\\ Home Page : Articolo : Stampa
Lettera a Napolitano dai Lavoratori del Tribunale di Milano - rassegna agenzie
Di Loredana Morandi (del 19/05/2009 @ 09:13:06, in Sindacati Giustizia, linkato 1154 volte)
GIUSTIZIA: LAVORATORI TRIBUNALE MILANO
PUBBLICANO LETTERA A NAPOLITANO


Milano, 19 mag. - (Adnkronos) - I lavoratori degli Uffici Giudiziari di Milano si sono autotassati per comprare uno spazio sul quotidiano 'Leggo' di Roma, in cui pubblicare una lettera al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in qualita' di presidente del Consiglio Superiore della Magistratura. ''Onorevole presidente Napolitano - comunicano i lavoratori - il comitato dei lavoratori degli Uffici giudiziari di Milano, con la presente, si pregia di inoltrare alla Sua onorevole attenzione la lettera appello ad Ella rivolta, che sara' pubblicata nell'edizione del 27 maggio prossimo del Quotidiano Leggo di Roma".

"L'appello dei lavoratori degli uffici giudiziari si rivolge a Lei Presidente, nella Sua qualita' istituzionale di Capo dello Stato ed in quella di rilevanza Costituzionale di presidente del Consiglio Superiore della Magistratura - continuano i lavoratori - la cui funzione e' preposta alla cura dell'organizzazione e del funzionamento dei servizi relativi alla Giustizia, ed alla garanzia dell'autonomia ed indipendenza di essa. La lettera e' l'accorato appello sulle condizioni dell'intero comparto Giustizia, che sorge spontaneo dando voce all'assemblea pubblica autoconvocata tra i lavoratori degli Uffici Giudiziari di Milano, tenutasi in data 18 marzo 2009, e che e' stato sottoscritto da centinaia di lavoratori milanesi, ed in seguito dai lavoratori di numerosissimi Uffici giudiziari di tutta Italia".

"Ringraziandola fin da ora, onorevole Presidente Napolitano, per la sollecita attenzione che Ella vorra' concedere al nostro Appello - continua il comitato - portiamo a Sua conoscenza che per la Prima volta nella storia italiana, Tutti i lavoratori degli Uffici Giudiziari di Milano si sono autotassati per acquistare uno spazio editoriale, che consenta a noi una 'Viva Voce' per raggiungerla, mentre Ella assolve alle Sue funzioni e ai Suoi molteplici impegni istituzionali, in merito all'emergenza vertenziale della Giustizia in Italia".

Adnkronos su Libero News