\\ Home Page : Articolo : Stampa
ANM I falsi numeri de Il Giornale
Di Admin (del 03/11/2008 @ 12:28:17, in Magistratura, linkato 1168 volte)
Associazione Nazionale Magistrati



I FALSI NUMERI DEL QUOTIDIANO “IL GIORNALE”


Dopo le dichiarazioni del Ministro Brunetta sui tornelli negli uffici giudiziari, ecco, puntuale, “Il Giornale” che, ancora una volta continua ad alimentare una campagna di denigrazione nei confronti della magistratura, che oggi viene additata ai cittadini come l’unico responsabile dei ritardi del sistema giudiziario.

“Il Giornale” dedica al tema “giudici fannulloni” addirittura il titolo di apertura e le pagine due e tre dell’edizione odierna.

Peccato che i dati pubblicati nell’articolo e richiamati nel titolo siano semplicemente falsi. Non sappiamo se ciò sia voluto ovvero frutto di ignoranza.

E’ grave, però, che la giornalista autrice dell’articolo non sappia nemmeno che in Italia le Corti d’Appello sono composte da tre magistrati.

Questa semplice informazione avrebbe consentito alla giornalista di ricavare dati ben diversi rispetto a quelli “sparati” in prima pagina. Infatti per calcolare il numero di udienze per ogni magistrato bisognava moltiplicare per tre il numero di udienze per anno (10.899 nel civile e 9.890 nel penale) e poi dividere per il numero di magistrati. Inoltre se la giornalista avesse provato a dividere il numero di procedimenti definiti per il numero dei magistrati in servizio (dati riportati nell’articolo) avrebbe potuto fornire ai cittadini una notizia rassicurante circa la produttività dei magistrati italiani, ognuno dei quali definisce oltre 1.400 procedimenti all’anno.

E’ falso, poi, che i magistrati abbiano una “carriera assicurata dall’età”. Evidentemente la giornalista ignora che dal 2007 è stato introdotto, su richiesta dell’Associazione Nazionale Magistrati, un sistema periodico di valutazione del merito e della professionalità, dal quale dipende anche la progressione economica.

La giornalista inoltre mostra di ignorare le proposte e l’impegno dell’Associazione Nazionale Magistrati sui temi della organizzazione e del funzionamento degli uffici giudiziari. L’abolizione dei tribunali inutili (i cd. “rami secchi”), il processo telematico, la istituzione dell’ufficio del processo, la riqualificazione del personale: sono proposte puntuali e concrete fatte dall’ANM e alle quali ancora non abbiamo avuto risposta.

Quanto poi ai casi di giudici “assenteisti” è bene precisare che l’Associazione Nazionale Magistrati è in prima linea nel richiedere professionalità, impegno e responsabilità nello svolgimento delle funzioni. Se gli episodi indicati dal quotidiano sono veri siamo noi i primi a chiedere ai titolari dell’azione disciplinare di intervenire per verificare profili di responsabilità.

La ANM non difende interessi corporativi, ma respinge con sdegno una campagna orchestrata di diffamazione dell’intero ordine giudiziario.

Roma, 03 novembre 2008

Luca Palamara, Presidente Associazione Nazionale Magistrati
Giuseppe Cascini, Segretario Generale Associazione Nazionale Magistrati