\\ Home Page : Articolo : Stampa
Abusi sui minori possono provocare danni genetici
Di Loredana Morandi (del 24/02/2009 @ 03:16:13, in Osservatorio Famiglia, linkato 1235 volte)
NEWS 23/2/2009

Abusi sui minori possono
provocare danni genetici
   
Modifica i meccanismi molecolari della risposta allo stress

ROMA La violenza perpetrata su bambini piccolissimi, può danneggiare alcune parti del genoma fino ad influire sulla risposta dell’organismo alle situazioni stressanti e determinare, in età adulta, anche disturbi neuropsichiatrici.

Lo afferma una ricerca americana pubblicata su Nature Neuroscience di questa settimana, secondo la quale i fattori genetici hanno un ruolo importante nei disordini neuropsichiatrici in età adulta, soprattutto se questi sono stati determinati da fattori ambientali. Rimangono, però, ancora ignoti i meccanismi attraverso i quali, cause esterne più o meno traumatiche, riescono ad influire sul genoma , contribuendo a determinare la depressione o altre malattie mentali a distanza di tempo.

Tuttavia, lo studio condotto da Michael Meaney e colleghi, Douglas Mental Health University Institute, McGill University, Canada e al quale hanno partecipato anche ricercatori del Harvard Medical School, Cambridge, MA, USA contribuisce a chiarire alcuni dei processi molecolari, che nel bambino abusato in tenera età, si instaurano alterando l’espressione di un gene importante nella risposta dell’organismo allo stress.

Gli scienziati hanno scoperto, nel cervello di persone suicide, con una storia di infanzia abusata, che i livelli di mRNA (Rna messaggero ha la funzione di tradurre le informazioni contenute nel gene per formare proteine) per l’espressione dei recettori dei glucocorticoidi, ormoni della corteccia surrenale importanti per la risposta allo stress, sono più bassi rispetto ai suicidi che non sono stati da piccoli vittime di abusi. Inoltre, hanno scoperto che in questi pazienti il gene che codifica per il recettore dei glucocorticoidi è stato modificato per limitare la quantità di mRNA e perciò la produzione di proteine funzionali.

È la prima volta che viene dimostrato che anche nell’uomo le esperienze traumatiche subite in tenera età causano cambiamenti genetici a lungo termine nella via molecolare addetta alla risposta fisiologica allo stress, che si ripercuotono più tardi nella vita dell’individuo adulto. Precedentemente era stato visto solo su modello animale.

La Stampa