Immagine
 ancient & modern ... ... di Lunadicarta
 
"
Il vero valore di un essere umano è rivelato dalla sua capacità di raggiungere la liberazione da se stesso.

Albert Einstein
"
 
\\ Home Page : Articolo
Niente carcere per lo stupro di gruppo - un articolo di Domenico Gallo
Di Loredana Morandi (del 04/02/2012 @ 10:25:51, in Magistratura, linkato 1483 volte)

DOMENICO GALLO –

Violenza di gruppo, non sparate sulla Cassazione

 

In questi giorni sta montando sui giornali una polemica contro una sentenza della terza sezione penale della Cassazione in materia di misure cautelari applicabili a chi sia gravemente indiziato del delitto di violenza sessuale di gruppo.

Tutti i provvedimenti giudiziari sono frutto di decisioni adottate pubblicamente e rese trasparenti dalla motivazione che le giustifica. Proprio per questo loro carattere di pubblicità e di trasparenza i provvedimenti giudiziari possono essere incisivamente criticati da chi abbia cognizione di causa. E la critica pubblica, oltre che un diritto costituzionale incomprimibile, è un potente fattore che stimola la crescita della cultura della giurisdizione e l’evoluzione della giurisprudenza.

Non è questo il caso della polemica – a prescindere – trascinata dalle dichiarazioni sdegnate delle onorevoli Alessandra Mussolini e Mara Carfagna, personaggi politici notoriamente impegnati a difendere la dignità della donna sul fronte di Arcore, che adesso si erigono a vindici della dignità della donne italiane calpestata dalla Cassazione.

Non sarebbe il caso di interessarsi di tali polemiche se non fosse per il fatto che alimentano un’informazione sbagliata e quindi impediscono all’opinione pubblica di conoscere i termini della questione e di esercitare il diritto di critica con cognizione di causa.

Chi sostiene che la sentenza della Cassazione ha depotenziato la gravità del reato di violenza sessuale di gruppo, aprendo le porte del carcere a chi è responsabile di tali odiose condotte, evidentemente ignora o mistifica l’oggetto della decisione che non riguarda la gravità in astratto od in concreto di un reato e la sua punibilità, ma esaurisce la sua funzione nell’ambito delle modalità di applicazione delle misure cautelari valutate alla luce dei principi costituzionali e della giurisprudenza della Corte Europea dei diritti dell’uomo.

Le misure cautelari, vale a dire quei provvedimenti coercitivi che limitano la libertà personale dell’imputato non ancora condannato (normalmente la carcerazione preventiva o gli arresti domiciliari, salvo altre misure meno afflittive), non possono costituire una anticipazione della pena detentiva che sarà inflitta all’imputato se riconosciuto colpevole. Per ragioni di ordine costituzionale (la presunzione di innocenza ed i limiti della carcerazione preventiva ammessi dalla Convenzione Europea dei diritti dell’uomo) che attengono alla tutela dei diritti fondamentali della persona, le misure cautelari sono consentite soltanto quando sussistano le c.d. “esigenze cautelari”, cioè quando si tratta di impedire che l’imputato possa sottrarsi al processo o possa compiere gravi reati, vale a dire atti fortemente dannosi per la società.

E’ compito istituzionale dei giudici giudicare quando – in concreto – sussistono le esigenze cautelari ed  applicare la custodia in carcere quando ogni altra misura risulti inadeguata.

Poiché nel nostro paese esistono fenomeni gravissimi di criminalità mafiosa, in questi casi il legislatore ha introdotto un regime eccezionale che solleva i giudici dall’obbligo di valutare caso per caso, introducendo una presunzione assoluta di pericolosità sociale dell’imputato ed imponendo il ricorso alla carcerazione preventiva al posto di ogni altra misura meno afflittiva.

Sia la Corte Costituzionale, sia la Corte di Strasburgo hanno ritenuto che per i delitti legati alla criminalità organizzata e mafiosa tale eccezionale regime sia compatibile coi principi costituzionali e con la Convenzione europea dei diritti dell’uomo, in relazione alla speciale gravità e pericolosità degli illeciti.

In seguito, con uno dei tanti decreti rientranti nell’orbita del c.d. “pacchetta sicurezza” del Ministro Maroni, questo regime eccezionale è stato esteso ad una serie di altri reati, fra cui l’omicidio, la prostituzione minorile prevista dal primo comma dell’art. 601 bis  del codice penale, (il secondo comma è quello contestato a Berlusconi per il caso Ruby) ed i delitti di violenza sessuale.

La Corte costituzionale, con tre differenti sentenze ha censurato le nuove norme introdotte da Maroni, ritenendole contrastanti con i principi costituzionali che tutelano i diritti fondamentali.

In particolare, con la sentenza n. 265/2010, la Corte ha dichiarato incostituzionale la legge Maroni “nella parte in cui – nel prevedere che, quando sussistono gravi indizi di colpevolezza in ordine ai delitti di cui agli artt. 600- bis , primo comma, 609- bis e 609- quater cod. pen., è applicata la custodia cautelare in carcere, salvo che siano acquisiti elementi dai quali risulti che non sussistono esigenze cautelari – non fa salva, altresì, l’ipotesi in cui siano acquisiti elementi specifici, in relazione al caso concreto, dai quali risulti che le esigenze cautelari possono essere soddisfatte con altre misure”.

Con la successiva sentenza n. 164/2011 la Consulta ha pronunziato, per gli stessi motivi, l’incostituzionalità della legge Maroni con riferimento al reato di omicidio volontario. Infine con la sentenza n. 231/2001, la Consulta ha dichiarato l’incostituzionalità con riferimento al reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. In particolare con quest’ultima sentenza la Corte ha ribadito che: “la gravità astratta del reato, considerata in rapporto alla misura della pena o alla natura dell’interesse protetto, è elemento significativo in sede di giudizio di colpevolezza, particolarmente ai fini della determinazione della sanzione, ma inidoneo a fungere da elemento preclusivo della verifica del grado delle esigenze cautelari e all’individuazione della misura concretamente idonea a farvi fronte”.

Insomma la Corte Costituzionale ha restituito ai giudici l’onere di giudicare, di valutare caso per caso se sussistono le esigenze cautelari che richiedano la misura della carcerazione preventiva e se tali esigenze possano essere soddisfatte anche con una misura meno afflittiva.

In questo contesto è intervenuta la sentenza della Cassazione che ha applicato i principi ribaditi dalla Corte Costituzionale anche al reato di violenza sessuale di gruppo, stabilendo che nel caso concreto i giudici hanno il dovere di giudicare e di applicare la misura cautelare più idonea a soddisfare le esigenze sociali con il minimo sacrificio della libertà individuale.

In sostanza è una sentenza che ci dice che la libertà individuale può essere sacrificata solo con il controllo del giudice. Cosa c’è di scandaloso in tutto questo?

Domenico Gallo

Micromega - 3 febbraio 2012

http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2012/02/03/domenico-gallo-per-favore-non-sparate-sulla-cassazione/

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
I commenti sono disabilitati.
Ci sono  persone collegate

< luglio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










18/07/2019 @ 3.07.48
script eseguito in 406 ms