\\ Home Page : Articolo : Stampa
Pedofilia, chiesto sopralluogo nella villa di Rignano Flaminio
Di Loredana Morandi (del 21/08/2010 @ 08:30:13, in Osservatorio Famiglia, linkato 1429 volte)
Brava Roberta! L.M.

Pedofilia, chiesto sopralluogo

nella villa di Rignano Flaminio


Si tratta dell'abitazione di Deticek Jasna, la donna slovena indagata nell'ambito dell'inchiesta-bis sugli abusi sessuali nella scuola Olga Rovere e oggi irreperebile. Secondo il legale di uno dei bambini avrebbe a che fare con il "castello cattivo" o "la casa degli orchi" descritti dalle piccole vittime

Potrebbe nascondere dettagli preziosi e utili alle indagini la villa alle porte di Rignano Flaminio, attualmente sotto sequestro, frequentata per un lungo periodo da Deticek Jasna, una donna slovena resasi irreperibile dopo essere stata iscritta sul registro degli indagati della procura di Tivoli per sequestro di persona, violenza privata e sottrazione di minori in concorso con ignoti nell'ambito del procedimento-bis sugli abusi sessuali compiuti su decine di bambini della scuola materna 'Olga Rovere' dal 2001 al 2006. A sostenerlo è l'avvocato Pietro Nicotera che, in qualità di difensore di parte offesa per conto di un bimbo, ha presentato nei giorni scorsi al pm di Tivoli, Maria Domenica Perna, e all'ufficio gip una richiesta di autorizzazione ad accedere ai luoghi oggetto di indagine.

In particolare, il legale, che ha nominato tre consulenti tecnici (la psicologa e criminologa Roberta Bruzzone e gli investigatori privati Oscar Candian e Simone Bonifazi), ha chiesto il via libera per entrare nella villa, "ritenuta luogo di consumazione di gravi reati nei confronti di minori", per poter prendere "visione dello stato dei luoghi e delle cose nonché per eseguire rilievi tecnici, grafici, planimetrici, fotografici e audiovisivi". L'auspicio del penalista è che dagli accertamenti legati alle sue indagini difensive, regolarmente previste dalla legge, "possano emergere elementi utili per il processo già in corso che prenderà il via il 22 settembre prossimo, dal momento che i bambini individuati sino a oggi come parti offese dal pm Perna (ben otto) compaiono anche tra le parti offese del processo principale", concluso dal pm Marco Mansi".

Il processo in tribunale, al momento, vede imputati le maestre Marisa Pucci, Silvana Magalotti e Patrizia Del Meglio, il marito di quest'ultima, lo sceneggiatore tv Gianfranco Scancarello e la bidella Cristina Lunerti, accusati, a vario titolo, delle violenze compiute su una ventina di minori. Da qualche mese, però, la procura di Tivoli ha messo sotto inchiesta questa donna slovena che, secondo gli investigatori, ha vissuto per diverso tempo in una elegante villa con piscina nella frazione di Montelarco, a una decina di chilometri da Rignano, finita sotto sequestro e setacciata dai carabinieri del Ris dopo la dettagliata descrizione fatta da alcuni bambini, già sentiti in incidente probatorio come vittime degli abusi nell'ambito del filone principale di indagine.

Quella donna, che lì viveva con la figlia (ormai maggiorenne), sarebbe fuggita via, forse a Maribor, prima di finire nel mirino della magistratura. Adesso anche le parti civili, a cominciare dall'avvocato Nicotera, vogliono capire se quella villa abbia a che fare effettivamente con il "castello cattivo" o "la casa degli orchi", come denunciato ai genitori dalle piccole vittime.

http://roma.repubblica.it/cronaca/2010/08/19/news/rignano-6374425/