\\ Home Page : Articolo : Stampa
Allarme dei lavoratori della Giustizia Minorile aquilana
Di Loredana Morandi (del 06/08/2009 @ 19:02:59, in Sindacati Giustizia, linkato 1165 volte)
Allarme dei lavoratori della Giustizia Minorile aquilana


L'Aquila, 6 ago - I lavoratori della Giustizia Minorile di L'Aquila: Centro per la Giustizia Minorile, Istituto Penale per i Minorenni, Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni, Centro di Prima Accoglienza, sono preoccupati per il rischio di trasferimento dall'Aquila dei servizi che essi svolgono.
Tale preoccupazione deriva dalle notizie diffuse dalla stampa e confermate dal dirigente locale del Centro per la Giustizia Minorile, dell'occupazione dei locali, in cui vengono svolti i servizi richiamati, da parte della Facoltà di Lettere dell'Università dell'Aquila.
Alcuni dei servizi della Giustizia Minorile hanno continuato a funzionare regolarmente dopo il 6 aprile, altri sono quasi totalmente occupati da uffici della Giustizia Ordinaria che hanno avuto le loro sedi danneggiate, altri come l'Istituto Penale per i Minorenni sono stati evacuati per motivi di sicurezza.
Fra l'altro dovrebbero iniziare i lavori già appaltati, per  circa 2 milioni di euro, per la ristrutturazione del carcere.
I lavoratori, riuniti in assemblea, hanno proclamato lo stato di agitazione ed hanno inviato una lettera a tutte le autorità interessate, compresi il Sindaco ed i presidenti di Provincia e Regione, per chiedere un loro interessamento al fine di scongiurare l'eventualità di un trasferimento dall'Aquila della sede della Giustizia Minorile.
I lavoratori sono sconcertati come alla messe di parole e di proclami delle istituzioni a tutti i livelli sull'importanza della permanenza a L'Aquila degli Uffici Pubblici come condizione indispensabile per la rinascita della città, non faccia seguito un impegno reale delle istituzioni medesime nel senso auspicato.
I lavoratori sperano che le loro richieste non cadano nel vuoto e che presto possano ottenere le rassicurazioni necessarie per la ripresa, nonostante le difficoltà oggettive che tutti gli aquilani vivono, della loro vita in questa città.

Il Capoluogo