Immagine
 la Legge Naturale ... Cesare Ripa ...... di Admin
 
"
Non ci sono dubbi che la deprivazione prolungata di cure subita da un bambino può avere effetti gravi e prolungati sul suo carattere e in tal modo su tutta la vita futura. I bambini deprivati delle cure sopratutto materne, specialmente se cresciuti in istituzioni da un’età inferiore ai sette anni, possono essere colpiti nel loro sviluppo fisico, intellettuale, emozionale e sociale; inoltre un bambino emotivamente deprivato genera un circolo vizioso che si autoperpetua generando un genitore trascurante di domani.

John Bowlby, psicoanalista inglese
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Il giudice al faccendiere: "E in pensione che faccio?"

Nella rete di Lombardi anche
l'ex presidente di Cassazione, Carbone

di Valentina Errante e Cristiana Mangani
Il Messaggero 10 luglio 2007 pag 11

ROMA - "Io sto al 90 per cento. Se ci mette il suo 10 abbiamo vinto". Pasquale Lombardi, da Montesarchi, magistrato tributario, con titolo di studiio da geometra, ripete questa frase di continuo, ogni volta che il gruppo di aspiranti piduisti mette in moto la sua "rete" di conoscenze e amicizie a livello politico e istituzionale. Ha un modo di parlare pittoresco, Lombardi.A volte, esagera anche con le chiacchiere al cellulare. Tant'è che Flavio Carboni e Arcangelo Martino, gli altri due arrestati per l'inchiesta sull'eolico, lo invitano alla cautela. E il geometra, invece, continua: chama chiunque possa tornargli utile, anche chi risulta dalle indagini palesemente fuori dal gioco. Alle parole, però, spesso seguono i fatti. E così Lombardi si trova a tu per tu con alcuni componenti del Csm, con membri della Corte costituzionale, con i politici Denis Verdini, capogruppo del Pdl, con l'onorevole Nicola Cosentino, con il sottosegretario alla Giustizia Giacomo Caliendo. Nel periodo in cui si sta per votare la nomina del presidente della Corte di appello di Milano manifesta l'interesse del gruppo per Alfonso Marra, e lo fa ottenendo anche un incontro a Palazzo Marescialli con il vicepresidente Nicola Mancino per il giorno 24 novembre del 2009. "Mi ha convocato Nicola - riferisce a Caliendo - e io gli parlerò di quella cosa di Milano". A conclusione dell'incontro informa dell'esito Martino, vantandosi dell'importanza del suo intervento: "Dicitangill pure a chill amic tui su a Milan". Con l'onorevole Caliendo mostrerà meno sicurezza. "Infatti - scrive il gip Giovanni De Donato - riferisce che il vicepresidente prima di decidere, desidera leggere "la relazione". Ma io voglio vedere - aggiunge - come fanno la relazione, chi e come, se fanno bene. E' Riviezzo (togato del Csm, ndr) chela fa".
E con il presidente della Corte di cassazione Vincenzo Carbone che sembra avere il rapporto più amichevole. A lui chiede di intervenire per fissare prima possibile l'udienza del ricorso presentato dall'onorevole Lionello Cosentino per tentare di rendere nulla l'ordinanza di custodia cautelare emessa nei suoi confronti. In una conversazione intercettata tra i due, Carbone dice: "Senti, ti voglio chiedere una sola cosa, però, io che faccio dopo che me ne vado in pensione?" E lui: "Non ti preoccupare, ne sto parlando con l'amico mio di Milano".
L'accusa delinea una rete in grado di estendersi in ogni posto: dalla Corte costituzionale - in vista della decisione sul Lodo Alfano del 6 ottobre scorso - alla Corte di Cassazione.
Tante pressioni esercitate, a partire da quella per ottenere la nomina di Alfonso Marra che, appena insediatosi, si trova ad affrontare il ricorso di Roberto Formigoni, la cui lista era stata esclusa dalla competizione elettorale in Lombardia. Le pressioni, comunque, risultano spesso infruttuose. Sia per Formigoni che per il Lodo Alfano.
Emergono incontri e contatti finalizzati alle decisioni da prendere nell'abitazione romana di Denis Verdini. In almeno cinque occasioni, l''importante esponente di Governo riceve a Palacco Pecci Blunt, oltre a Carboni, Lombardi e Martino, il governatore della Sardegna Ugo Cappellacci, il senatore Marcello Dell'Utri e il sottosegretario Giacomo Caliendo, ex presidente dell'Anm.
Lombardi tenta di esercitare pressioni persino sull'ex presidente della Consulta, Cesare Mirabelli, per fare la conta tra chi è a favore e chi contro il Lodo Alfano. Mirabelli è in evidente imbarazzo e respinge le richieste del geometra, sebbene con garbo, In realtà, dietro al giudizio sul Lodo, si nasconde un obiettivo preciso per i tre neopiduisti, legato alla candidatura dell'onorevole Nicola Cosentino alla presidenza della Regione Campania. L'ordine di arresto per l'esponente politico blocca la sua carriera. Entra in campo Stefano Caldoro, che poi verrà eletto. Il gruppo tenta di screditarlo e fa circolare un dossier su presunti incontri con trans che viene rilanciato su un sito web campano. Caldoro querela e l'elezione va avanti.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
BERRUTI: "UN GIUDICE NON PUO'
ANDARE A CENA CON UN FACCENDIERE".


Source : LA STAMPA

Berruti: "Un giudice non può andare a cena con un Intervista ROMA Mi permetta uno snobismo intellettuale. Io penso che i magistrati debbano andare a cena con i loro pari. A cena con un faccendiere non ci si va». Giuseppe Maria Berruti, consigliere uscente del Csm, voce autorevolissima di Unicost, era un nemico di chi cercava di pilotare in un certo modo le nomine dei capi degli uffici giudiziari. E non è un modo di dire. «Quel Berruti, Giacomino (intendendo Giacomo Caliendo, sottosegretario alla Giustizia, ndr) se lo deve scannare!», grida inferocito al telefono uno degli arrestati perché Berruti si era messo di traverso, rompendo il fronte della sua corrente.

Già, ma il fatto è che Berruti li conosceva bene. Tutto sembra ruotare attorno alla nomina di Alfonso Marra a capo della corte d'appello di Milano. «Marra non era votabile e lo dissi subito». Sembra di capire che lei fosse la loro bestia nera. «Guardi, il legislatore di destra ha fatto un'ottima riforma nel decidere che i capi degli uffici sono a termine. Che dopo otto anni si fa spazio a un altro. Ciò comporta, nel Csm, che non si valuta più la mera anzianità, ma le capacità. E questa è stata una rivoluzione dentro la magistratura, anche se mette a rischio più di prima l'imparzialità nella decisione. Qui, in questa discrezionalità delle scelte, s'inserisce il gioco delle correnti, ma come si vede, in questa storia, le correnti c'entrano poco... Piuttosto c'entrano la politica e influenze improprie come s'è visto. Comunque, tutti al Csm possiamo fare una valutazione sbagliata. Altro è decidere senza autonomia, influenzati dall'esterno, o addirittura fortemente sospinti». Vogliamo parlare di Antonio Martene, presente all'incontro a casa Verdini? «Aveva fatto domanda per fare il procuratore generale di Cassazione».

Un potere immenso: titolare dell'azione disciplinare su tutti i giudici. «Dissi no. Vedevo troppa ambizione a fronte di candidati con maggiori titoli. E così emerse la candidatura di Vitaliano Esposito». Nessun sospetto? «Non immaginavo... Sapevo che Martone era buon amico di Giacomo Caliendo, ma di tutto ciò che è emerso non potevo immaginare». Di Caliendo ricordiamo la storiaccia del passaporto restituito a Calvi, no? «All'epoca Caliendo era consigliere del Csm; io pensai a un'ingenuità. Ora non so, di ciò che emerge dalle intercettazioni, che cosa dire». Dietro le quinte Pasquale Lombardi, presunto giudice. Lo conosce? «Sì, è delle mie parti, ma non gli ho mai dato udienza. Quando lo vidi all'inaugurazione dell'Anno giudiziario in Cassazione rimasi di stucco. Come le ho detto, io la penso così: i giudici non s'accompagnano ai faccendieri. E il signor Lombardi me lo ricordo bene quando militava nella sinistra di Base e seguiva importanti parlamentari irpini». Immagino Poppino Gargani. «Può essere. Ma solo parlare di questa persona la dice lunga su quanto sia scesa in basso la Repubblica». Lombardi aveva confidenza persino con il presidente della Cassazione, Carbone. «S'è giocato probabilmente con l'ingenuità di Carbone prossimo alla pensione. E' incredibile vedere come persone di grande intelligenza non riescano a essere brusche e brutali con coloro i quali le avvicinano in maniera impropria. E questo mi immalinconisce molto». Conclusioni? «Esiste chiaramente una questione morale dentro la magistratura. Io conosco bene la retorica sui giudici che lavorano sodo e in silenzio. Vero. Ma diciamo anche che conosco anche molta gente che non fa il proprio dovere e che fa fìnta di non vedere. In quattro anni di Csm ne abbiamo incontrati molti e costretti in tanti alle dimissioni».

(FRA. GRI.I)  Data Rassegna12/07/10 08.56
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Eolico, indagati Dell'Utri e Cosentino
Carboni mirava ai magistrati del G8

Martone lascia la magistratura: «Mai subito condizionamenti»

ROMA - Gli arrestati dalla Procura di Roma, nell’ambito dell’inchiesta stralcio sugli appalti per l’eolico, l’imprenditore Flavio Carboni, l’ex esponente della Dc campana, Pasquale Lombardi e l’imprenditore napoletano, Arcangelo Martino, intendevano avvicinare anche i magistrati di Firenze che indagavano sul G8 e sugli altri eventi affidati alla Protezione civile. Il dato emerge dall’ordinanza dei provvedimenti di custodia cautelare emessa dalla procura capitolina. Anche il senatore del Pdl Marcello Dell’Utri e il sottosegretario all’economia Nicola Cosentino sono indagati a Roma nell’ambito dell’inchiesta sulla cosidetta P3 nata da uno stralcio dell’indagine degli appalti sull’eolico in Sardegna. Dell’Utri e Cosentino sono accusati di associazione a delinquere e violazione della legge Anselmi sulla costituzione delle associazioni segrete.

Cosentino è indagato per l’episodio della candidatura sostenuta dal gruppo di Carboni alla presidenza della regione Campania e per la diffamazione ai danni del governatore della Campania, Stefano Caldoro. Tra gli episodi contestati anche le pressioni alla corte di Cassazione per anticipare l’udienza sulla discussione in merito alla misura cautelare emessa nei confronti di Cosentino dalla procura di Napoli. Pressioni esercitate per conto della presunta associazione segreta da Lombardi nel tentativo di salvare la candidatura di Cosentino alla presidenza della regione Campania. A Dell’Ultri è contestata, tra l’altro, la partecipazione alla cena a casa del coordinatore del Pdl, Denis Verdini, a Roma nel settembre dello scorso anno. Incontro a cui presero parte, oltre al gruppo Carboni, il sottosegretario Giacomo Caliendo, il magistrato, Antonio Martone, il capo degli ispettori del Ministero della Giustizia, Arcibaldo Miller. Le posizioni di questi ultimi sono ora al vaglio degli inquirenti romani. Il nome di Dell’Ultri compare anche tra coloro che avrebbero preso parte a riunioni, svolte a Roma e in Sardegna nel dicembre scorso, con Carboni, Verdini e il presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci, per gli appalti sull’energia alternativa.

L'articolo prosegue su La Stampa


Intanto Martone spiega la sua decisione di lasciare la magistratura. «Mai nessun condizionamento nè ideologico nè tanto meno politico». L’ex avvocato generale della Cassazione, in una lettera aperta indirizzata al presidente dell’Anm Luca Palamara, nega tutte le accuse scritte dalla stampa su di lui in questi giorni e spiega i motivi che lo hanno spinto a decidere di lasciare la magistratura dopo l’inchiesta sugli appalti per l’eolico in Sardegna. Martone dice di lasciare la toga per il «desiderio di poter agire a difesa della mia onorabilità, in piena libertà e senza condizionamenti derivanti dallo status di magistrato di fronte a coloro che si sono rivelati goffi millantatori e che hanno utilizzato il mio nome per cercare di avallare i loro disegni». L’ex avvocato generale della Suprema Corte ribadisce con forza di non aver mai «fatto pressioni sui giudici della Corte Costituzionale: sono completamente estraneo -spiega- a tutti gli episodi che i giornali hanno tratto dall’ordinanza del gip».

Nella lettera a Palamara, Martone non nasconde la sua amarezza, oltre che la sua delusione perchè, fa notare, «da un magistrato mi sarei aspettato, quanto meno il beneficio del dubbio». Martone ricorda di aver «servito l’amministrazione della giustizia ininterrottamente e per oltre 44 anni, ricchi di soddisfazioni ma anche di sacrifici, rischi e infine, amarezze. Sfido chiunque -prosegue nella lettera- magistrato o avvocato, a indicare un solo concreto provediemnto o atto da me adottato che non si sia ispirato rigorosamente ai principi di indipendenza, imparzialità e terzietà, senza farmi condizionare da ideologie e idee politiche». Considerazione che Martone rivolte anche a «Pino Berruti e Livio Pepino, componenti del Csm che hanno rilasciato dichiarazioni ai giornali di oggi, ma che ben dovrebbero conoscere l’attività che ho svolto presso la Corte di Cassazione per oltre 23 anni». Adesso, aggiunge Martone, «per me è anche giunto il momento della riflessione su quanto in tanti anni ho fatto per la giustizia e per quanto ho vissuto nella magistratura. Oggi che non siamo più colleghi -si rivolge a Palamara- ricorro al "lei" per esprimerle la certezza che il tempo, spero non lungo, saprà essere gentiluomo».
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 12/07/2010 @ 18:02:17, in Magistratura, linkato 1615 volte)
EOLICO: PALAMARA (ANM),
QUADRO DI INQUINAMENTO PREOCCUPANTE
 

(ASCA) - Roma, 12 lug - ''La questione morale e' un tema di fronte al quale vogliamo nettezza e chiarezza delle posizioni. La magistratura che vogliamo non puo' permettersi di avere al suo interno situazioni di opacita' anche quando queste riguardano la nomina di importanti uffici direttivi''.
Cosi' il presidente dell'Anm, Luca Palamara, arrivando al convegno del Csm dedicato alle relazioni internazionali della magistratura italiana, e' tornato sull'inchiesta sull'eolico, che ha portato all'arresto di Flavio Carboni e che vede indagato Denis Verdini, da cui emergerebbe che una nuova loggia massonica avrebbe tentato di influenzare alcune nomine del Csm e il voto della Consulta sul lodo Alfano.
Sulle conseguenze dell'indagine Palamara dice di attendere l'operato degli inquirenti che ''dovranno accertare con tempestivita' e rigore quanto accaduto''.
Il presidente dell'Anm ribadisce poi che l'associazione punta alla costruzione di un modello di magistrato ''ispirato a principi di integrita' e indipendenza'': ''Su questa strada non arretreremo di un millimentro perche' ci giochiamo il futuro dela magistratura. Al di la' del merito queste vicende rappresentano un quadro di inquinamento preoccupante, la scelta della dirigenza dev'essere vincolata al merito e staccata da logiche di appartenenza''. sar/sam/rob


INTERCETTAZIONI: PALAMARA (ANM), LEGGE INACCETTABILE ANCHE SE EMENDATA
 
(ASCA) - Roma, 12 lug - ''Non abbiamo ancora letto gli emendamenti al ddl Alfano di cui si discute e aspettiamo di leggerli. Il nostro giudizio pero' resta negativo sul complesso della legge''. Cosi' il presidente dell'Anm Luca Palamara, a margine di un convegno al Csm, ha commentato le ipotesi di modifica alla legge sulle intercettazioni in discussione alla Camera.  sar/cam/bra


Interrogato martedì dai magistrati il presidente dell'Arpas, Ignazio Farris

Eolico, Anm:
''Tra le toghe 'inquinamento' preoccupante''.
E Martone lascia

Roma - (Adnkronos/Ign) - Il presidente Palamara torna sulle pressioni esercitate sul Csm per favorire la nomina di alcuni magistrati: ''La questione morale deve essere svincolata da logiche di appartenenza". L'ex avvocato generale della Cassazione lascia la magistratura. Caldoro: ''Totale fiducia nei magistrati''. Il segretario generale Cascini: ''No alle toghe vicine a comitati d'affari''. Voci su Verdini indagato: nessun avviso di garanzia ricevuto. I finiani chiedono un passo indietro

Roma, 12 lug. (Adnkronos/Ign) - "Al di la' del merito, queste vicende danno un quadro di inquinamento preoccupante e ripropongono in modo forte il tema della questione morale all'interno della magistratura". Parola di Luca Palamara, presidente dell'Anm, in merito agli sviluppi dell'inchiesta sull'eolico in Sardegna e in particolare sulle pressioni esercitate sul Csm per favorire la nomina di alcuni magistrati.

Intanto Antonio Martone, l'ex avvocato generale della Cassazione, in una lettera aperta indirizzata proprio al presidente dell'Anm, nega tutte le accuse e spiega i motivi che lo hanno spinto a decidere di lasciare la magistratura per il "desiderio di poter agire a difesa della mia onorabilità, in piena libertà e senza condizionamenti derivanti dallo status di magistrato di fronte a coloro che si sono rivelati goffi millantatori e che hanno utilizzato il mio nome per cercare di avallare i loro disegni''.

Sottolineando di attendere gli sviluppi, il leader dell'Anm è tornato a ribadire che "occorre accertare con nettezza e chiarezza quanto accaduto. La magistratura che noi vogliamo - ha precisato Palamara - non puo' permettersi di avere al suo interno situazioni di opacita', soprattutto quando esse riguardano la nomina di importanti uffici direttivi". E ha fatto notare che il tema della questione morale "va di pari passo con quello della scelta dei dirigenti e deve essere svincolata da logiche di appartenenza". Ora che l'indagine e' in corso, conclude Palamara, "bisognera' vedere il coinvolgimento delle persone, accertando con tempestivita' e rigore quanto accaduto, nel rispetto delle regole'' perché ''ci giochiamo il futuro della magistratura".

Di ''fortissima questione morale'' parla anche la togata al Csm Ezia Maccora che si dice ''molto preoccupata". Maccora ricorda poi che di essersi gia' "espressa in plenum all'epoca: i due candidati non erano comparabili e Marra era appena stato nominato a Brescia. Non aveva senso lasciare scoperto quel posto per spostarlo a Milano".

Ma proprio Marra, da parte sua, si dice ''tranquillo e sereno. Non ho mai parlato con nessuno, la mia nomina e' regolare''. Dalle intercettazioni risulterebbe il tentativo di una presunta associazione segreta (accusata di voler condizionare il funzionamento di organi costituzionali) di fare pressioni per la nomina di Marra alla presidenza della Corte d'Appello di Milano. ''Lombardi (geometra ed ex esponente della Dc, ndr) l'ho conosciuto cinque o sei mesi fa - ha spiegato Marra - ma quando e' venuto in tribunale a Milano per parlare con me, l'ho mandato via''. Erano i giorni in cui la corte milanese doveva decidere sull'ammissione della lista di Roberto Formigoni alle elezioni regionali, che poi venne esclusa dalla stessa corte e riammessa dal Tar.

Il presidente ha precisato di non avere ''mai conosciuto Verdini e Carboni l'ho fatto arrestare io, all'epoca del crac del Banco Ambrosiano''. Marra infine ha dichiarato che la sua nomina e' regolare e che lo stesso Nicola Mancino, vicepresidente del Csm, nei giorni scorsi ha spiegato di non avere mai subito pressioni.

Infine, il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro sottolinea di avere ''totale fiducia nella magistratura": "Credo che non sia utile - ha aggiunto - dire una parola in piu' sulla vicenda". E sulle dimissioni dell'assessore Ernesto Sica: "Credo che la cosa importante sia che la gente abbia percezione che stiamo lavorando sulle questioni importanti della regione".


EOLICO: ASSESSORE SICA SI DIMETTE DA GIUNTA CAMPANIA


(ASCA) - Napoli, 12 lug - Una nota ufficiale di Palazzo Santa Lucia e una inviata direttamente dallo staff di Ernesto Sica hanno sancito, nella serata di ieri, l'uscita dall'esecutivo regionale campano dell'ex esponente della Margherita poi passato a Forza Italia e al Pdl. Sica risulta tra gli indagati dell'inchiesta che ha gia' portato agli arresti di Flavio Carboni, Arcangelo Martino e Pasquale Lombardi che, per i magistrati, sono stati gli ''autori'' di un falso dossier con il quale avrebbero voluto stroncare il candidato in pectore alla presidenz della Regione Campania, Stefano Caldoro, invischiandolo in una vicenda simile a quella dell'ex presidente del Lazio, Marrazzo. La nota ufficiale diffusa da Palazzo Santa Lucia riferisce di dimissioni che ''nascono dal pieno rispetto dei ruoli istituzionali'', dimissioni presentate ''per evitare ogni strumentalizzazione che possa indebolire l'azione politica e amministrativa della giunta''. Pochissime righe anche per la nota dello stesso Sica che annuncia per venerdi' prossimo una conferenza stampa.
L'uscita di scena dell'ex assessore campano all'avvocatura (la cui nomina giunse inattesa quando Caldoro rivelo' la composizione dell'esecutivo) non chiudera', certamente, questa storia di un complotto organizzato per colpire il neogovernatore. Ci saranno ulteriori sviluppi di quella che molti considerano una sorta di regolamento di conti all'interno del Pdl campano.  dqu/sam/bra

La Rassegna

Eolico, Anm: ''Tra le toghe 'inquinamento' preoccupante''. E ...

Adnkronos/IGN - ‎39 minuti fa‎
Roma - (Adnkronos/Ign) - Il presidente Palamara torna sulle pressioni esercitate sul Csm per favorire la nomina di alcuni magistrati: ''La questione morale ...

Martone lascia: "Mai fatto pressioni su Consulta"

il Giornale - ‎1 ora fa‎
L'Anm: "Si ripropone in modo forte il tema della questione morale all'interno della magistratura". Ma Martone replica: "Sono estraneo a tutti gli episodi ...

Inchiesta sull'eolico, Palamara chiede chiarezza sulla questione ...

Il Sole 24 Ore - ‎1 ora fa‎
Il presidente dell'Anm, Luca Palamara torna a parlare, a margine di un convegno al Csm, di quanto emerge dall'inchiesta della procura di Roma sull'eolico. ...

Inchiesta eolico: Martone lascia la toga, mai subito condizionamenti

Adnkronos/IGN - ‎1 ora fa‎
Roma, 12 lug. - (Adnkronos) - Mai fatto pressione sui giudici della Corte Costituzionale. Mai nessun condizionamento ne' ideologico ne' tanto meno politico. ...

APPALTI EOLICO: MARTONE, MAI PARTECIPATO A CENA DA VERDINI

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎1 ora fa‎
(AGI) - Roma, 12 lug. - "Non sono un frequentatore di salotti e il 23 settembre del 2009 non ho partecipato ad alcuna cena, come da giorni tento ...

EOLICO: MARTONE, MAI FATTO PRESSIONI SU GIUDICI CONSULTA

Diritto-oggi - ‎1 ora fa‎
(AGI) - Roma, 12 lug. - “Ribadisco con forza che non ho mai fatto pressioni sui giudici della Corte Costituzionale e che sono completamente estraneo a tutti ...

APPALTI: EOLICO, PALAMARA (ANM), PREOCCUPANTE LA QUESTIONE MORALE ...

IRIS Press - Agenzia stampa nazionale - ‎6 ore fa‎
(IRIS) - ROMA, 12 LUG - "Al di la' del merito, queste vicende danno un quadro di inquinamento preoccupante e ripropongono in modo forte il tema della ...

Eolico, Palamara: "Nell'Anm quadro

Il Tempo - ‎6 ore fa‎
L'intervento del presidente dell'Anm sull'inchiesta che coinvolge Denis Verdini e Flavio Carboni. "Bisogna accertare con rigore cosa è accaduto". ...

EOLICO: ANM, SU QUESTIONE MORALE NON ARRETRIAMO

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎6 ore fa‎
(AGI) Roma - "Quello della questione morale e' un tema su cui vogliamo chiarezza e nettezza": a ribadirlo e' l'Anm. "La magistratura che noi vogliamo - dice ...

Eolico/ Anm: Accertare quanto accaduto con rigore e nettezza

Virgilio - ‎6 ore fa‎
Roma, 12 lug. (Apcom) - Il presidente dell'Anm, Luca Palamara, torna a ribadire che su eventuali coinvolgimenti di magistrati nell'inchiesta sull'eolico ...

EOLICO: PALAMARA (ANM), QUADRO DI INQUINAMENTO PREOCCUPANTE

Agenzia di Stampa Asca - ‎7 ore fa‎
(ASCA) - Roma, 12 lug - ''La questione morale e' un tema di fronte al quale vogliamo nettezza e chiarezza delle posizioni. La magistratura che vogliamo non ...

Anm: "No a toghe vicine a comitati d'affari"

La Repubblica - ‎10 ore fa‎
I magistrati: "Allarmante il clima di inquinamento". Duri i finiani. Della Vedova: "Basta dire che è tutto un complotto". Bocchino: "La degenerazione del ...

Anm: “No a toghe vicine a comitati d'affari” E i finiani chiedono ...

KataWeb News - ‎20 ore fa‎
Repubblica.it > Cronaca — EOLICOAnm: "No a toghe vicine a comitati d'affari" E i finiani chiedono le dimissioni di VerdiniI magistrati: "Allarmante il clima ...

Anm,no a toghe vicine comitati affari

euronews - ‎11/lug/2010‎
(ANSA) – ROMA, 11 LUG -'La questione morale non ammette indugi etentennamenti, non vogliamo magistrati contigui a potenti evicini a comitati d'affari'. ...

Anm,no a toghe vicine comitati affari

ANSA.it - ‎11/lug/2010‎
(ANSA) - ROMA, 11 LUG -'La questione morale non ammette indugi e tentennamenti, non vogliamo magistrati contigui a potenti e vicini a comitati d'affari'. ...

EOLICO: ANM, NO TOGHE VICINE A COMITATI D'AFFARI

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎11/lug/2010‎
(AGI) Roma - L'Anm dice no alle toghe vicine ai comitati d'affari e chiede, dopo l'inchiesta sull'eolico, interventi rigorosi. I vertici dell'Anm affermano ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 12/07/2010 @ 18:00:06, in Politica, linkato 1153 volte)
EOLICO: DELL'UTRI E COSENTINO
INDAGATI PER COSTITUZIONE LOGGIA SEGRETA
 


(ASCA) - Roma, 12 lug - La procura di Roma ha iscritto al registro degli indagati anche Marcello Dell'Utri e il sottosegretario Nicola Cosentino nell'ambito dell'inchiesta per gli appalti sull'eolico che ha gia' portato nei giorni scorsi in carcere Flavio Carboni, Pasquale Lomardi e Arcangelo Martino.

I due sarebbero responsabili di associazione per delinquere e violazione della legge Anselmi che vieta la costituzione di logge ''segrete'' (la cosiddetta legge anti P2). sar/cam/ss
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 12/07/2010 @ 17:58:33, in Magistratura, linkato 1186 volte)
EOLICO: BERRUTI (CSM),
FUI OGGETTO DI PRESSIONI PER NOMINE
 

(ASCA) - Roma, 12 lug - ''Fui oggetto di pressioni esterne al consiglio per decidere quella nomina. Ma la mia linea non e' mai cambiata''. Cosi' Giuseppe Maria Berruti, togato uscente del Csm per Unicost, ricostruisce l'episodio della nomina del consigliere Alfonso Marra avvenuta un anno fa e oggetto di intercettazioni nell'inchiesta sugli appalti per l'eolico e sulla costituzione di una nuova loggia massonica segreta.

Secondo le intercettazioni contenute nell'indagine che ha portato all'arresto di Flavio Carboni e del geometra Pasquale Lombardi, la presunta ''loggia'' si occupo' di fare pressioni anche su Berruti perche' apoggiasse Marra e non Rodorf nella nomina a presidente della corte di appello di Milano.

''Non immaginavo il disegno che stava dietro a quelle pressioni ma semplicemente mi ribellavo ad una logica che non concepivo e che osteggiai durante il plenum anche con una dichiarazione scritta''. Piu' in generale, conclude Berruti: ''E' evidente che nella magistratura esiste una questione morale e che ci sono cattive abitudini provenienti dal passato che vanno respinte''. sar/did/ss
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 12/07/2010 @ 17:48:01, in Magistratura, linkato 1789 volte)
11 luglio 2010  INCHIESTA

Pm e giudici «ragazzini»
per la lotta contro la mafia
 

Il procuratore capo di Crotone potrà tirare un sospiro di sollievo. Unico magistrato rimasto a coordinare le indagini, vedrà arrivare cinque nuovi colleghi. Finora non aveva neppure uno dei sei sostituti che formano il suo ufficio. E, di fatto, guidava una procura composta da lui soltanto. Fra poco non sarà più così. Verrà affiancato da cinque «magistrati ragazzini» che il Consiglio superiore della magistratura ha designato per chiudere la falla di Crotone.

Magistrati di prima nomina che hanno vinto l’ultimo concorso e che, dopo un anno e mezzo da tirocinanti, finiranno da aprile nelle «zone calde» del Paese. Perché il «modello» Crotone, dove la giustizia nei territori ad alto tasso di criminalità verrà affidata a giudici al loro esordio, non sarà l’eccezione ma la regola.

Basta scorrere la lista delle sedi dove svolgeranno la loro prima funzione i 293 nuovi magistrati. Un elenco varato dalla terza commissione del Csm (deputata ai trasferimenti) che il plenum ha approvato mercoledì. Ebbene, tre su quattro dei «magistrati ragazzini» sono destinati in procure o tribunali del Mezzogiorno. E più della metà (170 in tutto) finirà fra Calabria e Sicilia. Il Csm le definisce «sedi disagiate». Procuratori e giudici le chiamano «sedi complesse». In pratica sono gli uffici che insistono su territori dove le mafie italiane affondano i loro tentacoli.

Qui debutteranno i «giovani» che lo scorso autunno hanno giurato sulla Costituzione e ad aprile sono stati ricevuti al Quirinale dal Presidente della Repubblica. Zone di frontiera dove gli «anziani» non vanno. L’ultimo bando del Csm per la copertura delle sedi disagiate ha fatto flop. Nonostante gli incentivi economici e di carriera, per oltre il 70 per cento dei posti non ci sono state domande valide: a conti fatti, soltanto 18 magistrati sui 72 previsti si sposteranno, anche se per ora appena 13 sono quelli per i quali il Csm ha disposto il trasferimento d’ufficio. «La <+corsivo>vacatio<+tondo> delle sedi disagiate – afferma Giuseppina Guttadauro, magistrato del tribunale di Firenze e presidente della sezione toscana dell’Associazione nazionale magistrati – è un fatto fisiologico. In tutta Italia mancano circa 1.200 colleghi. E per anni è stato normale che a coprire questi posti andassero i giovani». Ma non con le percentuali di adesso.

Infatti gli attuali magistrati in tirocinio sono al centro della deroga alla legge Mastella del 2007 che vietava incarichi da pubblico ministero per i «giovani» alla prima nomina (quindi l’unica funzione che potevano svolgere era quella di giudice). «Però la legge – afferma Guttadauro – non teneva conto che le sedi disagiate sono per la maggior parte anche di procura che quindi hanno visto aggravarsi la situazione».

Ecco la scelta del ministro della Giustizia Angelino Alfano e del Parlamento di modificare la normativa soltanto per i vincitori dell’ultimo concorso assegnando i «giovani» anche alle procure che avessero una carenza di organico del 30%. «E questo ha comportato una differenza di trattamento enorme rispetto ai colleghi del concorso precedente», sostiene la giudice fiorentina.
A poco è servito il trasferimento obbligatorio dei magistrati d’esperienza. Una strada prevista dalla legge che, però, non piace ai diretti interessati.

L’Anm l’ha bocciata. «L’inamovibilità è una garanzia. Ma non si può consentire che in alcune sedi la giustizia non venga amministrata», sostiene Guttadauro. Da qui l’indicazione di puntare sugli ultimi entrati a cui verranno appaltate procure e tribunali difficili dove potrà accadere che, quando arriveranno gli ex tirocinanti, se ne andranno gli «anziani» in procinto di trasferimento.

Al distretto di Reggio Calabria sono destinati in trentacinque. Nel tribunale del capoluogo mancano quindici giudici e dodici saranno quelli di prima nomina. Ancora più in panne Locri: non ci sono undici giudici su venti e neppure sei pm sugli otto previsti. Così verranno inviati nella terra delle cosche della ’ndrangheta nove giudici e quattro sostituti procuratori usciti dal tirocinio. Nel distretto di Catanzaro giungeranno in quarantotto. Quattro saranno pm a Paola dove c’è soltanto un sostituto.
Il distretto di Palermo accoglierà trentatré neo magistrati. A Sciacca la procura ha soltanto il capo e i futuri pm occuperanno tre dei quattro posti che nessuno vuole. Nel distretto di Caltanissetta arriveranno in ventidue. Fra loro due finiranno nella procura di Nicosia dove è rimasto solo il procuratore capo. Nove approderanno a Gela, fra tribunale e procura (in quest’ultima i posti scoperti sono quattro su cinque).

Nella geografia della giustizia in emergenza compare anche la Sardegna. A Nuoro la procura è formata dal capo e da un unico pm: cinque sono i posti vacanti che saranno colmati da quattro giovani toghe. E nel Nord una procura in affanno è quella di Busto Arsizio: sei pm su otto non ci sono e lì verranno assegnati quattro ex tirocinanti. Questa, comunque, è una storia a sé. Perché da Roma in su la carenza media è inferiore al 10%. Niente a che vedere con il 30% del distretto di Caltanissetta, il 29% di Reggio Calabria o il 26% di Catanzaro.

Avvenire - Giacomo Gambassi
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Intercettazioni, stop dell'Anm alla maggioranza:
"Gli emendamenti non possono migliorare il ddl"



di Redazione

Berlusconi e Pdl stringono i tempi sulle intercettazioni. Domani scadrà il termine per la presentazione degli emendamenti e partirà la discussione generale in commissione alla Camera. Ma le toghe frenano: "Riforma fortemente limitativa per le investigazioni e il diritto di cronaca"
 
Roma - L’Associazione nazionale magistrati ribadisce il suo "giudizio negativo" sulla riforma delle intercettazioni che è "fortemente limitativa per lo strumento investigativo e del diritto di cronaca". E inisiste nella polemica contro la maggiornza. Per questo, afferma il presidente Luca Palamara, "non riteniamo che gli emendamenti possano migliorare la situazione". "Dobbiamo prendere atto del fatto che da circa due anni discutiamo di questo testo nel tentativo di apportare dei miglioramenti - osserva Palamra - ma di fronte a disposizioni di carattere globale insoddisfacenti, i miglioramenti rischiano di no sortire alcun effetto".

Pressing sulle intercettazioni Il premier Berlusconi ed il Pdl stringono i tempi sulle intercettazioni da un lato rassicurando il Quirinale, con il ministro Angelino Alfano, che saranno superate le "criticità" di cui ha parlato anche il Colle; dall’altro continuando nel lavoro di messa a punto del disegno di legge su alcuni punti duramente contestati dai finiani. In primo luogo, le multe e le proroghe degli "ascolti" (che potrebbero essere portate a 15 giorni). Del nuovo pacchetto di modifiche dovrebbe discuterne la consulta giustizia del Pdl, mentre domani scadrà il termine per la presentazione degli emendamenti e partirà la discussione generale in commissione alla Camera.

Le preoccupazioni delle toghe L'opinione di Palamara pare essere condivisa anche tra i consilieri del Csm che, seppur in scadenza di consiliatura, non risparmieranno un’ulteriore critica "ufficiale" a questo testo. La VI commissione, infatti, lavorerà probabilemnte nei prossimi giorni a un nuovo parere sulla legge nella versione "emendata". "La questione - dice la presidente della commissione, Ezia Maccora - è in agenda". A quanto è possibile prevedere, quindi, un nuovo parere potrebbe essere presentato entro mercoledì pomeriggio, anche se Maccora non si sbilancia. "Dobbiamo vedere - è la sua risposta a domanda diretta - se ci sono i tempi e i modi".

Il Giornale
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 12/07/2010 @ 08:42:11, in Magistratura, linkato 1755 volte)
Inchiesta eolico: Tinelli (Csm),
Lombardi era di casa in Consiglio


Roma, 11 lug. - (Adnkronos) - "Certo che so chi e' Pasquale Lombardi, tutti sanno chi e' al Consiglio". Celestina Tinelli, membro laico del Csm racconta all'ADNKRONOS di aver conosciuto uno dei personaggi della presunta organizzazione segreta capegggiata da Flavio Carboni. "Me lo hanno presentato, non ricordo neanche chi, lo conoscevano tutti, soprattutto i campani. Tutti gli davano del tu e lo chiamavano 'Pasqualino'. Mi dicevano che era li' da vent'anni, come a casa sua... Organizzava i convegni dell'associazione presieduta da Giacomo Caliendo 'Studi giuridici per l'integrazione europea diritti § liberta''. Non piccole cose -sottolinea Tinelli- ma convegni importanti ai quali ha partecipato, come relatori e anche tra il pubblico, tutta la magistratura italiana, compresi gli alti vertici e compreso il primo presidente della Cassazione. Come era possibile non avere contatti con lui? Tutti si fidavano e gli parlavano".

***

'Il tema della questione morale non ammette indugi e tentennamenti''

Inchiesta eolico, Anm: ''No a toghe vicine a comitati d'affari''

ultimo aggiornamento: 11 luglio, ore 18:44
Roma - (Adnkronos/Ign) - Palamara e Cascini: ''Il clima di inquinamento e di condizionamento che emerge dagli atti è allarmante''. Tinelli (Csm): ''Lombardi era di casa in Consiglio''
Roma - (Adnkronos/Ign) - "Il tema della questione morale non ammette indugi e tentennamenti. Non vogliamo magistrati contigui al potente di turno e vicini ai comitati d'affari. Vogliamo, invece, magistrati indipendenti e integri la cui attività si affermi nelle aule di giustizia e non nei salotti". Lo dichiarano il presidente dell'Anm Luca Palamara e il segretario generale Giuseppe Cascini, commentando gli ultimi sviluppi dell'inchiesta della procura di Roma per associazione per delinquere.

"Il clima di inquinamento e di condizionamento che emerge dagli atti - proseguono - è allarmante. Chiediamo alle istituzioni competenti di intervenire con prontezza e rigore".

Intanto Celestina Tinelli, membro laico del Csm, ha raccontato all'Adnkronos di aver conosciuto uno dei personaggi della presunta organizzazione segreta capeggiata da Flavio Carboni. "Certo che so chi è Pasquale Lombardi, tutti sanno chi è al Consiglio - dice Tinelli - Me lo hanno presentato, non ricordo neanche chi, lo conoscevano tutti, soprattutto i campani. Tutti gli davano del tu e lo chiamavano 'Pasqualino'. Mi dicevano che era lì da vent'anni, come a casa sua... Organizzava i convegni dell'associazione presieduta da Giacomo Caliendo 'Studi giuridici per l'integrazione europea diritti e libertà'. Non piccole cose - sottolinea Tinelli - ma convegni importanti ai quali ha partecipato, come relatori e anche tra il pubblico, tutta la magistratura italiana, compresi gli alti vertici e compreso il primo presidente della Cassazione. Come era possibile non avere contatti con lui? Tutti si fidavano e gli parlavano".

Tinelli prosegue dicendo che "probabilmente Lombardi entrava in consiglio senza nemmeno dire con chi doveva parlare. Veniva lì personalmente sempre e parlava al telefono con tutti. I numeri li aveva perché organizzava convegni. La sua telefonata poteva capitare, come capita quella di altri".

Rispetto all'indagine che ha coinvolto Lombardi, Tinelli dice di "essere rimasta stupita, perché, considerato che con lui avevano rapporti tutti e che era considerato il braccio destro di Caliendo nell'associazione, non ho mai messo in dubbio che fosse persona affidabile".
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 12/07/2010 @ 08:27:23, in Magistratura, linkato 1332 volte)
Palamara e Cascini sugli sviluppi dell’inchiesta della procura di Roma

Associazione Nazionale Magistrati



No a toghe vicine ai comitati d’affari

L’Anm chiede alle istituzioni competenti di intervenire subito e con rigore

 
Il tema della questione morale non ammette indugi e tentennamenti. Non vogliamo magistrati contigui al potente di turno e vicini ai comitati d’affari.  Vogliamo, invece, magistrati indipendenti e integri la cui attività si affermi nelle aule di giustizia e non nei salotti».

Lo dichiarano il presidente dell’Anm Luca Palamara e il segretario generale Giuseppe Cascini, commentando gli ultimi sviluppi dell’inchiesta della procura di Roma per associazione per delinquere.

«Il clima di inquinamento e di condizionamento che emerge dagli atti - proseguono - e' allarmante . Chiediamo alle istituzioni competenti di intervenire con prontezza e rigore».

Roma, 11 luglio 2010


La Rassegna web

Inchiesta eolico, Anm: ''No a toghe vicine a comitati d'affari''

Adnkronos/IGN - ‎13 ore fa‎
Vogliamo, invece, magistrati indipendenti e integri la cui attività si affermi nelle aule di giustizia e non nei salotti". Lo dichiarano il presidente ...

Anm: "No a toghe vicine a comitati d'affari"

La Repubblica - ‎49 minuti fa‎
I magistrati: "Allarmante il clima di inquinamento". Duri i finiani. Della Vedova: "Basta dire che è tutto un complotto". Bocchino: "La degenerazione del ...

Anm,no a toghe vicine comitati affari

ANSA.it - ‎14 ore fa‎
(ANSA) - ROMA, 11 LUG -'La questione morale non ammette indugi e tentennamenti, non vogliamo magistrati contigui a potenti e vicini a comitati d'affari'. ...

EOLICO: ANM, NO TOGHE VICINE A COMITATI D'AFFARI

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎15 ore fa‎
(AGI) Roma - L'Anm dice no alle toghe vicine ai comitati d'affari e chiede, dopo l'inchiesta sull'eolico, interventi rigorosi. I vertici dell'Anm affermano ...

Anm: “No a toghe vicine a comitati d'affari” E i finiani chiedono ...

KataWeb News - ‎11 ore fa‎
Repubblica.it > Homepage — EOLICOAnm: "No a toghe vicine a comitati d'affari" E i finiani chiedono le dimissioni di VerdiniI magistrati: "Allarmante il ...

Anm,no a toghe vicine comitati affari

euronews - ‎14 ore fa‎
(ANSA) – ROMA, 11 LUG -'La questione morale non ammette indugi etentennamenti, non vogliamo magistrati contigui a potenti evicini a comitati d'affari'. ...

Inchiesta eolico: Anm, no a toghe vicine a comitati d'affari

Il Secolo XIX - ‎14 ore fa‎
Roma, 11 lug. - (Adnkronos) - "Il tema della questione morale non ammette indugi e tentennamenti. Non vogliamo magistrati contigui al potente di turno e ...

Bocchino: «Pdl, Verdini si dimetta»

Corriere della Sera - ‎12 ore fa‎
Vogliamo, invece, magistrati indipendenti e integri la cui attività si affermi nelle aule di giustizia e non nei salotti» hanno dichiarato Palamara e ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










25/08/2019 @ 12.59.38
script eseguito in 469 ms