\\ Home Page : Articolo : Stampa
Strage di Bologna: il depistaggio palestinese - di Germano Monti
Di Loredana Morandi (del 06/08/2009 @ 10:43:48, in Politica, linkato 1838 volte)
Dopo le numerose accuse rivolte ai Palestinesi da autorità e terroristi appena scarcerati, posto di seguito una bella analisi di Germano Monti del Forum Palestina su ciò che egli definisce "il depistaggio palestinese". Anche lui, come me, vede la pista del Mossad nelle false attribuzioni della strage ai palestinesi, mi permetto allora una nota all'articolo.
L'anno della strage di Bologna, il 1980, giungeva al compimento di una sanguinosa stagione iniziata subito dopo la cd "Guerra dei 6 giorni", gli anni 70 in cui il Mossad avrebbe perseguitato gli esponenti di Fatah all'estero, uccidendoli brutalmente a sangue freddo come accadde al primo della serie qui in Italia: il giornalista Wael Zuaiter, compagno della artista israeliana Janet Venn Brown, a Roma in via Crescenzio a pochi passi dal Vaticano.
Nel 1980, infatti, si celebrava il processo agli uomini del commando del Mossad, il servizio segreto israeliano, che aveva ucciso Wael nel 1972 e gli atti della Corte di Assise di Roma recano la data di deposito 29 dicembre 1980. A mio avviso il Mossad, allora sotto processo, aveva una motivazione di ferro all'atto di minacciare lo Stato Italiano con una strage. La via di contatto con il terrorismo dei Nar: i servizi segreti italiani deviati, cioè Gladio. A breve la Cupola, eternamente ammanicata con ebraismo e massonerie, tanto che della 'Ndrangheta e della Sacra Corona unita si trovano i rituali, perfettamente identici nella forma, ne avrebbe riproposto il profilo mediatico e sanguinoso per gli omicidi di Falcone e Borsellino. L.Morandi


Strage di Bologna: il depistaggio palestinese




di Germano Monti *

Per una Destra che non vuole solo governare, ma procedere ad una profonda ristrutturazione dell'assetto istituzionale del Paese, ripulire l'album di famiglia dalle immagini più imbarazzanti è una necessità. In altre parole, voler riscrivere la Costituzione repubblicana e antifascista richiede ineluttabilmente la riscrittura della propria storia politica. naturalmente, se si è o si è stati fascisti.Lo stragismo rappresenta sicuramente la pagina più nera della storia italiana contemporanea, con il suo intreccio perverso fra manovalanza fascista, apparati - più o meno occulti - dello Stato e interferenze atlantiche.
Fra tutte le stragi che hanno insanguinato l'Italia, quella alla Stazione di Bologna del 2 agosto 1980 è stata la più feroce, ed anche l'unica in cui è stata raggiunta una verità giudiziaria, con la condanna definitiva dei fascisti Ciavardini, Fioravanti e Mambro.
La verità giudiziaria non coincide sempre e comunque con la realtà effettuale, e l'esercizio della critica anche nei confronti delle sentenze della magistratura è assolutamente legittimo, in certi casi persino doveroso, e questo vale anche per le sentenze sulla strage di Bologna. Tuttavia, quello che sta avvenendo non ha molto a che vedere con il garantismo e l'esercizio del diritto di critica, quanto con un tentativo di revisionismo storico particolarmente straccione, dettato dall'opportunità della contingenza politica.
I critici attuali delle sentenze sulla strage di Bologna non si limitano, come avveniva alcuni anni or sono, a rilevare quelle che per loro sono incongruenze degli investigatori e dei giudici, ma si spingono ad affermare che quelle incongruenze servirono - e servono tuttora - a coprire un'altra verità, sulla quale non si è voluto indagare. Questa "verità" consisterebbe nel coinvolgimento della resistenza palestinese, ed in particolare del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, nella strage, coinvolgimento che sarebbe stato tenuto nascosto in virtù dei patti intercorsi fra i governanti e i servizi segreti italiani di allora con i Palestinesi stessi. Il sostenitore più autorevole di questa tesi è l'ex Presidente Cossiga, cui si sono aggiunti i più alti esponenti della Destra ex fascista, fino all'attuale Presidente della Camera, Gianfranco Fini e, ancora più esplicitamente, l'attuale sindaco di Roma, Gianni Alemanno, sui cui trascorsi squadristi esiste una vasta letteratura.
Nel ventottesimo anniversario della strage, è proprio Alemanno, intervistato da la Repubblica, il più esplicito nel sostenere che quella della colpevolezza dei suoi ex camerati sia una "verità comoda", mentre "c'è un'altra pista, quella del vecchio terrorismo palestinese, che soltanto da poco si è cominciata a esplorare", pista rispetto alla quale "ci sono una marea di riscontri". Nell'intervista, poi, Alemanno ripropone un vecchio cavallo di battaglia dell'estrema destra, quello secondo cui "Nei '70 ci fu una guerra civile strisciante che peraltro cominciò dal maledetto slogan "Uccidere un fascista non è reato", urlato da vari gruppi dell'estrema sinistra che, falliti i loro obbiettivi rivoluzionari, decisero di convogliare tutta la loro energia nell'antifascismo militante. Suscitando ovviamente delle reazioni altrettanto dure da parte dell'estrema destra. E ciò fu un incubatore sia delle Br sia dei Nar". E' una vecchia tesi, cara agli squadristi fascisti e ai terroristi dei Nar; una smaccata bugia, ma qualcuno che Alemanno certamente conosce bene diceva: «Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità», specialmente se a ribadirla sono alte cariche istituzionali, come un ministro della propaganda ieri o un sindaco oggi.Dunque, la strage di Bologna non fu opera di terroristi neri, bensì di Palestinesi. A sostegno di questa ipotesi, sia Alemanno che altri (fra i quali anche Andrea Colombo, ex giornalista del Manifesto ed ora di Liberazione) invitano ad indagare a fondo sulle dichiarazioni del guerrigliero venezuelano conosciuto come "Carlos", detenuto in Francia, e, più in dettaglio, sulla presenza a Bologna, il giorno della strage, di Thomas Kram, cittadino tedesco attualmente detenuto nel suo Paese con l'accusa di appartenenza alle Cellule Rivoluzionarie.
Per quanto riguarda "Carlos", l'intervista da lui rilasciata all'ANSA lo scorso 30 giugno, per il tramite del suo avvocato italiano, in realtà riguarda in massima parte il sequestro di Aldo Moro e quello che, a suo dire, fu un tentativo di mediazione dell'OLP, insieme ad una parte dei servizi segreti italiani, per ottenere la liberazione del presidente democristiano. Dopo aver fornito il suo punto di vista sulle contraddizioni esistenti fra diverse fazioni dei servizi italiani e su altre vicende di quegli anni, "Carlos" risponde alla domanda esplicita dell'intervistatore, Paolo Cucchiarelli, in merito alla strage di Bologna:
Domanda:
Una sola domanda sulla strage di Bologna visti i molti riferimenti fatti da lei nel tempo e che sembrano alludere ad una ipotesi da lei mai espressa ma che potrebbe essere alla base delle sue osservazioni. Cioè agenti occidentali che fanno saltare in aria - con un piccolo ordigno - un più rilevante carico di materiale esplodente trasportato da palestinesi o uomini legati all'Fplp e alla sua rete con l'intento di far ricadere su questa ben diversa realtà politica tutta la responsabilità della strage alla stazione.
Risposta:
L'attentato contro il popolo italiano alla stazione di Bologna "rossa", costruita dal Duce, non ha potuto essere opera dei fascisti e ancora meno dei comunisti. Ciò è opera dei servizi yankee, dei sionisti e delle strutture della Gladio. Non abbiamo riscontrato nessun'altra spiegazione. Accusarono anche il Dottor Habbash, nostro caro Akim, che, contrariamente a molti, moriva senza tradire e rimanendo leale alla linea politica del FPLP per la liberazione della Palestina. Vi erano dei sospetti su Thomas C., nipote di un eroe della resistenza comunista in Germania dal febbraio 1933 fino al maggio 1945, per accusarmi di una qualsiasi implicazione riguardo ad un'aggressione così barbarica contro il popolo italiano: tutto ciò è una prova che il nemico imperialista e sionista e le sue "lunghe dita" in Italia sono disperati, e vogliono nascondere una verità che li accusa.
Insomma, "Carlos" non solo smentisce la "pista palestinese", ma accusa direttamente gli apparati occulti americani, israeliani ed italiani di aver ordito e realizzato la strage. Il fatto che escluda anche la responsabilità dei fascisti, con la bizzarra postilla della stazione "costruita dal Duce", non significa altro che il rafforzamento della sua convinzione di una pista internazionale, ma nella direzione opposta a quella indicata da Cossiga, Fini e Alemanno, da una parte, e da Andrea Colombo dall'altra. Del resto, in tutta la storia dello stragismo e dell'eversione nera, l'intreccio fra il sottobosco neofascista e apparati interni ed internazionali, particolarmente statunitensi, è sempre emerso con grande puntualità. Non si capisce, quindi, come le parole del detenuto nel carcere di Poissy possano essere utilizzate per dimostrare il contrario di ciò che dicono. ma questo bisognerebbe chiederlo ad Alemanno ed a quelli come lui.
Sempre alle stesse persone, e ad un gran numero di giornalisti, bisognerebbe chiedere anche perché continuino a presentare in termini tanto misteriosi la figura di Thomas Kram, quasi che di lui non si sappia nulla, se non che da qualche tempo si trova nelle carceri tedesche. Ebbene, già nel giugno dello scorso anno, Saverio Ferrari si è occupato della pista palestinese e di Kram, in un suo articolo su "Osservatorio Democratico sulle nuove destre" dedicato al libro scritto da Andrea Colombo sulla strage di Bologna, libro accusato - per inciso - di voler accreditare l'innocenza di Mambro, Fioravanti e Ciavardini "omettendo deliberatamente le carte giudiziarie più scomode".A proposito della "pista palestinese" Ferrari scrive: "Colpisce, infine, l'ultimo capitolo in cui, si rilancia la stessa fantomatica pista palestinese sulla quale da qualche anno alcuni deputati di Alleanza nazionale si affannano, millantando la presenza del terrorista venezuelano Ilich Ramirez Sanchez, detto Carlos, o di suoi uomini, a Bologna, in veste di stragisti al servizio del Fronte popolare per la liberazione della Palestina di George Habbash. È più che noto, infatti, che già all'epoca, non solo recentemente, si appurò che il terrorista Thomas Kram, esperto in falsificazione di documenti e non in esplosivi, fosse presente a Bologna nella notte fra tra l'1 e il 2 agosto, alloggiando nella stanza 21 dell'albergo Centrale di via della Zecca. Presentò nell'occasione la sua patente di guida non contraffatta. Fu precedentemente fermato e identificato al valico di frontiera sulla base di un documento di identità valido a suo nome. Non era al momento inseguito da alcun mandato di cattura. La questura di Bologna segnalò i suoi movimenti all'Ucigos che già in quei giorni conosceva tutti i suoi spostamenti. Un terrorista stragista, dunque, non in incognito che viaggiava e pernottava in albergo con documenti a proprio nome (!). Una pista vecchia, già archiviata data la comprovata mancanza di legami tra Thomas Kram e la strage. Per altro Kram risultò non aver mai fatto parte dell'organizzazione di Carlos. (.)".Ma c'è di più: il 2 agosto del 2007, proprio sul quotidiano in cui Andrea Colombo ha lavorato per anni, il Manifesto, il suo collega Guido Ambrosino pubblica un lungo articolo dal titolo "Bologna, l'ultimo depistaggio", in cui il misteriosissimo Thomas Kram - a Berlino in libertà provvisoria, dopo essersi costituito nel dicembre 2006 - si lascia tranquillamente intervistare. Dall'intervista di Guido Ambrosino: "«Ho scoperto su internet che la bomba potrei averla messa io. Un'assurdità, sostenuta addirittura da una commissione d'inchiesta del parlamento italiano, o meglio dalla sua maggioranza di centrodestra, nel dicembre 2004. Deputati di An, e altri critici delle sentenze che hanno condannato per quella strage i neofascisti Fioravanti e Mambro, rimproverano agli inquirenti di non aver indagato sulla mia presenza a Bologna». Per Kram è una polemica pretestuosa: «Non sono io il mistero da svelare. Non lo credono nemmeno i commissari di minoranza della Mitrokhin. Viaggiavo con documenti autentici. La polizia italiana mi controllava, sapeva in che albergo avevo dormito a Bologna, il giorno prima mi aveva fermato a Chiasso. Come corriere per una bomba non ero proprio adatto»". L'articolo e l'intervista demoliscono l'impianto del libro di Colombo e, più in generale, la "pista palestinese", anche con alcuni particolari che, se non si trattasse di fatti tanto drammatici, indurrebbero al sorriso. Secondo Ambrosino, il lavoro di Colombo "si riduce a un paio di forzature", particolarmente per quanto riguarda la latitanza di Kram, che - secondo Colombo - sarebbe durata ben 27 anni, cioè dal 1979, quando lo stesso Kram è invece sempre stato reperibile almeno fino al 1987, quando contro di lui viene spiccato un mandato di cattura per appartenenza alle Cellule Rivoluzionarie. Nella pista palestinese sarebbe coinvolta anche un'altra militante dell'estrema sinistra tedesca, Christa Frolich, che - secondo la testimonianza di un cameriere di albergo - lavorava come ballerina nei pressi di Bologna e il primo agosto 1980 si sarebbe fatta portare una valigia alla stazione di Bologna, mentre il 2 agosto avrebbe telefonato (parlando italiano con accento tedesco) per accertarsi che i suoi figli non fossero stati coinvolti nell'esplosione. Scrive Ambrosino: "Christa Fröhlich ha ora 64 anni, insegna tedesco a Hannover. Confrontata con questa descrizione, non sa se ridere o piangere: «Non ero a Bologna. Non ho figli. Mai un ingaggio da ballerina. E nel 1980 non sapevo una parola di italiano»". Se pensiamo che uno dei cardini principali della "pista palestinese" è costituito dai lavori della "Commissione Mitrokhin", anche noi non sappiamo se ridere o piangere. Addirittura nel dicembre 2005, sull'Espresso, l'operato di quella Commissione veniva già definito come "L'ennesimo polverone. Per far riaprire l'inchiesta sulla strage di Bologna e riabilitare gli estremisti di destra Giusva Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini, già condannati per l'attentato". Dal medesimo articolo si apprende anche, peraltro, che le stesse risultanze della Commissione Mitrokhin escludevano ogni coinvolgimento di Thomas Kram nella strage di Bologna.La domanda, a questo punto, è: perché, contro ogni evidenza ed ogni riscontro, in questo agosto 2008 c'è chi tenta di riciclare vecchie bufale, magari contando sui riflessi appannati di un'opinione pubblica martellata da campagne sulla "sicurezza" minacciata da zingari ed immigrati, tanto da richiedere paracadutisti, alpini e bersaglieri per le strade delle nostre città? Probabilmente, la risposta è nella premessa: per mettere mano alla Costituzione, la Destra ha bisogno di svecchiare i propri armadi, facendone opportunamente sparire gli scheletri di troppo. Lo scheletro più ingombrante è senza dubbio quello datato 2 agosto 1980, rimosso il quale sarà assai più semplice rimuovere tutti gli altri. si, perché,se si riesce a convincere, contro ogni evidenza storica e giudiziaria, che la strage di Bologna è stata opera dei Palestinesi, domani si potrà legittimamente sostenere che quella di Piazza Fontana fu veramente opera degli anarchici e così via. Senza dimenticare che accollare proprio ai Palestinesi la più orrenda delle stragi consente alla fava revisionista di cogliere un secondo piccione: oltre alla definitiva legittimazione interna, la nuova Destra di governo rimedierebbe anche l'imperitura gratitudine di Israele e delle sue lobby, mentre a protestare per l'ennesima infamia commessa ai danni di un popolo sempre più martoriato rimarrebbero in pochi, come - effettivamente - sono in pochi, almeno ai livelli che contano, quelli che continuano a sostenere le ragioni e il diritto all'esistenza del popolo palestinese. Eppure, a dubitare della riuscita di un'operazione così spregiudicata ci aiuta la frase di un uomo importante, uno di quelli che, piaccia o no, la storia l'hanno fatta, non hanno solo cercato di riscriverla a proprio piacimento. Quell'uomo, che di nome faceva Abramo Lincoln e di mestiere il Presidente degli Stati Uniti, amava ripetere: "Si può ingannare tutti a volte, qualcuno sempre, ma non è possibile ingannare tutti tutte le volte". Sarà bene che Alemanno e quelli come lui lo tengano presente.


* Forum Palestina