimo infanticidio, quello dell'Angelo volato da ponte Mazzini a Roma come le altre centinaia di casi simili,  sappiamo che il violento è sempre il maschio della specie perché non è dotato in natura dell'istinto materno, figurarsi sotto l'effetto della cocaina. Se ci sono i servizi sociali a Genova è opportuno che invigilino sui rapporti con la ex moglie e i figli nati dalla precedente relazione. Rammentiamo che a carico del Rasero  in primo grado c'erano gli elementi certi del "morso"  al bimbo ucciso e il "dna sul piedino".  L.M.

Chi ha ucciso il piccolo Ale?

 

Genova - Se non è stato lui, Giovanni Antonio Rasero, chi ha ucciso il piccolo Alessandro Mathas, 8 mesi, morto con la testa massacrata contro un muro nella notte tra il 15 e il 16 marzo 2010?

La sentenza della corte d’assise d’appello del tribunale di Genova, pronunziata dopo oltre 5 ore di camera di consiglio, che ha completamente riformato la sentenza di primo grado con la quale Rasero era stato condannato a 26 anni di reclusione per omicidio volontario, pone questa domanda come fondamentale per ottenere giustizia. Chi è stato. Chi, quella notte, ha preso la testa del piccolo Alessandro e l’ha sbattuta ripetutamente contro il muro, chi ha massacrato un bambino così piccolo, chi non ne ha ascoltato il pianto disperato.

Secondo la corte d’assise d’appello non è stato Giovanni Antonio Rasero che con la madre di Alessandro, Katarina Mathas, condivideva il letto e la cocaina. Dopo quella notte orrenda, Rasero e la Mathas si sono accusati reciprocamente e oggi, dopo che la corte d’assise d’appello, in nome della vecchia norma che prevede un’ assoluzione in presenza d’insufficienza di prove, ha restituito la libertà a Rasero è lei che torna sotto la lente d’ingrandimento della giustizia. È e resta indagata, Katerina Mathas, che stasera si dice «allibita» per quell’assoluzione.

Il processo è stato lungo e difficile, pieno di contraddizioni e versioni dei fatti sempre diverse, di accuse reciproche, racconti fatti e smentiti, perizie e consulenze, le accuse di un ex amante alla madre di Alessandro. E dubbi, tanti dubbi. Katerina Mathas era stata per qualche tempo in prigione poi venne scarcerata mentre Rasero rimase in carcere. Eppure, nella sentenza della corte d’assise la madre di Alessandro non ne usciva completamente indenne. Scriveva il giudice: «L’atteggiamento complessivamente inerte e omissivo della Mathas è una conferma indiretta del suo coinvolgimento nella morte del figlio Alessandro».

«Aspetteremo le motivazioni della sentenza per valutare cosa fare nei confronti di Katerina Matha», si limita a dire il procuratore capo facente funzioni di Genova, Vincenzo Scolastico. Che spiega: «Noi abbiamo esercitato l’azione penale, convinti che ci fossero solidi elementi di accusa nei confronti di Rasero. Spetterà ora al Procuratore generale valutare le argomentazioni della Corte d’Assise d’Appello e decidere se impugnare o meno la sentenza».

La difesa di Rasero si aspetta il ricorso in Cassazione, ma si dice anche pronta a difendere fino in fondo l’innocenza del giovane. «Negli atti ci sono tutti gli elementi - è la tesi dell’avvocato Luigi Chiappero, che assiste il broker insieme a Andrea Vernazza - per dire che è innocente. Questa è una sentenza importante, non era facile pronunciarla per la grande pressione mediatica sul caso». Ma non è finita: a due anni di distanza la morte del piccolo Ale non ha ancora un colpevole.

http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2012/02/08/APKCfmqB-ucciso_scheda_piccolo.shtml
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< giugno 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










16/06/2019 @ 2.56.01
script eseguito in 484 ms