Immagine
 .. anima ..... di Lunadicarta
 
"
Se subisci un'ingiustizia, consolati: la vera infelicità consiste nel commetterla.

Democrito
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 06/06/2010 @ 06:55:35, in Politica, linkato 2161 volte)


Anche questo è un aggiornamento. Scelgo per i lettori di GQ alcuni articoli riassuntivi, sicuramente caustici o lontani nel tempo, tratti da fonti diverse per dare la notizia piena e fruibile. Sto cercando il video contenente il racconto di Veltri... (trovato), vedi sotto. L.M.

G8 CASE APPALTI. ZAMPOLINI METTE NEL SACCO DI PIETRO PRODI VELTRONI ...

Corsera.it - ‎02/giu/2010‎
E i conti tornarno,non era infatti la Carbone moglie di Lusetti,che prima dello scandalo della ROMEO cercava casa per sette otto milioni,dichiarando agli ...

Di Pietro contro Zampolini: dice il falso

Corriere della Sera - ‎02/giu/2010‎
L'ex pm sul suo blog: voglio essere sentito dai giudici. Prodi, Rutelli e Veltroni annunciano querela L'ex pm sul suo blog: voglio essere sentito dai ...

***



***

S’è incazzato…!!!!

Vi ricordate Benigni e la banana e Jonny Stecchino? “In Italia l’informazione viene decisa dalle lobby e pagata in parte, con l’ammirevole eccezione di qualche quotidiano tra cui il Fatto quotidiano, dalle tasse dei cittadini. La domanda da porsi è quindi: A chi dà fastidio la politica dell’Italia dei Valori? Quali interessi colpisce l’attività di denuncia continua dell’Italia dei valori?
E quali interessi colpisce il nostro contro programma di eliminazione degli sprechi al posto dei tagli da macelleria sociale del governo? Se si risponde a queste domande si capisce chi ha dettato ai maggiori quotidiani nazionali titoli e editoriali falsi e perchè sono stati pubblicati senza nessun tipo di verifica preventiva.
Sarebbe, infatti, bastata una banale misura camerale per accorgersi che l’Italia dei Valori non ha mai avuto immobili in locazione in via della Vite. In Italia il problema della libera informazione è ben più complesso delle reti televisive di Silvio Berlusconi e dei suoi giornali di propaganda.
Investe tutto il mondo dell’informazione, a iniziare dai collegamenti tra azionisti, consigli di amministrazione e direttori di giornale, nominati quando è utile e rimossi quando serve.
Quando Berlusconi finirà, e finirà, bisognerà riscrivere le regole dell’informazione, degli operatori dell’informazione, dei finanziamenti dell’informazione, dei conflitti d’interessi del mondo dell’informazione. Gli azionisti dei giornali -conclude Di Pietro- devono essere i lettori, non i gruppi immobiliari, bancari, industriali, come avviene per i più blasonati e noti quotidiani nazionali”

E infatti Di Pietro si era fatto editore con un bel giornale e gli aveva trovato financo una sede. Anzi gliela aveva trovata la cricca di Balducci.

ps A proposito del Fatto. Sempre giù, con Travaglio, a menare le mani, ma non a Di Pietro. E no, oggi l’amor nostro (ue Travaglio, è un modo di dire) è indulgente.

http://blog.ilgiornale.it/porro/2010/06/04/se-incazzato/

***

Alberico Giostra 30 Maggio 2010

SCOPPIA IL BUBBONE SVELATO DA IL TRIBUNO.COM.

Riproponiamo l'articolo con cui domenica scorsa abbiamo svelato che la tesoriera Idv abita in una casa di Propaganda Fide in via delle quattro fontane a Roma. La Mura ci ha detto che paga 1800 euro al mese ma poi ieri si è rifiutata di farci vedere il contratto e le ricevute come aveva promesso, annunciando querela. "Dov'è lo scandalo?" chiedeva. Adesso lo sappiamo.

Silvana Mura a Roma abita in un appartamento in affitto in via delle quattro fontane. L'immobile è di proprietà di Propaganda Fide, la potente congregazione vaticana al centro di una bufera giudiziaria e mediatica in seguito all'inchiesta sugli appalti del G8 e dei grandi eventi. A confermarlo al telefono è la stessa parlamentare dipietrista che precisa di alloggiare nell'immobile dall'autunno del 2006, quando dovette lasciare un'altra abitazione di Via in Arcione visitata nottetempo dai ladri. In quel periodo il responsabile della gestione degli immobili della congregazione era Angelo Balducci, attualmente in carcere, dominus della Cricca che si spartiva la ricca torta degli affari che ruotavano attorno alla Protezione civile. A trovare l'appartamento è stato il senatore Idv, Stefano Pedica, che sostiene di esserci riuscito grazie all'intervento di un suo zio, alto prelato vaticano. Una versione confermata dalla stessa Mura. D'altra parte anche Pedica, fino al 2007 ha abitato in affitto un altro alloggio della Propaganda Fide, nel quartiere Prati a Roma. Inizialmente la casa di via delle quattro fontane era destinata alla figlia di Antonio Di Pietro, appena diventato Ministro delle Infrastrutture del governo Prodi, ma poi la ragazza ha deciso di iscriversi alla Bocconi di Milano e allora è subentrata Silvana Mura, la quale dice di non sapere che dal 2004 e fino al 10 marzo scorso a gestire gli immobili di Propaganda Fide sia stato Angelo Balducci. In quell'estate in cui l'immobile di via delle quattro fontane è entrato nelle disponibilità dei parlamentari IdV, l'allora Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, Balducci, non fu confermato nell'incarico (che è cosa diversa dall'essere rimosso) e il 31 agosto 2006 fu nominato dal Consiglio dei Ministri a capo del Dipartimento per le infrastrutture statali, l'edilizia e la regolazione dei lavori pubblici del Ministero delle Infrastrutture. Si è scritto che il ministro Di Pietro avrebbe favorito un suo demansionamento perchè da un incarico in cui gestiva somme enormi di denaro è passato ad uno privo di portafogli, ma non è vero: il Consiglio Superiore non gestisce ma svolge attività consultiva e il Dipartimento delle Infrastrutture viceversa gestisce molto denaro. D'altra parte Di Pietro ha dichiarato: "io non avevo nulla contro Balducci". A questo punto però, dopo il caso Pedica e il caso Mura, è lecito chiedersi: Balducci ha avuto un ruolo nell'assegnare quest'appartamento destinato inizialmente alla famiglia Di Pietro? Silvana Mura sostiene di pagare 1800 euro al mese di affitto in base ad un regolare contratto e lamenta anche che il prezzo sia troppo alto rispetto ai prezzi di mercato, che l'immobile non sia certo lussuoso, che anzi sia molto piccolo, che dorme a fatica per i troppi rumori e che sopporta persino delle perdite d'acqua dei vicini. Alla domanda sul perchè insista nell'abitare in una casa con così tanti disagi risponde che a Roma è difficile trovarne un'altra, cosa alla quale è molto difficile credere. Poi, incalzata sull'argomento, con una certa ingenuità ammette che è, sì, difficile trovarne un'altra, "ma a quel prezzo".  Naturalmente la tesoriera Idv nega di godere di un privilegio e si avventura a sostenere che tutti possono ottenere una casa in affitto dalla Propaganda Fide, quando è notorio che ci riescono solo vip e "raccomandati". C'è poi un'altra questione. L'onorevole dipietrista dice di abitare al primo piano del civico 29. Secondo la visure catastali che possediamo, (V. allegato) al primo piano insistono solo due appartamenti (come la Mura conferma) e in seguito ad una ristrutturazione del 1995 sono entrambi accatastati A10, ovvero come uffici. E in effetti nell'altro appartamento del primo piano si trova una società di brevetti. La tesoriera IdV dichiara di ignorare che l'appartamento nel quale abita sia accatastato come ufficio e ribadisce di aver sottoscritto un contratto d'affitto regolarmente registrato come civile abitazione e di usare l'alloggio come tale. Se è davvero così, il contratto però potrebbe non essere regolare perchè, tutti gli esperti lo confermano, non si può utilizzare un immobile destinato ad ufficio come civile abitazione. "Io ho firmato il contratto in perfetta buona fede", si difende Silvana Mura.  E naturalmente di tutto possiamo dubitare meno che della buona fede dell'onorevole Mura.

alberico giostra

Allegato Primo Piano int. 2.pdf

***


Di Pietro gioca a Monopoli: ha case in tutt’Italia

Di Gian Marco Chiocci
Radio Radicale - 4 agosto 2008

Roma - Ma quante case ha l’onorevole Antonio Di Pietro? E con quali soldi le ha comprate? Prima di scoprirlo ci corre l’obbligo di ricordare come del suo conflitto di interessi in campo immobiliare si è già occupato, in parte, il gip di Roma che lo ha prosciolto nell’inchiesta sulla gestione allegra dei rimborsi elettorali. Restando in tema la procura capitolina ha però stigmatizzato l’operato di Tonino allorché vennero affrontate le accuse di un suo ex socio a proposito della società immobiliare Antocri (acronimo di Anna, Toto, Cristiano, i figli di Di Pietro) e delle presunte commistioni con i patrimoni dell’Italia dei Valori. Secondo l’ipotesi iniziale, Di Pietro avrebbe utilizzato i soldi del partito per acquistare appartamenti arrivandone ad affittare alcuni all’Idv, di cui era presidente. Un modo di fare penalmente irrilevante, secondo l’accusa.

Casa con lo sconto

Quel conflitto d’interessi torna ora d’attualità per gli approfondimenti operati dal mensile «la Voce delle voci» in contemporanea al reportage del Giornale. Si scopre così che il 16 marzo 2006, in quel di Bergamo, il padre-padrone dell’Idv si aggiudica alle buste, in condizioni burrascose e rocambolesche, un signor appartamento (vedi articolo sotto) a un prezzo scontatissimo dovuto alle cartolarizzazioni del patrimonio immobiliare dell’Inail. Roba da Svendopoli per vip. Lui non appare mai, fa tutto l’amministratore della sua società immobiliare Antocri (che però non agisce in questa veste), nonché compagno di Silvana Mura, deputata Idv, tesoriera del partito e socia dell’Associazione IdV. Visti i precedenti, le confusioni di ruoli, le ambiguità fra «movimento» e «associazione», le locazioni degli immobili di proprietà di Di Pietro al partito dello stesso Di Pietro (gli appartamenti di cui parleremo dopo in via Casati a Milano e in via Principe Eugenio a Roma) non è stata una sorpresa scoprire che anche su quest’ultimo immobile qualcosa non quadra: l’ha comprato Di Pietro, attraverso il convivente della Mura, la quale ha intestate le utenze di casa che corrispondono perfettamente a quelle un tempo in uso all’ex sede della tesoreria nazionale di via Taramelli 28.

Posto che l’ex pm di Mani Pulite nega di aver mai usato un euro del partito per reinvestirlo nell’acquisto di un appartamento a suo nome, posto che la società An.to.cri è nata con un capitale sociale assai modesto (appena 50mila euro), posto ancora che nel 2005 Di Pietro ha dichiarato un imponibile di 175mila euro e nel 2006 di 189mila, l’interrogativo sulla provenienza dei capitali per l’acquisto degli appartamenti, è dovuto per una personalità pubblica del suo calibro. Specie se ci si sofferma a sbirciare nel patrimonio immobiliare di quest’uomo che anche quando indossava la toga, non sembrava contenersi nello shopping edilizio: una villa con giardino a Curno, e di lì a poco, nel 1994, una nuova villetta, attaccata alla precedente, di otto vani. L’anno appresso Di Pietro compra un’abitazione da 300 metri quadri a Busto Arsizio, che gira prontamente al partito dopo aver acceso un mutuo agevolato per l’80 per cento del totale. Tempo qualche annetto e, una volta eletto al Parlamento europeo, fa il bis con un bilocale nel centro di Bruxelles: quanto l’abbia pagato non è noto. Arriviamo così al 2002 allorché l’ex ministro delle Infrastrutture si accasa in un elegante quarto piano in via Merulana, a Roma: altri otto vani, per un totale di 180 metri quadrati, pagato intorno ai 650mila euro grazie anche a un mutuo di 400mila euro acceso con la Bnl. L’anno dopo, nella natia Montenero di Bisaccia, Di Pietro cede al figlio Cristiano un attico di 173 metri quadrati: «Sei vani e mezzo poi ampliati a otto e a 186 metri quadrati (più 16 di garage) - analizza la Voce - grazie al condono edilizio del 2003. La spesa sostenuta è all’incirca di 300mila euro».

Gli alloggi per i figli

Non passano due mesi e alla fine di marzo, l’ex pm compra a Bergamo un bel quarto piano, per i figli Anna e Toto: 190 metri quadri in un signorile palazzetto liberty in via dei Partigiani. Lo stesso giorno, con lo stesso notaio, la moglie di Tonino fa suo un appartamento di 48 metri quadrati, sempre al quarto piano, oltre a due cantine e a un garage: si parla di una cifra oscillante intorno agli 800mila euro, ma non c’è conferma nemmeno su chi abbia provveduto all’esborso e in quale misura. Il 2004 è alle porte, e il nuovo appartamento di 190 metri quadri acquistato per 620mila euro in via Felice Casati a Milano - come da rogito stipulato in aprile - Di Pietro lo intesta alla Srl Antocri. Poi per un milione e 50mila euro la medesima società immobiliare fa suoi dieci vani (190 metri quadri) in via Principe Eugenio a Roma, dove - stando al bilancio 2005 dell’Idv - trasloca la sede nazionale di rappresentanza politica del partito, fino al giorno prima ubicata in via dei Prefetti 17». Per i due locali Tonino si rivolge alla Bnl e si carica due mutui sulle spalle: 276mila euro da saldare entro il 2015 per la casa milanese, 385mila per quella romana (scadenza 2019). Le pesanti rate Di Pietro inizialmente le ricaverà (salvo poi ripensarci quando scoppia lo scandalo) dal pagamento dei canoni d’affitto versati all’Antocri da un inquilino eccellente: la sua Italia dei Valori.

Mattone a Bergamo

Non è finita. Alla vigilia di Natale del 2005, Susanna Mazzoleni, moglie di Di Pietro e madre dei tre figli, compra un piccolo appartamento in via del Pradello a Bergamo. Poche ore dopo acquista anche un ufficio di quattro vani nella stessa palazzina. Spesa approssimativa? Tra i 400 e 500mila euro. L’anno successivo, come detto, Tonino compra all’asta con offerte segrete la casa di via Locatelli, sempre nella città orobica. Mentre l’anno dopo ancora, per una spesa-lavori consistente (decine, se non centinaia, di migliaia di euro) inizia a ristrutturare la masseria di famiglia in quella Montenero di Bisaccia dove l’ex ministro delle Infrastrutture, a dar retta al «catasto dei terreni» possiede 33 «frazionamenti» pari a 16 ettari di proprietà, in parte ereditati, in altra parte acquistati da parenti e familiari. Secondo la Voce (ma ancora non c’è traccia nelle visure camerali) Di Pietro avrebbe acquistato anche un altro appartamento per la figlia, 60 metri in piazza Dergano a Milano.

La società bulgara

Di Pietro in aula ha spiegato d’essersi dato al mattone dopo aver venduto l’ufficio di Busto Arsizio (a 400mila euro, 100mila li ha dovuti restituire alla banca per il mutuo) e con il ricavato ha acquistato gli appartamenti affittati all’IdV: quello di via Felice Casati a Milano - acquistato dalla Iniziative Immobiliari di Gavirano, Gruppo Pirelli Re - e l’altro, in via Principe Eugenio a Roma (alienato nel 2007). Ha detto che se tornasse indietro non rifarebbe quello che ha fatto, anche se la sua passione per gli affari immobiliari ha travalicato i confini nazionali: Tonino possiede infatti il 50% della Suko, una srl bulgara con sede a Varna. A fronte di quattro milioni di euro spesi per comperare immobili fra il 2002 e il 2008, l’ex pm ha incassato dalle vendite all’incirca un milione di euro, scremati dalle rimanenze calcolate per i mutui. Niente di penalmente rilevante, come dicono gli ex colleghi di Tonino. Ma i conti non tornano.


Leggi la Rassegna

Di Pietro si difende: "Solo calunnie"
Ma sul blog esplode la rabbia dei fan

Il popolo dell'ex pm: "Sei come gli altri. Devi darci spiegazioni". E qualcuno chiede le dimissioni

GABRIELE MARTINI

TORINO 2/6/2010 (16:48) - «Oggi mi è crollato un mito». «Di Pietro è come tutti gli altri». Incredulità, stupore e amarezza. Sono queste le reazioni del popolo dipietrista alle notizie di un presunto coinvolgimento del leader dell’Italia dei Valori nell'inchiesta di Perugia sulla "cricca" e le grandi opere.

Di Pietro è stato tirato in ballo da Zampolini. Il braccio destro del costruttore Anemone accusa l'ex pm di aver usufruito di due appartamenti messi a disposizione da Balducci. La reazione di Di Pietro arriva nel primo pomeriggio: «Mi ha fatto piacere leggere stamattina sui giornali le dichiarazioni di Zampolini, così ho saputo esattamente di cosa mi si accusa, cioè di aver preso due case in affitto: una per me e l’altra per il partito. Non è vero nel senso materiale del termine ed ho la prova documentale di quanto affermo». Il leader dell’Italia dei Valori sottolinea di essere «ben felice di consegnare» questa «prova alla magistratura e all’opinione pubblica. Così - conclude - i commentatori da strapazzo dovranno pagare le spese per le gravi calunnie che mi hanno rivolto».

Ma le spiegazioni di Di Pietro per ora non sembrano far breccia nel suo "popolo" che si sfoga sul blog. L'ultimo post parla di manovra finanziaria ma i fan già dal primo mattino hanno dirottato la discussione sulle accuse che arrivano da Perugia. L'internauta che si firma "picconatore" la riassume così: «Oltre che ad aver accumulato immobili, terreni, e rimborsi elettorali, voleva anche essere introdotto in Vaticano». Oreste Mori si rivolge direttamente all'ex pm: «La pregherei di chiarire la sua posizione rispetto a quanto asserisce Zampolini per lo scandalo delle abitazioni per Silvana Mura e sua figli Anna. Cordialmente, la saluto ed attendo una sua risposta». Geronimo si sente tradito: «Di Pietro è come tutti gli altri». Anche sul blog di Beppe Grillo il ritornelo non cambia. Giorgio parla di «crollo di un mito»: «Spero che Di Pietro riesca a giustificare queste dichiarazioni, per ora - concede - sospendiamo il giudizio».

Ciro tira in ballo «quella carezza di Di Pietro sulla gamba di Bertolaso vista a Ballarò: si era capito che erano amici di cricca». Davide carica a testa bassa: «Di Pietro adesso che fa... Si dimette e va dal "suo magistrato" come ha sempre chiesto di fare a gli altri coinvolti negli scandali? O rimane col culo ben attaccato alla poltrona come tutti?». Altri si scoprono garantisti: «Partire in quarta parlando come se fosse già in galera, mi sembra un atteggiamento in malafede». «A Di Pietro credo a quell'altro no», scrive Anna. Angela fiuta il complotto: «E' scattata l'ora x. Cioè l'ora in cui lo sputtanamento deve essere totale e riguardare soprattutto "i nemici". Di Pietro è il primo, of course. Questo per intorbidare le acque e, alla fine, nell'opinione pubblica si possa creare l'immagine di una "cricca", di cui tutti facevano parte». L'internauta che si firma "io spero di esseci" pone un quesito: «Perchè se Zampolini accusa Bertolaso è credibilissimo, ma diventa inattendibile quando accusa Di Pietro?».

In serata Di Pietro prova a chiarire con un nuovo post dal titolo "Male non fare, paura non avere". «Non ho mai preso in affitto appartamenti da Propaganda Fide (né per me o mia figlia né per la sede dell’Italia dei Valori) e lo voglio dimostrare», scrive l'ex pm che pubblica una serie di documenti sugli affitti contestati delle case. Enzo si convince: «Apprezzo la sua pronta risposta che chiarisce ogni cosa. Cosa che tutti gli altri suoi colleghi antagonisti non sanno neanche cosa sia». Silvia si dice convinta che il leader dell’Idv «ne uscirà pulitissimo». «Io mi fido di lei , ma rimetto comunque il giudizio alla magistratura», sentenzia Alessio. Piero esagera con i paragoni: «Pure Gesù, mentre camminava verso il calvario, venne insultato e preso a sputi».

La Stampa


si faceva pagare l'affitto»

Il Secolo XIX - ‎04/giu/2010‎
«I soldi dell'affitto? Me li ha dati Zampolini, era lui a pagare»: Raffaele Curi, proprietario dell'appartamento di via Giulia 189, a Roma, dove nel 2003, ...

"Bertolaso, quattro anni nella casa di via Giulia" Zampolini ...

La Repubblica - ‎03/giu/2010‎
Nuovi interrogatori: Di Pietro sarà ascoltato martedì. L'architetto rivela come fu trovato l'alloggio: "Risposi a un annuncio sui giornali" dal nostro ...

L'ombra di Balducci su Tonino

il Giornale - ‎03/giu/2010‎
L'ex magistrato, chiamato in causa nei verbali dell'architetto Zampolini, nega tutto: "Calunnie, ho le prove". Ma la "sua" casa è nella lista Anemone. ...

Appaltopoli, primi riscontri "L'affitto lo pagava Zampolini"

La Nazione - ‎03/giu/2010‎
Facendo doppio click su una qualsiasi parola presente nell'articolo, sarà visualizzata la definizione della parola, così come è stata pubblicata all'interno ...

Due o tre case che so di Di Pietro

il Giornale - ‎03/giu/2010‎
Contrordine compagni: pubblicare gli atti di una inchiesta giudiziaria in corso è una vigliaccata da evitarsi. Lo dice Antonio Di Pietro (ei suoi amici gli ...

Di Pietro contro Zampolini: dice il falso

Corriere della Sera - ‎02/giu/2010‎
L'ex pm sul suo blog: voglio essere sentito dai giudici. Prodi, Rutelli e Veltroni annunciano querela L'ex pm sul suo blog: voglio essere sentito dai ...

Il vescovo e il palazzo

Corriere della Sera - ‎02/giu/2010‎
Parla Zampolini: Sepe convinto da Balducci. «Un altro monsignore diede le case a Di Pietro» L'inchiesta - L'attuale vertice della curia di Napoli nel 2004 ...

La cricca inguaia ancora Bertolaso

Libero-News.it - ‎02/giu/2010‎
"La casa di via Giulia è di un mio amico - si difende il capo della Protezione civile - Non fu Anemone a pagare l'affitto". ...

INCHIESTA G8: DI PIETRO, MAI AVUTI APPARTAMENTI FIDE

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎02/giu/2010‎
(AGI) - Roma, 2 giu - "Ieri sera, all'ora di cena, mi e' arrivata una notizia che - li' per li' - mi ha fatto sorridere perche' non potevo crederci. ...

Di Pietro sul blog: mai avuto case in affitto dalla cricca

Libero-News.it - ‎02/giu/2010‎
mi sembra il solito polverone qualunquista, e mi fa piacere che di pietro abbia smentito portando do ... Di Pietro deve sparire. MA, se e' falso, ...

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 06/06/2010 @ 06:28:42, in Magistratura, linkato 1314 volte)
Questa notizia mi era sfuggita. Auguri al dott. Tona per la nuova scelta professionale nel settore della giurisprudenza civile, che certo nella saggia prospettiva del CSM lo allontanerà dal pericolo di nuove minacce. Benvenuto/a e buon lavoro a chi erediterà i suoi fascicoli. L.M.

Il Csm non concede la proroga
E il Gip Tona lascia Caltanissetta


Scritto da Redazione ANTIMAFIADUEMILA   
Venerdì 21 Maggio 2010 08:56

Il Gip di Caltanissetta Giovanbattista Tona lascerà definitivamente il suo incarico. Lo ha deciso oggi il Csm, che ha risposto con un secco “no” alla richiesta del giudice di rimanere applicato al suo ufficio dove era chiamato a decidere, proprio in questi giorni, su importanti atti relativi all'inchiesta appena riaperta sul fallito attentato all'Addaura. Per la quale in questi anni aveva ormai acquisito una notevole competenza.

Il gip, particolarmente apprezzato per il suo rigore e la sua precisione, doti riconosciute in diversi procedimenti sia dalle accuse che dalle difese, ha terminato il periodo di 10 anni in cui, secondo la legge Mastella, un magistrato può ricoprire lo stesso incarico. Motivo per cui aveva chiesto l'applicazione ad alcune indagini di notevole complessità, da lui seguite da lungo tempo.

Dopo il no Tona passerà alla magistratura civile e per chi erediterà il suo incarico occorreranno mesi per studiare le carte, cosa che potrebbe determinare una nuova stagnazione di importanti inchieste appena riaperte.

Redazione ANTIMAFIADuemila
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 06/06/2010 @ 06:04:48, in Sindacati Giustizia, linkato 1501 volte)


Con la manovra del governo la giustizia chiude i battenti


DICIAMO NO A CHI AFFOSSA LA GIUSTIZIA
E I DIRITTI DI CHI CI LAVORA!


La manovra varata dal governo colpisce duramente tutti i cittadini meno abbienti: per i lavoratori pubblici è previsto il congelamento dei rinnovi contrattuali, il taglio del 10% alle spese, il blocco del turn-over, il ritardato pagamento della liquidazione.
Nel Ministero della Giustizia i lavoratori sono doppiamente beffati, ingannati e raggirati: oltre ad essere gli unici dipendenti del pubblico impiego a non aver conseguito una strameritata progressione di carriera, giuridica ed economica, dovranno subire - per colpa dell’Amministrazione e di una minoranza sindacale - un mortificante ed ingiusto ordinamento professionale e rinunciare con rammarico al premio di produttività collettiva percepito negli ultimi anni.
Che dire del disastro che questa manovra causerà a uffici già gravemente provati da storiche carenze di organico e mancanza di mezzi?
Nei prossimi 5 anni sono previsti migliaia di pensionamenti e, con il blocco del turn-over, non sarà possibile rimpiazzarli.
Molti uffici giudiziari verranno chiusi per mancanza fisica di persone con conseguenze gravissime per il diritto alla giustizia.
Già oggi si opera in condizioni critiche per mancanza di fondi e di mezzi e con l’ulteriore taglio del 10% alle spese della giustizia non sarà possibile garantire la prosecuzione delle attività.
Altro che modernizzazione ed informatizzazione, altro che processo telematico e posta elettronica certificata: non basteranno i soldi neanche per la carta e per le spese ordinarie!
Alla giustizia c’è bisogno di investimenti e di un progetto di riforma che garantisca il potenziamento del personale, una  migliore organizzazione e modernizzazione del sistema e la vera riqualificazione del personale giudiziario.
Con la politica sbagliata di questo governo la giustizia verrà definitivamente affossata.
Adoperiamoci per tutelare la giustizia e i diritti di chi ci lavora.
E’ arrivato il momento che il Ministro Alfano si assuma le proprie responsabilità per evitare lo sfascio della giustizia.

PER QUESTO DICIAMO NO AI TAGLI INDISCRIMINATI
 DEGLI ORGANICI E DELLE RISORSE.

LA GIUSTIZIA E’ DI TUTTI
DIFENDILA CON NOI!!


Roma 3 giugno 2010
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 05/06/2010 @ 16:49:04, in Magistratura, linkato 1655 volte)
Manovra/ Anm unanime: Il 1 luglio scioperano i magistrati
Lo ha deciso il parlamentino

Roma, 5 giu. (Apcom) - Contro la manovra del governo i magistrati sciopereranno il 1 luglio. Lo ha deciso all'unanimità il 'parlamentino' dell'Anm, accogliendo la proposta che era stata avanzata dalla giunta.



Manovra/ Magistrati in sciopero il primo luglio contro tagli
Su proposta giunta Anm decide 'parlamentino'


Roma, 5 giu. (Apcom) - I magistrati sciopereranno il primo luglio contro i tagli "iniqui" previsti dalla manovra del governo. Č la proposta che indica il presidente dell'Anm, Luca Palamara, al 'parlamentino' del sindacato delle toghe riunito proprio per decidere data e modalità della protesta. Proposta sulla quale ci sarebbe già l'accordo tra le diverse correnti.


Manovra/ Anm unanime: Il 1 luglio scioperano i magistrati -2-
Uno o più giorni di sciopero bianco tra 21 e 25 giugno


Roma, 5 giu. (Apcom) - I vertici dell'Anm hanno deciso anche altre iniziative di protesta contro i tagli previsti che giudicano "iniqui" e "punitivi" nei confronti dei magistrati. Tra il 21 e il 25 giugno verranno organizzate "una o più giornate di mobilitazione e di protesta con sospensione dell'attività di supplenza": uno 'sciopero bianco', durante il quale le toghe si asterranno dallo svolgere funzioni che la legge non assegna loro. Inoltre l'8 e il 18 giugno verranno organizzate assemblee in tutta Italia "per rappresentare la situazione di grave disagio in cui versa il sistema giudiziario e simulare gli effetti della mancata supplenza". Si procederà anche ad organizzare assistenza legale ai magistrati in eventuali azioni giudiziarie che vorranno intraprendere contro la manovra.

Č stato respinto invece un emendamento presentato da Magistratura indipendente nel quale si chiedeva che la sospensione delle attività di supplenza fosse "immediata e a tempo indeterminato", in modo da rendere la protesta "più efficace".


Manovra/ Anm: Pronti a sacrifici ma no tagli iniqui
Palamara: non difendiamo privilegi di una casta


Roma, 5 giu. (Apcom) - I magistrati sono pronti a fare "sacrifici" per contribuire a far fronte alla crisi, ma "non accettano" i tagli "iniqui e irragionevoli" contenuti nella manovra del governo. Č per questo che "diciamo basta e facciamo sentire la nostra voce". Il presidente dell'Anm, Luca Palamara, ha spiegato così le ragioni delle iniziative di protesta messe in campo, a cominciare da una giornata di sciopero di tutti i magistrati il prossimo primo luglio.
"Non ci stiamo - ha detto aprendo i lavori del 'parlamentino' dell'Anm - ad essere trascinati in una situazione in cui la magistratura viene indicata come una casta. Siamo consapevoli della crisi economica e dei nostri doveri, ai quali non intendiamo sottrarci. Ma è nostro dovere denunciare gli aspetti iniqui e irragionevoli di questa manovra, che penalizza in modo ingiusto soprattutto i più giovani, facendo pagare di più a chi guadagna di meno e di meno a chi guadagna di più. Questo è inaccettabile".

Una posizione ribadita dal segretario dell'Anm, Giuseppe Cascini: "E' difficile far capire le nostre ragioni di fronte ad una propaganda che ci dipinge come nababbi che difendono i loro privilegi. Ma con la nostra protesta forte, compatta e unitaria dobbiamo spiegare che noi non vogliamo affatto sottrarci alla necessità di contribuire alla crisi, vogliamo però farlo con equità.
Chiediamo quindi che i sacrifici siano equi e proporzionati alla capacità contributiva di ciascuno. Non è tollerabile - ha aggiunto - che i giovani debbano subire una riduzione dei loro stipendi tra il 25 e il 30 per cento. Questo non significa difendere i privilegi di una casta ma i diritti minimi della categoria". Cascini ha sottolineato anche la necessità "mobilitare tutte le forze per sensibilizzare sullo sfascio della giustizia: la manovra colpisce in modo ingiusto anche il personale amministrativo, dobbiamo far capire che non è possibile garantire sicurezza se la giustizia non funziona". 13:10 - POLITICA- 05 GIU 2010



MANOVRA: ANM, IN LUGLIO GIORNATE DI "SCIOPERO BIANCO"
 
(AGI) - Roma, 5 giu. - Oltre all'astensione dalle udienze di tutta la magistratura il primo luglio prossimo, il presidente dell'Anm, Luca Palamara, propone, per protesta contro la manovra economica, alcune giornate di 'sciopero bianco' tra il 7 e il 21 luglio. "Dobbiamo dire basta alle supplenze - sottolinea Palamara, nel suo intervento alla riunione del parlamentino delle toghe - ossia a tutte quelle attivita' che abbiamo a fatto in questi anni assieme al personale amministrativo data la mancanza di risorse".

Tra il 7 e il 21 luglio, dunque, verranno organizzate, per almeno tre giornate a settimana, queste forme di protesta.

Tra il 22 e il 24 giugno, inoltre, l'Anm pensa di mettere in campo tre giornate, prima nel nord Italia, poi nel centro e infine nel sud, iniziative "per sensibilizzare - osserva Palamara - l'opinione pubblica sulla cattiva situazione della giustizia, coinvolgendo anche gli altri componenti del 'patto per la giustizia' perche' questo e' un problema anche dell'avvocatura e del personale amministrativo, che affronteremo con questa protesta a scacchiera. Siamo consapevoli della crisi che colpisce il Paese e vogliamo contribuire ma riteniamo inaccettabile una manovra iniqua e irragionevole che fa pagare di piu' a chi guadagna di meno e meno a chi guadagna di piu'".

Il leader del sindacato delle toghe ribadisce che quello che i magistrati metteranno in atto il primo luglio prossimo "non e' uno sciopero politico" come lo ha definito ieri il guardasigilli Angelino Alfano, "ma vuole evidenziare il malcontento che c'e' nel sistema giustizia". Il segretario dell'Anm, Giuseppe Cascini, poi, lancia un appello all'unita' nella protesta: "Deve essere forte, compatta e comprensibile dall'esterno. Non si tratta di difendere privilegi di casta, ma diritti sindacali minimi di una categoria professionale. Vogliamo riuscire ad ottenere l'eliminazione almeno dell'iniquita' di questa manovra e ricordare che uno Stato che vuole sicurezza, ma che non ha una giustizia che funzioni, puo' diventare uno Stato di polizia. La giustizia non puo' diventare un ente inutile, svuotato di risorse". .

Leggi la Rassegna

MANOVRA: ANM, IN LUGLIO GIORNATE DI "SCIOPERO BIANCO"

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎50 minuti fa‎
(AGI) - Roma, 5 giu. - Oltre all'astensione dalle udienze di tutta la magistratura il primo luglio prossimo, il presidente dell'Anm, Luca Palamara, propone, per protesta contro la manovra economica, alcune giornate di 'sciopero bianco' tra il 7 e il 21 ...

Sciopero dell'Anm, per Alfano resta "politico"

Rainews24 - ‎2 ore fa‎
Botta e risposta Alfamo-Anm sullo sciopero indetto dai magistrati il prossimo primo luglio contro la manovra economica. "Confermo che si tratta di uno sciopero politico e che mi batterò al fianco dei giovani magistrati perché credo che sia chiesto loro ...

Magistrati in sciopero il primo luglio contro la manovra

Virgilio - ‎38 minuti fa‎
Roma, 5 giu. (Apcom) - Contro la manovra del governo i magistrati sciopereranno il 1 luglio. Lo ha deciso all'unanimità il 'parlamentino' dell'Anm, accogliendo la proposta che era stata avanzata dalla giunta. I vertici dell'Anm hanno deciso anche altre ...

Manovra/ Costa: Da magistrati sciopero politico

Virgilio - ‎1 ora fa‎
Roma, 5 giu. (Apcom) - Il Pdl contro l'Associazione nazionale magistrati: non si ferma la polemica per lo sciopero proclamato dall'Anm per il primo luglio, per protestare contro la manovra economica del Governo. Secondo Enrico Costa, capogruppo Pdl in ...

Manovra: da toghe anche sciopero bianco

ANSA - ‎2 ore fa‎
(ANSA) - ROMA, 5 GIU - Oltre allo stop del primo luglio, contro la manovra economica del governo i magistrati attueranno anche uno sciopero bianco. Il primo luglio saranno tutte le magistrature a incrociare le braccia. ...

Manovra/ Anm: Pronti a sacrifici ma no tagli iniqui

APCOM - ‎2 ore fa‎
Roma, 5 giu. (Apcom) - I magistrati sono pronti a fare "sacrifici" per contribuire a far fronte alla crisi, ma "non accettano" i tagli "iniqui e irragionevoli" contenuti nella manovra del governo. Č per questo che "diciamo basta e facciamo sentire la ...

MANOVRA: MAGISTRATI IN SCIOPERO IL PRIMO LUGLIO

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎21 minuti fa‎
(AGI) - Roma, 5 giu. - I magistrati incroceranno le braccia contro la manovra economica decisa dal governo il primo luglio prossimo. Questa la decisione finale presa all'unanimita' dal Comitato direttivo centrale dell'Anm. Il sindacato delle toghe, ...

Manovra/ MI: Ok sciopero toghe ,ma protesta sia più forte

Virgilio - ‎2 ore fa‎
Roma, 5 giu. (Apcom) - D'accordo sullo sciopero dei magistrati e sulle iniziative di protesta contro la manovra del governo, protesta che però deve essere "più incisiva". Č la posizione espressa davanti al 'parlamentino' dell'Anm dai rappresentanti di ...

Anm, l'1 luglio lo sciopero dei magistrati Bersani: "Fuori luogo ...

La Repubblica - ‎1 ora fa‎
Tutti d'accordo sulla data proposta dal presidente Luca Palamara. Previsti anche sciopero bianco e giornate dedicate alla sensibilizzazione del Paese. Il leader Pd replica ad Alfano: "Sciopereranno anche i medici". Il ministro rilancia: ""La campagna ...

Manovra: Alfano, sciopero magistrati e' politico

Libero-News.it - ‎2 ore fa‎
Palermo, 5 giu. - (Adnkronos) - Lo sciopero indetto dai magistrati per il prossimo primo luglio e' "politico". Lo ha ribadito da Palermo il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, intervenendo al corso di alta formazione per esperti in gestione e ...

Sciopero dei magistrati il 1° luglio

La Stampa - ‎3 ore fa‎
Il presidente dell'Associazione nazionale magistrati ha annunciato che il primo luglio le toghe osserveranno una giornata di sciopero. Ad incrociare le braccia saranno tutte le magistrature: lo sciopero non riguarderà soltanto i giudici ordinari, ...

Magistrati in sciopero Giustizia paralizzata

Libero-News.it - ‎2 ore fa‎
Iniziativa contro la manovra: i giudici a braccia incrociate il primo luglio. Poi annunciano tre giornate di mobilitazione nazionale, il 22, 23 e 24 giugno. Dal 7 al 21 luglio, per 2-3 giorni a settimana, si asterranno da svolgere tutte le "attività di ...

Sciopero dei magistrati il 1° luglio

Corriere della Sera - ‎4 ore fa‎
MILANO - Si terrà il 1 luglio lo sciopero dei magistrati contro la manovra economica del governo. Questa la data proposta dal presidente dell'Anm Luca Palamara al comitato direttivo centrale. Su questa data c'è l'accordo di tutte le correnti della ...

Anm conferma sciopero

CataniaPolitica - ‎1 ora fa‎
Confermato lo sciopero dei magistrati contro i tagli della Finanziaria al comparto giustizia. La data del 1° Luglio proposta all'Anm dal presidente Luca Palamara ha trovato d'accordo le diverse correnti dell'organismo sindacale. ...

lo sciopero dei magistrati è politico

L'Unione Sarda - ‎2 ore fa‎
"Per il rinnovo del Csm si è aperta la campagna elettorale a fine gennaio con le proteste dei magistrati messe in scena durante l'inaugurazione dell'Anno giudiziario. Questa campagna è durata in tutti questi mesi e si concluderà l'1 luglio con lo ...

Manovra, magistrati sciopereranno il primo luglio

Il Velino - ‎3 ore fa‎
Roma, 5 giu (Il Velino) - I magistrati incroceranno le braccia il primo luglio contro la manovra economica del governo. La data è stata proposta dal presidente dell'Anm Luca Palamara al comitato direttivo centrale. L'iniziativa riguarderà tutte le ...

Manovra, Anm unanime: Il 1 luglio scioperano i magistrati

Diario del Web - ‎47 minuti fa‎
Roma, 5 giu - Contro la manovra del governo i magistrati sciopereranno il 1 luglio. Lo ha deciso all'unanimità il 'parlamentino' dell'Anm, accogliendo la proposta che era stata avanzata dalla giunta. Non sono permessi commenti contrari alla legge ...

I magistrati contro la manovra: sciopero generale il primo Luglio

L'Unione Sarda - ‎3 ore fa‎
Si terrà il 1 luglio lo sciopero dei magistrati contro la manovra economica del governo. Questa la proposta che sta per presentare al parlamentino dell'Anm il presidente Luca Palamara e sulla quale ci sarebbe già il consenso di tutte le correnti. ...

MANOVRA: BERSANI, SCIOPERO MAGISTRATI? PROTESTERANNO ANCHE I MEDICI

Agenzia di Stampa Asca - ‎2 ore fa‎
(ASCA) - Roma, 5 giu - ''Francamente l'accusa di sciopero politico e' proprio fuori luogo'': Cosi' il segretario del Pd Pier Luigi ha commentato -intervistato dal Tg2- la critica che il ministro Alfano ha rivolto ai magistrati che hanno deciso di ...

Manovra, Alfano ai magistrati: "Sciopero politico"

La Repubblica - ‎04/giu/2010‎
Il ministro della Giustizia attacca la scelta dei magistrati: "Chiediamo a loro sacrifici così come al resto del Paese. Ma mi batterò contro i tagli agli stipendi delle giovani toghe". Stato d'agitazione anche tra medici e veterinari: annunciate due ...

Manovra: Anm, anche sciopero bianco e giornate mobilitazione

Libero-News.it - ‎3 ore fa‎
Roma, 5 giu. (Adnkronos) - Oltre allo sciopero del 1 luglio i magistrati nel periodo compreso tra il 7 e il 21 luglio prossimo attueranno piu' giornate di sciopero bianco ossia non svolgeranno attivita' di supplenza che di solito svolgono per carenze ...

PUNTO 1 - Manovra, magistrati proclamano lo sciopero

Reuters Italia - ‎03/giu/2010‎
ROMA 3 giugno (Reuters) - I magistrati italiani hanno proclamato oggi lo sciopero contro la manovra economica da circa 25 miliardi di euro varata dal governo. Lo dicono due note, una del Comitato che raggruppa tutte le magistrature, e un'altra dell'Anm ...

Anm: sciopero per tagli punitivi, no politico

ANSA - ‎04/giu/2010‎
ROMA - "Nessuno sciopero politico, ma la risposta a tagli che riteniamo punitivi". Così l'Associazione nazionale magistrati, per bocca del suo presidente Luca Palamara, replica alle parole del ministro della Giustizia Angelino Alfano. ...

Manovra, Palamara (Anm): magistrati non vogliono essere puniti

Reuters Italia - ‎04/giu/2010‎
ROMA (Reuters) - L'Associazione Nazionale Magistrati si dichiara disposta a sacrifici, ma considera la manovra varata dal governo iniqua per gli effetti che produce sul pubblico impiego e sui magistrati. Lo ha detto oggi Luca Palamara, ...

Manovra/ Oggi 'parlamentino' Anm decide data sciopero giudici

APCOM - ‎9 ore fa‎
Roma, 5 giu. (Apcom) - Scontro tra il ministro della Giustizia Angelino Alfano ei giudici sui tagli previsti in manovra. E oggi il parlamentino del sindacato dei magistrati, l'Anm, deciderà la data dello sciopero. Lo scontro tra il ministro della ...

Manovra/ Magistrati in sciopero il primo luglio contro tagli

APCOM - ‎4 ore fa‎
Roma, 5 giu. (Apcom) - I magistrati sciopereranno il primo luglio contro i tagli "iniqui" previsti dalla manovra del governo. Č la proposta che indica il presidente dell'Anm, Luca Palamara, al 'parlamentino' del sindacato delle toghe riunito proprio ...

POL - Orenove/5. La Manovra arriva in Senato, toghe in sciopero

Il Velino - ‎04/giu/2010‎
Roma, 4 giu (Il Velino) - Scrive LA REPUBBLICA: “Toghe in sciopero contro la manovra del governo Berlusconi. Un fronte comune che va dalla magistratura or-dinaria a quella amministrativa, dalla Corte dei Conti al Consiglio di Stato, ...

BERSANI, FUORI LUOGO ACCUSA AD ANM DI SCIOPERO POLITICO

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎2 ore fa‎
(AGI) - Roma, 5 giu. - Pier Luigi Bersani ha criticato il ministro Angelino Alfano che ha definito "politico" lo sciopero deciso dall'Anm. "Francamente l'accusa di uno sciopero politico e' proprio fuori luogo", ha detto il segretario del Pd. Dopo i ...

Manovra: Anm convoca il 9 giugno avvocatura e sindacati per ...

Adnkronos/IGN - ‎22 ore fa‎
Roma, 4 giu. - (Adnkronos) - La giunta dell'Associazione nazionale magistrati, a quanto apprende l'ADNKRONOS, ha convocato per il 9 giugno i firmatari del patto per la giustizia stipulato un anno fa, dalle componenti dell'avvocatura ai sindacati di ...

Manovra, tutti i magistrati scioperano il 1° luglio

Il Salvagente - ‎3 ore fa‎
"Lo sciopero dei magistrati è uno sciopero politico, il governo chiede ai magistrati un sacrificio così come lo chiede alle altre componenti del Paese, però mi batterò e mi impegnerò a fianco dei giovani magistrati perchè su questo aspetto si chiede un ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 05/06/2010 @ 16:38:42, in Osservatorio Famiglia, linkato 1306 volte)
Giuro: io intendo rimanere sempre "semplice", ma proprio per questo domando: "Questi uomini che si prostituiscono sfrontatamente in Italia e sono coinvolti anche in casi  gravissimi di corruzione e omicidi, perché non sono in galera?" Vi dirò: io non credo alla pattuglia di carabinieri corrotti e assassini. Indagherei meglio altre persone... L.M.

Natalì picchiata da un cliente
botte alla trans del caso Marrazzo

Le botte ricevute forse da un cliente drogato. Nella notte è stato trovato il cadavere di un altro viado, Roberta, a Tor di Quinto

Il pestaggio è avvenuto all'alba nei pressi di un distributore di Ponte Milvio. La vittima è Natalì, la transessuale coinvolta nello scandalo Marrazzo, picchiata intorno alle 4 di oggi dopo avere accettato di salire sulla macchina del suo aggressore.

L'uomo si è fermato chiedendo se si chiamasse Natalì e, chiedendole una prestazione sessuale, l'ha fatta salire a bordo di un'auto di lusso nei pressi della moschea di Forte Antenne a Roma. Ma dopo aver percorso un breve tratto di strada, l'uomo si è fermato ad un distributore di benzina con la scusa di dovere fare rifornimento di benzina, e ha tirato fuori un bastone di legno picchiando la trans. Durante il pestaggio, le ha gridato: "E ora chiama Marrazzo!". Natalì ha perso i sensi, mentre l'uomo è scappato. Subito dopo, il viado è riuscito a chiamare i carabinieri. All'ospedale Villa San Pietro, e hanno riscontrato varie contusioni e una sospetta frattura scomposta al polso destro. Non lontano dal distributore dove è stata picchiata e scaricata Natalì, ieri sera, è stato ritrovato in via Tor di Quinto il corpo di un altro viado brasiliano, Roberta.

Risale al 17 maggio scorso l'ultimo interrogatorio di Natalì. che ha reso nuove dichiarazioni nel corso dell'incidente probatorio durato circa cinque ore riguardo all'intervento dei carabinieri 'infedeli' nell'appartamento di via Gradoli, dove fu girato il presunto video che ritraeva l'ex governatore in compagnia della trans (FOTO). Secondo Natalì, il filmato non era altro che un 'montaggio' fatto dai militari per ricattare Marazzo. Natalì ha però ammesso di fronte ai magistrati di aver ceduto droga all'ex presidente della Regione Lazio.

La Repubblica

 ***

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 05/06/2010 @ 11:21:37, in Estero, linkato 1436 volte)
Se la coscienza del Diritto non grida di fronte a questo, allora l'umanità è perduta... L.M.

 
 flagzion_600

Gaza flotilla attack: Autopsies reveal
intensity of Israeli military force


• Victims found with up to six gunshot wounds
• Israel 'about to lose a friend' warns Turkey's US envoy


    * Robert Booth, Harriet Sherwood in Gaza City and Justin Vela in Istanbul
    * guardian.co.uk, Friday 4 June 2010 22.00 BST
    * Article history

Gaza flotilla Mavi Marmara The autopsy results reveal the extent of force used by Israeli commandos aboard the Mavi Marmara (pictured). Photograph: Reuters

The autopsy results released today by the Turkish authorities after the Israeli attack on the Gaza flotilla reveal in chilling detail the intensity of the military force unleashed on the multinational convoy.

Each of the nine victims on the Mavi Marmara in international waters off the coast of Israel in the early hours of Monday morning was shot at least once and some five or six times with 9mm rounds.

The results also reveal how close the fighting was. Dr Haluk Ince, chair of Turkey's council of forensic medicine (ATK), said: "Approximately 20cm away was the closest. In only one case was there only one entrance wound. The other eight have multiple entrance wounds. [The man killed by a single shot] was shot just in the middle of the forehead with a distant shot."

The details emerged as Turkey warned that it may reconsider its diplomatic ties with Israel unless it receives an apology.

The deputy prime minister, Bulent Arinc, warned: "We may plan to reduce our relations with Israel to a minimum."

Namid Tan, the ambassador to Washington, warned that Israel was "about to lose [a] friend". He repeated calls for an independent investigation of the raid and end its blockade against Gaza.

Asked if Turkey might break off relations, he said: "We don't want this to go to that point." But he added: "The government might be forced to take such an action."

Speaking at the funeral of the youngest activist, prime minister Tayyip Erdogan accused Israel of betraying its religion. "You killed 19-year-old Furkan Dogan brutally. Which faith, which holy book can be an excuse for killing him?" he asked.

According to the scientists at the ATK, Dogan, who held US and Turkish citizenship was shot five times – from close range in the right side of his nose, in the back of the head, in the back and twice in the left leg.

The oldest victim was 60-year-old Ibrahim Bilgen, a Turkish politician, engineer and activist who was married with six children. He had been shot once in the right temple, once in the right side of his chest, once in the back and once in the hip.

Cetin Topcuotlu, a 54-year old former Taekwondo champion who worked as a coach for the Turkish national team, was shot three times – once in the back of his head, once in his hip and once in his belly. His wife, Cigden, who was with him on the Mavi Marmara said at his funeral on Thursday she would take part in further flotillas to Gaza with her son.

The detail of the wounds came as yet more survivors returned to the UK and gave their account of the attacks.

In a hastily arranged press conference in central Londonshortly after his Turkish airlines plane touched down at Heathrow, Ismail Patel, the 47-year-old chairman of the Friends of al-Aqsa, condemned what he called "the cold-blooded murder and killing of our colleagues". He said: "These deaths were avoidable and I lay the blame squarely with the Israelis."

Israel has previously said its troops had been left with no choice after they came under attack from activists armed with knives and iron bars when they were dropped by helicopter on to the ship.

Patel claimed that as soon as the Israeli Defence Force helicopter appeared above the Mavi Marmara, "it started using immediately live ammunition" without any warning being issued.

After the first victim fell the white flag was raised, he said, but Israeli forces continued firing. "I think the Israeli soldiers were shooting to kill because most of the people who died were shot in the top part of their bodies," he said. He believed that later victims were injured in their legs after a "tactical move" by the commandos to wound rather then kill.

Alex Harrison, a Free Gaza activist who was on the smaller Challenger yacht, which was crewed mainly by women, said the Israelis used rubber bullets, sound bombs and tasers against them.

"Two women were hooded, they had their eyes taped," she said, describing how the yacht was quickly overwhelmed. "We stood and tried to obstruct the armed, masked men and maintained no other defence and still they used violence."

Harrison, 32, from Islington, north London, also witnessed the Mavi Marmara being stormed from above by helicopter and said the Israelis started firing before their troops touched down on the boat.

"I have seen some selective footage that the Israelis have chosen to put out suggesting that we responded with violence," she said. "You must remember that these are unarmed civilians on their own boat in the middle of the Mediterranean. People picked up what they could to defend themselves against armed, masked commandos who were shooting."

The violence was "initiated by the Israelis on a massive scale," she said, adding she was pleased her colleagues on the Rachel Corrie, an Irish vessel, were continuing to Gaza this weekend.

"I am thrilled they are going," she said. "They know exactly what risks they face. They are doing what our government's haven't and I thank them."

Both Harrison and Patel criticised the British authorities for failing to provide sufficient consular assistance while the activists were detained in an Israeli prison in Beersheva.

Patel said he was not visited by anyone from the British mission and Harrison said the consul told her that Israeli officials had prevented him visiting captured Britons.

"I did see the British consul," Harrison said. "He told me that he had sitting outside the prison all day ... asking for access and not been given it. I see that as an insult from Israel to the British, that they were denying the British consul the right that citizens have. I also see it as a sign that the British don't have the strength to stand up to Israel."

Foreign Secretary William Hague confirmed that a total of 34 of the activists on the aid flotilla were British, with all but two of them having been sent to Turkey by the Israeli authorities.

In Gaza City, the de facto Hamas prime minister, Ismail Haniyeh, told crowds of worshippers at Friday prayers that Israel's blockade was in its final stages.

"Now not only Gazans speak of the blockade, but also the [UN] security council and the international community. Everyone is demanding the siege be lifted."

The nine victims

Cengiz Alquyz, 42

Four gunshot wounds: back of head, right side of face, back, left leg

Ibrahim Bilgen, 60

Four gunshot wounds: right chest, back, right hip, right temple

Cegdet Kiliclar, 38

One gunshot wound: middle of forehead

Furkan Dogan, 19

Five gunshot wounds: nose, back, back of head, left leg, left ankle

Sahri Yaldiz

Four gunshot wounds: left chest, left leg, right leg twice

Aliheyder Bengi, 39

Six gunshot wounds: left chest, belly, right arm, right leg, left hand twice

Cetin Topcuoglu, 54

Three gunshot wounds: back of head, left side, right belly

Cengiz Songur, 47

One gunshot wound: front of neck

Necdet Yildirim, 32

Two gunshot wounds: right shoulder, left back

The Guardian
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 


E' l'ultima imbarcazione della Freedom Flotilla

Gaza, Israele intercetta la 'Rachel Corrie':
minacciato l'abbordaggio

ultimo aggiornamento: 05 giugno, ore 10:53
Larnaca - (Adnkronos/Ign) - Unità della marina israeliana stanno seguendo il cargo irlandese deciso a superare il blocco dopo il blitz di Israele contro i pacifisti diretti nella Striscia. D'Elia: ''Faremo resistenza passiva'' (VIDEO). Luppichini: ''Sequestrato e picchiato'' (VIDEO). Gaffe del governo israeliano diffuso un video-farsa sul blitz (VIDEO). Dall'Egitto alla Malaysia, musulmani in piazza contro Israele. Ahmadinejad contro lo Stato ebraico: "Nuova aggressione significherebbe la sua fine". Proteste a Milano (FOTO) e Roma (VIDEO)

Larnaca, 5 giu. - (Adnkronos/Ign) - La marina israeliana ha intercettato la nave irlandese Rachel Corrie al largo delle coste di Gaza, ma non l'hanno abbordata. "Non sono stati abbordati, sono seguiti", ha detto una portavoce del Free Gaza Movement, Greta Berlin, che è in contatto con la nave, citata sul sito di Haaretz. Il comitato d'accoglienza palestinese che aspetta la nave sulla costa di Gaza, afferma che il cargo è stato affiancato da tre unità navali israeliane a 34 miglia dalla costa, quindi in acque internazionali.

Il ministero degli Esteri israeliano aveva ribadito ieri che non avrebbe permesso lo sbarco a Gaza della 'Rachel Corrie', ultima nave della Freedom Flotilla decisa a superare il blocco. Gli israeliani avevano offerto di far scaricare gli aiuti umanitari nel porto di Ashdod per poi trasportarli a Gaza, ma gli attivisti a bordo della nave hanno rifiutato. Secondo quanto riferito da un portavoce dell'esercito israeliano (Idf) la nave irlandese ha ignorato le richieste di cambiare rotta e dirigersi verso il porto Ashdod. "Abbiamo stabilito un contatto, ma l'equipaggio non coopera", ha detto il portavoce aggiungendo che i militari si preparano alla possibilità di agire contro la nave . "Se necessario non avremo altra scelta", ha dichiarato la portavoce militare israeliana Avital Leibowitz, rispondendo alla domanda dell'agenzia stampa tedesca Dpa se l'abbordaggio è un'opzione possibile.

Dal canto loro gli Stati Uniti, pur considerando "insostenibile" l'attuale situazione del blocco di Gaza, invitano gli attivisti a bordo della nave irlandese Rachel Corrie a fare rotta verso il porto israeliano di Ashdod, come richiesto dalle autorità dello stato ebraico. "Le attuali disposizioni sono insostenibili e vanno cambiate", ha dichiarato Mike Hammer, portavoce del Consiglio per la Sicurezza Nazionale della Casa Bianca. Tuttavia Washington esorta anche tutte le navi con a bordo aiuti umanitari a rispettare la richiesta israeliana. "Nell'interesse della sicurezza di tutte le persone coinvolte, e del sicuro trasferimento degli aiuti alla popolazione di Gaza", ha dichiarato il portavoce spiegando che si sta "lavorando urgentemente con Israele, l'Autorità palestinese e altri partner internazionali per sviluppare nuove procedure per consegnare più beni e assistenza a Gaza, aumentare le opportunità per la gente di Gaza e prevenire l'importazione di armi".

Intanto, secondo quanto scrive oggi il Guardian, i risultati delle autopsie eseguite in Turchia rivelano che i nove attivisti uccisi lunedì a bordo della nave turca Mavi Marmara sono stati raggiunti da un totale di 30 colpi d'arma da fuoco e cinque sono stati uccisi da colpi alla testa, sparati anche da distanza ravvicinata. Tutte le pallottole, salvo una non identificata, sono da 9 mm.

Yalcin Buyuk, vice presidente del consiglio turco di medicina forense ha riferito al giornale che un uomo di 60 anni, Ibrahim Bilgen, è stato colpito quattro volte, alla tempia, il petto, l'anca e la schiena. Il 19enne Fulkan Dogan, che ha anche la nazionalità americana, è stato colpito cinque volte, a meno di 45 centimetri di distanza, al volto, alla nuca, due volte alle gambe e una alla schiena. Altri due uomini sono stati colpiti quattro volte e cinque riportano colpi alla nuca o alla schiena. Secondo Buyuk, una sola vittima riportava soltanto una ferita, sparata a distanza contro la fronte. Tutti gli altri riportavano più di una ferita e le pallottole erano intatte, il che dimostrerebbe che hanno colpito le vittime direttamente e non di rimbalzo.

woof

I risultati dell'autopsia sono in contrasto con la versione israeliana che i soldati hanno aperto il fuoco solo per autodifesa. Un portavoce dell'ambasciata israeliana a Londra ha però respinto questa interpretazione. "L'unica situazione in cui i soldati hanno sparato era in una chiara situazione di pericolo di vita -ha detto al Guardian - premere in fretta il grilletto puo' portare ad alcuni colpi nello stesso corpo, ma ciò non cambia il fatto che erano in una situazione di pericolo di vita".
Lo speciale dal Guardian.co.uk

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Oggi si deciderà la data dello sciopero...


Manovra: Anm convoca il 9 giugno avvocatura
e sindacati per iniziative comuni


Roma, 4 giu. - (Adnkronos) - La giunta dell'Associazione nazionale magistrati, a quanto apprende l'ADNKRONOS, ha convocato per il 9 giugno i firmatari del patto per la giustizia stipulato un anno fa, dalle componenti dell'avvocatura ai sindacati di settore, per elaborare iniziative comuni di protesta.

L'Associazione nazionale magistrati offrira' assistenza legale alle toghe se entrera' in vigore la manovra e il testo restera' cosi' com'e'; ma si fa notare che questa potrebbe essere un ultima possibilita', dopo l'approvazione definitiva della manovra e lo sciopero indetto.

La giunta avrebbe anche deciso di avviare dei contatti con uno studio legale per un'analisi del testo della manovra per "eventuali iniziativa giudiziarie da intraprendere". Tra i firmatari del patto per la giustizia, le associazioni che rappresentano le varie magistrature, dall'Anm all'associazione delle toghe della Corte dei Conti, l'organismo unitario dell'avvocatura, le associazioni di avvocati e procuratori dello Stato e sindacati del settore come Fp-Cgil e Rdb-Cub.


Manovra: Palamara (Anm), domani decideremo data sciopero

Roma, 4 giu. (Adnkronos) - "Domani decideremo la data dello sciopero". Lo ha detto il presidente dell'Anm, Luca Palamara, a margine della presentazione del Rapporto ecomafia di Legambiente, parlando della manovra.
"I magistrati -ha sottolineato Palamara- vogliono si' contribuire in questa congiuntura economica ma non vogliono essere considerati un costo per lo Stato".


Manovra: Palamara (Anm), in sciopero c'e' ben poco di politico

Roma, 4 giu. - (Adnkronos) - ''C'e' ben poco di politico: il sistema giudiziario versa in una grave crisi di credibilita' e questa situazione Alfano la conosce molto bene, poiche' e' proprio la Costituzione che questo compito assegna al ministro''. Lo ha detto il presidente dell'Anm, Luca Palamara, a margine della presentazione del Rapporto Ecomafia di Legambiente, rispondendo al ministro della Giustizia, Angelino Alfano, che ha definito politico lo sciopero annunciato dai magistrati.


Manovra/ Cascini (Anm): Punitiva, tagli del 30% a giovani toghe
"Sciopero ha ragioni molto forti sul piano economico"

Roma, 4 giu. (Apcom) - "Non c'è nulla di politico nello sciopero che i magistrati si accingono a fare". Lo ribadisce il segretario dell'Anm, Giuseppe Cascini, commentando ai microfoni di Sky Tg24 le parole del ministro della Giustizia sulla protesta indetta contro la manovra.

"Lo sciopero - spiega il numero due del sindacato delle toghe - ha ragioni molto forti sul piano economico perché la manovra colpisce la categoria dei magistrati in maniera ingiustamente punitiva.

Ci sono riduzioni di stipendio che arrivano al 30-35% della retribuzione di un magistrato che colpiscono in maniera indiscriminata, soprattutto i più giovani. Vengono bloccate tutte le progressioni di retribuzione e chi guadagna un terzo - calcola Cascini - è costretto a pagare il triplo di contributi".


La Rassegna


Manovra/ Oggi 'parlamentino' Anm decide data sciopero giudici

APCOM - ‎58 minuti fa‎
Roma, 5 giu. (Apcom) - Scontro tra il ministro della Giustizia Angelino Alfano ei giudici sui tagli previsti in manovra. E oggi il parlamentino del sindacato dei magistrati, l'Anm, deciderà la data dello sciopero. Lo scontro tra il ministro della ...

Alfano smaschera le toghe: «Sciopero politico»

il Giornale - ‎8 minuti fa‎
RomaLe toghe incrociano le braccia? Sa tanto di «sciopero politico», dal momento che «il governo chiede ai magistrati un sacrificio» al pari delle «altre componenti del Paese». Sente puzza di bruciato Angelino Alfano, convinto che dietro l'azione di ...

Alfano bacchetta l'Anm: sciopero politico

GD notizie - ‎10 minuti fa‎
Duello tra Angelino Alfano e le toghe che contro la manovra hanno deciso lo sciopero comune di tutte le magistrature, il primo dopo cinque anni. Che il guardasigilli liquida come «politico ». No, «è la risposta a tagli punitivi», ribatte l'Anm. Il ...

Manovra, Alfano ai magistrati: "Sciopero politico"

La Repubblica - ‎17 ore fa‎
Il ministro della Giustizia attacca la scelta dei magistrati: "Chiediamo a loro sacrifici così come al resto del Paese. Ma mi batterò contro i tagli agli stipendi delle giovani toghe". Stato d'agitazione anche tra medici e veterinari: annunciate due ...

Anm: sciopero per tagli punitivi, no politico

ANSA - ‎16 ore fa‎
ROMA - "Nessuno sciopero politico, ma la risposta a tagli che riteniamo punitivi". Così l'Associazione nazionale magistrati, per bocca del suo presidente Luca Palamara, replica alle parole del ministro della Giustizia Angelino Alfano. ...

MANOVRA, ALFANO CONTRO ANM: "È SCIOPERO POLITICO"

Leggo Online - ‎5 ore fa‎
Il ministro della Giustizia critica la decisione dei magistrati di incrociare le braccia contro la manovra economica del governo: il loro, accusa, «è uno sciopero politico». Un'etichetta che le toghe respingono con nettezza: «è la risposta a tagli che ...

Manovra/ Anm ad Alfano: Sciopero toghe ha ben poco di politico

APCOM - ‎14 ore fa‎
Roma, 4 giu. (Apcom) - L'Associazione nazionale magistrati respinge al mittente l'accusa di aver promosso uno sciopero 'politico' contro la manovra, lanciata dal ministro della Giustizia Angelino Alfano. "C'è ben poco di politico in questo sciopero", ...

PUNTO 1 - Manovra, magistrati proclamano lo sciopero

Reuters Italia - ‎03/giu/2010‎
ROMA 3 giugno (Reuters) - I magistrati italiani hanno proclamato oggi lo sciopero contro la manovra economica da circa 25 miliardi di euro varata dal governo. Lo dicono due note, una del Comitato che raggruppa tutte le magistrature, e un'altra dell'Anm ...

Manovra, Palamara (Anm): magistrati non vogliono essere puniti

Reuters Italia - ‎18 ore fa‎
ROMA (Reuters) - L'Associazione Nazionale Magistrati si dichiara disposta a sacrifici, ma considera la manovra varata dal governo iniqua per gli effetti che produce sul pubblico impiego e sui magistrati. Lo ha detto oggi Luca Palamara, ...

Alfano critico con l'Anm: "Quello dei magistrati è uno sciopero ...

Italiainformazioni - ‎11 ore fa‎
"Uno sciopero politico". Cosiìil ministro della Giustizia, Angelino Alfano, ha definito l'iniziativa decisa dall'Associazione nazionale magistrati contro i tagli previsti dalla manovra del governo. Parole che hanno inasprito i rapporti già tesi tra ...

Manovra, Alfano contro i magistrati: «Sciopero politico»

(ami) Agenzia Multimediale Italiana - ‎11 ore fa‎
L'Anm ha proclamato ieri lo sciopero dei magistrati. Sebbene date e modalità dell'agitazione siano ancora da stabilire il ministro della Giustizia Angelino Alfano ha espresso pubblicamente le sue critiche. Per il Guardasigilli lo sciopero è politico ...

POL - Orenove/5. La Manovra arriva in Senato, toghe in sciopero

Il Velino - ‎22 ore fa‎
Roma, 4 giu (Il Velino) - Scrive LA REPUBBLICA: “Toghe in sciopero contro la manovra del governo Berlusconi. Un fronte comune che va dalla magistratura or-dinaria a quella amministrativa, dalla Corte dei Conti al Consiglio di Stato, ...

I giudici annunciano lo sciopero anti-manovra: mina indipendenza

APCOM - ‎03/giu/2010‎
Roma, 4 giu. (Apcom) - La manovra del governo "incide unicamente sul pubblico impiego, senza colpire gli evasori fiscali (già beneficiati da numerosi condoni), i patrimoni illeciti, le grandi rendite e le ricchezze del settore privato"; ...

Il Cav. punta sulla ripresa ma le toghe scioperano contro la manovra

L'Occidentale - ‎03/giu/2010‎
Magistrati a braccia conserte per due giorni. L'Anm ha deciso: sciopero contro la manovra varata dal governo Berlusconi e mobilitazione a livello territoriale. Domani l'assemblea del comitato direttivo centrale deciderà il calendario delle proteste. ...

Sciopero dell'Anm, Alfano parte all'attacco

Momento-sera - ‎10 ore fa‎
Il Guardasigilli critica l'iniziativa dei magistrati contro la manovra: «Chiediamo sacrifici come si chiedono ad altri». Le toghe: «Crisi di credibilità nel sistema» alti». Le toghe però non ci stanno e controre- «Lo sciopero è uno sciopero politico ...

I magistrati si oppongono alla mungitura di Stato

Rinascita - ‎15 ore fa‎
Alle toghe non piace essere toccati nel portafoglio. E così nella riunione di oggi l'Anm deciderà sulla giornata di sciopero contro i tagli della manovra che toccano anche i loro stipendi. Per il ministro della giustizia Alfano si tratta di uno ...

Manovra, magistrati in sciopero contro il decreto del governo

L'Occidentale - ‎03/giu/2010‎
L'associazione nazionale dei magistrati ha proclamato lo sciopero e iniziative di mobilitazione contro la manovra economica varata dal governo. Lo annuncia con una nota la giunta esecutiva dell'Anm che “unitamente alle altre magistrature” ha deciso la ...

Uno sciopero contro la manovra

Terra - ‎16 ore fa‎
MAGISTRATURA. L'Associazione nazionale magistrati (Anm) è sul piede di guerra. E non solo per il disegno di legge sulle intercettazioni. L'Associazione nazionale magistrati (Anm) è sul piede di guerra. E non solo per il disegno di legge sulle ...

No alla manovra L'Anm sciopera

Il Denaro - ‎16 ore fa‎
Magistrati sul piede di guerra contro la manovra. Tutte le toghe sciopereranno contro gli effetti del provvedimento varato dal governo, che contiene misure considerate "ingiustamente punitive". Lo ha deciso la giunta dell'Associazione nazionale ...

Manovra/ Palamara: Su data sciopero Anm decide domani

Virgilio - ‎19 ore fa‎
Roma, 4 giu. (Apcom) - L'Associazione nazionale magistrati deciderà domani la data dello sciopero contro la manovra economica. Lo ribadisce il presidente dell'Anm, Luca Palamara, parlando a margine della presentazione del rapporto di Legambiente sulle ...

Manovra: domani l'Anm decide tempi e modi dello sciopero

Adnkronos/IGN - ‎17 ore fa‎
Roma, 4 giu. (Adnkronos) - Alla vigilia della riunione del Comitato direttivo centrale dell'Anm, dove verranno fissati i tempi e le modalita' dello sciopero indetto dal sindacato delle toghe contro la manovra economica del Governo, le tensioni non si ...

Manovra: Palamara (Anm), in sciopero c'e' ben poco di politico

Libero-News.it - ‎18 ore fa‎
Roma, 4 giu. - (Adnkronos) - ''C'e' ben poco di politico: il sistema giudiziario versa in una grave crisi di credibilita' e questa situazione Alfano la conosce molto bene, poiche' e' proprio la Costituzione che questo compito assegna al ministro''. ...

Alfano ai magistrati in protesta: si tratta solo di scioperi politici

NotiziarioItaliano.IT - ‎16 ore fa‎
LUSSEMBURGO - Prosegue il braccio di ferro tra i magistrati ed il Governo, soprattutto dopo la manovra Tremonti che ha tagliato gli stipendi dei togati. L'Associazione Nazionale Magistrati è già pronta a scendere in piazza per protestare, decisione che ...

Manovra/ Pd ad Alfano: Politici perche' punitivi tagli a giustizia

Virgilio - ‎8 ore fa‎
Roma, 4 giu. (Apcom) - Non è 'politico' lo sciopero dei magistrati, "politici perchè punitivi" sono semmai i tagli alla giustizia previsti dalla manovra del governo. Lo sostiene il responsabile Giustizia del Pd, Andrea Orlando, replicando alle parole ...

Scontro Alfano-Anm sui tagli

Giornale Radio Rai - ‎13 ore fa‎
La manovra correttiva. E' scontro tra il guardasigilli Alfano ei magistrati che hanno indetto la mobilitazione e pensano anche ad azioni giudiziarie contro i tagli alle retribuzioni. Per Alfano, quello proclamato dalle toghe è politico e, promette, ...

MANOVRA: ANM, C'E' BEN POCO DI POLITICO IN QUESTO SCIOPERO

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎18 ore fa‎
(AGI) - Roma, 4 giu. - "C'e' ben poco di politico in questo sciopero". Cosi' il presidente dell'Anm, Luca Palamara, risponde a strettissimo giro di posta alle affermazioni del guardasigilli che aveva parlato di uno sciopero politico da parte dei ...

L'Anm sul piede di guerra

il Giornale - ‎03/giu/2010‎
RomaUna manovra «ingiusta e punitiva», che taglia gli stipendi mirando a «un'ulteriore destrutturazione» della giustizia. Si sentono vittime, i magistrati di ogni ordine e grado, «pizzicati» dalle misure di Tremonti direttamente nel portafogli. ...

Contro la manovra del Governo magistrati in sciopero

Giornale Radio Rai - ‎03/giu/2010‎
Contro la manovra economica varata dal Governo tutte le magistrature hanno deciso di fare fronte comune e risponderanno con lo sciopero a quelli che definiscono "tagli iniqui" alle loro retribuzioni. La protesta sarà stabilita secondo modalità e tempi ...

MANOVRA, ANM E COMITATO INTERMAGISTRATURE PROCLAMANO STATO AGITAZIONE

La Repubblica - ‎03/giu/2010‎
La giunta esecutiva centrale dell'Anm proclama, unitamente alle altre magistrature, lo sciopero contro gli effetti della manovra economica varata dal Governo e delibera l'organizzazione di giornate di mobilitazione e di protesta con sospensione delle ...

MANOVRA: PALAMARA, DOMANI DECIDIAMO DATA DELLO SCIOPERO

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎18 ore fa‎
(AGI) - Roma, 4 giu. - L'Associazione Nazionale Magistrati si riunira' domani per decidere la data dello sciopero contro la manovra economica. Lo ha annunciato il presidente dell'Anm, Luca Palamara, a margine della presentazione del rapporto sulle ...

Intercettazioni: Anm, c'è rischio blocco tribunali

RassegnaOnline - ‎12 ore fa‎
"L'attribuzione al tribunale collegiale della decisione sull'autorizzazione alle intercettazioni rischia di bloccare definitivamente la possibilità di ...

Intercettazioni/ Anm: Passi avanti su durata, ma aspettiamo testi

Virgilio - ‎13 ore fa‎
Roma, 4 giu. (Apcom) - Qualche "passo avanti" è stato compiuto con le modifiche annunciate al ddl intercettazioni, ma "aspettiamo di vedere i testi che ...

Manovra/ Cascini (Anm): Punitiva, tagli del 30% a giovani toghe

Virgilio - ‎13 ore fa‎
Roma, 4 giu. (Apcom) - "Non c'è nulla di politico nello sciopero che i magistrati si accingono a fare". Lo ribadisce il segretario dell'Anm, ...

No allo sciopero dei magistrati per gli aumenti automatici

Chicago-Blog - ‎13 ore fa‎
Questa opinione è solo mia personale, e non impegna alcun altro di coloro che scrivono per Chicago-blog. Sono assolutamente senza parole, di fronte allo ...

Alfano contro lo sciopero dei magistrati: "Decisione politica ...

Adnkronos/IGN - ‎16 ore fa‎
Roma - (Adnkronos/Aki/Ign) - Il ministro della Giustizia critica la decisione dell'Anm che protesta per i tagli della manovra a stipendi e giustizia. ...

Magistrati in sciopero contro la manovra economica

Newnotizie - ‎03/giu/2010‎
Roma, 03 giugno 2010. Dopo le dichiarazioni dei giorni scorsi, la Giunta esecutiva dell'Anm ha indetto giornate di scioperi e sospensioni delle attività di supplenza per protestare contro i tagli previsti dalla manovra economica. ...

Alfano: lo sciopero dei magistrati è una protesta politica

4minuti.it - ‎18 ore fa‎
ROMA (4 giugno 2010) - Il ministro della Giustizia Angiolino Alfano replica oggi alla decisione della magistratura di incrociare le braccia contro la manovra economica operata dal governo. Dal Lussemburgo, dove è impegnato per il Consiglio di giustizia ...

MANOVRA: PALAMARA(ANM) AD ALFANO, IN SCIOPERO BEN POCO DI POLITICO

Agenzia di Stampa Asca - ‎18 ore fa‎
(ASCA) - Roma, 4 giu - ''C'e' ben poco di politico in questo sciopero''. Con queste parole Luca Palamara, presidente dell'Associazione nazionale magistrati, ha risposto alle dichiarazioni del ministro della Giustizia, Angelino Alfano, che ha giudicato ...

MANOVRA: DONADI, ALFANO E' MINISTRO 'CONTRO' LA GIUSTIZIA

Agenzia di Stampa Asca - ‎18 ore fa‎
(ASCA) - Roma, 4 giu - ''L'Anm che fa uno sciopero politico? Parole molto gravi quelle del ministro''. E' il commento del capogruppo Idv alla Camera, Massimo Donadi. ''Angelino Alfano si conferma ancora una volta ministro contro la Giustizia e le sue ...

MANOVRA: PALAMARA (ANM), DOMANI SI DECIDE DATA SCIOPERO

Agenzia di Stampa Asca - ‎19 ore fa‎
(ASCA) - Roma, 4 giu - ''Domani decidiamo la data dello sciopero''. Lo ha annunciato il presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati, Luca Palamara, entrando alla presentazione del rapporto di Legambiente ''ecomafia 2010'', riferendosi allo ...

Manovra: palamara (anm), domani decideremo data sciopero

Ultime Notizie - ‎18 ore fa‎
Roma, 4 giu. (Adnkronos) – “Domani decideremo la data dello sciopero”. Lo ha detto il presidente dell'Anm, Luca Palamara, a margine della presentazione del Rapporto ecomafia di Legambiente, parlando della manovra.”I magistrati -ha sottolineato ...

MANOVRA: ALFANO, DA MAGISTRATI SCIOPERO POLITICO

Virgilio - ‎18 ore fa‎
(ASCA) - Roma, 4 giu - Quello dei magistrati contro la manovra ''e' uno sciopero politico''. L'affermazione e' del guardasigilli, Angelino Alfano, intervistato dal Tg1. ''Il governo chiede ai magistrati un sacrificio cosi' come lo chiede alle altre ...

MANOVRA: ANM, CONTRO DI NOI INTENTI PUNITIVI

IRIS Press - Agenzia stampa nazionale - ‎16 ore fa‎
(IRIS) - ROMA, 4 GIU - "Vedendo la manovra sicuramente emergono degli aspetti che ci portano a ritenere che sia mossa da intenti punitivi". Luca Palamara, presidente dell'Anm, replica così al Guardasigilli Alfano sulla natura dello sciopero della ...

Alfano contro la mobilitazione dei magistrati: “E' uno sciopero ...

DirettaNews.it (Blog) - ‎16 ore fa‎
Il ministro della Giustizia Angelino Alfano punta il dito contro la mobilitazione indetta dai magistrati contro i tagli della manovra finanziaria ma, allo stesso tempo, si dichiara vicino ai più giovani esponenti della categoria. ...

Alfano: "Sciopero dei magistrati è un'iniziativa politica"

Corrispondenti.net - ‎17 ore fa‎
“Lo sciopero dei magistrati è uno sciopero politico, il Governo chiede ai magistrati un sacrificio così come lo chiede alle altre componenti del Paese” E' quanto ha affermato il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, all'indomani della ...

Alfano contro i magistrati: “Sciopero politico”

NanoPress (Blog) - ‎15 ore fa‎
Angelino Alfano critica lo sciopero globale della magistratura annunciato ieri contro la manovra economica del governo, definendolo “politico”. Il ministro della giustizia precisa così la posizione dell'esecutivo: “Chiediamo a loro sacrifici come al ...

Manovra. Epifani: “Scontenta tutti”. Scioperi a raffica. Botta e ...

Dazebao l'informazione on line - ‎12 ore fa‎
ROMA – Una cosa è certa el'ha detta il segretario della Cgil, Guglielmo Epifani: questa manovra “scontenta tutti”. Lo stato di agitazione vissuto nella settimana che volge al termine è, infatti, soltanto l'antipasto di una mobilitazione generale che ...

INTERCETTAZIONI:ALFANO, SCIOPERO MAGISTRATI E' POLITICO

Stato-oggi - ‎18 ore fa‎
(AGI) - Lussemburgo, 4 giu - “Lo sciopero dei magistrati e' uno sciopero politico, ma comunque io mi battero' e mi impegnero a fianco dei giovani magistrati perche' su questo aspetto si chiede un costo individuale troppo alto”. ...

Sciopero dei magistrati contro la manovra finanziaria 2010 e ...

Job Fanpage (Blog) - ‎14 ore fa‎
Il ministro della giustizia Angelino Alfano critica lo sciopero dell'Anm previsto il 7 Giugno, giudicandolo uno sciopero politico. Secondo il guardasigilli Angelino Alfano lo sciopero dei magistrati indetto per Lunedì 7 Giugno è una manifestazione ...

L'Associazione Nazionale Magistrati è contro la manovra economica

InfoOggi (Blog) - ‎21 ore fa‎
ROMA- L'Associazione Nazionale Magistrati manifesta tutto il suo dissenso per la manovra economica varata dal Governo e indice uno sciopero per i tagli allo stipendio. Il giorno dello sciopero verrà deciso durante una riunione sindacale che si terrà ...

Manovra economica: sciopero globale dei magistrati

NanoPress (Blog) - ‎03/giu/2010‎
Le toghe incroceranno le braccia per protestare contro i tagli decisi dal governo e contenuti nella manovra economica da 24 miliardi varata pochi giorni fa. Lo stop ai lavori è stato deciso dal Comitato intermagistrature che ha varato l'astensione dal ...

Manovra 2011-2012: magistrati proclamano sciopero

Corrispondenti.net - ‎03/giu/2010‎
Le toghe italiane manifesteranno contro le misure ritenute “ingiustamente punitive” contenute nella Manovra 2011-2012 varata dal Governo. Lo ha stabilito la giunta esecutiva dell'Associazione Nazionale Magistrati (ANM) riunita oggi a Roma. ...

Manovra: Alfano, sciopero Anm e'politico

euronews - ‎18 ore fa‎
(ANSA) – LUSSEMBURGO, 4 GIU – 'Lo sciopero dei magistrati e'uno sciopero politico' stigmatizza il ministro della giustiziaAngelino Alfano.'Il governo – aggiunge – chiede ai magistrati unsacrificio cosi' come lo chiede alle altre componenti del Paese. ...

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 05/06/2010 @ 07:53:58, in Magistratura, linkato 1484 volte)
Le dichiarazioni rilasciate da membri del Consiglio Superiore della Magistratura sullo sciopero...

MANOVRA: FERRI (MAGISTRATURA INDIPENDENTE), NON CI PIACE

 

(ASCA) - Firenze, 4 giu - ''La manovra non ci piace''. E' netto il giudizio di Cosimo Maria Ferri, membro del Csm di Magistratura Indipendente, commentando la parte relativa all'amministrazione della Giustizia contenuta nella manovra economica del governo.

Ferri respinge l'accusa rivolta a Magistratura Indipendente di essere ''filo governativa'' e ricorda che ''su tutti gli aspetti sindacali e sull'aspetto economico, sulle condizioni di lavoro e sui carichi di lavoro'' MI ha chiesto all'Anm ''di prendere una posizione chiara''.

''Solo oggi - precisa Ferri - l'Associazione ci e' arrivata e ora siamo pronti a lavorare insieme su un tema caro a tutti: dalla retribuzione dipende anche l'indipendenza economica dei magistrati che e' parte fondamentale per l'indipendenza della magistratura''. E oggi, conclude, che l'Anm ''torna a fare sindacato dopo tanti anni'' e' ora che ''faccia autocritica e riparta con un segnale diverso nell'interesse di tutti i magistrati''.  afe/mcc/lv


MANOVRA: PATRONO (CSM), SI' A SACRIFICI
MA QUELLI CHIESTI IRRAGIONEVOLI
 

(ASCA) - Firenze, 4 giu - ''Faremo sacrifici ma devono essere sacrifici ragionevoli e quelli chiesti con la manovra non lo sono''. Lo ha detto Antonio Patrono, membro del Csm, a margine di un convegno organizzato da Magistratura Indipendente a Firenze.

Tutti i magistrati, ha detto Patrono, sono ''consapevoli della difficolta' del momento, ma quando si chiedono sacrifici ci devono essere due condizioni: bisogna parlarne e bisogna essere ragionevoli. In questo caso non si e' verificata ne' l'una ne' l'altra condizione''.

Il magistrato ha concluso assicurando che se nella manovra ''non dovesse cambiare nulla siamo pronti a forme di protesta anche con iniziative tali che siano capaci di fugare sospetti e accuse strumentali che vengono fatte nei confronti dei magistrati che non voglio fare alcun sacrificio''. afe/mcc/lv


Manovra: Berruti su sciopero Anm,
no comment Csm non e' sindacato


Roma, 4 giu. - (Adnkronos) - Lo sciopero dell'Anm contro la manovra economica del governo? "Non commento, il Csm non e' un sindacato".

Queste le parole all'ADNKRONOS del togato di Unicost Giuseppe Maria Berruti, sullo sciopero indetto dall'Associazione nazionale magistrati, di cui domani verranno fissati modi e tempi.

Una protesta decisa ieri dalla giunta del sindacato delle toghe che domani verra' portata di fronte al comitato direttivo centrale dell'associazione.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 04/06/2010 @ 17:48:00, in Magistratura, linkato 1563 volte)
Riporto un interessante articolo di Elisa Ceccarelli, tratto da Diritto e Giustizia per la Giuffrè Editore ri-edito da La Stampa.
In merito alla stessa sentenza colgo l'occasione per ringraziare l'Editore di IusOnDemand, che mi cita sul sito Ricerca Giuridica.IT come fonte web al testo originale della Sentenza. Il mio ringraziamento è sincero, tanto quanto è motivata la prestigiosa citazione.
Io sono, infatti, il caso di stalking più conosciuto nel mondo giuridico  del web e sto sintetizzando, sulla mia persona e su tutta la mia vita da 22 mesi, un reato di stalking in associazione per delinquere ad opera di 3 società commerciali che, come ritorsione a ben 2 reati di peculato ai danni dello Stato (una Università e un Tribunale), hanno dato vita ad una campagna di neuromarketing toccando ben oltre 3000 contatti utente diretti (Facebook, SessoChannel e cloni di siti pornografici stesso registrante,  Tiscali Spa, più aggregator e altre piattaforme fotografiche o per blog). Per i numeri della utenza passiva basta googlare le parole "Loredana Morandi" e leggere i rei dei reati. L.M.


28/05/2010 -

La molestia reiterata nel reato di "stalking"

Elisa Ceccarelli

L’art. 612 bis cod. pen. punisce colui il quale “con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita”.
La norma, rubricata “atti persecutori”, è stata introdotta con Legge 23 aprile 2009 n. 38, la quale punisce la minaccia o molestia reiterate che siano idonee a cagionare un perdurante stato di ansia o un fondato timore per l’incolumità propria oppure ancora che producano l’effetto di alterare le abitudini di vita della vittima.
Ad un anno dalla sua introduzione il c.d. stalking viene portato all’attenzione della Suprema Corte (la quale ha deciso con sentenza n. 11945, depositata il 26 marzo 2010) per effetto di un ricorso che censurava la mancanza di una compiuta analisi da parte del g.i.p. della sussistenza di tutti i requisiti necessari all’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari.
Questo assunto deriverebbe, in primo luogo, non solo dall’indagine sull’elemento psicologico e, al contempo, dalla mancanza dell’elemento della reiterazione trattandosi di “poche espressioni”.
Una giovane, in attesa quotidiana dell’autobus in direzione della scuola, veniva avvicinata da un uomo per più giorni, il quale le rivolgeva apprezzamenti di vario tipo e la invitava a salire sul suo furgone. L’individuo si era spinto sino al punto di recarsi alla scuola della ragazzina e, rimanendo dinanzi all’istituto, le rivolgeva sguardi minacciosi.
La giovane, fortemente spaventata, aveva riferito l’accaduto ai genitori, chiedendo loro, inoltre, il permesso di non recarsi più a scuola, tale era il turbamento ed il timore per la propria incolumità fisica.
Secondo la Cassazione nell’ordinanza del g.i.p. tutti gli elementi costitutivi della fattispecie sarebbero ben motivati in primis la reiterazione delle molestie, protrattasi per lungo tempo con “cadenza anche quotidiana” la quale avrebbe ingenerato nella vittima il perdurante stato di timore per la propria incolumità.
Il comportamento posto in essere dall’imputato non può che essere qualificato come molesto o comunque persecutorio cioè “foriero di alterazione della serenità e dell’equilibrio della minore, in quanto diretti a forzare la sua attenzione e a stringere con lei un rapporto, percepito evidentemente come anomalo e pericoloso per la destinataria”.
Per quanto riguarda, poi, gli effetti che tale rapporto sui generis ha prodotto sulla vittima per la Suprema Corte è sufficiente la stessa richiesta, ai genitori, di essere esonerata dall’obbligo scolastico come se non vi potesse essere altro modo che evitare la scuola per uscire da quella situazione.
A tutto ciò si aggiunge come rilevante a fondare il giudizio sull’esistenza dei gravi indizi di colpevolezza la gravità di un comportamento tenuto dall’imputato nei confronti di un’altra minore ed all’inidoneità di altra misura cautelare a far fronte alle esigenze di prevenzione speciale di così alto spessore.
La Cassazione decide così per l’infondatezza del ricorso e condanna l’indagato-presunto stalker al pagamento delle spese processuali ed all’ammenda di mille euro.

da "Diritto & Giustizia" - Giuffrè Editore per La Stampa
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










19/08/2019 @ 18.03.02
script eseguito in 500 ms