Immagine
 .. il silenzio degli innocenti ..... di Loredana Morandi
 
"
Giustizia non esiste là dove non vi è libertà.

Luigi Einaudi
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 01/08/2010 @ 09:14:50, in Politica, linkato 2359 volte)
Come potete leggere di seguito dalla breve del Messaggero così la "Stampa all'estero" e un lapidario Financial Times che intitola proprio "Et tu, Gianfranco" parafrasando la storia del primo impero romano a quella del "Giulio" Silvio contemporaneo.
Giornalettismo, la mia fonte preferita di informazione alternativa, esprime la massima: "Fini fonda il gruppo "futuro e libertà". Ha già più voti del PD".
La storia della relazione politica tra Fini e Berlusconi è recente, ma il "mai delfino" ha imboccato una china irrevocabile. Prima con la fusione di AN con Forza Italia, ora con la scissione in piena legislatura. E la base di destra, costituita dagli ex circoli di AN, lo giudica alla stregua del gradimento espresso dalla stampa di sinistra: "il compagno Fini". L'unica nota positiva per l'ex mai delfino è aver conquistato il cuore di Urso, con il quale radunare la vecchia corrente detta "destra protagonista", da sempre minoritaria rispetto al correntone degli "specialisti" in amministrazioni pubbliche (Gasparri, Alemanno, Polverini, ecc..), che staccò "la Destra" di Storace. Come io conosco tutto questo? E' la storia del mio quartiere e come in "Trecento":  Questa è "Balduina!". L.M.


Financial Times: Fini come Bruto per Cesare Berlusconi.
Le Figaro: governo italiano a rischio
        

ROMA (31 luglio) - Gianfranco Fini come Bruto per "Cesare" Silvio Berlusconi. Il Financial Times, in un commento dal titolo «Et tu, Gianfranco?» che cita le parole di Cesare colpito a morte al figlio adottivo, ripercorre le tappe che hanno portato alla rottura tra il presidente della Camera e il premier. Ma, sottolinea il giornale britannico, giovedì notte è stato "Cesare" «a capovolgere la situazione» nei confronti di "Bruto" e a dichiarare guerra aperta a Fini». Ricordando le accuse reciproche che si sono lanciate gli ex alleati, il Financial Times cerca di disegnare gli scenari futuri. «E anche se nulla è certo nella politica italiana - dice Ft - questa vicenda apre come un'insanabile divaricazione che può porre la coalizione a rischio».

Se ciò accadesse, si sottolinea, «non ci sono procedure stabilite e non è chiaro se ne seguirebbero elezioni, o se fosse possibile la costituzione di una coalizione anti-Berlusconi». In ogni caso «Berlusconi non se ne andrà senza lottare. Ma anche se riuscisse a mantenere il potere, sarebbe improbabile un cammino senza scosse» e, conclude, «molti sperano che se Bruto non riuscirà a segnare il destino di Cesare, lo faranno l'aritmetica parlamentare o gli elettori».

«Berlusconi-Fini: divorzio all'italiana»: titola il quotidiano francese Le Figaro, che nell'edizione di oggi dedica ampio spazio alla rottura tra il premier e il presidente della Camera. Per l'editorialista Pierre Rousselin, la crisi tra Berlusconi e Fini «complica la politica italiana e potrebbe impedire al governo di arrivare fino alla fine della legislatura, nel 2013». Anche perché Fini «sembra in grado di privare il capo del governo della sua maggioranza parlamentare» scrive il giornale.

«Fini restituisce la sua alleanza a Berlusconi» titola invece Liberation, sottolineando che, attraverso la sua fondazione Fare Futuro, il presidente della Camera «ha moltiplicato le posizioni critiche, soprattutto nei confronti del "cesarismo" del Cavaliere».

Le Journal du Dimanche parla di un «Berlusconi indebolito».

Per Le Monde era una «rottura annunciata» quella tra il capo del governo e lo storico leader di Alleanza nazionale.

Il Messaggero

Leggi sulla stampa internazionale

- Financial Times

    July 30, 2010

    Et tu, Gianfranco?

    In recent months, Gianfranco Fini has seemed like Brutus to Silvio Berlusconi’s Caesar. The speaker of the Italian parliament and co-founder of the People...

- Le Monde


LE MONDE | 30 juillet 2010 | Salvatore Aloïse | 558 mots
Le président du conseil demande la démission du président de la Chambre des députés. La rupture est désormais consommée entre le président du conseil, Silvio Berlusconi, et le président de la Chambre des députés, Gianfranco Fini, premier et grand allié du Cavaliere depuis son entrée en politique en...

 2 - Gianfranco Fini refuse de démissionner de la présidence de l'Assemblée d'Italie
LEMONDE.FR | 30 juillet 2010 | 471 mots
Gianfranco Fini, pressé par le chef du gouvernement italien, Silvio Berlusconi, de quitter la présidence de l'Assemblée, a annoncé officiellement qu'il refusait de démissionner, vendredi 30 juillet au cours d'une brève conférence de presse à Rome.

 3 - Silvio Berlusconi consomme la rupture avec Gianfranco Fini
LEMONDE.FR | 30 juillet 2010 | avec AFP | 315 mots
Après des mois de dissensions, Silvio Berlusconi a consommé la rupture avec son principal allié, Gianfranco Fini, tout en assurant que cette crise au sein de la droite italienne ne mettrait pas en péril la stabilité de son gouvernement, en place depuis deux ans.


- Le Figarò


Divorce à l'italienne 

La rupture entre Silvio Berlusconi et Gianfranco Fini[...]Au lendemain de son éviction du parti de gouvernement, le Peuple de la liberté, créé avec Silvio Berlusconi en mars 2009, M. Fini[...]Sur la plupart des questions traitées, mais surtout sur les affaires de corruption, comme sur les relations avec le monde judiciaire ou bien ...

La rupture entre Berlusconi et Fini est consommée

La rupture entre Berlusconi et Fini[...]séparé de Gianfranco Fini[...]«l'incompatibilité politique absolue» entre Fini et les principes inspirant le PDL[...]Gianfranco Fini[...]Gianfranco Fini (58 ans)[...]de ses prérogatives de président de la Chambre, Gianfranco Fini[...]avec les trois ministres ...


- Liberation
Article 31/07/2010

Fini rend son alliance à Berlusconi

Dans une ultime manoeuvre pour éviter le divorce, ou tout de moins pour en rejeter les responsabilités sur Silvio Berlusconi ,le président de la Chambre des députés, Gianfranco Fini ,avait lancé, il y a deux jours, dans un entretien... Pour l' heure Gianfranco Fini ,qui compte ses troupes, affirme de son côté que celles -ci continueront de" soutenir" le gouvernement quand il présentera des mesures en conformité avec le programme du PDL.

Article 30/07/2010

Rupture consommée entre Berlusconi et son ex-allié Fini

Après des mois de dissensions, Silvio Berlusconi a consommé la rupture avec son principal allié Gianfranco Fini ,en que cette crise à sein de la droite italienne ne mettrait pas en péril la stabilité de son gouvernement, en place depuis deux ans.Après une réunion avec l' exécutif de son parti, le Peuple de la Liberté( PDL,) Silvio Berlusconi a pressé Gianfranco Fini d' abandonner la présidence de la Chambre des députés, jugeant" absolument incompatibles" ses positions avec celles de son parti


- El pais

Un mal negocio

Edición impresa 01-08-2010

Con la expulsión de Gianfranco Fini del partido Pueblo de la Libertad (PDL) que formó junto a Silvio Berlusconi hace tan solo 16 meses, la política italiana vuelve al socorrido escenario de mayorías precarias e inestabilidad gubernamental, algo poco aconsejable en situaciones de convulsión económica ... Fini le ofrecía una mano tendida. Cierto que Il Cavaliere tenía motivos de disgusto por las continuas críticas de su socio, formuladas desde una visión liberal tan alejada de sus orígenes posfascistas, y que le acreditan como "la parte honesta" de la derecha, como se ha autodefinido Fini al asegurar ...

Fini desafía a Berlusconi y forma un grupo parlamentario propio

Edición impresa LUCIA MAGI
Palermo - 31-07-2010

Gianfranco Fini pasa al contraataque. Un día después de su expulsión del Pueblo de la Libertad, el partido que él mismo contribuyó a fundar, convocó a la prensa para levantar la voz contra el primer ministro Silvio Berlusconi, principal responsable de su excomunión.

El ocaso del berlusconismo

Edición impresa ANDREA RIZZI 30-07-2010

El ocaso del berlusconismo

ANDREA RIZZI 30-07-2010

... padece un desafío existencial. Gianfranco Fini, el aliado cofundador del Pueblo de la Libertad, ha llevado hasta el extremo el pulso con el líder. La rebeldía, en sí, es un golpe duro para Berlusconi. Su fundamento lo convierte en potencialmente letal. Fini pone una "cuestión moral" en la base de su ... agotar la legislatura, que expira en 2013. Sin la coraza del poder, tendría que pasar por terribles horcas caudinas judiciales. Sus opositores ?Fini, democristianos centristas, el centroizquierda? tendrán la tentación de recurrir a la vieja fórmula italiana del gobierno técnico. Berlusconi puede ...

Berlusconi rompe con Fini y deja al Gobierno de Italia en el aire

Edición impresa LUCIA MAGI >Roma - 30-07-2010

Silvio Berlusconi rompió ayer la alianza con Gianfranco Fini -su socio político desde 1994 y cofundador junto con el primer ministro del Pueblo de la Libertad (PDL)- en una maniobra que pone en grave riesgo la estabilidad del Ejecutivo. Berlusconi reunió en Roma a la cúpula del partido para concretar la que, de facto, es una expulsión de la corriente de Fini.

Gianfranco Fini

El presidente de la Cámara baja italiana, Gianfranco Fini, en la conferencia de prensa celebrada en Roma.El presidente de la Cámara baja italiana, Gianfranco Fini, en la conferencia de prensa celebrada en Roma ...


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
CSM: "Evitare una spirale fatale di recriminazioni
e di scontri per un corretto equilibrio istituzionale"

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/Quirinale_cerimonia_commiato_e_insediamento_CSM.jpg


"In questo quadriennio il Consiglio ha dato prove di sensibilità e prodotto novità che è giusto valorizzare più di quanto non lo siano state finora". Lo ha detto il Presidente della Repubblica nella cerimonia di commiato dei componenti il Consiglio Superiore della Magistratura uscenti in risposta al discorso del Vice Presidente del CSM, Nicola Mancino.

"Non è rimasto chiuso a esigenze di riflessione su se stesso e di revisione del proprio modo di operare, a sollecitazioni che venivano spesso in chiave polemica da diversi settori dell'opinione pubblica, da diversi ambienti culturali e politici. Esso non è rimasto arroccato nella pura e semplice riaffermazione delle proprie prerogative, nella mera difesa e riproduzione di suoi comportamenti tradizionali".

Richiamando il lavoro svolto dal CSM, il Presidente Napolitano ha sottolineato che sono stati "affrontati nodi assai delicati quali quelli relativi al ruolo e alle responsabilità dei Procuratori della Repubblica e ai poteri dei Procuratori generali presso le Corti di Appello e presso la Cassazione: lo si è fatto tendendo a superare rischi di ambiguità che potessero risolversi in un non giusto affievolimento di quel ruolo e di quei poteri, più che mai essenziali per evitare condotte scorrette, tensioni e conflitti all'interno degli Uffici e nei rapporti tra diversi Uffici".

Sulla questione dei pareri su disegni di legge presentati in Parlamento, il Capo dello Stato ha rilevato che "come i pareri del CSM non possano sfociare in un improprio vaglio di costituzionalità e non possano interferire nel confronto parlamentare già in atto sui contenuti del provvedimento". "Se insisto sulla novità e concretezza di diversi filoni d'impegno del Consiglio uscente - ha continuato - è perché penso che se ne sia tenuto poco conto, quasi annegando quella novità e quella concretezza nella disputa generale tra opposte posizioni sul tema complessivo del rapporto tra politica e giustizia e anche sul tema del ruolo del CSM: è bene liberarsi da queste distorsioni, da queste astratte contrapposizioni polemiche".

Per il Presidente della Repubblica, il Consiglio appena eletto avrà da ritornare su "non poche questioni, specifiche e di fondo, ancora aperte: le questioni dell'assetto e del funzionamento dello stesso CSM; dell'articolazione dei suoi organi interni; la questione degli uffici scoperti e in special modo delle sedi disagiate, cui è stata dedicata una legge però non ancora pienamente attuata dal CSM; l'insieme delle questioni di fondo del funzionamento gravemente insoddisfacente dell'amministrazione della giustizia".

"Nessuno è più di me consapevole - ha affermato - dell'importanza decisiva dell'affermazione e del consolidamento di rigorose regole deontologiche per i magistrati e per gli stessi componenti del Consiglio. A ciò si potrà dedicare con la necessaria ponderazione il nuovo CSM, anche alla luce di vicende recenti, di ampia risonanza nell'opinione pubblica, e di indagini giudiziarie in corso, e mi riferisco a fenomeni di corruzione e a trame inquinanti che turbano e allarmano, apparendo, tra l'altro, legati all'operare, come ho di recente detto, di "squallide consorterie", delle quali tuttavia spetterà alla magistratura accertare l'effettiva fisionomia e rilevanza penale".

Il Presidente Napolitano, nel corso del suo intervento, ha richiamato la risoluzione adottata dal CSM il 20 gennaio di quest'anno che "si è mostrata consapevolezza della percezione, da parte dell'opinione pubblica, che "alcune scelte consiliari siano in qualche misura condizionate da logiche diverse", che possano talvolta affermarsi "pratiche spartitorie", rispondenti "ad interessi lobbistici, logiche trasversali, rapporti amicali o simpatie e collegamenti politici". Bisogna, quindi, "alzare la guardia nei confronti di simili deviazioni e di altre che finiscono comunque per colpire fatalmente quel bene prezioso che è costituito dalla credibilità morale e dalla imparzialità e terzietà del magistrato".

"Considero quella del presiedere il CSM - ha proseguito - come una delle incombenze più impegnative e delicate del Capo dello Stato, come una delle prerogative, uno dei profili che più ne distinguono la figura in Italia nel confronto con altri paesi democratici. E vi è stato chiaro, credo, come io abbia inteso interpretare questo mio ruolo, come abbia teso ad esprimere la fedeltà convinta e attiva al principio costituzionale dell'autonomia e indipendenza della magistratura con iniziative e posizioni che ponessero l'altissima funzione dell'indagare e del giudicare al riparo da una spirale fatale di recriminazioni e di scontri sul piano politico e perseguissero, in tutti i sensi, un corretto equilibrio istituzionale.

Un equilibrio di cui dovranno farsi carico anche riforme, in materia di giustizia, che tendessero a rimodularlo. Sugli annunci di tali riforme, così come sulle ipotesi che possono liberamente prospettarsi, non ho da pronunciarmi. Attendo di conoscere testi di proposte da discutere in Parlamento, per fare quel che mi compete".

Il Presidente ha sottolineato come i componenti del CSM formino "un tutto unitario. Gli eletti dal Parlamento non sono - eloquente in questo senso è la stessa procedura prevista dall'articolo 104 della Costituzione - rappresentanti di singoli gruppi politici, di maggioranza e di opposizione. Essi sono l'espressione della rappresentanza e funzione politica democratica affidata al Parlamento in quanto sede della sovranità popolare. Non possono perciò essere considerati come un corpo estraneo o separato nel seno di un'istituzione di autogoverno della magistratura che invece non è solo ad essa riferibile. Sono perciò certo che come tale - ripeto, come un tutto unitario - opererà a partire da lunedì e nei prossimi quattro anni il CSM, dando luogo a una feconda sinergia nello svolgere ogni sua funzione nel quadro delle istituzioni repubblicane. Sarò impegnato - ha concluso il Capo dello Stato - in tal senso insieme con voi, nel solo comune interesse della Repubblica e dei cittadini".

http://www.quirinale.it/elementi/Continua.aspx?tipo=Notizia&key=9364

Leggi l'intervento alla Cerimonia di Commiato per i Consiglieri uscenti


Palazzo del Quirinale, 31/07/2010

Signori rappresentanti del Parlamento e del governo,
Signor Presidente della Corte Costituzionale,
Autorità,
Signore e Signori,

rivolgo innanzitutto un cordiale benvenuto ai nuovi componenti del Consiglio Superiore della Magistratura, presenti alla cerimonia di commiato dei Consiglieri uscenti, ai quali è in particolare dedicato questo incontro.

Ringrazio il Vice Presidente, Senatore Avvocato Nicola Mancino, per le calorose espressioni di stima che mi ha rivolto e per lo specifico apprezzamento che ha voluto manifestare dell'impegno da me esplicato in questi anni come Presidente del CSM. Con lui ho condiviso una non lieve responsabilità dal 2006 ad oggi, operando - tra momenti di ricorrente tensione politico-istituzionale - per assolvere al meglio il ruolo assegnatoci dalla Carta Costituzionale.

E in questo momento soprattutto ringrazio il Sen. Mancino per il puntuale e argomentato bilancio che ha inteso tracciare della Consiliatura oggi conclusasi. Nell'ascoltare quel bilancio, riflettevo su come in questo quadriennio il Consiglio abbia dato prove di sensibilità e prodotto novità che è giusto valorizzare più di quanto non lo siano state finora. Esso non è rimasto chiuso a esigenze di riflessione su se stesso e di revisione del proprio modo di operare, a sollecitazioni che venivano spesso in chiave polemica da diversi settori dell'opinione pubblica, da diversi ambienti culturali e politici. Esso non è rimasto arroccato nella pura e semplice riaffermazione delle proprie prerogative, nella mera difesa e riproduzione di suoi comportamenti tradizionali.

D'altronde, non si potevano in primo luogo non raccogliere gli impulsi che per il CSM sono venuti da due leggi di riforma dell'ordinamento giudiziario, espresse in due successive legislature, con maggioranze diverse (come ha ricordato il Sen. Mancino) ma in modo da registrare non trascurabili elementi di condivisione. Di lì si è partiti per stabilire un approccio più valido al rinnovo dei vertici - direttivi e semi direttivi - degli uffici giudiziari : un approccio basato su dati obbiettivi e seri criteri di valutazione delle professionalità e delle attitudini organizzative. I risultati così raggiunti sono stati altamente apprezzabili spesso anche per la tempestività delle nomine, da ultimo con il conferimento - non a caso sorretto da assai ampio consenso - degli incarichi di primo presidente e presidente aggiunto della Cassazione.

Dall'esposizione del Sen. Mancino è poi emerso come siano stati affrontati nodi assai delicati quali quelli relativi al ruolo e alle responsabilità dei Procuratori della Repubblica e ai poteri dei Procuratori generali presso le Corti di Appello e presso la Cassazione : lo si è fatto tendendo a superare rischi di ambiguità che potessero risolversi in un non giusto affievolimento di quel ruolo e di quei poteri, più che mai essenziali per evitare condotte scorrette, tensioni e conflitti all'interno degli Uffici e nei rapporti tra diversi Uffici.

Si è nello stesso tempo innovato - come è stato giusto qui ricordare - sia nell'esercizio di uno strumento affermatosi nella prassi del Consiglio, come quello delle pratiche a tutela, ancorandolo alle condizioni e ai limiti di cui ci ha detto il Sen. Mancino, sia nell'espressione di pareri su disegni di legge presentati in Parlamento per le ricadute che essi possono avere sullo svolgimento delle funzioni giudiziarie. Ho a questo proposito rilevato, rispetto a possibili distorsioni, come i pareri del CSM non possano sfociare in un improprio vaglio di costituzionalità e non possano interferire nel confronto parlamentare già in atto sui contenuti del provvedimento. Sono più che mai persuaso che si tratti di due limiti da osservare rigorosamente.
E si è, infine, da parte del CSM, dato un impulso nuovo, in termini di accresciuta prontezza nell'intervenire e severità nel giudicare, all'azione disciplinare.

Se insisto sulla novità e concretezza di diversi filoni d'impegno del Consiglio uscente, è perché penso che se ne sia tenuto poco conto, quasi annegando quella novità e quella concretezza nella disputa generale tra opposte posizioni sul tema complessivo del rapporto tra politica e giustizia e anche sul tema del ruolo del CSM. E' bene liberarsi da queste distorsioni, da queste astratte contrapposizioni polemiche.

Sappiamo naturalmente che su alcuni dei punti che sono stati affrontati negli ultimi quattro anni e che ho ripreso dal discorso del Vice Presidente Mancino, il Consiglio appena eletto avrà da ritornare e che non poche questioni, specifiche e di fondo, gli vengono rimesse ancora aperte.
Così le questioni dell'assetto e del funzionamento dello stesso CSM, dell'articolazione dei suoi organi interni, e in particolare delle competenze del Comitato di Presidenza. Così la questione degli uffici scoperti e in special modo delle sedi disagiate, cui è stata dedicata una legge però non ancora pienamente attuata dal CSM. Così l'insieme delle questioni di fondo del funzionamento gravemente insoddisfacente dell'amministrazione della giustizia (di cui è ancora segno macroscopico l'abnorme durata dei processi) : ed è ormai chiaro che vi si deve far fronte con efficaci innovazioni sul piano normativo ma anche con la diffusione di buone pratiche, nel segno di una nuova cultura dell'organizzazione di cui ha dato e si appresta a dare esempio la Suprema Corte.

Infine, nessuno è più di me consapevole dell'importanza decisiva - per aprire nuove prospettive al sistema giustizia e alla magistratura, tali da riguadagnare prestigio e consenso tra i cittadini - dell'affermazione e del consolidamento di rigorose regole deontologiche per i magistrati e per gli stessi componenti del Consiglio. A ciò si potrà dedicare con la necessaria ponderazione il nuovo CSM, anche alla luce di vicende recenti, di ampia risonanza nell'opinione pubblica, e di indagini giudiziarie in corso, e mi riferisco a fenomeni di corruzione e a trame inquinanti che turbano e allarmano, apparendo, tra l'altro, legati all'operare, come ho di recente detto, di "squallide consorterie", delle quali tuttavia spetterà alla magistratura accertare l'effettiva fisionomia e rilevanza penale.

Già nella risoluzione adottata dal CSM il 20 gennaio di quest'anno si è mostrata consapevolezza della percezione, da parte dell'opinione pubblica, che "alcune scelte consiliari siano in qualche misura condizionate da logiche diverse", che possano talvolta affermarsi "pratiche spartitorie", rispondenti "ad interessi lobbistici, logiche trasversali, rapporti amicali o simpatie e collegamenti politici". Bisogna alzare la guardia nei confronti di simili deviazioni e di altre che finiscono comunque per colpire fatalmente quel bene prezioso che è costituito dalla credibilità morale e dalla imparzialità e terzietà del magistrato.

Regolare in modo per varii aspetti nuovo e di certo più restrittivo l'impiego del magistrato in funzioni diverse da quelle sue proprie e il suo transitare all'attività politica così come il rientrarne nella carriera giudiziaria ; contrastare decisamente oscure collusioni di potere ed egualmente esposizioni e strumentalizzazioni mediatiche, a fini politici di parte o a scopo di "autopromozione" personale - questi giù appaiono riferimenti obbligati per le discussioni e deliberazioni che potranno aver luogo nel CSM neoeletto. Si tratta di aspetti su cui sono intervenuto più volte prendendo la parola nel Consiglio uscente : e perciò mi ritrovo facilmente in riflessioni e richiami che hanno avuto spazio anche sulla stampa in queste settimane, ricordandosi in particolare la lezione di Adolfo Beria d'Argentine sulla presa di coscienza, da parte del magistrato, della complessità sociale, sulla necessità che egli sappia " conservare la testa fredda nei momenti caldi della società" (e della politica), sul suo impegno ad "amministrare la giustizia" senza attribuirsi missioni fuorvianti, sulla sua riservatezza a garanzia della sua "terzietà".

Buon lavoro a voi, signori componenti appena eletti del CSM, anche su queste spinose e così significative tematiche. Ma una parola, ancora, ai consiglieri uscenti : una parola di personale grato apprezzamento, per il clima di profondo rispetto reciproco, di attenzione e di stima, di schietto e aperto confronto, che in questi quattro anni c'è sempre stato tra noi. Considero quella del presiedere il CSM come una delle incombenze più impegnative e delicate del Capo dello Stato, come una delle prerogative, uno dei profili che più ne distinguono la figura in Italia nel confronto con altri paesi democratici.

E vi è stato chiaro, credo, come io abbia inteso interpretare questo mio ruolo, come abbia teso ad esprimere la fedeltà convinta e attiva al principio costituzionale dell'autonomia e indipendenza della magistratura con iniziative e posizioni che ponessero l'altissima funzione dell'indagare e del giudicare al riparo da una spirale fatale di recriminazioni e di scontri sul piano politico e perseguissero, in tutti i sensi, un corretto equilibrio istituzionale.

Un equilibrio di cui dovranno farsi carico anche riforme, in materia di giustizia, che tendessero a rimodularlo. Sugli annunci di tali riforme, così come sulle ipotesi che possono liberamente prospettarsi, non ho da pronunciarmi. Attendo di conoscere testi di proposte da discutere in Parlamento, per fare quel che mi compete.

Un cordiale saluto ed augurio dunque a voi che dopo un quadriennio a Palazzo dei Marescialli tornate all'attività in magistratura o alla vita professionale e pubblica.

E un saluto ed augurio altrettanto cordiale a voi, componenti di diritto e appena eletti, con scelte di alto livello da tutti i magistrati e dal Parlamento in seduta comune come componenti del CSM. Vorrei solo sottolineare come voi formiate un tutto unitario. Gli eletti dal Parlamento non sono - eloquente in questo senso è la stessa procedura prevista dall'articolo 104 della Costituzione - rappresentanti di singoli gruppi politici, di maggioranza e di opposizione.

Essi sono l'espressione della rappresentanza e funzione politica democratica affidata al Parlamento in quanto sede della sovranità popolare. Non possono perciò essere considerati come un corpo estraneo o separato nel seno di un'istituzione di autogoverno della magistratura che invece non è solo ad essa riferibile.

Sono perciò certo che come tale - ripeto, come un tutto unitario - opererà a partire da lunedì e nei prossimi quattro anni il CSM, dando luogo a una feconda sinergia nello svolgere ogni sua funzione nel quadro delle istituzioni repubblicane. Sarò impegnato in tal senso insieme con voi, nel solo comune interesse della Repubblica e dei cittadini.

http://www.quirinale.it/elementi/Continua.aspx?tipo=Discorso&key=1916
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/07/2010 @ 10:07:33, in Politica, linkato 2140 volte)
Il "femminismo" sta sorprendentemente rinascendo a "destra"! L.M.

CSM: SBAI (PDL),

INTOLLERABILE ASSENZA DONNE
IN ROSA CANDIDATI
 

(ASCA) - Roma, 30 lug - ''Trovo estremamente offensivo per tutte le donne italiane che nella rosa dei nomi candidati a entrare nel Consiglio Superiore della Magistratura non ci fosse nemmeno l'ombra di un nome femminile.

L'Italia mostra purtroppo la sua arretratezza su questioni inerenti la rappresentativita' femminile che devono essere risolte con urgenza e senza piu' alcun indugio'', commenta cosi' Souad Sbai, deputata del Pdl, l'elezione degli 8 membri laici dell'organo supremo della magistratura.

''Le donne devono consociarsi e denunciare con forza questa discriminazione de facto che di fatto nega loro l'accesso a ruoli di rilievo nella vita pubblica'', conclude Sbai.

com-vlm/mcc/bra
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/07/2010 @ 10:00:09, in Giuristi, linkato 1901 volte)
Consiglio nazionale Forense,
ricalendarizzare riforma in Aula al Senato

Lettera aperta ai Presidenti delle Camere e al presidente del Consiglio dei ministri


Roma, 30 lug. (Labitalia) - "L'immediata ricalendarizzazione in aula al Senato della riforma professionale, l'abbandono di soluzioni disorganiche ed estemporanee come la conciliazione e l'ausiliario del giudice, e il rispetto della legge che prescrive la consultazione del Consiglio nazionale forense sulle riforme della giustizia". E' quanto chiede il Consiglio nazionale Forense in una lettera aperta ai Presidenti delle Camere e al presidente del Consiglio dei ministri. Nella missiva il Consiglio nazionale forense chide di "porre rimedio a una situazione ormai divenuta insostenibile per l'Avvocatura italiana".

Il Cnf "denuncia la parodia della giustizia messa in scena attraverso riforme prive di una visione organica, erratiche, inidonee a risolvere la grave situazione della giustizia; e il ritardo, dopo innumerevoli promesse e in ossequio a potentati economici, nell'approvazione della legge di riforma della professione di avvocato finalizzata a una maggiore qualificazione della funzione di difesa".

Il Consiglio nazionale forense denuncia quindi "i gravi danni per i cittadini perchè il ritardo non consente un accesso per merito alla professione, la specializzazione, l'assicurazione obbligatoria, un più efficiente procedimento disciplinare; le iniziative tendenti a deprimere il ruolo dell'avvocatura, per Costituzione chiamata alla tutela dei diritti anche dei soggetti più deboli, dei non abbienti, delle famiglie e dei lavoratori". E infine "l'incremento dei costi della giustizia a danno delle categorie più disagiate con l'aumento del contributo dovuto allo Stato per iniziare una causa".

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Naturalmente, visto che Bondi ha appena scritto una buona cosa, altrove qualcuno intitola articoli alla moglie picchiata. Teorema? Questo Dl sul cinema, che introduce la nuova norma del "vietato ai minori di 10 anni", potrà essere una mannaia sui pedofili e sul commercio illegale dei video di animazione giapponesi". Da ora in poi guardate bene coloro che si batteranno per cancellare questo divieto, tra quelle persone si cela una larga fetta della lobby politico giornalistica dei pedofili. L.M.

"Vietato ai minori di dieci anni"

Novità al cinema, ok del governo


Ddl presentato dal ministro Bondi. Ampio Consiglio dei Ministri, ma non era all'ordine del giorno la nomina del ministro dello Sviluppo economico. Calabria: arriva il commissario per la sanità

Roma, 30 luglio 2010 - Il Consiglio dei Ministri ha dato invece l'ok al disegno di legge presentato oggi dal ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi, che contiene nuove norme per il cinema ma anche per il finanziamento pubblico agli enti culturali. Il testo sarà a settembre alle Camere per il dibattito parlamentare.

Secondo quanto si apprende da indiscrezioni l’approvazione del disegno di legge sul cinema e enti culturali sarebbe stata preceduta questa mattina in Consiglio dei ministri da una lunga relazione di Bondi sul mondo del cinema e dello spettacolo. Il ministro avrebbe rivendicato il successo del suo decreto di riforma delle fondazioni, nel merito e nella forma della discussione che ne ha accompagnato l’approvazione.

Bondi avrebbe anche sottolineato che questo disegno di legge completa in qualche modo il lavoro avviato con il decreto per le fondazioni. Dal ministro dei Beni Culturali sarebbe arrivata però anche una richiesta al Consiglio dei ministri per un sostegno al suo desiderio di rinnovare fino al 2013 tax credit e tax shelter, le norme di defiscalizzazione per il cinema e dal presidente del Consiglio sarebbe stato assicurato in questo senso un pieno appoggio.

Novità in arrivo per le sale cinematografiche. Il ddl introduce, oltre quelle già disciplinate dalla legge vigente (14 e 18 anni), la soglia dei 10 anni di età per il nulla osta alla visione di film. Scopo dell’operazione, secondo la nota di Palazzo Chigi: “Una tutela più puntuale e efficiente della sensibilità dei minori di età infantile e preadolescenziale, ampliando al contempo, con una maggiore articolazione, la platea di film la cui visione altrimenti risulterebbe limitata ai maggior di 14 anni”.

SANITA' IN CALABRIA - Ma nel Consiglio dei Ministri si è discusso anche di altro, come della sanità della Regione Calabria, che sarà gestita da un commissario nominato dal Governo che si avvarrà dell’aiuto e delle competenze della Guardia di Finanza. Lo ha annunciato al termine del Cdm il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti. "La Calabria ha un sistema di sanità piuttosto complesso, non ha contabilità che è di tipo ‘omericò, ‘narrativò, non c’è base contabile affidabile e quindi non c’è criterio di gestione", ha detto.

Alle Fiamme Gialle, sarà affidato il compito "di organizzare una struttura amministrativa" "sulla quale cominciare un percorso nuovo. Bisogna inventariare il debito pregresso, sorpattutto gestire da qui in avanti la presenza dello Stato su una funzione fondamentale che è la sanità". Tremonti si è detto sicuro che una "struttura di questo tipo darà anche ai cittadini il segno necessario del cambiamento".

NON SPUNTA IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - "Non era all’ordine del giorno e non ne ho sentito parlare". Così il ministro dell’Economia, al termine del Consiglio dei ministri, ha risposto a chi gli chiedeva se fossero stati nominati il nuovo ministro dello Sviluppo economico e il presidente della Consob.

Quotidiano.net

***

Eppur si muove...

Parere positivo del Consiglio dei Ministri al disegno di legge sul cinema presentato da Bondi. Il ministro: "Primo passo per un intervento complessivo nel settore"

(Cinematografo.it/Adnkronos) - Soddisfazione "per l'approvazione in esame preliminare da parte del Consiglio dei Ministri odierno del disegno di legge con il quale si effettuano importanti interventi in materia di attività cinematografiche, il primo passo di un'azione complessiva che ridisegna le politiche e gli strumenti dell'intervento statale nel settore cinematografico".

La esprime in una nota il ministro dei Beni culturali Sandro Bondi, che sottolinea come "a questo provvedimento seguirà con apposita disposizione, il rinnovo del tax credit per il cinema nel triennio 2011-2013"."Per quanto riguarda le novità integrative alla Legge Urbani sul Cinema -spiega la nota del Mibac- il provvedimento prevede che l'intervento diretto dello Stato sia focalizzato, a partire dal 2011, sulle opere prime e seconde, i cortometraggi e i documentari, mentre nel settore della promozione l'intervento statale sara' riservato ai soli enti ed eventi con rilevanza internazionale o nazionale, con l'obiettivo di snellire le procedure e migliorare la gestione delle risorse, eliminando gli sprechi nell'assegnazione dei fondi pubblici statali. La composizione della Commissione per la cinematografia e' inoltre ridotta in ragione delle nuove e limitate funzioni".

"Con il provvedimento - prosegue la nota - si interviene anche sulla revisione cinematografica, prevedendo, oltre al nulla osta alla visione per tutti, ai minori degli anni 14 e ai minori degli anni 18, l'ulteriore soglia relativa ai minori di anni 10. In questo modo si allinea il nostro sistema a quelli della gran parte degli altri Paesi e si intende assicurare una tutela piu' puntuale e efficiente della sensibilita' dei minori di eta' infantile e preadolescenziale, ampliando al contempo, con una maggiore articolazione, la platea di film la cui visione altrimenti risulterebbe limitata ai maggior di 14 anni".

Bondi, infine, esprime "la propria gratitudine al Presidente del Consiglio, On. Silvio Berlusconi, al Ministro dell'Economia, On. Giulio Tremonti, al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, e ai colleghi di Governo per l'impegno assunto in seno al Consiglio dei Ministri in favore di un prossimo provvedimento d'urgenza con cui provvedere al rinnovo per il triennio 2011-2013 delle misure di tax credit per garantire nuove e piu' moderne forme di finanziamento dell'attività cinematografica, consolidando i risultati di quella che si dimostra un'autentica rivoluzione copernicana del sostegno pubblico al settore. Con le agevolazioni fiscali per il cinema si punta sull'incentivo alla produttivita' del settore e si supera infatti la logica assistenzialistica dei contributi diretti, compensando la contrazione delle risorse pubbliche disponibili".

AdnKronos su Sole 24 ore


La Rassegna

Pellicole vietate ai minori di 10 anni I cinema italiani sul piede ...

La Stampa - ‎15 ore fa‎
Il Consiglio dei ministri ha approvato, su proposta del ministro per i Beni e le attività culturali Sandro Bondi, un disegno di legge che «ottimizza il sistema del finanziamento al cinema apportando le modifiche che si sono dimostrate necessarie ...

Cinema, arriva il divieto ai minori di 10 anni

Il Secolo XIX - ‎12 ore fa‎
Cinema, si cambia. Per tutelare i più piccoli arriva il divieto ai minori di 10 anni. Ma la rivoluzione del ministro dei Beni culturali Sandro Bondi tocca anche i contributi di Stato ai film, che dal 2011 saranno riservati a documentari, cortometraggi, ...

Eppur si muove...

Il Sole 24 Ore - ‎11 ore fa‎
Parere positivo del Consiglio dei Ministri al disegno di legge sul cinema presentato da Bondi. Il ministro: "Primo passo per un intervento complessivo nel settore" (Cinematografo.it/Adnkronos) - Soddisfazione "per l'approvazione in esame preliminare da ...

"Vietato ai minori di dieci anni" Novità al cinema, ok del governo

Quotidiano Nazionale - ‎11 ore fa‎
Ddl presentato dal ministro Bondi. Ampio Consiglio dei Ministri, ma non era all'ordine del giorno la nomina del ministro dello Sviluppo economico. Calabria: arriva il commissario per la sanità Facendo doppio click su una qualsiasi parola presente ...

Al cinema arriva il 'vietato ai minori di anni 10'

Virgilio - ‎14 ore fa‎
Roma, 30 lug. (Apcom) - 'Film vietato ai minori di 10 anni'. Questo perentorio divieto potrà presto essere esposto nelle sale cinematografiche italiane quando il Parlamento convertirà in legge il provvedimento che il ministro Sandro Bondi ha illustrato ...

Cinema: vietati film a minori di 10 anni

Dottor Sport - ‎8 ore fa‎
Cinema: vietati film a minori di 10 anni. Modifiche al cinema. Il Consiglio dei ministri ha approvato, su proposta del ministro per i Beni e le attività culturali Sandro Bondi, un disegno di legge che prevede varie modifiche. La più importante è quella ...

Il ministro dei Beni culturali Sandro Bondi (Cuccuru/MILANO - Via ...

Corriere della Sera - ‎14 ore fa‎
Il ministro dei Beni culturali Sandro Bondi (Cuccuru/MILANO - Via libera del Consiglio dei ministri al disegno di legge presentato dal ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi, che contiene nuove norme per il cinema e per il finanziamento pubblico agli ...

Novità nel cinema con il ddl Bondi

NotiziarioItaliano.IT - ‎13 ore fa‎
ROMA - Arrivano nuove misure che influenzeranno il mondo del cinema, grazie al varo da parte del Consiglio dei ministri di oggi del ddl Bondi. Alcuni film verranno vietati ai minori di dieci anni, mentre dal 2011 i finanziamenti pubblici saranno ...

Al cinema il divieto ai minori di 10 anni approvato il disegno di ...

La Repubblica - ‎16 ore fa‎
Via libera del Cdm al provvedimento sul cinema fortemente voluto dal ministro. Prorogato il tax credit alle imprese del settore. Ma la maggiore novità riguarda il nuovo "esame" a cui dovranno essere sottoposti i film ROMA - Novità in arrivo nelle sale ...

nuovo divieto anche ai minori di 10 anni

Il Messaggero - ‎14 ore fa‎
ROMA (30 luglio) - Ok dal Consiglio dei ministri al disegno di legge presentato oggi dal ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi, che contiene nuove norme per il cinema ma anche per il finanziamento pubblico agli enti culturali. ...

Cinema. Arriva il vietato ai minori di 10 anni

Rainews24 - ‎14 ore fa‎
Dopo il vietato ai minori ai 18 e ai 14 anni arriva il divieto anche per i 10 anni. Il provvedimento è contenuto nel disegno di legge del ministro per le attività culturali Sandro Bondi. Modifiche anche al finanziamento del settore Cinema. ...

Cinema, film vietati ai minori di 10 anni

Tg1 - www.tg1.rai.it - ‎13 ore fa‎
Il disegno di legge Bondi sul finanziamento alla "settima arte" introduce nuove regole per i minori con novità sui divieti nelle sale. ROMA - Novità in arrivo nelle sale cimematografiche. Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera a un disegno di ...

Cinema: arriva divieto a minori 10 anni

L'Occidentale - ‎14 ore fa‎
Film vietati ai minori di dieci anni. E' una delle novità del disegno di legge Bondi varato oggi dal Consiglio dei ministri. Il provvedimento prevede anche che dal 2011 i finanziamenti pubblici al cinema siano indirizzati a opere prime e seconde, ...

Al cinema divieto ai minori di 10 anni Approvato il disegno di ...

CasertaWeb - ‎14 ore fa‎
30.07.10 Novità in arrivo nelle sale cinematografiche italiane. Il Consiglio dei ministri ha approvato, su proposta del ministro Sandro Bondi, un disegno di legge che introduce, per i film destinati alle sale, un nuovo esame: quello per l'eventuale ...

Cinema: film vietati ai minori di 10 anni

Julie News - ‎17 ore fa‎
Tante le novità introdotte nel disegno di legge Bondi, varato oggi dal Consiglio dei ministri. Il provvedimento prevede che dal 2011 i finanziamenti siano riservati solo alle opere di nuovi autori. Autori affermati e produttori dovranno invece ...

Il governo approva la riforma del cinema, così cambierà la ...

Il Sole 24 Ore - ‎18 ore fa‎
Film vietati già a partire dai 10 anni e, dal 2011, l'intervento diretto dello stato sarà focalizzato sulle opere prime e seconde, i cortometraggi ei documentari. Mentre nel settore della promozione l'intervento statale sarà riservato ai soli enti ed ...

Bondi promette fondi per il cinema più trasparenti e il divieto ai ...

CINEblog.it (Blog) - ‎15 ore fa‎
Il tema delle sovvenzioni statali al mondo del cinema è un argomento di grande dibattito tra oppositori e sostenitori. L'unica cosa certa è che come è attuato oggi non funziona. Arriva oggi una nuova proposta dal ministro Bondi per rendere i contributi ..

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/07/2010 @ 07:12:36, in Osservatorio Famiglia, linkato 2231 volte)
Ancora sul caso del neonato sottratto alla madre povera di Trento...

Minori, mettiamo da parte la ritualità


di Giuseppe Raspadori

Egregia dottoressa Bernadetta Santaniello,


Presidente del Tribunale per i Minori di Trento, proprio l’altro giorno, era venerdì scorso, Lei, nell’ambito di un’udienza in cui intervenivo ripetutamente affinché fossero definiti a priori dei criteri precisi, oggettivi intendo, per la valutazione di “un caso”, mi aveva detto “ Raspadori, lei si coinvolge troppo” e mi aveva esortato ad attenermi alla “ritualità” delle procedure. Mi aveva già negato precedentemente la possibilità di un incontro, di cui avevo fatto domanda scritta per un “confronto di opinioni” sui casi che sto seguendo, per “l’irritualità della richiesta”.
Bene, io credo invece che la ritualità delle procedure vada bene per le feste, per le parate, per gli incontri Vaticani o le cerimonie al Quirinale, vadano bene anche nei Tribunali ordinari dove addirittura esistono i codici di procedura, ma là dove, come al Tribunale per i Minori, si tratta di intervenire su piccoli, neonati o di pochissimi anni, la ritualità delle procedure debba essere messa da parte.

Perché per un neonato una procedura di otto mesi, durante i quali non ha mai visto il volto della madre, è enorme: è quella che anche i sassi sanno essere tutta la fase primaria dell’attaccamento. Quell’attaccamento madre/bambino che poi, in altri casi, le solerti assistenti sociali vanno a monitorare, negli “spazi neutri” degli incontri madre/bambino, per valutare se una madre è “adeguata” o no. Non le dico poi, perché Lei lo sa benissimo, cosa succede quando una procedura, di atto rituale in atto rituale, va avanti per tre, quattro anni...io nella conferenza stampa ne citavo due che sono giunte all’ottavo anno, e le mamme sempre continuano ad essere monitorate e relazionate dalle assistenti sociali, pur di continuare a vedere i propri figli una volta in settimana.

Vede, dottoressa Santaniello, io credo che se riusciamo a rompere questa ritualità sarà per tutti un bagno benefico, e scopriremo che non tutto il male vien per nuocere. Vede, dottoressa Santaniello, nel caso in questione, Lei compresa nella sua missione di difendere innanzitutto gli interessi di un minore, è incappata semplicemente in una grossa confusione: ha distinto il minore dalla madre quando ancora non era distinguibile, santiddio, c’era ancora un cordone ombelicale che era lì a testimoniare la “capacità genitoriale” della madre! Una madre a cui era stata prospettata la possibilità di abortire, e che invece aveva voluto portare a termine la gravidanza. Questa era, non altro, la prova della capacità genitoriale. Il resto poteva poi essere affrontato nelle settimane successive. Non aveva senso dare avvio ad una procedura di adottabilità.

La ragazza non era mica un utero in affitto. Pazienza, io dico, per troppa solerzia un errore di valutazione è ammissibile. Ma quando Lei ha incontrato la ragazza dopo un mese e si è resa conto delle qualità della ragazza... ecco, io sogno che Lei la prossima volta sappia dire “scusa ci siamo sbagliati, da oggi stesso corri a prendere in braccio tuo figlio, scusa ancora...” . Invece no, non è avvenuto così, anche se evidentemente Lei era attraversata dal dubbio atroce che forse non c’erano motivi per una procedura di adottabilità: Lei ha optato per una “procedura rituale” , ovvero la nomina di un perito che valutasse le capacità genitoriali. E così i mesi da uno sono diventati otto.
Mi dia retta, cara Presidente, la ritualità non va bene la dove ci sono neonati ed il massimo dei dolori, quello delle madri a cui vengono sottratti bambini senza che possano capire il perché, o quale reato abbiano commesso.
La saluto, con piena comprensione della difficoltà della Sua missione, sempre disponibile al confronto.

Trento Corriere Alpi (21 luglio 2010)

***

Trento, parla la mamma a cui i giudici
hanno tolto il figlio: "Grazie per gli aiuti"


TRENTO.
«Grazie a tutti quelli che, in questi giorni, si sono mossi per aiutarmi. Al mondo c’è tanta brava gente». La mamma trentina alla quale è stato tolto il figlio al momento del parto dal tribunale dei minori è rimasta colpita dalla gara di solidarietà scaturita dalla sua storia.

Attraverso il suo legale la mamma ringrazia chi si è mobilitato, ma allo stesso tempo chiede che venga rispettata la sua privacy. Intanto, le offerte d’aiuto non si fermano e s’intravede anche il lieto fine: nel mese di agosto la giovane donna potrebbe riabbracciare finalmente suo figlio.
Il condizionale è d’obbligo, poiché non c’è ancora nulla di certo. Se non il fatto che in questi mesi gli incontri con il perito nominato dal tribunale dei minori sono andati sempre meglio.

Ma facciamo un passo indietro. A gennaio, su segnalazione degli assistenti sociali, il tribunale aveva deciso di sottrarre il figlio alla madre per «incapacità genitoriale» ed avviare la procedura di adottabilità. Decisione presa senza che il giudice avesse mai visto la giovane donna. Solo dopo un mese (a febbraio) c’ è stato il primo colloquio. È stato nominato il perito, che ha iniziato una serie di incontri, verificando che la giovane donna non sarebbe poi così «inadeguata». La sentenza dovrebbe esserci prima di Ferragosto ed è probabile che la ragazza possa finalmente riabbriacciare suo figlio. Anche se nessuno potrà ridare loro questi 8 mesi passati lontani.

Intanto, comunque, non si ferma la gara di solidarietà. Il gruppo nato su Facebook è già arrivato a quota 2.000 iscritti. E dopo l’a ssociazione «Salvamamme», che si è offerta di inviare a Trento un camper carico di prodotti per neonati, altre realtà si stanno mobilitando. È il caso dell’associazione «Papa Giovanni XXIII» che attraverso il responsabile della comunità di don Benzi, Giovanni Paolo Ramonda, offre la disponibilità ad «accogliere la mamma e il suo bambino in una delle nostre 253 Case Famiglia italiane. Il rapporto madre-bambino - continua Ramonda - è troppo importante per essere infranto senza le opportune verifiche e separarli alla nascita è un atto di estrema violenza».

Ieri sulla vicenda è tornato anche Giuseppe Raspadori, lo psicoterapeuta che martedì scorso aveva sollevato la questione. «Non ho mai detto che il bambino è stato sottratto per questioni economiche. Il mio obiettivo - ha specificato Raspadori - non era quello di fare emergere un caso limite come questo, nel quale il tribunale dei minori di Trento ha in ogni caso agito contro natura giudicando la madre «inadeguata» quando era ancora legata a suo figlio col cordone ombelicale, ma per denunciare il sistema sbagliato attraverso il quale spesso si valutano queste situazioni. Invece di partire nella valutazione da come sta il bambino, si giudica il profilo psicologico della madre e da questo si valuta o meno la «capacità genitoriale», che è un falso scientifico, poiché non è riportata in alcun manuale di psicologia. In questo modo si rischia di togliere troppi bambini alle loro madri. E questo - ha concluso lo psicoterapeuta - è mostruoso».

Trento Corriere Alpi
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/07/2010 @ 23:25:14, in Magistratura, linkato 3432 volte)
Atteso al tribunale il giudice Guido Salvini


Il gip di Milano Guido Salvini entrerà a far parte dell'organico del tribunale di Cremona. Ad annunciare l'eccellente arrivo è stato il presidente del palazzo di giustizia Carlo Maria Grillo, dopo aver inoltrato richiesta di applicazione extradistrettuale. Salvini arriverà in città entro il 4 agosto e ci rimarrà per un periodo di sei mesi. Lavorerà come gip e avrà anche occasione di presiedere i processi. Figura moto nota negli ambienti giudiziari, Salvini ha alle spalle un curriculum di tutto rispetto: ha condotto indagini in materia di terrorismo e alla fine degli anni Ottanta ha riaperto l'inchiesta sulla strage di piazza Fontana, riuscendo a ricostruire in modo convincente il periodo della strategia della tensione, con nuovi elementi di conoscenza su numerosi eventi dell'epoca e costituendo una delle principali fonti su cui si è basata la ricostruzione di quel periodo condotta dalla Commissione Parlamentare sulle stragi e il terrorismo.

 Il 12 dicembre del 2007 il giudice Salvini era stato ospite a Cremona in occasione del 38simo anniversario della strage, avvenuta il 12 dicembre del 1969 a Milano. Nel carcere di via Cà del Ferro il magistrato milanese aveva presenziato alla conclusione del lavoro di digitalizzazione degli atti del processo svolto dai detenuti della cooperativa Labor tramite il sistema Digit & Work. «Non è vero che piazza Fontana è stata una strage senza padri e senza firma», aveva detto il giudice. «Anche nelle sentenze di assoluzione è scritto in modo inequivocabile, pur senza giungere alla condanna degli autori materiali, che responsabile dell'eccidio fu il gruppo neonazista Ordine Nuovo, e quindi esiste un preciso e definitivo contesto politico in cui la strage va collocata». Nell'occasione, Salvini aveva ringraziato i detenuti di Cremona per la preparazione degli atti e per la loro digitalizzazione. «Il salvataggio del nostro passato è diventato così anche una tappa del reinserimento nella società di alcuni carcerati. Una ragione in più per dire che, non dimenticando il dolore che rimane dietro i fogli dematerializzati, il processo per piazza Fontana non è stato inutile».

Guido Salvini si è anche occupato di casi di criminalità economico- finanziaria (caso Parmalat ed EniPower), del sequestro e dell'omicidio del finanziere Gianmario Roveraro, del terrorismo di matrice fondamentalista islamica e dell'indagine sulle nuove Brigate Rosse, con un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti degli appartenenti al Partito Comunista Politico- Militare che avevano ricostituito cellule a Milano e in Veneto. Tra il 2004 e il 2006 Salvini è stato consulente della Commissione Parlamentare d'inchiesta sull'occultamento dei fascicoli relativi a stragi nazifasciste e nel 2007 è stato consulente della Commissione parlamentare Antimafia. Da sempre impegnato sui temi della giustizia, da molti anni affianca l'attività professionale con dibattiti e incontri presso università, enti locali, associazioni e circoli giovanili. Oltre al giudice milanese, altri arrivi sono previsti dopo l'estate per far fronte alla carenza di organico del tribunale di Cremona: il presidente Grillo, su richiesta di applicazione distrettuale, è riuscito ad ottenere, per almeno sei mesi, anche la presenza del giudice Ivan Brigantini, del tribunale di Mantova, mentre l'ingresso del magistrato Francesco Sora, giudice civile nella sede distaccata di Morbegno del Tribunale di Sondrio, è previsto per la fine di agosto.
 
Il giudice Sora, insieme alla collega Alessandra Medea Marucchi, pm di Brescia, in attesa del suo terzo figlio, aveva fatto domanda di trasferimento a Cremona (l'arrivo in tribunale della Medea Marucchi è previsto per febbraio/marzo del prossimo anno). Nell'aprile del 2011, dopo un periodo di tirocinio, si insedieranno anche due giovani magistrati, uno proveniente da Trento e l'altro da Venezia. Dopo la partenza dei giudici Serena Nicotra e Cristina Ferrari, che hanno già raggiunto le loro nuove sedi lavorative, rispettivamente Milano e Reggio Emilia, ora tocca al presidente di sezione Grazia Lapalorcia. Il magistrato raggiungerà Roma per lavorare in Corte di Cassazione, mentre i due colleghi Marco Cucchetto e Massimo Vacchiano sono attesi a Brescia, per entrambi nuova sede lavorativa (il giudice Cucchetto in Tribunale, mentre il collega Vacchiano in Corte d'Appello). Tutti lasceranno Cremona entro fine anno. Il posto del presidente di sezione sarà messo a concorso, ma già ci sono due magistrati interni che hanno fatto domanda per ottenere l'incarico: sono i giudici Tito Preioni e Pierpaolo Beluzzi, entrambi qualificati, grazie alla loro lunga esperienza, per ricoprire il ruolo lasciato vacante dalla collega Lapalorcia.

Non si sa invece se e quando il giudice Clementina Forleo rientrerà a Cremona. Sicuramente la sua assenza si protrarrà ancora per qualche tempo Il magistrato, infatti, è in attesa del suo primo figlio che dovrebbe nascere ad ottobre. In tribunale l'ex gip di Milano, che ha 47 anni, non viene più dal 3 dicembre scorso, dopo l'incidente che l'ha vista coinvolta all'altezza del casello di Lodi. In seguito a quell'uscita di strada, la Forleo, in servizio a Cremona dal primo ottobre 2008, era rimasta a casa in malattia per la frattura di uno zigomo e della mandibola. Secondo la procura di Lodi si sarebbe trattato di un incidentes stradale, mentre per il consulente tecnico del magistrato qualcuno potrebbe aver ridotto la pressione dei due pneumatici anteriori della Opel del magistrato Due tesi contrastanti a fronte delle quali il gup di Lodi non ha accolto la richiesta di archiviazione del fascicolo per lesioni gravi dolose presentata nei giorni scorsi dal pm, fissando un'udienza in camera di consiglio nella quale, in ottobre, le tesi della procura e quelle dei difensori saranno messe a confronto.

redazione@ilpiccologiornale.it

e-CremonaWeb
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/07/2010 @ 23:17:56, in Magistratura, linkato 2095 volte)

INCHIESTA P3

Caliendo interrogato per quasi 5 ore
"Non ho nulla di cui rimproverarmi"

Il sottosegretario alla Giustizia a confronto con il procuratore aggiunto Capaldo e il pm Sabelli. Al centro dell'interrogatorio, la riunione del 23 settembre nella residenza romana di Verdini. L'opposizione preme, Franceschini: "Calendarizzare mozione di sfiducia ad agosto"

ROMA -  Arriva intorno alle 16 a Piazzale Clodio senza rilasciare dichiarazioni, poi viene interrogato per quasi cinque ore dal procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo e dal pm Rodolfo Sabelli, Giacomo Caliendo, il sottosegretario alla Giustizia indagato per violazione della legge Anselmi sulla costituzione delle società segrete nell'ambito dell'inchiesta sull'eolico in Sardegna. Indagine che ha rivelato l'esistenza della cosiddetta P3 1 e portato all'arresto di Flavio Carboni 2, Pasquale Lombardi e Arcangelo Martino.

"Ho riferito fatti, circostanze e indicati testi che possono escludere qualsiasi mia responsabilità - riassume alla fine Caliendo ai cronisti - Sono certo che verrà dimostrato che non ho nulla da rimproverarmi".  E ancora: "Non ho fatto pressioni per la lista Formigoni, mai parlato con i giudici della Consulta, mai avuto a che fare con gli uomini di Carboni". Accompagnato dall'avvocato Paola Severino, che ha concordato il confronto del suo assistito con i pm, Caliendo avrà dovuto indicare soprattutto i suoi "fatti, circostanze e testimoni" in relazione all'ormai famosa riunione del 23 settembre 2009 nella residenza romana del coordinatore del Pdl Denis Verdini 3. Summit che vide la partecipazione di Flavio Carboni, del magistrato di Cassazione Antonio Martone e di Arcibaldo Miller, capo del servizio ispettivo del ministero di Giustizia.

L'articolo prosegue su La Repubblica

Secondo l'accusa, in quella occasione si affrontarono molti dei temi riportati nell'ordinanza di custodia cautelare che ha portato in carcere i tre della cosiddetta P3. In particolare, l'intervento presso i giudici della Corte Costituzionale con riferimento al lodo Alfano. Movimenti e attività a cui Caliendo nei giorni scorsi ha detto di essere totalmente estraneo, di non aver mai contattato né fatto elenchi di giudici della Consulta favorevoli o contrari al lodo.

Al pranzo a casa di Verdini a palazzo Pecci Blunt il 23 settembre scorso Caliendo dice ai pm di esserci stato, "ma solo trenta minuti poi avevo impegni di lavoro". Dunque non avrebbe sentito né preso parte a presunte condotte illecite decise quel giorno. Il sottosegretario sottolinea inoltre di non avere mai parlato "con i giudici della Consulta circa la decisione sul Lodo Alfano" e di non avere mai avuto "contatti con nessuno del gruppo di Carboni". Tranne Pasquale Lombardi "perché organizzava convegni ma con lui - dice ai magistrati - avevo un rapporto distaccato". Caliendo nega anche di avere fatto pressioni sugli ispettori a proposito dell'esclusione della lista Formigoni dalle regionali in Lombardia. "Ho invece solo espresso un parere favorevole su Marra, un parere professionale ma mai fatto pressioni",  precisa a proposito della nomina di Marra alla Corte d'Appello di Milano.

Lunedì pomeriggio sarà sentito come testimone il governatore della Lombardia Roberto Formigoni e nei giorni successivi potrebbero essere convocati a Piazzale Clodio, sempre come persone informate sui fatti, l'ex presidente della Cassazione Vincenzo Carbone, Miller e Martone, fresco di dimissioni.

Mentre Caliendo risponde alle domande dei pm, l'opposizione sollecita la calendarizzazione ad agosto della mozione di sfiducia nei confronti del sottosegretario alla Giustizia. E' Dario Franceschini, presidente dei deputati Pd, a spiegare che "se la prossima settimana la maggioranza vuole portare in aula i due decreti legge in scadenza (su energia e privatizzazione della Tirrenia,ndr) dovrà accettare anche il voto sulla mozione di sfiducia".

La maggioranza ha ottenuto l'inversione dell'ordine della discussione, anticipando l'arrivo in aula del ddl intercettazioni rispetto agli altri due decreti. Per il Pd, dovrà ora dare il via libera anche al voto sulla mozione di sfiducia a Caliendo. D'altronde "è un nostro diritto in base al regolamento della Camera (l'opposizione può determinare il 20 per cento del calendario dei lavori) - ribadisce Franceschini - come ha correttamente riconosciuto il Presidente Fini". La decisione è rinviata alla prossima riunione dei capigruppo, fissata per lunedì pomeriggio.

30 luglio 2010

La Rassegna

P3, Caliendo per cinque ore dai pm

Corriere della Sera - ‎27 minuti fa‎
ROMA - È durato più di cinque l'interrogatorio di Giacomo Caliendo. Nell'ambito del'inchiesta sulla presunta associazione segreta, il sottosegretario alla Giustizia ha risposto alle domande del procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo assieme al pm ...

22:26 P3/ Cinque ore interrogatorio per Caliendo che nega ogni accusa

APCOM - ‎38 minuti fa‎
Roma, 30 lug. (Apcom) - Cinque ore di interrogatorio per negare ogni accusa. Il sottosegretario alla Giustizia, Giacomo Caliendo, ha escluso con forza di aver avuto a che fare con la cosiddetta P3. Ai magistrati della procura di Roma che lo hanno ...

P3, il sottosegretario Caliendo per 5 ore davanti ai pm: "Su di me ...

Adnkronos/IGN - ‎1 ora fa‎
Roma - (Adnkronos/Ign) - A Palazzo di Giustizia è stato ascoltato in merito all'inchiesta sull'eolico: "Sarà accertato l'assenza di responsabilità". Franceschini chiede l'avvio di una mozione di sfiducia nei suoi confronti. Gli inquirenti: "Dell'Utri ...

P3/Caliendo:Dato chiarimenti a Pm, non ho nulla da rimproverarmi

APCOM - ‎1 ora fa‎
Roma, 30 lug. (Apcom) - "Ho fornito fatti, circostanze e testimoni. Sarà accertato che non ho nulla da rimproverarmi". Lo ha dichiarato il sottosegretario alla Giustizia, Giacomo Caliendo, al termine dell'interrogatorio alla Procura di Roma. ...

P3, Caliendo interrogato dai pm."Verrà dimostrata mia innocenza"

TGCOM - ‎1 ora fa‎
Il sottosegretario alla Giustizia, Giacomo Caliendo, è stato interrogato per cinque ore dal procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo e al pm Rodolfo Sabelli nell'ambito del'inchiesta sulla cosiddetta P3. All'uscita, Caliendo ha dichiarato: "Ho riferito ...

P3: Caliendo, sara' dimostrato che non ho fatto nulla

ANSA.it - ‎1 ora fa‎
ROMA - ''Ho riferito fatti, circostanze e indicati testi che possono escludere qualsiasi mia responsabilita'. Sono certo che verra' dimostrato che non ho nulla da rimproverarmi''. Lo ha detto il sottosegretario alla Giustizia Giacomo Caliendo uscendo ...

Caliendo interrogato per ore dai pm L'opposizione preme per la ...

La Repubblica (Comunicati Stampa) - ‎2 ore fa‎
Il sottosegretario alla Giustizia a confronto con il procuratore aggiunto Capaldo e il pm Sabelli. Al centro dell'interrogatorio, la riunione del 23 settembre nella residenza romana di Verdini. L'opposizione preme, Franceschini: "Calendarizzare mozione ...

P3/ Iniziato interrogatorio di Caliendo in Procura Roma

APCOM - ‎5 ore fa‎
Roma, 30 lug. (Apcom) - E' iniziato da pochi minuti l'interrogatorio del sottosegretario alla Giustizia, Giacomo Caliendo, alla Procura di Roma. Il sottosegretario, accompagnato dall'avvocato Paola Severino, viene ascoltato dal procuratore aggiunto ...

Inchiesta eolico: P3, Caliendo a Palazzo di Giustizia

Il Secolo XIX - ‎6 ore fa‎
Roma, 30 lug. - (Adnkronos) - Il sottosegretario alla Giustizia Giacomo Caliendo e' giunto a Palazzo di Giustizia di piazzale Clodio verso le 16 per essere interrogato come indagato per la violazione della legge Anselmi che vieta la costituzione di ...

P3, in Procura è il giorno di Caliendo

La Stampa - ‎14 ore fa‎
Il sottosegretario alla giustizia, Giacomo Caliendo, sarà interrogato oggi alle 18 dagli inquirenti della Procura di Roma, nell'ambito dell'inchiesta sulla cosiddetta P3. L'incontro con i magistrati è stato concordato mercoledì dal difensore di ...

In ogni caso, e' stato fatto notare, i riferimenti a "Cesare" non ...

Rainews24 - ‎29/lug/2010‎
Alcune delle operazioni del Credito Cooperativo Fiorentino, presieduto fino a pochi giorni fa da Denis Verdini e ritenute irregolari dalla Banca d'Italia, sono sotto la lente di ingrandimento della procura di Roma che indaga sulla P3. ...

LA NOTIZIA: P3, GIUDICE MARTONE LASCIA LA TOGA (ORE 14)

Elezioni-oggi - ‎29/lug/2010‎
sull'eolico e la loggia P3.A Martone non e' stato conferito il titolo onorifico di procuratore generale aggiunto della Corte di Cassazione, parificato come prevede la legge, “a ogni effetto giuridico ed economico a quello di presidente aggiunto della ...

L'inchiesta sulla P3 fa tremare il governo

Cultumedia.it - ‎29/lug/2010‎
L'inchiesta sulla loggia massonica, denominata P3, sta facendo tremare la maggioranza di governo. Dopo Verdini, Dell'Utri e Cosentino, è il turno di Giacomo Caliendo, sottosegretario alla Giustizia. Berlusconi aveva bollato l'inchiesta come la solita ...

Inchiesta eolico: Denis Verdini, non ho responsabilità e non mi ...

Italia News - ‎29/lug/2010‎
(IAMM) Nonostante esponenti del Pdl avrebbero chiesto le dimissioni di Denis Verdini dall'incarico di capogruppo del partito, lui stesso avrebbe fatto sapere che non avrebbe nessuna intenzione di dimettersi. Verdini è indagato nell'ambito ...

Un sottosegretario nella loggia. Cosi' Caliendo aiutava la P3

Antimafia Duemila - ‎28/lug/2010‎
Marcello Dell'Utri non parla e invita a non parlare. Lui che nelle inchieste più importanti è sempre presente, costantemente sulla bocca di boss e indagati, puntualmente in contatto con la persona sbagliata al momento sbagliato la lezione ormai la ha ...

P3: Caliendo interrogato venerdi'

ANSA.it - ‎28/lug/2010‎
(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Il sottosegretario alla giustizia Caliendo sara' interrogato venerdi' prossimo dal procuratore aggiunto Capaldo e dal sostituto Sabelli. Caliendo, che sara' ascoltato nell'ambito dell'inchiesta sulla cosiddetta P3 e difeso ...

P3: VENERDI' INTERROGATORIO IN PROCURA PER CALIENDO

La Repubblica - ‎28/lug/2010‎
Il sottosegretario alla Giustizia, Giacomo Caliendo, sara' interrogato venerdi' dai pm di Roma. I magistrati lo hanno iscritto nel registro degli indagati per violazione della legge Anselmi sulle societa' segrete. Oggi il difensore di Caliendo, ...

P3, Caliendo: "Non ho commesso nulla, non mi dimetto"

Tg1 - www.tg1.rai.it - ‎28/lug/2010‎
Il sottosegretario alla Giustizia risponde a chi gli chiede di lasciare dopo che il suo nome è finito nel registro degli indagati per violazione della legge sulle associazioni segrete. Dal presidente del Consiglio "ampia solidarietà e piena fiducia". ...

P3, il sottosegretario Caliendo non si dimette: «Non ho commesso ...

Barimia - ‎28/lug/2010‎
Dopo l'interrogatorio del coordinatore nazionale del Pdl Denis Verdini e dopo la scena muta del senatore Marcello Dell'Utri davanti ai pm di Roma, tocca ora al sottosegretario alla Giustizia Giacomo Caliendo (nella foto), sul cui capo pende ora ...

“P3”, Caliendo: Mozione di sfiducia? Discutiamola, chiariremo i fatti

Il Velino - ‎28/lug/2010‎
Roma, 28 lug (Il Velino) - Discutere alla Camera nella prima settimana di agosto la mozione di sfiducia (più precisamente, per il ritiro delle deleghe, visto che si parla di un sottosegretario) avente come bersaglio Giacomo Caliendo? ...

P3/ Caliendo si difende: "Dimettermi? Non ho fatto niente"

Affaritaliani.it - ‎28/lug/2010‎
Alle dimissioni per il momento non ci pensa proprio. A meno che non sia il suo partito a chiedergliele. Dopo aver appreso di essere stato iscritto nel registro degli indagati nell'ambito dell'inchiesta P3, il sottosegretario alla Giustizia, ...

P3: Caliendo, non ho commesso niente

ANSA.it - ‎28/lug/2010‎
(ANSA) - ROMA, 28 LUG - 'Rispondo dei fatti e di fatti non ne ho commessi'. Giacomo Caliendo replica alla mozione di sfiducia dell'opposizione nei suoi confronti. 'Dall'ordinanza, continua, si capisce che in quella riunione in cui si e' parlato di Lodo ...

P3, Caliendo: "Dimissioni? Non ho commesso niente"

Giornalettismo - ‎28/lug/2010‎
Il sottosegretario alla Giustizia non ha nessuna intenzione di lasciare il suo posto dopo aver appreso di essere indagato per violazione della legge Anselmi sulle associazioni segrete nell'ambito dell'inchiesta sulla cosiddetta Loggia P3. ...

P3, Caliendo: "Non mi dimetto"

TGCOM - ‎28/lug/2010‎
"Non ho nessuna contrarietà a discutere" della mozione di sfiducia in Parlamento che il Pd ha presentato e che vuole sia messa ai voti prima della pausa estiva dei lavori, "ma non mi dimetto". Il sottosegretario alla Giustizia, Giacomo Caliendo, ...

Inchiesta eolico: Caliendo, ben venga mozione sfiducia, si parlera ...

University.it (Comunicati Stampa) - ‎28/lug/2010‎
Roma, 28 lug. (Adnkronos) - Il sottosegretario Giacomo Caliendo conferma l'intenzione di restare al suo posto: "Non ho commesso nulla, quando mi contesteranno un fatto mi dimettero', ma siccome non ho commesso fatti scorretti, non ho commesso nulla, ...

P3/ Caliendo, non ho fatto niente e non mi dimetto

Affaritaliani.it - ‎28/lug/2010‎
Giacomo Caliendo non ha nessuna intenzione di lasciare l'incarico di sottosegretario alla Giustizia, anche se l'opposizione e' intenzionata a insistere sulla mozione di sfiducia nei suoi confronti. "Non ho commesso nulla", ha assicurato ai cronisti in ...

P3: Giacomo Caliendo indagato dai Pm romani. Silvio Berlusconi ...

Iamm e-press - ‎28/lug/2010‎
(IAMM) E' ormai diventato un classico degno dei migliori romanzi thriller: un governo che da mesi vede propri esponenti indagati e che man mano si dimettono. Prima Scaloja, poi Brancher, il sottosegretario Cosentino e adesso la storia rischia di ...

P3: indagato il sottosegretario Giacomo Caliendo. Silvio ...

Italia News - ‎28/lug/2010‎
(IAMM) Il sottosegretario alla giustizia, Giacomo Caliendo, è indagato dai magistrati romani per la presunta appartenenza alla loggia segreta P3, inchiesta nata da quella più ampia degli appalti sull'Eolico in Sadegna. L'accusa che viene contestata dai ...

P3: CALIENDO, MAI UN AFFARE SPORCO. PERCHE' DOVREI DIMETTERMI?

Agenzia di Stampa Asca - ‎28/lug/2010‎
(ASCA) - Roma, 28 lug - ''La fiducia di Berlusconi e la mia coscienza mi danno la certezza matematica di non aver commesso nulla. Non dico di illecito, ma nemmeno di scorretto''. E' con queste parole che il sottosegretario alla Giustizia, ...

P3, Caliendo indagato per violazione della legge Anselmi ...

Adnkronos/IGN - ‎28/lug/2010‎
Roma - (Adnkronos/Ign) - Il sottosegretario alla Giustizia iscritto nel registro degli indagati per violazione degli art. 1 e 2 della legge Anselmi. Dopo Verdini, è il giorno di Dell'Utri davanti al magistrato: ''Ho imparato a stare zitto''. ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/07/2010 @ 23:10:39, in Osservatorio Famiglia, linkato 2296 volte)
La famiglia ritiene che quel sottotetto fosse una squallida alcova. L'avvocato di famiglia ribadisce che quelle analisi sono ininfluenti essendo presente la "firma" dell'omicida seriale. Io, per una volta tanto, la penso proprio come l'avvocato e aggiungo che l'uomo non si sarebbe mai trasferito all'estero se provasse un qualche tipo di affezione verso il luogo. E' un seriale che usa una firma feticista, ma fino ad ora non è dato di sapere se sia anche un collezionista.  L.M.

Claps/ Tracce di sperma nel sottotetto non sono di Restivo

Esisto negativo per il confronto con il Dna dell'indagato


Potenza, 30 lug. (Apcom) - I periti guidati dal professor Vincenzo Pascali, direttore dell'istituto di medicina legale dell'Università Cattolica di Roma, hanno isolato il Dna di Danilo Restivo, unico indagato per l'omicidio di Elisa Claps - la studentessa potentina scomparsa il 12 settembre del 1993 - da oggetti personali sequestrati dalla polizia inglese alcuni mesi fa e inviati in Italia su richiesta della magistratura di Salerno.

Il profilo genetico dell'indagato è stato confrontato con i campioni di Dna di due uomini estratti dalle tracce di sperma trovate nel sottotetto della Chiesa della Trinità di Potenza, luogo in cui il 17 marzo scorso sono stati trovati i resti della ragazza. L'esito, a quanto si apprende, è stato negativo.

La Rassegna

Caso Claps, il Dna non è di Restivo

La Stampa - ‎2 ore fa‎
Il campione genetico dell'indagato confrontato con quelli trovati nel sottotetto dove fu trovato il corpo: esito negativo. I legali: non c'entra I due diversi Dna maschili isolati tra i reperti del sottotetto della Chiesa della Santissima Trinità di ...

Elisa Claps: Non è di Danilo Restivo il dna trovato nel sottotetto

Newnotizie - ‎14 minuti fa‎
Forse una sorpresa: dalle analisi del dna, c'era infatti da aspettarsi una conferma della presenza del sospettato numero uno per l'omicidio di Elisa Claps, Danilo Restivo, nel sottotetto della Chiesa della Santissima Trinità di Potenza, luogo in cui il ...

CLAPS: DNA TROVATO NEL SOTTOTETTO NON E' DI RESTIVO

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎2 ore fa‎
(AGI) - Salerno, 30 lug. - I campioni di dna presi nel sottotetto della chiesa in cui fu trovato il corpo di Elisa Claps non corrispondono a Danilo Restivo. "Sapevamo fin dall'inizio che non sarebbero stati attribuiti a Danilo Restivo" ha detto il ...

Caso Claps, i due Dna nel sottotetto non sono di Restivo

Libero-News.it - ‎4 ore fa‎
'esame dei due Dna prelevati dal sottotetto della Chiesa della Trinità di Potenza, in cui è stato ritrovato il corpo di Elisa Claps, avrebbe potuto incidere una svolta nel caso della studentessa assassinata e inchiodare l'unico indagato per l'omicidio. ...

Salerno: caso Claps, dna non e' di Restivo

Libero-News.it - ‎2 ore fa‎
Salerno, 30 lug. (Adnkronos) - Appartengono a due uomini diversi e tra questi non c'e' Daniele Restivo i due dna esaminati dai periti dell'Istituto di medicina legale dell'Universita' Cattolica di Roma. I due dna, isolati tra i tanti altri recuperati ...

Claps: 2 dna isolati non sono di Restivo

ANSA.it - ‎3 ore fa‎
(ANSA) - ROMA, 30 LUG - Non e' di Danilo Restivo ne' il primo ne' il secondo Dna, appartenenti a due uomini, isolati tra i reperti del caso Claps. I reperti sono stati sequestrati nel sottotetto della Chiesa della Trinita' di Potenza, dove il 17 marzo ...

Omicidio Claps, il Dna ritrovato non è di Restivo

Julie News - ‎2 ore fa‎
POTENZA – Il Dna estratto dalle tracce di sperma trovate nel sottotetto della Chiesa della Trinità a Potenza non appartengono a Danilo Restivo. L'annuncio è arrivato questa sera, dopo l'esame del reperto. Salta così l'ipotesi secondo la quale il ...

Claps/ Tracce di sperma nel sottotetto non sono di Restivo

APCOM - ‎3 ore fa‎
Potenza, 30 lug. (Apcom) - I periti guidati dal professor Vincenzo Pascali, direttore dell'istituto di medicina legale dell'Università Cattolica di Roma, hanno isolato il Dna di Danilo Restivo, unico indagato per l'omicidio di Elisa Claps - la ...

Caso Claps, non sono di Restivo i due dna isolati nel sottotetto ...

Adnkronos/IGN - ‎1 ora fa‎
Salerno - (Adnkronos/Ign) - Appartengono a due uomini diversi e non corrispondono con il profilo genetico dell'unico indagato secondo l'esame dei periti dell'Istituto di medicina legale dell'Università Cattolica di Roma. Ad agosto i funerali di Elisa. ...

Caso Elisa Claps: non è di Restivo il dna trovato sul luogo del ...

Informazione libera net1news - ‎1 ora fa‎
POTENZA - Clamorosa svolta nelle indagini per scoprire chi ha assassinato Elisa Claps. Il corpo della ragazza è stato ritrovato il 17 marzo scorso nel sottotetto della Chiesa della Trinità di Potenza, ma ancora non si riesce a dare un nome all'omicida. ...

Caso Claps, l'inchiesta si complica Il Dna non è di Danilo Restivo

La Repubblica (Comunicati Stampa) - ‎4 ore fa‎
ROMA - Non è di Danilo Restivo, indagato per omicidio, nè il primo nè il secondo Dna isolati tra i numerosissimi reperti sequestrati nel sottotetto e nei locali attigui della Chiesa della Trinità di Potenza, dove il 17 marzo scorso è stato ritrovato il ...

» CASO CLAPS: DNA ISOLATI IN SOTTOTETTO NON SONO DI RESTIVO

Telenorba.it - ‎4 ore fa‎
SI INFITTISCE SEMPRE PIù IL MISTERO SULLA MORTE DI ELISA CLAPS. DA SALERNO ARRIVA LA NOTIZIA CHE NON è DI DANILO RESTIV... continua NUOVO SBARCO DI CLANDESTINI NEL SALENTO. A DISTANZA DI APPENA 24 ORE DALL'ARRIVO A BORDO DI UNA BARCA A VELA DI 48 ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
NUOVO ORDINAMENTO PROFESSIONALE:
LE CONTRADDIZIONI DI QUESTA AMMINISRAZIONE



Documento Unitario
 

In allegato un documento unitario che elenca tutte le contraddizioni che questo contratto integrativo introduce nell'ordinamento professionale;

E' utile sapere che, una volta firmato il 29.7.2010, il CCNI entra subito in vigore.

Allo scopo di tutelare le varie figure professionali, forniamo un vademecum leggero per i lavoratori alle prese con l'Ordinamento Professionale imposto dal contratto "truffa". E' opportuno sottolineare che, in particolare per le figure professionali che con il vecchio ordinamento insistevano su due aree diverse (cancelliere, ufficiale giudiziario, esperto informatico, contabile, esperto linguistico), dopo la separazione delle figure professionali che questo nuovo Ordinamento impone, deve essere rispettato il principio che lo stesso lavoro non può stare su due aree diverse.

La RdB P.I., unitariamente a tutte le sigle sindacali non firmatarie, sarà sin da subito al fianco dei lavoratori perché si rispetti la rigidità delle mansioni e non ci siano abusi da parte di chicchessia, se regole ci sono dovranno essere rispettate e non saranno più tollerate prassi e consuetudini, molto in voga sino ad oggi negli uffici giudiziari.
 
Saluto tutti
Daniela Rosone
Rappresentanze di Base - Pubblico Impiego


http://www.giustiziaquotidiana.it/public/OOSS_con_USB.jpg

Il Documento


Negli uffici giudiziari, dopo che per oltre 6 mesi l’Amministrazione e le OO.SS. firmatarie - minoritarie - della ipotesi di accordo sul CCNI hanno taciuto gli effetti sui flussi di lavoro, ci si chiede cosa cambierà nel lavoro quotidiano.

E’ utile sapere che, una volta firmato il 29.7.2010, il CCNI entra subito in vigore.

Allo scopo di tutelare le varie figure professionali, forniamo un vademecum leggero per i lavoratori alle prese con l’Ordinamento Professionale imposto dal contratto “truffa”. E’ opportuno sottolineare che, in particolare per le figure professionali che con il vecchio ordinamento insistevano su due aree diverse (cancelliere, ufficiale giudiziario, esperto informatico, contabile, esperto linguistico), dopo la separazione delle figure professionali che questo nuovo Ordinamento impone, deve essere rispettato il principio che lo stesso lavoro non può stare su due aree diverse.

In poche parole non si può più sottostare al principio ‘facciamo di tutto e di più’ poiché se sino ad oggi ciò è stato fatto con spirito di collaborazione e nella convinzione che una situazione di chiara ingiustizia sarebbe prima o poi stata sanata da oggi in poi, con la firma di questo Ordinamento vergognoso, ciò non sarà più possibile.


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< giugno 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










17/06/2019 @ 20.34.36
script eseguito in 516 ms