\\ Home Page : Articolo : Stampa
Campania, anche la giustizia viaggia sul web
Di Loredana Morandi (del 26/05/2009 @ 07:32:29, in Sindacati Giustizia, linkato 1247 volte)
Mentre tutta la Giustizia piange e da Napoli provengono le notizie su casi informatici clamorosi, come il blocco dell'Ufficio Pagamenti del Tribunale e le testimonianze in video dei magistrati della ANM alla giornata del 5 maggio ...

Una notizia in controtendenza ...

Campania, anche la giustizia viaggia sul web

Scritto da Redazione, 26/05/2009


Ministero della Giustizia, Cnipa e Regione Campania hanno tenuto un workshop sui nuovi sistemi informativi della giustizia dal titolo: “Integrazione dell’e-government regionale e centrale nelle regioni del Meridione – Il progetto Ire Sud Campania”. Un valido aiuto per rendere più efficiente e velocizzare il sistema giudiziario arriva dal web.

Semplificazione, trasparenza e velocità sono le parole d’ordine che hanno accompagnato il workshop che si è tenuto a Città della Scienza di Napoli. Attraverso Ire Sud Campania sono stati stanziati 4 milioni di euro per finanziare i progetti presentati dal Ministero della Giustizia e dal Dgsia e Cisia di Napoli. 

Alcuni dei risultati fin qui ottenuti grazie all’innovazione tecnologica dicono che il 50 per cento dei decreti ingiuntivi è emesso telematicamente, non più in 30 giorni ma in soli sette; sono state dematerializzate circa 2.000.000 di pagine presso la Procura di Napoli.

L’Ufficio relazioni col pubblico è diventato virtuale, la banca dati con le massime delle sentenze più significative possono essere consultate da tutti e la consolle del magistrato, una sorta di casella di posta dalla quale si potrà consultare le statistiche sull’andamento del lavoro, il calcolo e le date delle udienze, l’elenco delle scadenze e degli impegni personali.

Anche gli avvocati abilitanti potranno conoscere l’esito dell’esame di Stato direttamente dal portale del Tribunale.

Certo, da sola l’informatica non riuscirà a risolvere tutti i problòemi della giustizia, come giustamente fa notare Aprile, direttore generale dei sistemi informativi del ministero della Giustizia, ma sicuramente è un valido aiuto.

“Si migliora la trasparenza – ha dichiarato Nicola Mazzocca, assessore all'Università della Regione Campania – e si offre un servizio innovativo per gli avvocati e per i cittadini”.

Ora l’Amministrazione sarà aggiornata in tempi più rapidi per cui non ci saranno, si spera, i tempi lunghissimi di attesa per condannare o scagionare.

Le procure di Napoli, Nola e Torre Annunziata sono gli uffici guida per l’innovazione in Campania anche per il processo penale, grazie alla creazione di un fascicolo giudiziario penale interamente informatico. È possibile acquisire, infatti, tramite il portale: la notizia di reato in formato elettronico; le annotazioni preliminari del registro generale Sicp; accedere alla banca dati delle misure cautelari personali ed al modulo relativo.

Entro il 2012 sarà completata la digitalizzazione e la riorganizzazione degli uffici giudiziari, la dematerializzazione dei procedimenti e la messa in rete dei principali servizi ai cittadini.

Il complesso processo si è avvale della conduzione del Centro nazionale per l’informatica della Pubblica Amministrazione (Cnipa), in collaborazione con le Regioni interessate e dei Coordinamenti interdistrettuali dei sistemi informativi automatizzati (Cisia).

eCostiera.it